common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

7.1 Introduzione

2 years ago

3 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

! image-20200930095139222

Fig. 7.1 Diagramma del primo sistema di Naegel (1977) che cresce Tilapia e carpa comune in combinazione con lattuga e pomodori in un sistema di ricircolo chiuso

La combinazione di coltivazione di pesci e piante in acquaponica accoppiata risale al primo progetto di Naegel (1977) in Germania, utilizzando un sistema di scala da 2000 L (Fig. 7.1) situato in una serra a ambiente controllato. Questo sistema è stato sviluppato per verificare l'uso di sostanze nutritive provenienti dalle acque reflue dei pesci in condizioni di ricircolo dell'acqua completamente controllate destinate alla produzione di impianti, compreso un sistema a doppio fango (trattamento delle acque reflue aerobiche). Naegel ha basato il suo concetto sul sistema acquaponico a stagno aperto della South Carolina Agricultural Experiment Station, negli Stati Uniti, dove i nutrienti in eccesso provenienti dagli stagni, riforniti di pesce gatto del canale (Ictalurus punctatus) sono stati eliminati dalla produzione idroponica di castagne d'acqua (Eleocharis dulcis) ( Loyacano e Grosvenor 1973). Includendo serbatoi di nitrificazione e denitrificazione per aumentare la concentrazione di nitrati all'interno del suo sistema, Naegel (1977) ha tentato una completa ossidazione di tutti i composti azotati, raggiungendo concentrazioni di nitrati di 1200 mg/L e dimostrando l'efficacia della fase di nitrificazione. Sebbene il sistema fosse rifornito a bassa densità (20 kg/msup3/sup ciascuno) utilizzando tilapia (Tilapia mossambica) e carpe (Cyprinus carpio), i pomodori (Lycopersicon esculentum) e la lattuga iceberg (Lactuca scariola) sono cresciuti bene e hanno prodotto una resa raccolta. Questi primi risultati di ricerca hanno portato al concetto di sistemi acquaponici accoppiati, in cui le piante eliminano i rifiuti prodotti dai pesci, creando una crescita adeguata, dimostrando un uso altamente efficiente dell'acqua in entrambe le unità. Il principio dell'acquaponica accoppiata è stato descritto per la prima volta da Huy Tran alla Conferenza Mondiale dell'Acquacoltura nel 2015 (Tran 2015).

I sistemi acquaponici accoppiati non utilizzano necessariamente il filtraggio meccanico del particolato nel senso classico e mantengono un flusso di nutrienti costante tra l'acquacoltura e le unità idroponiche. La sfida principale è come gestire il carico fecale nel sistema acquaponico accoppiato dove le piante assorbono i nutrienti e i rifiuti di particolato possono essere rimossi dal sistema mediante presse filtranti o geotessili.

Lo sviluppo dell'agricoltura moderna, la crescita della popolazione umana e la riduzione delle risorse in tutto il mondo, ha favorito lo sviluppo di sistemi acquaponici accoppiati. Poiché l'allevamento ittico è notevolmente più efficiente nella produzione di proteine e nell'uso di acqua rispetto ad altri animali d'allevamento e poiché i sistemi chiusi sono ampiamente indipendenti dal sito, i sistemi aquaponici accoppiati sono stati in grado di svilupparsi in tutto il mondo (Graber e Junge 2009), in condizioni aride (Kotzen e Appelbaum 2010; Appelbaum e Kotzen 2016) e anche in contesti urbani (König et al. 2016). I sistemi più descritti appartengono a impianti domestici, su piccola scala e semi-commerciali (Palm et al. 2018) che sono guidati da acquariofili, appassionati o piccole imprese start-up. I nuovi risultati della ricerca, riassunti in questo capitolo, dimostrano sia le potenzialità che i vincoli relativi al continuo sviluppo di questi sistemi nell'acquaponica commerciale, essendo in grado di dare un contributo significativo alla futura produzione alimentare.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.