common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

16.7.1 Partialità

Nonostante i resoconti contemporanei di sostenibilità che ne sottolineano il carattere complesso, multidimensionale e contestato, in pratica gran parte della scienza che si occupa di questioni di sostenibilità rimane fissata alle prospettive e alle azioni tradizionali e disciplinari (Miller et al. 2014). La conoscenza disciplinare, va detto, ha un valore evidente e ha portato enormi progressi nella comprensione fin dall'antichità. Tuttavia, l'apprezzamento e l'applicazione delle questioni di sostenibilità attraverso i canali disciplinari tradizionali sono state caratterizzate dall'incapacità storica di facilitare il più profondo cambiamento sociale necessario per questioni come quella con cui ci confrontiamo: la trasformazione sostenibile del sistema alimentare paradigma (Fischer et al. 2007).

L'articolazione dei problemi di sostenibilità attraverso i tradizionali canali disciplinari porta spesso a concettualizzazioni «atomizzate» che considerano le dimensioni biofisiche, sociali ed economiche della sostenibilità come entità compartimentalizzate e presuppongono che queste possano essere affrontate isolatamente (ad esempio Loos et al. 2014). Invece di considerare le questioni di sostenibilità come una convergenza di componenti interattivi che devono essere affrontate insieme, le prospettive disciplinari spesso promuovono «correzioni tecniche» per affrontare problemi multidimensionali spesso complessi (ad esempio Campeanu e Fazey 2014). Una caratteristica comune di tali inquadrature è che spesso implicano che i problemi di sostenibilità possono essere risolti senza considerare le strutture, gli obiettivi e i valori che sostengono problemi complessi a livelli più profondi, dando tipicamente poca considerazione le ambiguità dell'azione umana, delle dinamiche istituzionali e concezioni più sfumate di potere.

La pratica di abbattere un problema in componenti discreti, analizzarli isolatamente e poi ricostruire un sistema dalle interpretazioni delle parti è stata una visione metodologica estremamente potente che ripercorre la sua storia agli albori della modernità con l'arrivo del riduzionismo cartesiano ( Mercante 1981). Essendo un principio chiave per la produzione di conoscenze oggettive, questa pratica costituisce il fondamento della maggior parte degli sforzi disciplinari nelle scienze naturali. L'importanza della conoscenza oggettiva, ovviamente, è in quanto fornisce alla comunità di ricerca «fatti»; intuizioni precise e riproducibili sui fenomeni generalmente dispersi. La produzione dei fatti è stata la sala macchine dell'innovazione che ha spinto la Rivoluzione Verde. La scienza ha alimentato la «conoscenza degli esperti» e ha fornito informazioni penetranti sulle dinamiche nei nostri sistemi di produzione alimentare che sono rimaste invarianti attraverso il cambiamento nel tempo, nello spazio o nella posizione sociale. Costruire un catalogo di questo tipo di conoscenza, e distribuirlo come quello che Latour (1986) chiama «cellulari immutabili», ha costituito la base dei sistemi universali di monocropping, fertilizzazione e controllo dei parassiti che caratterizzano il moderno sistema alimentare (Latour 1986).

Ma questa forma di produzione di conoscenza ha delle debolezze. Come ogni scienziato sa, al fine di ottenere informazioni significative, questo metodo deve essere rigorosamente applicato. È stato dimostrato che questa produzione di conoscenza è «distorta verso quegli elementi della natura che cedono al suo metodo e verso la scelta dei problemi più attinenti alle soluzioni con la conoscenza così prodotta» (Kloppenburg 1991). Un chiaro esempio di ciò sarebbe la nostra agenda di ricerca sulla sicurezza alimentare squilibrata che privilegia fortemente la produzione rispetto alle questioni relative alla conservazione, alla sostenibilità o alla sovranità alimentare (Hunter et al. 2017). La maggior parte dei lavori di alto profilo sulla sicurezza alimentare si concentra sulla produzione (Foley et al. 2011), sottolineando i flussi materiali e i budget su questioni più profonde come le strutture, le regole e i valori che modellano i sistemi alimentari. Il fatto semplice è che poiché sappiamo di più sugli interventi materiali è più facile progettare, modellare e sperimentare questi aspetti del sistema alimentare. Come sottolineano Abson et al. (2017:2): «Molte applicazioni scientifiche per la sostenibilità di piombo presuppongono che alcuni dei fattori più impegnativi dell'insostenibilità possano essere considerati come «proprietà fisse del sistema» che possono essere affrontate in isolamento». Perseguendo i percorsi lungo i quali il successo sperimentale è più spesso realizzato, gli approcci disciplinari «atomizzati» trascurano quelle aree in cui altri approcci potrebbero rivelarsi gratificanti. Tali «punti ciechi» epistemologici significano che gli interventi di sostenibilità sono spesso orientati verso aspetti altamente tangibili che possono essere semplici da prevedere e attuare, ma hanno un debole potenziale per «sfruttare» la transizione sostenibile o un cambiamento più profondo del sistema (Abson et al. 2017). Affrontare i limiti e le parzialità delle nostre conoscenze disciplinari è un aspetto che sottolineiamo quando affermiamo la necessità di sviluppare una «conoscenza critica della sostenibilità» per l'acquaponica.

Dal punto di vista disciplinare le credenziali di sostenibilità dei sistemi aquaponici possono essere più o meno semplici da definire (ad esempio, consumo di acqua, efficienza del riciclo dei nutrienti, rese comparative, consumo di input non rinnovabili, ecc.). In effetti, più definiamo i criteri di sostenibilità, più è semplice testare tali parametri e più è facile imprimere l'affermazione di sostenibilità sui nostri sistemi. Il problema è che possiamo progettare la nostra strada verso una forma di sostenibilità che solo pochi potrebbero considerare sostenibile. Parafrasando Kläy et al. (2015), quando trasformiamo la nostra preoccupazione originaria di come realizzare un sistema alimentare sostenibile in una «questione di fatti» (Latour 2004) e limitiamo il nostro sforzo di ricerca all'analisi di questi fatti, cambiamo sottilmente ma profondamente il problema e la direzione della ricerca. Tale questione è stata identificata da Churchman (1979:4 —5) che ha scoperto che, poiché la scienza affronta principalmente l'identificazione e la soluzione dei problemi, e non gli aspetti etici sistemici e correlati, c'è sempre il rischio che le soluzioni offerte possano persino aumentare l'insostenibilità dello sviluppo - cosa chiamò il 'errore ambientale' (Churchman 1979).

Potremmo sollevare preoccupazioni correlate per il nostro settore. Le prime ricerche in acquaponica hanno tentato di rispondere a domande riguardanti il potenziale ambientale della tecnologia, ad esempio per quanto riguarda lo scarico dell'acqua, l'input di risorse e il riciclo dei nutrienti, con una ricerca progettata intorno ai sistemi acquaponici su piccola scala. Sebbene la sua attenzione sia certamente ristretta, questa ricerca generalmente teneva a fuoco le preoccupazioni in materia di sostenibilità. Recentemente, tuttavia, abbiamo rilevato un cambiamento nell'ambito della ricerca. Ciò è stato sollevato nel Capo 1 di questo libro, i cui autori condividono la nostra opinione, osservando che la ricerca «negli ultimi anni si è spostata sempre più verso la fattibilità economica, al fine di rendere l'acquaponica più produttiva per le applicazioni agricole su larga scala». Le discussioni, abbiamo rilevato, riguardano sempre più vie di efficienza e redditività che spesso fissano il potenziale dell'acquaponica contro la concorrenza percepita con altri metodi di produzione su larga scala (idroponica e RAS). L'argomentazione sembra essere che solo quando si risolvono i problemi di produttività del sistema, attraverso misure di efficienza e soluzioni tecniche come l'ottimizzazione delle condizioni di crescita delle piante e dei pesci, l'acquaponica diventa economicamente competitiva con altre tecnologie di produzione alimentare industriale ed è legittimata come metodo di produzione alimentare.

Saremmo senz'altro d'accordo sul fatto che la redditività economica è un elemento importante del potenziale di resilienza e sostenibilità a lungo termine dell'acquaponica. Tuttavia, ci metteremmo in guardia contro la definizione troppo restrittiva della nostra etica di ricerca — e, in effetti, la visione futura dell'acquaponica — basata solo sui principi della produzione e del profitto. Ci preoccupiamo che quando la ricerca acquaponica è limitata all'efficienza, alla produttività e alla competitività del mercato, si ripetano le vecchie logiche della Rivoluzione Verde e le nostre rivendicazioni in materia di sicurezza alimentare e sostenibilità diventino poco profonde. Come abbiamo visto in precedenza, il produzionismo è stato inteso come un processo in cui una logica di produzione sovradetermina altre attività di valore all'interno dei sistemi agricoli (Lilley e Papadopoulos 2014). Poiché la sostenibilità comporta intrinsecamente una complessa diversità di valori, queste strette vie di ricerca, temiamo, rischiano l'articolazione dell'acquaponica all'interno di una visione ridotta della sostenibilità. Ponendosi la domanda «in quali circostanze l'acquaponica può superare i tradizionali metodi di produzione alimentare su larga scala?» non equivale a chiedere «in che misura l'acquaponica può soddisfare le esigenze di sostenibilità e sicurezza alimentare dell'Antropocene?».

16.7.2 Contesto

La produzione di conoscenza attraverso percorsi disciplinari tradizionali comporta una perdita di contesto che può restringere la nostra risposta a complessi problemi di sostenibilità. La natura multidimensionale della sicurezza alimentare implica che «non esiste un unico percorso valido a livello mondiale per un'intensificazione sostenibile» (Struik e Kuyper 2014). Le esigenze fisiche, ecologiche e umane poste ai nostri sistemi alimentari sono legate al contesto e, in quanto tali, lo sono anche le pressioni sulla sostenibilità e sulla sicurezza alimentare che derivano da queste esigenze. L'intensificazione richiede contestualizzazione (Tittonell e Giller 2013). Sostenibilità e sicurezza alimentare sono risultati di pratiche «localizzate» e non possono essere estratte dalle idiosincrasie del contesto e del «luogo» che sono sempre più visti come fattori importanti nei risultati di tali pratiche (Altieri 1998; Hinrichs 2003; Reynolds et al. 2014). A ciò si aggiunge l'Anthropocene un compito in più: le forme localizzate di conoscenza devono essere accoppiate con la conoscenza «globale» per produrre soluzioni sostenibili. Il problema dell'Anthropocene ci pone un forte bisogno di riconoscere l'interconnessione del sistema alimentare mondiale e il nostro posto globalizzato al suo interno: il modo particolare in cui si ottiene l'intensificazione sostenibile in una parte del pianeta rischia di avere conseguenze altrove (Garnett et al. 2013). Sviluppare una «conoscenza critica della sostenibilità» significa aprirsi ai diversi potenziali e vincoli che derivano da preoccupazioni contestualizzate in materia di sostenibilità.

Una delle principali rotture proposte dall'intensificazione ecologica è l'allontanamento dalla regolamentazione chimica che ha segnato la forza trainante dello sviluppo agricolo durante la rivoluzione industriale e verso la regolazione biologica. Tale mossa rafforza l'importanza dei contesti e delle specificità locali. Sebbene si tratti più spesso di pratiche agricole tradizionali e di piccoli proprietari, i metodi agroecologici hanno dimostrato come il contesto possa essere frequentato, compreso, protetto e celebrato a sé stante (Gliessman 2014). Gli studi sugli ecosistemi «reali» in tutta la loro complessità contestuale possono portare a un «sentimento per l'ecosistema», fondamentale per la comprensione e la gestione dei processi di produzione alimentare (Carpenter 1996).

La rilevanza delle idee agroecologiche non deve limitarsi all' «azienda agricola»; la natura dei sistemi acquaponici a circuito chiuso richiede un «bilanciamento» degli agenti ecologici codipendenti (pesci, piante, microbioma) entro i limiti e le convenienze di ciascun sistema. Sebbene il microbioma dei sistemi acquaponici abbia appena iniziato ad essere analizzato (Schmautz et al. 2017), la complessità e il dinamismo dovrebbero superare i sistemi di acquacoltura a ricircolo, la cui microbiologia è nota per essere influenzata dal tipo di mangime e dal regime di alimentazione, dalle routine di gestione, dalla microflora associata al pesce, parametri dell'acqua di trucco e pressione di selezione nei biofiltri (Blancheton et al. 2013). Ciò che potrebbe essere considerato «semplice» rispetto ad altri metodi di allevamento, l'ecosistema dei sistemi acquaponici è tuttavia dinamico e richiede attenzione. Lo sviluppo di un' «ecologia del luogo», in cui il contesto è intenzionalità e attentamente impegnato, può servire come forza creativa nella ricerca, compresa la comprensione scientifica (Thrift 1999; Beatley e Manning 1997).

Le dinamiche biofisiche ed ecologiche dei sistemi aquaponici sono fondamentali per tutta la concezione dell'acquaponica, ma da questi parametri non derivano solo le potenzialità di sostenibilità e sicurezza alimentare. Come sottolineano König et al. (2016), per i sistemi aquaponici: «le diverse impostazioni influenzano potenzialmente la realizzazione di tutti gli aspetti della sostenibilità: economica, ambientale e sociale» (König et al. 2016). L'enorme potenziale configurazionale dell'acquaponica, dalla miniatura agli ettari, dai sistemi intensivi, di base ai sistemi high-tech, è piuttosto atipico nelle tecnologie di produzione alimentare (Rakocy et al. 2006). Il carattere integrativo e la plasticità fisica dei sistemi aquaponici fanno sì che la tecnologia possa essere impiegata in un'ampia varietà di applicazioni. Questo, a nostro avviso, è proprio il punto di forza della tecnologia aquaponica. Data la diversa ed eterogenea natura delle preoccupazioni in materia di sostenibilità e sicurezza alimentare nell'Anthropocene, la grande adattabilità, o anche «hackability» (Delfanti 2013), dell'acquaponica offre molte potenzialità per sviluppare una produzione alimentare «su misura» (Reynolds et al. 2014) che è esplicitamente adattata al esigenze ambientali, culturali e nutrizionali del luogo. I sistemi Aquaponic promettono strade di produzione alimentare che potrebbero essere indirizzate verso limiti di assimilazione delle risorse locali e dei rifiuti, disponibilità materiale e tecnologica, richieste di mercato e manodopera. È per questo motivo che il perseguimento dei risultati di sostenibilità può comportare diversi percorsi di sviluppo tecnologico dipendenti dal locale (Coudel et al. 2013). Si tratta di un punto che sta cominciando a ricevere sempre più riconoscimenti, con alcuni commentatori che affermano che l'urgenza della sostenibilità globale e delle questioni di sicurezza alimentare nell'Antropocene richiede un approccio aperto e multidimensionale all'innovazione tecnologica. Ad esempio, Foley et al. (2011:5) affermano: «La ricerca di soluzioni agricole dovrebbe rimanere neutrale dalla tecnologia. Esistono molteplici percorsi per migliorare la produzione, la sicurezza alimentare e le prestazioni ambientali dell'agricoltura, e non dovremmo essere bloccati in un unico approccio a priori, che si tratti di agricoltura convenzionale, modificazione genetica o agricoltura biologica» (5) (Foley et al. 2011). Vorremmo sottolineare questo punto per l'acquaponica, come hanno già fatto König et al. (2018:241): «Ci sono diversi problemi di sostenibilità che l'acquaponica potrebbe affrontare, ma che possono essere impossibili da realizzare in un'unica configurazione di sistema. Pertanto, i percorsi futuri dovranno sempre coinvolgere una diversità di approcci».

Ma l'adattabilità dell'acquaponica potrebbe essere vista come una spada a doppio taglio. L'ispirazione per specifiche soluzioni di sostenibilità «su misura» porta con sé la difficoltà di generalizzare le conoscenze acquaponiche per scopi più ampi e ripetibili. I sistemi acquaponici di successo rispondono alle specificità locali in termini di clima, mercato, conoscenza, risorse, ecc. (Villarroel et al. 2016; Love et al. 2015; Laidlaw e Magee 2016), ma ciò significa che i cambiamenti su scala non possono facilmente procedere dalla replica frattale di storie di successo locali non riproducibili. Tenendo conto di questioni simili a queste, altri settori della ricerca sull'intensificazione ecologica hanno suggerito che l'espressione «scaling up» deve essere messa in discussione (Caron et al. 2014). Invece, l'intensificazione ecologica sta cominciando a essere vista come una transizione di processi multiscalari, che seguono tutte «regole proprie» biologiche, ecologiche, gestionali e politiche, e generano esigenze uniche di compromesso (Gunderson 2001).

La comprensione e l'intervento in sistemi complessi come questo rappresentano enormi sfide per la nostra ricerca, orientata verso la produzione di «conoscenze esperte», spesso realizzate in laboratorio e isolate da strutture più ampie. Il complesso problema della sicurezza alimentare è irto di incertezze che non possono essere adeguatamente risolte ricorrendo agli esercizi di risoluzione dei puzzle della «scienza normale» kuhniana (Funtowicz e Ravetz 1995). La necessità di tenere conto della «specificità» e della «generalità» in questioni complesse in modo sostenibile comporta grandi difficoltà metodologiche, organizzative e istituzionali. La sensazione è che, per raggiungere obiettivi contestualizzati di sostenibilità e sicurezza alimentare, la conoscenza «universale» debba essere collegata alla conoscenza «basata sul luogo» (Funtowicz e Ravetz 1995). Per Caron et al. (2014), questo significa che «gli scienziati imparano a andare continuamente avanti e indietro...» tra queste due dimensioni, '... sia per formulare la loro domanda di ricerca che per capitalizzare i loro risultati... Il confronto e l'ibridazione tra fonti eterogenee di conoscenza è quindi essenziale» (Caron et al. 2014). La ricerca deve essere aperta a circoli più ampi di soggetti interessati e ai loro flussi di conoscenze.

Data l'enorme sfida che tale regime comporta in tutti i casi, si potrebbe trovare una soluzione allettante nello sviluppo di tecniche di allevamento acquaponico più avanzate «controllate dall'ambiente». Tali sistemi funzionano tagliando le influenze esterne nella produzione, massimizzando l'efficienza riducendo al minimo l'influenza di variabili subottimali e specifiche della posizione (Davis 1985). Ma mettiamo in discussione questo approccio su un certo numero di conti. Dato che l'impulso di tali sistemi risiede nel respingere la produzione alimentare dalle «incongruenze localizzate», esiste sempre il rischio che le esigenze localizzate di sostenibilità e sicurezza alimentare possano essere esternalizzate anche dalla progettazione e dalla gestione dei sistemi. Eliminare anomalie localizzate nella ricerca del «sistema perfetto» deve certamente offrire allettanti potenziali di efficienza sulla carta, ma temiamo che questo tipo di problem solving aggiri il problema specificità-generalità dei problemi di sostenibilità nell'Anthropocene senza affrontarli. Piuttosto che un rimedio, il risultato potrebbe essere un'estensione dell'approccio dislocato, «taglia unica» alla produzione alimentare che ha segnato la Rivoluzione Verde.

L'attuale ricerca acquaponica che segue una delle scuole informali di «disaccoppiamento» o di «chiusura del ciclo» potrebbe essere un esempio di tali inquadrature. Spingendo i limiti di produttività della produzione, acquacoltura o idrocoltura, i compromessi operativi inerenti al principio acquaponico ecologico diventano più evidenti e diventano considerati come ostacoli alla produttività che devono essere superati. Inquadrare il problema aquaponico come questo si traduce in soluzioni che coinvolgono più tecnologia: valvole unidirezionali brevettate, trappole di condensa, ossigenatori ad alta tecnologia, illuminazione a LED, dispenser di nutrienti aggiuntivi, concentratori di nutrienti e così via. Queste direzioni ripetono la dinamica di conoscenza della moderna agricoltura industriale che ha concentrato eccessivamente l'esperienza e la potenza dei sistemi di produzione alimentare nelle mani di scienziati applicati impegnati nello sviluppo di input, attrezzature e gestione remota dei sistemi. Non siamo sicuri di come tali misure tecnocratiche possano inserirsi in un'etica di ricerca che pone la sostenibilità al primo posto. Non si tratta di un argomento contro i sistemi ambientali chiusi ad alta tecnologia; speriamo semplicemente di sottolineare che, all'interno di un primo paradigma di sostenibilità, le nostre tecnologie di produzione alimentare devono essere giustificate per generare risultati di sostenibilità e sicurezza alimentare specifici per il contesto.

Capire che la sostenibilità non può essere rimossa dalle complessità del contesto o dalle potenzialità del luogo è riconoscere che la «conoscenza degli esperti» da sola non può essere considerata garante di risultati sostenibili. Ciò rappresenta una sfida per le modalità di produzione centralizzata delle conoscenze basate su esperimenti in condizioni controllate e sul modo in cui la scienza potrebbe contribuire ai processi di innovazione (Bäckstrand 2003). Fondamentale qui è la progettazione di sistemi metodologici che garantiscono sia la robustezza che la genericità delle conoscenze scientifiche sia mantenuta insieme alla sua rilevanza per le condizioni locali. Passare a concezioni come questa richiede un enorme cambiamento nei nostri attuali schemi di produzione della conoscenza e non solo implica una migliore integrazione dell'agronomico con le scienze umane e politiche, ma suggerisce un percorso di coproduzione della conoscenza che va ben oltre l'interdisciplinarità (Lawrence 2015).

Qui è importante sottolineare il punto di Bäckstrand (2003:24) che l'incorporazione delle conoscenze laiche e pratiche nei processi scientifici «non si basa sul presupposto che la conoscenza laica sia necessariamente «più vera», «migliore» o «verde»». Piuttosto, come sottolineano Leach et al. (2012:4), nasce dall'idea che «coltivare approcci e forme di innovazione più diverse (sociali e tecnologiche) ci permette di rispondere all'incertezza e alla sorpresa derivanti da shock e stress biofisici e socioeconomici complessi e interattivi». Di fronte all'incertezza dei futuri risultati ambientali nell'Antropocene, una molteplicità di prospettive può impedire il restringimento delle alternative. A questo proposito, la ricchezza potenziale di sperimentazioni che si verificano nei progetti «cortile» e comunitari in tutta Europa rappresenta una risorsa non sfruttata che finora ha ricevuto poca attenzione da parte degli ambienti della ricerca. Il settore su piccola scala... Konig et al. (2018:241) osservano, '... mostra ottimismo e un sorprendente grado di auto-organizzazione su internet. Potrebbe esserci spazio per creare ulteriori innovazioni sociali». Data la natura multidimensionale delle problematiche dell'Anthropocene, le innovazioni di base, come il settore dell'acquaponica di casa, attingono dalla conoscenza e dall'esperienza locale e lavorano verso forme di innovazione sociali e organizzative che, agli occhi di Leach et al. (2012:4), sono almeno cruciali quanto avanzate scienza e tecnologia». Il collegamento con i gruppi di acquaponica della comunità offre potenzialmente l'accesso a vivaci gruppi alimentari locali, governi locali e consumatori locali che sono spesso entusiasti delle prospettive di collaborazione con i ricercatori. Vale la pena notare che in un clima di finanziamento sempre più competitivo, le comunità locali offrono un pozzo di risorse - intellettuali, fisiche e monetarie - che spesso vengono trascurate ma che possono integrare i flussi di finanziamento della ricerca più tradizionali (Reynolds et al. 2014).

Come sappiamo, attualmente, i progetti commerciali su larga scala devono affrontare rischi di marketing elevati, scadenze di finanziamento rigorose, nonché un'elevata complessità tecnologica e gestionale che rende difficile la collaborazione con organizzazioni di ricerca esterne. Per questo motivo, saremmo d'accordo con König et al. (2018) che trovano vantaggi per la sperimentazione con sistemi più piccoli che hanno una complessità ridotta e sono legati da un minor numero di normative legali. Il campo deve spingere ad integrare queste organizzazioni all'interno di quadri partecipativi e di ricerca scientifica, consentendo alla ricerca accademica di integrarsi più a fondo con forme di acquaponica che operano nel mondo. In assenza di misure e protocolli formalizzati di sostenibilità, le imprese aquaponiche rischiano problemi di legittimazione quando i loro prodotti sono commercializzati su rivendicazioni di sostenibilità. Una chiara possibilità di collaborazioni partecipative alla ricerca sarebbe la produzione congiunta di «obiettivi di sostenibilità specifici per situazioni» molto necessari per strutture che potrebbero costituire la «base per la progettazione dei sistemi» e portare «una strategia di marketing chiara» (König et al. 2018). Lavorare verso risultati come questi potrebbe anche migliorare la trasparenza, la legittimità e la pertinenza dei nostri sforzi di ricerca (Bäckstrand 2003).

Il clima europeo di finanziamento della ricerca ha iniziato a riconoscere la necessità di spostare l'orientamento alla ricerca includendo nei recenti inviti di finanziamento dei progetti il requisito di implementare i cosiddetti «laboratori viventi» nei progetti di ricerca (Robles et al. 2015). A partire da giugno 2018, il progetto Orizzonte 2020 ProgiReg (H2020-SCC2016-2017) includerà un laboratorio vivente per l'implementazione esemplare dei cosiddetti sistemi basati sulla natura (NBS), uno dei quali sarà un sistema acquaponico progettato dalla comunità, costruito in comunità e gestito dalla comunità in un solare passivo serra. Il progetto, con 36 partner in 6 paesi, mira a trovare modi innovativi per utilizzare in modo produttivo le infrastrutture verdi degli ambienti urbani e periurbani, basandosi sui concetti di co-produzione sviluppati nell'attuale progetto di pari livello, CoProgrün.

I pacchetti di lavoro dei ricercatori relativi alla parte aquaponica del progetto saranno triplicati. Una parte consisterà nell'innalzare il cosiddetto livello di preparazione tecnologica (TRL) dell'acquaponica, un compito di ricerca senza esplicita collaborazione con i laici e la comunità. L'utilizzo delle risorse degli attuali concetti acquaponici e il potenziale di ottimizzazione delle risorse di ulteriori misure tecniche sono gli obiettivi principali di questo compito. Mentre a prima vista questo compito sembra seguire il paradigma di produttività e aumento dei rendimenti sopra criticato, i criteri di valutazione per le diverse misure includeranno aspetti più sfaccettati, quali la facilità di attuazione, la comprensibilità, l'adeguatezza e la trasferibilità. Un secondo obiettivo sarà il supporto della pianificazione, della costruzione e dei processi operativi della comunità, che mira ad integrare la conoscenza oggettiva e la generazione della conoscenza dei professionisti. Un meta-obiettivo di questo processo sarà l'osservazione e la moderazione dei relativi processi di collaborazione e comunicazione della comunità. In questo approccio, si prevede che la moderazione modifichi attivamente l'osservazione, illustrando una deviazione dalle tradizionali routine di ricerca della costruzione dei fatti e della ripetibilità. Un terzo pacchetto comprende la ricerca sugli ostacoli politici, amministrativi, tecnici e finanziari. L'intenzione è quella di coinvolgere una più ampia raccolta di parti interessate, dai politici e dai decisori ai pianificatori, agli operatori e ai vicini, con strutture di ricerca sviluppate per riunire ognuna di queste prospettive specifiche. Speriamo che questo metodo più olistico apra un percorso verso l'approccio della «sostenibilità prima» proposto in questo capitolo.

16.7.3 Preoccupazione

Riconoscere l'acquaponica come una forma multifunzionale di produzione alimentare deve affrontare grandi sfide. Come è stato discusso, cogliere la nozione di «agricoltura multifunzionale» è più di un semplice dibattito critico su ciò che costituisce il «post-produzionismo» (Wilson 2001); questo perché cerca di spostare la comprensione del nostro sistema alimentare verso posizioni che meglio racchiudono la diversità, la nonlinearità e lo spazio eterogeneità riconosciute come ingredienti chiave per un sistema alimentare sostenibile e giusto. È importante ricordare che la nozione stessa di «multifunzionalità» in agricoltura è nata nel corso degli anni '90 come «conseguenza delle conseguenze ambientali e sociali indesiderate e in gran parte impreviste e della limitata efficacia in termini di costi della politica agricola comune europea (PAC), che ha principalmente cercato di promuovere la produzione agraria e la produttività dell'agricoltura» (270) (Cairol et al. 2009). Capire che i nostri climi politici e le nostre strutture istituzionali non sono favorevoli a un cambiamento sostenibile è un punto che non dobbiamo dimenticare. Come altri hanno sottolineato in campi agronomici adiacenti, comprendere e sbloccare la ricchezza dei contributi alla produzione alimentare al benessere umano e alla salute ambientale comporterà necessariamente una dimensione _critica (Jahn 2013). Questa intuizione, riteniamo, deve essere più forte nella ricerca acquaponica.

Abbiamo scelto con attenzione la parola «preoccupazione». La parola preoccupazione porta connotazioni diverse alla «critica». La preoccupazione porta nozioni di ansia, preoccupazione e difficoltà. L'ansia arriva quando qualcosa sconvolge quella che potrebbe essere un'esistenza più sana o felice o sicura. Ci ricorda che fare ricerche nell'Antropocene significa riconoscere il nostro posto drasticamente inquietante nel mondo. Che le nostre «soluzioni» comportino sempre la possibilità di problemi, che si tratti di etica, politica o ambientale. Ma la preoccupazione non ha solo connotazioni negative. Preoccuparsi significa anche «essere su», «relazionarsi con» e anche «prendersi cura». Ci ricorda di chiederci di cosa tratta la nostra ricerca. Come le nostre preoccupazioni disciplinari si relazionano ad altre discipline e a questioni più ampie. Fondamentalmente, i risultati della sostenibilità e della sicurezza alimentare ci impongono di preoccuparci delle preoccupazioni degli altri.

Considerazioni come queste costituiscono un terzo aspetto di ciò che intendiamo quando chiediamo una «conoscenza critica della sostenibilità» per l'acquaponica. In quanto comunità di ricerca, è fondamentale sviluppare una comprensione dei fattori strutturali che incidono e limitano l'efficace innovazione sociale, politica e tecnologica dell'acquaponica. Il cambiamento tecnico si basa sulle infrastrutture, sulle capacità di finanziamento, sulle organizzazioni di mercato e sulle condizioni del lavoro e dei diritti fondiari (Röling 2009). Quando il ruolo di questo quadro più ampio è assunto solo come «ambiente abilitante», spesso il risultato è che tali considerazioni sono lasciate al di fuori dello sforzo di ricerca. Questo è un punto che serve a giustificare facilmente il fallimento delle unità di sviluppo top-down basate sulla tecnologia (Caron 2000). A questo proposito, il discorso tecno-ottimistico dell'acquaponica contemporanea, nel suo mancato apprendere una più ampia resistenza strutturale allo sviluppo dell'innovazione sostenibile, servirebbe da esempio.

Quale importante forma potenziale di intensificazione sostenibile, l'acquaponica deve essere riconosciuta come incorporata e connessa a diverse forme sociali, economiche e organizzative a varie scale, potenzialmente a partire dalla famiglia, dalla catena del valore, dal sistema alimentare e anche da altri livelli politici. Fortunatamente, sono stati recentemente compiuti progressi verso le maggiori difficoltà strutturali che la tecnologia aquaponica deve affrontare, con König et al. (2018) che offrono una visione dell'acquaponica attraverso un obiettivo «emergente sistema di innovazione tecnologica». König et al. (2018) hanno dimostrato come le sfide per lo sviluppo dell'acquaponica derivino da: (1) complessità del sistema, (2) contesto istituzionale e (3) paradigma di sostenibilità che tenta di influenzare. Il campo della ricerca aquaponica deve rispondere a questa diagnosi.

Il lento assorbimento e l'alta probabilità di fallimento che la tecnologia acquaponica presenta attualmente è un'espressione della più ampia resistenza sociale che rende l'innovazione sostenibile una tale sfida, nonché la nostra incapacità di organizzarci efficacemente contro tali forze. Come nota König et al. (2018), l'ambiente ad alto rischio attualmente esistente per gli imprenditori e gli investitori aquaponici costringe le startup in tutta Europa a concentrarsi sulla produzione, sul marketing e sulla formazione del mercato, oltre alla fornitura di credenziali di sostenibilità. Su queste linee, Alkemade e Suurs (2012) ci ricordano che «le forze di mercato da sole non possono essere affidate per realizzare le transizioni di sostenibilità desiderate»; piuttosto, sottolineano, è necessaria una visione delle dinamiche dei processi di innovazione se il cambiamento tecnologico può essere guidato lungo traiettorie più sostenibili (Alkemade e Suurs 2012).

Le difficoltà che le imprese acquaponiche devono affrontare in Europa suggeriscono che il settore attualmente manca delle necessarie condizioni di mercato, con la «accettazione dei consumatori», un fattore importante che consente il successo delle nuove tecnologie dei sistemi alimentari, riconosciuto come un possibile settore problematico. Da questa diagnosi è stato sollevato il problema della «educazione dei consumatori» (Miličić et al. 2017). Insieme a questo, vorremmo sottolineare che l'educazione collettiva è una preoccupazione fondamentale per le questioni relative alla sostenibilità dei sistemi alimentari. Ma conti come questi comportano rischi. È facile ricadere sulle tradizionali concezioni moderniste riguardanti il ruolo della scienza nella società, supponendo che «se solo il pubblico capisse i fatti» sulla nostra tecnologia sceglierebbe l'acquaponica rispetto ad altri metodi di produzione alimentare. Conti come questi presuppongono troppo, sia per quanto riguarda le esigenze dei «consumatori», sia per il valore e l'applicabilità universale delle conoscenze degli esperti e dell'innovazione tecnologica. È necessario cercare resoconti più fini e più sfumati della lotta per un futuro sostenibile che vada oltre la dinamica del consumo (Gunderson 2014) e che abbiano maggiore sensibilità alle diverse barriere che le comunità si trovano ad affrontare nell'accesso alla sicurezza alimentare e nell'attuazione di azioni sostenibili (Carolan 2016; Muro 2007).

Acquisire informazioni sui processi di innovazione pone grande enfasi sulle nostre istituzioni che generano conoscenze. Come abbiamo discusso in precedenza, le questioni di sostenibilità richiedono che la scienza si apra ad approcci partecipativi pubblici e privati che comportano la coproduzione di conoscenze. Ma in termini di questo punto, vale la pena notare che enormi sfide sono in serbo. Come dice Jasanoff (2007:33): «Anche quando gli scienziati riconoscono i limiti delle loro indagini, come spesso fanno, il mondo politico, implicitamente incoraggiato dagli scienziati, chiede maggiori ricerche». L'ipotesi diffusa secondo cui una conoscenza più obiettiva sia la chiave per rafforzare l'azione verso la sostenibilità è contraria ai risultati della scienza della sostenibilità. I risultati della sostenibilità sono in realtà processi di conoscenza deliberativa più strettamente legati: costruire una maggiore consapevolezza dei modi in cui esperti e professionisti incorniciano le questioni di sostenibilità; i valori inclusi ed esclusi; così come i modi efficaci per facilitare la comunicazione delle diverse conoscenza e affrontare il conflitto se e quando si pone (Smith e Stirling 2007; Healey 2006; Miller e Neff 2013; Wiek et al. 2012). Come sottolineano Miller et al. (2014), la continua dipendenza da conoscenze oggettive per giudicare le questioni di sostenibilità rappresenta la persistenza della credenza modernista nella razionalità e nel progresso che sottoscrive quasi tutte le istituzioni generatrici di conoscenze (Horkheimer e Adorno 2002; Marcuse 2013).

È qui che lo sviluppo di una conoscenza critica della sostenibilità per l'acquaponica sposta la nostra attenzione sui nostri ambienti di ricerca. I nostri istituti di ricerca sempre più «neoliberalizzati» presentano una tendenza preoccupante: il rollback dei finanziamenti pubblici per le università, la crescente pressione per ottenere risultati a breve termine, la separazione delle missioni di ricerca e insegnamento, lo scioglimento dell'autore scientifico, la contrazione delle agende della ricerca a concentrarsi sulle esigenze degli attori commerciali, sulla crescente dipendenza dal mercato per giudicare le controversie intellettuali e sull'intensa fortificazione della proprietà intellettuale nel tentativo di commercializzare le conoscenze, che hanno tutti dimostrato di avere un impatto sulla produzione e la diffusione della nostra ricerca, e infatti tutti sono fattori che influenzano la natura della nostra scienza (Lave et al. 2010). Una domanda da affrontare è se i nostri attuali ambienti di ricerca siano idonei all'esame di complessi obiettivi di sostenibilità e sicurezza alimentare a lungo termine che devono far parte della ricerca acquaponica. Questo è il punto chiave che vorremmo sottolineare: se la sostenibilità è il risultato di una riflessione e di un'azione collettiva multidimensionale, i nostri sforzi di ricerca, parte integrante del processo, devono essere visti come qualcosa che può essere innovato anche verso i risultati della sostenibilità. Il suddetto progetto Orizzonte 2020 ProgiReg può essere un esempio di alcuni primi passi ambiziosi verso la creazione di nuovi ambienti di ricerca, ma dobbiamo lavorare sodo per evitare che il processo di ricerca stesso scivoli fuori di vista. Potrebbero essere sollevate domande su come queste misure potenzialmente rivoluzionarie di «laboratori viventi» possano essere attuate dall'interno delle logiche tradizionali di finanziamento. Ad esempio, richiede approcci partecipativi in primo piano l'importanza concettuale dei risultati a tempo indeterminato, richiedendo allo stesso tempo la spesa prevista per tali laboratori viventi da definire. Trovare vie produttive per uscire dalle barriere istituzionali tradizionali è una preoccupazione sempre presente.

I nostri ambienti di ricerca moderni non possono più essere considerati come un isolamento privilegiato dalle questioni più ampie della società. Più che mai le nostre bioscienze orientate all'innovazione sono implicate nelle preoccupazioni agrarie dell'Anthropocene (Braun e Whatmore 2010). Il campo degli studi scientifici e tecnologici ci insegna che le innovazioni tecnoscientifiche hanno una seria implicazione etico-politica. Una discussione di 30 anni in questo campo si è spinta ben oltre l'idea che le tecnologie siano semplicemente «utilizzate» o «abusate» da diversi interessi socio-politici dopo che l'hardware è stato «stabilizzato» o legittimato attraverso una sperimentazione oggettiva in spazi di laboratorio neutrali (Latour 1987; Pickering 1992). L'intuizione «costruttivista» delle analisi STS va oltre l'identificazione della politica all'interno dei laboratori (Law and Williams 1982; Latour e Woolgar 1986 [1979]) per dimostrare che le tecnologie che produciamo non sono oggetti «neutri», ma sono in realtà infuse di capacità «mondiali» e conseguenze politiche.

I sistemi acquaponici che aiutiamo a innovare sono pieni di capacità future, ma le conseguenze dell'innovazione tecnologica sono raramente un oggetto di studio. Per parafrasare Winner (1993), ciò che l'introduzione di nuovi manufatti significa per il senso di sé delle persone, per la consistenza delle comunità umane/non umane, per le qualità della vita quotidiana all'interno della dinamica della sostenibilità e per la più ampia distribuzione del potere nella società, queste non sono state tradizionalmente questioni di esplicita preoccupazione. Quando gli studi classici (Vincitore 1986) fanno la domanda 'I manufatti hanno la politica? ' , questo non è solo un invito a produrre esami più accurati della tecnologia includendo la politica nei conti delle reti degli utenti e degli stakeholder, anche se questo è certamente necessario; riguarda anche noi ricercatori, i nostri modi di pensiero ed ethos che influenzano la politica (o meno) che attribuiamo ai nostri oggetti (de la Bellacasa 2011; Arboleda 2016). Gli studiosi femministi hanno evidenziato come le relazioni di potere siano inscritte nel tessuto stesso della conoscenza scientifica moderna e delle sue tecnologie. Contro forme di conoscenza alienate e astratte, hanno innovato approcci teorici e metodologici chiave che cercano di riunire opinioni oggettive e soggettive del mondo e di teorizzare la tecnologia fin dal punto di partenza della pratica (Haraway 1997; Harding 2004). Consapevole di questi punti, Jasanoff (2007) chiede lo sviluppo di quelle che lei chiama 'tecnologie dell'umilità': 'L'umiltà ci istruisce a pensare di più su come ridefinire i problemi in modo che le loro dimensioni etiche siano portate alla luce, quali nuovi fatti cercare e quando resistere a chiedere chiarimenti alla scienza. L'umiltà ci indirizza ad alleviare le cause note della vulnerabilità delle persone al danno, a prestare attenzione alla distribuzione dei rischi e dei benefici e a riflettere sui fattori sociali che promuovono o scoraggiano l'apprendimento».

Un primo passo importante per il nostro settore verso una migliore comprensione delle potenzialità politiche della nostra tecnologia consisterebbe nell'incoraggiare l'espansione del campo verso aree critiche di ricerca attualmente sottorappresentate. Attraverso l'Atlantico negli Stati Uniti e in Canada sono già state fatte mosse simili, dove un approccio interdisciplinare si è progressivamente sviluppato nel campo critico dell'ecologia politica (Allen 1993). Tali progetti mirano non solo a combinare l'agricoltura e i modelli di utilizzo del suolo con la tecnologia e l'ecologia, ma sottolineano anche l'integrazione di fattori socioeconomici e politici (Caron et al. 2014). La comunità di ricerca acquaponica in America ha iniziato a riconoscere le risorse in espansione della ricerca sulla sovranità alimentare, esplorando come le comunità urbane possano essere ricoinvolte con i principi della sostenibilità, assumendo al contempo un maggiore controllo sulla loro produzione e distribuzione alimentare (Laidlaw e Magee 2016). La sovranità alimentare è diventata un argomento enorme che cerca proprio di intervenire nei sistemi alimentari che sono sopravvalutati dallo smantellamento delle relazioni capitalistiche. Dal punto di vista della sovranità alimentare, il controllo aziendale del sistema alimentare e la mercificazione degli alimenti sono visti come minacce predominanti per la sicurezza alimentare e l'ambiente naturale (Nally 2011). Seguiremmo l'opinione di Laidlaw e Magee (2016) secondo cui le imprese acquaponiche basate sulla comunità «rappresentano un nuovo modello per combinare l'agenzia locale con l'innovazione scientifica per garantire la sovranità alimentare nelle città».

Sviluppare una «conoscenza _critica della sostenibilità» per l'acquaponica significa resistere all'idea che la società e le sue istituzioni siano semplicemente domini neutrali che facilitano la progressione lineare verso l'innovazione sostenibile. Molti rami delle scienze sociali hanno contribuito a un'immagine della società infusa di relazioni di potere asimmetriche, luogo di contestazione e lotta. Una di queste lotte riguarda il significato e la natura stessa della sostenibilità. Punti di vista critici da campi più ampi sottolineerebbero che l'acquaponica è una tecnologia matura con potenzialità politiche e limitazioni. Se intendiamo seriamente la sostenibilità e le credenziali di sicurezza alimentare dell'acquaponica, diventa fondamentale esaminare in modo più approfondito il modo in cui le nostre aspettative di questa tecnologia si relazionano con l'esperienza sul campo e, a sua volta, trovare il modo di integrarla nuovamente nei processi di ricerca. Seguiamo Leach et al. (2012) qui che insistono sulla necessità di considerazioni più precise per quanto riguarda le prestazioni delle innovazioni sostenibili. A parte le affermazioni, solo chi o cosa può beneficiare di tali interventi deve occupare un posto centrale nel processo di innovazione acquaponica. Infine, come hanno chiarito gli autori di cap. 1, la ricerca di un cambiamento di paradigma duraturo richiederà la capacità di collocare la nostra ricerca in circuiti politici che rendano gli ambienti legislativi più favorevoli allo sviluppo dell'acquaponica e abilitare la modifica su scala più grande. Influenzare la politica richiede una comprensione delle dinamiche di potere e dei sistemi politici che consentono e compromettono il passaggio a soluzioni sostenibili.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.