common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

L'acquaponica non è solo al nesso di diverse tecnologie, ma anche al nesso di diversi settori normativi e politici. Pur fornendo soluzioni a vari obiettivi di sostenibilità, sembra cadere nelle fessure tra le categorie giuridiche e politiche consolidate. Per aggiungere alla complessità, lo sviluppo dell'acquaponica è influenzato dalla regolamentazione dei diversi livelli di governo. Ad esempio, la facilitazione dell'agricoltura urbana deve provenire dal livello nazionale o addirittura subnazionale, poiché l'Unione europea non ha alcuna competenza in materia di diritto di pianificazione. I principali incentivi normativi per l'attuazione della tecnologia acquaponica potrebbero essere probabilmente stabiliti nel diritto delle acque, che rientra nelle competenze nazionali e comunitarie. L'attuazione dell'acquaponica potrebbe ottenere una trazione significativa, se le operazioni di acquacoltura avessero l'obbligo o almeno incentivi finanziari per trattare le acque reflue stesse. Ciò richiederebbe tuttavia un cambiamento sostanziale nell'attuale approccio normativo.

Nella teoria sui sistemi di innovazione tecnologica (TIS), un «allineamento istituzionale» nella fase formativa di un TIS è considerato critico. Solo se le istituzioni saranno sufficientemente allineate i mercati formeranno e daranno spazio alla sperimentazione imprenditoriale per determinare percorsi commercialmente praticabili per l'attuazione della tecnologia (Bergek et al. 2008). Affinché l'allineamento istituzionale abbia luogo, i sostenitori della nuova tecnologia devono essere sufficientemente organizzati per contribuire a un processo di «legittimazione» della loro tecnologia (Koenig et al. 2018).

Come primo passo, raccomandiamo pertanto ai sostenitori di raggiungere, creare e rafforzare i legami con i vari stakeholder e tra di loro nelle rispettive comunità professionali, al fine di costruire un caso per rendere l'acquaponica un'attività legittima. La nuova associazione acquaponica dell'UE potrebbe svolgere un ruolo importante in questo processo. Un ulteriore passo potrebbe consistere nello sviluppo di norme certificabili in collaborazione con sistemi di certificazione consolidati. Con l'attuale mancanza di un quadro giuridico coerente, tali norme fornirebbero a produttori, consumatori, amministratori e altre parti interessate (ad esempio investitori esterni o assicuratori, che dubitano della sicurezza dei prodotti acquaponici) un quadro per comprendere la qualità e i rischi. Tali norme potrebbero essere adattate in modo flessibile alle esigenze pratiche dei produttori. Alla fine, norme formali potrebbero basarsi su tali standard, come fanno in altri settori normativi.

A livello europeo, le parti interessate dovrebbero insistere per un maggiore riconoscimento dei potenziali benefici dell'acquaponica nei diversi settori politici. L'Unione europea deve fornire un sostegno finanziario critico, poiché l'attuazione commerciale dell'acquaponica è ancora agli inizi. L'UE dovrebbe inoltre costituire un forum per lo scambio delle migliori pratiche per questioni normative quali la costruzione e le acque reflue che rientrano nelle competenze degli Stati membri.

A livello nazionale, le parti interessate devono insistere per un quadro normativo coerente e accessibile che si adatti alle realtà dell'acquacoltura moderna e stabilisca incentivi per l' «ecologia creativa». Potrebbero essere realizzati progressi significativi anche a livello subnazionale, dove la resistenza politica può essere superata più facilmente. Ulteriori ricerche dovrebbero concentrarsi sulle strategie regolamentari dei diversi paesi per individuare le migliori pratiche.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.