common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

1.5 Il futuro dell'acquaponica

2 years ago

7 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

La tecnologia ha permesso alla produttività agricola di crescere esponenzialmente nel secolo scorso, sostenendo così anche una crescita significativa della popolazione. Tuttavia, questi cambiamenti potenzialmente compromettono anche la capacità degli ecosistemi di sostenere la produzione alimentare, di mantenere le risorse di acqua dolce e forestale e di contribuire a regolare il clima e la qualità dell'aria (Foley et al. 2005).

Una delle sfide più urgenti nella produzione alimentare innovativa, e quindi nell'acquaponica, consiste nell'affrontare le questioni normative che limitano l'espansione delle tecnologie integrate. Una vasta gamma di agenzie diverse è competente per l'acqua, la salute degli animali, la protezione dell'ambiente e la sicurezza alimentare, e le loro normative sono in alcuni casi contraddittorie o non sono adatte a sistemi integrati complessi (Joly et al. 2015). Normative e normative sono attualmente uno dei settori più confusi per produttori e aspiranti imprenditori. I coltivatori e gli investitori hanno bisogno di norme e linee guida per ottenere permessi, prestiti e esenzioni fiscali, ma la confusione delle responsabilità tra le agenzie di regolamentazione evidenzia l'urgente necessità di una migliore armonizzazione e definizioni coerenti. I quadri normativi sono spesso confusi e le licenze agricole e la certificazione dei consumatori rimangono problematici in molti paesi. La FAO (nel 2015), l'OMS (nel 2017) e l'UE (nel 2016) hanno recentemente iniziato ad armonizzare le disposizioni per la salute/il benessere degli animali e la sicurezza alimentare all'interno dei sistemi acquaponici e per il commercio di prodotti acquaponici all'esportazione e all'importazione. Ad esempio, diversi paesi coinvolti nell'acquaponica stanno facendo pressioni per ottenere una formulazione esplicita all'interno del Codex Alimentarius, e un obiettivo fondamentale all'interno dell'UE, determinato dall'azione COST promossa dall'UE FA1305, il «Hub acquaponica dell'UE», è attualmente quello di definire l'acquaponica come entità chiara e distinta. Attualmente, i regolamenti definiscono la produzione sia per l'acquacoltura che per l'idroponica, ma non dispongono di disposizioni per la fusione dei due. Questa situazione spesso crea un'eccessiva burocrazia per i produttori che sono tenuti a concedere in licenza due operazioni distinte o la cui legislazione nazionale non consente la cocultura (Joly et al. 2015). L'EU Aquaponics Hub, che ha sostenuto questa pubblicazione (COST FA1305), definisce l'acquaponica come «un sistema di produzione di organismi acquatici e piante in cui la maggior parte (\ > 50%) dei nutrienti che sostengono la crescita ottimale delle piante deriva dai rifiuti provenienti dall'alimentazione degli organismi acquatici» (cfr. cap. 7).

Anche i sistemi di certificazione dei consumatori rimangono un settore difficile per i produttori di acquaponica in molte parti del mondo. Ad esempio, negli Stati Uniti e in Australia, i prodotti acquaponici possono essere certificati come biologici, ma non all'interno dell'Unione europea.

Dal punto di vista economico, l'acquaponica è in teoria in grado di aumentare il valore complessivo dell'allevamento ittico o dell'idroponica convenzionale, chiudendo al contempo il ciclo alimentare-acqua-energia all'interno di un'economia circolare biobasata. Per rendere economicamente efficienti i sistemi di acquaponica su piccola scala, gli agricoltori dell'acquaponica devono operare in mercati di nicchia per ottenere prezzi più elevati per i prodotti, quindi la certificazione diventa molto importante.

Le questioni più urgenti sono se l'acquaponica possa diventare accettabile a livello politico. La sicurezza alimentare è una priorità elevata per ottenere il sostegno pubblico e, sebbene nei sistemi chiusi vi sia un rischio patogeno molto ridotto, il che implica quindi una minore necessità di antimicrobici e pesticidi, la gestione dei rischi potenziali — o, inoltre, la gestione della percezione di tali rischi, soprattutto perché possono influire sulla sicurezza alimentare — è una alta priorità per le autorità governative e gli investitori (Miličić et al. 2017). Una preoccupazione che viene spesso sollevata è la paura del trasferimento di agenti patogeni nei fanghi dai pesci alle piante, ma ciò non è dimostrato nella letteratura (cap. 6). In quanto tale, è necessario dissipare eventuali preoccupazioni inerenti alla sicurezza alimentare e alla biosicurezza attraverso un'attenta ricerca e, laddove sussistano preoccupazioni, accertare come sia possibile gestire tali problemi attraverso una migliore progettazione dei sistemi e/o quadri normativi.

Aquaponics è una tecnologia emergente di produzione alimentare che ha la capacità di condensare e comprimere la produzione in spazi e luoghi che normalmente non sarebbero utilizzati per la coltivazione del cibo. Questo non solo significa che è particolarmente rilevante nelle aree urbane, dove l'acquaponica può essere collocata in luoghi sottoutilizzati e inutilizzati come tetti piani, siti di sviluppo, fabbriche abbandonate, abitazioni e scuole, ma fornisce un mezzo sia nel mondo sviluppato che in via di sviluppo per le persone di prendere parte integrante del processo di produzione alimentare fornendo cibo fresco locale al mercato (van Gorcum et al. 2019). L'integrazione dell'acquaponica con l'agricoltura verticale e le tecnologie dei muri viventi migliorerà probabilmente con il tempo la produttività riducendo l'impronta agricola complessiva con una riduzione del consumo di terreni e un'intensificazione.

Gli intensi metodi di produzione in acquaponica si basano sulla conoscenza di una combinazione di fattori chiave che sono altamente adatti per l'insegnamento di materie STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) nelle scuole. Aquaponics offre agli insegnanti e agli studenti l'opportunità di esplorare il regno dei sistemi complessi, la loro progettazione e gestione e una serie di altre aree tematiche, tra cui scienze ambientali, chimica dell'acqua, biologia e benessere degli animali. L'acquaponica viene utilizzata anche in carceri/strutture correttive, come nel carcere di San Francisco County, per aiutare i detenuti ad acquisire abilità ed esperienza in acquacoltura e orticoltura che possono utilizzare per il loro rilascio. Nel contesto domestico, c'è una tendenza crescente alla progettazione di sistemi di controsoffitto in grado di coltivare erbe e piccoli sistemi che possono essere collocati in uffici, dove i pesci esotici forniscono un effetto calmante, mentre le piante, come parte dei muri viventi, forniscono allo stesso modo uno sfondo estetico e puliscono l'aria.

! image-20200929111810367

Fig. 1.3 Numero di articoli pubblicati su «idroponica», «RAS» e «acquaponica» dal 1980 al 2018 (i dati sono stati raccolti dalla banca dati Scopus il 30 gennaio 2019). Si prega di notare che la scala per 'RAS' è di un ordine di grandezza superiore a quella per 'idroponica' e 'acquaponica'

L'acquaponica è una tecnologia agricola che progredisce rapidamente dalle sue prime gesta negli ultimi anni del XX secolo e nei primi decenni del ventunesimo secolo. Ma è ancora un «argomento tecnologico emergente e scientifico» (Junge et al. 2017) che è soggetto a una notevole quantità di «hype». Quando si confrontano il numero di documenti di acquacoltura, idroponica e acquaponica, i documenti acquaponici sono notevolmente inferiori (Fig. 1.3), ma i numeri sono in aumento e continueranno ad aumentare con l'aumento dell'istruzione acquaponica, soprattutto a livello universitario, e l'interesse generale aumenta. Un «rapporto pubblicitario» può essere descritto come un indicatore della popolarità di un soggetto nei media pubblici rispetto a quanto pubblicato sulla stampa accademica. Questo può, ad esempio, essere calcolato prendendo i risultati di ricerca in Google divisi per i risultati di ricerca in Google Scholar. Nel caso dell'acquaponica, il rapporto hype al 16 agosto 2016 è stato 1349, il che è considerevole rispetto ai rapporti hype dell'idroponica (131) e dell'acquacoltura a ricircolo (17) (Junge et al. 2017). La sensazione che ne deriva è che, in effetti, l'acquaponica è una tecnologia emergente, ma che vi è un enorme interesse per il settore che probabilmente continuerà e aumenterà nei prossimi decenni. Il rapporto hype, tuttavia, rischia di diminuire con l'avvio di ulteriori ricerche e la pubblicazione di articoli scientifici.

Questo libro è rivolto al ricercatore e praticante acquaponica, ed è stato progettato per discutere, esplorare e rivelare i problemi che l'aquaponica sta affrontando ora e che senza dubbio sorgerà in futuro. Con una gamma così ampia di argomenti, essa mira a fornire una panoramica completa ma facilmente accessibile del settore scientifico e commerciale dell'acquaponica, piuttosto nuovo. Oltre al lato produttivo e tecnico, questo libro è stato progettato per affrontare le tendenze dell'offerta e della domanda alimentare, nonché le varie implicazioni economiche, ambientali e sociali di questa tecnologia emergente. Il libro è stato co-scritto da numerosi esperti provenienti da tutto il mondo, ma soprattutto dall'interno dell'UE. I suoi 24 capitoli coprono l'intera gamma di aree acquaponiche e forniranno un libro di testo necessario per tutti coloro che sono interessati all'acquaponica e allo spostamento dell'aquaponica nel prossimo decennio.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.