common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

Selezione delle piante

2 years ago

4 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Ad oggi, più di 150 diversi ortaggi, erbe, fiori e piccoli alberi sono stati coltivati con successo nei sistemi acquaponici, tra cui unità di ricerca, domestiche e commerciali. L'appendice 1 fornisce una sintesi tecnica e istruzioni dettagliate per la coltivazione delle 12 erbe e ortaggi più popolari. In generale, le piante verdi a foglia fanno molto bene in acquaponica insieme ad alcune delle verdure da frutto più popolari, tra cui pomodori, cetrioli e peperoni. Gli ortaggi da frutto hanno un fabbisogno di nutrienti più elevato e sono più appropriati per sistemi consolidati con adeguati stock ittici. Tuttavia, alcune radici e alcune piante sensibili non crescono bene in acquaponica. Le radici richiedono un'attenzione particolare e possono essere coltivate con successo solo in letti mediatici profondi, o in una versione di letti traspiranti discussa più dettagliatamente nella sezione 9.3.

Le verdure variano per quanto riguarda la loro domanda complessiva di nutrienti. Ci sono due categorie generali di piante acquaponiche basate su questa domanda. Le piante a basso consumo di sostanze nutritive includono i verdi e le erbe a foglia verde, come lattuga, bietola, rucola da insalata, basilico, menta, prezzemolo, coriandolo, erba cipollina, pak choi e crescione. Molti dei legumi come piselli e fagioli hanno anche un basso fabbisogno di nutrienti. All'altra estremità dello spettro ci sono piante con alto fabbisogno di nutrienti, a volte indicate come fame di nutrienti. Questi includono i frutti botanici, come pomodori, melanzane, cetrioli, zucchine, fragole e peperoni. Altre piante con una media richiesta di nutrienti sono: cavoli, come cavoli, cavolfiori, broccoli e cavolo rapa. Le piante bulbing come barbabietole, taro, cipolle e carote hanno requisiti medio-alti, mentre il ravanello richiede meno sostanze nutritive.

!

Lo stile del letto coltiva influenza la scelta delle piante. Nelle unità letto media, è pratica comune coltivare contemporaneamente una policcoltura di verdure a foglia verde, erbe e verdure a frutto (Figura 6.7). A condizione che le unità media abbiano la giusta profondità (almeno 30 cm), è possibile coltivare tutte le verdure menzionate nelle categorie sopra indicate. La policcoltura su piccole superfici può anche trarre vantaggio dalla piantagione complementare (cfr. appendice 2) e da una migliore gestione dello spazio, poiché le specie tolleranti all'ombra possono crescere sotto le piante più alte. Le pratiche di monocultura sono più diffuse nelle unità commerciali NFT e DWC perché il coltivatore è limitato dal numero di fori nei tubi e nelle zattere in cui piantare ortaggi. Utilizzando le unità NFT, potrebbe essere possibile coltivare le verdure fruttificate più grandi, come i pomodori, ma queste piante devono avere accesso a abbondanti quantità di acqua per garantire un apporto sufficiente di nutrienti ed evitare lo stress idrico. L'appassimento nelle piante da frutto può infatti avvenire quasi immediatamente se il flusso viene interrotto, con effetti devastanti sull'intero raccolto. Le piante da frutto devono anche essere piantate in tubi di coltivazione più grandi, idealmente con fondi piatti, ed essere posizionate su una distanza maggiore rispetto alle verdure a foglia. Questo perché le piante da frutto crescono più grandi e hanno bisogno di più luce per maturare i loro frutti e anche perché c'è spazio limitato nelle radici nei tubi. D'altra parte, le colture di bulbi e/o radici di grandi dimensioni, come cavoli rapa, carote e rape, hanno maggiori probabilità di essere coltivate in aiuole mediatiche perché le unità NFT e DWC non forniscono un buon ambiente di crescita e un adeguato sostegno alle piante

È importante considerare l'effetto della raccolta delle piante sull'intero ecosistema. Se tutte le piante venissero raccolte in una sola volta, il risultato sarebbe un sistema squilibrato senza abbastanza piante per pulire l'acqua, con conseguente picco di nutrienti. Alcuni agricoltori usano questa tecnica, ma deve corrispondere a un grande raccolto di pesce o a una riduzione della razione di mangime. Tuttavia, la raccomandazione qui è di utilizzare un ciclo di raccolta e reimpianto sfalsato. La presenza di troppe piante che crescono in modo sincrono comporterebbe una carenza di alcuni nutrienti nei sistemi verso il periodo di raccolta, quando l'assorbimento è al massimo. Avendo piante in diversi stadi di vita, cioè alcune piantine e alcune mature, la domanda globale di nutrienti è sempre la stessa. Ciò garantisce una chimica dell'acqua più stabile e fornisce anche una produzione più regolare sia per la tavola di casa che per il mercato. Gli schemi di impianto sfalsati sono discussi più dettagliatamente nel capitolo 8.

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2014, Christopher Somerville, Moti Cohen, Edoardo Pantanella, Austin Stankus e Alessandro Lovatelli, piccola produzione alimentare acquaponica, http://www.fao.org/3/a-i4021e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.