common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Come abbiamo visto in precedenza, è stato sottolineato che l'obiettivo di muoversi verso un'intensificazione sostenibile cresce dal riconoscimento dei limiti del paradigma di sviluppo agricolo convenzionale e dei suoi sistemi di innovazione. Riconoscendo la necessità di innovazioni dei sistemi alimentari che superino il paradigma tradizionale e che possano spiegare la complessità derivante dalle questioni legate alla sostenibilità e alla sicurezza alimentare, Fischer et al. (2007) hanno chiesto del tutto «un nuovo modello di sostenibilità». Analogamente, nel loro recente appello a favore di sforzi globali per un'intensificazione sostenibile, Rockström et al. (2017) hanno sottolineato che un cambiamento di paradigma nel nostro sistema alimentare comporta la sfida dei modelli dominanti di ricerca e sviluppo che mantengono l'attenzione della «produttività primissima» subordinando programmi di sostenibilità a un ruolo secondario «mitigante». Chiedono invece un'inversione di questo paradigma in modo che «i principi sostenibili diventino il punto di ingresso per generare incrementi di produttività». A seguito di ciò, suggeriamo una visione sostenibilità first per l'acquaponica come un possibile orientamento in grado di offrire coerenza al campo e guidarne lo sviluppo verso i proclamati obiettivi di sostenibilità e sicurezza alimentare.

Come per la maggior parte degli inviti alla sostenibilità, la nostra prima proposta di _sostenibilità potrebbe sembrare piuttosto ovvia e poco impegnativa a prima vista, se non completamente ridondante - sicuramente, potremmo dire, l'acquaponica è tutta una questione di sostenibilità. Ma la storia ci ricorda che fare affermazioni di sostenibilità è un compito piacevole, mentre garantire risultati di sostenibilità è molto meno certo (Keil 2007). Come abbiamo sostenuto, la «sostenibilità» dell'acquaponica esiste attualmente come potenziale. Proprio come questo potenziale si traduce in risultati di sostenibilità deve essere una preoccupazione per la nostra comunità di ricerca.

La nostra proposta «prima sostenibilità» è tutt'altro che semplice. In primo luogo, questa proposta richiede che, se il nostro settore vuole giustificarsi sulla base della sostenibilità, dobbiamo affrontare la natura stessa della sostenibilità. A questo proposito, riteniamo che ci sia molto da imparare dalla crescente arena della scienza della sostenibilità e degli studi scientifici e tecnologici (STS). Scopriremo che mantenere un focus sulla sostenibilità all'interno della ricerca acquaponica rappresenta un cambiamento potenzialmente enorme nella direzione, nella composizione e nell'ambizione della nostra comunità di ricerca. Tale compito è necessario se vogliamo orientare il campo verso obiettivi coerenti e realistici che rimangono focalizzati sulla sostenibilità e sui risultati della sicurezza alimentare rilevanti per l'Antropocene.

Prendere sul serio la sostenibilità è una sfida enorme. Questo perché, al suo interno, la sostenibilità è fondamentalmente un concetto _etico che pone domande sul valore della natura, la giustizia sociale, le responsabilità verso le generazioni future, ecc. e comprende il carattere multidimensionale dei problemi umano-ambientali (Norton 2005). Come abbiamo discusso in precedenza, le soglie di sostenibilità che potrebbero essere stabilite per quanto riguarda le pratiche agricole sono diverse e spesso non possono essere conciliate integralmente, impedendo la necessità di «compromessi» (Funtowicz e Ravetz 1995). Le scelte vanno fatte di fronte a questi compromessi e, più spesso, i criteri su cui si basano tali scelte dipendono non solo da preoccupazioni scientifiche, tecniche o pratiche, ma anche da norme e valori morali. Va da sé che c'è poco consenso su come fare queste scelte, né c'è un maggiore consenso sulle norme e sui valori morali stessi. Indipendentemente da questo fatto, le indagini sui valori sono in gran parte assenti dall'agenda della scienza della sostenibilità mainstream, eppure come affermano Miller et al. (2014), «a meno che i valori [della sostenibilità] non siano compresi e articolati, le inevitabili dimensioni politiche della sostenibilità rimarranno nascoste dietro affermazioni scientifiche». Tali situazioni impediscono l'unione e la deliberazione democratica tra le comunità — un certo compito per raggiungere percorsi più sostenibili.

Prendendo atto del posto di rilievo dei valori nell'azione collettiva verso la sostenibilità e la sicurezza alimentare, gli studiosi del campo degli studi scientifici e tecnologici hanno evidenziato che piuttosto che essere trattati come un'importante esternalità nei processi di ricerca (spesso trattati separatamente o dopo il fatto), devono essere spostati a monte nelle agende di ricerca (Jasanoff 2007). Quando i valori diventano una parte centrale della ricerca sulla sostenibilità, arriva il riconoscimento che le decisioni non possono più basarsi sui soli criteri tecnici. Ciò ha un impatto potenzialmente enorme sul processo di ricerca, perché tradizionalmente ciò che avrebbe potuto essere considerato l'unico compito della «conoscenza degli esperti» deve ora essere aperto ad altri flussi di conoscenza (ad esempio, conoscenze «laiche», indigene e praticanti) con tutta la difficoltà epistemologica che ciò comporta (Lawrence 2015). In risposta a questi problemi, la scienza della sostenibilità è emersa come un campo che mira a trascendere i confini disciplinari e cerca di coinvolgere i non scienziati in processi di ricerca orientati alla soluzione, determinati dal contesto, incentrati sulla generazione dei risultati (Miller et al. 2014).

Una domanda chiave in queste discussioni è la conoscenza. I problemi di sostenibilità sono spesso causati dalla complessa interazione di diversi fattori socio-ecologici, e le conoscenze necessarie per gestire efficacemente queste sfide sono diventate progressivamente più disperse e specializzate (Ansell e Gash 2008). Le conoscenze necessarie per comprendere come le preoccupazioni legate alla sostenibilità sono troppo complesse per essere organizzate da un unico organismo e si traducono nella necessità di integrare diversi tipi di conoscenze in modi nuovi. Questo è certamente il caso del nostro settore: come altre modalità di intensificazione sostenibile (Caron et al. 2014), i sistemi acquaponici sono caratterizzati da una complessità intrinseca (Junge et al. 2017) che pone grande enfasi sulle nuove forme di produzione della conoscenza (FAO 2013). La complessità dei sistemi acquaponici deriva non solo dal loro carattere «integrato», ma anche dalle più ampie strutture economiche, istituzionali e politiche che incidono sull'erogazione dell'acquaponica e sul suo potenziale di sostenibilità (König et al. 2016). Lo sviluppo di soluzioni per sistemi alimentari acquaponici sostenibili può comportare la lotta con diversi ambiti di comprensione, dalla ricerca ingegneristica, orticola, acquacoltura, microbiologica, ecologica, economica e sanitaria pubblica, alle preoccupazioni pratiche ed esperienziali dei professionisti, rivenditori e consumatori. Ciò non è solo un raggruppamento di idee e posizioni, ma comporta lo sviluppo di modalità completamente nuove di produzione della conoscenza e l'apprezzamento per colmare le «lacune della conoscenza» (Caron et al. 2014). Abson et al. (2017) hanno identificato tre requisiti chiave di nuove forme di produzione di conoscenza in grado di promuovere le trasformazioni di sostenibilità: (i) l'inclusione esplicita di valori, norme e caratteristiche di contesto nel processo di ricerca per produrre conoscenze «solidali»; (ii) processi di apprendimento reciproco tra scienza e società, che comporta un ripensamento del ruolo della scienza nella società; e iii) un'agenda di ricerca orientata ai problemi e alle soluzioni. Attingere a queste tre intuizioni può aiutare il nostro campo a sviluppare quella che chiamiamo una «conoscenza critica della sostenibilità» per l'acquaponica. Di seguito discutiamo tre aree che la nostra comunità di ricerca può affrontare che riteniamo cruciali per liberare il potenziale di sostenibilità dell'acquaponica: parzialità, contesto e preoccupazione. Sviluppare una comprensione di ciascuno di questi punti aiuterà il nostro settore a perseguire un approccio orientato alle soluzioni per la sostenibilità acquaponica e i risultati della sicurezza alimentare.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.