common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

In questa prima sezione, il nostro obiettivo è quello di fornire una panoramica delle normative pertinenti per la costruzione e il funzionamento di impianti di acquaponica e la commercializzazione di prodotti di produzione acquaponica. Ci concentriamo in particolare sulla Germania, in quanto è impossibile estrapolare in tutta l'Unione europea, dato che diversi regolamenti importanti, in particolare per quanto riguarda la suddivisione in zone e la costruzione, non sono stati armonizzati in tutta l'Unione europea. Anche se ci concentriamo sul contesto tedesco, anche in altri paesi sono stati riportati risultati simili per quanto riguarda il diritto di pianificazione (Joly et al. 2015).

20.2.1 Regolamento sulla costruzione

Gli impianti Aquaponic devono rispettare varie normative in materia di pianificazione, costruzione e acqua, molte delle quali non rientrano nelle competenze dell'UE. In Germania, il quadro generale per la pianificazione e il diritto idrico è armonizzato a livello nazionale, mentre le norme edilizie e locali sull'uso dell'acqua sono definite a livello statale, con la pianificazione urbana e regionale a livello comunale.

20.2.1.1 Legge Pianificazione

La legge di pianificazione regola l'uso del suolo e i requisiti relativi all'area per i progetti di costruzione. Esiste un'importante distinzione tra progetti nelle aree urbane periferiche e interne.

Secondo l'articolo 35 del Codice edile tedesco, le aree periferiche dovrebbero essere tenute libere da edifici e sono riservate a determinati usi, come l'agricoltura o la produzione di energia rinnovabile. Il fatto che l'acquaponica costituisca o meno l'agricoltura in questo senso rimane una questione senza risposta: mentre i tribunali hanno stabilito che la coltivazione senza suolo di ortaggi come l'idroponica può essere considerata un'agricoltura, il caso è meno chiaro per l'acquacoltura in strutture interne senza connessione con l'acqua naturale ciclo. La definizione di agricoltura di cui alla sezione 201 del codice edile riconosce solo la pesca. La maggior parte dei tribunali considera quindi i sistemi di acquacoltura a ricircolo come imprese commerciali piuttosto che agricole. Recentemente, tuttavia, il tribunale amministrativo di Amburgo ha stabilito che una pianta per la produzione di pesce e crostacei può essere considerata agricola, se la maggior parte del mangime richiesto potrebbe teoricamente essere prodotta sul terreno agricolo, appartenente all'azienda, indipendentemente dal tipo di pesce prodotto, o dal fatto che il mangime è effettivamente prodotto nella fattoria. Questa eccezione potrebbe tuttavia non essere praticabile nei casi in cui i mangimi di origine agricola non vengono utilizzati affatto. In pratica, le operazioni di acquacoltura sono state spesso avviate in relazione agli impianti di biogas. Poiché gli agricoltori hanno ricevuto un ulteriore bonus sulla tariffa di alimentazione per gli impianti di cogenerazione (ossia gli impianti che producono anche calore), vi è stato un incentivo a installare l'acquacoltura termoassorbente accanto all'impianto di biogas.

Ulteriori restrizioni possono essere applicate nelle aree protette. La costruzione di impianti di acquacoltura è considerata problematica soprattutto adiacente ai corpi idrici naturali. Le eccezioni per l'agricoltura sono disponibili solo per le strutture esistenti. Ciò ha creato una serie di problemi nelle zone di pesca tradizionali, come il Meclemburgo, dove molti pescatori professionisti hanno l'interesse e le competenze necessarie per gestire attività ausiliarie come l'acquacoltura o l'acquaponica (Paetsch 2013). Dato che i sistemi acquaponici non si basano sul ciclo naturale dell'acqua, potrebbero fornire una possibilità creativa per le nuove imprese se i loro benefici fossero valutati e riconosciuti dalle autorità competenti.

Tuttavia, indipendentemente dalle loro dimensioni, gli impianti acquaponici non richiedono una valutazione dell'impatto ambientale, che è solo un requisito per gli allevamenti ittici che scaricano rifiuti nelle acque superficiali.

20.2.1.2 Aree urbane

Molti sostenitori immaginano l'acquaponica come una possibilità per l'agricoltura urbana, dato che le strutture commerciali possono essere costruite su tetti o magazzini inutilizzati per consentire la consegna diretta dei prodotti ai supermercati nei centri urbani. I sistemi semicommerciali possono essere collocati anche in aree residenziali (acquaponica del cortile). Secondo la legge tedesca in materia di pianificazione, l'autorizzazione di una struttura dipende dalla sua classificazione e dall'area in cui si trova. Le aziende acquaponiche commerciali possono essere classificate come imprese commerciali o orticole. In quanto tali, generalmente non sono ammessi nelle aree residenziali. Nei villaggi e nelle aree ad uso misto, sono ammesse sia imprese commerciali che orticole. Nelle aree commerciali e industriali, solo commerciali, ma non orticole, sono possibili imprese.

Poiché le strutture acquaponiche presentano relativamente pochi problemi di rumorosità e odori, esse possono essere autorizzate in via eccezionale anche in aree in cui attualmente non sono ammissibili ai sensi delle leggi di pianificazione. Tuttavia, ottenere un'eccezione crea ulteriori oneri amministrativi e incertezze, che potrebbero rappresentare un ostacolo allo scalinguo della tecnologia. La pianificazione specifica del progetto consente la cooperazione con le autorità di pianificazione, ma, in pratica, è rilevante solo per progetti su larga scala a causa dei costi.

Le piante acquaponiche di cortile potrebbero essere ammesse in tutte le zone, ad eccezione delle strutture ausiliarie per la detenzione di piccoli animali. Tuttavia, le strutture ausiliarie devono essere non commerciali e sono interpretate in modo diverso da autorità distrettuali diverse. Alcuni comuni adottano un approccio piuttosto restrittivo e consentono solo forme tradizionali di piccoli animali come cani, polli, piccioni, ecc.

20.2.1.3 Diritto edilizio

I requisiti strutturali-tecnici per gli edifici e le procedure amministrative per ottenere i permessi di costruzione sono regolati da regolamenti edilizi a livello statale, e mentre seguono i codici edilizi, un cosiddetto codice di costruzione modello, ci possono essere differenze sostanziali tra gli stati.

Tutti i prodotti da costruzione devono essere conformi al Regolamento UE 305/2011, che richiede una Dichiarazione di Conformità alle norme tecniche. Per i piccoli impianti di trattamento delle acque reflue si applica la norma tecnica EN 12566 CEN. I sistemi sul tetto possono richiedere strutture speciali per la protezione antincendio e influire sulle distanze minime. La stabilità statica dell'edificio non deve essere compromessa.

Sebbene alcuni dei componenti di un impianto acquaponico, in particolare case verdi o serbatoi d'acqua, non necessitino di un permesso di costruzione individuale, l'installazione di un sistema di produzione alimentare commerciale di solito richiede un permesso di costruzione, soprattutto se l'edificio ha già servito uno scopo diverso. La procedura per ottenere tale autorizzazione potrebbe costituire un ostacolo amministrativo e finanziario significativo. Una volta ottenuto, tuttavia, può anche essere considerato come una maggiore stabilità per gli investitori esterni, dato che i regolamenti saranno considerati rispettati.

20.2.1.4 Legge sull'acqua

I sistemi Aquaponic non dipendono necessariamente dall'uso delle acque superficiali. Idealmente l'acqua lascia un sistema acquaponico solo tramite evapotraspirazione o come acqua trattenuta nelle verdure prodotte. Sosterremmo che tali impianti non dovrebbero quindi richiedere un permesso ai sensi della legge sulle acque o delle norme sulle acque reflue. Ciò potrebbe fornire un notevole vantaggio normativo rispetto, ad esempio, all'acquacoltura tradizionale o all'acquacoltura, per i quali le normative sempre più restrittive in materia di acque e acque reflue costituiscono un ostacolo significativo per le nuove imprese. I risparmi sulle tasse di scarico delle acque reflue rappresentano un incentivo per l'attuazione di tali sistemi.

Tuttavia, non è del tutto certo, se i tribunali seguissero questa linea di argomentazione. L'acqua potrebbe essere considerata acque reflue, nel momento in cui è stata utilizzata per l'acquacoltura. Essa sarebbe quindi soggetta alle norme sullo smaltimento delle acque reflue, che generalmente richiedono lo smaltimento attraverso impianti centralizzati. Ad esempio, il Tribunale amministrativo superiore di Berlino ha recentemente rifiutato l'uso di un letto di canne per eliminare le acque grigie e nere domestiche, dove la canna è stata successivamente utilizzata per l'uso energetico. Il giudice ha esplicitamente dichiarato che non esiste alcun diritto all'uso multiplo dell'acqua ai sensi della legge tedesca sull'acqua. In questo caso, sarebbe necessario un permesso speciale per lo smaltimento decentralizzato delle acque reflue e l'intero impianto acquaponico dovrebbe rispettare le norme sugli impianti di smaltimento delle acque reflue.

Gli unici rifiuti reali prodotti nei sistemi acquaponici sono i fanghi filtranti (che possono essere evitati se è integrato un ciclo aggiuntivo per la rimineralizzazione di questi fanghi o se il fango viene degradato sul posto, ad esempio attraverso il vermicompostaggio: se i fanghi filtranti possono essere utilizzati in loco, nessuna registrazione ai sensi della legge sui fertilizzanti è richiesto (vedi sotto)). Se utilizzati al di fuori dei locali, si applicano le norme relative allo smaltimento dei rifiuti organici o dei fanghi di depurazione (più restrittive). I fanghi filtranti sarebbero considerati fanghi di depurazione se il sistema acquaponico nel suo complesso è considerato un impianto di trattamento delle acque reflue: resta da determinare se ciò valga nella pratica.

20.2.1.5 Conclusioni sulla costruzione

Gli allevamenti ittici presentano pochi problemi per quanto riguarda il rumore e l'odore. Si potrebbe quindi supporre che i sistemi acquaponici possano essere consentiti con maggiore facilità rispetto ad altri impianti di produzione animale. Tuttavia, l'acquaponica non rientra bene nel quadro giuridico tedesco.

Poiché la produzione acquaponica non dipende dall'uso del suolo, gli impianti possono non essere «sufficientemente agricoli» per le aree periferiche, cioè terreni agricoli. D'altra parte, l'acquaponica potrebbe essere «troppo agricola» per le aree urbane, in quanto l'agricoltura urbana non è considerata una categoria pertinente ai sensi del diritto tedesco di pianificazione. In particolare, l'acquaponica può essere generalmente inammissibile nelle aree commerciali, industriali e residenziali.

Le strutture acquaponiche commerciali richiedono sempre un permesso di costruzione anche se sono installate in edifici preesistenti che a loro volta non richiedono nuovi permessi di costruzione.

I pionieri dell'acquaponica con progetti urbani molto visibili come ECF o Urban Farmers sembrano aver affrontato bene il quadro normativo esistente. Tuttavia, le questioni di legge in materia di pianificazione potrebbero rappresentare un problema rilevante per l'aumento della tecnologia, nel qual caso i progetti devono essere sviluppati in stretta consultazione con le autorità per evitare futuri conflitti e garantire certezza agli investitori.

Un importante vantaggio normativo dell'acquaponica può risiedere nel fatto che vengono prodotte poche o nessuna acque reflue, riducendo così la necessità di rimuovere le acque reflue. I permessi e le tasse per le acque reflue sono stati considerati ostacoli significativi per gli allevatori ittici convenzionali. Poiché le tasse per le acque reflue saranno probabilmente calcolate in base al carico di inquinamento in futuro, potrebbero costituire un incentivo ancora più forte a pensare a tipi alternativi di smaltimento delle acque reflue in futuro (Schendel 2016). Tuttavia, poiché la legge sulle acque in genere non prevede molteplici usi, sarebbe molto importante un chiarimento giuridico per creare certezza per i produttori.

Oltre a ciò, le condizioni normative nel settore idrico tedesco non favoriscono particolarmente l'innovazione. La legge tedesca sulle acque aderisce rigorosamente al paradigma delle acque reflue centralizzate e generalmente non consente il riciclaggio decentrato dei flussi di materiali e di altre forme di «ecologia creativa». A differenza del settore dei rifiuti, dove il quadro normativo ha dato forti incentivi al settore privato a considerare i rifiuti come una risorsa, la regolamentazione del settore delle acque reflue non crea incentivi per il settore privato a creare e implementare tecnologie innovative di riciclaggio.

20.2.2 Regolamenti sulla produzione acquaponica

La produzione acquaponica è soggetta alle normative per la produzione vegetale e animale in tutte le fasi della produzione e della trasformazione. Nell'ambito dell'approccio normativo «dalla fattoria alla forchetta», molte normative pertinenti sono state armonizzate a livello europeo (in particolare attraverso il cosiddetto pacchetto europeo per l'igiene). Tuttavia, esistono alcune esenzioni per i piccoli produttori che vendono direttamente ai clienti.

20.2.2.1 Produzione idroponica

La produzione idroponica è soggetta a relativamente poche normative: i terreni di coltivazione necessitano di un'approvazione dell'UE. L'utilizzo dei rifiuti di pesce come fertilizzante non richiede alcuna autorizzazione ai sensi delle leggi tedesche sui fertilizzanti se tali rifiuti provengono dall'acquacoltura.

Le restrizioni più significative riguardano l'uso di pesticidi (nota: nei sistemi acquaponici monociclo, l'uso di pesticidi è intrinsecamente limitato a causa della tossicità dei pesticidi per i pesci; tuttavia, l'uso di pesticidi è possibile nei sistemi acquaponici a ciclo multiplo (disaccoppiato) in cui l'acqua non ritorna dalle piante al componenti del pesce). La legge tedesca sulla protezione delle piante impone in generale la gestione integrata dei parassiti, il che significa che devono essere fornite misure preventive e la promozione di meccanismi di risposta naturale (ad esempio, luoghi adeguati, substrati, varietà, sementi e fertilizzanti, nonché misure di controllo fisico e biologico). priorità prima dell'uso di pesticidi. È vietato l'uso di specie invasive per la lotta biologica contro i parassiti.

I pesticidi possono essere utilizzati solo da personale qualificato. Possono essere utilizzati solo pesticidi approvati ai sensi del regolamento europeo (CE) 1107/2009. Il regolamento (CE) n. 1107/2009 include anche norme sull'uso, lo stoccaggio e lo smaltimento dei pesticidi.

Prima della raccolta, devono essere osservati determinati periodi di attesa. I residui negli ortaggi non possono superare determinati livelli massimi di residui (LMR). Una banca dati online gratuita degli LMR è fornita dalla Direzione Generale Salute e Consumatori (DG SANCO).

20.2.2.2 Acquacoltura

A differenza dell'orticoltura, l'acquacoltura è regolata con molta attenzione attraverso diverse normative. Tuttavia non esiste una legge distinta sull'acquacoltura né a livello nazionale né europeo, e le leggi statali sulla pesca disciplinano soltanto la pesca nei corpi idrici naturali.

20.2.2.3 Coltivazione di specie non autoctone

I pesci più comunemente coltivati nei sistemi acquaponici sono specie tropicali come Tilapia o pesce gatto africano. Tuttavia, le complesse norme del regolamento (CE) 708/ 2007 relative all'uso di specie esotiche nell'acquacoltura in genere non si applicano agli impianti di acquacoltura a ricircolo chiuso (registrati in un repertorio degli impianti di acquacoltura a ricircolo). Alcuni paesi (ad esempio Spagna e Portogallo, ma non Germania o Francia), tuttavia, hanno deciso di vietare alcuni tipi di pesci esotici, il che influisce anche sulle possibilità di coltivarli in impianti chiusi.

20.2.2.4 Regolamento sulle malattie dei pesci nell'acquacoltura

Tutti i produttori di acquacoltura sono soggetti al regolamento tedesco sulle malattie dei pesci, che attua la direttiva europea 2006/88/CE relativa alle condizioni di polizia sanitaria applicabili agli animali d'acquacoltura e ai relativi prodotti, nonché alla prevenzione e al controllo di talune malattie degli animali acquatici (Ministero dell'Agricoltura della Baviera 2010). Ai sensi di tale regolamento, le operazioni di acquacoltura richiedono generalmente autorizzazioni da parte delle autorità veterinarie locali. Tuttavia, i produttori che vendono solo piccole quantità di pesce direttamente ai consumatori o ai dettaglianti locali devono solo registrare alcune informazioni quali nome e indirizzo, ubicazione e dimensione dell'operazione, fonte di approvvigionamento idrico, quantità di pesce detenuto e specie ittiche.

Ancora più importante, il regolamento sulle malattie dei pesci impone agli operatori delle aziende ittiche l'obbligo di informare le autorità veterinarie locali in caso di sospetta insorgenza di un focolaio di malattia. Le autorità veterinarie possono quindi attuare le necessarie misure di controllo, che in alcuni casi possono comportare la distruzione dell'intero stock qualora vi sia preoccupazione per la diffusione della malattia.

Nota: la normativa europea in materia di salute animale, che in precedenza era regolamentata relativamente confusa in circa 400 atti individuali, è unificata ai sensi del regolamento (UE) 2016/429. Tuttavia, il regolamento entra in vigore solo il 21 aprile 2021. Il contenuto relativo alle malattie dei pesci non cambierà (art. 173 e segg. Regolamento (UE) 2016/429).

20.2.2.5 Normative in materia di mangimi per animali

La capacità di reperire mangimi animali sostenibili è un prerequisito fondamentale per una produzione alimentare sostenibile. Rispetto agli animali terrestri, i pesci hanno un tasso di conversione dei mangimi molto migliore; tuttavia, molte specie ittiche di livello trofico più elevato richiedono che una certa parte del loro mangime sia derivata da proteine e grassi di origine animale (ad esempio, farina di pesce). L'alimentazione di insetti o larve di insetti ai pesci è spesso vista come un possibile modo per aumentare la sostenibilità dell'acquacoltura. Gli insetti possono essere coltivati utilizzando rifiuti organici nutrienti, in alcuni casi derivati da rifiuti animali, comprese le frattaglie.

Tuttavia, gli animali destinati al consumo umano non devono essere alimentati con proteine di origine animale (ad eccezione delle proteine di pesce) conformemente al regolamento (CE) n. 999/2001, che è stato attuato in risposta alla crisi della BSE negli anni '90. Anche se a volte si sostiene che il divieto di fonti di mangimi provenienti da proteine animali non dovrebbe applicarsi agli insetti, che non sono stati considerati potenziali fonti di mangimi nel 2001, l'uso di mangimi per insetti non è consentito in pratica dalle autorità veterinarie tedesche.

Attualmente, alcuni alimenti per animali domestici sono già prodotti utilizzando proteine degli insetti (ad esempio, alimenti per cani da Tenetrio start-up con sede a Brandeburgo). Dato il crescente interesse per l'utilizzo di proteine di insetti per l'alimentazione animale, sono state apportate diverse modifiche legislative a livello europeo per consentire l'alimentazione di proteine di insetti sulla base di adattamenti ai quadri normativi esistenti (Smith e Pryor 2015). Dal 2017 è disponibile un cosiddetto profilo di rischio dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) (EFSA Journal 2015; 13 (10): 4257). Gli insetti possono essere ammessi come mangime in acquacoltura a partire dal 2018. Rimangono tuttavia in vigore alcune restrizioni: in particolare gli insetti destinati all'alimentazione animale non devono essere alimentati con prodotti di scarto umani o ruminanti. La produzione di insetti pone anche alcune questioni regolamentari aperte, ad esempio, questioni di benessere riguardanti le procedure standard per l'uccisione.

20.2.2.6 Regolamento sul benessere degli animali

Rispetto ad altri animali, ci sono ben poche norme sul benessere degli animali (cap. 17) per la manipolazione e l'uccisione dei pesci. Sebbene sia generalmente accettato che i pesci possano sentire dolore, mancano prove scientifiche che giustifichino restrizioni al benessere degli animali (Studer/Kalkınç 2001). A livello europeo, vi sono solo alcune raccomandazioni non vincolanti avviate dalla Commissione europea nel 2006. Secondo l'articolo 22 di queste raccomandazioni, entro il 2011 era prevista una versione riveduta basata su nuove prove scientifiche, ma finora l'EFSA ha pubblicato solo raccomandazioni specifiche specifiche per alcuni tipi di pesce, nonché disposizioni speciali sul trasporto del pesce. L'articolo 25, lettera f — h., e l'allegato XIII del regolamento (CE) n. 889/2008 relativo alla produzione biologica e all'etichettatura dei prodotti biologici contengono anche norme specifiche per specie in materia di densità di stoccaggio. Poiché l'etichettatura biologica non è disponibile per i pesci provenienti dall'acquacoltura a ricircolo (cfr. sotto), queste norme non sono pertinenti per l'acquaponica. Anche la maggior parte degli standard di certificazione privati non tiene conto degli aspetti relativi al benessere degli animali (Stamer 2009).

Ai sensi dell'articolo 11 della legge tedesca sul benessere degli animali, la detenzione degli animali a fini commerciali richiede generalmente un permesso. Per ottenere questo permesso è necessario dimostrare una formazione adeguata o una precedente esperienza professionale nel settore zootecnico e dimostrare che il sistema di produzione fornisce adeguate strutture nutrizionali e abitative (Windstoßer 2011). Le operazioni sono considerate commerciali quando le vendite previste superano i 2000€ all'anno.

Ai sensi dell'articolo 11, paragrafo 1, n. 8, TierschG, non è necessario alcun permesso per l'allevamento commerciale di «animali da fattoria». Non è chiaro se i pesci possano essere considerati animali da fattoria in questo senso. Le eccezioni alla legge sul benessere degli animali sono generalmente interpretate in modo rigoroso: le specie sono considerate animali da allevamento solo se le competenze necessarie per mantenerle possono essere acquisite in qualsiasi momento e ovunque e vi sia sufficiente esperienza in materia di conservazione di una specie (Windstoßer 2011). Questo potrebbe non essere il caso di alcuni tipi di pesci tropicali che differiscono fondamentalmente dalle specie autoctone (ad esempio, Arapaima, il cui uso in acquacoltura è attualmente esplorato all'IGB di Berlino).

Il Tribunale amministrativo di Colonia ha recentemente esaminato gli aspetti relativi al benessere degli animali quando si pronuncia sull'ammissibilità di una cosiddetta spa per il pesce, dove i pesci Kangal venivano tenuti con l'obiettivo di utilizzarli per pulire i piedi umani. Gli operatori di questa spa hanno potuto dimostrare, attraverso rapporti veterinari, che il benessere degli animali non veniva compromesso e, in quanto tale, è stato concesso un permesso.

20.2.2.7 Regolamento sulla macellazione dei pesci

La macellazione degli animali è disciplinata dal Regolamento Europeo (UE) 1099/2009 e dal Decreto Tedesco del 20.12. 2012 (Gazzetta federale I, pag. 2982).

Ai sensi del considerando 11 del regolamento (UE) 1099/2009, i pesci sono fisiologicamente diversi dagli animali terrestri e pertanto i pesci d'allevamento possono essere macellati e abbattuti con minori restrizioni sul benessere degli animali, in questo caso con implicazioni specifiche per il processo di ispezione. Inoltre, la ricerca sullo stordimento dei pesci è molto meno sviluppata rispetto ad altre specie di allevamento. Occorre stabilire norme distinte sulla protezione dei pesci durante l'abbattimento. Pertanto, le disposizioni applicabili ai pesci dovrebbero attualmente limitarsi al principio fondamentale.

Ai sensi della regola generale di cui all'art. 3, sezione 1, del regolamento (UE) n. 1099/2009, gli animali devono essere evitati qualsiasi dolore, angoscia o sofferenza durante le loro uccisioni e le relative operazioni. Tuttavia, non vi è alcun obbligo esplicito di stordire il pesce prima della macellazione. Detto questo, gli Stati membri dell'UE possono mantenere o adottare norme nazionali volte a garantire una protezione più estesa degli animali al momento dell'abbattimento di quelle contenute nel presente regolamento (art. 26).

In Germania, ad esempio, la macellazione dei pesci è soggetta a condizioni più rigorose di quelle imposte dal regolamento (UE) n. 1099/2009: in quanto tale, tutti i tipi di pesci, ad eccezione del pesce piatto e dell'anguilla, devono essere storditi prima dell'abbattimento. Chi compie l'omicidio ha bisogno di un certificato di competenza. I metodi appropriati di stordimento possono differire da specie a specie, con implicazioni per i produttori: in Svizzera il produttore di acquacoltura avrebbe dovuto chiudere la sua attività in quanto le autorità veterinarie locali non hanno consentito lo stordimento con il metodo dell'acqua ghiacciata che utilizzava. La definizione di metodi di abbattimento appropriati per diverse specie ittiche è oggetto di un progetto di ricerca in corso finanziato da BLE presso l'Università di Medicina Veterinaria di Hannover e potrebbe portare a normative più restrittive in futuro.

Gli aspetti relativi al benessere degli animali possono inoltre limitare talune forme di commercializzazione e di vendita del pesce. Ad esempio, il Tribunale amministrativo superiore di Brema ha proibito l'immissione di pesci d'allevamento in stagni, da cui venivano pescati dai pescatori ricreativi in quanto ciò era considerato «inutilmente dannoso».

20.2.2.8 Regolamento sulla formazione professionale degli allevatori di pesci

Il regolamento federale tedesco sulla formazione professionale degli allevatori di pesci non menziona l'acquaponica. Alcune aziende private offrono corsi di acquaponica sul mercato tedesco. Tuttavia, non è chiaro se tali corsi siano considerati sufficienti per ottenere i permessi necessari (ad esempio, per l'uso di pesticidi, la detenzione commerciale degli animali, la macellazione, ecc.).

20.2.2.9 Legge sull'igiene

Il diritto in materia di igiene è armonizzato a livello europeo attraverso i regolamenti (CE) 852/ 2004, 853/2004 e 854/2004.

Come regola generale, tutti gli operatori del settore alimentare, indipendentemente dal prodotto, devono rispettare la normativa comunitaria in materia di igiene. In quanto tali, essi devono rispettare le norme generali di igiene e di gestione di cui agli allegati I e II del regolamento 852/2004, compresi i requisiti di base relativi ai processi di produzione e all'igiene personale, nonché un adeguato trattamento dei rifiuti. Devono tenere un registro dell'origine degli alimenti per animali, nonché dell'uso di pesticidi e farmaci veterinari. Le misure volte ad evitare rischi devono essere documentate in modo adeguato.

Ai sensi dell'allegato II, capitolo IX n. 3, del regolamento (CE) n. 852/2004, gli alimenti devono essere protetti da qualsiasi contaminazione in tutte le fasi della produzione, trasformazione e distribuzione. Ai sensi del regolamento (CE) n. 178/2002, la contaminazione può riferirsi a qualsiasi agente biologico, chimico o fisico contenuto in un alimento o in una condizione di un prodotto alimentare, che può causare effetti negativi sulla salute. Gli operatori del settore alimentare devono implementare e mantenere un sistema HACCP (hazard analysis and critical control points), che deve essere certificato da organismi di certificazione accreditati. I dettagli sono concordati con le autorità locali.

La legislazione dell'UE in materia di igiene non si applica alla fornitura diretta di piccole quantità di prodotti primari al consumatore finale o agli stabilimenti locali di vendita al dettaglio. I piccoli importi sono definiti come importi domestici per la consegna diretta ai consumatori o per la vendita al dettaglio locale come per il consumo quotidiano abituale. La produzione primaria nel caso dei pesci comprende la cattura, la macellazione, l'emorragia, la depilazione, l'eviscerazione, l'eliminazione delle pinne, la refrigerazione e l'imballaggio. Attività come il congelamento, la filettatura, il confezionamento sottovuoto o il fumo determineranno che il pesce non sarà più considerato produzione locale primaria.

Secondo la legislazione tedesca esistono tuttavia alcune restrizioni sull'igiene degli alimenti anche per i fornitori locali diretti (Allegato 1 LMHV).

I requisiti di registrazione o autorizzazione di cui al regolamento (CE) n. 853/2004 dipendono dal volume e dal tipo di trasformazione. Non è richiesta alcuna registrazione o autorizzazione per la fornitura di prodotti primari in quantità domestiche direttamente nel luogo di produzione, trasformazione o magazzinaggio (compresi i mercati vicini). È inoltre possibile fornire esercizi di vendita al dettaglio (supermercati, ristoranti), consumatori o ristoranti entro un raggio di 100 km. Se i prodotti primari vengono consegnati ai consumatori finali o ai ristoranti in quantità maggiori, l'azienda deve registrarsi e dimostrare la propria capacità di soddisfare i requisiti di igiene alimentare. Se più di un terzo dei prodotti di origine animale viene venduto a punti di vendita al dettaglio al di fuori della regione (raggio di 100 km), è necessaria anche una licenza di sanità pubblica.

20.2.2.10 Conclusioni sulla produzione

I requisiti legali per la produzione acquaponica non sono superiori a quelli per la produzione di pesce o di ortaggi. Tuttavia, il gran numero di leggi applicabili riflette la complessità dell'acquaponica.

Rispetto all'allevamento, l'acquacoltura può apparire meno regolamentata, soprattutto nel settore della legislazione sul benessere degli animali. Tuttavia, le «aree grigie» legali e la corrispondente incertezza non sono sempre a vantaggio dei produttori. Senza pratiche amministrative consolidate, vi è un rischio considerevole di conflitti (c.f. per il caso citato in Svizzera, dove è stata interrotta un'operazione di acquacoltura, in quanto il produttore non è stato autorizzato a uccidere il pesce in modi specifici). Inoltre, il gran numero di normative applicabili può essere oneroso, soprattutto quando coesistono normative europee e nazionali (ad esempio, in materia di benessere degli animali o igiene). Poiché in Germania non esiste una legge armonizzata in materia di acquacoltura, i produttori necessitano di diverse autorizzazioni da parte di autorità diverse. Le autorità hanno spesso poca esperienza con l'acquacoltura non tradizionale e, in quanto tali, requisiti amministrativi incerti possono scoraggiare gli imprenditori. Data la relativa novità dell'acquaponica commerciale, i potenziali produttori sono fortemente invitati a contattare le autorità locali in una fase precoce. Nel caso di impianti commerciali più grandi, gli operatori dovrebbero probabilmente contattare le autorità veterinarie e igieniche prima di iniziare la costruzione.

Anche i requisiti sempre più rigorosi delle leggi europee in materia di igiene possono costituire un onere significativo, soprattutto per le piccole imprese che desiderano commercializzare direttamente ai consumatori o ai ristoranti locali (Schulz et al. 2013). Resta tuttavia da determinare se le esenzioni per i venditori diretti siano di aiuto pratico agli operatori aquaponici. Le poche strutture acquaponiche esistenti in Germania dimostrano attualmente la necessità per i produttori di dipendere da una varietà di canali di vendita e la necessità di creare varie forme di entrate accessorie (visite guidate, lavorazione secondaria, corsi di cucina, ecc.). Pertanto, le esenzioni per la vendita diretta possono diventare irrilevanti se le norme igieniche devono essere rispettate per altri motivi.

20.2.3 Commercializzazione

La commercializzazione dei prodotti acquaponici è influenzata da diversi regimi normativi. Le norme igieniche riguardano non solo la produzione alimentare, ma anche la vendita al dettaglio di alimenti (vedi sopra). Possono essere pertinenti anche le leggi commerciali e fiscali, le normative sull'etichettatura o le certificazioni speciali, come le normative UE sull'etichettatura biologica.

20.2.3.1 Diritto commerciale e tributario

L'agricoltura è privilegiata in vari modi secondo il diritto commerciale tedesco: la commercializzazione di prodotti agricoli autoprodotti attraverso magazzini agricoli, provenienti dal campo o da una bancarella di mercato, non è considerata un'attività ai sensi del diritto tedesco e pertanto non richiede alcuna registrazione. Questa eccezione si estende alla prima fase di lavorazione, ossia pulizia e sventramento, sfilettatura e affumicatura nel caso del pesce, o nel caso di frutta e verdura, sbucciatura, triturazione, cottura, nonché produzione di succhi e vino (Camera dell'Agricoltura Renania-Palatinato 2015). La vendita diretta di prodotti agricoli è inoltre esente dalle restrizioni legali sugli orari di apertura e dal divieto di vendita domenicale. Tuttavia, considerando i bassi costi e i bassi requisiti amministrativi di una registrazione aziendale, tali privilegi non possono costituire un vantaggio rilevante.

I privilegi fiscali per la produzione agricola possono essere di maggiore importanza pratica. Indipendentemente dalle dimensioni, le operazioni di acquacoltura sono soggette alla cosiddetta tassazione IVA media, che offre un'aliquota effettiva notevolmente ridotta dell'imposta sul valore aggiunto che consente ai produttori locali di vendere a prezzi più competitivi rispetto alle importazioni internazionali.

Nel codice dell'imposta sul reddito, ci sono notevoli privilegi per le «piccole aziende agricole» (vale a dire, fatturato\ 500.000€, dimensioni dell'azienda\ < 20 ettari senza usi particolari). Se vengono rispettati determinati limiti di superficie (600 m<sup2/sup di ortaggi sottobicchieri, 1600 msup2/sup di stagni) i redditi derivanti dall'acquacoltura e dalla coltivazione di ortaggi non sono tassati affatto; anche se le superfici coltivate superano tali limiti, le aliquote fiscali effettive sono estremamente basse. Di conseguenza, il funzionamento dell'acquaponica per i piccoli agricoltori potrebbe essenzialmente essere considerato esente da imposte.

20.2.3.2 Regolamento sull'etichettatura degli alimenti

Le norme sull'etichettatura dei prodotti alimentari sono state ampiamente armonizzate a livello europeo con il regolamento europeo 1169/2011 sugli imballaggi alimentari. Oltre alle regole formali, tuttavia, gli standard di etichettatura volontaria svolgono un ruolo ancora più importante sul mercato (vedi Sodano et al. 2008). Nel caso dell'etichetta biologica UE, anche la norma volontaria è regolata dalla legge. In altri casi, devono essere seguite le regole dei regimi di certificazione privati.

20.2.3.3 Regole generali di etichettatura

Le norme generali per la vendita di prodotti confezionati sono stabilite dal regolamento europeo 1169/2011 (ad esempio, l'obbligo di includere un elenco di ingredienti, ecc.). Come regola generale, l'art. 7 cpv. 1 del Regolamento (UE) n. 1169/2011 vieta le indicazioni fuorvianti sugli imballaggi alimentari.

Oltre a queste norme generali, il regolamento (UE) n. 1379/2013 contiene norme speciali sull'informazione dei consumatori sui prodotti dell'acquacoltura. Ad esempio, ai sensi dell'articolo 38 del regolamento (UE) n. 1379/2013, lo Stato membro o il paese terzo in cui il prodotto dell'acquacoltura ha acquisito più della metà del suo peso finale, deve essere correttamente indicato sull'etichetta.

20.2.3.4 Regolamento biologico UE

I prodotti provenienti da acquaponics non possono essere etichettati come biologici ai sensi della normativa UE vigente per i prodotti biologici. L'articolo 4, regolamento (CE) n. 889/2008, vieta esplicitamente l'uso dell'idroponica nell'agricoltura biologica. Il considerando 4 afferma che la produzione biologica e biologica si basa sul principio secondo cui le piante ottengono il loro cibo principalmente dall'ecosistema del suolo. Per i prodotti dell'acquacoltura, l'articolo 25 g del regolamento (CE) n. 710/2009 vieta l'uso di sistemi a circuito chiuso e, conformemente al considerando 11 del regolamento (CE) n. 710/2009, ciò deriva dal principio che la produzione biologica dovrebbe essere il più vicino possibile alla natura. Queste norme non cambieranno nel nuovo regolamento UE sull'etichettatura biologica adottato nel 2018, che entrerà in vigore nel 2021.

Le leggi che impediscono la certificazione biologica dei prodotti idroponici non sono condivise da paesi come gli Stati Uniti e l'Australia, dove i prodotti idroponici/acquaponici possono essere certificati biologici.

20.2.3.5 Etichette private

Sebbene attualmente non esistano schemi di certificazione specifici per l'acquaponica, sono disponibili numerose certificazioni per l'acquacoltura. Le certificazioni private sono generalmente «rilasciate» per un certo periodo di tempo, se alcuni organismi privati di certificazione possono verificare che le produzioni rispettino i criteri definiti dal loro standard di etichettatura. I sistemi di etichettatura privata sono di solito puramente contrattuali, con norme stabilite da istituzioni private, che sono soggette solo ad obblighi legali generali (ad esempio, leggi antitrust). Mentre la progettazione dei sistemi di certificazione rientra sempre più nell'ambito della legislazione europea, compresa la certificazione per l'acquacoltura (cfr. Relazione della Commissione sulle opzioni relative all'assegnazione del marchio di qualità ecologica UE per i prodotti della pesca e dell'acquacoltura a partire dal 18.05.2016, COM cfr. (2016) 263 def.), gli obblighi relativi ai sistemi di etichettatura per l'acquacoltura esistono finora ai sensi del diritto europeo.

Gli schemi di etichettatura sono essenziali, soprattutto nelle relazioni business-to-business (B2B) tra produttori/trasformatori e dettaglianti. Sempre più spesso, tuttavia, la certificazione svolge anche un ruolo nel marketing per i consumatori finali (B2C). Oltre agli aspetti qualitativi, il B2C spesso certificherà il rispetto di determinati standard ambientali e sociali. Gli schemi di certificazione possono variare notevolmente in termini di standard, modalità di verifica e costi.

Tra i sistemi di certificazione esistenti, l'Aquaculture Stewardship Council (ASC) può essere più rilevante per i produttori di acquaponica. Questa certificazione è stata rilasciata dall'Aquaculture Stewardship Council (ASC) dal 2010, come complemento al più noto programma Marine Stewardship Council (MSC). L'ASC è un'organizzazione formalmente indipendente, privata, senza scopo di lucro avviata dal WWF e responsabile dello sviluppo di standard qualitativi, etici e di sostenibilità con input scientifici. Le società di certificazione private (ad esempio, in Germania TÜV NORD) sono accreditate dall'ASC per confermare la conformità a tali norme. Attualmente esistono norme ASC per le seguenti specie: abalone, trota, gamberetti, salmone, vongole, pesce gatto e tilapia. Gli standard, i manuali di audit e le liste di controllo per la preparazione degli audit sono disponibili gratuitamente sul sito Web ASC e sono state rese pubbliche anche le procedure standardizzate. La norma ASC ha priorità diverse, ad esempio per l'etichetta biologica dell'UE (ad esempio, i mangimi per animali basati su OGM non sono vietati nell'ambito dell'ASC).

Le certificazioni di acquacoltura sono offerte anche dal sistema di certificazione e garanzia di qualità GLOBALG.A.P. Mentre GLOBALG.A.P. di solito si concentra sulla certificazione B2B per la garanzia della qualità nel settore del commercio al dettaglio alimentare, un marchio di consumo chiamato GGN viene assegnato anche per il pesce d'allevamento e viene spesso utilizzato per , per i pesci che non sono ammissibili alla certificazione biologica perché sono catturati in natura o prodotti in acquaponica. I consumatori possono accedere alle informazioni tramite www.myfish.info.

20.2.3.6 Organizzazioni di mercato

Il regolamento (UE) n. 1379/2013 relativo all'organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura contiene norme dettagliate per la costituzione, il riconoscimento, gli obiettivi e le azioni delle organizzazioni professionali, vale a dire le organizzazioni di produttori (art. 6 ss.) e le organizzazioni interprofessionali (art. 11 ss.).

A norma dell'articolo 8, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 1379/2013, le organizzazioni di produttori nel settore dell'acquacoltura possono, tra l'altro, avvalersi delle seguenti misure: promuovere l'acquacoltura sostenibile, in particolare in termini di protezione dell'ambiente, salute degli animali e benessere degli animali; raccogliere informazioni sulle prodotti, tra cui informazioni economiche sulle previsioni di vendita e produzione; raccolta di informazioni ambientali; pianificazione della gestione delle attività di acquacoltura dei loro membri; e programmi di supporto per professionisti per promuovere prodotti di acquacoltura sostenibili. A norma dell'articolo 15 del regolamento 1379/2013, anche le organizzazioni di produttori possono ricevere un sostegno finanziario dalle politiche dell'UE in materia di mare e pesca.

Le misure adottate dalle organizzazioni interprofessionali comprendono, ad esempio, la promozione non discriminatoria dei prodotti dell'acquacoltura dell'Unione europea, ricorrendo ad esempio alla certificazione e alle denominazioni d'origine, ai sigilli di qualità, alle denominazioni geografiche, alle specialità tradizionali garantite e meriti di sostenibilità (art. 13 lett. del Regolamento 1379/2013). Le organizzazioni interprofessionali possono adottare norme per la produzione e la commercializzazione dei prodotti dell'acquacoltura più rigorose delle disposizioni dell'Unione europea o del diritto nazionale (art. 13 lett. c Regolamento 1379/2013).

Il riconoscimento come organizzazione di produttori può avere conseguenze di vasta portata; gli Stati membri possono, a determinate condizioni, rendere vincolanti per tutti i produttori della zona le regole concordate nell'ambito di un'organizzazione di produttori (art. 22 Regolamento 1379/ 2013). Inoltre, gli accordi, le decisioni o le pratiche concordate concordate nell'ambito di un'organizzazione interprofessionale possono essere vincolanti per altri operatori (articolo 23 del regolamento 1379/2013). Ai sensi dell'art. 41 VO 1379/2013, le organizzazioni di produttori sono in gran parte esenti dal diritto antitrust.

Finora non esistono associazioni professionali nel campo dell'acquaponica nell'Associazione europea delle organizzazioni produttrici di pesce (OAPO). Tuttavia, nel 2018 è stata fondata in Germania un'associazione per l'acquaponica (u http://bundesverbandaquaponik.de//u), e un'associazione acquaponica dell'UE (EUAA) con sede a Vienna è stata fondata su iniziativa di diversi stakeholder riuniti nell'azione COST dell'UE.

20.2.3.7 Conclusioni sulla commercializzazione

In termini di diritto commerciale e fiscale, esistono vari privilegi che teoricamente potrebbero essere sfruttati dagli operatori dell'acquaponica. Le agevolazioni fiscali potrebbero essere particolarmente interessanti per gli investitori esterni. Resta tuttavia da verificare se determinate condizioni relative alla forma giuridica di un'impresa e ai volumi di investimento richiesti impediscano agli operatori di rivendicare tali vantaggi. Finora, i progetti di acquaponica urbana più noti in Germania non sono stati redditizi, quindi il problema del pagamento delle tasse non è sorto.

Secondo le leggi commerciali e fiscali, le soglie per i privilegi degli impianti su piccola scala e degli operatori di marketing diretto non sono conformi alle soglie previste dalla normativa in materia di igiene. In ogni singolo caso è pertanto necessaria una revisione dettagliata dei concetti operativi e di marketing.

Il marchio biologico dell'UE è attualmente fuori questione per i prodotti acquaponici. Tuttavia, ci sono sempre più opportunità private per la certificazione.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.