common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

Selezione di pesci

2 years ago

17 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Diverse specie ittiche hanno registrato ottimi tassi di crescita nelle unità acquaponiche. Le specie ittiche adatte all'allevamento acquaponico comprendono: tilapia, carpa comune, carpa argentata, carpa erbivile, barramundi, pesce persico di giada, pesce gatto, trota, salmone, merluzzo Murray e spigola largemouth. Alcune di queste specie, che sono disponibili in tutto il mondo, crescono particolarmente bene nelle unità acquaponiche e sono discusse più dettagliatamente nelle sezioni seguenti. Nella pianificazione di un impianto acquaponico è fondamentale apprezzare l'importanza della disponibilità di pesce sano da fornitori locali rinomati.

Alcuni pesci coltivati sono stati introdotti in zone al di fuori del loro habitat naturale, come la tilapia e un certo numero di specie di carpe e pesci gatto. Molte di queste introduzioni sono state attraverso l'acquacoltura. È inoltre importante essere consapevoli delle normative locali che disciplinano l'importazione di nuove specie. Le specie esotiche (cioè non autoctone) non dovrebbero mai essere rilasciate nei corpi idrici locali. Per ulteriori informazioni sulle specie invasive e sulle specie autoctone adatte all'allevamento, è necessario contattare gli agenti locali di estensione.

Tilapia

Principali tipi commerciali:

Tilapia blu* (Oreochromis aureus) *

Tilapia del Nilo (Oreochromis niloticus) *

Tilapia Mozambica* (Oreochromis mossambicus) *

Vari ibridi che combinano queste tre specie.

! image-20200905173920185

Descrizione

Originarie dell'Africa orientale, le tilapie sono una delle specie di acqua dolce più popolari a crescere nei sistemi di acquacoltura in tutto il mondo (Figura 7.6). Sono resistenti a molti agenti patogeni e parassiti e maneggiano lo stress. Possono tollerare una vasta gamma di condizioni di qualità dell'acqua e fare il meglio nelle temperature calde. Anche se le tilapie tollerano brevemente temperature estreme dell'acqua di 14 e 36 °C, non si nutrono o crescono al di sotto dei 17 °C e muoiono sotto i 12 °C. L'intervallo ideale è di 27-30 °C, il che garantisce buoni tassi di crescita. Pertanto, nei climi temperati, le tilapie potrebbero non essere appropriate per le stagioni invernali a meno che l'acqua non sia riscaldata. Un metodo alternativo per climi freddi è quello di coltivare più specie durante tutto l'anno, allevando tilapias durante le stagioni più calde e passando alla carpa o alla trota durante l'inverno. In condizioni ideali, le tilapie possono crescere dalla dimensione delle dita (50 g) alla maturità (500 g) in circa 6 mesi.

Le tilapias sono onnivori, il che significa che mangiano sia mangimi vegetali che animali. Le tilapias sono candidati per molti feed alternativi, discussi nella Sezione 9.1.2. Le tilapias sono state alimentate con lenticchia d'acqua, Azolla spp., Moringa olifera e altre piante ad alto contenuto proteico, ma occorre prestare attenzione per garantire un intero mangime (cioè completo dal punto di vista nutrizionale). Le tilapias mangiano altri pesci, specialmente i loro giovani; durante l'allevamento, la tilapia dovrebbe essere separata per dimensione. Le tilapias meno di 15 cm mangiano pesce più piccolo, anche se quando più grandi di 15 cm sono generalmente troppo lente e cessano di essere un problema.

Le tilapias sono facili da allevare in sistemi acquaponici di piccola e media scala. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione «Ulteriori letture», ma una breve discussione è delineata di seguito. Un metodo consiste nell'utilizzare un grande sistema acquaponico per la fase di crescita. Due vasche di pesce separate più piccole possono essere utilizzate per ospitare la covata e il novellame. Piccoli sistemi aquaponici separati possono essere utilizzati per gestire la qualità dell'acqua in questi due serbatoi, ma potrebbe non essere necessario con una bassa densità di stoccaggio. I pesci riproduttori sono adulti selezionati a mano che non vengono raccolti e vengono scelti come esemplari sani per l'allevamento. Tilapias si riproducono facilmente, soprattutto dove l'acqua è calda, ossigenata, piena di alghe e ombreggiata, e in un ambiente calmo e tranquillo. Il substrato roccioso sul fondo favorisce la costruzione del nido. Il rapporto ottimale tra maschi e femmine incoraggia anche l'allevamento; spesso, 2 maschi sono accoppiati con 6-10 femmine per iniziare la deposizione delle uova. Le uova di tilapia e la frittura si vedono sia nelle bocche delle femmine o nuotano sulla superficie. Queste fritture possono essere trasferite in vasche di allevamento giovanile, assicurando che non siano presenti polpette più grandi che li mangeranno, e coltivate fino a quando non saranno abbastanza grandi da entrare nei serbatoi di coltura principali.

Le tilapias possono essere aggressive, specialmente a bassa densità, perché i maschi sono territoriali. Pertanto, i pesci devono essere tenuti ad alta densità nei serbatoi di crescita. Alcune aziende utilizzano solo pesci maschi nei serbatoi di crescita; tutte le colture maschili della stessa età diventano sempre più grandi, perché i maschi non deviare energia nello sviluppo delle ovaie e non smettono di nutrirsi quando depongono uova come fanno le femmine. Inoltre, il tasso di crescita nelle vasche interamente maschili non è ridotto dalla concorrenza per il cibo da frittura e polpaccio, che vengono prodotti continuamente se maschi e femmine sessualmente maturi vengono lasciati crescere insieme. Monosex tilapia maschile può essere ottenuto attraverso il trattamento ormonale o sesso mano di fingerlings. Nel primo caso, la frittura viene alimentata con un mangime arricchito con testosterone durante le prime tre settimane di vita. Alti livelli di ormone nel sangue causano un'inversione sessuale nella frittura femminile. Questa tecnica, ampiamente utilizzata in Asia e America ma non in Europa (a causa di diverse normative), consente agli agricoltori di immagazzinare tilapia maschile delle stesse dimensioni negli stagni al fine di evitare qualsiasi problema di deposizione delle uova e depressione della crescita da parte della concorrenza dei mangimi da parte dei giovani più recenti.

Il sesso a mano consiste semplicemente nel separare i maschi dalle femmine guardando la loro papilla genitale quando i pesci sono circa 40 g o più grandi. Il processo di identificazione è abbastanza semplice. Nella regione di sfiato i maschi hanno una sola apertura mentre le femmine hanno due fessure. Lo sfiato della femmina è più a «C», mentre nei maschi la papilla è più triangolare. Man mano che i pesci crescono più grandi, caratteristiche secondarie possono aiutare a identificare i maschi da femmine. I pesci maschi hanno teste più grandi con una regione della fronte più pronunciata, una gobba indietro e caratteristiche più squadrate. Le femmine sono più eleganti e hanno teste più piccole. Inoltre, il comportamento del pesce può indicare il sesso perché i maschi cacciano via altri maschi e poi corteggiano le femmine. Il sesso a mano può essere eseguito con un piccolo numero di pesci, in quanto non ci vuole molto tempo. Tuttavia, questa tecnica potrebbe non essere pratica nei sistemi su larga scala a causa del gran numero di pesci coltivati. Tuttavia, la tilapia di sesso misto può essere allevata in vasche fino a quando i pesci raggiungono la maturità sessuale all'età di cinque mesi. Sebbene le femmine siano relativamente poco performanti, non causano problemi con la deposizione delle uova e possono essere raccolte in una fase precedente (200 g o più), lasciando i maschi a crescere ulteriormente.

Carpa

Principali tipi commerciali:

Carpa comune * (Cyprinus carpio) *

Carpa d'argento * (Hypophthalmichthys molitrix) *

Carpa erbosa * (Ctenopharyngodon idella) *

! image-20200905174027890

Descrizione

Originarie dell'Europa orientale e dell'Asia, le carpe sono attualmente le specie ittiche più coltivate a livello mondiale (Figura 7.7). Le carpe, come la tilapia, sono tolleranti a livelli di DO relativamente bassi e scarsa qualità dell'acqua, ma hanno un intervallo di tolleranza molto più ampio per la temperatura dell'acqua. Le carpe possono sopravvivere a temperature fino a 4 °C e fino a 34 °C, rendendole una scelta ideale per l'acquaponica nelle regioni temperate e tropicali. I migliori tassi di crescita si ottengono con temperature comprese tra 25 °C e 30 °C. In queste condizioni, possono crescere dal fingerling al raccolto (500-600 g) in meno di un anno (10 mesi). I tassi di crescita diminuiscono drasticamente con temperature inferiori a 12 °C. Le carpe maschili sono più piccole delle femmine, ma possono ancora crescere fino a 40 kg e 1-1,2 m di lunghezza in natura.

In natura, le carpe sono onnivori alimentati dal fondo che mangiano una vasta gamma di alimenti. Hanno una preferenza per nutrirsi di invertebrati come insetti acquatici, larve di insetti, vermi, molluschi e zooplancton. Alcune specie erbivore mangiano anche gambi, foglie e semi di piante acquatiche e terrestri, così come vegetazione in decomposizione. Le carpe coltivate possono essere facilmente addestrate per mangiare mangime a pellet galleggianti.

I cernini delle carpe sono ottenuti al meglio da incubatoi e strutture di allevamento dedicate. La procedura per ottenere giovani è più complicata della tilapia perché la deposizione delle uova nelle carpe femminili è indotta dall'iniezione ormonale, una tecnica che richiede ulteriori conoscenze di fisiologia ed esperienza dei pesci.

Le carpe possono essere facilmente policulturate e questo è stato fatto per secoli. Consiste principalmente nella coltura di pesci erbivori (carpa d'erba), pesci planktivori (carpa d'argento) e onnivori/detritivori (carpa comune) per coprire tutte le nicchie alimentari. In acquaponica, la combinazione di queste tre specie, o almeno carpa erbosa con carpa comune, comporterebbe un migliore uso degli alimenti, poiché la prima si nutre di pellet e residui di colture, mentre la seconda cercherebbe anche rifiuti che si accumulano sul fondo del serbatoio. L'apporto di radici, tra gli altri residui delle colture, sarebbe anche estremamente vantaggioso per il pool di nutrienti nel sistema acquaponico, perché la loro digestione da parte dei pesci e la successiva mineralizzazione dei rifiuti restituirebbero la maggior parte dei micronutrienti alle piante.

Altre specie di carpe (pesci ornamentali)

!

Le carpe d'oro o di Koi sono prodotte principalmente per l'industria ittica ornamentale piuttosto che per i pesci alimentari (Figura 7.8). Questi pesci hanno anche un'elevata tolleranza a una varietà di condizioni dell'acqua e quindi sono buoni candidati per un sistema acquaponico. Possono essere venduti a privati e negozi di acquari per molto più soldi del pesce venduto come cibo. Le carpe Koi e altri pesci ornamentali sono una scelta popolare per i coltivatori acquaponici vegetariani.

Al di là delle caratteristiche climatiche e delle questioni relative alla gestione del pesce, la scelta di una specie di carpe da coltivare in acquaponica dovrebbe seguire un'analisi costi-benefici che tenga conto della convenienza di coltivare un pesce che è più osseo e che generalmente recuperi prezzi di mercato più bassi rispetto ad altre specie.

Pesce Gatto

Principali tipi commerciali:

Pesce gatto Canale (Ictalurus punctatus)

Pesce gatto africano (Clarias gariepinus)

! image-20200905174153527

Descrizione

I pesci gatto sono un gruppo estremamente resistente di pesci che tollerano ampie oscillazioni in DO, temperatura e pH (Figura 7.9). Sono anche resistenti a molte malattie e parassiti, rendendoli ideali per l'acquacoltura. Il pesce gatto può essere facilmente rifornito a densità molto elevate, fino a 150 kg/m3. Queste densità di stoccaggio richiedono una filtrazione meccanica completa e la rimozione dei solidi oltre a quella discussa in questa pubblicazione. Il pesce gatto africano è una delle tante specie della famiglia Clariidae. Queste specie sono respiratori d'aria, il che li rende ideali per l'acquacoltura e l'acquaponica in quanto un improvviso e drammatico calo di DO non comporterebbe alcuna mortalità per pesci. I pesci gatto sono le specie più facili per i principianti o per gli acquaponisti che vogliono coltivare pesci in aree in cui la fornitura di energia elettrica non è affidabile. Data l'elevata tolleranza ai bassi livelli di DO e agli alti livelli di ammoniaca, i pesci gatto possono essere stoccati a densità più elevate, purché vi sia un'adeguata filtrazione meccanica. Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, vale la pena notare che i rifiuti solidi sospesi prodotti dal pesce gatto sono meno voluminosi e più disciolti di quelli della tilapia, fattore che facilita una maggiore mineralizzazione. Come la tilapia, il pesce gatto cresce meglio in acqua tiepida e preferisce una temperatura di 26 °C; ma nel caso della crescita del pesce gatto africano si ferma sotto i 20-22 °C. La fisiologia del pesce gatto è diversa dagli altri pesci, in quanto possono tollerare alti livelli di ammoniaca, ma, secondo la letteratura recente, concentrazioni di nitrati di più di 100 mg/l possono ridurre l'appetito a causa di un controllo interno regolatorio innescato da alti livelli di nitrato nel sangue.

I pesci gatto sono pesci bentonici, il che significa che occupano solo la parte inferiore del serbatoio. Ciò può causare difficoltà nel sollevarli ad alta densità perché non si diffondono attraverso la colonna d'acqua. Nei serbatoi sovraffollati, il pesce gatto può ferirsi a vicenda con le loro spine. Quando si solleva il pesce gatto, un'opzione è quella di utilizzare un serbatoio con maggiore spazio orizzontale rispetto allo spazio verticale, consentendo così al pesce di diffondersi lungo il fondo. In alternativa, molti agricoltori allevano pesci gatto con un'altra specie di pesci che utilizzano la parte superiore del serbatoio, comunemente pesce sole bluegill, pesce persico o tilapia. Il pesce gatto può essere addestrato a mangiare pellet galleggianti.

Trota

Tipo commerciale principale:

Trota iridea (Oncorhynchus mykiss)

! image-20200905174211472

Descrizione

Le trote sono pesci carnivori di acqua fredda appartenenti alla famiglia dei salmoni (Figura 7.10). Tutte le trote richiedono acqua più fredda rispetto alle altre specie precedentemente menzionate, preferendo 10-18 °C con una temperatura ottimale di 15 °C. Le trote sono ideali per l'acquaponica nelle regioni a clima nordico o temperato, soprattutto in inverno. I tassi di crescita diminuiscono significativamente man mano che le temperature aumentano sopra i 21 °C; al di sopra di questa temperatura la trota potrebbe non essere in grado di utilizzare correttamente DO anche se disponibile. Le trote richiedono una dieta ricca di proteine rispetto alla carpa e alla tilapia, il che significa maggiori quantità di azoto nel pool di nutrienti complessivo per unità di mangime per pesce aggiunto. Questa presenza consente di ottenere aree più coltivabili di ortaggi a foglia mantenendo un'unità acquaponica equilibrata. Le trote hanno una tolleranza molto elevata alla salinità e molte varietà possono sopravvivere in acqua dolce, acqua salmastra e ambienti marini. Nel complesso, le trote richiedono una migliore qualità dell'acqua rispetto alla tilapia o alla carpa, in particolare per quanto riguarda DO e ammoniaca. Il successo dell'acquacoltura delle trote richiede anche un frequente monitoraggio della qualità dell'acqua e sistemi di backup per le pompe dell'aria e dell'acqua.

La trota arcobaleno è la specie di trota più comune coltivata nei sistemi di acquacoltura negli Stati Uniti d'America e in Canada e in gabbie marine o vasche fluw-through e stagni nell'Europa centrale o settentrionale (Norvegia, Scozia\ [Regno Unito]), in alcune parti del Sud America (Cile, Perù), in molte zone di montagna in e subtropicale Africa e Asia (Repubblica Islamica dell'Iran, Nepal, Giappone) e Australia. Le trote arcobaleno sono pesci lunghi, sottili e senza squame, di solito blu-verde e macchiati in cima con una striscia rossa sui lati. Anche le trote vengono coltivate e rilasciate in ruscelli e laghi per integrare la pesca sportiva.

Le trote richiedono una dieta ricca di proteine con una notevole quantità di grassi. Le trote sono considerate un «pesce grasso», una descrizione nutrizionale che indica un'alta quantità di vitamina A, vitamina D e acidi grassi omega-3, che li rende una scelta eccellente per crescere per il consumo domestico. La trota comanda prezzi più elevati in alcuni mercati per lo stesso motivo, ma richiedono diete relativamente ricche di olio di pesce.

Basso Largemouth

Tipo commerciale principale:

Basso largemouth * (Micropterus salmoides) *

Descrizione

! image-20200905174259054

I bassi Largemouth sono originari del Nord America, ma sono ampiamente diffusi in tutto il mondo, che si verificano in molti corpi idrici e stagni (Figura 7.11). Appartengono all'ordine Perciformes (pesce persico) che comprende anche spigola striata, spigola australiana, spigola nera, spigola europea e molti altri.

Il basso Largemouth tollera un ampio intervallo di temperatura poiché la crescita cesserà solo a meno di 10 °C o più di 36 °C; smetterà di nutrirsi a temperature inferiori a 10 °C. Le temperature di crescita ottimali sono nell'intervallo 24-30 °C per tutte le fasi del pesce. Tollerano bassi DO e pH, anche se per una buona FCR il DO ottimale è superiore a 4 mg/l.

I bassi largemouth preferiscono l'acqua pulita con una concentrazione di solidi sospesi inferiore a 25 mg/l, ma si è osservata una crescita in stagni con torbidità fino a 100 mg/ litro. Come per le trote, le spigole largemouth sono pesci carnivori, che richiedono diete ad alto contenuto proteico; quindi le coorti di dimensioni dovrebbero essere separate per evitare il consumo di avannotti e giovanissimi molto piccoli da parte di pesci più grandi. I tassi di crescita dipendono fortemente dalla temperatura e dalla qualità dei mangimi; nei climi temperati la maggior parte della crescita si ottiene durante le stagioni più calde (tarda primavera, estate e inizio autunno). Data la loro elevata tolleranza al DO e la buona resistenza agli alti livelli di nitriti, il basso a bocca larga è una scelta eccellente per gli agricoltori acquaponici, in particolare per coloro che non possono cambiare specie tra le stagioni fredde e calde. Tentativi sono stati effettuati per coltivare questa specie in policultura con tilapia. Dal punto di vista nutrizionale, i bassi largemouth contengono livelli relativamente elevati di acidi grassi omega-3 rispetto ad altri pesci d'acqua dolce.

Gamberi

Tipo commerciale principale:

Gambero gigante (Macrobrachium rosenbergii)

! image-20200905174321559

Descrizione

Il termine gamberetto si riferisce a un gruppo molto vario di crostacei decapod d'acqua dolce dagli occhi di stelo con addominali muscolari lunghi e stretti, antenna lunga e gambe snelle (Figura 7.12). Si possono trovare nutrirsi sul fondo della maggior parte delle coste e degli estuari, così come nei sistemi d'acqua dolce. Di solito vivono da uno a sette anni e la maggior parte delle specie sono onnivori. Gamberetti e gamberi, rispettivamente, si riferiscono comunemente alle specie di acqua salata e d'acqua dolce, anche se questi nomi sono spesso confusi, specialmente in senso culinario.

I gamberi possono essere una grande aggiunta a un sistema aquaponico. Consumano alimenti per pesci non consumati, rifiuti di pesce e qualsiasi materiale organico che trovano nell'acqua o sul fondo. Come tali, aiutano a pulire e sostenere la salute del sistema e ad accelerare la decomposizione del materiale organico. È meglio coltivare gamberi e pesci di mezz'acqua contemporaneamente in un sistema acquaponico, poiché i gamberi non possono essere coltivati in densità sufficientemente elevata da produrre rifiuti adeguati per le piante. I gamberi sono molto territoriali, quindi hanno bisogno di una notevole allocazione dello spazio laterale; la superficie orizzontale determina il numero di individui che possono essere sollevati, anche se gli strati sovrapposti di rete possono aumentare la superficie e aumentare la quantità. Alcuni sistemi policulturali con tilapia sono stati testati con vari gradi di successo, anche se il numero di individui che possono essere immagazzinati è basso. La maggior parte dei gamberetti ha esigenze simili, tra cui acqua dura, temperature calde (24-31 C°) e buona qualità dell'acqua, ma le condizioni dovrebbero essere adeguate per le particolari specie coltivate.

In condizioni ideali, i gamberi hanno un ciclo di crescita di quattro mesi, il che significa che è teoricamente possibile coltivare tre colture all'anno. I gamberi post-larve devono essere acquistati da un incubatoio. Il ciclo larvale dei gamberi è abbastanza complesso, che richiede una qualità dell'acqua attentamente monitorata e un mangime speciale. Anche se possibile su piccola scala, l'allevamento di gamberi è consigliato solo per gli esperti. Poiché possono mangiare le radici delle piante, i gamberi dovrebbero essere coltivati solo nelle vasche di pesce.

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2014, Christopher Somerville, Moti Cohen, Edoardo Pantanella, Austin Stankus e Alessandro Lovatelli, piccola produzione alimentare acquaponica, http://www.fao.org/3/a-i4021e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.