common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

19.2 Regolamentazioni Biologiche

2 years ago

15 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

19.2.1 Regole Biologiche in Orticoltura

La tecnologia di produzione idroponica, in assenza di mezzi di crescita organici, non può essere certificata come biologica, il che si è dimostrato un ostacolo efficace per la conversione dei produttori di ortaggi a effetto serra esistenti in sistemi di agricoltura biologica (König 2004). Per quanto riguarda i prodotti orticoli, la normativa comunitaria specifica che impedisce ai prodotti ottenuti con sistemi acquaponici «classici» di ottenere una certificazione biologica è la seguente:

834/2007 Regolamento (12):... Le piante devono essere alimentate preferibilmente attraverso l'ecosistema del suolo e non attraverso fertilizzanti solubili aggiunti al suolo

889/2008 Articolo. (4): L'agricoltura biologica si basa sul nutrimento delle piante principalmente attraverso l'ecosistema del suolo. Pertanto, non dovrebbe essere consentita la coltivazione idroponica, dove le piante crescono con le loro radici in un mangime inerte con minerali e sostanze nutritive solubili.

Poiché l'acquaponica si basa sull'utilizzo dei fanghi di pesce come fonte di fertilizzazione delle piante, l'assenza di fertilizzanti minerali sembrerebbe inizialmente un passo verso la produzione biologica. Tuttavia, i sistemi di produzione acquaponica «classici» hanno iniziato a utilizzare componenti della tecnologia idroponica senza suolo e pertanto gli impianti prodotti nell'ambito di tale sistema non possono essere certificati come organici. Per comprendere questo divieto nella regolamentazione biologica, è utile ricordare che l'idroponica è stata sviluppata e adottata dai coltivatori come risposta alle sfide incontrate dai coltivatori in serra nei sistemi di coltivazione intensiva del suolo, ad esempio l'arricchimento del suolo con agenti patogeni del suolo. Al contrario, l'approccio dell'orticoltura biologica si discosta dalla questione dell'aspetto dell'agricoltura in serra per evitare queste sfide. Il loro punto di partenza è invece quello di cambiare la gestione del suolo piuttosto che inventare una tecnologia di produzione senza suolo.

Oltre a questo principio generale della produzione a base di suolo, l'orticoltura biologica può essere considerata una nicchia specializzata all'interno dell'agricoltura biologica che offre una notevole varietà di colture. La legislazione per gli ortofrutticoli, come pomodori, cetrioli, pepe, melanzane, ecc. prescrive la coltivazione in terreni naturali. Le piante vendute con il terreno, come piantine o erbe in vaso, possono essere certificate come biologiche. Il prerequisito è che la pianta possa continuare a crescere presso la serra o la finestra della cucina del cliente. Ciò significa che i grappoli di erbe, le insalate tagliate dalle radici devono essere coltivati nel terreno al fine di qualificarsi per la certificazione biologica. I fattori di produzione consentiti per la produzione biologica sono disciplinati dal regolamento di attuazione. Per la Germania, la Svizzera e i Paesi Bassi, la sperimentazione e l'approvazione dei fattori produttivi per la produzione biologica è mantenuta da FiBL (Research Institute of Organic Agriculture), che attualmente mira a sviluppare un elenco europeo di input certificati come idonei allo status biologico.

L'apporto di nutrienti nella produzione biologica in serra è una sfida. Non solo i fertilizzanti minerali comuni nei sistemi di produzione idroponica non sono ammessi, ma, nel caso particolare delle associazioni tedesche di agricoltori biologici (oltre la legislazione comunitaria), anche idrossilati di origine animale (intervista con servizio di estensione biologica). I coltivatori in serra che hanno investito in infrastrutture di sigillatura del suolo naturale con pavimentazione permanente per serra, hanno dovuto affrontare da tempo una barriera efficace per la conversione delle infrastrutture esistenti in sistemi di agricoltura biologica, fatta eccezione per le erbe in vaso (König 2004). Negli ultimi anni, nuovi investimenti nelle infrastrutture per le serre hanno contribuito all'aumento della produzione biologica di frutta e verdura, ad esempio in Germania. Tuttavia, per questi moderni coltivatori biologici, l'acquaponica non fornisce ancora alcuna soluzione in quanto cerca di risposte nelle aree di terreni adatti, migliore rotazione delle colture, microrganismi efficaci, compost e simili.

L'orticoltura sta affrontando la sfida generale secondo cui il regolamento biologico dell'UE non è molto dettagliato in questo settore. In teoria, questo lascia spazio a nuovi approcci di produzione come l'acquaponica. Tuttavia, in questa fase di sviluppo sia nell'orticoltura biologica commerciale che nell'acquaponica, i costi di avviamento per i produttori sono immensamente elevati per non parlare della ricerca di informazioni sulla gestione della produzione, sui divieti, sulle rese potenziali, ecc. è lasciata alla decisione dell'autorità locale di certificazione su base progetto per progetto (König et al. 2018).

Tuttavia, poiché il punto di partenza nell'agricoltura biologica riguarda la produzione basata sul suolo e il fatto che l'orticoltura, l'acquacoltura e l'acquaponica sono piccoli sottosettori; il regime di regolamentazione dell'UE sulla produzione biologica potrebbe non essere qualcosa che dovrebbe cambiare nel prossimo futuro.

19.2.2 Regole organiche in acquacoltura

Per l'acquacoltura biologica, la produzione è disciplinata dai regolamenti della Commissione 889/2008 e 710/2009. Nel parr. 11. Il regolamento (2009) della Commissione, le tecnologie di ricircolo sono chiaramente vietate nell'acquacoltura biologica, fatta eccezione per la produzione specifica negli incubatori e nei vivai che producono e vendono animali per un'ulteriore crescita nei sistemi di laghetti all'aperto.

Parr. 11.

I recenti sviluppi tecnici hanno portato ad un uso sempre maggiore di sistemi a ricircolo chiuso per la produzione di acquacoltura, tali sistemi dipendono dall'ingresso esterno e dall'alta energia, ma consentono di ridurre gli scarichi di rifiuti e prevenire le fuoriuscite. Dato il principio secondo cui la produzione biologica dovrebbe essere il più vicino possibile alla Natura, l'uso di tali sistemi non dovrebbe essere consentito per la produzione biologica fino a quando non saranno disponibili ulteriori conoscenze. L'impiego eccezionale dovrebbe essere possibile solo per la specifica situazione di produzione degli incubatoi e dei vivai.

Poiché la tecnologia di ricircolo è al centro del sistema di produzione acquaponica, non è attualmente possibile ottenere una certificazione biologica completa di un sistema acquaponico, se tutti i prodotti di finitura devono essere venduti per il mercato consumer.

Allo stesso modo, la regolamentazione organica sulla densità dei pesci negli stagni aperti e nelle gabbie marine è realizzata principalmente per garantire uno scarico minimo di effluenti ittici nell'ambiente acquatico. Le questioni relative al benessere dei pesci sono quindi una questione indiretta legata al loro benessere in base al livello di scambio di acqua dolce negli stagni. La densità di stoccaggio nei sistemi di acquacoltura organica è spesso da 1/4 a 1/3 di quella dei moderni sistemi RAS, e quindi da un aspetto economico, non molto conveniente per questa tecnologia. Allo stesso tempo, abbiamo bisogno di ricerca e sviluppo sugli indicatori del benessere degli animali e su strumenti di monitoraggio fattibili e significativi per il benessere degli animali, come prerequisito per discutere delle densità specifiche degli allevamenti. Solo allora potremo valutare la potenziale redditività economica della parte dell'acquacoltura di un sistema acquaponico organico (Ashley 2007; Martins et al. 2012).

19.2.3 L'acquaponica e il regime di regolamentazione organica degli Stati Uniti

Come in Europa, negli Stati Uniti è in corso una discussione su come gestire approcci privi di suolo o di sostituzione del suolo per la fornitura di nutrienti alle piante come mezzo di una produzione alimentare efficiente sotto il profilo delle risorse e la loro inclusione o esclusione dal sistema di certificazione biologica. Nonostante queste discussioni, lo stato dell'arte è in qualche modo indeciso a quello europeo, ma le pratiche differiscono: recentemente, il Sottocomitato per le colture del National Organic Standards Board ha suggerito di vietare le pratiche aeroponiche, acquaponiche e idroponiche ai sensi della Sez. 205.105 dell'USDA Regolamento biologico (NOSB 2017). Questa decisione è stata respinta con 8:7 voti, ma non ha raggiunto 10 voti per fare della decisione una raccomandazione del NOSB all'USDA. Solo il rifiuto dell'aeroponica ha trovato voti sufficienti (14 su 15, NOSB 2017). Pertanto, l'USDA Agricultural Marketing Service sta solo esaminando la raccomandazione di escludere l'aeroponica dalla certificazione biologica (AMS 2018, p.2). Questa decisione NOSB era stata forzata a causa di pratiche non armonizzate in passato tra le agenzie di certificazione biologica accreditate, per cui alcuni di loro hanno certificato l'idroponica come organico nell'ambito del National Organic Program (NOP) mentre altri no. Queste diverse pratiche possono essere viste come risultato di un lungo processo di discussione senza conclusioni chiare, che termina con otto certificatori che certificano le operazioni idroponiche come organiche nel 2010 e un aumento del 33% dei produttori idroponici certificati biologici (NOSB 2016: Hydroponic and aquaponics Subcommittee report). Già nel 2010, il NOSB aveva ricevuto una raccomandazione per una norma federale riguardante i sistemi di produzione in serra, indicando fondamentalmente che «I terreni di coltivazione devono contenere sostanze organiche sufficienti in grado di sostenere l'ecologia naturale e diversificata del suolo. Per questo motivo, i sistemi idroponici e aeroponici sono vietati.', eppure questo divieto esplicito non è entrato nella legge vigente (NOSB 2010, 2016:122). Invece, la definizione più aperta di produzione biologica dal 2002 era in vigore, dove la produzione biologica è ' [un] sistema di produzione gestito in conformità con la legge e regolamenti in questa parte per rispondere a condizioni specifiche del sito integrando pratiche culturali, biologiche e meccaniche che promuovere il ciclo delle risorse, promuovere l'equilibrio ecologico e conservare la biodiversità (NOSB 2016, pag. 7). Il sottocomitato idroponico e acquaponico conclude che «Ai sensi della legge vigente e dei chiarimenti da parte di NOP/USDA, i metodi di produzione idroponica e acquaponica sono legalmente autorizzati per la certificazione come USDA Organic purché il produttore possa dimostrare la conformità alle normative USDA organico._» (NOSB 2016, pag. 10 —11). Tuttavia, la difficoltà è che la produzione biologica riguarda la gestione del suolo, mentre l'idroponica è un sistema di gestione dei fertilizzanti. Non affrontare questa differenza potrebbe portare ad alcune ambiguità e potenziali conseguenze negative per il sostegno alla certificazione biologica da parte di agricoltori e consumatori (AMS 2016). Nel (NOSB 2016, Alternative Labeling Subcommittee Report), altri esperti hanno presentato una serie di idee su come potrebbero apparire le etichette all'interno dello schema organico USDA o all'esterno. A causa della mancanza di norme e norme, che è una base necessaria per le etichette, il gruppo non ha raggiunto un consenso. Il parere era che, se l'acquaponica fosse inclusa, o fosse aggiunta un'etichetta supplementare, tra la grande diversità già esistente tra i diversi sistemi di produzione biologica, essa contesterebbe il processo di certificazione e costituirebbe una fonte di confusione per i consumatori. È interessante notare che i suggerimenti delle alternative di etichettatura sotto l'ombrello biologico USDA, o in aggiunta ad esso, evidenziano le prove aneddotiche che il principio delle aziende acquaponiche sembra essere attraente per i consumatori e che non hanno bisogno di essere certificati biologici per essere vitali (NOSB 2016, Alternative Labeling Relazione sottocommissione, pag. 5).

In sintesi, il NOSB (2016) fornisce una descrizione dettagliata del processo dai primi anni '90 fino ad oggi, che riflette anche diverse opinioni delle parti interessate coinvolte in questa discussione. Il Organic Foods Production Act del 1990 (OFPA) si basa su questa base per lo sviluppo della certificazione biologica federale statunitense per il NOSB, e da allora la discussione sulla concessione di sistemi di produzione in serra per la certificazione biologica o meno è stata istituita (NOSB 2016). Ormai vi è un accordo nella discussione che riconosce che le radici dell'agricoltura biologica risiedono nella preoccupazione per la fertilità del suolo e la qualità del suolo. Tutte le pratiche e le norme di agricoltura biologica sviluppate si basano su questa premessa, e qualsiasi discussione sul suo ulteriore sviluppo deve iniziare da questo punto di vista.

Nella discussione, ci sono questioni più aperte sul fatto che l'idroponica possa essere definita organica o meno. Il confronto tra agricoltura convenzionale e agricoltura biologica, nel caso delle colture orticole in serra, dipende da alcune questioni poco studiate o ancora discusse in modo controverso (NOSB 2017):

Il tipo di pratica agricola può anche spiegare le differenze riscontrate nei prodotti biologici e convenzionali, ad esempio un contenuto inferiore di metaboliti vegetali secondari degli ortaggi a effetto serra coltivati convenzionalmente rispetto agli ortaggi biologici provenienti dall'agricoltura in campo. Consentendo all'idroponica di essere certificata come biologica, questo valore aggiunto attualmente comunicato dei prodotti biologici non poteva più essere comunicato ai consumatori come valore aggiunto senza ambiguità.

Un'importante fonte di nutrienti nei sistemi idroponici è la farina di soia idrolizzata, che i coltivatori statunitensi importano dall'Europa al fine di garantire un approvvigionamento privo di OGM compatibile con gli standard biologici. Ciò incide negativamente sulla sostenibilità complessiva.

Un principio dell'agricoltura biologica è quello della resilienza, che è in dubbio per i sistemi di coltivazione idroponica e acquaponica in quanto dipendono fortemente da un approvvigionamento energetico esterno (osservazioni aneddotiche). Gli oppositori affermano che anche le aziende biologiche non sono «resilienti» contro gravi catastrofi naturali, eppure entrambi i gruppi rimangono un po 'poco chiari circa il loro concetto di resilienza quando applicati a questi sistemi di produzione.

Un confronto tra i processi alla superficie della radice, cioè l'ambiente microbico nel suolo rispetto all'acqua e l'assorbimento dei nutrienti, è una domanda aperta e gli oppositori sostengono che la letteratura su questo argomento è percepita come non sufficiente.

Al contrario, tutte le argomentazioni che si possono trovare in Europa sul perché l'idroponica o l'acquaponica debbano essere certificate come organiche sono messe in discussione anche negli Stati Uniti. Il punto più notevole è, tuttavia, la mancanza di dati sul confronto diretto dei sistemi per poter valutare sistematicamente gli impatti e i vantaggi menzionati. In sintesi, il NOSB ha rifiutato di etichettare i sistemi idroponici o acquaponici come organici in generale perché (NOSB 2017, pag. 70—71):

§ 6513 Piano Organico: «Un piano organico deve contenere disposizioni volte a promuovere la fertilità del suolo, principalmente attraverso la gestione del contenuto organico del suolo attraverso una corretta lavorazione del terreno, rotazione delle colture e concimazione... Un piano organico non deve includere pratiche di produzione o manipolazione incoerenti con questo capitolo.»

  • § 205.200 Generale: «Le pratiche di produzione attuate in conformità con questo capitolo devono mantenere o migliorare le risorse naturali dell'operazione, compresa la qualità del suolo e dell'acqua».
  • § 205.203 La fertilità del suolo e la gestione dei nutrienti vegetali standard: (a) «Il produttore deve selezionare e implementare pratiche di lavorazione e coltivazione che mantengano o migliorino le condizioni fisiche, chimiche e biologiche del suolo e riducano al minimo l'erosione del suolo». b) «Il produttore deve gestire le sostanze nutritive delle colture e la fertilità del suolo mediante rotazioni, coprire le colture e l'applicazione di materiali vegetali e animali». c) «Il produttore deve gestire materiali vegetali e animali per mantenere o migliorare il tenore di materia organica del suolo...»

Più tardi, nell'anno 2016, sono state fornite definizioni per l'idroponica, l'acquaponica e l'aeroponica, affermando per l'acquaponica che (NOSB 2017, pag. 82):

La produzione acquaponica è una forma di idroponica in cui le piante ricevono alcuni o tutti i loro nutrienti consegnati in forma liquida dai rifiuti di pesce. L'acquaponica è definita qui come un sistema idroponico a ricircolo in cui le piante sono coltivate in sostanze nutritive provenienti dalle acque reflue degli animali acquatici, che possono includere l'uso di batteri per migliorare la disponibilità di tali sostanze nutritive alle piante. Le piante migliorano la qualità dell'acqua utilizzando i nutrienti, e l'acqua viene poi ricircolata agli animali acquatici.

Il PON ha norme rigorose per la manipolazione del letame animale nella produzione biologica terrestre, ma non esistono norme di questo tipo per garantire la sicurezza degli alimenti vegetali prodotti nello spreco fecale dei vertebrati acquatici. Inoltre, il PON non ha ancora emanato norme per la produzione di acquacoltura biologica, da cui dipenderebbe la produzione di impianti acquaponici. «Il sottocomitato per le colture si oppone a consentire in questo momento la certificazione biologica dei sistemi di produzione acquaponica. Se in futuro verranno emanate norme in materia di acquacoltura e verranno risolte le preoccupazioni relative alla sicurezza alimentare, l'acquaponica potrebbe essere rivalutata.' (NOSB 2017, pag. 82).

C'è la certificazione 'Naturally Grown', una certificazione peer-review, di base, che include esplicitamente l'aquaponica (https://www.cngfarming.org/ aquaponics). Questa certificazione prevede un catalogo con criteri a partire da gennaio 2016. Solo i prodotti vegetali sono certificati, non la parte di pesce, perché al momento esso (ad es. mangimi per pesci) non soddisfa i criteri generali per la certificazione del bestiame. I criteri disciplinano i seguenti aspetti: progettazione e componenti del sistema, materiali per i principali componenti del sistema e supporti di coltura/radice, fonti idriche, monitoraggio, input per la regolazione del pH, uso e smaltimento dei rifiuti, produzione e gestione delle colture, gestione del pesce, ubicazione e tamponi, energia e registrazione Tenere. Il regime si basa su programmi di ispezione inter pares e non consente l'uso di pesticidi sintetici e fungicidi, pesticidi a base di rame, pesticidi a base petrolchimica o fungicidi. Non regola i componenti della parte vegetale, ma ne valuta le funzioni: regolazione dell'acqua, aerazione, degasaggio, biofiltrazioni e rimozione di rifiuti solidi di pesce.

In sintesi, ci sono singoli organismi di certificazione biologica negli Stati Uniti che certificano l'acquaponica (parti) come produzione biologica, ma ci sono anche casi segnalati di agricoltori che sostengono la produzione biologica senza essere certificati (Friendly Aquaponics 2018). Dopo questo capitolo va alla stampa ci possono essere nuovi sviluppi che interessano il tema della certificazione biologica. Inoltre, la questione dell'agricoltura urbana dichiarata come agricoltura e quindi ammissibile ai fondi agricoli potrebbe ottenere uno status più chiaro con il nuovo US Farm Bill.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.