common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Oltre all'utilizzo di mangimi adeguati, dobbiamo garantire che i pellet forniti abbiano la giusta dimensione per la bocca del pesce. Per i pesci di piccole dimensioni questo significa solitamente una polvere fine e per i pesci più grandi un pallino rotondo che può avere diversi mm di diametro. Ad esempio, Aquaponics USA suggerisce l'uso di polvere per tilapia dalla schiusa a 3 settimane di età, e poi un crollo delle dita (1/32 pollice o 0,9 mm) fino a raggiungere circa 2 cm di lunghezza, pellet fingerling (1/16 pollice o 1,6 mm) fino a circa 4 cm di lunghezza, e crescere il pellet (3/16 pollici o 4,8 mm) dopo circa 6 cm di lunghezza.

È inoltre necessario distribuire adeguatamente il mangime. Normalmente il mangime viene gettato sulla superficie del serbatoio e il personale percepisce come reagiscono i pesci, sia che si muovano in superficie e comincino a mangiare (generalmente un buon segno), o se rimangono sul fondo della vasca (generalmente un cattivo segno). Tuttavia, in nessuno dei due casi è ovvio se stanno mangiando correttamente, quanto finisce in bocca e quanto viene sprecato. A causa di questi problemi è abbastanza facile sovralimentazione.

In generale, il mangime viene distribuito ai pesci in base alle tabelle di alimentazione preparate dal produttore di mangimi in termini di temperatura dell'acqua e stadio di crescita. Ma la percezione della mangiatoia, del personale che distribuisce il cibo, è molto importante dato che lui/lei sa dire quanto sono affamati i pesci, e che è legato alla salute e al benessere. Si stanno facendo sempre più sforzi per automatizzare il processo e i sistemi sono notevolmente migliorati, ma non possiamo sottovalutare l'importanza di osservare il pesce, che è probabilmente il metodo migliore e più diretto per comprenderne lo status. Mentre molte ricerche sono state eseguite per ottimizzare l'alimentazione per la massima crescita, è ovvio che se forniamo meno mangimi di cui hanno bisogno, cresceranno di meno e il produttore perderà denaro.

Per comprendere il processo di alimentazione dobbiamo definire alcuni concetti, basati sulla Figura 2, che è stato sviluppato da Skretting, un'importante azienda di mangimi. Dobbiamo definire il concetto di razione massima, che è la razione teoricamente ideale da dare ai pesci. Tuttavia, è specifico per ogni azienda, poiché dipende da condizioni esterne quali la qualità e la temperatura dell'acqua, nonché dalla progettazione dei serbatoi. I principali concetti e indici utilizzati commercialmente sono i seguenti:

  1. Tasso di conversione dei mangimi (FCR): è il rapporto tra la quantità di mangime ingerito (in chilogrammi o grammi) diviso per l'aumento di peso vivo (in kg o g). A livello commerciale talvolta utilizziamo una «FCR industriale» che è una cifra approssimativa basata su tutti i mangimi forniti in un periodo di tempo diviso per le tonnellate di pesce prodotte nello stesso periodo. In tal caso, se ci fosse mortalità, non sottrattiamo il mangime consumato dai pesci prima della loro morte. Questo FCR industriale fornisce un'idea dei reali costi di produzione. Un altro indice simile è il fattore di conversione biologico (BCF), che è il kg di mangime realmente consumato dal pesce diviso per kg guadagnati. È più difficile calcolare il BCF a livello industriale poiché i pesci devono essere manipolati e i mangimi gettano la gola, ma è utile quando vogliamo conoscere la massima efficienza dei mangimi di nuova concezione. FCR descrive la quantità di mangime necessaria per un chilogrammo di aumento di peso da parte del pesce:

! image-20210212124622687

Questo rapporto riflette il valore nutrizionale ed economico di un mangime. Un FCR di 1 significa che si ha un aumento di peso vivo di 1 kg se si nutre 1 kg di mangime. Più alto è il FCR, maggiori sono le spese di alimentazione. I pesci giovani hanno un FCR più basso (tra 0,4 e 0,8), mentre i pesci adulti hanno un FCR compreso tra 0,9 e 2. Le FCR dipendono dalle specie ittiche e dai produttori di mangimi. A volte si ottiene più valore economico con alimenti di alta qualità e la relativa migliore crescita del pesce, rispetto ai mangimi più economici con una minore FCR.

  1. Tasso di crescita specifico (SGR): rappresenta la percentuale di crescita giornaliera dei pesci. È specifico per ogni specie e correlato alla dimensione dei pesci e alla temperatura dell'acqua. Come le FCR, non è dimensionless (nessuna unità) ed è utile per confrontare i dati tra aziende o specie. La SGR mostra la crescita media giornaliera di un pesce in percentuale del suo peso corporeo:

! image-20210212124657569

dove W1 e W2 indicano rispettivamente il peso dei pesci all'inizio e alla fine del periodo di crescita, e (T2-T 1 ) indicano la durata del periodo di crescita in giorni.

  1. Tasso di mangime giornaliero (DFR): la percentuale di mangime fornito espressa in percentuale del peso del pesce (% peso del pesce al giorno). Normalmente questa percentuale è più alta per i pesci più giovani (circa il 10%) e inferiore per i pesci più anziani (circa 1 -2%).

  2. Razione consumata: la razione realmente consumata dai pesci.

  3. Razione di mantenimento: la razione precisa necessaria per mantenere il pesce ad un peso costante senza crescita.

  4. Razione massima: la razione necessaria per ottenere la massima crescita possibile.

Nella Figura 2 possiamo visualizzare il concetto della razione massima, che fornisce la massima crescita della specie in coltura. Questa razione massima sarà specifica per ogni azienda agricola e dipende dalle condizioni locali. Man mano che ci avviciniamo alla razione massima, la crescita aumenterà, ma se superiamo il limite, stiamo sprecando cibo. Tuttavia, in termini generali è consigliabile nutrire piccoli pesci più della razione massima, poiché i rifiuti saranno piccoli a causa della piccola biomassa esistente, e tenderemo a massimizzare la crescita. Ma nel caso della crescita finale, tendiamo ad essere più prudenti, poiché c'è una grande biomassa nell'acqua, e qualsiasi mangime supplementare che viene perso sarà costoso e aumenterà l'impatto ambientale negativo, rendendo necessario ripulirlo.

Seguendo la Figura 2, con una piccola razione i pesci utilizzeranno tutta l'energia per le loro attività quotidiane e possono persino perdere peso (dove le FCR saranno infinite). Se aumentiamo la razione, i pesci miglioreranno la loro crescita e le FCR. Al punto di massima crescita, qualsiasi mangime fornito in eccesso costituirà un problema economico e ambientale, senza alcun beneficio per la produzione. Per questo motivo, dobbiamo adeguare la razione del mangime alla crescita del pesce ad un punto che è vicino alla razione massima, ma facendo attenzione a non oltrepassare quel punto.

! image-20210212124734875Figure 2: Evoluzione del tasso di crescita specifico (SGR), tasso di conversione dei mangimi (FCR) e razione dei mangimi forniti ai pesci in termini di percentuale di mangime per peso vivo del pesce al giorno

Come accennato in precedenza, il controllo dei processi biologici coinvolti nell'acquacoltura richiede un controllo al fine di anticipare eventuali problemi. È importante essere in grado di risolvere i problemi il più in anticipo possibile, il che implica l'individuazione di sintomi molto lievi all'inizio. Tutto ciò contribuirà a ridurre i costi di produzione e migliorare l'efficienza. Di conseguenza, il settore dell'acquacoltura è consapevole della necessità di formare il personale in modo adeguato e continuo, soprattutto quelli incaricati dell'alimentazione.

Anche nei sistemi di acquacoltura modernizzati come il RAS, che sono sempre più informatizzati e automatizzati, il personale deve essere consapevole dei sofisticati processi biologici che si verificano all'interno dell'unità. Gli sviluppi tecnologici sono in aumento, ma dovrebbero essere accompagnati da una formazione adeguata nell'uso delle tecniche disponibili per migliorare la produzione a tutti i livelli. Questi concetti sono una base per il successo. In effetti, la formazione continua del personale addetto all'alimentazione è uno strumento molto importante nelle operazioni agricole. Il supervisore dell'alimentazione determina, in larga misura, la redditività dell'azienda, poiché fornisce l'energia per la crescita del pesce. Qualsiasi cambiamento nelle abitudini alimentari, per quanto piccolo, può essere un sintomo di problemi nel sistema che, se non corretti, possono diventare seri problemi sanitari.

*Copyright © Partner del progetto Aqu @teach. Aqu @teach è un partenariato strategico Erasmus+ per l'istruzione superiore (2017-2020) guidato dall'Università di Greenwich, in collaborazione con l'Università di Scienze Applicate di Zurigo (Svizzera), l'Università Tecnica di Madrid (Spagna), l'Università di Lubiana e il Centro Biotecnico Naklo (Slovenia) . *

Consultare il sommario per ulteriori argomenti.


[email protected]

https://aquateach.wordpress.com/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.