Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

*Zacari Edwards *International Pole and Line Foundation Londra, Regno Unito

Hussain Sinan Programma affari marittivi Dalhousie University Halifax, Nuova Scozia *B3H 4R2, Canada

M. Shiham Adam Fondazione Pole e Linee Internazionali *Malé, Repubblica delle Maldive

Alice Miller Fondazione Pole e Linee Internazionali Londra, Regno Unito

Le Maldive sono una nazione fortemente dipendente dalle sue risorse marine, nessuno più che il tonno pescato nella sua pesca con lenze a canna. I cittadini maldiviani traggono enormi benefici dalla pesca come risultato di un'efficace gestione statale della risorsa. Questo documento presenta azioni chiave lungo la catena del valore della pesca del tonno Skipjack con canna e lenza che il governo maldiviano ha intrapreso per sostenere e facilitare miglioramenti lungo la catena del valore della pesca del tonno con canna e lenza e dimostra, per estensione, come queste numerose azioni governative abbiano portato a un allineamento con le raccomandazioni di cui al capitolo 7 degli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà, in particolare i paragrafi 7.6-7.9. Sottolineando le buone pratiche del governo delle Maldive, questo documento individua gli insegnamenti chiave che si possono trarre dal caso delle Maldive, nonché le azioni che possono essere replicate da altri governi provenienti da paesi fortemente dipendenti dalla pesca colpiti dalle richieste del mercato globalizzato.

*Parole chiave: * Maldive, pesca del tonno con canna e lenza, impegno del governo, accesso al mercato, commercio internazionale, marchio ambientale, protezione sociale.

Questo documento esamina la catena del valore del tonno con canna e lenze delle Maldive per evidenziare le buone pratiche e le iniziative di successo coerenti con le raccomandazioni contenute nel capitolo 7 degli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà (SSF) Orientamenti), in particolare quelli relativi ai paragrafi 7.6-7.9 (FAO, 2015) per rafforzare le catene del valore della pesca su piccola scala, dopo il raccolto e il commercio nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eliminazione della povertà.

Il documento è strutturato nel modo seguente: le sezioni 8.1.2-8.1.3 offrono una panoramica dei settori di raccolta del tonno con lenze e canne e post-raccolta nelle Maldive. La sezione 8.2 illustra i metodi utilizzati nell'analisi dei casi di studio. la sezione 8.3 esamina le attività relative al post-raccolto e al commercio nel contesto di interventi condotti dallo Stato per consentire l'accesso al mercato (paragrafo 7.6); salvaguardare la sicurezza alimentare locale dagli impatti del commercio internazionale (paragrafo 7.7); sostenere un'equa distribuzione dei benefici (paragrafo 7.8); attenuare gli impatti negativi derivanti dal commercio internazionale (paragrafo 7.9). Infine, la sezione 8.4 discute la replicabilità dell'approccio adottato dalle Maldive verso altre attività di pesca e, per estensione, delinea la possibilità di applicare tale approccio altrove.

Essendo una nazione arcipelagica situata nell'Oceano Indiano centrale e con una zona economica esclusiva (ZEE) che copre una superficie di 900 000 km^2 (3 000 volte la sua massa terrestre), le Maldive sono state storicamente fortemente dipendenti dalle sue risorse marine (Hemmings, Harper e Zeller, 2011). La pesca del tonno con lenze a canna è la pesca più antica e più grande delle Maldive, ed è stata per secoli un pilastro del paese (Gray, 1889; Anderson e Hafiz, 1996). Di conseguenza, il settore del tonno è uno dei settori più importanti dell'economia nazionale, che rappresenta il 67 per cento delle esportazioni totali (National Bureau of Statistics, 2018); il 4 -12 per cento del prodotto interno lordo negli ultimi dieci anni (National Bureau of Statistics, 2018); circa l'11 per cento della forza lavoro ( National Bureau of Statistics, 2014); e 85 per cento della proteina totale consumata dalle Maldiviani (FAO, 2003).

La specie bersaglio della pesca con lenze a canna è il tonno palino (Katsuwonus pelamis), con tonno albacora (Thunnus albacares) catturato come specie secondaria a causa del loro comportamento scolastico conspecifico 1. Le Maldive sono il terzo produttore mondiale di tonno con lenze a canna e canna, dietro Giappone e Indonesia. La pesca può sbarcare oltre 68 000 tonnellate di skipjack all'anno, rappresentando oltre un quinto dell'offerta globale totale di tonno catturato con lenze a canna e 18 -20 per cento del totale delle catture di skipjack dall'Oceano Indiano (Figura 8.1) (Hohne-Sparborth, Adam and Ziyad, 2015; Gillett, 2016). Infine, soprattutto per il mercato interno, la pesca con lenze a canna rappresenta attualmente il 60 -70 per cento di tutti i tonni catturati nelle Maldive (Ahusan et al., 2018).

Nelle Maldive ci sono circa 677 navi commerciali con lenze a canna e con licenza che impiegano 7 981 pescatori registrati. Tuttavia, utilizzando le stime medie del numero di equipaggio fornite da Miller et al. (2017) e il numero totale di navi registrate nel paese (comprese le navi commerciali autorizzate e le navi che pescano per la sussistenza), il numero di pescatori potrebbe raggiungere 10 832. In genere, questi pescherecci con canna e lenze pescheranno per 1-2 giorni per bordata di pesca, impiegando sia dispositivi di pesca a scuola libera che dispositivi di aggregazione del pesce ancorati (AFAD) in un'unica bordata.

I pescherecci con canna e lenze (Masdhonis) sono costruiti all'interno del paese da società private e sono di proprietà e gestiti da cittadini maldiviani. La proprietà è mantenuta all'interno delle famiglie e i parenti stretti sono spesso selezionati come capitani delle navi. I membri dell'equipaggio sono selezionati dal capitano in base alla loro località, spesso abitando la stessa isola del capitano. Tutte le navi con lenze a canna autorizzate sono autorizzate a condurre la pesca con lenze a mano; tuttavia solo alcune navi selezionate, per lo più dagli atolli settentrionali, passano dalla canna e lenza (mirando al tonno con skipjack) agli attrezzi con lenza a mano (mirano al tonno albacora adulto per il mercato del tonno fresco/congelato).

In quanto forma di pesca altamente selettiva, la pesca con lenze a canna presenta tassi estremamente bassi di catture accessorie, rigetti e catture (o interazioni con) specie in via di estinzione, minacciate e protette (ETP) (Ahusan et al., 2018). Ciò è sostenuto da Miller et al. (2017), che ha osservato 161 eventi di pesca con lenze e canne e ha riferito che le catture accessorie totali erano solo dello 0,65 per cento del totale delle catture di tonno in peso. Inoltre, ci sono pochissimi rifiuti associati alle catture accessorie trattenute, tra cui novellame e/ o pesci invenduti di bassa qualità, con la grande maggioranza consumata dai pescatori, dalle loro famiglie e/o distribuita tra le comunità locali (Lecomte, 2017).

Ci sono una serie di vantaggi ambientali aggiuntivi associati alla pesca con canna e lenza nelle Maldive. In termini di inquinamento della plastica marina, il tasso di perdita degli attrezzi è estremamente basso, e quindi l'impatto della pesca fantasma delle linee di pesca perdute in monofilamento è basso a zero. La pesca si comporta anche fortemente per quanto riguarda la riduzione della propria impronta di carbonio: la sua intensità di utilizzo del carburante (FUI), compresa tra 197 e 328 litri di carburante per tonnellata di tonno pescato (l/t) (Miller, Adam e Baske, 2017), è una delle più basse al mondo per una pesca commerciale mirata al tonno con skipjack. Questa cifra è inferiore all'80% del FUI di altre attività di pesca con canna e lenze di tonno (ad esempio, rosso dell'Atlantico) e inferiore alla metà del FUI medio globale per tutte le navi con record di carburante (600—639 l/t) (Parker and Tyedmers, 2015; Parker, Vázquez-Rowe e Tyedmers, 2015). Ciò è stato realizzato in parte attraverso l'uso di navi da collezione che raccolgono catture in mare, così come l'uso degli AFAD fortemente regolamentati e impiegati dallo Stato.

! image-20210521193842434

La catena del valore del tonno è complessa, con il tonno a volte attraversa numerose rotte prima di raggiungere i consumatori. Nel complesso, i pescatori con lenze a canna sono in grado di vendere direttamente il loro tonno a almeno otto gruppi distinti di attori lungo la catena del valore (figura 8.2). Questi includono società di trasformazione del tonno fresco/congelato, società di trasformazione conserviera, navi da collezione nell'oceano, clienti basati sul porto che fungono da intermediari, imprese di trasformazione a secco, lavoratori del settore cottage di trasformazione a secco, proprietari di bancarelle di mercato presso i mercati ittici locali e consumatori.

! image-20210521193852882

Ci sono tre grandi categorie di consumatori che skipjack può raggiungere dalle Maldive. Esistono mercati di esportazione premium come la Germania, l'Irlanda, i Paesi Bassi, la Svizzera, il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e gli Stati Uniti d'America che acquistano il tonno principalmente sotto forma di conserve e/ o confezionati. Le Maldive esportano inoltre circa 28 milioni di dollari di tonno surgelato in Thailandia, dove viene confezionato e riesportato nei mercati premium. C'è solo un piccolo mercato per tonni freschi o refrigerati. Ci sono anche mercati regionali e internazionali come lo Sri Lanka e il Giappone, rispettivamente, che acquistano prevalentemente skipjack lavorato a secco dalle Maldive. Infine, ci sono consumatori nazionali, tra cui locali e turisti.

Il tonno in scatola è venduto da due società di trasformazione del tonno: la Maldives Industrial Fisheries Company (MIFCO) di proprietà statale e la Horizon Fisheries di proprietà privata. Anche il tonno salato e essiccato/affumicato fa parte della dieta locale, con l'industria del cottage e le aziende di trasformazione che si occupano di questo mercato (che comprende il tonno che potrebbe non aver raggiunto gli standard di qualità delle esportazioni). I consumatori nazionali possono anche acquistare tonno non trasformato direttamente dai pescatori, dai commercianti di bancarelle alimentari nei mercati ittici locali e da individui che lavorano nel settore cottage.

Normalmente, i settori della pesca e della trasformazione con lenze a canna nelle Maldive operano in modo indipendente l'uno dall'altro. I pescatori possiedono pescherecci e forniscono tonno con tonno tonno a botte ai trasformatori industriali e alla comunità locale. I trasformatori industriali ricevono pesce da una delle loro navi da collezione o direttamente dalla nave presso l'impianto di trasformazione (Gordon e Sinan, 2015). Il resto delle catture può essere venduto ai piccoli trasformatori che trasformano il pesce essiccato o alle comunità insulari, attraverso i mercati locali o direttamente ai consumatori (Sinan, 2011). Gli intermediari operano anche come collegamento tra le località turistiche e le catene alberghiere, acquistando tonno dai pescherecci o dai mercati locali e vendendolo.

Al fine di esaminare le buone pratiche del governo delle Maldive all'interno della catena del valore del tonno con lenze a canna, questo documento ha impiegato una strategia di ricerca di casi di studio. Ciò si basava principalmente su un'analisi dei dati su scrivania di insiemi di dati accessibili e pertinenti, e su una revisione della letteratura di relazioni accademiche e/o di altra letteratura di pubblico dominio riguardante la pesca del tonno e della linea delle Maldive e della catena del valore. Una volta raccolti i dati disponibili, sono stati convalidati con esperti nazionali per garantire che i risultati fossero rappresentativi e riflettano pienamente i dati disponibili nelle Maldive.

Le attività di pesca su piccola scala, come la pesca con lenze a canna nelle Maldive, sono generalmente composte da reti commerciali complesse ed estese e contengono una vasta gamma di ruoli occupazionali in tutta la catena (Jacinto e Pomeroy, 2011). In quanto tale, il presente documento si è basato anche sulla letteratura teorica che analizza le catene di valore della pesca su piccola scala per sostenere il suo esame delle pratiche della pesca con lenze a canna da tonno maldiviano nel contesto degli orientamenti 7.6-7.9 dell'SSF.

Al fine di valutare in che modo le pratiche del governo delle Maldive siano coerenti con i paragrafi 7.6-7.9 degli orientamenti dell'FSE, è importante comprendere il contesto più ampio del mercato mondiale del tonno. Il settore del tonno è un mercato globalizzato in parte a causa della natura altamente migratoria del tonno, ma anche a causa della grande domanda di questo tonno in tutto il mondo. Negli ultimi 20 anni, con l'emergere del movimento sostenibile dei frutti di mare, si è registrata una crescita degli approcci basati sul mercato per affrontare la sostenibilità della pesca del tonno. L'effetto di ciò è stato un aumento dei requisiti di sostenibilità e tracciabilità che vengono applicati sia alle istituzioni governative che alle parti interessate del settore ittico.

Tuttavia, il processo volto a soddisfare standard sempre più rigorosi e/o a competere con le rivendicazioni di sostenibilità di altre attività di pesca può gravare sui produttori e può costituire un ostacolo agli scambi, in particolare per la pesca su piccola scala. Nel caso della pesca dello skipjack con lenze maldiviane, l'intervento statale ha svolto un ruolo fondamentale nel soddisfare i requisiti di sostenibilità dei mercati internazionali per garantire una prosperità economica sostenuta del settore della pesca.

Grazie alla sua lunga storia di regolamentazione in materia di pesca, le Maldive sono state ben posizionate per soddisfare le mutevoli esigenze del mercato in materia di trasparenza e di fornitura di dati evidenziate sopra. Il governo delle Maldive ha prodotto serie temporali complete di catture di tonno già nel 1954. Sia la legge n. 5/87 della Repubblica delle Maldive che il corrispondente regolamento generale sulla pesca del 1987 hanno istituito le istituzioni incaricate dell'attuazione dei regolamenti di gestione della pesca. Queste azioni governative non solo hanno fornito una solida base per la futura regolamentazione, ma hanno anche funto da base per garantire che il paese si trovi in una posizione forte per soddisfare le richieste del mercato di una pesca trasparente e ben gestita.

Ad esempio, in risposta ai requisiti previsti dal regolamento dell'Unione europea per prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) nel 2010, il governo, in consultazione con i pescatori e l'industria di trasformazione, ha apportato modifiche significative al sistema di gestione della pesca per garantire le Maldive potrebbero continuare ad esportare verso gli Stati membri dell'Unione europea. I pescherecci commerciali erano obbligati a ottenere licenze di pesca e sono stati incaricati di comunicare i dati relativi alle catture e allo sforzo tramite i giornali di bordo, che lentamente sostituivano la segnalazione dettagliata degli uffici amministrativi delle isole e degli atolli. Inoltre, i dettaglianti e i grossisti che hanno acquistato tonno con lenze a canna pescate in modo sostenibile hanno pressato trasformatori locali per ottenere la certificazione da parte di terzi per la pesca con lenze a canna maldiviane al fine di garantire un accesso continuo al mercato globale.

A seguito delle pressioni esercitate dal settore della trasformazione nazionale, il governo delle Maldive ha accettato di sostenere il processo di certificazione del Marine Stewardship Council (MSC) attraverso l'assistenza finanziaria e il supporto tecnico alla Maldive Seafood Processors and Exporters Association (MSPEA). Questo sostegno è stato fondamentale in termini di conseguimento della certificazione per il tonno da paletta alle Maldive e, dal 2012, tutti i tonni catturati con canna e lenze in scatola esportati sui mercati internazionali sono ora certificati MSC. Di conseguenza, il ruolo del governo nel facilitare questo processo ha contribuito a garantire agli operatori del mercato maldiviani un accesso costante ai mercati di esportazione, il che ha contribuito, per estensione, a garantire che la pesca con lenze potesse continuare a fornire una fonte di reddito vitale e sostenibile per coloro che sono coinvolti nel catena del valore.

Al fine di soddisfare i crescenti requisiti di tracciabilità del mercato, nel 2013 il governo ha anche istituito e implementato un sistema di monitoraggio dei pescherecci (VMS) tramite la prima modifica del regolamento relativo alle licenze per la pesca, la trasformazione e l'acquacoltura destinate all'esportazione (2013/R-60). Tale modifica ha reso obbligatorio che tutte le navi da pesca autorizzate siano tracciate tramite VMS al fine di ottenere e mantenere le licenze di pesca. Una revisione del VMS nel 2018 ha individuato le principali aree di miglioramento che il Governo delle Maldive ha lavorato per risolvere in collaborazione con la Banca Mondiale e l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO).

L'implementazione delle tecnologie di tracciabilità è ulteriormente aumentata nelle Maldive con l'introduzione, da parte del governo, del Sistema d'Informazione Fishery (FIS) nel 2016. FIS è un database web-enabled sviluppato per mantenere e catturare i dati della pesca. Il sistema consente la manutenzione delle informazioni sui pescherecci, la tracciabilità e il rilascio delle licenze di pesca, la compilazione dei dati relativi all'acquisto del pesce da parte degli acquirenti commerciali (trasformatori) e la compilazione dei dati del giornale di bordo comunicati dai pescherecci. Il FIS è stato sviluppato sulla base di diversi flussi di elaborazione utilizzati da diverse aziende dopo ampie consultazioni e test. Fin dalla sua implementazione, la banca dati è stata il centro operativo delle imprese di trasformazione. Poiché il FIS fornisce un portale diretto per la verifica dei documenti alle autorità dell'Unione europea per la verifica dei documenti di cattura, esso funge da strumento di tracciabilità che consente alla pesca di soddisfare le crescenti esigenze di tracciabilità poste al settore.

In risposta alle preoccupazioni in materia di sostenibilità sollevate sul mercato intorno alla dipendenza dell'industria del tonno dagli AFAD, il governo ha incoraggiato anche i pescatori ad aumentare le loro attività di pesca a scuola libera 2, con l'obiettivo di raggiungere gli obiettivi di mitigazione delle catture accessorie fissati a livello nazionale. Un esempio chiave di ciò è il lavoro del governo, in collaborazione con l'International Pole and Line Foundation (IPNLF), che ha sperimentato «navi concettuali» che introducono radar per uccelli e sonar per pesci su navi con canna e lenza per aiutare nella posizione di scuola libera (Figura 8.3). Fino ad oggi due pescherecci hanno iniziato ad utilizzare questi sistemi, al fine di incoraggiare altri pescherecci a seguire l'esempio. Attraverso le navi concettuali, il governo delle Maldive sta modificando iterativamente la progettazione delle tonniere per aumentare la qualità del prodotto e l'efficienza economica delle operazioni di pesca.

Infine, in risposta alle preoccupazioni pubblicizzate degli operatori del mercato riguardo all'impatto della pesca con esche vive sull'ecosistema, il governo delle Maldive ha sviluppato un piano di gestione della pesca con esche vive nel 2013, in consultazione con i pescatori e le parti interessate (Gillet, Jauharee e Adam, 2013). Il piano era incentrato sulla facilitazione di rafforzare la raccolta, il monitoraggio e la conformità dei dati, e ha inoltre delineato una serie di previsioni legali per contribuire al raggiungimento di questi obiettivi.

A livello nazionale, le previsioni prevedevano l'ampliamento delle zone di esclusione nelle Maldive per le attività di pesca con esche, cioè intorno a località turistiche (1500 m), all'interno di siti di immersione designati e aree marine protette. Il piano proponeva inoltre, se necessario e in consultazione con le parti interessate, un divieto di vendita di specie di pesci esche per alimenti e raccomanda l'obbligo che il Centro di ricerca delle Maldive preapprovi nuovi tipi di metodi di pesca delle esche. Inoltre, è stata proposta una serie di responsabilità regolamentari a livello di atollo, in base alle quali, a loro discrezione, le autorità locali potrebbero potenzialmente: limitare l'uso di pesci esche che attirano luci; limitare le dimensioni delle reti da pesca con esche; introdurre divieti sull'uso di attrezzi per la pesca con esche; vietare qualsiasi esca attività connesse alla pesca che hanno dimostrato di sconvolgere le barriere coralline e di introdurre eventuali chiusure temporanee di zone per le attività di pesca con esche.

! image-20210521193914907

Nel complesso, il governo delle Maldive è stato estremamente proattivo nel sostenere e promuovere la pesca del tonno con lenze a canna. Inoltre, ha creato attivamente un ambiente politico in cui i membri della catena del valore possono ottimizzare i benefici derivanti dalla pesca.

La domanda interna e il consumo di tonno tonno è in crescita nelle Maldive, con la società di trasformazione statale MIFCO che ora effettua la maggior parte delle vendite ai consumatori nazionali. I cittadini maldiviani consumano in media 94 kg di tonno (Lecomte, 2017) e destinano circa un quinto della spesa totale per i prodotti alimentari domestici ai frutti di mare, mentre il tonno è il pesce più consumato all'interno di questo gruppo (National Bureau of Statistics, 2016). L'abbondanza storica dell'approvvigionamento di tonno nelle Maldive ha fatto sì che fino ad oggi non sia stata richiesta alcuna legge per garantire il mantenimento dell'accesso ai prodotti del tonno. Il consumo nazionale di skipjack consiste principalmente nel pesce fresco; tuttavia, il mercato interno comprende anche tonno in scatola di bassa qualità trasformato nelle Maldive.

Riconoscendo questa dipendenza dal tonno per l'alimentazione e l'alimentazione, il governo si è adoperato per garantire che il tonno di tonno continui ad essere sbarcato in grandi volumi all'interno del paese e per garantire che il mercato interno continui a ricevere una fornitura costante di prodotti di tonno. Ciò è stato realizzato in parte introducendo una serie di politiche protettive che limitano la concorrenza che il sottosettore deve affrontare per quanto riguarda la pesca del tonno all'interno della ZEE delle Maldive.

Le attività di pesca straniere hanno riguardato principalmente la pesca con palangari e sono state disciplinate nell'ambito delle Maldive dall'introduzione della legge sulla pesca nel 1987. Questo regolamento ha suddiviso la ZEE, con pescherecci di proprietà maldiviane autorizzati a pescare in tutta la ZEE, e pescherecci stranieri autorizzati a pescare solo oltre le prime 75 miglia nautiche. Nel corso del tempo, le successive amministrazioni governative hanno introdotto misure regolamentari ai sensi della legge sulla pesca 5/87 che hanno suddiviso altre aree della ZEE per diversi tipi di pesca. Attraverso questo graduale divieto di attività di pesca all'estero nelle acque delle Maldive, il governo ha contribuito a garantire che la maggior parte dei pesci catturati all'interno della ZEE delle Maldive sia sbarcato nel paese, aumentando la disponibilità di tonno per la produzione e il consumo nazionali.

Nel 2008, in risposta alle pressioni esercitate dai pescatori con lenze e lenze a mano delle Maldive, il governo ha deciso di non rinnovare le licenze straniere ai pescherecci con palangari, assicurando che tutte le licenze straniere scadessero entro la fine del 2010. Nel 2011, il governo ha iniziato a rilasciare nuovamente licenze per le navi con palangari, ma solo se erano di proprietà e gestite localmente. Inoltre, il regolamento sulla pesca con palangari del 2014 ha offerto un'ulteriore protezione alle navi con lenze a canna limitando le navi con palangari maldiviani a pescare entro le prime 100 miglia nautiche della ZEE, creando di fatto una nuova zona di pesca per l'uso esclusivo di pescherecci commerciali uno per uno 3.

Nel 2014, il governo delle Maldive ha ulteriormente perfezionato il regolamento (2014/R-388) con un migliore monitoraggio della pesca, compreso l'equipaggio locale. Inoltre, la modifica del regolamento generale sulla pesca 1987 (2011/R-21) offriva un'ulteriore protezione ai pescatori delle Maldive, in quanto vietava agli equipaggi stranieri di lavorare su pescherecci che operano in zone comuni di pesca designate per uso esclusivo da parte delle Maldive (ossia entro i primi 75 paesi nautici miglia). Le azioni del governo sopra descritte hanno contribuito a migliorare la sicurezza alimentare in due modi. Direttamente, hanno consentito l'ingresso sul mercato interno di una quantità sostenuta di tonno, con oltre la metà del pesce sbarcato consumato localmente. Indirettamente, essi hanno contribuito ad agevolare il mantenimento dei tassi di occupazione nei settori della pesca con lenze e dei settori ausiliari, contribuendo in tal modo a garantire un reddito sostenuto per i cittadini maldiviani che lavorano in questi settori.

Settore di vendemmia

A seguito dei continui sforzi del governo per lo sviluppo del settore, la pesca del tonno con canna e lenza ha continuato a svolgere un ruolo economico importante nelle Maldive, sia per quanto riguarda i proventi in valuta estera che genera e il suo contributo ai redditi di coloro che lavorano nel settore. La pesca genera un valore annuo approssimativo di USD 104 000 000 in esportazioni, che comprende oltre la metà delle esportazioni totali di prodotti della pesca in peso (51,2 per cento) e rappresenta il 37,7 per cento del valore totale delle esportazioni ittiche nel paese, secondo solo al tonno albacora (JICA et al., 2018). Circa l'8 per cento della popolazione locale lavora nel settore della pesca primaria nelle Maldive, con circa il 40 per cento della forza lavoro totale di età compresa tra 18 e 24 anni (HIES, 2016). In totale, la pesca è una fonte fondamentale di reddito per molte persone, sostenendo sia direttamente che indirettamente circa 30 000 mezzi di sussistenza (Howgate e Leadbitter, 2016).

Lo sviluppo del settore è stato fondamentale per facilitare la maggiore equità della pesca, consentendo alle imprese delle Maldive di trarre maggiore valore dai prodotti esportati, nonché per consentire ai pescatori delle Maldive di ricevere un prezzo più elevato per il pesce che sbarcano. Due degli sviluppi più significativi sono stati la meccanizzazione dei pescherecci e l'introduzione di AFAD, localmente chiamato *Oivaali Kandhufathi. *

! image-20210521193928266

Nel 1987, il governo ha introdotto un programma di meccanizzazione delle navi, fornendo competenze finanziarie e progettuali per avviare l'introduzione di una nuova generazione di navi. Insieme alla FAO e al Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), il governo delle Maldive ha iniziato a istituire il programma di installazione di AFAD principalmente per fornire ai pescherecci un mezzo per pescare durante la bassa stagione di pesca (Naeem e Latheefa, 1995). Fino ad oggi, solo il governo è autorizzato a installare i FAD, che sono riservati solo ai pescatori con lenze; il settore privato non è autorizzato ad installarli. A causa dei miglioramenti apportati dal governo nel settore della pesca, i pescatori con lenze a canna sono molto ben pagati rispetto ad altre professioni delle Maldive, ottenendo un reddito medio mensile pari almeno al doppio della media nazionale pro capite di 1 500 USD. Tuttavia, la pesca è stagionale e quindi questa cifra può oscillare tra 400 USD e 3 000 USD al mese durante tutto l'anno (Lecomte, 2017). I pescherecci delle Maldive utilizzano anche un sistema di condivisione delle catture, il che significa che due terzi dei profitti generati da tali pescherecci sono distribuiti uniformemente tra l'equipaggio generale, con una quota supplementare al capitano e al comandante delle esche. Nel complesso, l'elevato reddito percepito dai pescatori riflette il valore attribuito alla pesca con lenze e canne, rendendola un settore sempre più attraente in cui lavorare.

Settore post-vendemmia

Nel 2003, il governo delle Maldive ha parzialmente privatizzato il settore post-raccolto, che fino ad allora era stato interamente controllato dalla MIFCO di proprietà statale. Il governo ha diviso il paese in quattro zone diverse e ha permesso ai privati di acquistare e trattare pesce in ciascuna zona. Inizialmente, quattro imprese private hanno investito nel processo. Tuttavia, a causa del calo degli sbarchi con skipjack a partire dal 2006 (figura 8.1), tre delle società hanno cessato di operare, lasciando Horizon come l'unico trasformatore privato di tonno con asta e linea nelle Maldive (Sinan, 2011). Queste chiusure hanno anche fatto sì che la MIFCO resti il principale trasformatore del tonno con lenze a canna nel paese. Di conseguenza, la MIFCO ha lavorato per migliorare la propria rete di infrastrutture di stoccaggio frigorifero per atolli remoti e conservieri, che a sua volta è stata parte integrante del settore della pesca e consente ai pescatori maldiviani di accedere ai mercati di esportazione.

In risposta alle pressioni politiche volte a mantenere la parità dei prezzi tra lo skipjack maldiviano e lo skipjack sbarcato a Bangkok, il governo ha anche iniziato a fissare il prezzo del tonno tonno destinato ai mercati di esportazione (Hohne-Sparborth, Adam e Ziyad, 2015). Il prezzo si basa sul prezzo internazionale del tonno con skipjack a Bangkok, ma include un premio a prezzo fisso (non collegato ad alcun sistema di certificazione) applicato in aggiunta al prezzo base variabile di Bangkok (Lecomte, 2017). Il prezzo fissato dal governo delle Maldive determina anche i costi e i guadagni delle navi e i costi di esercizio delle imprese. I prezzi dello skipjack congelato di Bangkok fluttuano in modo significativo, e le aziende delle Maldive bilanciano questo risultato utilizzando guadagni annuali e profitti ottenuti dall'aggiunta di valore e dall'esportazione verso mercati di alto valore. Il governo delle Maldive fornisce inoltre assistenza finanziaria attraverso prestiti e sovvenzioni alla MIFCO quando il flusso di cassa è basso. In questo modo, il governo contribuisce a garantire un reddito stabile per le navi con lenze a canna che riforniscono i mercati di esportazione (anche se questo prezzo non si applica alle navi con lenze a canna che riforniscono i mercati locali).

! image-20210521193939938

A livello nazionale, il governo applica un prezzo di base minimo ai sensi della sezione 12 del regolamento sull'acquisto e l'esportazione del tonno Skipjack 2001, destinato a proteggere i mezzi di sussistenza delle comunità di pescatori. Di conseguenza, il settore della trasformazione del tonno svolge un ruolo importante in tutto il paese in termini di sostegno ai mezzi di sussistenza delle Maldiviane, in particolare nelle isole remote e negli atolli dove le opportunità di lavoro sono limitate. Il reddito di coloro che lavorano nella trasformazione del pesce è compreso tra 238 USD e 1 736 USD al mese, a seconda del volume delle catture e della stagione (Hohne- Sparborth, Adam e Ziyad, 2015). Una delle principali attività di lavorazione è la lavorazione a secco per produrre «Pesci delle Maldive», una specialità ottenuta facendo bollire il tonno in acqua salata dopo la quale viene essiccato. Questo settore rappresenta 10 000 tonnellate di pesce all'anno, mentre una gran parte delle attività di trasformazione essiccata viene prevalentemente svolta da donne (Macfadyen et al., 2016; Wessels, 2017).

Sono pochissime le donne impiegate nell'industria della pesca primaria alle Maldive. Le donne, tuttavia, hanno una presenza molto più forte nell'industria secondaria — nelle fabbriche di trasformazione (tabella 8.1), nei mercati locali e nell'industria della casetta. Sebbene i dati censimenti indichino che solo il 3 per cento della popolazione è occupato dall'industria secondaria, questa cifra non è rappresentativa del reale livello di partecipazione delle donne in termini di attività di trasformazione. Ad esempio, delle 3 356 donne documentate come disoccupate entro i dati del censimento 2014, fino al 22 per cento di questo numero probabilmente si impegnano in attività imprenditoriali e/o industriali di cottage come il trattamento a secco di Maldive Fish (Hohne-Sparborth, Adam e Ziyad, 2015).

TABELLA 8.1

Occupazione post-raccolta nel settore formale

Occupazione formale nel settore post-raccoltoMaschioFemminileTotale1 7575932 350

Nota: Dati sull'occupazione principalmente per gli impianti di trasformazione industriale.

Il governo ha iniziato a creare cooperative per le comunità insulari per migliorare la qualità di questi prodotti trasformati a secco e per aumentare l'accesso al mercato attraverso una migliore qualità. In particolare, sono state istituite due cooperative, Gemanafushi Cooperative Society e Naifaru Cooperative Society, con finanziamenti e competenze tecniche del Governo e del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD). Entrambi hanno eccelso e, in particolare, la maggior parte dei loro membri sono donne. Ad esempio, la Naifaru Cooperative Society (ex Associazione dei pescatori di Naifaru) ha una composizione di membri del 91 per cento donne e 9 per cento uomini (Wessels, 2017). Ciò indica passi positivi da parte del governo per sostenere le attività della catena del valore in cui le donne sono coinvolte in particolare. Garantire la raccolta e l'analisi dei dati della catena del valore disaggregati dal sesso offrirebbe ulteriori opportunità per comprendere e amplificare il loro ruolo e coinvolgimento.

Come evidenziato nelle sezioni precedenti, nel caso della pesca del tonno Skipjack alle Maldive, molti impatti negativi del commercio internazionale derivano dalla perdita di trazione per non tenere il passo con le mutevoli esigenze di sostenibilità dei mercati internazionali per il tonno. Le Maldive hanno tenuto il passo con queste mutevoli esigenze non solo attraverso le loro misure nazionali di gestione della pesca, ma anche attraverso la loro leadership nell'ambito dell'organizzazione regionale di gestione della pesca (ORGP) — la Commissione per il tonno dell'Oceano Indiano (IOTC) — durante gli sforzi per ottenere e mantenere la certificazione MSC per la pesca del tonno con lo skipjack.

Data la natura altamente migratoria degli stock di tonno, cinque ORGP distinte in tutto il mondo sono incaricate della loro gestione: la IOTC; la Commissione per la conservazione del tonno rosso meridionale (CCSBT); la Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell'Atlantico (ICCAT); il tonno tropicale interamericano Commissione (IATTC) e Commissione per la pesca del Pacifico centro-occidentale (WCPFC) (Ásmundsson, 2016).

A differenza di altre ORGP, l'accordo sullo Stato costiero della IOTC non ha esplicitamente delineato l'approccio precauzionale per la gestione dei suoi stock. Di conseguenza, fino al 2011, la IOTC ha mirato all'utilizzo ottimale degli stock di tonno. Tuttavia, nel 2012 le Maldive hanno avviato una proposta che richiedeva un approccio precauzionale, in parte derivante dal perseguimento da parte del paese della certificazione MSC per la pesca del tonno Skipjack con canna e lenza.

Il processo di certificazione MSC per la pesca del tonno con canna e linea Skipjack è iniziato nel 2007, per cui il governo delle Maldive ha sostenuto la Maldive Seafood Processors and Exporters Association (MSPEA) negli sforzi iniziali per entrare nella pesca in pre-valutazione. Questa iniziativa guidata da MSPEA è stata una risposta diretta alle richieste del mercato, ma era dipendente dal sostegno del governo per garantire che le Maldive diventassero una parte pienamente cooperante e contraente della IOTC, secondo i termini della certificazione.

Il processo di certificazione è stato inizialmente sospeso dopo aver riconosciuto che non era stata effettuata una valutazione basata su modelli dello stock di tonno da skipjack dell'Oceano Indiano. In risposta, il governo delle Maldive ha lavorato a stretto contatto con il segretariato della IOTC per produrre una serie temporale di catture di skipjack per unità di sforzo (CPUE) necessaria per la valutazione dello stock 4. Successivamente, le Maldive hanno ospitato la tredicesima sessione del gruppo di lavoro sul tonno tropicale (WPTT), dove la prima valutazione degli stock di skipjack basata su modello ha concluso che lo stock era in uno stato di salute.

! image-20210521194022886

La pesca è stata infine certificata nel 2012 con otto condizioni. Le due condizioni più importanti nel contesto della IOTC erano l'adozione di punti di riferimento e requisiti per le norme di controllo del raccolto (HCR) e gli strumenti. In risposta, nell'ambito del piano d'azione per i clienti MSPEA, il governo ha lavorato a stretto contatto con le ONG, in particolare l'IPNLF, e gli Stati membri della IOTC per affrontare l'adozione di punti di riferimento e HCR. Le Maldive hanno inoltre ottenuto il sostegno degli Stati costieri simili all'interno della IOTC per le proposte di gestione basata sui diritti che hanno seguito la definizione di punti di riferimento e HCR.

L'adozione degli HCR da skipjack è stata preceduta da sforzi risoluti del governo delle Maldive durante i quattro anni precedenti per migliorare la gestione degli stock di tonno nell'Oceano Indiano. Ciò è iniziato con una spinta per l'attuazione dell'approccio precauzionale ai sensi della risoluzione 12/01 della IOTC, che per la prima volta ha visto la Commissione attuare una misura di conservazione e gestione sostenuta da un approccio precauzionale. Nel 2015, le Maldive hanno anche guidato la risoluzione sui punti di riferimento Target e Limit e un quadro decisionale allineato per gli stock IOTC nell'Oceano Indiano.

La proposta sugli HCR per lo skipjack, culminante con l'adozione della risoluzione 16/02 *Sulle regole di controllo del raccolto per il tonno da paletta nella zona di competenza della IOTC, ha ricevuto un sostegno senza precedenti da parte di altri Stati costieri della regione, con l'adesione di 14 paesi come co-sponsor. Gli HCR recentemente istituiti nel 2016 miravano a mantenere la popolazione di skipjack a livelli sani, garantendo allo stesso tempo che la pesca stessa fosse redditizia e accessibile a tutti. Tenuto conto dello stato di salute degli stock regionali di tonno tonno, questa misura, contrariamente alla maggior parte delle misure di gestione della pesca adottate a livello internazionale, non limitava né riduceva i livelli di pesca esistenti. Esso ha invece stabilito misure preconcordate da adottare se la pesca ha violato il punto di riferimento di gestione (obiettivo) concordato.

Come piccolo Stato insulare in via di sviluppo, le Maldive hanno superato le sfide geografiche e ambientali per sviluppare una delle attività di pesca più sostenibili al mondo. La pesca del tonno Skipjack con canna e lenza è unica nel senso che i pescatori sono attivamente coinvolti nella salvaguardia delle risorse e la maggior parte dei guadagni provenienti dal settore viene trasferita a loro, mentre continuano a svolgere un ruolo vitale nelle comunità insulari.

I prodotti del tonno maldiviano sono in concorrenza con prodotti simili provenienti da paesi sviluppati o catturati da attività di pesca industriale spesso collegate a imprese integrate verticalmente, che sono in grado di produrli a costi ragionevolmente inferiori e in quantità maggiori. Questo, unito alle crescenti richieste di iniziative di sostenibilità che consentono l'accesso al mercato, crea una serie di sfide che, se non gestite, potrebbero compromettere la competitività del tonno maldiviano sul mercato globale. Una lezione fondamentale dal caso delle Maldive è che lo sviluppo guidato dal governo lungo la catena del valore — vale a dire la raccolta, la lavorazione su larga e piccola scala, l'esportazione, le attività ausiliarie e il controllo della qualità — può essere un fattore essenziale per consentire al settore della pesca di mantenere l'accesso al mercato.

Le Maldive Canne e lenze Skipjack Tonno Fishery forniscono quindi un eccellente esempio di come le pratiche dello Stato possano abbracciare i principi delle linee guida SSF 7.6—7.9. La figura 8.5 illustra in che modo le buone pratiche del governo delle Maldive si allineano specificamente agli orientamenti e in che modo tali pratiche possono essere replicate da altri Stati costieri che intendono sviluppare e sostenere le loro catene di valore della pesca su piccola scala nazionale, post-raccolta e commercio nel contesto dei prodotti alimentari la sicurezza e l'eliminazione della povertà.

Questo documento illustra come il governo delle Maldive abbia agito da catalizzatore per l'innovazione e lo sviluppo, nonché in che misura possono essere impiegate strategie governate dallo Stato per promuovere la pesca basata sulle esportazioni, garantendo al contempo ai cittadini nazionali l'opportunità di beneficiare equamente lungo il catena del valore. L'approccio del governo può essere riassunto come fornire ai suoi pescatori e lavoratori l'accesso alle risorse marine e ai mercati.

! image-20210521194104720

Il governo delle Maldive ha intrapreso numerose iniziative per facilitare l'accesso preferenziale alle risorse del tonno con tonno da pesca e i benefici per i propri cittadini. In primo luogo, la suddivisione della ZEE delle Maldive in modo che solo i pescherecci nazionali, uno per uno, possano accedere al tonno entro 75 miglia nautiche dalla costa garantisce che l'industria ittica del paese possa continuare ad essere l'unico beneficiario delle sue risorse tonniere. Inoltre, imponendo un premio di prezzo fisso oltre al prezzo di base di Bangkok per le esportazioni di tonno e un prezzo minimo di base per le vendite nazionali di tonno, il governo ha permesso al settore della pesca di mantenere un reddito elevato e stabile derivante dalla pesca dello skipjack. Nell'attuare misure volte a garantire che i settori primari e secondari dell'industria della pesca siano in grado di trarre i massimi benefici economici dal settore della pesca nazionale, il governo sta anche creando condizioni favorevoli per salvaguardare i mezzi di sussistenza e la sicurezza alimentare dei suoi cittadini.

Il governo ha inoltre contribuito a garantire che il settore del tonno possa adattarsi alle condizioni del mercato globale. Guidando innovazioni di sostenibilità orientate al mercato come ottenere la certificazione MSC e implementare sistemi nazionali di trasparenza digitale, il governo ha creato un ambiente favorevole in cui le Maldive e i suoi cittadini sono ben posizionati per prosperare nei mercati mondiali del pesce. Inoltre, la sua leadership nella gestione regionale della pesca presso la IOTC ha contribuito anche a influenzare le questioni che riguardano l'industria della pesca del tonno del paese e la sua capacità di prosperare a livello nazionale e internazionale.

Ahusan, M., Adam, M.S., Ziyad, A., Shifaz, M., Shimal, M. & Jauharee, R. 2018. Relazione nazionale delle Maldive presentata al comitato scientifico del tonno dell'Oceano Indiano 2018. IOTC-2018-SC21-NR1.

Anderson, R.C. & Hafiz, A. 1996. Stato della ricerca sul tonno e della raccolta dei dati nelle Maldive. Rasain, 2:117—132.

Ásmundsson, S. 2016. Organizzazioni regionali di gestione della pesca (ORGP): chi sono, qual è la loro copertura geografica in alto mare e quali dovrebbero essere considerate ORGP generali, ORGP per il tonno e ORGP specializzate? Convenzione sulla biodiversità. (disponibile all'indirizzo https://www.cbd.int/doc/meetings/mar/soiom-2016-01/other/ soiom-2016-01-fao-19-en.pdf).

FAO. 2003. Bilanci alimentari. Roma.

FAO. 2015. Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eliminazione della povertà. Roma.

Gillett, R. 2016. Pesca del tonno con lenze e canne nel mondo: status e tendenze. Relazione tecnica IPNLF n. 6. Londra, IPNLF (International Pole & Line Foundation).

Gillett, R., Jauharee, A.R. & Adam, M.S. 2013. Piano di gestione della pesca delle Maldive livebait. Male', Repubblica delle Maldive, Centro di ricerca marina, Ministero della pesca e dell'agricoltura.

Gordon, D.V. & Hussain, S. 2015. Determinazione dei prezzi e flessibilità della domanda nel mercato franco nave del tonno nella Repubblica delle Maldive. Economia e gestione dell'acquacoltura, 19 (1): 8-28.

** Grigio, A.** 1889. Il viaggio di François Pyrard di Laval verso le Indie Orientali, le Maldive, le Molucche e il Brasile. Tradotto in inglese dalla terza edizione francese del 1619. A. Gray & H.C. Purvis Bell, eds. Londra, Hakluyt Society.

Hemmings, M., Harper, S. & Zeller, D. 2011. Ricostruzione delle catture marine totali per le Maldive, 1950—2008. A S. Harper & D. Zeller, eds. Ricostruzioni delle catture di pesca: Isole, parte II, pagg. 21—37. Relazioni di ricerca del Centro della pesca 19 (4). Università della Columbia Britannica, Vancouver, Canada.

Hohne-Sparborth, T., Adam, M.S. & Ziyad, A. 2015. *Una valutazione socioeconomica della pesca del tonno nelle Maldive Relazione tecnica IPNLF n. 5. Londra, IPNLF. 44 pp.

Howgate, E. & Leadbitter, D. 2016. *Mercati internazionali per il tonno con lenze a canna: opportunità e sfide Londra, IPNLF. (disponibile all'indirizzo < http://ipnlf.org/perch/resources/ipnlfinfofish0116-1.pdf >).

IOTC. 2019. Dataset IOTC. Recuperato il 02 dicembre 2019 da http://iotc.org/data/datasets

IPNLF (2019) . Maldive Concept Vessel. Per comunicazioni

Jacinto, E.R. e Pomeroy, R.S. 2011. Sviluppare mercati per la pesca su piccola scala: utilizzare l'approccio della catena del valore. Gestione della pesca su piccola scala: quadri e approcci per i paesi in via di sviluppo, pagg. 160-177.

Japan International Cooperation Agency, INTEM Consulting, Inc. Fisheries & Aquaculture International Co., Ltd. (2018) Progetto Repubblica delle Maldive per la formulazione del piano generale per la pesca sostenibile (MASPLAN) Relazione finale. Disponibile all'indirizzo: http://open_jicareport.jica.go.jp/pdf/12301677.pdf

Lecomte, M. 2017. *Pesca del tonno dell'Oceano Indiano: tra opportunità di sviluppo e questioni di sostenibilità. IDDRI (Développement Durable & Relazioni Internationales).

Macfadyen, G., Huntington, T., Caillart, B. & Defaux, V. 2016. Stima dei valori di vendita globali della pesca del tonno — Relazione Fase 1. Lymington, Regno Unito, Poseidon Aquatic Resource Management Ltd.

Miller, K.I., Adam, M.S. & Baske, A. 2017. Tassi di consumo di carburante nella pesca del tonno con canna e lenze maldivian. Londra, IPNLF e Male', Centro di ricerca marina.

Miller, K.I., Nadheeh, I., Jauharee, A.R., Anderson, R.C. & Adam, M.S. 2017. Catture accessorie nella pesca del tonno con lenze a canna delle Maldive. PLOS ONE, 12 (5): e0177391.

Naeem A., Latheefa A. 1995, Valutazione biosocioeconomica degli effetti dei dispositivi di aggregazione dei pesci nella pesca del tonno nelle Maldive. Programma Baia del Bengala, Madras WP/ RAS/91/006.

Ufficio Nazionale di Statistics. 2014. Censimento — 2014. Male', Repubblica delle Maldive, Ministero delle Finanze e del Tesoro.

Ufficio Nazionale di Statistics. 2016. Indagine sul reddito e la spesa delle famiglie (HIES), Maldive, Ministero delle Finanze e del Tesoro.

Ufficio Nazionale di Statistics. 2018. Annuario statistico delle Maldive 2018. Male', Repubblica delle Maldive, Ministero delle Finanze e del Tesoro.

Parker, R.W. & Tyedmers, P.H. 2015. Consumo di carburante delle flotte pescherecce mondiali: attuali lacune di comprensione e conoscenze. Pesce e pesca, 16:684-696.

Parker, R.W., Vázquez-Rowe, I. & Tyedmers, P.H. 2015. Prestazioni di carburante e emissioni di carbonio della flotta mondiale di tonniere con reti a circuizione. Journal of Cleaner Production, 103:517—52.

Sathiendrakumar, R. & Tisdell, C. 1986. Risorse e politiche della pesca nelle Maldive: tendenze e problemi per un paese insulare in via di sviluppo. Politica Marina, 10 (4): 279-293.

Sinan, H. 2011. *Rapporto di base sui prodotti della pesca: le Maldive. Malé, Repubblica delle Maldive, Ministero della pesca e dell'agricoltura.

Wessels, P. (2017). I ruoli delle donne nelle catene di approvvigionamento del tonno maldiviano uno per uno: uno studio scoping, Dalhousie University, International Pole & Line Foundation.

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


  1. Tonno albacora nella sua scuola di stage infantile insieme al tonno palcoscenico. 

  2. pesca a scuola libera significa pesca in una scuola di tonno a nuoto libero, cioè senza l'uso (o associazione con) AFAD. 

  3. la pesca una per una si riferisce collettivamente ai metodi di pesca con lenze, lenze a mano o con la traina. 

  4. https://iotc.org/documents/catch-rate-standardization-maldivian-skipjack-pole-and-line-fishery-1970-2007 


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.