common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

La sicurezza alimentare esiste quando tutte le persone, in ogni momento, hanno accesso fisico ed economico a alimenti sufficienti, sicuri e nutrienti che soddisfino le loro esigenze alimentari e le loro preferenze alimentari per una vita attiva e sana (Allison 2011). Esistono quattro pilastri della sicurezza alimentare, che definiscono, difendono e misurano lo stato della sicurezza alimentare a livello locale, nazionale e internazionale. Questi sono la disponibilità alimentare, l'accessibilità degli alimenti, l'utilizzo degli alimenti e la stabilità degli alimenti. La disponibilità di cibo si ottiene quando il cibo nutriente è sempre disponibile per le persone, mentre l'accessibilità del cibo è ottenuta quando le persone hanno sempre la capacità economica di ottenere cibo nutriente disponibile in base alle loro preferenze dietetiche. L'utilizzo degli alimenti si ottiene quando tutto il cibo consumato viene assorbito e utilizzato dall'organismo per rendere possibile una vita attiva sana, e la stabilità del cibo si ottiene quando tutti gli altri pilastri sono raggiunti (Faber et al. 2011).

L'agricoltura urbana e periurbana è sempre più riconosciuta come un mezzo attraverso il quale le città possono allontanarsi dagli attuali sistemi alimentari ineguagliabili e dipendenti dalle risorse, ridurre la loro impronta ecologica e aumentare la loro vivibilità (van Gorcum et al. 2019; Dubbeling et al. 2010). Dato che sono quasi completamente dipendenti dai prodotti importati da altre regioni, i consumatori urbani sono particolarmente vulnerabili all'insicurezza alimentare. Per quelli di basso status socioeconomico, questa dipendenza significa che qualsiasi fluttuazione dei prezzi dei prodotti alimentari si traduce in un potere d'acquisto limitato, in una maggiore insicurezza alimentare e in opzioni dietetiche compromesse. Le imprese acquaponiche basate sulla comunità offrono un nuovo modello per combinare l'agenzia locale con l'innovazione scientifica per garantire la sovranità alimentare e la sicurezza alimentare, ricoinvolgendo e dando alle comunità un maggiore controllo sulla loro produzione e distribuzione alimentare (Laidlaw e Magee 2016). Se implementato come programma gestito dalla popolazione locale, i sistemi aquaponici hanno il potenziale per affrontare la sovranità alimentare. A sua volta, la sicurezza alimentare viene potenziata consumando il pesce, che è una fonte significativa di proteine, aminoacidi essenziali e vitamine. Anche se consumati in piccole quantità, i pesci possono migliorare la qualità alimentare contribuendo agli aminoacidi essenziali, spesso mancanti o sottorappresentati nelle diete a base vegetale.

L'impresa sociale britannica Byspokes Community Interest Company (CIC) ha istituito un sistema acquaponico pilota e un programma di formazione presso l'Al-Basma Centre di Beit Sahour, Territori palestinesi occupati (OPT), una regione in cui la disponibilità di spazio per la produzione alimentare costituisce un grave problema, in particolare nelle aree urbane e e campi profughi. Anche nelle aree agricole, l'accesso alla terra viene perso attraverso i controlli israeliani e attraverso l'effettiva annessione da parte della «recinzione di sicurezza» israeliana. Aquaponics offre quindi una soluzione efficiente in termini di acqua e spazio alla coltivazione di prodotti freschi locali, compresa una fonte proteica di alta qualità (pesce), contribuendo così a combattere la malnutrizione e l'insicurezza alimentare, fornendo allo stesso tempo nuove opportunità di generazione di reddito. Il 40% della popolazione dell'OPT (25% in Cisgiordania) sono classificati come «cronicamente insicuro alimentare», e la disoccupazione si aggira intorno al 25%, con massimi dell'80% in alcuni campi profughi. Dal punto di vista economico, il progetto ha dimostrato che un sistema acquaponico potrebbe contribuire in modo significativo al reddito delle famiglie e quindi contribuire a far uscire le famiglie dalla povertà, fornendo al contempo una gamma di verdure fresche e pesce alle famiglie meno in grado di permettersi cibo di alta qualità (Viladomat e Jones 2011).

Dal 2010, l'Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite ha implementato un Progetto di sostegno alla produzione alimentare di emergenza per le famiglie povere nella Striscia di Gaza, dove 11 anni di mare, terra e aria di blocco israeliano, uniti a basse precipitazioni con conseguente siccità, hanno gravemente compromesso le possibilità di produzione alimentare nazionale in una delle zone più densamente popolate del mondo. Con così tante restrizioni, le verdure fresche sono costose e difficili da trovare. Il 97% della popolazione della Striscia di Gaza è abitante di città o di campi e quindi non ha accesso alla terra. La povertà colpisce il 53% della popolazione e il 39% delle famiglie guidate da donne sono insicure nel settore alimentare. Consentire alle famiglie di produrre i propri alimenti freschi a prezzi accessibili è quindi una risposta molto appropriata ed efficace alla situazione attuale. Alle famiglie con testa femminile insicure che vivono nelle aree urbane sono state assegnate unità acquaponiche sul tetto, mentre altre unità sono state installate in istituti scolastici e comunitari. Avere un'unità acquaponica sul tetto significa che le donne possono contemporaneamente migliorare la sicurezza alimentare e il reddito domestico pur avendo cura dei loro figli e delle loro case. Tutti i beneficiari hanno aumentato il loro consumo di cibo domestico di conseguenza (FAO 2016).

Attraverso il suo Adaptive Agriculture Program, INMED Partnerships for Children si dedica alla creazione di programmi alimentari sostenibili che migliorano la sicurezza alimentare, preservano le risorse naturali, promuovono strategie di adattamento ai cambiamenti climatici e offrono opportunità per la generazione di reddito nei paesi in via di sviluppo. INMED ha sviluppato un sistema acquaponico semplice e conveniente per piccoli agricoltori, scuole, istituzioni governative e giardinieri domestici utilizzando materiali locali facilmente accessibili. Negli ultimi dieci anni, INMED ha istituito un programma di acquacultura e acquaponica_ di grande successo in Sud Africa, Giamaica e Perù. In Sud Africa, INMED si concentra sul raggiungimento della sicurezza alimentare e della produzione sostenibile di reddito rafforzando la capacità locale di comprendere e affrontare i cambiamenti climatici, risolvendo al tempo stesso questioni correlate di degrado ambientale, aumento della scarsità idrica e povertà. Offre collegamenti di pianificazione aziendale con i mercati e assistenza per le domande di sovvenzioni allo sviluppo e prestiti per l'espansione delle imprese. Al centro di questa visione di vasta portata, oltre alla coltivazione tradizionale intensiva, c'è l'acquaponica. Diversi progetti sono stati realizzati con successo in diverse province del paese. Un sistema acquaponico è stato installato presso l'Associazione Cristiana Thabelo per Disabili in una zona remota della regione di Venda, nella provincia del Limpopo. Poiché il sistema INMED non richiede manodopera pesante o sistemi meccanici complessi, è ideale per le persone con disabilità e per coloro che non sono in grado di svolgere attività agricole tradizionali. Dopo l'installazione, la cooperativa ha aumentato le sue entrate di oltre il 400%. I membri della Co-op ricevono stipendi mensili stabili e hanno investito in animali da riproduzione per ottenere entrate aggiuntive. Le comunità che hanno abbracciato questo nuovo modo di agricoltura hanno rafforzato la loro capacità di garantire la sicurezza alimentare e di offrire nuove opportunità adattative per la generazione di reddito (https://inmed.org] (fig. 24.2).

Un altro buon esempio di edificazione della comunità in Sud Africa è Eden Aquaponics (www.edenaquaponics.co.za). Eden Aquaponics (Pty) Ltd. nasce da un'idea di Jack Probart che, con la consapevolezza che la sicurezza alimentare sta diventando rapidamente vitale come un'economia sana, ha avuto la visione di sviluppare un'attività commerciale con un focus comunitario. Utilizzando acquaponica per produrre pesce e verdura nell'area dell'Eden della Garden Route nel Capo Occidentale, Eden Aquaponics fornisce pesce per il consumo, così come polpettini per l'allevamento ittico, e coltiva una varietà di verdure biologiche da distribuire ai mercati agricoli locali, ristoranti e rivenditori. La divisione Community Uliftment produce e installa sistemi commerciali personalizzati di varie dimensioni, tra cui apparecchiature acquaponiche fai da te, e fornisce piantine e fingerlings. Insegnano anche le comunità meno fortunate a diventare autosufficienti nella coltivazione, commercializzazione e vendita dei loro prodotti, consentendo così ai disoccupati in precedenza di sviluppare competenze, fiducia in se stessi, autosufficienza e capacità di provvedere a se stessi.

Food Basket for Africa (www.foodbasketforafrica.org.za) è un'iniziativa simile. Si concentrano sul lavoro di sviluppo degli uomini, che viene fatto attraverso la Fraternità degli uomini, fornendo consulenza sociale ed emotiva agli uomini nelle aree rurali. Fraternità maschile lavora in associazione con Effective Living Centres, un'organizzazione di consulenza stimabile. Food Basket for Africa gestisce una serie di progetti di sviluppo agricolo nelle zone rurali intorno all'Africa australe. I tunnel alimentari (non idroponici ma soprattutto letti traspiranti) sono collocati in comunità, che li adottano, e viene data una formazione iniziale per le tecniche di irrigazione e concimazione per la cura del tunnel. Un sistema acquaponico è stato commissionato in uno dei progetti, a Kommetjie, Città del Capo.

!

Fig. 24.2 Alcune illustrazioni dei progetti comunitari di INMED in Sudafrica. (Fotografie fornite da Janet Ogilvie da INMED)

Le questioni relative alla sicurezza alimentare e alla sovranità alimentare non riguardano solo i paesi in via di sviluppo. A Siviglia, in Spagna, l'impresa sociale Asociacíon Verdes del Sur ha istituito una serra acquaponica nel parco di una scuola a Polígono Sur, la parte più indigente della città, caratterizzata da disoccupazione di lunga durata e da un'elevata incidenza di criminalità legata alla droga. L'unità acquaponica è utilizzata come parte di un programma di educazione ambientale per i residenti locali, compreso l'insegnamento dei benefici derivanti dal consumo di alimenti freschi coltivati localmente e lo sviluppo di competenze per i disoccupati (http://huertosverdesdelsur.blogspot.com). Un prototipo di unità domestica è stato inoltre allestito nella casa di uno dei residenti locali, Soledad (Fig. 24.3).

Il Well Community Allotment Group (Crookes Community Farm) è un'impresa sociale gestita da volontari a Sheffield, Regno Unito, che ha la missione di collegare la comunità locale con il loro cibo coinvolgendoli attivamente nella sua produzione e istruendoli sui benefici del cibo locale. Nel 2018, l'associazione ha ricevuto un Aviva Community Fund Award per costruire un'unità acquaponica che sarà utilizzata per educare individui, scuole, gruppi giovanili e altre organizzazioni (https://www.avivacommunityfund.co.uk/voting/project/pastwinnerprojectview/176291).

!

Fig. 24.3 Strutture acquaponiche in Polígono Sur — in senso antiorario dall'alto a sinistra: la serra acquaponica della scuola; Soledad con una tilapia congelata allevata nella sua unità domestica; pomodori e melanzane salvate per i loro semi; l'unità acquaponica domestica. (Fotografie: Sarah Milliken)

Negli Stati Uniti, un certo numero di imprese sociali che utilizzano sistemi acquaponici sono state create in tutto il paese nell'ambito di un crescente movimento sociale incentrato sull'utilizzo dell'agricoltura urbana per aumentare la sicurezza alimentare e la coesione comunitaria. Uno dei primi è stato Growing Power, che è stata fondata da Will Allen nel 1995, con l'obiettivo di utilizzare l'agricoltura urbana come veicolo per migliorare la sicurezza alimentare nel centro di Milwaukee e per il rafforzamento a lungo termine dei suoi quartieri, e di dare ai giovani della città l'opportunità di acquisire competenze di vita grazie a coltivare e commercializzare prodotti biologici. Growing Power ha fornito strutture o terreni, guida nella coltivazione alimentare e manutenzione complessiva del progetto, e il prodotto è stato donato a programmi di pasti e fornitori di alimenti di emergenza o venduto dai giovani nei negozi agricoli locali e nei mercati degli agricoltori, con la condizione che un quarto del ricavato sia restituito alla comunità locale (Kaufman e Bailkey 2000). Per tutti i conti, Growing Power stava facendo esattamente quello che avevano deciso di fare: si stavano nutrendo, addestrando ed esponendo migliaia di persone a una relazione più autonoma con il loro cibo. Ma mentre la loro missione veniva compiuta, comportava costi significativi. Più soldi stavano uscendo che entrare nelle porte di Growing Power, e entro il 2014, l'impresa sociale aveva un debito di oltre\ $2 milioni (Satterfield 2018). Di fronte al debito insormontabile e alla pressione legale, Growing Power è stato infine sciolto nel 2017. Tuttavia, l'eredità dell'impresa vive sotto forma di altre iniziative sociali che sono state ispirate per avviare iniziative simili. Una di queste iniziative che riconosce l'influenza di Will Allen è la Rid-All Green Partnership di Cleveland, Ohio, la cui missione è quella di educare la prossima generazione a non solo imparare a coltivare e mangiare cibi freschi, ma anche a far funzionare e far crescere le proprie attività nel settore alimentare, che vanno dalla vendita di prodotti freschi e pescare ai distributori alimentari per la trasformazione e il confezionamento di prodotti alimentari freschi (https://www.greennghetto.org).

Il movimento agricolo urbano negli Stati Uniti è stato alimentato dal programma di sovvenzione competitivo del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) Community Food Project (CFP), istituito nel 1996 con l'obiettivo di combattere l'insicurezza alimentare attraverso lo sviluppo di progetti alimentari comunitari che promuovono l'auto- sufficienza delle comunità a basso reddito. Dal 1996, questo programma ha assegnato circa 90 milioni di dollari in sovvenzioni. Un'impresa sociale che ha beneficiato di questo regime è Planting Justice (www.plantingjustice.org) che ha costruito un sistema acquaponico su un terreno vacante a East Oakland, California, gestito da ex detenuti. Sono stati creati dodici posti di lavoro salariali viventi, 5000 sterline (2268 chili) di prodotti gratuiti sono stati dati alla comunità, e il progetto ha messo $500.000 in salari e\ $200.000 in benefici di nuovo nel quartiere (New Entry Sustainable Farming Project 2018).

La GroWHaus (https://www.thegrowhaus.org) è stata fondata nel 2009 come impresa sociale, che si concentra sulla produzione di cibo della comunità sana, equa e guidata dai residenti; il 97% del cibo consumato in Colorado è prodotto fuori dallo stato, e il quartiere in cui The GroWHaus è situato è stato designato un «deserto alimentare» in base alle caratteristiche di basso reddito, razza/etnia, lunga distanza da un negozio di alimentari, mancanza di accesso a cibo fresco a prezzi accessibili e dipendenza dai trasporti pubblici. I residenti sono venuti a fare affidamento su fast food, minimarket, stazioni di servizio e banche alimentari per la maggior parte dei loro prodotti alimentari. A causa di questi fattori, molte persone devono affrontare sfide significative in termini di sicurezza alimentare e accesso, con conseguente aumento drammatico dei problemi sanitari correlati. Inizialmente in collaborazione con Colorado Aquaponics (www.coloradoaquaponics.com), e dal 2016 in modo indipendente, la GrowHaus gestisce una fattoria acquaponica di 3200 piedi quadrati (297 metri quadrati), e i prodotti vengono venduti attraverso un programma settimanale di cestini alimentari freschi a un prezzo paragonabile a Walmart, così come ai ristoranti, con una porzione donata alla comunità locale. Per aiutare la transizione verso un'alimentazione più sana, il Growhaus organizza anche corsi di formazione gratuiti ed eventi comunitari incentrati sul cibo. Nell'anno fiscale 2016—2017, il GroWHaus ha generato un reddito di $1.204.070, di cui $333.534 è stato guadagnato reddito, e $870.536 sono stati raccolti attraverso sovvenzioni governative, fondazioni di beneficenza, contributi societari e donazioni individuali. Con costi operativi pari a $934.231, il reddito netto annuo è stato di\ $269.839 (https://www.thegrowhaus.org/annual-report).

Trifecta Ecosystems (ex Fresh Farm Aquaponics; http://trifectaecosystems. com) è stata fondata nel 2012 a Meriden, Connecticut. La loro missione è quella di affrontare la sicurezza alimentare urbana creando incentivi per le comunità a coltivare il proprio cibo, aumentando al contempo la consapevolezza sull'agricoltura sostenibile attraverso l'istruzione, i workshop e i progetti urbani. L'impresa impiega sei dipendenti che forniscono sistemi acquaponici alle organizzazioni per scopi educativi, sviluppo della forza lavoro, giardinaggio terapeutico e produzione alimentare di alta qualità. I sistemi acquaponici spaziano da impianti di produzione su scala commerciale a piccole unità didattiche per l'uso in aule. Nel 2018, la South Central Regional Water Authority (RWA) ha assegnato una sovvenzione di $500.000 per facilitare la creazione di una serie di sistemi acquaponici per l'agricoltura ambientale controllato su misura, una piattaforma tecnologica per l'agricoltura urbana e programmi di formazione della forza lavoro volti a migliorare la sicurezza alimentare.

L'impresa sociale SchoolGrown (www.schoolgrown.org) è stata fondata nel 2014 da appassionati di acquaponica che ritenevano che i bambini non ricevessero abbastanza esperienze pratiche per coltivare cibo e imparare a conoscere la loro connessione con il mondo su di loro. Situata accanto all'attività commerciale acquaponica presso la Ouroboros Farms, California, la 'aula' di aquaponica è gestita da volontari e viene utilizzata per fornire formazione. Il loro obiettivo principale, tuttavia, è quello di diffondere i sistemi acquaponici alle scuole e alle comunità degli Stati Uniti al fine di insegnare pratiche agricole sostenibili, gestione ambientale e conservazione delle risorse, e allo stesso tempo produrre cibo fresco e locale, costruendo così una connessione più profonda tra le comunità e il cibo che mangiano. La LEAF (Living Ecosystem Aquaponic Facility) è una serra di 167 metri quadrati con un sistema acquaponico ad energia solare appositamente progettato per questo scopo. Costo\ $75.000, che include gli stipendi per due dipendenti part-time responsabili della manutenzione del sistema e della raccolta, le serre sono finanziate da una combinazione di uno schema di scatole di verdure Community Supported Agriculture (CSA), sponsorizzazione della comunità locale o delle imprese e crowdfunding. Ogni LEAF è destinato ad essere finanziariamente autosostenuta attraverso la generazione di entrate provenienti dai prodotti.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.