common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

19.3 Discussione e conclusioni

2 years ago

4 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Questo capitolo ha cercato di chiarire gli aspetti normativi pertinenti per capire perché l'acquaponica attualmente non è ammissibile alla certificazione biologica nell'UE e negli Stati Uniti. Come nell'UE, il principale paradigma alla base dell'agricoltura biologica negli Stati Uniti è brevemente quello di gestire i suoli in modo naturale. Nell'UE, le decisioni di certificazione biologica per l'acquaponica biologica non vengono prese dalle autorità locali, mentre negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno registrato una crescita di questo tipo di azioni, nonché un aumento delle certificazioni private di peer-review e delle decisioni delle singole agenzie di certificazione biologica.

In linea di principio, tutti i regolamenti comunitari in materia di prodotti biologici possono essere adattati non appena saranno disponibili nuove prove scientifiche, come indicato al paragrafo 24.

Parr. 24

L'acquacoltura biologica è un settore relativamente nuovo della produzione biologica rispetto all'agricoltura biologica, dove esiste una lunga esperienza a livello aziendale. Dato il crescente interesse dei consumatori per i prodotti biologici dell'acquacoltura è probabile un'ulteriore crescita nella conversione delle unità di acquacoltura in produzione biologica. Questo porterà presto ad una maggiore esperienza e conoscenze tecniche. Inoltre, la ricerca pianificata dovrebbe portare a nuove conoscenze, in particolare sui sistemi di contenimento, sulla necessità di ingredienti per mangimi non biologici o sulla densità di stoccaggio per determinate specie. Le nuove conoscenze e lo sviluppo tecnico, che porterebbero ad un miglioramento dell'acquacoltura biologica, dovrebbero riflettersi nelle norme di produzione. È pertanto opportuno prevedere un riesame della normativa vigente al fine di modificarla, se del caso.

Quindi, i settori orticolo, acquacoltura e biologico avrebbero bisogno di organizzarsi, integrando conoscenze provenienti da diversi settori. Tuttavia, vi sono difficoltà a convocare discussioni ad alta intensità di conoscenza in quanto gli esperti e le comunità di pratica sono frammentate e disperse. Inoltre, si tratta di un impegno ad alta intensità di conoscenza: il sottocomitato NOSB per l'idroponica e l'acquaponica ha dichiarato che una giustificazione approfondita avrebbe richiesto più tempo (NOSB 2017; Hydroponic & Aquaponic Subcommittee Report, pag. 2). Nell'UE, il più importante Istituto di ricerca biologica (FiBL) coinvolto nella regolamentazione e nella sperimentazione di input ha sede in Svizzera. Tuttavia, con il suo nuovo ombrello organizzativo ora situato a Bruxelles, le circostanze dovrebbero migliorare nei prossimi anni. Tuttavia, rivedere tutti i dettagli di ogni componente dell'idroponica e dell'acquacoltura solleverà nuove domande a cui solo pochi esperti biologici in serra e acquacoltura in Europa saranno in grado di rispondere. Gli attori dell'acquaponica potrebbero quindi trovarsi in una situazione per discutere (a) l'approccio dell'economia circolare, ad esempio dal punto di vista della valutazione del ciclo di vita e in termini di componenti costruttivi e di produzione utilizzati per confrontarlo con una produzione basata sul suolo e (b) considerare la questione di come funziona l'acquaponica migliorare la situazione (sostenibilità) in loco della produzione ittica e vegetale. Fare tali domande può stimolare idee per una nuova acquaponica progettata dal sistema che potrebbe essere percepita come interessante dalla comunità organica. Tuttavia, può anche creare nuove (o di fatto vecchie) barriere all'attuazione di una produzione biologica su larga scala, ad esempio pensando a vasi biologici che non rappresentano una sfida per la vasatrice per insalate acquaponiche e indicatori di benessere dei pesci, al fine di sviluppare lo stoccaggio specifico delle specie basate sulla conoscenza densità. In questo modo, le modifiche alla progettazione del sistema possono sollevare nuove domande di ricerca.

Per il momento, la ricerca e lo sviluppo più collaborativi nello sviluppo di sistemi acquaponici per il settore biologico potrebbero essere un percorso interessante che sarebbe meglio discusso e sviluppato tra esperti di mentalità aperta e coltivatori di acquaponica, produzione biologica in serra e acquacoltura biologica. Per concludere, è molto necessario uno scambio di conoscenze e una discussione tra le nicchie acquaponiche e organiche per esplorare le potenzialità e i limiti dei rispettivi modelli di produzione, e raggiungere un certo consenso sul fatto che esista un ruolo futuro per il ricircolo dei sistemi acquaponici nel comunità organica e come potrebbe effettivamente apparire l'acquaponica biologica. Ma con le diverse visioni dei sistemi acquaponici da parte di imprenditori, agricoltori, ricercatori e comunità già esistenti, cosa li certificherebbe tutti come mezzo organico per la comunicazione al consumatore, per il marketing e per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità? Negli Stati Uniti come in Europa, la domanda è: chi trarrebbe beneficio dalla certificazione biologica dell'acquaponica? Attualmente, l'acquaponica sembra un po' essere un brutto anatroccolo sia all'interno dei regimi di agricoltura convenzionale che biologica, ma in futuro potrebbe trasformarsi in un bel cigno sostenibile e può essere certificato biologico? !


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.