Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Rui Bing Zheng Ashley Apel Sven Blankenhorn Commercio equo e solidale USA

Deirdre Elizabeth Duggan **Simbone Jaz *Yayasan Masyarakat dan Perikanan Indonesia (MDPI) *

Helen Packer Anova Food

Il commercio equo e solidale consente una maggiore equità nelle catene del valore e garantisce che i vantaggi del commercio e dell'esportazione siano ripartiti tra i produttori. Affinché una pesca ottenga la certificazione del commercio equo e solidale, deve prima rispettare il Capture Fisheries Standard e i suoi obiettivi principali: l'empowerment dei pescatori e dei lavoratori, lo sviluppo economico delle comunità, la responsabilità sociale e la gestione ambientale. Questo caso di studio illustra i modi in cui il modello del commercio equo e solidale si allinea con diverse disposizioni contenute negli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà. Le raccomandazioni riguardano in particolare il capitolo 7 degli orientamenti dell'FSS sulle catene del valore, post-raccolto e commercio, nel caso della pesca certificata a mano del tonno albacora dell'Oceano Pacifico occidentale e centrale dell'Indonesia.

*Parole chiave: * Pesca su piccola scala, Indonesia, tonno albacora, linea di mano, commercio equo e solidale, responsabilità sociale, sviluppo della comunità, responsabilizzazione, gestione della pesca, certificazione.

Nel 2014, Fair Trade USA ha adattato il suo modello di certificazione e incentivi basati sul mercato per sostenere la pesca di cattura su piccola e media scala, nonché spostare l'industria ittica verso pratiche più socialmente ed ecologiche. Affinché una pesca ottenga la certificazione del commercio equo e solidale, deve essere conforme al Capture Fisheries Standard, uno standard socioeconomico e ambientale progressivo per la pesca di cattura selvatica. Lo standard è allineato a diverse disposizioni di cui al capitolo 7 degli orientamenti sugli SSF in materia di catene di valore, post-raccolta e commercio. Questo caso di studio documenta in che modo l'intervento del commercio equo e solidale ha influenzato la pesca con lenza a mano del tonno albacora (Fishery Progress, 2018) dell'Indonesia e la pertinenza di questi interventi rispetto al capitolo 7 degli orientamenti sugli SSF.

L'Indonesia è la nazione insulare più grande del mondo con oltre 17 000 isole e 54 000 km di costa. Le sue attività di pesca svolgono un ruolo importante nel fornire occupazione e reddito. Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), oltre sei milioni di persone sono coinvolte nel settore ittico indonesiano, e si stima che il 95 per cento della produzione ittica provenga dalla pesca su piccola scala. L'Indonesia è anche uno dei principali produttori di tonno a livello mondiale. Il volume annuo approssimativo di tonno albacora (Thunnus albacares) prodotto è di 200 000 tonnellate, con oltre il 30 per cento (61 000 tonnellate) pescate a mano. Vengono esportate materie prime altamente classificate, mentre il resto è destinato ai mercati locali come il servizio di ristorazione e l'ospitalità.

Le acque arcipelagiche dell'Indonesia orientale sono una regione importante per la pesca del tonno albacora. Per molte comunità costiere della regione, la pesca del tonno è una delle principali fonti di reddito e una delle poche opportunità economiche disponibili. Le piccole operazioni di pesca del tonno vengono spesso svolte in comunità remote, dove l'accessibilità, l'istruzione e le condizioni socioeconomiche variano da variabili a povere (Duggan e Kochen, 2016, pag. 31). Poiché il tonno albacora è un prodotto di esportazione molto ricercato, l'approvvigionamento dalla pesca indonesiana per i mercati di esportazione è stato stabilito da molti anni e il numero di acquirenti che acquistano e il volume di pesce esportato dalla zona sono in costante aumento.

! image-20210521192305021

La pesca a mano è il metodo dominante nelle acque arcipelagiche dell'Indonesia orientale. A causa della natura della pesca, la pesca con lenza a mano genera più posti di lavoro per volume di pesce sbarcato, rispetto ad altri metodi più meccanizzati. I pescatori Handline utilizzano aquiloni fatti in casa attaccati alle loro lenze, che causano l'esca a muoversi in modo irregolare, una caratteristica che gli adulti pinna gialla trovano seducente. La quantità di pesce pescato dipende dall'equipaggiamento che i pescatori possono permettersi (ad esempio piccole imbarcazioni con motori da 15 cavalli) e dalla distanza dai dispositivi di aggregazione dei pesci ancorati, che fungono da opzione secondaria se durante una bordata di pesca non si trovano scuole di nuoto libero. Mentre le possibilità di cattura del pesce sono più alte vicino a questi dispositivi, il tonno catturato è spesso di dimensioni inferiori e vi è un rischio maggiore di raccolta di novellame.

La filiera certificata del commercio equo e solidale si trova tra le isole Maluku e Nord Maluku, così come nel Sulawesi centrale nell'Indonesia orientale. Circa 100 pescatori con lenza a mano nei villaggi di Assilulu e Waepure sulle isole Ambon e Buru sono stati impegnati nel 2013 per testare il Capture Fisheries Standard. Il gruppo ha ottenuto la certificazione nel 2014.

! image-20210521192318300

Attualmente ci sono più di 800 piccoli pescatori registrati in 38 associazioni di pescatori del commercio equo e solidale in più isole e distretti. I pescatori raccolgono tonno albacora durante le battute di pesca giornaliere da piccoli pescherecci con un equipaggio massimo di due persone. Essi prendono di mira il tonno albacora grande seguendo i delfini, che indicano la presenza di tonno, e possono catturare il pesce in superficie o più in basso. Il pesce viene sbarcato e poi trasformato a mano in lombi puliti presso stazioni designate, prima della consegna ad un processore centrale nella città di Ambon o Bitung.

CASELLA 6.1

**STATI UNITI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

! image-20210521192334970

Fair Trade USA, un'organizzazione senza scopo di lucro, è stata fondata nel 1998 ed è il principale certificatore di prodotti Fair Trade in Nord America. L'organizzazione raggiunge quasi un milione di produttori in tutto il mondo e ha consegnato 551 milioni di dollari in profitti aggiuntivi a agricoltori, lavoratori e pescatori fin dalla sua nascita, attraverso il suo modello guidato dal mercato.

Il commercio equo e solidale è emerso come una risposta alle condizioni avverse dei piccoli produttori nei paesi in via di sviluppo, come la mancanza di accesso al mercato, la volatilità dei prezzi e la scarsa capacità contrattuale. Il modello migliora le condizioni di questi produttori attraverso tre interventi principali:

  1. Certificazione che utilizza uno standard sociale, economico e ambientale completo;
  2. Consegna di fondi Fair Trade Premium nelle mani dei produttori per prodotti venduti a condizioni di commercio equo e solidale; e
  3. Aumento dell'accesso al mercato e differenziazione dei prodotti attraverso il marchio Fair Trade.

Catch Fisheries Standard

Fin dalla sua nascita, il Fair Trade Seafood Program ha consegnato oltre 1,5 milioni di dollari in fondi Premium alle comunità di pescatori in aggiunta al prezzo delle loro catture. Il Capture Fisheries Standard ha beneficiato più di 5 000 pescatori e pescatori in otto attività di pesca a livello mondiale grazie al rispetto di standard più rigorosi, una maggiore organizzazione e un'azione collettiva.

Dato il successo e la replicabilità del Fair Trade Agriculture Program, che certifichi prodotti freschi, caffè, tè e altri beni di consumo a livello globale, l'organizzazione ha iniziato una ricerca sul settore ittico, con conseguente sviluppo del Capture Fisheries Standard (CFS) nel 2014 per testare il suo modello nel settore della pesca. Il CFS offre ai pescatori l'opportunità di incorporare elementi fondamentali del commercio equo e solidale nelle loro pratiche, pur ricevendo sostegno per commercializzare ulteriormente il loro prodotto.

Fair Trade USA e gli organismi di valutazione della conformità partner controllano e certificano le catene di approvvigionamento per garantire che i pescatori e i lavoratori del settore siano pagati prezzi equi e salari, lavorino in condizioni di sicurezza, proteggono l'ambiente e ricevano fondi Fair Trade Premium per migliorare i loro mezzi di sussistenza. Il quadro CFS segue da vicino gli standard agricoli del commercio equo e solidale, in particolare i requisiti relativi ai diritti umani fondamentali, ai salari, alle condizioni di lavoro e all'accesso ai servizi. Diversi criteri sono stati modificati per essere applicati a un ambiente marino, ma i principi e il modello rimangono gli stessi. Nello sviluppo della norma sono stati citati numerosi documenti tecnici, tra cui le convenzioni fondamentali dell'Organizzazione internazionale del lavoro e il codice di condotta della FAO per una pesca responsabile.

Il CFS è uno standard progressivo che inizia dall'anno 0 e si estende fino all'anno 6. I criteri diventano più rigorosi ogni anno, portando a miglioramenti socioeconomici e ambientali globali nel tempo. Dopo l'anno 6, la pesca viene sottoposta a audit in base agli stessi criteri dell'anno 6 per garantire il mantenimento dei miglioramenti. Di persona, gli audit di terze parti sono svolti su base annuale. Al momento della certificazione, tutti i commercianti del prodotto certificato sono inoltre tenuti a rispettare il Fair Trade Standard USA, lo standard della catena di custodia che garantisce la tracciabilità e pratiche commerciali eque. I principali obiettivi organizzativi del CFS sono i seguenti.

  • *Empowerment: * Il CFS supporta i pescatori nello sviluppo delle competenze necessarie per negoziare efficacemente con gli attori della supply chain per quanto riguarda l'acquisto, la lavorazione e la commercializzazione dei loro prodotti. Il processo di empowerment include l'organizzazione di un'associazione dei pescatori del commercio equo e solidale, l'elezione di un comitato per il commercio equo e solidale, la creazione di un piano premium per il commercio equo e solidale e la determinazione di come spendere il premio nella comunità (come più dettagliato nella sezione 6.1.4).

  • *Sviluppo economico: * Il CFS mira a migliorare la stabilità dei redditi dei pescatori garantendo un rapporto commerciale trasparente e stabile con i loro compratori e richiedendo il pagamento di un premio di commercio equo e solidale su ogni vendita di prodotti certificati Fair Trade. Lo standard stabilisce inoltre requisiti per garantire un'adeguata crescita dei salari e dei salari per i lavoratori. Per esempio, entro l'anno 3, i datori di lavoro sono tenuti a incontrare ogni anno membri dell'equipaggio e rappresentanti dei lavoratori per discutere di come i salari e la produttività possono essere migliorati, comprese le idee su come muoversi verso i salari viventi nel tempo. Inoltre, la sezione per la gestione delle risorse del CFS mira a rafforzare e stabilizzare gli stock ittici per garantire che le comunità locali possano continuare a dipendere da loro per i loro mezzi di sussistenza.

  • *Responsabilità sociale: * Il CFS tutela i diritti umani fondamentali delle persone coinvolte nella pesca. Sono stabilite misure di salute e di sicurezza per proteggere i pescatori e i lavoratori della trasformazione da infortuni legati al lavoro. I pescatori sono incoraggiati a utilizzare il premio del commercio equo e solidale per migliorare l'accesso e la qualità dell'assistenza sanitaria e dell'istruzione nelle loro comunità.

  • *Gestione ambientale: * I pescatori registrati devono adottare pratiche di pesca responsabili e lavorare per proteggere le risorse ittiche e la biodiversità. Ciò include la raccolta e il monitoraggio dei dati per fornire migliori informazioni sullo stato degli stock ittici e per mitigare gli impatti della pesca. Per la pesca di piccole e medie dimensioni che devono affrontare sfide legate alla disponibilità e alla gestione dei dati, il CFS costruisce la capacità dei pescatori di soddisfare i criteri di gestione delle risorse nel tempo.

! image-20210521192451746

Tenendo conto di questi obiettivi principali, il CFS è organizzato in sei sezioni che affrontano diversi aspetti della pesca, del trattamento e della gestione degli impianti e dell'amministrazione del gruppo (Figura 6.3).

I requisiti di ciascuna sezione si applicano al titolare del certificato (l'entità responsabile dell'attuazione del CFS), ai pescatori e ai membri dell'equipaggio dei pescherecci e/o ai lavoratori degli impianti di trasformazione. Lo standard può essere visualizzato nella sua interezza sul sito web di Fair Trade USA: < https://www.fairtradecertified.org/business/seafood >.

! image-20210521192515277

Lo sviluppo delle associazioni e dei comitati del commercio equo e solidale, e la gestione del premio del commercio equo guidato dai pescatori, incarna le raccomandazioni 7.4 degli orientamenti dell'SSF («sforzi per sostenere le associazioni dei pescatori e dei lavoratori del settore ittico e per promuovere la loro capacità di migliorare il loro reddito e la sicurezza dei mezzi di sussistenza, come nonché i meccanismi di commercializzazione") * e 7.9 («*gli sforzi volti a garantire gli impatti negativi del commercio internazionale sull'ambiente, la cultura della pesca su piccola scala, i mezzi di sussistenza e la sicurezza alimentare sono affrontati in modo equo»).

Per partecipare al commercio equo e solidale, i pescatori registrati devono formare almeno un'associazione dei pescatori a gestione democratica (a meno che non appartengano già a una cooperativa legale, nel qual caso la cooperativa funge da associazione). Attraverso la cooperativa o l'associazione, coordinano le responsabilità in materia di gestione delle risorse, sicurezza delle navi e relazioni commerciali con gli acquirenti. L'associazione rappresenta i pescatori su tutte le questioni che riguardano le loro attività di pesca, compresi i requisiti CFS, le leggi, i regolamenti in materia di pesca e le infrastrutture connesse alla pesca.

! image-20210521192525823

Dalle associazioni, gli individui vengono eletti in uno o più Comitati per il commercio equo e solidale per gestire l'utilizzo dei fondi Fair Trade Premium. Questi comitati sono quindi responsabili della gestione e della spesa dei fondi per conto dei partecipanti, nonché del monitoraggio e della segnalazione del loro utilizzo.

Per ogni chilogrammo di prodotto venduto a condizioni di commercio equo e solidale, un premio del commercio equo viene pagato dal trasformatore locale (spesso il titolare del certificato) o dall'importatore nel paese di destinazione finale del prodotto. Il premio è fissato per specie e, se necessario, per regione; tutte le tariffe sono pubblicamente disponibili online. 1 Il premio è versato direttamente su un conto gestito dal Comitato per il commercio equo e solidale per la realizzazione di obiettivi comuni della comunità. Un piano di spesa (Fair Trade Premium Plan) deve essere elaborato in conformità con il CFS e si basa su una valutazione dei bisogni che delinea le lacune e le priorità della comunità, condotta nel primo anno. Il comitato può scegliere di finanziare attività che i suoi membri concordano siano rilevanti per le loro priorità. I progetti a lungo termine sono incoraggiati e non tutti i fondi Fair Trade Premium devono essere spesi ogni anno.

Almeno il 30 per cento dei fondi Fair Trade Premium deve essere utilizzato per progetti ambientali che contribuiscano alla sostenibilità dell'ecosistema della pesca e/o marino, come lo sviluppo o il miglioramento di sistemi e strutture di gestione dei rifiuti, la creazione o l'applicazione di un'area marina o terrestre protetta, sviluppare un programma di educazione ambientale o attività di formazione dei pescatori e raccolta dei dati.

Per creare il caso di studio sono state utilizzate prove primarie e secondarie raccolte. Nel 2018, Fair Trade USA ha incaricato il gruppo di consulenza Charmelian (con sede nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord) di condurre una valutazione indipendente dell'impatto socioeconomico e ambientale del programma dal 2014 al 2018. I metodi e i risultati di questo caso di studio si basano in larga misura su tale relazione, con un ulteriore follow-up e una ricerca incentrata sulla pesca del tonno in Indonesia. Le fonti di dati utilizzate in riferimento sia alla valutazione che in questo caso di studio comprendono:

  • *Report di audit e applicazioni: * I dati degli audit sono stati raccolti per mostrare la variazione del numero di pescatori, navi e lavoratori nel tempo, a partire dal momento della certificazione.

  • *Indagini sulle famiglie: * Le indagini con i pescatori sono state condotte nel 2015, 2016 e 2018. Le domande del sondaggio hanno riguardato la sostenibilità del reddito, la sostenibilità ambientale, lo sviluppo individuale e comunitario e l'empowerment. (Appendice 1 per un elenco delle domande dell'indagine).

  • *Dati delle transazioni: * I dati delle transazioni provenienti da rapporti di acquisto e vendita di pesci certificati includono informazioni sui prodotti, prezzo unitario, volume, specie, data della transazione e tipo di contratto.

  • *Interviste con i partecipanti al programma: * Le interviste sono state condotte con le principali parti interessate della supply chain e dell'Organizzazione non governativa (ONG) per raccogliere informazioni qualitative sulle esperienze con il Fair Trade Seafood Program in Indonesia.

Fair Trade USA ha condotto un'analisi del Capture Fisheries Standard per confrontare il modo in cui si sovrappone alle raccomandazioni delle linee guida dell'SSF sulle catene del valore, il post-raccolto e il commercio. Altri articoli pubblicati e prove secondarie sono stati esaminati anche per analizzare gli impatti in Indonesia, come l'articolo del 2019 di Borland e Bailey «A story of two standards: A case study of the Fair Trade USA certificate Maluku handline tonno albacora (Thunnus albacares)» e Duggan and Kochen "Small in scala ma grande in potenziale: Opportunità e sfide per la certificazione di pesca della pesca di piccole dimensioni indonesiane», pubblicato nel 2016.

Prima di condividere i risultati dell'analisi del Fair Trade Seafood Program, è importante identificare due partner che hanno svolto ruoli critici: Yayasan Masyarakat dan PerikananIndonesia (MDPI) e Anova Food.

MDPI è una ONG che collabora con piccoli pescatori in Indonesia per sostenere una pesca responsabile e sostenibile. All'inizio del progetto CFS, MDPI è stata un'estensione della Fishing & Living Initiative di Anova ed è stato quindi un partner naturale per gestire gli aspetti CFS che coinvolgono i produttori. Oggi MDPI è un'organizzazione registrata in modo indipendente, che collabora con più parti interessate del settore nella pesca del tonno per implementare iniziative mirate alla tracciabilità e alla sostenibilità. Rimane il principale partner di attuazione del programma Fair Trade in Indonesia.

Anova è stato uno dei primi partner di mercato e sostenitore del commercio equo e solidale. La partecipazione al programma ha permesso di essere un «primo mover» nella differenziazione dei prodotti e nell'adempimento dei suoi impegni sociali e ambientali (Pollard et al., 2018, p. 41). Di conseguenza, Anova è stata in grado di sostenere i rapporti con i suoi attuali acquirenti e raddoppiare i volumi di fornitura con altri (Pollard et al., 2018, p. 45).

La gestione guidata dalla pesca dei fondi Premium è un esempio tangibile dell'allineamento del commercio equo e solidale con la raccomandazione 7.4 degli orientamenti SSF per sostenere le associazioni di pescatori e rafforzare la loro capacità di migliorare il loro reddito e la sicurezza dei mezzi di sussistenza. Le vendite di prodotti certificati hanno guadagnato 280 000 dollari ai pescatori indonesiani (a dicembre 2018) in fondi cumulativi Fair Trade Premium oltre al prezzo pagato per la loro pesca. I fondi sono stati applicati a livello comunitario per una varietà di progetti sociali e ambientali, quali:

  • Conti di risparmio per l'educazione dei bambini;
  • Materiale scolastico;
  • fondi per malattia e lutto;
  • donazioni a centri comunitari e moschee locali;
  • formazione sulle specie in via di estinzione, minacciate e protette (ETP);
  • impianti di gestione dei rifiuti;
  • Miglioramenti ai siti di atterraggio e agli attrezzi;
  • Corsi di formazione su argomenti come la manipolazione post-raccolta per migliorare la qualità del prodotto.

CASELLA 6.2 **Riflettore della pesca del commercio equo e solidale

! image-20210521192614474

Ci sono numerose associazioni di pescatori del commercio equo e solidale a South Seram. Si tratta di una zona di pesca importante data la vicinanza ai trasformatori centrali di Ambon. A seguito della partecipazione al programma Commercio equo e solidale, i pescatori segnalano tassi più elevati di impegno con altri pescatori e nelle trattative con gli acquirenti.

La Tohia (in giallo) è un pescatore di 38 anni del Sud Seram e capo del Comitato per il commercio equo e solidale. Passa il suo tempo ad assistere le associazioni in vari modi, tra cui negoziare con la National Electric Company, installare luci nei luoghi di sbarco e addestrare i pescatori a registrare battute di pesca e interazioni con le specie ETP nei loro giornali di bordo (la raccolta dei dati è un requisito del CFS).

La sua associazione locale, Tuna Yapana, ha utilizzato i fondi Fair Trade Premium per pagare attrezzi da pesca, materiale scolastico per bambini e lavori di ristrutturazione della moschea locale. Hanno anche utilizzato fondi per l'acquisto di contenitori per alimenti e termosi per battute di pesca per ridurre i rifiuti di plastica (requisito del CFS). In futuro, La Tohia spera che il gruppo svilupperà progetti Fair Trade Premium con un impatto medio-lungo termine, come la registrazione dei pescatori al piano sanitario e pensionistico del lavoro del governo, e la creazione di un fondo per bambini che sostenga l'istruzione fino a livello universitario.

In questo modo, i fondi Premium stanno anche aumentando lo status dei pescatori come contribuenti alla società e diminuendo gli effetti estrattivi del commercio internazionale sulla piccola pesca. Questa è una disposizione condizionale del paragrafo 7.9, che afferma che «valutazioni... [dovrebbe] garantire che gli impatti negativi del commercio internazionale sull'ambiente, la cultura della pesca su piccola scala, i mezzi di sussistenza e le esigenze speciali connesse alla sicurezza alimentare siano affrontati in modo equo.»

In un'indagine delle famiglie condotta nel 2016, il 63 per cento degli intervistati sapeva come è stato speso il premio del commercio equo e solidale e il 73 per cento è stato soddisfatto dei risultati. In conformità con il CFS, i pescatori hanno ricevuto anche una formazione in materia di sicurezza in mare e di primo soccorso, con kit di pronto soccorso ora disponibili in tutti i siti di sbarco — un piccolo ma misurabile cambiamento in villaggi isolati spesso lontani dalle strutture sanitarie.

Anche le componenti strutturali della comunità del modello del commercio equo e solidale, come la creazione di associazioni e comitati di pescatori, sono diventate sempre più importanti per i pescatori, come dimostrano i risultati dell'indagine condotta nel 2015 e nel 2016 (Figura 6.4). Nel 2015, il 68 per cento degli intervistati ha valutato il Fair Trade Premium come il vantaggio più importante del modello Fair Trade. Nel 2016, questa valutazione è scesa al 48 per cento, mentre la percezione dei pescatori sui benefici di avere un'Associazione Fishers' Fair Trade è aumentata dal 12 per cento al 20 per cento.

! image-20210521192633906

Prima della certificazione, tutti i pescatori operavano in modo indipendente. Con l'introduzione delle associazioni del commercio equo e solidale, i pescatori sono stati formati in gruppi basati sulla geografia. Oltre alla gestione del Fair Trade Premium, le associazioni hanno iniziato a riunirsi regolarmente per scambiare informazioni, valutare le esigenze della comunità e comunicare con i loro intermediari. Questa piattaforma ha permesso ai pescatori di impegnarsi in questioni politiche e comunitarie più ampie, che hanno trovato preziose. I dati dell'indagine riportati nella figura 6.5 mostrano anche un aumento dei pescatori che sollevano le loro preoccupazioni riguardo alla leadership dell'associazione anno dopo anno, indicando livelli più elevati di impegno e di agenzia dei produttori.

! image-20210521192643986

La certificazione del commercio equo e solidale riguarda anche i lavoratori degli impianti di trasformazione, con audit annuali per garantire che siano soddisfatti i requisiti CFS in materia di diritti umani e condizioni di lavoro, quali:

  • Discriminazione e prevenzione degli abusi

  • Libertà dal lavoro forzato;

  • Protezione dei minori;

  • Libertà di associazione;

  • protezione salariale e trasparenza delle condizioni di lavoro;

  • Salute e sicurezza sul lavoro;

  • Accesso all'assistenza sanitaria e ad altri servizi.

I criteri di gestione delle risorse CFS descrivono i requisiti per la raccolta dei dati, la salute degli stock, la struttura di governance e la corretta gestione dei rifiuti, che sono componenti chiave per realizzare una pesca sostenibile e responsabile. L'attuazione dei requisiti di gestione delle risorse del commercio equo e solidale mette in pratica la raccomandazione 7.8 degli orientamenti SSF, garantendo «che siano in atto efficaci sistemi di gestione della pesca per prevenire lo sfruttamento eccessivo causato dalla domanda del mercato che può minacciare la sostenibilità delle risorse alieutiche, degli alimenti sicurezza e nutrizione.»

La filiera indonesiana, guidata da Anova con programmi di pesca attuati da MDPI, faceva già parte di un progetto di miglioramento della pesca (FIP) quando è entrata nella valutazione del commercio equo e solidale. Sia i requisiti FIP che il commercio equo e solidale hanno portato a miglioramenti nella raccolta dei dati e nella tracciabilità dei prodotti, con un numero sempre più elevato di pescatori che completano i giornali di bordo, come richiesto dal CFS. Ciò ha contribuito a una più ampia comprensione dell'impatto dei pescatori sullo stock di tonno albacora e sulle specie secondarie e accessorie. Secondo il CFS, entro l'anno 1 deve essere istituito un sistema di raccolta dei dati, con una documentazione sempre più rigorosa sui dati delle catture richiesta dagli anni 3 e 6. Inoltre, entro l'anno 1, i giornali di bordo dei pescatori registrati devono riflettere una stima delle catture di specie primarie pari almeno al 50% del totale delle bordate di pesca. Tale numero aumenta al 75% entro l'anno 3 e al 90% entro l'anno 6. In particolare, sebbene la domanda di tonno con lenza a mano sia in aumento, esistono garanzie CFS per garantire che il tonno non venga pescato eccessivamente dai pescatori registrati.

I pescatori hanno inoltre ricevuto una formazione sullo status delle specie ETP e sulle esigenze di conservazione, in particolare i delfini e gli uccelli marini, che incontrano regolarmente. Inoltre, diversi gruppi si sono assunti l'impegno di promuovere la conoscenza e la protezione delle specie di ETP all'interno della comunità più ampia, utilizzando i fondi Fair Trade Premium. Sebbene non sia un risultato diretto della formazione, i pescatori registrati nel commercio equo e solidale hanno abbandonato uniformemente la pratica diffusa del consumo di uova di tartaruga e stanno attivamente educando familiari e amici a seguire il loro esempio. La maggiore consapevolezza della sostenibilità marina tra i pescatori ha spinto azioni dirette per proteggere le risorse naturali, come sostenuto dalle vendite di frutti di mare del commercio equo e solidale (raccomandazione 7.9*) . *

Per i produttori, è una sfida costante rispettare i rigorosi standard ambientali richiesti dal commercio equo e solidale, che comprende lo sviluppo di un piano di gestione della pesca. Ciò è particolarmente difficile a causa della limitata comprensione scientifica che le comunità hanno dell'impatto creato da diverse misure di gestione. Inoltre, la struttura di governance colloca le attività di pesca a mano al di fuori dei contingenti internazionali e vi sono dati storici limitati sulle catture. Per far fronte a questa sfida, il personale dell'MDPI sta utilizzando un metodo semplificato per addestrare i pescatori a misure di base di gestione degli stock e aiutarli ad articolare approcci di base, come limitare l'attività di pesca tramite il «venerdì no fishing». Tali azioni potrebbero essere riconosciute dal governo locale e sancite da una semplice regola di controllo del raccolto (Pollard et al., 2018, pag. 49). Inoltre, il commercio equo e solidale richiede che il 30 per cento del Fair Trade Premium sia speso per progetti ambientali, un criterio che contribuisce a garantire la salute delle scorte e la sostenibilità ambientale.

Nel 2019, le Associazioni Fishers' Trade del Nord Buru e Maluku della pesca del tonno albacora con lenza a mano sono diventate le prime del suo genere in Indonesia a sottoporsi a una valutazione completa del Marine Stewardship Council (MSC). Il Comitato per il commercio equo e solidale sull'isola di North Buru è stato selezionato per coordinarsi con MDPI e altre parti interessate per compilare la documentazione richiesta. Come osservato da Blane Olson, amministratore delegato di Anova Technical Services, «Anni di raccolta di dati e pratiche di pesca sostenibili da parte dei pescatori del commercio equo e solidale hanno posto le basi per soddisfare i rigorosi requisiti della certificazione MSC per questa pesca a mano, e non potremmo essere più entusiasti» (Kearns, 2019). L'attuazione del CFS ha fornito un percorso per consentire alla pesca di lavorare verso la valutazione MSC. «È estremamente difficile soddisfare lo standard MSC per una pesca su piccola scala, composta da migliaia di navi indipendenti con equipaggio unico che operano su isole remote», ha aggiunto Saut Tampubolon, direttore esecutivo di MDPI. «Il Fair Trade Committee (FTC) e Fair Trade Associations, che sono in vigore nel North Buru da cinque anni, forniscono una struttura organizzata per l'Unità di Valutazione MSC. Questo grande vantaggio di utilizzare un FTC esistente rende MSC potenzialmente possibile» (Kearns, 2019).

Un fattore chiave del successo del commercio equo e solidale in Indonesia è stata la sua partnership con MDPI. L'ambiente del paese, che comprende la seconda costa più lunga del mondo, è logisticamente complesso. L'implementazione del CFS richiedeva competenze sul campo, conoscenze locali e una rete di organizzatori di comunità addestrati responsabili della replica del modello in più isole e comunità. MDPI è stata responsabile dell'introduzione di concetti e requisiti del commercio equo e solidale alle comunità locali sin dall'inizio del programma in Indonesia. Il personale MDPI forma i membri del Comitato Fair Trade (utilizzando organismi di formazione esterni quando necessario) nell'organizzazione, nell'alfabetizzazione finanziaria e nella contabilità. L'organizzazione collabora a stretto contatto con il comitato per garantire che i pescatori comprendano i loro ruoli e le loro responsabilità e dispongano degli strumenti e dell'acume per utilizzare con successo il premio del commercio equo e solidale a suo massimo vantaggio. Inoltre, il personale qualificato e dedicato di MDPI fornisce il personale locale necessario per garantire la certificazione iniziale e continua di questa catena di fornitura. La cooperazione e la partnership dei trasformatori locali PT. Anche Harta Samudra e Blue Ocean Grace International sono stati essenziali nell'attuazione del programma, in quanto entrambe le entità rispettano il CFS.

Infine, Anova Food è stata un partner critico in Indonesia e nel mercato americano al dettaglio. In qualità di titolare del certificato e importatore del tonno certificato, Anova è responsabile degli audit fiscali annuali e dell'attuazione del programma sul terreno. Il suo staff e i suoi team di vendita hanno pienamente supportato la certificazione del commercio equo e solidale sin dalla sua adozione nel 2013 e hanno svolto un ruolo significativo nella fornitura del prodotto sugli scaffali del commercio al dettaglio. Tra il 2015 e il 2016, il volume delle vendite è aumentato di oltre il 280 per cento e la domanda per il prodotto certificato è costantemente aumentata attraverso i suoi sforzi di marketing, così come quelli di Fair Trade USA (Business Wire, 2019). Anche il costante sostegno di Anova alla FIP per il tonno albacora nell'Indonesia orientale è stato un fattore importante per il suo successo, consentendo sinergie tra la FIP e il programma Fair Trade nell'ambito dell'MDPI, come la raccolta di dati, la documentazione sulle catture accessorie e la partecipazione della comunità alla governance della pesca.

Come per molti programmi di certificazione e/o miglioramento, una delle sfide più significative è il costo continuo. In questo caso, il titolare del certificato sostiene il costo della certificazione. Gli audit del commercio equo e solidale vengono condotti ogni anno e quelli in Indonesia richiedono diverse settimane per essere completati. Questo fatto, unito alla difficile geografia dell'Indonesia orientale e alla posizione remota di diversi villaggi di pescatori, mantiene elevati i costi di audit. Anche la domanda di prodotto, la visibilità del programma Fair Trade e l'aggregazione dei pescatori in cluster organizzati aumentano la presenza di acquirenti opportunistici. Questi acquirenti aumentano la concorrenza locale e diminuiscono il volume potenziale dei prodotti del commercio equo e solidale venduti, evitando al contempo gli investimenti in miglioramenti socioeconomici e ambientali a lungo termine.

Sono inoltre necessarie notevoli risorse finanziarie per sostenere l'MDPI e lo sviluppo di capacità sul campo. I siti di atterraggio e i luoghi di lavorazione hanno dovuto subire miglioramenti alla tracciabilità dei prodotti e ai sistemi di sicurezza dei lavoratori. Questi costi sono a carico del processore e sono difficili da trasferire agli acquirenti. Per quanto riguarda la tracciabilità del prodotto, attualmente i filetti di tonno albacora sono contrassegnati come commercio equo e solidale e codificati con i dettagli del sito di atterraggio dopo che sono stati sbarcati. Al momento della consegna agli impianti centrali di elaborazione, queste informazioni vengono inserite in un sistema di tracciamento e quindi, nel caso della supply chain di Anova, caricate su una piattaforma blockchain.

In Indonesia, Anova ha collaborato con MDPI e USAID per implementare la tracciabilità completa della catena collaborando con tutti gli attori della catena di approvvigionamento, compresi i pescatori, intermediari e trasformatori/esportatori (Fishing & Living, 2019). A livello di pescatore, vengono utilizzati sistemi elettronici di monitoraggio delle navi come Spot Trace e Pelagic Data Systems per raccogliere dati più accurati sulle catture. A livello intermedio, un'applicazione mobile chiamata Trafiz sviluppata da USAID OCEANS viene progressivamente implementata per contribuire alla tracciabilità nei siti di atterraggio registrando le transazioni elettronicamente e caricandole in un database online. Infine, a livello di processore/esportatore, un sistema elettronico di tally (Trace Tales) sviluppato da MDPI e finanziato da USAID OCEANS è stato installato in più impianti di lavorazione. La piattaforma blockchain integrerà una serie di strumenti di tracciabilità esistenti per spostarsi verso una tracciabilità continua e a prova di manomissione lungo tutta la catena del valore.

Blane Olson, Managing Director di Anova Technical Services, spiega che «con l'aggiunta del nostro nuovo programma di tecnologia blockchain, siamo in grado di accedere e condividere facilmente potenti informazioni sul viaggio fish-to-market con clienti e consumatori, garantendo al contempo che il pesce venga catturato dall'oceano pulito acque dei pescatori che operano secondo gli standard del commercio equo e solidale, certificati da MDPI e Fair Trade USA per garantire salari equi e condizioni di lavoro sicure.»

Gli intermediari svolgono un ruolo sociale ed economico integrale in queste comunità di pescatori. Facilitano la produzione, supportano la lavorazione e la classificazione post-raccolta, fungono da prestatori di denaro e raccolgono e trasportano il prodotto grezzo ai trasformatori. Acquisire la fiducia e la cooperazione degli intermediari come leader di queste comunità è stato essenziale nell'attuazione del CFS e nella formazione delle associazioni (Bailey et al., 2016).

Questo processo di creazione di fiducia e cooperazione con gli intermediari in tutti i siti certificati Fair Trade è stato un processo pluriennale reso possibile dal personale MDPI. A volte, la costruzione di comunità era difficile, poiché alcuni intermediari consideravano le associazioni e i comitati dei pescatori una minaccia per le loro operazioni e metodi. All'inizio del programma, MDPI ha lavorato a stretto contatto con gli intermediari cooperativi, in particolare quelli che erano anche pescatori e che avevano stretti legami con la comunità locale, per poi espandersi verso l'esterno. Poiché il programma Fair Trade si è adattato al contesto indonesiano per coinvolgere gli intermediari, allo stesso modo gli intermediari si sono evoluti per gestire le loro attività entro i limiti delle associazioni di pescatori e comportando maggiori livelli di comunicazione e trasparenza con i pescatori. Gli intermediari che sono anche pescatori fanno parte delle associazioni di pescatori. Per coloro che non pescano, l'associazione locale ha la possibilità di includerli nelle riunioni come membri senza diritto di voto.

Le associazioni contribuiscono a risolvere i problemi tra intermediari e pescatori, come in un caso recente riguardante la trasparenza dei prezzi. In un certo numero di villaggi, i pescatori venivano quotati prezzi diversi per prodotti simili, e c'era confusione sul modo in cui la classificazione influenzasse i prezzi. Inoltre, alcuni intermediari rivendicavano che il pesce non certificato fosse certificato per ottenere prezzi commerciali più elevati. Molti pescatori hanno sollevato queste preoccupazioni con le loro associazioni e con MDPI. Attraverso conversazioni con gli intermediari e con gli sforzi di coaching e formazione da parte del personale MDPI, questi problemi sono stati infine risolti.

Ulteriori sfide si verificano a livello di mercato americano. Mentre il riconoscimento del marchio Fair Trade è alto con il 60 per cento dei consumatori americani che segnalano di riconoscere il logo, il pesce Fair Trade Certified non è così noto. Pertanto è fondamentale lavorare con i partner del marchio Fair Trade e dotare i loro team di vendita e marketing degli strumenti necessari per incrementare le vendite e il riconoscimento dei prodotti ittici certificati Fair Trade. Il movimento sostenibile dei frutti di mare ha avuto successo negli ultimi 20 anni con rivenditori americani ed europei, la maggior parte dei quali ha impegni sostenibili a base di pesce per i frutti di mare selvatici pescati (CEA, 2017). Tuttavia, la maggior parte di questi impegni è incentrata sulla sostenibilità ambientale. Di conseguenza, il commercio equo e solidale e altre ONG coinvolte nell'affrontare le questioni sociali nella produzione di pesce stanno lavorando diligentemente per modificare gli attuali impegni dei dettaglianti per adottare criteri sociali nell'approvvigionamento dei frutti di mare, compreso un impegno per il commercio equo e solidale.

Un acquirente dedicato disposto a pagare un prezzo più alto per un prodotto certificato è essenziale per il successo di qualsiasi certificazione di commercio equo e solidale, nonché di interventi simili. Il modello del commercio equo e solidale è orientato al mercato e la sua efficacia dipende dalla richiesta di un acquirente finale. Senza vendite a condizioni di commercio equo e solidale, non vi è alcun impatto sui produttori o incentivo sui prezzi che costringe gli attori della supply chain ad aderire a livelli più elevati di conformità e a pratiche commerciali più eque.

Il Fair Trade Seafood Program in Indonesia è una storia di continuo miglioramento, a partire da quattro associazioni di pescatori del commercio equo e solidale ad Ambon e Buru, fino a 38 associazioni di commercio equo e solidale con oltre 800 pescatori su più isole, ognuna con una propria logistica, dinamica culturale e politica locale.

Il modello ha portato cambiamenti positivi alle comunità in Indonesia attraverso l'organizzazione del gruppo, il rispetto di standard rigorosi e il reddito aggiuntivo per i produttori. Il commercio equo e solidale è l'unica certificazione che garantisce un premio di prezzo. Dall'inizio del Programma Seafood, oltre un quarto di milione di dollari statunitensi sono stati consegnati ai piccoli pescatori indonesiani partecipanti. Con il costante sostegno dell'MDPI, questi pescatori stanno identificando una serie di progetti e investimenti per migliorare i loro mezzi di sussistenza e l'ambiente marino.

Inoltre, lo sviluppo delle associazioni e dei comitati del commercio equo e solidale ha rafforzato la capacità dei pescatori, rafforzato il loro reddito e la sicurezza dei mezzi di sussistenza e sostenuto i sistemi di raccolta dei dati e di gestione della pesca per prevenire lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali. Le associazioni di pescatori organizzate, basate sul contributo della comunità e sulla collaborazione, hanno fornito la struttura sociale necessaria per consentire una maggiore raccolta e tracciabilità dei dati, nonché avanzare i progressi per i FIP e verso una valutazione completa del MSC.

Fair Trade USA e i suoi partner sono stati in grado di replicare i successi ottenuti in Indonesia in altre zone di pesca e paesi, in particolare in Messico, nelle Maldive, negli Stati Uniti d'America e nelle Isole Salomone. Sono cresciuti anche i tipi di specie certificate e gli attrezzi da pesca associati, con gamberetti del Pacifico (suripera net), capesante dell'Atlantico (draga capesante), salmone dell'Alaska (rete da deriva e setnet) e tonno (palo e lenza) tutti certificati tra il 2015 e il 2017.

Nel 2020, il CFS subirà una revisione importante. Come parte di tale processo, Fair Trade USA aggiornerà i propri standard per aumentare il proprio impatto sui piccoli e medi produttori di tutto il mondo.

Bailey, M., Bush, S., Oosterveer, P. & Larastiti, L. 2016. Pescatori, commercio equo e solidale, e trovare la via di mezzo. Ricerca sulla pesca, 182 (ottobre 2016): 59—68 (disponibile all'indirizzo https://doi. org/10.1016/j.fishres.2015.11.027).

Borland, M.E. & Bailey, M. 2019. Un racconto di due norme: il caso della pesca del tonno albacora maluku. Marine Policy, 100 (febbraio 2019): 353-360.

Filo aziendale. 2019. Anova Food riconosce MDPI e i partner indonesiani in seguito all'implementazione del programma di tecnologia Blockchain di successo. Business Wire, 26 giugno 2019. (disponibile anche all'indirizzo https://www.businesswire.com/news/home/20190626005595/en/ Anova-food-riconosces-MDPI-Indonesian-Partners-Successo).

CEA (California Environmental Associates) . 2017. Progressi verso frutti di mare sostenibili — In base ai numeri Packard Foundation, Seafood Metrics Report, giugno 2017. Speakingofseafood.org/wp-content/uploads/2017/06/Seafood-Metrics-Report-2017.pdf

Duggan, D. & Kochen, M. 2016. Piccola scala ma grande potenziale: opportunità e sfide per la certificazione della pesca per la pesca del tonno indonesiano. Marine Policy, 67 (maggio 2016): 30—39.

Progressi della pesca. 2018. Tonno pinna gialla dell'Oceano Pacifico Occidentale e Centrale - Handline. In: Progresso della pesca [online]. Fort Collins, Stati Uniti d'America. https://fisheryprogress.org/ fip-profile/eastern-indonesia-giallofin-tuna-handline

Pesca & Living. (23 settembre 2019). Recuperato da http://fishing-living.org/#sthash. SQLibrtl.dpbs

Kearns, M. 2019. La pesca del tonno Handline diventa la prima del suo genere in Indonesia per perseguire la valutazione MSC completa. SeaFoodSource Media, 27 febbraio 2019. (disponibile anche all'indirizzo www.seafoodsource.com/news/environment-sustainability/handline-tuna-fishery- diventa-primo-di-suo-genere-in-indonesia-to-perseguire-full-msc- valutazione).

Pollard, I. et al. 2018. Apprendimenti e buone pratiche del programma di pesce del commercio equo e solidale. Rapporto riservato preparato per Fair Trade USA (inedito).

Elenco delle domande di indagine sui pescatori

Genere Anno di nascita Nome dell'associazione dei pescatori Quanti bambini (di età pari o inferiore a 18 anni) vivono nella vostra famiglia? Nell' ultimo anno c'è stato un periodo in cui tu o qualcuno della tua famiglia saltava un pasto o mangiava un pasto più piccolo perché non avevi abbastanza soldi per comprare cibo? No Nessuna risposta Sì Nell' ultimo anno, quanto spesso è successo? 1—2 mesi Non lo so. Ogni mese Molti mesi Nessuna risposta Durante l'ultimo mese, quante volte hai portato un giubbotto di salvataggio in mare? Sempre Non lo so Mai Nessuna risposta Sì Durante l'ultimo mese, hai avuto un incidente durante la pesca? Non lo so No Nessuna risposta Sì Da quanti anni sei un pescatore? Quale delle seguenti opzioni ti descrive meglio? Non lo so Sono un capitano e non possiedo la barca Sono un capitano e possiedo la barca Sono un membro dell'equipaggio Nessuna risposta Quanto hai guadagnato pescando nell'ultimo mese? Confrontando questo mese con lo stesso mese dell'anno scorso, il reddito della pesca è cambiato? Non lo so Non ho pescato pesci durante la stagione precedente È diminuito È aumentato Non è cambiato Nessuna risposta Oltre alla pesca, quali altre fonti di reddito ci sono per la vostra famiglia? Seleziona tutto ciò che si applica. Agricoltura Affari Produzione Nessun'altra fonte di reddito Altri posti di lavoro (per esempio, costruzione) Rimessa Lavorazione del pesce Turismo Quanto del vostro reddito proviene dalla pesca? Tutti Non lo so Meno della metà Più Nessuna risposta Quando hai un bisogno inaspettato di denaro (ad esempio danni alla barca, malattia/morte in famiglia), come si ottiene? Prendi in prestito denaro Assistenza governativa Non so cosa fare Politiche assicurative Altro Nessuna risposta Rimessa Risparmi Da chi prendi in prestito dei soldi? Banca Proprietario/fornitore di imbarcazioni Non lo so Famiglia/amico Istituto di microfinanza Altro Altro prestatore informale Nessuna risposta Sai come viene speso il Fair Trade Premium? Non lo so No Nessuna risposta Sì Sei soddisfatto del modo in cui viene speso il Fair Trade Premium? Insoddisfatto Non lo so neutro Nessuna risposta soddisfatto Ha condiviso un reclamo o una raccomandazione con la dirigenza della sua associazione di pescatori nell'ultimo anno? Non lo so No Nessuna risposta Sì Dove sei soddisfatto del modo in cui la leadership ha affrontato il tuo reclamo o raccomandazione? Non lo so Non soddisfatto Nessuna risposta soddisfatto Perché non hai condiviso le lamentele delle raccomandazioni? Non sapevo come condividere la mia opinione Non pensavo che la mia opinione avrebbe fatto la differenza Sono stato soddisfatto delle operazioni Avevo paura di condividere la mia opinione Altro Nessuna risposta Qual è stato il vantaggio più importante che si vede nel programma Fair Trade Non lo so Formazione di un'associazione di pescatori Non vedo alcun potenziale beneficio Altro Potenziale aumento del reddito Fondi premium Nessuna risposta Corsi di formazione Da quando sei entrato a far parte del programma Fair Trade, qual è stata la sfida più grande nel partecipare? Cambiamenti nella gestione dei pescatori Non lo so Allenamenti di pesca Regole di adesione alle associazioni dei pescatori Dovere raccogliere dati Nessuna sfida Altro Nessuna risposta Partecipazione a riunioni e incontri

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.