common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

!

_Figura 5.1 La qualità e il flusso dell'acqua nei filtri e nelle vasche di pesci devono essere esaminati visivamente e frequentemente. L'acqua viene distribuita sulla piastra superiore di un filtro di gocciolamento tradizionale (degasser) e distribuita uniformemente attraverso i fori della piastra verso il basso attraverso il mezzo filtrante. _

Il passaggio dall'allevamento ittico tradizionale al ricircolo cambia in modo significativo la routine quotidiana e le competenze necessarie per la gestione dell'azienda. L'agricoltore è ora diventato un gestore di pesce e acqua. Il compito di gestire l'acqua e mantenere la sua qualità è diventato altrettanto importante, se non di più, del lavoro di cura del pesce. Il modello tradizionale di fare il lavoro quotidiano in una fattoria tradizionale a flusso continuo si è trasformato in messa a punto di una macchina che funziona costantemente 24 ore al giorno. La sorveglianza automatica dell'intero sistema assicura che l'agricoltore abbia sempre accesso alle informazioni sull'azienda e un sistema di allarme chiamerà in caso di emergenza.

Routine e procedure

Di seguito sono elencate le routine e le procedure di lavoro più importanti. Molti altri dettagli si verificheranno nella pratica, ma il modello generale dovrebbe essere chiaro. È essenziale fare una lista con tutte le routine da controllare ogni giorno, e anche elenchi per il controllo a intervalli più lunghi.

Giornaliero o settimanale:

  • Esaminare visivamente il comportamento del pesce

  • Esaminare visivamente la qualità dell'acqua (trasparenza/torbidità)

  • Controllo dell'idrodinamica (flusso) nei serbatoi

  • Controllare la distribuzione dei mangimi dalle macchine di alimentazione

  • Rimuovere e registrare i pesci morti

  • Uscita a filo dai serbatoi se munita di tubi di appoggio

  • Pulire la membrana delle sonde di ossigeno

  • Registrazione della concentrazione effettiva di ossigeno nei serbatoi

  • Controllare il livello dell'acqua nei pozzetti della pompa

  • Controllare l'irrorazione degli ugelli sui filtri meccanici

  • Registrazione della temperatura

  • Effettuare test di ammoniaca, nitriti, nitrati, pH

  • Registrazione del volume di acqua nuova utilizzata

  • Controllare la pressione nei coni di ossigeno

  • Controllare NaOH o calce per la regolazione del pH

  • Controlla che le luci UV funzionino

  • Registrare l'energia elettrica (kWh) utilizzata

  • Leggi le informazioni dei colleghi sulla bacheca

  • Assicurarsi che il sistema di allarme sia acceso prima di lasciare la fattoria.

Settimanale o mensile:

  • Pulire i biofiltri secondo il manuale

  • Scarichi l'acqua di condensa dal compressore

  • Controllare il livello dell'acqua nel serbatoio tampone

  • Controllare la quantità di O~2~ rimanente nel serbatoio di ossigeno

  • Calibrazione del pH-metro

  • Calibrazione degli alimentatori

  • Calibrare sonde O~2~ in vasche e sistema

  • Controllare gli allarmi — effettuare test di allarme

  • Controllare che l'ossigeno di emergenza funzioni in tutti i serbatoi

  • Controllare tutte le pompe e i motori per eventuali guasti o dissonanze

  • Controllare i generatori e fare un test-start

  • Controllare che i ventilatori per i filtri di sfioramento siano in funzione

  • Ingrassare i cuscinetti dei filtri meccanici

  • Risciacquare gli ugelli della barra spray sui filtri meccanici

  • Cercare «acqua morta» nel sistema e prendere precauzioni • Controllare i pozzetti del filtro - non devono essere osservati fanghi.

!

_Figura 5.2 Generatore di ossigeno. Il controllo e il servizio di impianti speciali devono essere curati. _

6-12 mesi:

  • Pulire lo sterilizzatore UV, cambiare le lampade ogni anno
  • Cambio filtri olio e olio e filtro aria sul compressore
  • Controllare se le torri di raffreddamento sono pulite all'interno
  • Controllare se il degasser è sporco e pulito se necessario
  • Pulire accuratamente il biofiltro se necessario
  • Manutenzione delle sonde di ossigeno
  • Sostituzione degli ugelli della barra di spruzzatura nei filtri meccanici
  • Sostituzione piastre filtro nei filtri meccanici.

Qualità dell'acqua

La gestione del sistema di ricircolo richiede una registrazione continua e una regolazione per raggiungere un ambiente perfetto per il pesce coltivato. Per ciascun parametro in questione vi sono alcuni margini per ciò che è biologicamente accettabile. Durante tutto il ciclo di produzione ogni sezione dell'azienda deve essere, se possibile, chiuso e riavviato per una nuova partita di pesce. I cambiamenti nella produzione influenzano il sistema nel suo complesso, ma soprattutto il biofiltro è sensibile alla secchezza o ad altre alterazioni. Nella figura 5.3 si può osservare l'effetto sulla concentrazione di composti azotati che lasciano un biofiltro appena avviato. Le fluttuazioni si verificano per molti altri parametri di cui il più importante può essere visto nella figura 5.4. In alcune situazioni i parametri possono raggiungere livelli sfavorevoli o addirittura tossici per i pesci. Tuttavia, è impossibile fornire dati esatti su questi livelli come la tossicità

!

_Figura 5.3 Fluttuazioni della concentrazione di diversi composti azotati dall'avviamento di un biofiltro. _

Una guida al ricircolo dell'acquacoltura

dipende da cose diverse, come specie ittiche, temperatura e pH. Il pesce si adatta molto spesso alle condizioni ambientali del sistema e tollera quindi livelli più elevati di determinati parametri, come l'anidride carbonica, i nitrati o i nitriti. Il più importante è evitare improvvisi cambiamenti nei parametri fisici e chimici dell'acqua.

La tossicità del picco di nitrito può essere eliminata aggiungendo sale al sistema. Una concentrazione di sale nell'acqua di appena 0,3 o/oo (ppm) è sufficiente per inibire la tossicità del nitrito. I livelli suggeriti per i diversi parametri fisici e chimici della qualità dell'acqua in un sistema di ricircolo sono mostrati nella figura 5.4.

| Parametro | Formula | Unità | Normale | Livello sfavorevole | |: —: | — | — | — | — | | Temperatura | | | °C | A seconda della specie | | | Ossigeno | O~2~ |% | 70-100 | < 40 and > 250 | | Azoto | N~2~ |% saturazione | 80-100 | > 101 | | Anidride carbonica | CO~2~ | mg/L | 10-15 | > 15 | | Ammonio | NH~4~^+^ | mg/L | 0-2,5 (influenza del pH) | > 2,5 | | Ammoniaca | NH~3~ | mg/L | < 0.01 (pH influence) | > 0,025 | | Nitriti | NO~2~^-^ | mg/L | 0-0,5 | > 0,5 | | Nitrati | NO~3~^-^ | mg/L | 100-200 | >300 | | pH | | | 6,5-7,5 | < 6.2 and > 8,0 | | Alcalinità | | mmol/L | 1-5 | < 1 | | Fosforo | PO~4~^3-^ | mg/L | 1-20 | | | Solidi sospesi | SS | mg/L | 25 | > 100 | | COD | COD | mg/L | 25-100 | | | BOD | BOD | mg/L | 5-20 | > 20 | | Humus | | | 98-100 | | | Calcio | Ca^++^ | mg/L | 5-50 | |

_Figura 5.4 Livelli preferibili per diversi parametri fisici e chimici di qualità dell'acqua in un sistema di ricircolo. _

Manutenzione dei biofiltri

Il biofiltro deve funzionare sempre in condizioni ottimali al fine di garantire una qualità dell'acqua elevata e stabile nel sistema. Di seguito è riportato un esempio di procedure per la manutenzione del biofiltro.

! image-20200914210949911

_Figura 5.5 Principio disegno del biofiltro in plastica polietilene (PE). Normalmente i biofiltri PE sono posti sopra il livello del suolo dotati di una valvola di scarico fanghi per facilitare il lavaggio e la pulizia. L'acqua dei fanghi viene portata al sistema di trattamento delle acque reflue al di fuori del sistema di ricircolo dell'acquacoltura. L'immagine a destra rivela le dimensioni di un grande biofiltro PE. Fonte: gruppo AKVA. _

La manutenzione dei biofiltri comprende:

  • Spazzolare la piastra superiore ogni due settimane per evitare lo sviluppo di batteri e alghe e bloccare i fori nella piastra superiore perforata

  • Spazzolare e pulire gli utilizzatori di microbolle nel tubo dell'acqua di processo dall'ultima camera di biofiltro al filtro microparticelle ogni seconda settimana

  • Programma regolare di monitoraggio e pulizia

!

_Figura 5.6 Il modello di flusso nel biofiltro PE multicamera mostrato va da sinistra a destra e a monte in ogni camera. La maggior parte del materiale organico viene rimossa dai batteri eterotrofici nella prima camera. Il conseguente basso carico organico in queste ultime camere assicura un sottile biofilm nitrificante per convertire l'ammoniaca in nitrato. L'ultima camera è chiamata filtro a microparticelle ed è progettata per la rimozione di particelle molto fini che non sono state rimosse dal filtro meccanico. Fonte: gruppo AKVA. _

I seguenti parametri dovrebbero essere controllati regolarmente:

  • Controllare la distribuzione delle bolle d'aria in ciascuna delle camere del biofiltro. Nel corso del tempo il biofiltro accumulerà materia organica, che influirà sulla distribuzione delle bolle d'aria e aumenterà la dimensione delle bolle

  • Controllare l'altezza tra il livello della superficie dell'acqua nel biofiltro e il bordo superiore della parete del cilindro in PE per identificare le variazioni di flusso attraverso il biofiltro e il filtro a microparticelle

  • Misurare regolarmente i parametri di qualità dell'acqua che hanno maggiore rilevanza per il biofiltro

  • Monitorare attentamente il volume rimanente di base o acido utilizzato per il dosaggio.

Pulizia e lavaggio per la rimozione dei fanghi nel biofiltro

Al di sotto del biofiltro si può accumulare un mix di materiale inorganico, biofilm dislocati e altre sostanze organiche difficili da scomporre dai microrganismi. Questo deve essere rimosso dal sistema di rimozione dei fanghi posto nelle camere.

Per scarico scarico fanghi seguire il seguente protocollo:

  • Bypassare il biofiltro PE che deve essere pulito

  • Aprire la valvola di scarico per alcuni secondi (circa 10 sec.)

  • Se è installata una pompa per fanghi: pompare il fango dal biofiltro PE e verificare la presenza di una colorazione marrone nell'acqua

  • Continuare questa procedura per tutti i biofiltri e i filtri a microparticelle (e spegnere i fanghi al termine). Assicurarsi che non vi sia alcun sifonamento dalle camere del biofiltro attraverso la pompa dei fanghi. Se c'è la possibilità di perdere acqua in questo modo, chiudere tutte le valvole di scarico di uscita.

Pulizia semplice del biofiltro usando l'aria

Due volte alla settimana si consiglia di applicare un semplice protocollo di pulizia. In questa procedura i biofiltri PE vengono puliti dall'aria.

Per un semplice biofiltro pulito seguire il protocollo qui sotto:

  • Non modificare il flusso al biofiltro

  • Aprire le valvole di depurazione dell'aria sul primo biofiltro in PE

  • Verificare che il ventilatore di pulizia sia pronto per il funzionamento. Accendere questo ventilatore

  • Diriggere tutta l'aria di pulizia al biofiltro 1 per 10-15 minuti. Il flusso di acqua di processo attraverso il biofiltro trasferirà i materiali organici allentati nella camera seguente

  • Dirigere tutta l'aria di pulizia al biofiltro PE successivo per 10-15 minuti. Continuare la procedura fino all'ultimo biofiltro. Escludere il filtro a microparticelle

  • Tutto il materiale organico allentato trova la sua strada verso il filtro a microparticelle.

Pulizia del filtro microparticellare

La regolarità della pulizia del filtro a microparticelle dipende dal carico sul sistema. Come linea guida si consiglia di pulire il filtro a microparticelle ogni settimana.

Per una semplice pulizia del filtro a microparticelle seguire il seguente protocollo:

  • Fermare il flusso attraverso i biofiltri PE

  • Ridurre il livello dell'acqua a 100 mm sotto la piastra superiore del filtro a microparticelle utilizzando la valvola di scarico fanghi (utilizzare la pompa fanghi se disponibile)

  • Chiudere le valvole di pulizia dell'aria su tutte le camere di biofiltro in PE. Aprire la valvola di pulizia dell'aria della camera del filtro a microparticelle

  • Verificare con l'ingegnere che la ventola di pulizia sia pronta per il funzionamento. Spegni questo ventilatore

  • Diriggere tutta l'aria di pulizia al filtro a microparticelle per 30 minuti. Questo volume d'aria aumenta il livello dell'acqua vicino alle cassette di scarico. L'acqua sporca non dovrebbe essere permesso di uscire dalla scatola di scarico

  • A seguito dello scarico di pulizia l'intero volume del filtro microparticellare utilizzando il protocollo descritto per lo scarico di scarico dei fanghi.

Pulizia profonda del biofiltro

Se la differenza di testa tra le camere del biofiltro e/o delle microparticelle è in aumento e la differenza di testa normale non può essere ripristinata con la normale pulizia, è necessaria una procedura di pulizia profonda del biofiltro. Utilizzare misurazioni regolari in ciascuna camera di biofiltro, tra la parte superiore del livello dell'acqua e il bordo superiore del cilindro in PE per identificare i problemi di flusso attraverso il biofiltro e il filtro a microparticelle.

Prima di completare un risciacquo profondo, spegnere l'aerazione nella camera data per due ore prima di completare la pulizia. La camera data agirà quindi come un filtro a microparticelle per questo breve periodo di raccolta di rifiuti aggiuntivi che devono essere scaricati durante il processo di pulizia. Come linea guida si raccomanda che tutte le aree dei biofiltri vengano pulite in profondità ogni mese.

Per la pulizia profonda del filtro biofiltro seguire il seguente protocollo:

  • Fermare il flusso attraverso i biofiltri PE

  • Utilizzare un'aerazione pesante per 30 minuti nei filtri da pulire. Quindi svuotare completamente il filtro o i filtri specificati utilizzando il protocollo descritto per lo scarico di rimozione dei fanghi.

Pulizia dell'idrossido di sodio (NaOH)

Se viene identificato un blocco grave nel sistema di biofiltro, completare una pulizia con idrossido di sodio. Il blocco grave può essere identificato da problemi continui con differenza di testa tra le camere, segni di aerazione irregolare nella parte superiore della camera e/o riduzione delle prestazioni del biofiltro.

Per una pulizia con idrossido di sodio seguire il seguente protocollo:

  • Svuotare la sezione filtro

  • Ricarica con acqua dolce e una soluzione di idrossido di sodio (NaOH, regolata al pH 12)

  • Lasciare agire per un'ora con aerazione e quindi svuotare nuovamente il filtro utilizzando il protocollo descritto per lo scarico dei fanghi.

Questo trattamento deve essere necessario solo se il biofiltro non ha ricevuto regolarmente manutenzione. Ci vorranno diversi giorni (circa 10-15 giorni) fino a quando la camera pulita con idrossido di sodio non sarà tornata a pieno regime.

Problemi di risoluzione dei problemi del biofiltro:

Problema Motivo Soluzione Aumento della torbidità Troppa aerazione Aerazione inferiore Portata ridotta al biofiltro Valvola aperta tra degasser e biofiltro, aumento del flusso Aumentando il livello Troppa aerazione, riduzione delle prestazioni di nitrificazione a causa di danni al biofilm Aerazione inferiore Aumento dei livelli di nitrito e TAN Carico organico troppo elevato Assicurarsi che l'alimentazione non superi le specifiche del sistema. Controllare la funzione del filtro meccanico. Diminuzione del livello di nitrato Attività anaerobica Aumenta l'aerazione, biofiltro pulito Solfuro di idrogeno ( H2S) produzione (odore di uovo marcio durante la pulizia) Attività anaerobica Aumenta l'aerazione, biofiltro pulito Aumento dell'alcalinità Attività anaerobica Aumenta l'aerazione, biofiltro pulito Portata ridotta al biofiltro Valvole di ingresso chiuse parzialmente Valvola aperta tra degasser e biofiltro, aumento del flusso blocco del biofiltro, pulizia insufficiente del biofiltro Pulire il biofiltro in base al programma e alle esigenze specifiche della produzione Aerazione ridotta o senza Guasto del ventilatore Controllo soffiante, filtro aria aspirazione, fusibile e potenza

Figura 5.7 Tabella dei problemi con motivi e possibili soluzioni.

Precauzioni

L'acqua che è sotto aerazione ha una densità inferiore rispetto all'acqua normale rendendo impossibile il nuoto!

Un operatore dovrebbe camminare solo sulle piastre superiori del biofiltro indossando un'imbracatura di sicurezza! Le calzature corrette devono essere indossate, e la cura deve essere presa sulla superficie estremamente scivolosa!

Seguire tutte le istruzioni relative alle procedure di sicurezza per l'uso di utensili, prodotti chimici, macchine o qualsiasi altro!

Controllo dell'ossigeno

L'ossigeno disciolto (DO) è uno dei parametri più importanti nell'allevamento ittico, ed è importante comprendere il rapporto tra percentuale di saturazione e mg/l. Quando l'acqua è satura d'aria ha un DO di saturazione del 100%. Un corretto monitoraggio dei livelli di ossigeno nell'azienda è fondamentale per le prestazioni complessive dei pesci.

Il contenuto di ossigeno in milligrammi di ossigeno per litro di acqua dipende dalla temperatura e dalla pressione barometrica. Ad una pressione barometrica di 1 013 mbar la saturazione del 100% equivale a 14,6 mg/l a 0°C, ma solo 6,4 mg/l a 40°C. Ciò significa che nell'acqua fredda è disponibile molto più ossigeno per il pesce che nell'acqua calda. Pertanto, l'allevamento di pesci in acqua calda richiede un monitoraggio e un controllo dell'ossigeno ancora più intensi rispetto all'allevamento in acqua fredda.

!

_Figura 5.8: Concentrazione in mg/l alla saturazione del 100% dell'ossigeno disciolto (DO) in acqua dolce. La concentrazione è più alta in acqua fredda che in acqua calda. _

Ossigeno disciolto in acqua dolce mm Hg 700 710 720 730 740 750 760 770 780 790 800 mbar 933 946 960 973 986 1000 1013 1026 1040 1053 1066 Temperatura °C °F 0 32 13.4 13.6 13.8 14.0 14.2 14.4 14.6 14.8 15.0 15.2 15.4 5 41 11.8 11.9 12.1 12.3 12.4 12.6 12.8 12.9 13.1 13.3 13.4 10 50 10.4 10.5 10.7 10.8 11.0 11.1 11.3 11.4 11.6 11.7 11.9 15 59 9.3 9.4 9.5 9.7 9.8 9.9 10.1 10.2 10.3 10.5 10.6 20 68 8.4 8.5 8.6 8.7 8.8 9.0 9.1 9.2 9.3 9.4 9.6 25 77 7.6 7.7 7.8 7.9 8.0 8.1 8.2 8.4 8.5 8.6 8.7 30 86 6.9 7.0 7.1 7.2 7.3 7.4 7.5 7.6 7.7 7.8 7.9 35 95 6.4 6.5 6.6 6.7 6.8 6.8 6.9 7.0 7.1 7.2 7.3 40 104 5.9 6.0 6.1 6.2 6.2 6.3 6.4 6.5 6.6 6.7 6.7

_Figura 5.9 Ossigeno disciolto in acqua dolce in mg/l con saturazione di ossigeno al 100%. _

C'è anche una differenza della disponibilità di ossigeno disciolto in acqua dolce rispetto all'acqua salata. Nell'acqua dolce la disponibilità di ossigeno è superiore a quella dell'acqua salata (cfr. figure 5.9 e 5.10).

Ossigeno disciolto in acqua salata Parti di salinità per mille 0 10 20 30 40 Temperatura °C °F 0 32 14.6 13.6 12.7 11.9 11.1 5 41 12.8 11.9 11.2 10.5 9.8 10 50 11.3 10.6 9.9 9.3 8.7 15 59 10.1 9.5 8.9 8.4 7.9 20 68 9.1 8.6 8.1 7.6 7.2 25 77 8.2 7.8 7.4 7.0 6.6 30 86 7.5 7.1 6.8 6.4 6.1 35 95 6.9 6.6 6.2 5.9 5.6 40 104 6.4 6.1 5.8 5.5 5.2

_Figura 5.10 Ossigeno disciolto in acqua salata in mg/l con saturazione di ossigeno al 100%. _

Le moderne attrezzature sono dotate di sensori per la temperatura e la pressione barometrica per fornire valori corretti in ogni momento. Se si misura l'ossigeno in acqua salata, è sufficiente scrivere il livello di salinità nel menu del misuratore di ossigeno e il misuratore si regolerà automaticamente di conseguenza.

Ciò significa che la calibrazione di un misuratore di ossigeno a mano è abbastanza semplice.

Accendi la Polaris. Dovrebbe mostrare il 100,5%. Piccole variazioni da questo possono essere dovute a variazioni di umidità o alla concentrazione effettiva di ossigeno dell'aria. Se è necessaria la calibrazione e pulire la membrana non aiuta a selezionare «Calibra» e premere «OK» per avviare. Lo stato di avanzamento viene visualizzato sul display. Quando viene visualizzata la voce «Calibration done» premere «OK». Se la calibrazione è bloccata e viene visualizzato un messaggio di errore, è possibile scegliere la precisione di calibrazione «Campo» o forzare una calibrazione tenendo premuto «OK» quando viene visualizzato «Calibra — Attendi». Il risultato non sarà necessariamente preciso — «Calibra»

!

_Figura 5.11 Pratico misuratore di ossigeno Polaris per misurare il contenuto di ossigeno dell'acqua in mg/l e% saturazione. _

_Fonte: Oxyguard International. _

lampeggerà sul display quando si effettuano le misurazioni. Ri-calibrare in condizioni più stabili quando possibile.

Impostare la salinità utilizzando i pulsanti freccia, «OK» e «Esc» per impostare la salinità a quella dell'acqua misurata. Quindi entrambe le misurazioni mg/l e% sat sono corrette.

Per misurare, accendere Polaris e immergere la sonda nell'acqua. In acqua ferma spostare la sonda, 5-10 cm/sec è sufficiente. Dopo l'uso sciacquare la sonda in acqua pulita e asciugare il misuratore se è bagnato. Se si verifica un errore, sul display lampeggeranno «Errore», «Avviso» o «Calibra». Maggiori informazioni sono mostrate nell'elenco stato — vedere «Elenco stato».

Polaris bloccherà la calibrazione se le condizioni non sono adatte. Verrà visualizzato un messaggio di errore. La modifica o la bassa temperatura possono, ad esempio, rendere difficile la taratura all'aperto. La sensibilità del controllo automatico può essere modificata — vedere «Precisione di calibrazione».

Misurazioni accurate richiedono una calibrazione accurata, che a sua volta richiede condizioni stabili. Polaris controlla e consente la taratura solo se le condizioni sono stabili.

La sensibilità di questo controllo può essere modificata — vedere «Precisione di calibrazione».

Quando non in uso, conservare Polaris nella sua custodia in un luogo in cui la temperatura è moderata e stabile. Sarà quindi facile controllare la taratura e, se necessario, ricalibrare con la sonda nella custodia nello stesso punto prima di prendere Polaris in uso.

Si noti che se «Renovate Probe» lampeggia sul display, la sonda deve essere rinnovata.

Istruzione e formazione

La gestione dell'allevamento ittico è altrettanto importante quanto l'installazione della giusta tecnologia. Senza persone adeguatamente istruite e addestrate l'efficienza dell'azienda non diventerà mai soddisfacente. L'allevamento ittico in generale richiede una vasta gamma di competenze, dalla gestione delle covate e degli incubatori, allo svezzamento e all'allattamento delle larve di pesci, alla produzione di fritture e filettatura fino alla crescita di pesci di dimensioni di mercato.

La formazione e l'istruzione sono disponibili in molte forme, dai corsi pratici agli studi accademici presso le università. Una combinazione di teoria e pratica è la combinazione migliore per ottenere una comprensione completa di come gestire un sistema di acquacoltura a ricircolo.

Di seguito è riportato un elenco delle aree che dovrebbero essere considerate quando si costruisce un programma educativo.

chimica dell'acqua di base

Comprendere i parametri chimici e fisici fondamentali dell'acqua importanti per l'attività agricola, come ammonio, ammoniaca, nitrito, nitrato, pH, alcalinità, fosforo, ferro, ossigeno, anidride carbonica e salinità.

Tecnologia di sistema e gestione in generale

Comprendere diversi progetti di sistema, flussi d'acqua primari e secondari. Pianificazione della produzione, regimi di alimentazione, tasso di conversione dei mangimi, relazioni specifiche sul tasso di crescita, registrazione e calcolo delle dimensioni dei pesci, numeri e biomassa.

Conoscenza degli impianti di emergenza e delle procedure di emergenza.

Materiali di consumo

Comprendere le composizioni dei mangimi per pesci, i calcoli e la distribuzione dell'alimentazione, i livelli e le fonti di consumo di acqua, i consumi di elettricità e ossigeno, gli aggiustamenti del pH mediante l'uso di idrossido di sodio e calce.

Lettura dei parametri e calibrazione

Comprendere le letture da sensori di ossigeno, anidride carbonica, pH, temperatura, salinità, pressione, ecc Capacità di testare e calcolare i livelli di ammoniaca, nitrito, nitrato, TAN e comprendere il ciclo di azoto. Calibrazione di dispositivi per la misurazione di ossigeno, pH, temperatura, anidride carbonica, salinità, flusso d'acqua, ecc PLC e PC impostazioni per allarmi, livelli di emergenza, ecc.

Macchinari e impianti tecnici

Comprendere la meccanica e la manutenzione necessaria per il sistema, come per esempio per il filtro meccanico, il sistema biofiltrante compreso letto fisso e letto mobile, degassers, filtri di gocciolamento e filtri di denitrificazione. Conoscenza operativa di sistemi UV, pompe, compressori, controllo della temperatura, riscaldamento, raffreddamento, ventilazione, sistemi di iniezione di ossigeno, sistemi di ossigeno di emergenza, generatori di ossigeno e sistemi di backup dell'ossigeno, sistemi di regolazione del pH, sistemi di convertitore di frequenza delle pompe, sistemi di generatori elettrici, sistemi PLC e PC, sistemi di alimentazione automatici.

Conoscenze operative

Conoscenze pratiche derivanti dal lavoro in un allevamento ittico, compresa la manipolazione di riproduttori, uova, larve di pesce, fritture e spingiolamento e la coltivazione di pesci più grandi per il mercato. Esperienza pratica nella manipolazione dei pesci, classificazione, vaccinazione, conteggio e pesatura, manipolazione della mortalità, pianificazione della produzione e altro lavoro quotidiano a livello di azienda agricola. Comprendere l'importanza delle precauzioni di biosicurezza, dell'igiene, del benessere dei pesci, delle malattie dei pesci e del trattamento corretto.

Supporto per la gestione

Quando si avvia un sistema di ricircolo ci sono molte cose da fare e può essere difficile dare priorità e concentrarsi sugli elementi giusti. Avere il sistema in funzione al livello ottimale e a piena produzione è spesso estremamente impegnativo.

La supervisione o il supporto alla gestione della produzione giornaliera condotta da un pescatore esperto può essere un modo per superare la fase iniziale ed evitare cattiva gestione. Anche l'istruzione e la formazione continua sul posto del personale dell'azienda agricola possono essere parte del supporto.

L'agricoltore dovrebbe costruire un team di personale qualificato per gestire l'allevamento ittico 24 ore al giorno 7 giorni alla settimana. I membri del team lavoreranno spesso a turni per tenere conto della guardia notturna e lavorare nei fine settimana e nei giorni festivi.

Il personale del team dovrebbe consistere in:

  • Un manager con responsabilità generale per la gestione pratica quotidiana nell'allevamento ittico

  • Assistenti riferiti al gestore incaricato del lavoro pratico in azienda con particolare attenzione alla zootecnia del pesce

  • Uno o più tecnici incaricati della manutenzione e della riparazione degli impianti tecnici

  • Altri lavoratori per lavori vari dovranno più spesso essere assunti.

È importante assicurarsi che la squadra abbia effettivamente il tempo a disposizione per sottoporsi a formazione in loco al fine di ottimizzare le proprie competenze. Molto spesso la formazione viene trascurata perché il lavoro quotidiano ha una priorità più alta e sembra che non ci sia tempo per l'apprendimento. Questo non è tuttavia il modo giusto per costruire un nuovo business. Qualsiasi possibilità di aumentare la conoscenza e lavorare in modo più efficiente e professionale dovrebbe avere la massima priorità.

Assistenza e riparazione

Per il sistema di ricircolo dovrebbe essere realizzato un programma di manutenzione e manutenzione per garantire che tutte le parti funzionino in ogni momento. All'inizio di questo capitolo sono state elencate le routine e si dovrebbe prestare attenzione a come risolvere eventuali malfunzionamenti. Si raccomanda di stipulare accordi di assistenza con fornitori di attrezzature diverse per avere un servizio professionale a portata di mano e a intervalli regolari.

È inoltre importante garantire consegne efficienti di parti di ricambio insieme ai regimi di servizio. Un pacchetto completo di pezzi di ricambio per gli articoli più importanti insieme a macchinari per la ridondanza come pompe dell'acqua e soffianti deve essere conservato in azienda per un uso immediato.

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2015, Jacob Bregnballe, Guida all'acquacoltura di ricircolo, http://www.fao.org/3/a-i4626e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.