common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

1.2 Domanda e offerta

2 years ago

5 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

L'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile sottolinea la necessità di affrontare le sfide globali, che vanno dal cambiamento climatico alla povertà, con la produzione alimentare sostenibile una priorità elevata (Brandi 2017; ONU 2017). Come riflette l'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 2 delle Nazioni Unite (ONU 2017), una delle maggiori sfide che il mondo deve affrontare è come garantire che una popolazione globale in crescita, che dovrebbe salire a circa 10 miliardi entro il 2050, sia in grado di soddisfare le sue esigenze nutrizionali. Per nutrire altri due miliardi di persone entro il 2050, la produzione alimentare dovrà aumentare del 50% a livello globale (FAO 2017). Anche se sarà necessario produrre più cibo, vi è una diminuzione della forza lavoro rurale a causa della crescente urbanizzazione (dos Santos 2016). La popolazione rurale mondiale è diminuita dal 66,4% al 46,1% nel periodo dal 1960 al 2015 (FAO 2017). Mentre, nel 2017, le popolazioni urbane rappresentavano più del 54% della popolazione mondiale totale, quasi tutta la crescita futura della popolazione mondiale si verificherà nelle aree urbane, in modo tale che entro il 2050, il 66% della popolazione mondiale vivrà nelle città (ONU 2014). Questa crescente urbanizzazione delle città è accompagnata da una rete in continua crescita di sistemi infrastrutturali, comprese le reti di trasporto.

Per garantire la sicurezza alimentare globale, la produzione alimentare totale dovrà aumentare di oltre il 70% nei prossimi decenni per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (FAO 2009), che comprendono «l'eradicazione della povertà estrema e della fame» e anche «garantire la sostenibilità ambientale». Allo stesso tempo, la produzione alimentare dovrà affrontare inevitabilmente altre sfide, come il cambiamento climatico, l'inquinamento, la perdita di biodiversità, la perdita di impollinatori e il degrado dei seminativi. Tali condizioni richiedono l'adozione di rapidi progressi tecnologici, metodi di produzione più efficienti e sostenibili, nonché di catene di approvvigionamento alimentare più efficienti e sostenibili, dato che circa un miliardo di persone sono già cronicamente malnutrite, mentre i sistemi agricoli continuano a degradare la terra, acqua e biodiversità su scala globale (Foley et al. 2011; Godfray et al. 2010).

Recenti studi dimostrano che le attuali tendenze nel miglioramento della resa agricola non saranno sufficienti per soddisfare la domanda alimentare mondiale prevista entro il 2050, e questi ultimi suggeriscono inoltre che sarà necessaria un'espansione delle aree agricole (Bajželj et al. 2014). Tuttavia, il diffuso degrado dei terreni insieme ad altri problemi ambientali sembra rendere impossibile questo. Attualmente i terreni agricoli coprono più di un terzo della superficie terrestre mondiale, ma meno di un terzo di essi è seminativo (circa il 10%) (Banca Mondiale 2018). Negli ultimi tre decenni, la disponibilità di terreni agricoli è diminuita lentamente, come evidenziato da una diminuzione di oltre il 50% tra il 1970 e il 2013. Gli effetti della perdita dei seminativi non possono essere risolti convertendo le aree naturali in terreni agricoli, poiché molto spesso ciò comporta erosione e perdita di habitat. L'aratura comporta la perdita di terreno superficiale attraverso l'erosione del vento e dell'acqua, con conseguente riduzione della fertilità del suolo, aumento dell'uso di fertilizzanti e, infine, il degrado del terreno. Le perdite di suolo da terra possono poi finire in stagni, dighe, laghi e fiumi, causando danni a questi habitat.

In breve, la popolazione globale sta rapidamente crescendo, urbanizzando e diventando più ricca. Di conseguenza, anche i modelli dietetici stanno cambiando, creando così una maggiore domanda di alimenti intensivi di gas serra (GHG), come carne e prodotti lattiero-caseari, con un fabbisogno di terreni e risorse maggiori (Garnett 2011). Ma mentre il consumo globale è in crescita, le risorse disponibili del mondo, cioè terra, acqua e minerali, rimangono limitate (Garnett 2011). Considerando l'analisi completa del ciclo di vita dei diversi prodotti alimentari, tuttavia, sia Weber che Matthews (2008) e Engelhaupt (2008) suggeriscono che i cambiamenti alimentari possono essere uno strumento più efficace per ridurre l'impronta climatica alimentare di una famiglia media rispetto all'acquisto di prodotti locali. Pertanto, invece di guardare alla riduzione delle catene di approvvigionamento, è stato sostenuto che uno spostamento dietetico dalla carne e dai prodotti lattiero-caseari verso un'agricoltura orientata alla nutrizione può essere più efficace nel ridurre l'energia e le impronte (Engelhaupt 2008; Garnett 2011).

La complessità degli squilibri domanda-offerta è aggravata dal deterioramento delle condizioni ambientali, il che rende la produzione alimentare sempre più difficile e/o imprevedibile in molte regioni del mondo. Le pratiche agricole non possono solo minare i confini planetari (Fig. 1.1), ma anche aggravare la persistenza e la propagazione delle zoonotiche e di altri rischi per la salute (Garnett 2011). Tutti questi fattori fanno sì che il sistema alimentare globale perda la sua resilienza e diventi sempre più instabile (Suweis et al. 2015).

L'ambiziosa scadenza 2015 degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) dell'OMS per sradicare la fame e la povertà, migliorare la salute e garantire la sostenibilità ambientale è ormai passata, ed è diventato chiaro che fornire cibo nutriente sia per le popolazioni denutrite che per le popolazioni benestanti non è una compito semplice. In sintesi, i cambiamenti climatici, la perdita di terreni e la diminuzione della qualità del suolo, le catene alimentari sempre più complesse, la crescita urbana, l'inquinamento e altre condizioni ambientali avverse impongono l'urgente necessità non solo di trovare nuovi modi di coltivare cibo nutriente economicamente, ma anche di localizzare la produzione alimentare strutture più vicine ai consumatori. La realizzazione degli OSM richiederà cambiamenti nella pratica, come la riduzione dei rifiuti, delle emissioni di carbonio e delle impronte ecologiche, e l'acquaponica è una delle soluzioni che hanno il potenziale per raggiungere questi obiettivi.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.