Appena lanciatoAquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
BlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

8.5 Problemi e gestione delle malattie

3 months ago

6 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Malattie dei Pesci

La cultura del pesce è intrinsecamente un business disordinato. I patogeni batterici e i parassiti che colpiscono i pesci sono naturalmente presenti e opportunistici per natura. Una buona gestione, pratiche di allevamento adeguate e l'osservazione quotidiana dei pesci possono prevenire molti problemi associati alla salute dei pesci. Le tecniche di gestione adeguate nella produzione ittica del sistema acquaponico dovrebbero includere: progettazione del sistema, monitoraggio e correzione della qualità dell'acqua, manutenzione delle attrezzature, stoccaggio dei mangimi, osservazione dei pesci per rimuovere i pesci malati o morti e servizi igienico-sanitari dei lavoratori. I comuni segni fisici esterni della malattia dei pesci includono:

  • Emorragia: una scarica anormale di sangue

  • Lesioni: un'area definita di tessuto malato come ulcera, vescica o cancro

  • Macchie bianche o pustole

  • branchie pallide o gonfie: spesso visto con pesci «ingoiare» sulla superficie dell'acqua per aria

  • Colorazione scura

  • Muco in eccesso sulla pelle o branchie

  • Sloughing della pelle

  • Emaciazione

  • Addome disteso

  • Esoftalmia: pop-eye

Ci sono quattro gruppi principali di agenti patogeni legati alla coltura ittica: funghi, batteri, virus e parassiti. Le malattie dei pesci comuni e il loro trattamento sono elencati di seguito. In genere, le malattie osservate nei sistemi di produzione acquaponica sono il risultato di stress ambientale o fisico (Figura 20). Lo stress può derivare da 1) manipolazione ruvida o eccessiva, 2) confinamento di specie di pesci non addomesticate in sistemi di cisterne o densità di stoccaggio inadeguate, 3) alimentazione scorretta, reggimento alimentare o nutrizione e 4) condizioni di qualità dell'acqua povere o inadatte.

! image-20210515164215027

In preparazione per lo stoccaggio dei pesci, i biofiltri devono essere interrotti (popolati con batteri stabiliti prima che i pesci siano immagazzinati nel sistema) e i parametri di qualità dell'acqua devono essere entro intervalli accettabili per le specie di pesci in coltura. Una volta che i pesci sono in loco e prima di essere immagazzinati nella produzione nuova o esistente, devono essere messi in quarantena e trattati profilatticamente per i parassiti esterni utilizzando sale, formalina, permanganato di potassio o altri trattamenti approvati. Il trattamento deve avvenire al di fuori del sistema di produzione, poiché le sostanze chimiche introdotte nel sistema aquaponico causeranno il crash del biofiltro e l'intero processo dovrà essere riavviato. I pesci dovrebbero anche essere osservati per eventuali anomalie fisiche nell'aspetto o nel comportamento. Molte malattie vengono prima rilevate osservando modelli di nuoto anormali.

I segni di comportamento anomalo includono turbinio, lampeggiante, bobbing, ansioso o nuoto laterale. Gli impianti di quarantena e i protocolli generali di buona gestione del pesce dovrebbero includere 1) lavarsi le mani prima e dopo l'interazione con serbatoi, attrezzature, mangimi o pesci, 2) utilizzare reti e altre attrezzature solo nella zona di quarantena o di produzione, 3) asciugare accuratamente o addirittura sbiancare tra gli usi (mediante secchi di candeggina o bottiglie spray) per uccidere batteri, funghi e parassiti, e 4) lavorare in aree di quarantena come l'ultimo compito della giornata per prevenire la contaminazione incrociata. Arthur et al. (2008) fornisce una panoramica completa delle procedure di quarantena per gli animali acquatici vivi.

Una volta che i pesci sono stati immagazzinati e il sistema è in funzione, è fondamentale che la chimica dell'acqua sia condotta regolarmente e che i numeri risultanti siano controllati come accettabili sia per i pesci che per le piante. Eventuali adeguamenti necessari dovrebbero essere effettuati non appena vengono identificati problemi, in quanto i problemi di chimica dell'acqua non saranno auto-corretti. La diagnosi precoce e l'intervento sono la misura migliore per garantire che la produzione sia massimizzata sia per il time-to-market che per la resa delle colture.

Durante la produzione, i pesci che sono affollati in vasche per la cultura intensiva possono essere stressati, il che si manifesta in diversi modi. Pesce stressato può andare fuori alimentazione (smettere di mangiare); colpire i lati dei serbatoi, causando abrasioni al loro corpo o pinne; nip contro l'altro in aggressività; e anche saltare fuori dai carri armati, con conseguente morte.

Le condizioni di coltura stressanti indeboliscono il sistema immunitario del pesce, lasciandoli più suscettibili alle infezioni batteriche e fungine. In genere, al primo segno di malattia, il pesce smetterà di mangiare. A questo punto, il mangime medicato è inutile e è necessario un trattamento chimico.

Un altro modo in cui i pesci si ammalano a causa dello stress è la scarsa qualità dell'acqua. Questo può essere il risultato di scarsa chimica dell'acqua e condizioni dell'acqua inadeguate. Ad esempio, i pesci diventano stressati durante livelli acuti o cronicamente bassi di ossigeno disciolto e sono più suscettibili alle malattie. Un altro esempio è occasionale sovralimentazione di pesce. L'eccesso di proteine si scompone in azoto ammoniaca-ammoniaca totale, che si scompone ulteriormente in componenti tossici dell'azoto ammoniacale non ionizzato e dell'azoto nitritio-azoto. Il componente biofiltro non è sufficiente per convertire questi composti in nitrati, portando a stress sul pesce da scarsa qualità dell'acqua. Questi componenti tossici sono ulteriormente aggravati da problemi quali il pH elevato e l'aumento delle temperature.

Per evitare lo stress sul pesce, una regola generale consiste nell'arrestare o ridurre l'ingresso di alimentazione nel sistema:

  • Quando la temperatura è al di fuori dell'intervallo di specie

  • Quando i pesci sono malati o stressati

  • 24-48 ore prima/dopo il trasporto

  • 24 ore prima del campionamento

  • 3-4 giorni prima dell'elaborazione

  • Quando è presente un DO basso

  • Quando i parametri di qualità dell'acqua sono inferiori alla pari

Se i pesci immagazzinati in produzione si ammalano, devono essere immediatamente rimossi dal sistema per il trattamento o lo smaltimento. Le modifiche all'acqua dovrebbero essere apportate tempestivamente, i tassi di stoccaggio dovrebbero essere controllati, il flusso d'acqua dovrebbe essere controllato e possono essere necessari scambi d'acqua. Non esistono buone opzioni di trattamento per il trattamento sistemico in produzione, poiché le sostanze chimiche non possono essere utilizzate con sistemi aquaponici accoppiati. I pesci possono essere rimossi o isolati, trattati in contenimento e reintrodotti in un secondo momento.

La progettazione del sistema svolge un ruolo nella prevenzione delle malattie. Le vasche utilizzate per la coltura ittica devono essere rotonde e preferibilmente avere un fondo conico per la rimozione dei solidi sedimentabili. Il design dovrebbe essere tale che i serbatoi siano facili da disinfettare, possano essere isolati individualmente dal resto del sistema e avere finestre per visualizzare i pesci nella colonna d'acqua.

  • Fonte: Janelle Hager, Leigh Ann Bright, Josh Dusci, James Tidwell. 2021. Università statale del Kentucky. Manuale di produzione acquaponica: un manuale pratico per i coltivatori. *

Kentucky State University

https://www.kysu.edu/academics/college-acs/school-of-aas/index.php

Rimani aggiornato sulle ultime novità Aquaponic Tech

Azienda

  • Il nostro Team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma di referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.