common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

La ricerca acquaponica contemporanea ha dimostrato una profonda consapevolezza di particolari preoccupazioni sollevate nella problematica Anthropocene. Le giustificazioni per la ricerca acquaponica tendono a mettere in primo piano la sfida della sicurezza alimentare su un globo con una popolazione umana crescente e una base di risorse sempre più tesa. Ad esempio, König et al. (2016) collocano precisamente l'acquaponica all'interno delle preoccupazioni planetarie del discorso di Anthropocene quando affermano: «Garantire la sicurezza alimentare nel XXI secolo entro confini planetari sostenibili richiede un'intensificazione agro-ecologica multiforme della produzione alimentare e del disaccoppiamento dall'uso insostenibile delle risorse». Verso questi importanti obiettivi di sostenibilità, si afferma che la tecnologia aquaponica mostra molte promesse (Goddek et al. 2015). Gli innovativi sistemi integrati di acquaponica offrono una convergenza particolarmente allettante di potenziali risoluzioni che potrebbero contribuire a un futuro più sostenibile.

I fautori dell'acquaponica sottolineano spesso i principi ecologici alla base di questa tecnologia emergente. I sistemi Aquaponic sfruttano il potenziale positivo di un ecosistema più o meno semplice, al fine di ridurre l'uso di input finiti e contemporaneamente ridurre i sottoprodotti di scarto e altre esternalità. Per questi motivi, la tecnologia acquaponica può essere considerata come un esempio primario di «intensificazione sostenibile» (Garnett et al. 2013) o, più precisamente, come una forma di «intensificazione ecologica», in quanto i suoi principi fondanti si basano sulla gestione degli organismi prestatori di servizi verso quantificabili e diretti contributi alla produzione agricola (Bommarco et al. 2013). Da questo principio agroecologico scaturisce un gran numero di potenziali benefici in termini di sostenibilità. I capitoli 1 e 2 di questo libro fanno un lavoro esemplare di evidenziarli, dettagliando le sfide affrontate dal nostro sistema alimentare e dalla situazione che la scienza acquaponica come potenziale luogo per una serie di interventi di sostenibilità e sicurezza alimentare. Non è necessario ripetere nuovamente questi punti, ma vale la pena notare che questa convergenza percepita di potenziali risoluzioni è ciò che spinge la ricerca e rafforza la «convinzione che questa tecnologia abbia il potenziale per svolgere un ruolo significativo nella produzione alimentare in futuro» (7) (Junge et al. 2017).

Tuttavia, nonostante le considerevoli affermazioni dei suoi fautori, il futuro dell'acquaponica è meno che certo. Proprio che tipo di ruolo l'acquaponica potrebbe svolgere nelle transizioni verso una fornitura alimentare sostenibile è ancora in gran parte in discussione - è fondamentale sottolineare che la pubblicazione dei risultati di sostenibilità e sicurezza alimentare dei sistemi acquaponici rimane evidente per la loro assenza in tutta Europa (König et al. 2018). Sulla carta, gli attributi «carismatici» dell'acquaponica assicurano che possa essere facilmente presentata come un tipo di innovazione «d'argento» che arriva al cuore delle più profonde questioni di sostenibilità e sicurezza alimentare del nostro sistema alimentare (Brooks et al. 2009). Tali immagini sono state in grado di raccogliere una notevole attenzione per l'acquaponica ben oltre i confini della ricerca accademica: si consideri, ad esempio, la significativa produzione di «hype» acquaponica online rispetto a campi simili, utilmente sottolineato da Junge et al. (2017). È qui che potremmo impiegare del tempo per evidenziare il rapporto tra il potenziale percepito dell'acquaponica e il «tecno-ottimismo».

L'introduzione di ogni nuova tecnologia è accompagnata da miti che stimolano ulteriormente l'interesse per tale tecnologia (Schoenbach 2001). I miti sono diffusi tra i primi adottanti e vengono raccolti dai media generali spesso molto prima che la comunità scientifica abbia il tempo di analizzare e rispondere a fondo alle loro affermazioni. I miti, come afferma Schoenbach (2001, 362), sono ampiamente cresi perché «comprendono una spiegazione chiara e convincente del mondo». Queste potenti spiegazioni sono in grado di stimolare e allineare l'azione individuale, comunitaria e anche istituzionale verso fini particolari. La «bellezza» dell'acquaponica, se possiamo chiamarla così, è che il concetto può spesso trasformare la complessità della sostenibilità e della sicurezza alimentare in metafore di sistemi chiari, comprensibili e scalabili. L'immagine onnipresente del ciclo acquaponico - acqua che scorre tra pesci, piante e batteri - che risolve elegantemente le sfide del sistema alimentare è esemplare qui. Tuttavia, i miti sulla tecnologia, ottimisti o pessimisti, condividono una visione tecnodeterministica del rapporto tra tecnologia e società (Schoenbach 2001). All'interno della visione tecno-deterministica della tecnologia, è la tecnologia che provoca cambiamenti importanti nella società: se riusciamo a cambiare la tecnologia, riusciamo così a cambiare il mondo. Indipendentemente dal fatto che il cambiamento sia in meglio (tecno-ottimismo) o peggio (tecnofobia), la tecnologia di per sé crea un effetto.

Le opinioni tecnodeterministe sono state accuratamente criticate su motivi sociologici, filosofici (Bradley 2011), marxisti (Hornborg 2013), materiali-semiotici (Latour 1996) e femministi (Haraway 1997). Questi approcci più sfumati allo sviluppo tecnologico affermerebbero che la tecnologia di per sé non apporta cambiamenti alla società; non è né intrinsecamente buona né cattiva, ma è sempre incorporata nelle strutture della società, e sono quelle strutture che consentono l'uso e l'effetto della tecnologia in questione. In un certo senso, la tecnologia è un'entità emergente, i cui effetti non possiamo conoscere in anticipo (de Laet e Mol 2000). Questo può sembrare un punto ovvio, ma il tecno-determinismo rimane una caratteristica forte, se spesso latente, all'interno del nostro paesaggio epistemologico contemporaneo. Le nostre società tecnologiche e orientate all'innovazione sono mantenute da regimi discorsivi che mantengono la promessa di rinnovamento sociale attraverso il progresso tecnologico (Lave et al. 2010). Tali convinzioni hanno dimostrato di avere un ruolo normativo importante all'interno delle comunità di esperti, che si tratti di scienziati, imprenditori o responsabili politici (Franklin 1995; Soini e Birkeland 2014).

L'ascesa dell'acquaponica in tutta Europa si intreccia con interessi specifici di vari attori. Possiamo identificare almeno cinque processi sociali che hanno portato allo sviluppo dell'acquaponica: (a) interesse delle autorità pubbliche nel finanziamento di soluzioni ad alta tecnologia per problemi di sostenibilità; (b) finanziamento del capitale di rischio, motivato dai successi delle startup IT, alla ricerca di «la prossima grande cosa» che forse scoprire il nuovo 'unicorno' (startup company del valore di oltre\ $1 miliardo); (c) interesse incentrato sugli eventi dei mass media per la creazione di snapshot reportage su storie positive di nuove startup acquaponiche, alimentate dalle attività di pubbliche relazioni di queste startup, con rari media follow-up reportage sulle aziende che sono andate al fallimento; d) ha sostenuto la crescita di comunità acquaponiche entusiaste e fai-da-te, condividendo sia i valori di sostenibilità che l'amore per l'armeggiare con le nuove tecnologie; e) gli interessi degli sviluppatori urbani di trovare soluzioni economicamente valide per gli spazi urbani vacanti e l'ecosostenibilità dello spazio urbano; e f) la ricerca si sono concentrati sullo sviluppo di soluzioni tecnologiche per i problemi imminenti di sostenibilità e sicurezza alimentare. In misura maggiore o minore, lo spettro della speranza tecno-ottimista permea lo sviluppo dell'acquaponica.

Sebbene le affermazioni di posizioni tecno-ottimiste siano stimolanti e in grado di precipitare l'investimento di denaro, tempo e risorse da parte di diversi attori, il potenziale di tali punti di vista per generare giustizia e sostenibilità è stato messo in discussione su scala da questioni locali (Leonard 2013) e regionali (Hultman) 2013) agli imperativi globali (Hamilton 2013). Ed è a questo punto che potremmo considerare le ambizioni del nostro campo. Un buon punto di partenza sarebbe la 'azione COST FA1305', che negli ultimi anni è stata un importante facilitatore dei risultati della ricerca acquaponica in Europa, con numerose pubblicazioni che riconoscono l'impatto positivo dell'azione di abilitazione della ricerca (Miličić et al. 2017; Delaide et al. 2017; Villarroel et al. 2016). Come tutte le azioni COST, questo strumento transnazionale di rete finanziato dall'UE ha funto da hub per la ricerca acquaponica in Europa, galvanizzando e ampliando le reti tradizionali tra i ricercatori riunendo esperti scientifici, strutture sperimentali e imprenditori. La dichiarazione originale della missione dell'azione COST FA1305 recita come segue:

L'acquaponica ha un ruolo chiave da svolgere nell'approvvigionamento alimentare e nell'affrontare sfide globali quali la scarsità idrica, la sicurezza alimentare, l'urbanizzazione e la riduzione del consumo energetico e delle miglia alimentari. L'UE riconosce queste sfide attraverso la politica agricola comune e le politiche in materia di protezione delle acque, cambiamento climatico e integrazione sociale. Un approccio europeo è necessario nel campo della ricerca acquaponica emergente a livello mondiale, basandosi sulle fondamenta dello status europeo di centro globale di eccellenza e innovazione tecnologica nei settori dell'acquacoltura e dell'orticoltura idroponica. L'EU Aquaponics Hub mira allo sviluppo dell'acquaponica nell'UE, guidando l'agenda della ricerca attraverso la creazione di un hub di rete di scienziati esperti della ricerca e del settore, ingegneri, economisti, acquacoltori e orticoltori, e contribuendo alla formazione di giovani scienziati aquaponici. L'hub acquaponica dell'UE si concentra su tre sistemi primari in tre ambiti: (1) «città e aree urbane» — acquaponica dell'agricoltura urbana, (2) «sistemi dei paesi in via di sviluppo» — ideazione di sistemi e tecnologie per la sicurezza alimentare per la popolazione locale e (3) «acquaponica su scala industriale» — fornitura di sistemi competitivi fornire prodotti alimentari locali efficaci, sani e sostenibili nell'UE. (http://www.cost.eu/COST_Actions/fa/FA1305, 12.10.2017, enfasi aggiunta).

Come suggerisce la missione, fin dall'inizio dell'azione COST FA1305, sono stati posti alti livelli di ottimismo sul ruolo dell'acquaponica nell'affrontare le sfide della sostenibilità e della sicurezza alimentare. La creazione del COST EU Aquaponics Hub era quella di «fornire un forum necessario per l'acquaponica «avviamento» quale industria seria e potenzialmente redditizia per la produzione alimentare sostenibile nell'UE e nel mondo» (COST 2013). Infatti, dalla partecipazione degli autori all'interno di COST FA1305, la nostra esperienza duratura è stata senza dubbio quella di far parte di una comunità di ricerca vibrante, entusiasta e altamente qualificata, più o meno unita nella loro ambizione di far funzionare l'aquaponica verso un futuro più sostenibile. Quattro anni dopo la dichiarazione della missione dell'Aquaponic Hub è stata rilasciata, tuttavia, la sostenibilità e il potenziale di sicurezza alimentare dell'acquaponica rimane proprio questo — potenziale. Attualmente non si sa quale ruolo preciso l'acquaponica possa svolgere nel futuro sistema alimentare europeo (König et al. 2018).

La narrazione comunemente osservata che l'acquaponica fornisce una soluzione sostenibile alle sfide globali che l'agricoltura deve affrontare rivela un equivoco fondamentale di ciò che è effettivamente in grado di realizzare. Il lato vegetale dell'acquaponica è l'orticoltura, non l'agricoltura, la produzione di ortaggi e verdure a foglia verde con alto contenuto di acqua e basso valore nutrizionale rispetto agli alimenti di base che l'agricoltura produce sui terreni agricoli. Un rapido confronto tra l'attuale area agricola, l'area orticola e l'area orticola protetta, 184.332 kmsup2/sup, 2.290 kmsup2/sup (1,3%) e 9,84 kmsup2/sup (0,0053%), in Germania, rivela il difetto nella narrazione. Anche se si considera una produttività molto più elevata nell'acquaponica attraverso l'utilizzo di sistemi ambientali controllati, l'acquaponica non è nemmeno vicina ad avere il potenziale per avere un impatto reale sulla pratica agricola. Ciò diventa ancora più evidente quando l'ambizione di essere un «sistema alimentare del futuro» finisce nella ricerca di colture di alto valore (ad esempio microverdi) che possono essere commercializzate come gastronomia gourmet.

È noto che lo sviluppo di tecnologie sostenibili è caratterizzato da incertezze, rischi elevati e grandi investimenti con rendimenti tardivi (Alkemade e Suurs 2012). L'acquaponica, a questo proposito, non fa eccezione; in tutta Europa esistono solo pochi sistemi operativi commercialmente (Villarroel et al. 2016). Sembra notevole resistenza allo sviluppo della tecnologia aquaponica. I progetti commerciali devono confrontarsi con una complessità tecnologica e gestionale relativamente elevata, con rischi di marketing significativi, nonché con una situazione normativa incerta che fino ad ora persiste (Joly et al. 2015). Sebbene sia difficile individuare il tasso di fallimento dell'avvio, la breve storia dell'acquaponica commerciale in tutta Europa potrebbe essere riassunta come «Piccoli successi e grandi fallimenti» (Haenen 2017). Vale la pena sottolineare anche che i pionieri già impegnati nell'acquaponica in questo momento in tutta Europa non sono chiari se la loro tecnologia sta apportando miglioramenti nella sostenibilità (Villarroel et al. 2016). Recenti analisi di König et al. (2018) hanno mostrato come le sfide per lo sviluppo dell'acquaponica derivino da una serie di preoccupazioni strutturali, nonché dalla complessità intrinseca della tecnologia. Combinati, questi fattori si traducono in un ambiente ad alto rischio per imprenditori e investitori, che ha prodotto una situazione in cui le startup in tutta Europa sono costrette a concentrarsi sulla produzione, sul marketing e sulla formazione del mercato attraverso la fornitura di credenziali di sostenibilità (König et al. 2018). A parte le affermazioni di un grande potenziale, la triste realtà è che resta da vedere esattamente quale impatto l'acquaponica può avere sui regimi di produzione e consumo alimentari radicati in tempi contemporanei. Sembra che il posto della tecnologia acquaponica nella transizione verso sistemi alimentari più sostenibili non abbia alcuna garanzia.

Al di là della speculazione dell'ottimismo tecnico-tecnologico, l'acquaponica è emersa come una tecnologia di produzione alimentare altamente complessa che ha un potenziale ma che si trova ad affrontare grandi sfide. In generale, vi è una mancanza di conoscenza su come indirizzare le attività di ricerca allo sviluppo di tali tecnologie in modo da preservare la loro promessa di sostenibilità e potenziali soluzioni alle pressanti preoccupazioni del sistema alimentare (Elzen et al. 2017). Da un recente sondaggio condotto da Villarroel et al. (2016) è emerso che, da 68 attori aquaponici che hanno risposto sparsi in 21 paesi europei, il 75% è stato coinvolto in attività di ricerca e il 30,8% nella produzione, con solo l'11,8% degli intervistati che vendono effettivamente pesce o piante negli ultimi 12 mesi. È chiaro che il settore dell'acquaponica in Europa è ancora caratterizzato principalmente dagli attori della ricerca. In questo contesto di sviluppo, riteniamo che la prossima fase della ricerca acquaponica sarà cruciale per sviluppare il futuro potenziale di sostenibilità e sicurezza alimentare di questa tecnologia.

Le interviste (König et al. 2018) e le indagini quantitative (Villarroel et al. 2016) del settore acquaponico europeo hanno indicato che esiste un'opinione mista riguardo alla visione, alle motivazioni e alle aspettative sul futuro dell'acquaponica. Alla luce di ciò, Konig et al. (2018) hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che una diversità di visioni per la tecnologia acquaponica potrebbe ostacolare il coordinamento tra gli attori e, in ultima analisi, interrompere lo sviluppo di «un corridoio realistico di percorsi di sviluppo accettabili» per la tecnologia (König et al. 2018). Dal punto di vista dei sistemi di innovazione, le innovazioni emergenti che mostrano una diversità disorganizzata di visioni possono soffrire del «fallimento della direzionalità» (Weber e Rohracher 2012) e, in definitiva, sono al di sotto delle loro potenzialità percepite. Tali prospettive sono in linea con le posizioni della scienza della sostenibilità che sottolineano l'importanza delle «visioni» per creare e perseguire futuri desiderabili (Brewer 2007). Alla luce di ciò, offriamo una visione di questo tipo per il campo dell'acquaponica. Sosteniamo che la ricerca acquaponica debba rifocalizzarsi su un'agenda radicale per la sostenibilità e la sicurezza alimentare, adatta alle sfide imminenti affrontate nell'Antropocene.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.