common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Nel settore dell'acquacoltura, il 60 -70% del costo di produzione proviene da mangimi per pesci; pertanto, la scelta di un mangime commerciale per pesci coltivati non deve essere data per scontata.

Requisiti nutrizionali

Il fabbisogno nutritivo del pesce da nutrire deve essere conosciuto in primo luogo e deve essere paragonabile al valore nutrizionale del mangime. Si noti che alcuni pesci possono differire nel loro fabbisogno di nutrienti in alcune aree delle loro fasi di vita.

Ogni specie ittica ha i propri nutrienti necessari (% proteine e% lipidi/grassi) per crescere e funzionare bene. Per sostenere la crescita ottimale dei pesci in acquacoltura, soprattutto se i pesci sono alimentati solo con mangimi artificiali (cioè i pesci si basano esclusivamente sui mangimi loro dati dagli allevatori), i mangimi che dovrebbero essere loro somministrati devono soddisfare il requisito di proteine e lipidi del pesce. Se conosciamo già le esigenze nutrizionali del pesce, allora possiamo acquistare un mangime sulla base di tali dati. Le fonti proteiche nei mangimi per pesci, ad esempio, potrebbero essere animali, sottoprodotti del pollame o fonti proteiche vegetali come farina di pesce, farina di insetti, farina di piume, farina di soia e farina di glutine di mais. Le fonti di lipidi sono oli che potrebbero essere olio di pesce, oli vegetali o combinazioni.

Di solito i mangimi commerciali mettono etichette sulla loro confezione che includono valori di composizione prossimale come proteine, lipidi, umidità e ceneri.

Si consideri il seguente scenario: trota arcobaleno hanno bisogno di 40 -42% di proteine e 12 -14% di lipidi/grassi.

Sulla base di queste informazioni, dovremmo acquistare un feed che contiene 40 -42% di proteine e 12 -14% lipidi/grassi. Questi sono i valori che dovremmo controllare sull'etichetta del contenitore dei mangimi che compreremo sul mercato o sul mulino per mangimi.

Inoltre dobbiamo prendere atto che, in alcuni pesci in diverse fasi di vita, il loro fabbisogno nutritivo differisce. I pesci giovani richiedono proteine più elevate rispetto a quelli adulti poiché hanno bisogno di più proteine per la crescita. In questo caso, esiste un mangime specifico per il novellame e un altro per i pesci adulti. Anche le dimensioni dei pellet differiscono in base alle fasi di vita dei pesci.

Scegliere il mangime ottimale per evitare l'effetto di risparmio proteico

Scegli il feed che mostra un'etichetta con composizione prossimale al suo interno. La composizione prossimale deve includere valori relativi ai macronutrienti come proteine grezze, grassi/lipidi, nonché umidità e ceneri.

I lipidi/grassi grezzi insieme ai carboidrati sono fonti di energia. Nella scelta dei mangimi da acquistare per il pesce coltivato, i valori per i lipidi devono essere uguali al livello richiesto del pesce per evitare l'effetto di risparmio proteinico. Le proteine devono essere riservate alla crescita e alla riparazione delle cellule e non come fonte di energia. Le fonti di energia sono lipidi e carboidrati. Tuttavia, se il contenuto lipidico dei mangimi è inferiore al fabbisogno dei pesci, alcune proteine saranno convertite in lipidi per produrre energia. Dovremmo evitare che ciò accada. Quindi, se il fabbisogno lipidico del pesce è del 15% allora i mangimi che devi acquistare dovrebbero contenere anche il 15% di lipidi.

Effetto di risparmio proteico si verifica quando il contenuto lipido/grasso del mangime non è sufficiente o inferiore al requisito del pesce.

Se ciò accade, affinché il pesce funzioni normalmente, le proteine saranno utilizzate e convertite in lipidi per essere utilizzate come fonte di energia. In questo scenario, le proteine saranno risparmiate per i lipidi. Ciò significa che le proteine nei mangimi che dovrebbero essere assegnate per la crescita del pesce sono state ridotte, quindi la crescita del pesce sarà influenzata negativamente. Non vogliamo che ciò accada nei nostri pesci coltivati, ciò significherebbe un periodo di coltura più lungo, poiché i pesci non crescono in un periodo di tempo previsto; naturalmente ciò significherebbe anche una perdita economica nell'aspetto commerciale.

Inoltre, l'umidità deve essere inferiore al 12% in modo da non permettere ai microrganismi di crescere nel mangime mentre si trova nel locale di mangimi/stoccaggio. Anche la cenere deve essere bassa perché cenere più alta significherebbe bassa digeribilità del det.

Gestire il tuo feed

Per la gestione dei mangimi, assicurarsi di conservare i mangimi in una stanza fredda asciutta (sotto i 16 °C) e di essere posizionati lontano dalla parete per evitare la manifestazione di roditori e insetti e l'eventuale assorbimento di umidità proveniente dalla parete del magazzino.

Osservare prima in prima base. La prima partita di mangime acquistata deve essere anche la prima partita da utilizzare per nutrire il pesce. Ad esempio, nella tua pianificazione, hai specificato di ordinare i feed ogni 3 mesi. Nel gennaio 2020 si acquistano 10 sacchi di mangime per trote in modo che sia il primo lotto (primo in) di ordini e deve essere anche il primo ad essere consumato (primo fuori). Poi, i prossimi ordini saranno il marzo 2020 (2° lotto). Prima di utilizzare il secondo lotto di feed, assicurarsi di utilizzare prima il primo lotto di feed. I feed devono essere consumati prima che raggiunga i 6 mesi dopo l'acquisto.


Rena Santizo-Taan

PhD in Fisheries Nutrition
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.