common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

Aqu @teach: Tipi di feed

2 years ago

3 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

In Europa, l'acquacoltura intensiva iniziò alla fine del XIX secolo, quando i governi decisero di allevare pesci per ottenere i filamenti utilizzati per rifornire laghi e fiumi (Polanco & Bjorndal 2018). Questi pesci rappresentavano un'importante fonte di proteine per le comunità fluviali e contribuirono ad alleviare la fame. Sono stati compiuti sforzi per promuovere le specie più apprezzate, come i salmonidi, che sono carnivori. Man mano che la produzione aumentava e il pesce veniva tenuto sotto terapia intensiva per periodi più lunghi, gli agricoltori iniziarono a formulare mangimi. All'inizio catturarono i macroinvertebrati nei corpi idrici vicini, ma questo era stagionale e in quantità limitata. Più tardi, il pesce veniva alimentato utilizzando prodotti di scarto provenienti dai macelli, che venivano tagliati in piccoli pezzi e gettati direttamente nell'acqua. Di conseguenza, molti allevamenti di salmoni sono stati istituiti nei pressi dei macelli.

Gli allevamenti ittici nei pressi dei porti utilizzavano pesci scartati dalla pesca, ma l'offerta non era sempre costante ed era più difficile da organizzare man mano che la produzione aumentava. Così gli agricoltori hanno iniziato a fare una pasta con pesce scartato che è stato mescolato insieme per fare farina di pesce, a cui a volte hanno aggiunto proteine vegetali. La pasta poteva anche essere modellata in pellet, il che facilitava la diffusione su molti serbatoi, ma poiché era piuttosto umida non poteva essere conservata per periodi molto lunghi prima di andare male. Col passare del tempo, i nutrizionisti dei pesci hanno iniziato a sviluppare mangimi granulati intorno alla metà del XX secolo. Erano più asciutti e più facili da formulare in base alle esigenze nutrizionali di ogni specie, e erano molto più facili e meno costosi da conservare.

I primi mangimi secchi granulati o composti hanno facilitato l'espansione degli allevamenti ittici. Da allora si è svolta un'intensa ricerca sulle materie prime più appropriate ed economicamente redditizie da utilizzare nelle formule dei mangimi. L'intero processo è stato migliorato introducendo la tecnica di estrusione, che applica alta pressione alla pasta di mangime durante brevi intervalli, aumentando la temperatura, rendendo il granulo più leggero (permettendo di galleggiare in acqua per periodi più lunghi) e permettendo l'incorporazione di più olio di pesce. Ha inoltre migliorato la compattezza dei granuli in modo che non si dissolvano immediatamente al contatto con l'acqua.

Più recentemente sono stati compiuti sforzi per produrre mangimi più sostenibili e biologici. Come accennato in precedenza, per i carnivori ciò significa ridurre la quantità di farina di pesce nei mangimi per pesci (e sostituirla con proteine vegetali come la farina di soia) e olio di pesce. Per tilapia è anche significa ridurre o eliminare qualsiasi farina di pesce o olio di pesce, mantenendo la qualità della carne. Recenti ricerche si sono concentrate su fonti proteiche alternative per molti tipi di pesce, compreso l'uso di alghe o farine di insetti.

*Copyright © Partner del progetto Aqu @teach. Aqu @teach è un partenariato strategico Erasmus+ per l'istruzione superiore (2017-2020) guidato dall'Università di Greenwich, in collaborazione con l'Università di Scienze Applicate di Zurigo (Svizzera), l'Università Tecnica di Madrid (Spagna), l'Università di Lubiana e il Centro Biotecnico Naklo (Slovenia) . *

Consultare il sommario per ulteriori argomenti.


[email protected]

https://aquateach.wordpress.com/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.