Appena lanciatoIl nostro programma di affiliazione globale è attivo e funzionante! Inizia a guadagnare oggi.
BlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

L'iniziativa Kodiak Jig: Garantire la redditività della flotta di barche di piccole dimensioni attraverso soluzioni di mercato e politiche

a month ago

43 min read

** Theresa Peterson Direttore della politica della pesca, Consiglio per la conservazione marina dell'Alaska *Rachel Donkersloot** *Ricerca sulle culture costiere

La sostenibilità sociale, culturale ed economica delle città di pescatori e dei villaggi dell'Alaska dipende dal successo delle loro attività di pesca. Questo caso di studio presenta l'iniziativa Kodiak Jig come esempio di uno sforzo altamente collaborativo condotto dai pescatori per creare e mantenere opportunità di pesca su piccola scala nel Golfo dell'Alaska. Si tratta di sfide e soluzioni specifiche basate su politiche e sul mercato per garantire la redditività della flotta di motoscafi Kodiak. Il case study descrive le iniziative di marketing, i meccanismi e le partnership che portano alla creazione di mercati di nicchia e del marchio Kodiak Jig Seafoods. Questi sforzi hanno portato ad un aumento significativo del valore del merluzzo e del pesce roccioso del Pacifico per la flotta di piccole imbarcazioni. Sono inoltre discusse importanti disposizioni politiche avanzate dai pescatori e dai partner per garantire con successo l'assetto delle quote che hanno servito come base importante per le iniziative di marketing qui presentate. Questi set asides offrono opportunità entry-level accessibili per pescatori nuovi e giovani, nonché per coloro che cercano un accesso più diversificato. Combinati, questi sforzi basati sulle politiche e sul mercato hanno contribuito a garantire opportunità di accesso e sussistenza sostenibili per la flotta di piccole imbarcazioni di Kodiak. I successi e le sfide dell'Iniziativa Kodiak Jig servono da esempi che possono aiutare altre comunità e flotte di pescatori a sviluppare approcci che rispondano alle loro esigenze specifiche.

*Parole chiave: * Piccola barca pesca jig, Alaska, marketing diretto, politiche della catena del valore, opportunità entry level, accantonamento, accesso diversificato.

L'Alaska è il sito della pesca di fama mondiale che contribuisce alla sostenibilità sociale, culturale ed economica della regione. Più di 6 miliardi di sterline (2,7 milioni di kg metrici) di frutti di mare sono stati estratti dalle acque dell'Alaska nel 2015, il più grande raccolto mai registrato (ASMI, 2017). La flotta di pesca commerciale è costituita da circa 9 000 navi, la maggior parte delle quali ha una lunghezza inferiore a 17,7 metri. Quasi due terzi di queste navi (circa 5 700) hanno una lunghezza inferiore a 32 piedi (9,6 metri) (ASMI, 2017). Nel fornire frutti di mare selvatici ai mercati locali e globali, queste navi fungono anche da amministratori di piccole imprese e risorse locali, offrendo opportunità economiche vitali e promuovendo il collegamento intergenerazionale con il luogo, la cultura e l'identità. Allo stesso tempo, le comunità alieutiche e di pesca dell'Alaska sono fortemente influenzate dal cambiamento climatico e dalla variabilità climatica, dai mercati mondiali del pesce, dalla politica della pesca e dai cambiamenti normativi. Cambiamenti sconcertanti negli ultimi decenni, come il consolidamento della flotta, l'aumento dei costi di ingresso, l'invecchiamento (comunemente indicato come «l'ingrigimento della flotta») e la perdita dei diritti di pesca, hanno ridotto le opportunità e diminuito i mezzi di sussistenza della pesca rurale e locale nella costa dell'Alaska (Donkersloot and Carothers, 2016 ; Ringer et al., 2018; Kamali, 1984; Beaudreau et al., 2019). I sistemi di gestione della pesca che limitano e privatizzano l'accesso sono stati identificati come uno dei principali motori di queste tendenze (Carothers, 2010; Carothers and Chambers, 2012; Pinkerton e Davis, 2016; Davis and Ruddle, 2012).

I responsabili politici della pesca dell'Alaska hanno sviluppato una serie di programmi e disposizioni per affrontare il declino dell'accesso e sostenere le possibilità di pesca su piccola scala nel Pacifico settentrionale (Cullenberg et al., 2017). Alcuni di questi hanno avuto più successo di altri nel fornire accesso e benefici alla pesca basata sulla comunità (Apgar- Kurtz, 2015; Carothers, 2011). Uno di questi è l'iniziativa Kodiak Jig, uno sforzo altamente collaborativo per creare e mantenere opportunità di pesca su piccola scala nel Golfo dell'Alaska. Questo caso di studio mette in evidenza partenariati efficaci e iniziative sinergiche e basate sul mercato che sono state fondamentali per garantire la redditività della flotta di motoscafi Kodiak.

L'esperienza dell'iniziativa Kodiak Jig illustra diverse disposizioni del capitolo 7 delle linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà (linee guida sugli SSF), compresa la garanzia che gli attori post-raccolta facciano parte delle decisioni pertinenti. processo di elaborazione (paragrafo 7.1); sostenere gli sforzi volti a consentire investimenti in infrastrutture adeguate, strutture organizzative e sviluppo di capacità per sostenere il sottosettore della pesca su piccola scala dopo il raccolto nella produzione di frutti di mare di qualità (paragrafo 7.3); sostenere le associazioni di pescatori per promuovere la loro capacità di accrescere i loro meccanismi di sicurezza e di commercializzazione dei redditi e dei mezzi di sussistenza (paragrafo 7.4).

Situato nel Golfo Centrale dell'Alaska, l'arcipelago di Kodiak è costituito dall'isola di Kodiak e da diverse isole circostanti (Figura 2.1). La città di Kodiak si trova sul bordo nord-orientale dell'isola di Kodiak. Con una popolazione di poco più di 6 000 abitanti, è la più grande comunità della regione. Kodiak ospita uno dei porti commerciali più diversi dello Stato e degli Stati Uniti d'America in generale, che rappresenta diverse specie — tra cui salmone, ippoglosso, sablefish, granchio, merluzzo e merluzzo — e molti attrezzi tipi (reti da traino, reti da pesca, sciabiche, canne, palangari, giga, ecc.).

Nel 2015 Kodiak è al terzo posto tra i porti di pesca commerciali americani in termini di valore monetario dei frutti di mare sbarcati (137,5 milioni di dollari) e secondo in termini di volume sbarcato (513,9 milioni di sterline, ovvero 233 milioni di kg) (NMFS, 2017). Circa un terzo di tutti i posti di lavoro a Kodiak sono direttamente collegati alla pesca (Camera di Commercio di Kodiak, 2014). L'infrastruttura di pesca locale per Kodiak City comprende sette trasformatori di pesce a terra che operano tutto l'anno e due porti di imbarcazioni. Più di 700 navi sono portate a casa a Kodiak, ma il porto è in gran parte scalato verso operazioni di pesca industriale e una flotta di reti da traino emersa a metà degli anni '70 dopo la creazione della zona economica esclusiva americana di 200 miglia (ZEE) e la successiva eliminazione graduale della pesca straniera al largo delle coste. Ad esempio, circa 488 milioni di sterline (221 milioni di kg) di frutti di mare sono stati consegnati ai trasformatori Kodiak nel 2014. Di questi, oltre 300 milioni di sterline (136 milioni di kg) sono stati raccolti da 40 pescherecci con reti da traino (McDowell Group, 2016). Le infrastrutture di pesca che possono beneficiare della piccola flotta di Kodiak, compresa l'aggiunta di una piccola gru e di una macchina per il ghiaccio, sono state identificate come obiettivi chiave di sviluppo della comunità dai pescatori locali e dai funzionari della città.

! image-20210521190109777

Le comunità dell'arcipelago di Kodiak comprendono sei villaggi rurali di pescatori di Alutiiq che non sono collegati da strada. Queste comunità hanno persistito per più di 7 500 anni (Knecht e Giordania, 1985) nonostante le ondate dirompenti di colonizzazione russa e americana (Pullar, 2009). Recenti ricerche dimostrano gli impatti devastanti della privatizzazione dell'accesso alla pesca su questi piccoli villaggi nativi dell'Alaska (Coleman et al., 2018; Carothers, 2010). Ringer et al. (2018) nota un calo dell'84 per cento del numero di giovani pescatori di salmone (sotto i 40 anni di età) nei villaggi rurali di pescatori dell'arcipelago di Kodiak rispetto ai livelli storici. 1

Negli ultimi decenni la città di Kodiak ha anche registrato notevoli riduzioni nell'accesso alla pesca e nella partecipazione. Gli impatti della razionalizzazione della pesca del granchio del Mare di Bering e delle Isole Aleutine e dell'introduzione di contingenti di pesca individuali nella pesca di ippoglosso e sablefish sono stati identificati come effetti particolarmente dannosi su Kodiak (Knapp, 2006; Carothers, 2010). L'aumento delle barriere all'ingresso e all'accesso privatizzato è stato descritto come una qualità «intrinseca» di questi programmi (NPFMC, 2017, citato in Ringer et al., 2018). I responsabili della pesca, i legislatori, i membri della comunità e i leader identificano sempre più spesso la perdita locale dei diritti di accesso alla pesca come una questione urgente per lo Stato in generale (Stato dell'Alaska, 2012). Tali tendenze e preoccupazioni costituiscono un importante quadro di riferimento per comprendere l'importanza dell'iniziativa Kodiak Jig per garantire possibilità di pesca su piccola scala, diversificate e entry-level nel Golfo dell'Alaska.

Questo caso di studio illustra i successi e le sfide di un'iniziativa pluriennale di commercializzazione del pesce intrapresa dai pescatori e dai partner di Kodiak, compreso il personale dell'Alaska Marine Conservation Council (AMCC). AMCC è un'organizzazione non-profit con sede in Alaska la cui missione è proteggere l'integrità degli ecosistemi marini dell'Alaska e promuovere comunità costiere sane e dipendenti dall'oceano. Gli autori di questo studio sono attuali ed ex personale AMCC che sono stati impegnati nello sviluppo e sostegno di strategie basate sul mercato e politiche di advocacy discusse in questo studio.

Il case study segue la tempistica generale degli eventi chiave e delle attività del progetto, a cominciare dai successi politici vitali presso il North Pacific Fishery Management Council (NPFMC). Questo lavoro politico ha contribuito a garantire l'accesso alla pesca locale per la flotta di piccole imbarcazioni e ha gettato le basi per iniziative di commercializzazione dei frutti di mare volte ad aumentare il valore pagato ai pescatori per le loro catture e a garantire un accesso continuo alla pesca e benefici per le comunità di pescatori. Tutti i dati relativi alla pesca inclusi in questo studio provengono da richieste di dati al Dipartimento per la pesca e la selvaggina dell'Alaska e alla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), salvo diversa indicazione. Gli autori hanno inoltre esaminato i documenti e le relazioni pertinenti sulla politica della pesca relativi alla creazione di disposizioni in materia di accesso alla pesca su piccola scala. La discussione sulle strategie basate sul mercato, tra cui lo sviluppo di mercati di nicchia, gli sforzi di branding dei frutti di mare e la collaborazione con i trasformatori di pesce, è informata in parte da otto interviste semi-strutturate con pescatori di jig, trasformatori di pesce e altri partner del progetto (ad esempio personale dell'Alaska Sea Grant, Sitka Salmon Azioni, ecc.)

La pesca giga opera nel Golfo Centrale dell'Alaska intorno all'isola di Kodiak. La flotta si rivolge principalmente al merluzzo del Pacifico, al pesce rockfish nero e al crespo. 2 Il pesce rockfish nero viene raccolto utilizzando solo attrezzi speciali. Altri pesci sotterranei (tra cui il pollock, il sablefish, i pesci piatti di acque basse e profonde, la sogliola di rex, la sogliola di testa piatta, la platea dei denti di freccia e il pesce persico dell'oceano Pacifico, tra gli altri) sono mirati commercialmente nel Golfo centrale dell'Alaska utilizzando altri tipi di attrezzi, tra cui reti da traino, palangari e vaso. 3

La flotta di jig è principalmente basata sulla comunità, con la maggior parte della flotta che vive a Kodiak. Il jigging è un metodo a gancio e linea tenuto a mano che coinvolge linee verticali ponderate sospese da bobine inferiori montate su rotaia o macchine da jigging computerizzate (Figura 2.2). I ganci a J o cerchi sono esche con calamari, aringhe e sgombri Atka o conditi con tubi in gomma colorati. Le navi giga utilizzano tra due e cinque macchine con un massimo di 30 ganci per macchina (figura 2.3). 4

! image-20210521190139845

! image-20210521190150248

Il jigging viene effettuato sia in stato (0-3 miglia nautiche dalla riva) che in acque federali (3—200 miglia nautiche dalla riva). Il NPFMC elabora regolamenti per la pesca gestita a livello federale, mentre il comitato per la pesca dell'Alaska elabora regolamenti per la pesca gestita dallo Stato. 5 La gestione del merluzzo bianco e del pesce roccioso nelle acque statali e federali è complessa e coinvolge più entità e piani di gestione, ma nel complesso l'importo del raccolto per ogni settore degli attrezzi è ripartito e distribuito annualmente in base ai limiti di cattura fissati per ogni stock di pesci sotterranei.

Alla fine degli anni 2000, l'NPFMC ha iniziato a considerare potenziali cambiamenti di gestione per il pesce roccioso e il merluzzo bianco nel Golfo dell'Alaska. L'imminente cambiamento ha dato il via a una strategia pluriennale guidata da pescatori di jig con sede a Kodiak, l'Alaska Jig Association (AJA) e AMCC. Tra il 2009 e il 2012, i pescatori e i sostenitori della comunità hanno mantenuto una forte presenza alle riunioni NPFMC e hanno fatto pressioni sul NPFMC per garantire che qualsiasi nuova struttura di gestione in esame includa chiare opportunità entry-level e accesso alla pesca su piccola scala. Il team ha regolarmente presentato commenti scritti e testimonianze verbali alle riunioni NPFMC. Hanno inoltre richiesto diverse riunioni con membri, personale e decisori NPFMC al di fuori delle riunioni formali dell'NPFMC, comprese riunioni con rappresentanti chiave dello Stato dell'Alaska. (Lo Stato dell'Alaska detiene un seggio di voto sul NPFMC). Il NPFMC si riunisce cinque volte all'anno in varie località in Alaska e a Washington e Oregon nel Pacifico nord-occidentale. Viaggiare e partecipare a questi incontri è costoso e dispendioso in termini di tempo. Per i pescatori rurali, in particolare, richiede biglietto aereo, alloggio e tempo lontano dal lavoro. Nei punti decisionali critici durante tutto il processo NPFMC, AMCC e AJA hanno contribuito a garantire la rappresentanza della flotta di giga di piccole imbarcazioni fornendo sostegno finanziario ai pescatori locali per coprire i costi di viaggio e di partecipazione.

Set-asides del settore Jig: merluzzo del Pacifico e pesci rocciosi nel Golfo dell'Alaska

L'impegno diretto nel processo NPFMC è stato ripagato nel 2012 con il passaggio di nuovi piani di gestione della pesca che includevano l'asidi di merluzzo del Pacifico e pesci rocciosi per la flotta di jig.

L'emendamento 83 del piano di gestione della pesca del Golfo dell'Alaska ha autorizzato assegnazioni del settore degli attrezzi che limitano effettivamente la quantità di merluzzo bianco del Pacifico che ciascun settore è autorizzato a raccogliere. Le assegnazioni sono state basate sulla partecipazione storica di operazioni di pesca su larga scala in inverno. Il settore della jig deteneva poca storia delle catture (meno dell'1 per cento) e avrebbe ricevuto una quota ridotta nell'ambito di un processo di allocazione basato esclusivamente sulla cronologia delle catture registrate.

Secondo il nuovo piano, il settore jig riceve una ripartizione iniziale dell'1 per cento del totale ammissibile di cattura (TAC), che viene fuori dall'alto (cioè prima di assegnare ad altri gruppi di attrezzi). Se la flotta di jig cattura il 90% o più dell'1% di set-aside, il settore riceve un ulteriore 1% del TAC per l'anno successivo. Se il settore jig non raccoglie il 90 per cento dell'assegnazione per due anni consecutivi, la quota assegnata al settore jig diminuisce dell'1 per cento e la quota viene raccolta da altri gruppi di attrezzi. In base a questa disposizione «scalinata», l'allocazione della flotta di jig non può scendere al di sotto dell'allocazione iniziale dell'1%. L'assegnazione totale al settore jig è limitata al 6 per cento del TAC. Ciò è significativo: rappresenta un'assegnazione senza precedenti nel Pacifico settentrionale, in quanto offre al settore jig l'opportunità di raccogliere una parte delle catture complessive di gran lunga superiore a quella registrata dalla flotta.

Oltre alla messa a riposo del settore delle gighe del merluzzo del Pacifico, il nuovo piano di gestione limita gravemente il numero di licenze per le flotte di reti da traino e ad attrezzi fissi per la raccolta del merluzzo bianco 6 Le navi jig sono esentate dall'obbligo di possedere una licenza limitata per partecipare alla pesca. L'esenzione jig è stata creata in risposta al contributo delle parti interessate e assicura che la pesca jig rimanga di livello base e accessibile. In un settore caratterizzato da crescenti barriere all'ingresso, i nuovi partecipanti e i giovani pescatori possono accedere alla pesca con l'acquisto di una licenza di 75 USD. Esistono disposizioni aggiuntive per la raccolta del merluzzo bianco del Pacifico nelle acque statali, tra cui restrizioni sugli attrezzi che limitano il raccolto di merluzzo bianco nelle acque statali ai settori del merluzzo bianco (jig) e del merluzzo bianco (pot) 7 Queste restrizioni rappresentano una chiara scelta politica da parte dello Stato dell'Alaska di limitare la raccolta nearshore ai tipi di attrezzi associati a bassi impatti delle catture accessorie e dell'habitat. 8

Rockfish set-asides

Il set-aside dei pesci rocciosi per il settore delle giga fa parte di un più ampio spostamento di gestione verso la privatizzazione della pesca. Il programma Rockfish assegna privilegi esclusivi di raccolta ai pescherecci con reti da traino e trasformatori di cattura per tutte le specie primarie e secondarie di pesci rocciosi. 9 Il programma comprende un ritiro annuale del TAC per la pesca con palangari entry-level, che comprende attrezzi da pesca. Analogamente alla messa a riposo delle quote di merluzzo bianco, il contingente di pesce roccioso aumenta annualmente fino a raggiungere un limite prestabilito per specie. Ad esempio, se la flotta di jig raccoglie il 90 per cento della sua assegnazione di una specie nell'anno precedente, l'assegnazione di messa a riposo aumenta di un importo fisso per ciascuna specie. 10 La tabella 2.1 mostra le assegnazioni iniziali per il 2012 per ciascuna specie primaria di pesci rocciosi, l'aumento incrementale per le stagioni future e il tappo per la pesca con palangari entry-level.

TABELLA 2.1 Ripartizione per la pesca con palangari entrato

Allocazione inizialedelle specie primarie dei pesci rocciosiAumento incrementale per stagione se ≥ 90% dell'allocazione èfino al massimo% del TACpescepersico dell'oceano Pacifico5 tonnellate metriche 5 tonnellatemetriche1%Pesce roccioso settentrionale5 tonnellatemetriche 5 tonnellate metriche2%Scaffale pelagico 30tonnellate metriche5 tonnellate metriche5%

*Fonte: * NOAA Central Gulf of Alaska Rockfish Program Guida informativa 2015.

Nelle acque statali, il raccolto del pesce roccioso nero è limitato a ingranaggi jig. Questa misura è stata attuata per ridurre al minimo l'esaurimento dello stock, che è una specie di lunga vita soggetta a sovrasfruttamento. La pesca del pesce roccioso nero nelle acque statali ha anche una disposizione a bordo del titolare del permesso (proprietario) e un limite per la quantità che può essere raccolta in un periodo di cinque giorni. 11 Queste restrizioni attenuano ulteriormente gli impatti sullo stock diffondendo intenzionalmente il periodo di raccolta, una disposizione che favorisce anche la raccolta pescatori su piccola scala, basati sulla comunità.

***Sintesi dei set asides: successo delle politiche, sfide pratiche

L'inclusione dei contingenti per il settore delle jig nei nuovi piani di gestione del merluzzo bianco del Pacifico e del pesce roccioso nel Golfo dell'Alaska è stata il risultato di un impegno costante e diretto nel processo decisionale da parte degli stessi pescatori. Questo impegno è stato sostenuto da una partnership chiave con AMCC che ha fornito finanziamenti, capacità e competenze necessarie per garantire la partecipazione degli stakeholder locali al processo decisionale. Altrettanto importante è stato il sostegno dello Stato dell'Alaska, che ha contribuito a far progredire le disposizioni volte a garantire l'accesso alla pesca su piccola scala durante tutto il processo decisionale.

Il jigging non richiede un investimento di capitale elevato ed è quindi una buona opportunità per i pescatori giovani e di comunità di guadagnare reddito per l'ingresso in altre attività di pesca (diversificando così i loro portafogli). Nel 2012 vi erano 145 pescherecci jig partecipanti alla pesca del merluzzo bianco (tabella 2.2), in aumento rispetto alle 81 navi del 2010. In alcuni casi, i set-asidi funzionano come previsto. Essi offrono ai pescatori nuovi e giovani un'opportunità a basso costo che facilita l'ingresso in altre attività di pesca, soprattutto il salmone. Ma la pesca jig non è senza le sue sfide. Quando nel 2012 sono stati introdotti gli asidi set-asidi, i bassi prezzi delle banchine per le specie di merluzzo bianco del Pacifico e pesci rocciosi costituivano chiari ostacoli per i piccoli pescatori che non erano in grado di mitigare i prezzi bassi con volumi più elevati. In breve, i set-asides hanno fornito l'accesso, garantendo opportunità per i pescatori di piccole imbarcazioni attuali e futuri, ma il mercato ha reso le opportunità marginali. Il prezzo franco nave non è stato sufficiente a fornire un reddito redditizio ai pescatori che raccolgono piccoli volumi. Tra il 2011 e il 2018, il prezzo medio per libbra per il pesce roccioso nero è stato di USD 0,45. Per il merluzzo bianco del Pacifico e il pesce roccioso, il prezzo medio di questi anni è stato rispettivamente di 0,37 USD e di 0,30 USD.

La partecipazione alla pesca della giga varia notevolmente da anno a anno (tabella 2.2). Questa variabilità è legata sia al prezzo per libbra che alla disponibilità di azioni nearshore. Per affrontare le sfide del mercato, i pescatori di jig in collaborazione con AMCC hanno riorientato i loro sforzi, ispirandosi inizialmente alle sfide di accesso. Questa volta la partnership si è concentrata sullo sviluppo di iniziative basate sul mercato volte ad aumentare la redditività della pesca jig e generare un maggiore impatto sociale, economico e ambientale, sfruttando le sue risorse chiave: una flotta comunitaria di proprietari, attrezzi a basso impatto e tecniche di raccolta ( cioè gancio e lenza curati a mano) che offrono frutti di mare di altissima qualità.

TABELLA 2.2 Sforzo del merluzzo Pacifico dell'acqua statale, livello di raccolta e raccolta, 2002—2018 Kodiak Areastate-Acque Pacific Merluzzo Jig Gear sforzo, Guideline Harvest Level (GHL), e raccolto, per anno, 2002-2018AnnoNaviSbarchiGHL (libbre)Raccolto (sterline%di GHL raccolto 200251 3404 365 1531 389 83831.820031006883 995 8783 195 60580,020041209614 932 8434 210 28485.420051178494 563 1554 570 327100,22006774775 218 4801 446 88127.72007634575 218 4801 249 75323.92008766475 222 3382 042 082 39.12009948334 343 2444 450 423102.52010817076 757 4446 504 73396.320111329807 415 2487 135 46696.22012 1451 1607 845 7017 938 727101.22013551996 791 340587 9428.72014775207 316 5833 170 71343.32015100810 8 449 2163 879 53745.920161087476 794 6473 327 88749.0201723506 087 452101 9911.7201810211 118 55929 016 2.61997-2018 media876385 542 2742 985 77252,02014—2018 media644305 953 2912 101 82928,5

*Fonte: * Dipartimento di pesce e selvaggina dell'Alaska.

La creazione di Kodiak Jig Seafoods

Nel 2012, AMCC ha ricevuto una sovvenzione di due anni per un importo di 90 000 USD dalla National Fish and Wildlife Foundation. La sovvenzione ha fornito un finanziamento fondamentale a sostegno di un'iniziativa di marketing intesa a garantire che i benefici delle disposizioni politiche combattute in modo duro raggiunte in sede di NPFMC potessero essere pienamente realizzati. L'obiettivo primario era quello di creare un marchio basato sulla differenziazione dei prodotti del merluzzo bianco e del pesce roccioso raccolti mediante jigging dai prodotti raccolti dalla flotta industriale, che utilizza attrezzi con un maggiore impatto ambientale. (Le linee verticali curate a mano utilizzate nel jigging determinano basse catture accessorie e un impatto minimo sull'habitat del fondo marino). L'obiettivo finale era quello di migliorare le opportunità di pesca entry-level per i pescatori locali e attenti alla conservazione di Kodiak attraverso un approccio basato sul mercato che aumenta la redditività della pesca jig. Per due anni, i pescatori jig hanno collaborato con AMCC e altre entità competenti (identificate di seguito) per promuovere una strategia multipla per raggiungere questo obiettivo. Le attività chiave del progetto includono: identificare il potenziale del mercato, migliorare la qualità dei prodotti, migliorare le prestazioni di conservazione, raccontare efficacemente la storia attraverso il branding e la sensibilizzazione e creare un'attività guidata dai pescatori.

Per cominciare, AMCC e pescatori di jig hanno lavorato con chef, ristoranti e distributori di pesce in Alaska e lungo la costa occidentale degli Stati Uniti d'America per identificare e sviluppare mercati di nicchia, sottolineando al contempo le qualità sociali e ambientali della pesca. I pescatori Jig hanno inoltre collaborato con esperti di qualità dei frutti di mare dell'Alaska Sea Grant per definire le buone pratiche e modificare il comportamento di pesca quando necessario. I pescatori Jig hanno modificato i loro ponti di pesca (ad esempio aggiungendo contenitori e rampe per immersione in vivo nella stiva per ridurre al minimo i lividi) e hanno implementato misure di controllo della qualità per garantire la consegna sul mercato di frutti di mare di alta qualità. Ad esempio, le navi giga ora fanno brevi viaggi (massimo tre giorni), e tutti i pesci vengono macchiati e immersi nel ghiaccio fango per un rapido raffreddamento. Più in generale, i pescatori aderiscono a specifiche norme di manipolazione dal momento in cui il pesce esce dall'acqua. I pescatori portano delicatamente ogni pesce sopra la rotaia senza lasciarlo cadere più di 15,24 cm. I pescatori affettano immediatamente le piastre di branchia e mettono il pesce nel ghiaccio fango per un minimo di 15 minuti prima di trasferirlo nella stiva dove ogni pesce è confezionato nel ghiaccio. Anche i pescatori locali hanno lavorato con AMCC e Alaska Sea Grant per sviluppare linee guida per la conservazione e migliorare le prestazioni di conservazione. Tra gli esempi figurano l'evitare i punti caldi delle specie non bersaglio condividendo informazioni e il rilascio dei pesci da scartare con il minimo infortunio.

Uno degli obiettivi principali del progetto era quello di comunicare i valori sociali e ambientali della pesca in modo tale da collegare i consumatori ai pescatori. Il team ha collaborato con i ristoranti e gli chef del centro di Anchorage per ospitare cene «Meet Your Fishermen», presentate a conferenze, e ha sviluppato diversi materiali stampati e online (tra cui un sito web: www.kodiakjig.org).

L'Alaska Sea Grant Marine Advisory Program (MAP) è stato un partner chiave in molti di questi sforzi. Il Seafood Marketing Specialist con sede a Kodiak si è incontrato molte volte con AMCC e AJA nel corso del progetto, fornendo approfondimenti e raccomandazioni che vanno dalla pianificazione aziendale al marketing dei frutti di mare, alla qualità e alla manipolazione dei frutti di mare. Nel 2012, MAP ha anche ospitato un workshop, «Differenziando il prodotto di pesce dai tuoi concorrenti», e ha contribuito a finalizzare le linee guida per la qualità e la gestione adottate dai pescatori Kodiak Jig Seafoods.

Fin dall'inizio, il team aveva immaginato un business guidato dai pescatori come un risultato chiave. I partner del progetto hanno ospitato diversi incontri per discutere la costituzione di una cooperativa o di una società a responsabilità limitata (LLC) come struttura aziendale necessaria per portare sul mercato i prodotti ittici e maggiori benefici per i pescatori stessi. Nel corso del progetto è diventato chiaro che la maggior parte dei pescatori di jig voleva rimanere pescatori, e aveva poco interesse a rimanere a terra per gestire quel lato dell'attività. Per rendere conto di questo, il team ha spostato il corso con AMCC fornendo un ruolo di leadership nella gestione del business onshore. AMCC gestisce un Community Supported Fishery (CSF) in Alaska e ha portato una preziosa esperienza e capacità nella gestione di aspetti chiave del business del pesce, tra cui lavorare con processori, spedizione e stoccaggio, marketing e distribuzione di pesce, servizio clienti e vendite.

Alla fine del progetto biennale finanziato dalla National Fish and Wildlife Foundation (NFWF), i pescatori di jig e il personale dell'AMCC avevano sviluppato un piano di marketing; un marchio di pesce, un logo e un sito web; standard di sostenibilità e linee guida per la qualità e la gestione dei pescatori partecipanti. Questo è stato l'inizio di Kodiak Jig Seafoods (KJS; Figura 2.4).

! image-20210521190413208

Proteggere i partner di processori su piccola scala in una porta su larga scala

Uno degli aspetti più importanti e impegnativi dello sforzo di marketing è stato trovare un processore Kodiak per collaborare con che aveva sia la capacità e l'interesse per il processo personalizzato piccole consegne di frutti di mare. Anche se Kodiak è uno dei più grandi porti di pesca della nazione con lavorazione dei frutti di mare tutto l'anno, le infrastrutture di pesca locali sono principalmente orientate verso la pesca su larga scala e ad alto volume. Trovare un processore disposto e interessato all'elaborazione personalizzata ad alta intensità di manodopera rimane una sfida fondamentale per il marketing di pesce su piccola scala a Kodiak.

Sulla base delle ricerche di mercato e della domanda dei clienti, KJS si è concentrata su filetti sottovuoto, senza pelle e disossati da 0,45-0,90 kg. Ogni filetto è stato etichettato con il logo KJS, insieme al nome della nave e ad altre informazioni richieste sul prodotto. 12 Le discussioni iniziali con un piccolo processore con accesso sul lungomare sono iniziate bene, con un contratto verbale per la prossima stagione. Prima dell'inizio della stagione, tuttavia, questo processore è stato acquistato da un processore di grandi dimensioni con un modello di business costruito su volumi più grandi e l'invio di prodotti in Cina per l'elaborazione secondaria. I nuovi proprietari non erano disposti ad accettare le esigenze di elaborazione personalizzata di KJS. I pescatori Jig si sono poi incontrati con tutti i processori su larga scala lungo il lungomare di Kodiak, sempre con la stessa richiesta, ma nessuno è stato in grado di soddisfare le sue esigenze di elaborazione personalizzata. Alla fine è stato trovato un modo per andare avanti con due piccoli processori. Nessuno dei due era stato coinvolto nella lavorazione personalizzata per il settore jig (concentrandosi invece sul pesce affumicato e in salamoia), ma entrambi erano interessati e favorevoli all'iniziativa. Con l'elaborazione sicura, KJS ha lanciato le vendite nel 2014.

Lavorare con due piccoli processori ha creato una propria serie di sfide. Ad esempio, uno dei trasformatori non si trovava sul lungomare, quindi dovevano essere prese disposizioni per scaricare e filettare il pesce in un trasformatore, e poi portare i sacchi ghiacciati di filetti in borse isolate dall'altra parte della strada con un carrello elevatore per l'elaborazione personalizzata. La chiave per il successo operativo è stato avere il personale con sede a AMCC Kodiak fornire capacità vitale nel seguire il prodotto dal momento in cui è stato scaricato da una nave giga, attraverso la lavorazione, in congelatori e infine su aerei diretti al mercato.

L'accordo con i due piccoli processori ha funzionato bene fino a quando lo stesso processore di grandi dimensioni che aveva acquistato il partner iniziale di elaborazione KJS ha acquistato anche il processore che stava scaricando e filettando il prodotto KJS prima dell'elaborazione personalizzata. Questo e altri fattori hanno contribuito alla fine di questo accordo di trasformazione. Durante questo periodo, KJS ha iniziato a lavorare con un altro processore personalizzato, Kodiak Island WildSource. WildSource è di proprietà della tribù Sun'aq di Kodiak. Nonostante alcune difficoltà (ad esempio, l'impianto non aveva ghiaccio e si trovava al terzo piano di un magazzino), il nuovo accordo funzionava bene. KJS è stata in grado di acquistare ghiaccio e pagare per l'uso di una gru su un molo privato. La maggior parte del lavoro di pesca giga avviene in primavera — un tempo lento per WildSource, che si concentra principalmente sul fumo di salmone. Le consegne Jig prevedevano maggiori possibilità di lavorazione per i lavoratori residenti presso il piccolo trasformatore. Questa disposizione ha funzionato bene fino a quando un incendio ha spazzato attraverso il magazzino e l'intera struttura è stata considerata una perdita totale. Fortunatamente, durante questo periodo WildSource era in trattative per comprare un piccolo pezzo di lungomare. La ricostruzione di un molo e di una struttura fatiscenti in questo sito fanno parte del loro business plan a lungo termine.

Nonostante le sfide di elaborazione derivanti dall'accesso limitato a un lungomare dominato da processori su larga scala, il mercato dei prodotti KJS continua a crescere. Fin dalla sua nascita nel 2014, AMCC ha pagato tra il 30 e il 200 per cento sopra il prezzo del molo ai pescatori Kodiak jig. Questo intervallo di aumento dei prezzi dipende dall'anno, dalle specie bersaglio e dai tassi di ripresa, nonché dalla domanda del mercato. Ad esempio, AMCC ha pagato 0,20 USD a 0,25 USD per libbra rispetto al prezzo del dock per il merluzzo. Per i pesci rocciosi neri, l'AMCC ha aumentato il valore per i pescatori da 0,30 USD rispetto al prezzo della banchina in passato a 0,55 USD per libbra nel 2018. Per i pesci rocciosi crespi, AMCC paga pescatori jig USD 0,70 oltre il prezzo dock.

Il prodotto di KJS è stato inizialmente venduto a ristoranti e rifugi in Alaska, e diretto ai consumatori attraverso Catch 49, Community Supported Fishery di AMCC. 13 Catch 49 è strutturato come un'impresa sociale volta ad aiutare i pescatori locali dell'Alaska ad aumentare la redditività, premiando le prestazioni ambientali, e sostenere le possibilità di pesca locali. Il QCS si basa su importanti collegamenti nei sistemi alimentari dell'Alaska, collegando più direttamente chef e consumatori con pescatori orientati alla tutela della comunità. 14 Catch 49 serve solo ai mercati dell'Alaska. I proventi della Catch 49 beneficiano del lavoro dell'AMCC, fornendo al contempo ai pescatori un prezzo migliore per le loro catture. I pescatori che partecipano al programma Catch 49 ricevono dal 30 al 200 per cento in più per le loro catture di quanto non farebbero altrimenti. Ad oggi, hanno venduto circa 75 000 sterline (circa 34 000 kg) di pesce rosso e 57 000 sterline (25 854 kg) di merluzzo bianco del Pacifico agli abbonati del CSF e ai ristoranti dell'Alaska.

Nel 2017, un'indagine biennale di valutazione degli stock condotta dal National Marine Fisheries Service ha mostrato una scoperta inaspettata. Golfo di Alaska abbondanza di merluzzo era in forte declino. Questo declino è stato legato alle acque più calde del Golfo dell'Alaska chiamato «blob caldo». L'indagine ha mostrato la biomassa più bassa da quando l'indagine è iniziata nel 1984. Questo calo è stato improvviso, inaspettato e sufficiente a giustificare una riduzione dell'80% dei limiti di cattura del merluzzo del Pacifico.

Il crollo del merluzzo bianco nel Golfo dell'Alaska ha contribuito a un notevole calo dei pescherecci attivi che raccolgono merluzzo bianco, passando da 108 navi nel 2016 a 10 nel 2018 (tabella 2.2). In quanto pescatori vicini alla costa, la flotta di giga è stata la prima a richiamare l'attenzione sul declino del merluzzo bianco nel Golfo dell'Alaska, in quanto non sono stati in grado di raccogliere abbastanza merluzzo per rendere la pesca praticabile. Ad esempio, nel 2012, la flotta di jig ha raccolto poco più del 100 per cento del livello del raccolto nelle acque statali (tabella 2.2). L'anno successivo, nel 2013, la flotta ha raccolto solo il 9 per cento. Nel 2017 e nel 2018, la flotta ha raccolto meno del 3% del livello di raccolta stabilito. Il declino del merluzzo ha costretto alcuni pescatori a vendere le loro navi; altri si sono allontanati dall'isola, mentre altri hanno cercato di compensare la perdita con un ulteriore impiego in posti di lavoro terrestri, o prendendo di mira altre specie con attrezzi da pesca (ad esempio pesci rocciosi). Per i restanti, il declino del merluzzo ha sottolineato l'importanza di un accesso diversificato per la flotta di piccole imbarcazioni. Inoltre, ha reso il ritiro dei pesci rocciosi sempre più vitale per i pescatori di piccole imbarcazioni.

Nel 2017, un nuovo acquirente ha iniziato a lavorare con i pescatori di jig Kodiak per espandere il mercato e offrire prodotti a base di pesce pescato da jig-pescato alla sua base clienti nel Midwest. Fondata nel 2012, Sitka Salmon Shares è un business integrato, «barca a porta», guidato dai valori. L'azienda è specializzata nella fornitura di frutti di mare sostenibili di alta qualità da piccoli pescatori nel sud-est e in altre parti dell'Alaska ai clienti tramite un modello CSF. Sitka Salmon Shares ha assunto una posizione di leadership precoce nel mercato del pesce consegnato in casa, e nel 2019 l'azienda dovrebbe avere circa 9 000 clienti nel Midwest e in altre parti del paese. Le specie di pesci rocciosi catturate da Kodiak-jig sono state fortemente incorporate nelle azioni del CSF dell'azienda, creando una forte opportunità di mercato per questa pesca su piccola scala. La società è ora il più grande acquirente di pesci rocciosi pescati da Jig-catturato di Kodiak, e ha costantemente pagato dal 30 al 100 per cento sul prezzo di banchina per varie specie di pesci rocciosi catturati da jig-fish. Ciò ha creato un notevole vantaggio finanziario per i pescatori locali, che hanno registrato aumenti fino a 8 000 USD a 11 000 USD in una determinata stagione 15.

Il 2019 ha visto il prezzo più alto per libbra mai pagato ai pescatori di jig a Kodiak per i pesci rocciosi. Una percentuale significativa del raccolto delle gighe di pesce roccioso è ora sbarcata a un prezzo più elevato, destinato ai mercati sviluppati da Catch 49 e Sitka Salmon Shares. Il mercato è in crescita e aiuta a rafforzare i pescatori locali, in particolare contro le difficoltà derivanti dalla perdita delle possibilità di pesca del merluzzo bianco.

Oltre agli approcci politici e di mercato discussi sopra, i pescatori di Kodiak sono anche in prima linea di altre misure basate sulla comunità per offrire infrastrutture, stabilità e opportunità di mercato ai piccoli pescatori di Kodiak.

In primo luogo, i pescatori di jig hanno portato gli sforzi per rivedere una vecchia ordinanza della città di Kodiak che impediva ai pescatori di condurre affari fuori dalle loro navi nel porto. Hanno fatto circolare una petizione chiedendo una modifica dell'ordinanza che avrebbe permesso loro di vendere il pesce dalle loro barche seguendo tutti i requisiti statali e federali. Se la petizione avesse successo, offrirebbe ai membri della comunità l'opportunità di acquistare pesce fresco e a prezzi accessibili nel porto e avere la possibilità di parlare con i pescatori; aumentare il valore del porto per aumentare i margini di profitto; e servire anche come mezzo per vendere piccole quantità di pesce direttamente al momento dell'arrivo in porto con un piccolo carico. I pescatori Jig hanno organizzato e frequentato regolarmente incontri con il Comitato Porti e Porti e il Consiglio Comunale per spiegare l'intento e i risultati positivi previsti per la comunità. L'ordinanza riveduta è passata nel 2018. Per la prima volta dopo decenni, i pescatori possono ora vendere legalmente pesce dalle loro barche a Kodiak.

Anche i pescatori Jig sono stati attivamente impegnati in un'iniziativa comunitaria volta a migliorare le infrastrutture locali della pesca mediante l'aggiunta di una gru comunitaria. Questa discussione era in corso nella comunità di Kodiak per molti anni, mentre i pescatori cercavano un metodo indipendente per scaricare le loro catture. Dato che la maggior parte delle piccole imbarcazioni che partecipano anche alla pesca del salmone con un rapporto consolidato di trasformatori, la possibilità di richiedere l'uso di una gru dai grandi trasformatori era raramente un problema, ma è stato chiesto un favore. I pescatori hanno sostenuto la creazione di un lungomare funzionante che includa le infrastrutture necessarie per la realizzazione di piccoli raccoglitori indipendenti. Ancora una volta, i pescatori di jig sono stati impegnati in ogni momento del processo decisionale. Nel 2018 è stata eretta una gru ad uso pubblico in un molo polivalente nel porto principale.

Una terza iniziativa attualmente in corso nasce da una sessione di pianificazione di un giorno nel 2015, durante la quale i membri della comunità hanno identificato e votato due idee che migliorerebbero la qualità della vita a Kodiak. Una cooperativa di cibo locale ha vinto uno dei voti. I membri della comunità volevano una cooperativa per servire come luogo di ritrovo e come luogo per acquistare prodotti locali e frutti di mare. La Co-op Kodiak Harvest è stata istituita e sono in corso lavori per aprire una vetrina. Molti pescatori di jig sono membri della cooperativa e coinvolti nel piano di commercializzazione dei frutti di mare. Mentre vengono raccolti fondi per la vetrina, i mercati settimanali degli agricoltori in primavera, estate e autunno servono come mezzo per i pescatori e gli agricoltori per vendere direttamente ai consumatori locali, offrendo ai consumatori e ai mietitori l'opportunità di incontrarsi di persona e costruire relazioni.

Il successo dell'iniziativa Kodiak Jig dimostra la forza di iniziative dirette dalla comunità e dai pescatori volte a migliorare l'accesso e le opportunità di mercato per i piccoli pescatori. Al centro di questi sforzi è stato un approccio di marketing che sottolinea non solo dove il pesce è stato raccolto e da chi, ma come è stato raccolto. La differenziazione dei prodotti a base di pesce pescato in jig-catch da una pesca di volume più elevato e di valore inferiore, come la pesca a strascico, è stata fondamentale per lo sviluppo di mercati di nicchia che valorizzano la comunità e la sostenibilità ambientale, e può essere considerata una buona pratica. Detto questo, basare un piano di marketing del pesce su prodotti lavorati su piccola scala e personalizzati in luoghi come Kodiak crea una serie di sfide. Gli atterraggi ad alto volume di altri tipi di attrezzi dominano il mercato e i programmi di elaborazione, e la flotta di jig è marginalizzata nella sua capacità di competere. Stabilire relazioni di fiducia con i trasformatori locali del pesce, garantire l'accesso del pubblico al lungomare di lavoro e sostenere gli investimenti in infrastrutture a beneficio della pesca su piccola scala sono fondamentali per il successo di questo tipo di iniziative di marketing.

Come caso di studio, l'iniziativa Kodiak Jig illustra diversi aspetti degli orientamenti sugli SSF. Tra i più centrali: garantire che gli attori post-raccolta facciano parte dei pertinenti processi decisionali (paragrafo 7.1); sostenere gli sforzi volti a consentire investimenti in infrastrutture adeguate, strutture organizzative e sviluppo delle capacità (paragrafo 7.3); sostenere le associazioni di pescatori per promuovere la loro capacità di accrescere i loro meccanismi di sicurezza e di commercializzazione dei redditi e dei mezzi di sussistenza (paragrafo 7.4). Questo studio illustra il potere dei partenariati e l'impegno diretto nei processi decisionali che influiscono sui mezzi di sussistenza della pesca locale — un'altra buona pratica, che serve da esempio che può aiutare altre comunità e flotte di pescatori a sviluppare approcci che rispondano alle loro esigenze specifiche. Allo stesso modo, questo caso di studio dimostra le sfide e i cambiamenti molto reali che i piccoli pescatori continueranno ad affrontare alla luce di fattori ambientali ed economici che sono al di fuori del loro controllo. Le acque più calde del Golfo dell'Alaska che attualmente contribuiscono al declino del merluzzo bianco continueranno a creare incertezza nella pesca, sottolineando l'importanza di un accesso diversificato per adeguarsi alle mutevoli condizioni. Questa e altre sfide descritte sopra richiederanno soluzioni collaborative e creative. L'iniziativa Kodiak Jig chiarisce che le soluzioni alla sostenibilità della pesca su piccola scala devono essere tanto diverse quanto le sfide. C'è una crescente domanda del mercato di prodotti con chiari benefici economici, comunitari, culturali e ambientali, e la pesca su piccola scala è ben posizionata per soddisfarla.

Ringraziamo la flotta di jig Kodiak per aver condiviso il loro tempo, conoscenza e visione a questo progetto, in particolare Darius Kasprzak, Ryan Horwath, Leonard Carpenter, Shawn Dochtermann, Alexus Kwachka e Dave Kubiak. Un enorme ringraziamento va a Kelly Harrell, ex direttore esecutivo dell'Alaska Marine Conservation Council, la cui leadership ha guidato lo sviluppo sia di Kodiak Jig Seafoods che di Catch 49. Ringraziamo anche il personale dell'Alaska Sea Grant Quentin Fong, Chris Sannito e Julie Matweyou per aver condiviso le loro competenze in materia di garanzia della qualità, gestione dei frutti di mare e sviluppo del business del pesce. Stephanie Webb e la rete comunitaria di pesca fondata da Ecotrust e Island Institute hanno fornito un prezioso sostegno nelle prime fasi di questo lavoro. Il Dipartimento per la pesca e la selvaggina dell'Alaska e il Servizio nazionale per la pesca marittima hanno fornito i dati riportati in questo documento. Infine, ringraziamo i nostri partner di lavorazione, in particolare Barb Hughes e Bill Alwert, che hanno aiutato a elaborare su misura il nostro primo prodotto con il marchio Kodiak Jig Seafoods.

Apgar-Kurtz, B. 2015. Fattori che influenzano la proprietà dei permessi locali a Bristol Bay. Politica Marina, 56:71—77.

ASMI (Alaska Seafood Marketing Institute) . 2017. Il valore economico dell'industria ittica dell'Alaska. Preparato dal gruppo McDowell. (disponibile all'indirizzo < https://www.alaskaseafood.org/wp-content/uploads/2015/10/AK-Seadfood-Impacts-Sep2017-Final-Digital-C.pdf >).

Beaudreau et al. 2019. Trent'anni di cambiamenti e il futuro della pesca dell'Alaska: cambiamenti nella partecipazione alla pesca e nella diversificazione in risposta alle pressioni ambientali, regolamentari ed economiche. Pesce e pesca, 20 (4). (disponibile https://doi.org/10.1111/faf.12364).

Carothers, C. 2010. Tragedia della mercificazione: transizioni nelle comunità di pescatori di Alutiiq nel Golfo dell'Alaska. *Studi marittimi (MAST) *, 90 (2): 91-115.

Carothers, C. 2011. Equità e accesso ai diritti di pesca: esplorazione del programma comunitario dei contingenti nel Golfo dell'Alaska. Organizzazione umana, 70 (3): 213—223.

Carothers, C. & Chambers, C. 2012. Privatizzazione della pesca e rifacimento dei sistemi di pesca. Ambiente e società: progressi nella ricerca, 3:39—59.

Coleman, J., Carothers, C., Donkersloot, R., Ringer, D., Cullenberg, P. & Bateman, A. 2018. La prossima generazione di potenziali pescatori dell'Alaska: un'indagine sugli atteggiamenti giovanili nei confronti della pesca e della comunità nella baia di Bristol e nell'arcipelago di Kodiak. Studi marittivi, 18:47—63. (disponibile all'indirizzo https://doi.org/10.1007/s40152-018-0109-5).

Cullenberg, P., Donkersloot, R., Carothers, C., Ringer, D. & Coleman, J. 2017. *Rivolgere la marea: Come può l'Alaska affrontare l' «ingrigimento della flotta» e la perdita dell'accesso alla pesca rurale? Una revisione dei programmi e delle politiche per affrontare le sfide relative all'accesso alle attività di pesca dell'Alaska Rapporto finanziato dal North Pacific Research Board e Alaska Sea Grant. (disponibile all'indirizzo < http://meetings.npfmc.org/CommentReview/DownloadFile?p=dd81091d-b9bc-4bd8-b929-e140c40ad41f.pdf&fileName=C6%20Turning%20the%20Tide%20Nov.2017.pdf >).

Davis, A. & Ruddle, K. 2012. Massaggiare la miseria: approcci recenti alla governance della pesca e al tradimento della pesca su piccola scala. Organizzazione umana, 71 (3): 244-254. (disponibile all'indirizzo https://doi.org/10.17730/humo.71.3.205788362x751128).

Donkersloot, R. & Carothers, C. 2016. L'ingrigimento della flotta peschereccia dell'Alaska. Ambiente: scienza e politica per lo sviluppo sostenibile, 58 (3): 30—42.

** Kamali, N.** 1984. * Alaska Natives and Limited Fisheries of Alaska: Uno studio sui cambiamenti nella distribuzione della proprietà dei permessi tra i nativi dell'Alaska, 1975-1983*. Relazione 84-8 della Commissione per l'ingresso della pesca commerciale

Knapp, G. 2006. Impatti economici della razionalizzazione del granchio BSAI sull'occupazione e sui guadagni della pesca Kodiak e sulle imprese Kodiak. Un'analisi preliminare. Pubblicazione ISER. Università dell'Alaska, Anchorage. (disponibile a < https://pubs.iseralaska.org/media/c6c183bb-3be8-430e-83b3-f6c5a5773a3c/Knapp_Kodiak_Crab_Rationalization_Final_Report.pdf >)

Knecht, R.A. & Jordan, R.H. 1985. Nunakakhnak: un villaggio storico di Koniag a Karluk, isola di Kodiak, Alaska. *Antropologia artica, * 22 (2): 17—35.

Camera di Commercio di Kodiak. 2014. Profilo della comunità Kodiak e indicatori economici 4° trimestre 2013. Kodiak, Stati Uniti d'America.

McDowell Group. 2016. Impatto economico dell'industria del pesce sul Kodiak Island Borough. Preparato per il distretto dell'isola di Kodiak e la città di Kodiak. Giugno 2016. (disponibile a < http://www.mcdowellgroup.net/wp-content/uploads/2017/10/kodiak-island-borough-fisheries-economic-analysis-final.pdf >)

NMFS (National Marine Fisheries Service) . 2017. Pesca degli Stati Uniti, attuale statistica della pesca n. 2016. A. Lowther & M. Liddel, eds. Silver Spring, Stati Uniti d'America

NPFMC (Consiglio di gestione della pesca del Pacifico settentrionale) . 2017. Revisione del programma decennale per il programma di gestione della razionalizzazione del granchio nel Mare di Bering e nelle Isole Aleutine. Draft finale. (disponibile all'indirizzo https://www.npfmc.org/wp-content/PDFdocuments/catch_shares/Crab/Crab10yrReview_Final2017.pdf)

Pinkerton, E. & Davis, R. 2015. Neoliberalismo e la politica di recinto nella pesca su piccola scala nordamericana. Politica Marina, 61:303-312.

Pullar, G. 2009. Etnografia storica dei villaggi kodiak ottocenteschi. A S. Haakanson, Jr & A. Steffian, eds. * Giinaquq come un volto: Maschere Sugpiaq dell'arcipelago Kodiak, pp. 41—60. Fairbanks, USA, Università dell'Alaska Press.

Ringer, D., Carothers, C., Donkersloot, R., Coleman, J. & Cullenberg, P. 2018. Per le generazioni a venire: esplorare l'accesso alla pesca locale e la redditività della comunità nell'arcipelago di Kodiak. Politica Marina, 98:97—103. (disponibile a < https://doi.org/10.1016/j.marpol.2018.09.009 >)

Stato dell'Alaska. 2012. HCR18 — Programmi di pesca commerciale. http://www.akleg.gov/basis/Bill/Detail/27?Root=HCR%2018#tab1_4 (20 maggio 2019).

Ufficio del censimento degli Stati Uniti. Fatti rapidi: Kodiak Island Borough Population Stima.

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


  1. Questo studio utilizza il termine convenzionale «pescatore» per riferirsi a una mietitrice commerciale di qualsiasi genere. Sia gli uomini che le donne partecipano alla pesca dell'Alaska come mietitori, ma c'è una forte preferenza per il termine pescatore, più pescatore o pescatore 

  2. Il settore della giga raccoglie anche pesci rocciosi scuri, pesci rocciosi a coda gialla e altri come catture accidentali. 

  3. Altre specie bersaglio per la pesca di pesci sotterranei del Golfo dell'Alaska includono: pesce roccioso più cortosa/ruvido, pesce roccioso settentrionale, pesce roccioso «altro pendio», pesce roccioso ripiano pelagico, pesce rockfish demersale, spinoso sgombro Atka, calamari, sculpin, squalo, polpo e pattino. 

  4. il numero massimo di macchine che possono essere utilizzate per nave è di cinque, con eccezioni limitate nella pesca federale. 

  5. Il NPFMC è uno degli otto consigli regionali istituiti dalla legge Magnuson-Stevens Fishery Conservation and Management Act nel 1976 per gestire la pesca nella ZEE di 200 miglia. 

  6. Si veda l'emendamento 86 a https://www.federalregister.gov/documents/2011/03/22/2011-6723/fisheries-of- the-exclusive-economic-zone-off-alaska-gulf-of-alaska-license-limitation-program. 

  7. il livello di raccolta delle linee guida (GHL) per il merluzzo bianco del Pacifico nelle acque statali della zona di Kodiak è pari al 12,5 per cento del raccolto totale ammissibile stimato di merluzzo del Pacifico per l'area federale del Golfo centrale dell'Alaska. Questo è suddiviso tra i settori jig e pot cod. 

  8. Vedi pagina 49 a www.adfg.alaska.gov/static/regulations/fishregulations/pdfs/commercial/20192020cf\ _ groundfish_regs.pdf. 

  9. Le specie primarie sono costituite da pesci rocciosi settentrionali, pesce persico dell'oceano Pacifico e pesce roccioso ripiano pelagico (cambiato in pesce roccioso nel 2012). Le specie secondarie sono costituite da merluzzo del Pacifico, pesci rocciosi, pesci rocciosi, sablefish e spinoso. 

  10. < https://alaskafisheries.noaa.gov/sites/default/files/rockfish-faq.pdf > e < https://alaskafisheries.noaa.gov/fisheries/central-goa-rockfish-program >. 

  11. i pescatori non possono avere a bordo o vendere più di 5 000 libbre (peso rotondo) di pesce rosso nero entro un periodo di cinque giorni. 

  12. le informazioni sul prodotto richieste dalla Food and Drug Administration sono incluse per informare i consumatori sul contenuto del prodotto e per prevenire frodi, false dichiarazioni e concorrenza sleale. Tutti i processori seguono lo stesso insieme di regole nell'etichettatura. Tutti devono essere conformi alle normative del Dipartimento di Conservazione Ambientale e devono contenere un sistema di Punto Critico di Controllo di Analisi dei Rischi. Tutte le elaborazioni personalizzate di KJS sono state eseguite con processori consolidati conformi a tutte le normative a causa del costo e della complessità della navigazione nell'attività di elaborazione. 

  13. Prima del 2017, il CSF era formalmente chiamato Catch of the Season. 

  14. Con la dicitura «Seafood caught by Alaskans for Alaskans», il CSF offre ai suoi abbonati altri prodotti ittici raccolti dai pescatori dell'Alaska, come salmone, granchio, ippoglosso e gamberi spot. 

  15. Sitka Salmon Shares offre anche posizioni azionarie in azienda ai pescatori, e attualmente ha un pescatore Kodiak jig come proprietario. I pescatori proprietari hanno anche l'opportunità di partecipare alla gestione della società e sono ammissibili per la distribuzione dei profitti aziendali. 


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/

Rimani aggiornato sulle ultime novità Aquaponic Tech

Azienda

  • Il nostro Team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma di referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.