common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

La semina sfalsata consente la raccolta continua e il trapianto di verdure. È meglio avere un eccesso di piante pronte per entrare nel sistema, poiché attendere che le piantine siano pronte per il trapianto è una fonte di ritardo nella produzione. La programmazione delle colture è trattata in modo più dettagliato in Capitolo 7.

Trapianti dai semi

La raccolta di semi dalla coltivazione delle piante è un'importante strategia di risparmio dei costi e sostenibilità, tranne quando vengono coltivate piante ibride F1 (vedi sotto). I semi dovrebbero essere raccolti solo da piante mature, poiché i semi delle piante giovani non germogliano e le vecchie piante avranno già disperso i loro semi. La raccolta di semi da una serie di piante diverse contribuirà a mantenere la diversità genetica e le piante sane. Esistono due categorie principali di semi: baccelli secchi e baccelli umidi. I baccelli di semi secchi includono basilico, lattuga e broccoli. I semi di basilico possono essere raccolti durante tutta la stagione di crescita, mentre la lattuga e i broccoli possono essere raccolti solo dopo che la pianta è completamente matura e non più utilizzabile come vegetale. I semi devono essere tagliati dalla pianta e conservati in un grande sacchetto di carta per 3-5 giorni in un luogo fresco e buio, e poi leggermente agitati per rilasciare i semi. Dopo aver passato il contenuto del sacchetto attraverso un setaccio, i semi devono essere collocati in un sacchetto di carta per la conservazione (Somerville et al. 2014a).

I baccelli di semi umidi includono cetrioli, pomodori e peperoni. I semi si sviluppano all'interno del frutto, solitamente rivestiti in un sacco di gel che proibisce la germinazione dei semi. Quando i frutti sono pronti per la raccolta, che di solito è indicato da un colore forte e vibrante, il frutto deve essere rimosso dalla pianta e i semi raccolti con un cucchiaio. Una volta che il gel è stato lavato via con acqua e un panno liscio, i semi devono essere stesi ad asciugare all'ombra e girati occasionalmente, prima di essere conservati in un sacchetto di carta (Somerville et al. 2014a).

La maggior parte dei trapianti di ortaggi commerciali sono prodotti a partire da semi ibridi F1, creati mediante impollinazione controllata di due piante madri geneticamente distinte. Il seme F1 è preferito perché la maggior parte delle piante avrà le stesse caratteristiche e produrrà la stessa qualità e quantità di frutta. I semi F1 producono anche piante con fiori e frutti più grandi e più vigorosi. Gli ibridi sono quindi più robusti e in grado di superare condizioni di crescita avverse. I semi salvati da piante ibride F1, tuttavia, non produrranno piante conformi al tipo di origine (Rorabaugh 2015).

I semi possono essere piantati in vassoi di propagazione di polistirolo riempiti con mezzi di coltivazione come lana di roccia, vermiculite o perlite. Per la coltivazione commerciale, i semi vengono solitamente avviati in blocchi di germinazione di lana di roccia o cocco, che sono cubetti di avviamento di due centimetri e mezzo con un piccolo foro nella parte superiore di ciascun cubo in cui viene inserito il seme. I cubi di avviamento possono quindi essere trapiantati in blocchi più grandi che hanno un foro di 2,5 cm per inserire il cubo iniziale, minimizzando così i disturbi delle radici (Rorabaugh 2015).

I vassoi di propagazione devono consentire una distanza adeguata tra le piantine per favorire una buona crescita senza concorrenza per la luce. I vassoi devono essere messi in un'area ombreggiata e le piantine devono essere annaffiate ogni giorno. Troppa acqua aumenta la minaccia di infezioni fungine. Dopo la germinazione e la germinazione, e quando compaiono le prime foglie, le piantine possono essere indurite ponendole in luce solare sempre più intensa per alcune ore al giorno. Le piantine devono essere coltivate per almeno due settimane dopo la comparsa della prima foglia al fine di garantire un'adeguata crescita delle radici. Possono essere concimati una volta alla settimana con un delicato fertilizzante organico ad alto contenuto di fosforo per rafforzare le loro radici (Somerville et al. 2014c).

Le piantine devono essere trapiantate nel sistema quando è stata raggiunta una crescita adeguata e le piante sono sufficientemente forti. Il trapianto di piantine a metà giornata dovrebbe essere evitato, perché le radici delle piante sono estremamente sensibili alla luce solare diretta e le foglie possono affrontare lo stress dell'acqua a causa delle nuove condizioni di crescita. Si consiglia di piantare al crepuscolo in modo che le giovani piantine abbiano una notte per acclimatarsi al loro nuovo ambiente (Somerville et al. 2014c).

! image-20210212141457111

Figura 10: Piantine che germinano in cubi di avviamento di lana di roccia < https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Hydroponics#/media/File:Hydroponic_Farming.jpg >

I trapianti devono essere sostenuti in una coppa netta contenente 3-4 centimetri di ghiaia o terreno di crescita, e il resto della coppa netta deve essere riempito con una miscela di ghiaia e mezzo di ritenzione dell'umidità. Il mezzo aiuta a trattenere l'acqua perché le radici delle piante giovani toccano a malapena il flusso d'acqua nel tubo di coltivazione. Dopo una settimana, le radici dovrebbero essersi estese attraverso la coppa della rete e nel tubo e avranno pieno accesso all'acqua che scorre lungo il fondo. I fori di piantagione nel tubo di coltivazione devono corrispondere alle dimensioni delle tazze di rete, e ci dovrebbe essere uno spazio adeguato tra il centro di ogni foro della pianta per ospitare le piante coltivate (Somerville et al. 2014b)

! image-20210212141528464

Figura 11: Tazza netta utilizzata per la semina in un sistema NFT < https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Hydroponics#/media/File:2009-03-30_Lettuce_roots.jpg >

! image-20210212141605338

Figura 12: Trapianto di tappi di cipolla in un sistema DWC < https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Hydroponics#/media/File:Hydroponic_onions_nasa.jpg >

Trapianti da talee

Le talee sono porzioni del gambo, della radice, della foglia o della foglia rimosse da una «pianta madre». Queste porzioni vengono poi indotte a formare radici e germogli con mezzi chimici, meccanici e/o ambientali. Le piante risultanti saranno cloni della pianta madre con esattamente lo stesso trucco genetico. Ad esempio, le ventose delle piante di pomodoro possono essere rimosse, le estremità recise poste in acqua e le radici si formeranno entro pochi giorni o una settimana. Il materiale di riserva vegetale madre deve essere privo di malattie e parassiti e il materiale selezionato per le talee deve essere allo stato fisiologico adeguato, in modo che radici e germogli si sviluppino facilmente. I trapianti da talee possono essere coltivati utilizzando un mezzo aggregato nei vassoi a spina. Rockwool è anche un mezzo adatto per il radicamento talee. Tutte le foglie tranne le 4-5 superiori dovrebbero essere rimosse per ridurre la perdita di acqua. Poiché inizialmente le talee non hanno radici, la nebulizzazione viene solitamente utilizzata nelle serre per mantenere un ambiente umido e ridurre la perdita di acqua durante la formazione delle radici (Rorabaugh 2015).

In alcune specie, lo sviluppo delle radici è favorito dall'ormone auxina che è naturalmente presente nel taglio. Altre specie devono essere trattate con un composto radicale — un preparato di auxina sintetica. L'uso del «calore di fondo» fornito mediante cavi elettrici, tappetini elettrici o tubi di acqua calda sotto i letti o vassoi contenenti le talee, accelererà anche lo sviluppo delle radici. Non vengono aggiunti nutrienti all'acqua fino a quando le radici non si sono formate. La produzione di colture orticole è molto laboriosa, motivo per cui solitamente vengono utilizzate le sementi (Rorabaugh 2015).

Trapianti con innesto

L'innesto è una tecnica per collegare due parti vegetali precedentemente separate in modo tale che la pianta risultante vivrà e crescerà come una sola. Lo «stock» è la parte inferiore dell'innesto, comprese le radici, mentre il «germoglio» è la parte superiore dell'innesto comprendente i germogli e i germogli dormienti da cui nasceranno nuovi steli, foglie, ecc. L'innesto è ampiamente utilizzato nella produzione commerciale di trapianti di pomodoro. Anche se è molto laboriosa, ci sono diversi motivi per usarlo, come il mantenimento di cloni che non possono essere facilmente mantenuti con altri metodi asessuati, e la creazione di forme di crescita specializzate. I coltivatori idroponici professionali ora utilizzano anche piante innestate, non solo per la protezione degli agenti patogeni, ma anche per aumentare la resa di molte colture vegetali in serra, compresi i pomodori, con radici vegetative ad alta potenza in grado di supportare due teste. Il germoglio e il gergo devono essere compatibili (solitamente della stessa famiglia o genere), ed entrambi devono trovarsi nella fase fisiologica adeguata per favorire la fusione delle due parti in un'unica (Rorabaugh 2015).

*Copyright © Partner del progetto Aqu @teach. Aqu @teach è un partenariato strategico Erasmus+ per l'istruzione superiore (2017-2020) guidato dall'Università di Greenwich, in collaborazione con l'Università di Scienze Applicate di Zurigo (Svizzera), l'Università Tecnica di Madrid (Spagna), l'Università di Lubiana e il Centro Biotecnico Naklo (Slovenia) . *

Consultare il sommario per ulteriori argomenti.


[email protected]

https://aquateach.wordpress.com/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.