common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

Salute e malattie dei pesci

2 years ago

11 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Il modo più importante per mantenere i pesci sani in qualsiasi sistema di acquacoltura è monitorarli e osservarli quotidianamente, notando il loro comportamento e l'aspetto fisico. In genere, questo viene fatto prima, durante e dopo l'alimentazione. Il mantenimento di una buona qualità dell'acqua, compresi tutti i parametri sopra descritti, rende il pesce più resistente ai parassiti e alle malattie, consentendo al sistema immunitario naturale dei pesci di combattere le infezioni. Questa sezione illustra brevemente gli aspetti chiave della brughiera dei pesci, compresi i metodi pratici per identificare i pesci malsani e prevenire le malattie dei pesci. Questi aspetti chiave sono:

  • Osservare quotidianamente il comportamento e l'aspetto dei pesci, rilevando eventuali cambiamenti.

  • Comprendere i segni e sintomi di stress, malattie e parassiti.

  • Mantenere un ambiente a basso stress, con una buona e costante qualità dell'acqua, specifica per la specie.

  • Utilizzare densità di stoccaggio e velocità di alimentazione consigliate.

Salute e benessere dei pesci

Il principale indicatore del benessere dei pesci è il loro comportamento. Al fine di mantenere i pesci sani, è importante riconoscere il comportamento di pesci sani e i segni di stress, malattie e parassiti. Il momento migliore per osservare i pesci è durante la loro alimentazione quotidiana, sia prima che dopo l'aggiunta del mangime, e notando quanta mangime viene mangiato. I pesci sani presentano il seguente comportamento:

  • Le pinne sono estese, le code sono dritte.

  • Nuoto in modelli normali e graziosi. Niente letargia. Tuttavia, il pesce gatto spesso dorme sul fondo fino a quando non si svegliano e iniziano a nutrirsi.

  • Forte appetito e non tirando via alla presenza dell'alimentatore.

  • Nessun segno lungo il corpo. Nessuna macchia, striature o linee scolorite.

  • Nessun sfregamento o raschiamento sui lati del serbatoio.

  • Nessuna aria respirabile dalla superficie.

  • Occhi lucidi e nitidi.

Stress

Lo stress è stato menzionato più volte nel corso di questa pubblicazione e merita un'attenzione particolare. Generalmente, lo stress è una risposta fisiologica dei pesci quando vivono in condizioni meno che ottimali. Eccedenza di scorte, temperature o pH errate, bassa DO e alimentazione inappropriata causano stress (Tabella 7.2). I corpi dei pesci devono lavorare di più per superare queste cattive condizioni, causando un sistema immunitario depresso. Con un sistema immunitario depresso, la capacità del pesce di guarire e rione

TABELLA 7.2
Cause e sintomi di stress nei pesci

| Cause di stress | Sintomi di stress | | — | — | | Temperatura al di fuori del raggio d'azione, o rapidi cambiamenti di temperatura | Scarso appetito | | pH al di fuori della portata, o cambiamenti di pH rapidi (più di 0,3/giorno) | Comportamento insolito di nuoto, riposo in superficie o in fondo | | Ammoniaca, nitriti o tossine presenti in livelli elevati | Strofinamento o raschiamento dei lati del serbatoio, tubazioni in superficie, macchie rosse e striature | | L'ossigeno disciolto è troppo basso | Tubazioni in superficie | | Malnutrizione e/o sovraffollamento | Le pinne sono bloccate vicino al loro corpo, lesioni fisiche | | Scarsa qualità dell'acqua | Respirazione veloce | | Scarsa manipolazione dei pesci, rumore o disturbi leggeri | Comportamento irregolare | | Compagni di bullismo | Lesioni fisiche |

la malattia è ridotta. Lo stress può effettivamente essere misurato nei pesci monitorando alcuni ormoni. Lo stress è uno stato generale di essere, e lo stress da solo non uccide il pesce. Tuttavia, se i pesci sono stressati per un periodo prolungato, inevitabilmente svilupperanno malattie da vari batteri, funghi e/o parassiti. Evitare lo stress laddove possibile e rendersi conto che più fattori possono contribuire allo stress allo stesso tempo.

Malattia dei pesci

La malattia è sempre il risultato di uno squilibrio tra il pesce, l'agente patogeno e l'ambiente. La debolezza nell'animale e una maggiore incidenza del patogeno in determinate condizioni causano la malattia. Pratiche solide di gestione del pesce che costruiscono un sistema di difesa sano sono le azioni principali per garantire uno stock sano. Pertanto, è altrettanto essenziale un adeguato controllo ambientale per evitare lo stress nei pesci e ridurre l'incidenza di agenti patogeni.

Le malattie sono causate da fattori sia abiotici che biotici. Nei capitoli precedenti, i parametri di qualità dell'acqua sono già stati indicati come fattori determinanti per evitare disordini metabolici e mortalità. Inoltre, il controllo delle condizioni climatiche e dei contaminanti può compensare molte infezioni opportunistiche e tossicità. Le caratteristiche contenute dei sistemi di ricircolo rendono l'acquaponica meno incline alle introduzioni di agenti patogeni e ai focolai di malattia, grazie al miglior controllo degli input e alla gestione dei parametri fondamentali dell'acqua e dell'ambiente. Nel caso di acqua in entrata dai corpi idrici, la semplice adozione di una lenta filtrazione a sabbia può proteggere il sistema aquaponico da qualsiasi possibile introduzione di parassiti o batteri. Allo stesso modo, l'eliminazione di lumache e piccoli crostacei, oltre a impedire l'accesso o la contaminazione da animali e uccelli, può aiutare a compensare i problemi dei parassiti e la possibile contaminazione batterica.

I tre principali gruppi di agenti patogeni che causano malattie dei pesci sono funghi, batteri e parassiti. Tutti questi agenti patogeni possono facilmente entrare in un sistema di acquacoltura dall'ambiente, quando si aggiungono nuovi pesci o nuove acque, o avrebbero potuto esistere in precedenza nell'unità. La prevenzione è di gran lunga il modo migliore per prevenire le malattie nei pesci. L'osservazione quotidiana dei pesci e il monitoraggio della malattia consentono di trattare rapidamente la malattia, se presente, per evitare l'infezione di più pesci (Figura 7.14). Le opzioni di trattamento per l'acquaponica su piccola scala sono limitate. Prevenire la malattia il più possibile.

! image-20200905174512852

Prevenire le malattie

L'elenco seguente illustra alcune azioni chiave per prevenire le malattie e riassume le principali lezioni per la coltivazione del pesce in acquaponica:

  • Ottenere semi di pesce sani da un incubatoio affidabile, affidabile e professionale.

  • Non aggiungere mai pesci malsani al sistema. Esaminare nuovi pesci alla ricerca di segni di malattia.

  • In alcuni casi è consigliabile mettere in quarantena nuovi pesci in un serbatoio di isolamento per 45 giorni prima di aggiungerli al sistema principale.

  • Se possibile e necessario trattare i nuovi pesci con un bagno di sale (descritto di seguito) per rimuovere i parassiti o trattare alcune infezioni in fase iniziale.

  • Assicurarsi che la fonte d'acqua provenga da un'origine affidabile e utilizzare un metodo di sterilizzazione se proviene da un pozzo o da corpi idrici. Rimuovere il cloro dall'acqua se proviene da una fonte comunale.

  • Mantenere i parametri chiave della qualità dell'acqua a livelli ottimali in ogni momento.

  • Evitare bruschi cambiamenti di pH, ammoniaca, DO e temperatura.

  • Garantire un'adeguata filtrazione biologica per prevenire l'accumulo di ammoniaca o nitriti.

  • Garantire un'aerazione adeguata per mantenere i livelli di DO più alti possibile.

  • Alimentare il pesce con una dieta equilibrata e nutriente.

  • Conservare il mangime per pesci in un luogo fresco, asciutto e buio per evitare che si formi.

  • Assicurarsi che le fonti di cibo vivo siano prive di agenti patogeni e senza parassiti. I mangimi che non provengono da un'origine verificabile devono essere pastorizzati o sterilizzati.

  • Rimuovere dal serbatoio il mangime non consumato e qualsiasi fonte di inquinamento organico.

  • Assicurarsi che l'acquario sia ombreggiato dalla luce diretta del sole, ma non nel buio completo.

  • Prevenire l'accesso di uccelli, lumache, anfibi e roditori che possono essere vettori di agenti patogeni o parassiti.

  • Non permettere agli animali domestici o agli animali domestici di accedere all'area di produzione.

  • Seguire le procedure igieniche standard lavandosi le mani, pulire/sterilizzare gli attrezzi.

  • Non permettere ai visitatori di toccare l'acqua o maneggiare i pesci senza seguire adeguate procedure igieniche.

  • Utilizzare una rete per ogni acquario per prevenire la contaminazione incrociata di malattie o parassiti.

  • Evitare rumori forti, luci tremolanti o vibrazioni vicino all'acquario.

Riconoscere la malattia

Le malattie possono verificarsi anche con tutte le tecniche di prevenzione sopra elencate. È importante rimanere vigili e monitorare e osservare quotidianamente il comportamento dei pesci per riconoscere tempestivamente le malattie. I seguenti elenchi delineano i sintomi fisici e comportamentali comuni delle malattie. Per un elenco più dettagliato dei sintomi e dei rimedi più specifici, fare riferimento all'appendice 3.

*Segni esterni di malattia: *

  • ulcere sulla superficie corporea, macchie scolorite, macchie bianche o nere

  • pinne stracciate, raggi delle pinne esposte

  • necrosi e decadimento delle branchie e delle pinne

  • configurazione anormale del corpo, colonna vertebrale contorta, Kaws deformati

  • addome esteso, aspetto gonfio

  • lesioni simili al cotone sul corpo

  • gonfio, occhi spuntati (esoftalmia)

*Segni comportamentali della malattia: *

  • scarso appetito, cambiamenti nelle abitudini alimentari

  • letargia, diversi modelli di nuoto, svogliatezza

  • posizione dispari in acqua, testa o coda verso il basso, difficoltà a mantenere la galleggiabilità

  • pesce ansioso in superficie

  • pesce sfregamento o raschiatura contro oggetti

Malattie abiotiche

La maggior parte delle mortalità in acquaponica non sono causate da agenti patogeni, ma piuttosto da cause abiotiche legate principalmente alla qualità dell'acqua o alla tossicità. Tuttavia, tali agenti possono indurre infezioni opportunistiche che possono facilmente verificarsi in pesci malsani o stressati. L'identificazione di queste cause può anche aiutare l'agricoltore aquaponico a distinguere tra malattie metaboliche e patogene e portare ad una rapida identificazione delle cause e dei rimedi. L'appendice 3 contiene un elenco delle malattie abiotiche più comuni e dei loro sintomi.

Malattie biotiche

In generale, i sistemi di acquaponica e di ricircolo sono meno colpiti dagli agenti patogeni rispetto all'acquacoltura di stagni o gabbie. Nella maggior parte dei casi, gli agenti patogeni sono già presenti nel sistema, ma la malattia non si verifica perché il sistema immunitario dei pesci resiste alle infezioni e l'ambiente è sfavorevole alla prosperità dell'agente patogeno. Una gestione sana, l'evitamento dello stress e il controllo della qualità dell'acqua sono quindi necessari per ridurre al minimo l'incidenza delle malattie. Ogni volta che si verifica una malattia, è importante isolare o eliminare i pesci infetti dal resto dello stock e attuare strategie atte a prevenire qualsiasi rischio di trasmissione per il resto dello stock. Se viene attuata una cura, è fondamentale che i pesci siano trattati in una vasca di quarantena e che i prodotti utilizzati non vengano introdotti nel sistema aquaponico. Questo al fine di evitare eventuali conseguenze imprevedibili per i batteri benefici. L'appendice 3 indica alcune delle malattie biotiche più comuni che si verificano nell'allevamento ittico e i rimedi normalmente adottati. Maggiori dettagli sono disponibili nella letteratura e nei servizi locali di estensione della pesca.

Trattare la malattia

Se una percentuale significativa di pesci mostra segni di malattia, è probabile che le condizioni ambientali stiano causando stress. In questi casi, controllare i livelli di ammoniaca, nitrito, nitrato, pH e temperatura e rispondere di conseguenza. Se solo pochi pesci sono colpiti, è importante rimuovere immediatamente il pesce infetto al fine di prevenire qualsiasi diffusione della malattia ad altri pesci. Una volta rimosso, ispezionare attentamente il pesce e cercare di determinare la malattia/causa specifica. Utilizzare questa pubblicazione come guida iniziale e quindi fare riferimento alla letteratura esterna. Tuttavia, può essere necessario che una diagnosi professionale venga effettuata da un veterinario, da un agente di estensione o da un altro esperto di acquacoltura. Conoscere la malattia specifica aiuta a determinare le opzioni di trattamento. Posizionare il pesce interessato in un serbatoio separato, a volte chiamato quarantena o serbatoio ospedaliero, per ulteriori osservazioni. Uccidere e smaltire il pesce, a seconda dei casi.

Le opzioni di trattamento delle malattie in acquaponica su piccola scala sono limitate. I farmaci commerciali possono essere costosi e/o difficili da procurarsi. Inoltre, i trattamenti antibatterici e antiparassitari hanno effetti dannosi sul resto del sistema, compresi il biofiltro e le piante. Se il trattamento è assolutamente necessario, deve essere fatto solo in un serbatoio ospedaliero; sostanze chimiche antibatteriche non dovrebbero mai essere aggiunte a un'unità acquaponica. Una delle opzioni di trattamento efficaci contro alcune delle infezioni batteriche e parassitarie più comuni è un bagno di sale.

Trattamento al bagno di sale

I pesci colpiti da alcuni ectoparassiti, muffe e contaminazione batterica delle branchie possono beneficiare del trattamento con bagno di sale. I pesci infetti possono essere rimossi dall'acquario principale e posti in un bagno di sale. Questo bagno di sale è tossico per gli agenti patogeni, ma non fatale per i pesci. La concentrazione di sale per il bagno deve essere di 1 kg di sale per 100 litri di acqua. I pesci colpiti devono essere posti in questa soluzione salata per 20-30 minuti, quindi spostati in un secondo serbatoio di isolamento contenente 1-2 g di sale per litro d'acqua per altri 5-7 giorni.

Nelle infezioni da macchie bianche cattive, tutti i pesci devono essere rimossi dal sistema acquaponico principale e trattati in questo modo per almeno una settimana. Durante questo periodo, qualsiasi parassita emergente nell'unità aquaponica non riuscirà a trovare un ospite e alla fine morirà. Il riscaldamento dell'acqua nel sistema aquaponico può anche ridurre il ciclo di vita dei parassiti e rendere il trattamento del sale più efficace. Non utilizzare l'acqua del bagno di sale quando si sposta il pesce nel sistema aquaponico perché le concentrazioni di sale influenzerebbero negativamente le piante coltivate.

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2014, Christopher Somerville, Moti Cohen, Edoardo Pantanella, Austin Stankus e Alessandro Lovatelli, piccola produzione alimentare acquaponica, http://www.fao.org/3/a-i4021e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.