common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

2.4.1 Previsioni

È generalmente riconosciuto che il controllo di malattie, parassiti ed erbacce è una componente critica per frenare le perdite di produzione che minacciano la sicurezza alimentare (Keating et al. 2014). Infatti, l'aumento dell'uso di antibiotici, insetticidi, diserbanti e fungicidi per ridurre le perdite e migliorare la produttività ha consentito un aumento drammatico della produzione agricola nella seconda metà del XX secolo. Tuttavia, queste pratiche sono anche legate a una serie di problemi: inquinamento provocato da composti organici persistenti nei suoli e nelle acque di irrigazione, cambiamenti nell'attività rizobatterica e micorrizica nei suoli, contaminazione delle colture e del bestiame, sviluppo di ceppi resistenti, effetti dannosi sugli impollinatori e vasta gamma di rischi per la salute umana (Bringezu et al. 2014; Ehrlich e Harte 2015a; Esch et al. 2017; FAO 2015b). La lotta contro i parassiti, le erbacce e le malattie in modo da ridurre l'uso di queste sostanze è citata praticamente in ogni invito a fornire sicurezza alimentare a una popolazione mondiale in crescita.

2.4.2 Controllo di parassiti, erbacce e malattie

Essendo un sistema chiuso con misure di biosicurezza, i sistemi aquaponici richiedono molto meno applicazioni di pesticidi chimici nella componente vegetale. Se le scorte di sementi e trapianti sono accuratamente maneggiate e monitorate, i contaminanti infestanti, fungini e batterici/alghe possono essere controllati in unità idroponiche con misure mirate piuttosto che l'applicazione preventiva diffusa di erbicidi e fungicidi prevalenti nell'agricoltura del suolo. Man mano che la tecnologia continua a progredire, gli sviluppi come le serre a pressione positiva possono ridurre ulteriormente i problemi dei parassiti (Mears and Both 2001). Le caratteristiche progettuali per ridurre i rischi di parassiti possono ridurre i costi in termini di prodotti chimici, manodopera, tempi di applicazione e attrezzature, soprattutto perché l'impronta del terreno dei sistemi acquaponici su scala industriale è ridotta e i sistemi sono compatti e strettamente contenuti, rispetto all'equivalente area di produzione aperta di ortaggi e colture frutticole di aziende agricole convenzionali a base di suolo.

L'uso della RAS nei sistemi acquaponici impedisce inoltre la trasmissione di malattie tra gli stock di allevamento e le popolazioni selvatiche, il che rappresenta una preoccupazione pressante per l'acquacoltura a penna a rete aperta e fluida (Read et al. 2001; Samuel-Fitwi et al. 2012). L'uso di antibiotici di routine non è generalmente richiesto nella componente RAS, poiché si tratta di un sistema chiuso con pochi vettori disponibili per l'introduzione della malattia. Inoltre, l'uso di antimicrobici e antiparassitari è generalmente scoraggiato, in quanto può essere dannoso per il microbiota che sono cruciali per convertire i rifiuti organici e inorganici in composti utilizzabili per la crescita delle piante nell'unità idroponica (Junge et al. 2017). Se la malattia dovesse emergere, il contenimento dei pesci e delle piante dall'ambiente circostante rende la decontaminazione e l'eradicazione più gestibili. Sebbene i sistemi chiusi chiaramente non alleviino completamente tutti i problemi di malattie e parassiti (Goddek et al. 2015), adeguate misure di biocontrollo già praticate nella RAS autonoma e nell'idroponica determinano riduzioni significative del rischio. Tali questioni sono discusse più dettagliatamente nei capitoli successivi (per i pesci, cfr. cap. 6; per le piante, ulteriori dettagli in cap. 14) .


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.