common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

!

La salute delle piante ha un significato ampio che va ben oltre la semplice assenza di malattie; è lo stato generale di benessere che consente a una pianta di raggiungere il suo pieno potenziale produttivo. La salute delle piante, compresa la prevenzione delle malattie e la deterrenza e la rimozione dei parassiti, è un aspetto estremamente importante della produzione alimentare acquaponica (Figura 6.8). Sebbene i progressi più importanti nella salute delle piante siano stati raggiunti attraverso la gestione di agenti patogeni e parassiti, anche un'alimentazione ottimale, tecniche intelligenti di piantagione e una corretta gestione ambientale sono fondamentali per garantire piante sane. Inoltre, la conoscenza delle piante specifiche coltivate è fondamentale per affrontare diverse problematiche produttive. Sebbene siano già stati descritti alcuni concetti di base sulla nutrizione delle piante, questa sezione mira a fornire una comprensione molto più approfondita su come ridurre al minimo i rischi e affrontare le malattie delle piante e i parassiti nell'acquaponica su piccola scala.

Per ulteriori informazioni sugli insetti benefici, comprese le caratteristiche degli insetti e le esigenze climatiche, oltre a informazioni generali sull'identificazione dei parassiti, nonché sulla gestione integrata degli organismi nocivi e delle malattie (compresi i diversi prodotti disponibili per il trattamento), vedere l'appendice 2 e le risorse elencate nella sezione su Ulteriori letture.

parassiti delle piante, produzione integrata e gestione dei parassiti

I parassiti degli insetti sono problematici per la produzione vegetale perché portano malattie che le piante possono contrarre. I parassiti estraggono anche liquidi mentre si depositano nei tessuti vegetali, portando a una crescita stentata. Gli ambienti controllati, come le serre, possono essere particolarmente problematici per i parassiti perché lo spazio chiuso offre condizioni favorevoli agli insetti senza pioggia o vento. La disinfestazione per le condizioni esterne differisce anche da quella delle coltivazioni protette (case a rete, serre), a causa della separazione fisica delle piante dall'area circostante, che consente l'utilizzo di insetti benefici al chiuso per uccidere/controllare gli insetti nocivi. Anche la prevalenza dei parassiti degli insetti dipende fortemente dal clima e dall'ambiente. La gestione dei parassiti nelle zone temperate o aride è più facile che nelle regioni tropicali, dove una maggiore incidenza e concorrenza tra gli insetti rendono il controllo dei parassiti un compito molto più difficile.

Poiché le unità acquaponiche mantengono un ecosistema indipendente, è normale che una serie di microrganismi e piccoli insetti e ragni esistano all'interno dei letti mediatici. Tuttavia, altri insetti nocivi, come i pesci bianchi, tripidi, afidi, minatori di foglie, falene di cavolo e acari si nutrono e danneggiano le piante. Una pratica comune per trattare gli insetti nocivi problematici nella produzione vegetale del suolo è l'uso di pesticidi chimici o insetticidi, ma questo è 'impossibile** in acquaponica. Qualsiasi pesticida chimico forte potrebbe essere fatale per i pesci così come per i batteri benefici che vivono nel sistema. Pertanto, i pesticidi chimici commerciali non devono mai essere utilizzati. Tuttavia, esistono altri efficaci controlli fisici, ambientali e culturali per ridurre la minaccia di parassiti derivanti dall'acquaponica. Gli insetticidi e i deterrenti dovrebbero essere considerati un'ultima risorsa. Tuttavia, una gestione efficace integra la gestione delle colture e dell'ambiente con l'uso di deterrenti biologici e biologici.

IPPM (Integrated Production and Pest Management) è un approccio ecosistemico alla produzione e alla protezione delle piante basate sul suolo e senza suolo che combina diverse strategie e pratiche di gestione per coltivare piante sane e ridurre al minimo l'uso di pesticidi. Si tratta di una combinazione di controlli meccanici, fisici, chimici, biologici e microbici insieme alla resistenza delle piante ospitanti e alle pratiche culturali. Non tutti questi controlli sono applicabili per l'acquaponica in quanto alcuni possono essere fatali per pesci e batteri (cioè chimici e alcuni pesticidi organici), mentre altri potrebbero non essere economicamente giustificati per l'acquaponica su piccola scala (cioè agenti di controllo microbico). Pertanto, questa sezione si concentra sulle strategie più applicabili per l'acquaponica su piccola scala, tra cui il controllo meccanico e fisico, la resistenza alle piante ospiti e le tecniche culturali per prevenire la minaccia di parassiti e malattie. Alcune brevi osservazioni sono formulate su alcuni controlli biologici sicuri per l'acquaponia (cioè insetti e microrganismi benefici) e ulteriori dettagli sono inclusi nell'appendice 2. Per ulteriori informazioni su questi metodi, vedere la sezione «Ulteriori letture».

Controlli fisici, meccanici e culturali

Per la gestione dei parassiti in acquaponica, la prevenzione è fondamentale. Un monitoraggio regolare e approfondito dei parassiti è fondamentale e, idealmente, le infestazioni minori possono essere identificate e gestite prima che gli insetti danneggino l'intero raccolto. Di seguito è riportato un elenco di semplici controlli economici utilizzati nell'agricoltura biologica/convenzionale, che sono adatti anche per l'acquaponica su piccola scala, per evitare infestazioni da parassiti. L'esclusione fisica si riferisce a tenere lontani i parassiti. La rimozione meccanica avviene quando l'agricoltore allontana attivamente i parassiti dalle piante. I controlli culturali sono le scelte e le attività di gestione che l'agricoltore può intraprendere per prevenire i parassiti. Questi controlli dovrebbero essere utilizzati come prima linea di difesa contro gli insetti nocivi prima di prendere in considerazione altri metodi.

Reteting/Schermi

Questo metodo è comune per prevenire danni da parassiti nelle regioni tropicali o laddove si pratica l'orticoltura biologica o i pesticidi non siano efficaci. La dimensione della rete varia a seconda del parassita bersaglio; utilizzare reti con maglie di 0,15 mm per escludere tripidi, 0,35 mm per escludere mosche bianche e afidi e 0,8 mm per tenere fuori i minatori di foglie. La rete è particolarmente efficace mentre le piantine sono molto giovani e teneri. Gli schermi non sopprimono o eliminano i parassiti, ne escludono solo la maggior parte; pertanto, devono essere installati prima della comparsa dei parassiti e bisogna fare attenzione a non lasciare che i parassiti entrino nell'ambiente protetto.

Barriere fisiche

! image-20200905142324953

Date le distanze limitate che gli insetti possono percorrere, è possibile ridurre la prevalenza dei parassiti aggiungendo barriere fisiche tra le verdure e la vegetazione circostante come superfici pavimentate o piani di costruzione. La produzione acquaponica sul tetto beneficia della ventilazione naturale, data la maggiore altitudine, e la grande barriera fisica (distanza dal suolo) creando le condizioni ideali per la produzione all'aperto relativamente priva di parassiti e malattie (Figura 6.9). Le serre hanno spesso un forte ventilatore che esplode attraverso il modo di ingresso che può aiutare a impedire agli insetti di entrare con il contadino.

Un'altra tecnica utile è creare una barriera sulle gambe dei contenitori idroponici. Un anello

di rame lampeggiante può impedire lumache e lumache di arrampicarsi sulle gambe, e un rivestimento di vaselina può prevenire formiche. Posizionare il fondo delle gambe in un contenitore d'acqua può anche prevenire le formiche.

Ispezione manuale e rimozione

! image-20200905142340308

La rimozione, a mano o con un flusso d'acqua ad alta pressione, di foglie o piante fortemente infestate aiuta ad evitare e/o ritardare la diffusione degli insetti alle piante circostanti (Figura 6.10). I parassiti e le larve più grandi possono essere utilizzati anche come alimento supplementare per i pesci. L'acqua spruzzata da un tubo diretto alla parte inferiore delle foglie è una tecnica di gestione estremamente efficace su molti tipi di insetti succhiatori. Il ruscello può effettivamente uccidere alcuni insetti, e gli altri vengono lavati via. Questo è efficace per succhiare insetti come afidi e pesci bianchi. Questo è uno dei metodi più efficaci sui sistemi su piccola scala, ma può essere solo un rimedio temporaneo poiché i parassiti sfollati possono tornare alle piante. Può utilizzare volumi significativi di acqua e diventare troppo laboriosa con sistemi più grandi.

Trapping

!

Le trappole appiccicose posizionate leggermente sopra la tettoia delle piante sono efficaci in ambienti protetti (ad esempio case, serre). Le carte appiccicose blu intrappolano fasi adulte di tripidi mentre le carte appiccicose gialle intrappolano i bianchi e i microlepidotteri (Figura 6.11). Le trappole appiccicose sono meno efficaci in condizioni esterne, poiché i nuovi insetti possono facilmente provenire dalle aree circostanti. Il monitoraggio continuo degli insetti catturati dalle trappole può aiutare un agricoltore ad adottare misure specifiche per ridurre l'insorgenza di determinati parassiti. Un altro modo efficace di trattare con i parassiti è usare trappole con feromoni. Questi attirano maschi di parassiti specifici, riducendo così la popolazione di accoppiamento nella zona.

Gestione ambientale

Mantenere condizioni ottimali di luce, temperatura e umidità, che possono essere facilmente modificate in colture protette, per favorire una crescita più sana delle piante e creare condizioni sfavorevoli per i parassiti. Ad esempio, gli acari non tollerano condizioni umide e umide, quindi i nebulizzatori temporizzati diretti sulle foglie delle piante possono scoraggiare le infestazioni.

Scelta delle piante

Alcuni parassiti sono più attratti da specifiche specie vegetali rispetto ad altri. Allo stesso modo, diverse varietà vegetali della stessa specie hanno resistenza/tolleranza diversa ai parassiti. Questo è uno dei motivi per cui la policoltura può spesso prevenire grandi infestazioni perché alcune piante rimangono inalterate. Inoltre, alcune piante attraggono e mantengono insetti più benefici per aiutare a gestire le popolazioni di parassiti (discussi più dettagliatamente di seguito). Scegli varietà resistenti dai fornitori locali e dagli agenti di estensione dell'agricoltura per contribuire a ridurre malattie e infestazioni.

Piante indicative e colture sacrificali/cattura/trappola

Alcune piante, come cetrioli e legumi, sono più inclini agli afidi o alle infestazioni di acari rossi e quindi possono essere utilizzate per rilevare precocemente la prevalenza dei parassiti. Spesso, le piante indicatrici sono piantate lungo il bordo esterno di giardini più grandi. Un'altra strategia che può essere adottata in acquaponica è l'uso di insetticidi biologici su piante sacrificali o «catture» piantate vicino, ma non all'interno, al sistema acquaponico. Le piante di cattura (cioè le fave) attirano i parassiti. Queste piante possono essere coltivate in vasi accanto all'unità acquaponica, attirando i parassiti lontano dall'unità, che vengono poi trattati con insetticidi (vedi sotto). Questa strategia non inciderebbe sull'ecosistema aquaponico o sugli insetti benefici presenti intorno all'unità. Anche se non puramente organiche, le piante da cattura possono anche essere trattate con insetticidi sintetici commerciali se sono presenti grandi infestazioni. Fave e petunie (fiori) possono essere utilizzati per catturare tripidi, afidi e acari. I cetrioli sono utilizzati anche per catturare afidi e tramogge, mentre le piantine di lattuga succulente vengono utilizzate per catturare altri insetti mangia-foglie.

Piantare compagno

La piantagione complementare è l'uso costruttivo delle relazioni vegetali da parte dei coltivatori. Ad esempio, tutte le piante producono sostanze chimiche naturali che rilasciano dalle loro foglie, fiori e radici. Queste sostanze chimiche possono attrarre o respingere alcuni insetti e possono aumentare o limitare il tasso di crescita e la resa delle piante vicine. È quindi importante essere consapevoli di quali piante beneficiano l'una dall'altra quando piantate insieme e quali combinazioni di piante sono meglio evitate. L'appendice 2 fornisce un tavolo da piantare complementare da utilizzare nella scelta delle colture. Quando si utilizza il tavolo compagno, concentrarsi sull'evitare i cattivi compagni piuttosto che sulla pianificazione di quelli buoni. Alcune piante rilasciano sostanze chimiche dalle radici o dalle foglie che sopprimono o respingono i parassiti, che possono servire a proteggere altre piante vicine.

Fecondazione

Come accennato in precedenza, l'eccesso di azoto rende le piante più inclini all'attacco dei parassiti perché hanno più tessuti succulenti. Un corretto equilibrio delle sostanze nutritive utilizzando il rapporto velocità di alimentazione (vedere capitoli 2 e 8) aiuta le piante a crescere più forte per resistere agli attacchi di parassiti. Per questo motivo occorre scambiare acqua quando i livelli di nitrati sono superiori a 120 mg/l.

Spaziatura

L'alta densità di impianto e/o la potatura inadeguata aumenta la concorrenza per la luce, incoraggiando gli insetti nocivi. Questa competizione alla fine rende il tessuto vegetale più succulento per i parassiti di passare attraverso o per i patogeni di penetrare, e le condizioni strette offrono riparo ai parassiti. Assicurarsi che ci sia un'adeguata ventilazione e penetrazione della luce solare attraverso la tettoia. Come discusso in precedenza, molte piante hanno esigenze speciali per la luce solare o la mancanza di esso. Combinando il pieno sole con piante tolleranti all'ombra, è possibile intensificare la produzione senza il rischio di aumentare la concorrenza e indebolire le piante. In questo caso le piante tolleranti all'ombra possono crescere sotto la tettoia di quelle amanti del sole. In questo modo, le piante sono più sane e più resistenti ai parassiti e alle malattie.

Rotazione ritaglio

Sebbene le unità acquaponiche possano essere gestite come monocoltura senza dover affrontare problemi di stanchezza del suolo (esaurimento delle sostanze nutritive naturalmente presenti nel suolo), la coltivazione continua della stessa specie in più stagioni può avere un effetto selettivo sui parassiti circostanti. Pertanto, un cambiamento nel raccolto, anche per un breve periodo, può causare una drastica riduzione dei parassiti che mirano specificamente alla coltura monoculturale.

Igiene

La rimozione di tutti i detriti vegetali, comprese tutte le radici, alla fine di ogni raccolto aiuta a ridurre l'incidenza di parassiti e malattie. Le foglie morte e i rami malati dovrebbero essere rimossi in modo coerente. In condizioni esterne senza reti, è consigliabile ridurre al minimo la vegetazione circostante per evitare che i parassiti si diffondano all'unità acquaponica. Le piante malate e le pile di compost devono essere tenute lontane dal sistema per prevenire la contaminazione.

Controlli chimici

Se i parassiti rimangono un problema dopo aver utilizzato i suddetti controlli fisici, meccanici e culturali, potrebbe essere necessario utilizzare il controllo chimico. I pesticidi e gli insetticidi sintetici non devono mai essere usati in acquaponica perché uccideranno i pesci. Molti controlli biologici sono anche mortali per la pesca. Tutti i controlli sulle sostanze chimiche devono essere considerati un'ultima risorsa nei sistemi acquaponici e utilizzati solo con parsimonia. Se possibile, come per i sistemi DWC, è meglio rimuovere e trattare le piante lontano dal sistema e lasciare asciugare completamente le sostanze chimiche. L'appendice 2 contiene un elenco di insetticidi e repellenti comuni, le loro indicazioni e la loro tossicità relativa per i pesci.

Controlli biologici

Per quanto riguarda i pesticidi botanici, alcuni estratti ottenuti da microrganismi sono sicuri per gli animali acquatici perché agiscono specificamente sulle strutture degli insetti e non danneggiano i mammiferi o i pesci. Due organismi ampiamente utilizzati in acquaponica e agricoltura biologica sono Bacillus thuringiensis e Beauveria bassiana. Il primo è un estratto di tossina da un batterio che danneggia il tratto digestivo dell'insetto e lo uccide. Può essere spruzzato sulle foglie e mirare specificamente a bruchi, rulli di foglie, falene o larve di farfalla senza danneggiare altri insetti benefici. B. bassiana è un fungo che germina e penetra nella pelle dell'insetto (chitina), uccidendo il parassita attraverso la disidratazione. L'efficacia del fungo dipende dal numero di spore spruzzate e dalle condizioni ottimali di umidità e temperatura, idealmente un buon agente per i tropici umidi.

Insetti benefici - predatori di parassiti

Infine, gli insetti benefici sono un altro metodo efficace per controllare i parassiti, in particolare in ambienti controllati come serre o locali. Insetti benefici o predatori come lacewings vengono introdotti nello spazio di coltivazione delle piante al fine di controllare ogni ulteriore infestazione. Alcuni dei vantaggi dell'uso di insetti benefici includono: l'assenza di residui di pesticidi o resistenza indotta dai pesticidi nei parassiti, economicamente fattibile (a lungo termine solo per operazioni su larga scala), ed ecologicamente sana. Tuttavia, il controllo dei parassiti di successo utilizzando questo metodo dipende dalla conoscenza dettagliata di ogni insetto benefico insieme con il monitoraggio costante dei parassiti per tempo correttamente l'introduzione di insetti benefici. Inoltre, gli insetti benefici possono essere attratti naturalmente dai sistemi esterni. Molti di questi insetti benefici si nutrono di nettare nei loro stadi adulti, quindi una selezione di fiori vicino all'unità acquaponica può mantenere una popolazione in grado di mantenere in equilibrio i parassiti.

È importante sottolineare che questo metodo di controllo non sradica mai completamente gli organismi nocivi. Invece, i parassiti sono soppressi sotto una stretta relazione prey-predatore. Questo metodo è già stato utilizzato con risultati positivi per l'acquaponica su larga scala, ma per l'acquaponica su piccola scala potrebbero non esserci abbastanza parassiti perché gli insetti benefici siano predati, il che può portarli a volare via. La scelta degli insetti benefici da utilizzare (cfr. appendice 2) dovrebbe tener conto delle condizioni ambientali in cui essi intendono operare.

Malattie vegetali e gestione integrata delle malattie

A differenza dell'idroponica, gestita principalmente in condizioni sterili, l'acquaponica si avvale di un complesso ecosistema microscopico che comprende batteri, funghi e altri microrganismi. La presenza di questi microrganismi ben adattati rende ogni sistema più resistente in caso di attacchi da parte di parassiti o malattie. Tuttavia, il successo della produzione vegetale è il risultato di strategie di gestione volte a evitare focolai di malattie che si concentrano principalmente sulle condizioni ambientali, sulla deterrenza dei parassiti (parassiti come la mosca bianca possono portare virus letali) sulla gestione delle piante, nonché sull'uso di rimedi organici che aiutano a prevenire o a curare le piante. Analogamente all'IPPM, la gestione integrata delle malattie si basa sulla prevenzione, sulla scelta delle piante e sul monitoraggio come prima linea di difesa contro le malattie e utilizza un trattamento mirato solo quando necessario.

Controlli ambientali

La temperatura e l'umidità svolgono un ruolo importante nella gestione sanitaria delle piante. Ogni agente patogeno vegetale (cioè batteri, funghi o parassiti; Figura 6.8) ha temperature di crescita ottimali che possono essere diverse da quelle delle piante. Pertanto, le malattie si verificano in determinate aree e periodi durante l'anno in cui le condizioni sono più favorevoli all'agente patogeno che al suo ospite. Inoltre, l'umidità svolge un ruolo chiave per la germinazione delle spore fungine, che richiedono un sottile film d'acqua che copre i tessuti vegetali. Allo stesso modo, l'attivazione di alcune malattie batteriche e fungine è strettamente correlata alla presenza di acqua superficiale. Pertanto, il controllo dell'umidità relativa e dell'umidità sono essenziali per ridurre i rischi di insorgenza di focolai. L'appendice 2 contiene condizioni ambientali dettagliate che incoraggiano diverse malattie fungine comuni.

Il controllo dell'umidità relativa, specialmente nell'acquaponica in serra, è particolarmente importante. Ciò può essere ottenuto attraverso la ventilazione dinamica o forzata mediante finestre e ventilatori che creano un flusso d'aria orizzontale, contribuendo a ridurre al minimo i differenziali di temperatura e i punti freddi in cui si verifica la condensa. L'aria in movimento viene continuamente miscelata, il che impedisce la caduta della temperatura al di sotto del punto di rugiada; pertanto, l'acqua non si condensa sulle verdure.

Anche l'evaporazione da acquari e/o canali aerati DWC ospitati nelle serre dovrebbe essere evitata coprendo fisicamente le superfici dell'acqua, poiché l'acqua evaporata può aumentare notevolmente l'umidità interna. I tubi nelle unità NFT sono soggetti ad alte temperature dell'acqua nelle stagioni calde a causa della continua esposizione al sole sui tubi. I sistemi di letti Media sono un compromesso ottimale, data la giusta scelta del mezzo, in quanto le superfici superiori dei letti sono sempre mantenute asciutte (vedi capitolo 4). Infine, i sistemi costruiti su tetti hanno il vantaggio di un microclima più secco e di una buona ventilazione rispetto al livello del suolo, che facilita la gestione ambientale degli impianti.

Il controllo della temperatura dell'acqua svolge un ruolo chiave nell'evitare focolai di funghi. Una malattia molto comune in acquaponica è la marciume radicale causata da Pythium spp., un agente patogeno del suolo che può essere accidentalmente introdotto nel sistema da materiali contaminati (suolo, torba, piantine di vivai). A differenza dell'idroponica, in acquaponica questo fungo non causa danni al di sotto di determinate temperature a causa della presenza competitiva di altri microrganismi. Il mantenimento di temperature inferiori ai 28-30 °C è quindi essenziale per evitare la germinazione esponenziale delle spore che causerebbero un focolaio.

Si dovrebbe anche prestare attenzione alle densità di impianto. Le densità molto elevate riducono la ventilazione interna e aumentano l'umidità tra le piante. Il rischio di malattie per le colture densamente piantate è anche aumentato in quanto, in un'intensa competizione leggera, le piante crescono senza consolidare le loro cellule, portando a pareti più morbide e succulente dei tessuti. I tessuti teneri sono più inclini alle malattie a causa della loro limitata resistenza alla penetrazione di parassiti e/o agenti patogeni.

Scelta delle piante

Le varietà vegetali hanno diversi livelli di resistenza agli agenti patogeni. In alcuni casi, l'uso di cultivar resistenti noti è il metodo di maggior successo per evitare la malattia. Pertanto, è fondamentale selezionare varietà vegetali che sono più adatte a crescere in determinati ambienti o hanno un grado più elevato di resistenza contro un particolare agente patogeno. Inoltre, molte aziende di sementi offrono un'ampia selezione di piante che hanno risposte diverse contro gli agenti patogeni. L'uso di varietà locali selezionate naturalmente per un ambiente specifico può garantire una crescita sana delle piante.

Se non è possibile controllare alcune malattie con varietà resistenti, è consigliabile passare ad altre colture durante la stagione critica. Nel caso di Pythium spp. se le varietà resistenti di lattuga e microrganismi benefici non sono in grado di controllare l'infestazione, è opportuno spostarsi verso altre specie, come il basilico, più tolleranti all'agente patogeno e alle alte temperature dell'acqua.

I semi e/o le piantine devono essere acquistati presso un vivaio rispettabile che utilizzi efficaci strategie di prevenzione delle malattie e possa garantire prodotti privi di malattie. Inoltre, evitare lesioni alle piante, poiché rami rotti, crepe, tagli e danni ai parassiti spesso portano a malattie scoppiate nella stessa area.

Nutrizione vegetale

La nutrizione influisce notevolmente sulla suscettibilità di una pianta alle malattie. Influisce anche sulla capacità di una pianta di rispondere contro le malattie utilizzando diversi meccanismi, tra cui l'antixenosi (processi per scoraggiare la colonizzazione da parte di erbivori) o l'antibiotico (processi per uccidere o ridurre gli erbivori dopo l'atterraggio o durante il pasto). Un corretto equilibrio di nutrienti non solo fornisce una crescita ottimale, ma rende anche le piante meno suscettibili alle malattie. Sebbene la descrizione dei disturbi nutrizionali sia stata discussa sopra, la Tabella 6.2 illustra come alcuni nutrienti possano svolgere un ruolo importante nell'insorgenza della malattia.

TABELLA 6.2
Effetto delle sostanze nutritive sulla prevenzione delle malattie fungine

| Nutriente | Effetto | | — | — | | Azoto | La sovratemperatura rende i tessuti più succulenti che sono più inclini agli attacchi fungini. La fame di azoto rende le piante stentate più inclini ad attacchi da microrganismi opportunistici. | | **potassio | Accelera la guarigione delle ferite e riduce l'effetto dei danni da gelo. Ritarda la maturità e la senescenza delle piante. | | Fosforo | Migliora gli equilibri nutritivi e accelera la maturità delle piante. | | Calcio | Riduce la gravità di alcune malattie fungine della radice e del gambo. Colpisce la composizione della parete cellulare nelle piante che resiste alla penetrazione dei funghi. | | Silicon | Aiuta le piante a produrre reazioni di difesa specifiche, incluso il rilascio di composti fenolici contro gli agenti patogeni. |

*Fonte: Agrios (2004) . *

Monitoraggio - ispezione ed esclusione

La diagnosi precoce e l'intervento sono alla base della gestione delle malattie e dei parassiti. Pertanto, le piante devono essere ispezionate regolarmente per individuare i primi segni di infezione o presenza di parassiti che possono causare infezioni. Ogni volta che le piante mostrano segni di danno o fasi iniziali della malattia (avvizzimento, degrado o marciume radicale), è fondamentale rimuovere i rami infetti, le foglie o l'intera pianta per evitare che la malattia si diffonda in tutto il raccolto. Inoltre, per quanto riguarda l'esclusione, è importante far rispettare il controllo dei potenziali vettori (fonti) di virus, come i volatili bianchi, coltivando piante in strutture a prova di insetto (cfr. sezione 6.5.1). Inoltre, l'evitare la contaminazione del suolo e l'uso di strumenti disinfettati (ad esempio le cesoie utilizzate per la potatura/raccolta) contribuirebbero ad evitare la trasmissione di potenziali agenti patogeni nel sistema. Infine, è buona prassi monitorare e registrare tutti i sintomi e la progressione di ciascuna malattia al fine di determinare i migliori metodi di prevenzione e trattamento in futuro.

Trattamento - inorganico o chimico

Come accennato in precedenza, l'acquaponica è un ecosistema complesso che è più resistente dell'idroponica alle malattie trasmesse dal suolo. Tuttavia, alcuni focolai di malattia possono ancora verificarsi in caso di condizioni ambientali sfavorevoli, come una maggiore umidità relativa nelle serre o nei climi tropicali, e devono essere controllati. Poiché l'acquaponica è un sistema integrato contenente pesci, piante e microrganismi benefici, non è possibile utilizzare i trattamenti patologici standard dell'agricoltura convenzionale (cioè fungicidi chimici) in quanto sono tossici per i pesci. Tuttavia, sono possibili pratiche comuni utilizzate per l'agricoltura biologica, a condizione che non danneggino i pesci e/o i batteri o non si accumulino nel sistema portando a soglie superiori a quelle accettate. L'appendice 2 indica gli elementi e i metodi di applicazione utilizzati nell'agricoltura biologica che possono essere utilizzati anche per l'acquaponica per combattere e prevenire diverse malattie. In generale, il successo del trattamento utilizzando i metodi si basa sulla combinazione di alcune strategie che possono avere un effetto sinergico contro specifici agenti patogeni.

Trattamento - biologico

Alcuni agenti biologici di controllo possono essere utilizzati per acquaponica come Thricoderma spp., Ampelomices spp. e Bacillus subtilis, che sono microrganismi coltivati utilizzati per combattere malattie specifiche. Questi agenti biologici possono essere applicati sia sulle foglie che sulla zona della radice. Essi forniscono protezione contro le più comuni malattie trasmesse dal suolo, tra cui peronospora, oidio e alcuni batteri. In particolare, Thricoderma spp. si sono dimostrati efficaci nel controllare Pythium spp. e la maggior parte degli agenti patogeni presenti sul suolo, mentre Ampelomices spp. potrebbe compensare qualsiasi necessità di trattamenti inorganici o chimici contro l'oidio. Nel caso di Thricoderma spp., le spore possono essere distribuite sul substrato durante la semina, per lasciare che il fungo benefico protegga le piante a partire dalla loro fase di piantina. Le informazioni sui prodotti, i produttori e i distributori devono essere consultati prima dell'uso al fine di individuare i migliori metodi di trattamento per malattie specifiche.

Per informazioni più dettagliate su specifiche malattie vegetali, compresa l'identificazione, la suscettibilità e la prevalenza, vedere i testi consigliati nella sezione «Ulteriori letture».

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2014, Christopher Somerville, Moti Cohen, Edoardo Pantanella, Austin Stankus e Alessandro Lovatelli, piccola produzione alimentare acquaponica, http://www.fao.org/3/a-i4021e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.