Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Dall'approvazione degli orientamenti sugli SSF da parte del COFI nel 2014, il riconoscimento dell'importanza della pesca su piccola scala è aumentato, così come la consapevolezza delle raccomandazioni contenute negli orientamenti. Queste ultime si riflettono ora in varie politiche e strategie regionali e nazionali. Inoltre, come dimostrato dagli studi di casi qui presentati, i principi e le disposizioni dell'orientamento dell'SSF sono applicati da un'ampia gamma di attori e in contesti diversi.

Questo documento tecnico presenta gli sforzi da tutto il mondo per sviluppare catene di valore sostenibili per la pesca su piccola scala e migliorare le operazioni post-raccolta e gli scambi commerciali. I casi di studio costituiscono una ricca selezione di esperienze e sono diversi, non solo per quanto riguarda la loro collocazione geografica, ma anche per quanto riguarda gli argomenti trattati e gli approcci utilizzati. In ogni caso sono state attuate alcune pratiche che possono essere emulate da altri operatori della catena del valore della pesca su piccola scala operanti in condizioni analoghe. Inoltre, un tratto determinante condiviso da tutti i casi di studio è la diligenza con cui ognuno ha sbloccato il potenziale della catena del valore senza compromettere lo sviluppo sostenibile o la gestione delle risorse.

In questa conclusione, riassumiamo e discutiamo gli interventi chiave evidenziati dai diversi autori in relazione a ciascun paragrafo del capitolo 7 degli orientamenti sull'FSE. La discussione non è esaustiva, ma si concentra piuttosto sui risultati chiave in quanto riguardano l'attuazione degli orientamenti. Il lettore è incoraggiato a leggere il documento completo per saperne di più e apprezzare appieno tutte le iniziative qui descritte.

**7.1 Tutte le parti devono riconoscere il ruolo centrale che il sottosettore della pesca su piccola scala dopo il raccolto e i suoi attori svolgono nella catena del valore. Tutte le parti dovrebbero garantire che gli attori post-raccolta facciano parte dei processi decisionali pertinenti, riconoscendo che a volte esistono relazioni di potere ineguali tra gli attori della catena del valore e che i gruppi vulnerabili ed emarginati possono richiedere un sostegno speciale. **

Il principio guida 6 degli orientamenti sull'FSS riconosce l'importanza della consultazione e della partecipazione. Il paragrafo 7.1 sottolinea esplicitamente questo aspetto, chiedendo che tutti gli attori della pesca su piccola scala dopo il raccolto siano inclusi nei processi decisionali. I casi di studio 1, 2 e 9 forniscono esempi concreti di come questi attori possano essere abilitati a impegnarsi nel processo decisionale.

Caso di studio 1: La CFPA è un'organizzazione di pescatori composta interamente da donne, operante nella catena del valore post-raccolto della pesca del pesce mosca nelle Barbados. Il suo funzionamento illustra la pratica di rappresentare gli attori post-raccolta attraverso un sistema democratico, in base al quale un individuo è eletto per rappresentare le esigenze di tutti i membri nei processi nazionali, regionali e internazionali. La PCP ha mantenuto una forte attenzione allo sviluppo delle capacità dei suoi membri per promuovere un'equa partecipazione delle donne. Inoltre, l'organizzazione ha guadagnato il rispetto e il riconoscimento da parte di una varietà di attori del settore della pesca, in parte grazie alla sua coesione quando si tratta di questioni che riguardano i trasformatori di pesci mosca, e mantiene un rapporto di lavoro efficace con l'autorità governativa responsabile della gestione e del sviluppo della pesca delle Barbados.

Caso di studio 2: non essere in grado di partecipare alle riunioni di gestione in cui vengono prese decisioni è una sfida comune per i piccoli pescatori e i pescatori. L'esperienza dell'iniziativa Kodiak Jig dimostra gli sforzi dei pescatori e dei sostenitori della comunità per influenzare il processo decisionale per realizzare cambiamenti politici che consentano l'accesso alle risorse, garantendo opportunità per i pescatori di piccole imbarcazioni attuali e futuri. Lo sforzo ha successivamente sostenuto un'iniziativa di marketing volta a garantire che i benefici dell'accesso alle risorse potessero essere pienamente realizzati. A tal fine, è stata creata una partnership tra i pescatori di jig con sede a Kodiak, l'Alaska Jig Association (AJA) e il Consiglio per la conservazione marina dell'Alaska (AMCC) per garantire che i pescatori e i rappresentanti della comunità mantengano una forte presenza nelle riunioni e nei processi pertinenti in tutto lo Stato dell'Alaska.

Caso di studio 9: i FIP sono basati su un approccio multistakeholder per migliorare la gestione sostenibile della pesca, con i prodotti derivati dai FIP utilizzati per soddisfare quote sostenibili di approvvigionamento di pesce tra gli attori della catena del valore nei mercati di alto valore. Il modello FIP viene sempre più applicato alle attività di pesca su piccola scala, consentendo agli attori post-raccolta in diversi punti della catena del valore di partecipare ai processi decisionali. Tuttavia, gli studi hanno scoperto che il potere è spesso distribuito in modo disuguale e che i pescatori e i pescatori non sempre svolgono un ruolo centrale nella gestione dei PIP; da qui la necessità di evolvere il modello per essere più inclusivi dei pescatori e dei pescatori.

7.2 Tutte le parti dovrebbero riconoscere il ruolo spesso svolto dalle donne nel sottosettore post-raccolto e sostenere miglioramenti per facilitare la partecipazione delle donne a tale lavoro. Gli Stati dovrebbero garantire che siano disponibili servizi e servizi adeguati per le donne, in base alle esigenze, al fine di consentire alle donne di conservare e migliorare i propri mezzi di sussistenza nel sottosettore post-raccolto. ***

L'uguaglianza di genere e l'equità sono il principio guida 4 degli orientamenti sull'FSE ed è trattato nel capitolo 8. Per quanto riguarda le catene del valore, il post-raccolto e il commercio, il paragrafo 2 sottolinea la necessità di agevolare la partecipazione delle donne e garantire che siano disponibili servizi e servizi adeguati per le donne, in modo che possano conservare e migliorare i loro mezzi di sussistenza nel sottosettore post-raccolto. Gli studi di casi 1 e 3 evidenziano gli sforzi volti a garantire pari diritti e opportunità per le donne nel sottosettore post-raccolto.

Caso di studio 1: The Bridgetown Fisheries Complex (BFC) è gestito dalla divisione Markets del governo delle Barbados. Le donne membri della PCP si guadagnano da vivere lavorando in questa struttura. La PCP offre alle donne un fronte unito, che ha permesso loro di perseguire condizioni migliori nella struttura gestita dal governo in cui lavorano, generando nel contempo una forma di proprietà all'interno della struttura pubblica. Le condizioni di lavoro nella sala di lavorazione sono state migliorate per garantire la fornitura di servizi e strutture soddisfacenti per il perseguimento dei loro mezzi di sussistenza.

Caso di studio 3: i forni per la tecnica di lavorazione FAO-Thiaroye (FTT) hanno dimostrato di beneficiare le donne riducendo le condizioni di lavoro pericolose e fornendo loro un'ulteriore autonomia sociale (a causa dei tempi di lavorazione più rapidi). Di conseguenza, le donne hanno più tempo per concentrarsi sugli obblighi familiari e perseguire altre attività generatrici di reddito e di auto-miglioramento, ad esempio commercializzando i loro prodotti e promuovendo la loro formazione. Quindi, l'FTT crea un'opportunità per le donne di affermarsi nella catena del valore in modi nuovi che migliorano i loro mezzi di sussistenza.

**7.3 Gli Stati dovrebbero promuovere, fornire e consentire investimenti in infrastrutture adeguate, strutture organizzative e sviluppo di capacità per sostenere il sottosettore della pesca su piccola scala dopo il raccolto nella produzione di pesce e prodotti della pesca sicuri e di buona qualità, sia per i mercati di esportazione che per i mercati nazionali, in un modo responsabile e sostenibile. **

La redditività sociale ed economica è il principio guida 13 degli orientamenti sugli SSF. Il paragrafo 3 riconosce che adeguate strutture organizzative, lo sviluppo delle capacità e l'accesso alle infrastrutture possono consentire ai pescatori di migliorare i propri mezzi di sussistenza producendo prodotti sicuri e di alta qualità. I casi di studio 1, 2, 4 e 5 si concentrano sugli aspetti di come gli investimenti in infrastrutture appropriate, le strutture organizzative associate e lo sviluppo di capacità possano migliorare la qualità e i mezzi di sussistenza dei prodotti.

Caso di studio 1: La sala di elaborazione BFC, assegnata con input e su richiesta dei membri della CFPA, è una struttura spaziosa costruita per soddisfare gli standard internazionali. Avere questo spazio dedicato ha permesso ai processori CFPA di beneficiare collettivamente di migliori condizioni igieniche. Inoltre, i membri hanno beneficiato di una formazione per l'attuazione degli standard di manipolazione degli alimenti, che a sua volta ha migliorato la redditività e la commerciabilità dei loro prodotti. La sicurezza dell'accesso alle strutture della sala di processione BFC è considerata dai membri come uno dei principali successi della PCP.

Caso di studio 2: Per realizzare la strategia di marketing della Kodiak Jig Initiative, è stato necessario garantire l'infrastruttura e il supporto organizzativo. Sebbene Kodiak sia uno dei più grandi porti di pesca degli Stati Uniti d'America, con la lavorazione dei frutti di mare tutto l'anno, le infrastrutture di pesca locali sono principalmente orientate verso la pesca su larga scala e ad alto volume. Le sfide includono l'accesso al ghiaccio e l'uso di una gru per scaricare il prodotto. In definitiva, è stato creato un accordo con un processore personalizzato che si è concentrato principalmente sul fumo di salmone, che ha fornito ulteriori opportunità di elaborazione ai suoi pescatori in primavera — un tempo lento per la lavorazione del salmone. La chiave del successo operativo è stata che il personale di AMCC Kodiak segua il prodotto durante l'intero processo, dall'offload alla consegna sul mercato. Separatamente, i pescatori di jig hanno anche fatto pressione sul consiglio comunale per un lungomare funzionante con infrastrutture per le mietitrici indipendenti su piccola scala, con conseguente costruzione di una gru per uso pubblico presso un molo polivalente nel porto principale.

Caso di studio 4: Il FCWC Fish Traders and Processors Network (FCWC FishNet) è stato istituito per informare la progettazione di incentivi basati sul mercato per sfruttare il potere collettivo dei suoi membri per facilitare il commercio regionale. Collaborando con i partner, FCWC FishNet ha rinnovato un centro transfrontaliero per il commercio e la lavorazione del pesce (l'hub Manhean Fish Processors and Traders) a Tema, Ghana. Questo centro attira ora commercianti e trasformatori di pesce dai paesi vicini e distribuisce una notevole quantità di prodotti della pesca trasformati su piccola scala ai mercati ittici in Benin, Burkina Faso, Costa d'Avorio, Ghana e Togo. Con l'aggiunta di un sistema di approvvigionamento idrico e di servizi igienici, l'impianto aggiornato può ora garantire prodotti ittici puliti e sicuri per il commercio. I miglioramenti rendono inoltre più facile per i trasformatori e i commercianti lavorare in modo efficiente durante i raccolti del paraurti, poiché i nuovi servizi includono bagni e servizi igienici, nonché stanze per il cambio e l'allattamento dei bambini.

Case study 5: I programmi Sea Grant Extension (SGEP) in Alaska e California facilitano la valutazione delle opzioni di marketing diretto dei frutti di mare (SDM) e forniscono strumenti e sviluppo delle capacità attraverso l'educazione aziendale per i pescatori che cercano un maggiore controllo sulle catene del valore con cui sono impegnati. Il modello SIEP, basato su principi di non advocacy, fiducia, comunicazione efficace e utilizzo di un approccio basato sulla scienza, supporta un processo decisionale solido e una maggiore comprensione delle pratiche e dei limiti dell'SDM. L'impegno del personale del SIEG con le comunità di pescatori comprende consultazioni, workshop e ricerche collaborative, con materiali sviluppati da questi sforzi a loro volta utili per potenziare le capacità per il settore post-raccolto. Questo approccio è unico rispetto ad altri casi di studio presentati, in quanto il SIEG fornisce orientamenti per i pescatori che cercano un approccio più imprenditoriale al commercio.

7.4 Gli Stati e i partner di sviluppo dovrebbero riconoscere le forme tradizionali di associazioni di pescatori e lavoratori ittici e promuovere il loro adeguato sviluppo organizzativo e di capacità in tutte le fasi della catena del valore al fine di migliorare la sicurezza del reddito e dei mezzi di sussistenza in conformità con le legislazione. Di conseguenza, occorre sostenere l'istituzione e lo sviluppo di cooperative, organizzazioni professionali del settore della pesca su piccola scala e di altre strutture organizzative, nonché meccanismi di commercializzazione, ad esempio aste, a seconda dei casi. ***

Il paragrafo 7.4 degli orientamenti sull'FSS riecheggia l'importanza della consultazione e della partecipazione. Chiede il riconoscimento delle forme tradizionali di associazione dei pescatori e dei pescatori e sottolinea la necessità di promuovere il loro sviluppo organizzativo e di capacità lungo tutta la catena del valore. Gli studi di casi 1, 2, 3, 5 e 6 considerano il ruolo delle associazioni nel migliorare i redditi e la sicurezza dei piccoli pescatori.

Caso di studio 1: Tra il 1997 e il 1999, il governo delle Barbados ha attuato un progetto di sviluppo dell'organizzazione dei pescatori (FODP) finanziato esternamente. Gli obiettivi a lungo termine del progetto erano di lavorare a stretto contatto con organizzazioni formali e informali per migliorare in modo sostenibile i mezzi di sussistenza e il benessere dei pescatori, e di istituire organizzazioni di pescatori in grado di partecipare attivamente alla gestione e allo sviluppo della pesca. Un risultato notevole è stato l'istituzione della PCP, che è stata sostenuta dalla divisione Pesca delle Barbados (BFD) attraverso il FODP. La BFD continua a fornire un sostegno in natura alla PCP. Tale sostegno è stato fondamentale per consentire alla PCP di intraprendere azioni collettive, come discusso nelle sezioni precedenti.

Caso di studio 2: L'iniziativa Kodiak Jig evidenzia il potere della cooperazione nel raggiungimento di obiettivi comuni. Formata alla fine degli anni 2000, l'Alaskan Jig Association (AJA) ha lavorato a stretto contatto con l'AMCC per sviluppare una strategia di impegno per ridurre le barriere all'ingresso dei giovani pescatori. Essa si è inoltre adoperata per garantire che eventuali modifiche politiche da parte del consiglio di gestione della pesca relative al pesce roccioso e al merluzzo bianco nel Golfo dell'Alaska includano chiare opportunità di accesso e accesso alla pesca su piccola scala. Allo stesso modo, AMCC ha lavorato a stretto contatto con l'AJA per sostenere la capacità organizzativa in modo che commenti scritti e testimonianze verbali potessero essere regolarmente presentati alle riunioni del consiglio. Inoltre, l'AMCC ha fornito un sostegno finanziario per coprire il biglietto aereo e l'alloggio, consentendo ai pescatori di partecipare a riunioni chiave.

Caso di studio 3: Lo studio della tecnica di lavorazione FAO-Thiaroye ha rilevato che il forno FTT può fungere da piattaforma per l'organizzazione sociale, ma ha osservato che gli esempi di maggior successo della distribuzione FTT hanno coinvolto una cooperativa o un'associazione che potrebbe assumersi la responsabilità della gestione e della manutenzione del forno. Criticamente, lo studio ha riconosciuto che l'FTT in sé e per sé non supera gli ostacoli alla formazione di associazioni efficaci, ma ha piuttosto riconosciuto l'importanza di fornire un'adeguata formazione organizzativa e di sviluppo delle capacità tra i processori per ottenere un risultato sostenibile.

Caso di studio 5: I SIEP hanno sostenuto lo sviluppo della capacità SDM attraverso classi, workshop, siti web e altri sforzi di sensibilizzazione per i pescatori in California e Alaska. L'SDM prevede che i pescatori vendano le loro catture tramite un minor numero di intermediari. Gli accordi SDM possono fornire sbocchi per attività di pesca a basso volume e valore (prezzo per libbra), riducendo così la loro vulnerabilità alla variabilità e all'incertezza dei prezzi che spesso caratterizzano catene di fornitura lunghe, in particolare quelle legate ai mercati globali. I materiali per lo sviluppo delle capacità e la sensibilizzazione forniti dai SIEP riguardano i vari tipi di accordi SDM, considerazioni pratiche per ciascun tipo e orientamenti su temi quali il mantenimento della sicurezza e della qualità dei prodotti, l'amministrazione aziendale e, per specifiche attività di pesca e aree geografiche, la sintesi delle autorizzazioni requisiti. Questi sforzi combinati hanno permesso ai pescatori imprenditoriali in contesti adeguati di avviare e potenziare le piccole imprese.

Caso di studio 6: Capture Fisheries Standard (CFS) degli Stati Uniti d'America del commercio equo e solidale richiede ai pescatori registrati di formare almeno una Fishers' Association gestita democraticamente, a meno che non appartengano già a una cooperativa legale. La cooperativa o associazione facilita quindi il coordinamento delle responsabilità in materia di gestione delle risorse, sicurezza delle navi e relazioni commerciali. Rappresenta inoltre i pescatori su tutte le questioni che riguardano le loro attività di pesca, tra cui il CFS, le leggi, i regolamenti in materia di pesca e le infrastrutture connesse alla pesca. I singoli membri sono eletti in uno o più Comitati per il commercio equo e solidale per gestire l'utilizzo dei fondi Fair Trade Premium ricevuti per i prodotti venduti alle condizioni del Fair Trade USA. Questi comitati sono quindi responsabili della gestione e della spesa dei fondi per conto dei partecipanti, nonché del monitoraggio e della segnalazione del loro utilizzo. È interessante notare che nel 2015, l'indagine sulle famiglie di Fair Trade USA in Indonesia ha rivelato che il 68 per cento dei partecipanti ha indicato che il «Fondo Premium» era il vantaggio più importante del programma Fair Trade USA. Tuttavia, nel 2016, questa cifra è diminuita del 20 per cento, mentre la «Formazione di un'Associazione dei Pescatori» è cresciuta dell'8 per cento. Ciò può indicare che, mentre i benefici materiali del programma sono apprezzati, è anche molto apprezzato avere una piattaforma attraverso la quale discutere la gestione della catena del valore.

**7.5 Tutte le parti devono evitare perdite post-raccolta e rifiuti e cercare modi per creare un valore aggiunto, basandosi anche su tecnologie tradizionali e locali efficienti in termini di costi, innovazioni locali e trasferimenti tecnologici culturalmente appropriati. Dovrebbero essere promosse pratiche ecosostenibili nell'ambito di un approccio ecosistemico, scoraggiando, ad esempio, gli sprechi di input (acqua, legna da combustibile, ecc.) nella movimentazione e trasformazione dei pesci su piccola scala. **

La sostenibilità economica, sociale e ambientale è il principio guida 10 degli orientamenti sugli SSF. Il paragrafo 7.5 incoraggia ad evitare le perdite post-raccolta e a cercare modi per aggiungere valore attraverso una migliore manipolazione e trasformazione. I casi di studio 3 e 7 sottolineano gli strumenti, le tecniche a basso costo e i cambiamenti nel comportamento per ridurre al minimo le perdite post-raccolta e aggiungere valore.

Caso di studio 3: Il forno FTT è un metodo più sicuro, più economico ed ecosostenibile per fumare il pesce. Il forno riduce il consumo di legna da ardere mediante una teglia da forno, caratteristica che conserva dualmente il calore — e quindi la quantità di combustibile necessaria — in un vano separato dal pesce, concentrando al contempo il calore sul pesce e consentendo un maggiore controllo sul processo di affumicatura. È stato inoltre dimostrato che il forno riduce le perdite di pesce e gli scarti, soprattutto nei periodi di picco del raccolto; al contrario, la bassa capacità dei tradizionali apparecchi per affumicatura si traduce invariabilmente in elevate perdite post-raccolta durante le stagioni di paraurti. La pratica viene divulgata attraverso scambi di conoscenze peer-to-peer e «agenti del cambiamento» formati, che forniscono formazione e dimostrazioni FTT in modi culturalmente appropriati.

Caso di studio 7: Il progetto granchio del programma SmartFish è culminato nella produzione del manuale SmartFish n. 35, intitolato «Migliorare il valore del granchio di mangrovia attraverso la riduzione delle perdite post-raccolta». Il manuale illustra dieci pratiche migliorate per la cattura e la manipolazione dei granchi di fango che sono state sviluppate, testate e ottimizzate, in collaborazione con piccoli pescatori e pescatori, per migliorare la qualità del granchio in tutti i collegamenti della catena del valore. Per attuare le migliori pratiche di manipolazione, sono stati sviluppati otto metodi di comunicazione culturalmente appropriati in francese e malgascio, sia in formato scritto che radio. Questo comprendeva manifesti, numerosi workshop e tre unità dimostrative mobili su piccole imbarcazioni per raggiungere comunità di pescatori in luoghi remoti.

**7.6 Gli Stati dovrebbero facilitare l'accesso ai mercati locali, nazionali, regionali e internazionali e promuovere scambi equi e non discriminatori per i prodotti della pesca su piccola scala. Gli Stati dovrebbero collaborare per introdurre regolamenti e procedure commerciali che sostengano in particolare il commercio regionale di prodotti provenienti dalla pesca su piccola scala e tenendo conto degli accordi nell'ambito dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), tenendo conto, se del caso, dei diritti e degli obblighi dei membri dell'OMC. **

Il principio guida 3 degli orientamenti sull'FSS richiede l'eliminazione delle politiche e delle pratiche discriminatorie nel settore della pesca su piccola scala. Il paragrafo 7.6 sottolinea la necessità di agevolare l'accesso ai mercati e sostenere il commercio regionale dei prodotti della pesca su piccola scala. Gli studi di casi 3, 4, 5, 7 e 8 specificano gli sforzi per raggiungere e mantenere l'accesso al mercato dei prodotti della pesca su piccola scala in modo equo e non discriminatorio.

Caso di studio 3: L'FTT facilita l'accesso ai mercati internazionali producendo prodotti conformi agli standard internazionali di sicurezza alimentare e potenzialmente suscettibili di catalizzare ulteriori scambi internazionali. I metodi tradizionali di affumicatura del pesce determinano livelli elevati di composti cancerogeni che spesso non soddisfano gli standard internazionali. Il forno FTT viene utilizzato in più di una dozzina di paesi africani da aziende che lavorano ed esportano pesce nell'UE e negli Stati Uniti d'America. È anche in fase di pilotaggio in piccole comunità di pescatori dello Sri Lanka, degli Stati federati di Micronesia e delle Filippine. Oltre ad accedere ai mercati internazionali, i prodotti FTT possono ottenere un prezzo più elevato nei mercati locali e regionali, anche se in pratica i risultati sono stati misti: molti consumatori potrebbero non essere in grado di permettersi il pesce affumicato FTT, o preferiscono l'aspetto e la consistenza del pesce affumicato con tecniche tradizionali.

Caso di studio 4: Lo studio FCWC FishNet discute gli sforzi per rafforzare i legami commerciali informali e i partenariati per promuovere il commercio regionale nell'Africa occidentale. I commercianti e i trasformatori di pesce sono in grado di sfruttare queste reti commerciali per affrontare due grandi vincoli per la pesca su piccola scala nella regione: i costi di trasporto e l'accesso al credito. Ad esempio, utilizzando le loro reti consolidate, gli importatori togolesi di pesce in Ghana combinano spedizioni per riempire camion merci alla rinfusa. Questo «trasporto alla rinfusa» presenta diversi vantaggi: consente agli importatori di negoziare tariffe ridotte di trasporto e le formalità dei posti d'ispezione frontalieri sono semplificate dalle ispezioni alla rinfusa delle partite di pesce, accelerando così la consegna dei prodotti ittici. Per affrontare la questione dell'accesso al credito formale, sono stati istituiti istituti di microfinanza per sostenere le piccole organizzazioni di pesca fornendo prestiti che sono di responsabilità collettiva delle parti della rispettiva organizzazione. Ciò consente ai commercianti e ai trasformatori di accedere al credito che normalmente potrebbero avere difficoltà a ottenere, a causa della mancanza di garanzie reali o dell'inesperienza nelle procedure contabili o di credito burocratico. Il trasporto alla rinfusa e la microfinanza consentono ai commercianti di pesce di aumentare il volume di pesce importato, garantendo così un'abbondante offerta ittica alle comunità rurali a prezzi più bassi, svolgendo nel contempo un ruolo cruciale nel migliorare la sicurezza del reddito e dei mezzi di sussistenza e facilitare il commercio del pesce nei mercati nazionali e regionali.

Caso di studio 5: Il manuale di marketing diretto del pescatore è stato sviluppato dal SIEP dell'Alaska su richiesta del Dipartimento del Commercio dell'Alaska, in risposta ad un calo precipitoso dei prezzi del salmone nei primi anni '90, per fornire orientamenti ai pescatori che desiderano perseguire l'SDM come forma di diversificazione dei mezzi di sussistenza. Giunto alla sua quinta edizione, il manuale copre la pianificazione aziendale, l'e-commerce, l'imballaggio e la spedizione, la lavorazione personalizzata, il sistema di distribuzione dei frutti di mare e la movimentazione dei frutti di mare. Esso fornisce anche uno strumento per i pescatori per valutare le proprie capacità di perseguire l'SDM come strategia di diversificazione delle imprese. Il sito web «Market Your Catch» sviluppato da California SGEP si basa sul manuale e fornisce una risorsa basata sul web per gli interessati all'SDM. Sia il manuale che il sito web descrivono le sfide coinvolte e le caratteristiche e le competenze necessarie per avere successo con gli accordi SDM. Queste risorse in ultima analisi aiutano i piccoli pescatori a valutare le opzioni e a pianificare l'accesso a nuovi mercati a livello locale, regionale e/o nazionale.

Caso di studio 7: Nel 2013, come parte di una strategia per aumentare i proventi da esportazione, il ministero del governo malgascio responsabile per le risorse della pesca ha iniziato a concedere permessi per la raccolta e l'esportazione di granchi vivi. Questo riorientamento della pesca dalle esportazioni congelate alle esportazioni vive ha cercato di capitalizzare il loro valore più elevato: il prezzo medio in peso vivo per chilogrammo è 1,7 volte superiore a quello dei granchi congelati. In collaborazione con il progetto di granchio per ridurre la mortalità e le perdite post-raccolta di cui sopra (paragrafo 7.5), il Madagascar ha da allora capitalizzato l'esportazione di granchi vivi. I risultati dell'indagine mostrano che il prezzo medio nazionale è più che raddoppiato tra il 2012 e la fine del 2015. Per i pescatori di una regione, il reddito è aumentato del 26 per cento, nonostante il calo delle catture del 33 per cento nello stesso periodo. L'aumento dei prezzi di vendita è stato il motivo principale dell'aumento del reddito; anche la riduzione delle perdite post-raccolto ha contribuito, ma in misura minore.

Caso di studio 8: il governo delle Maldive ha svolto un ruolo chiave nella promozione internazionale della pesca del tonno con canna e lenze, garantendo al contempo ai cittadini nazionali la possibilità di partecipare ai benefici derivanti da questa catena del valore. Il governo è stato inoltre proattivo nell'adeguare la pesca alle condizioni del mercato globale. Promuovendo innovazioni di sostenibilità orientate al mercato, come il conseguimento della certificazione Marine Stewardship Council (MSC) e l'attuazione di sistemi di trasparenza per distinguere le esportazioni di tonno maldiviano come sostenibili — criteri sempre più importanti nei mercati di alto valore — il governo ha creato un consentire un ambiente in cui la flotta tonniera delle Maldive e i suoi cittadini sono in una posizione ideale per prosperare nel mercato mondiale dei prodotti ittici.

7.7 Gli Stati dovrebbero tenere in debita considerazione l'impatto del commercio internazionale del pesce e dei prodotti della pesca e dell'integrazione verticale sui piccoli pescatori locali, i lavoratori ittici e le loro comunità. Gli Stati dovrebbero garantire che la promozione del commercio internazionale del pesce e della produzione di esportazione non influiscano negativamente sul fabbisogno nutrizionale delle persone per le quali i pesci sono fondamentali per una dieta nutriente, la loro salute e il loro benessere e per le quali altre fonti di cibo comparabili non sono prontamente disponibili o accessibili. ***

Rafforzare il contributo della pesca su piccola scala alla sicurezza alimentare è un obiettivo chiave degli orientamenti sugli SSF, mentre gli approcci olistici e integrati sono riconosciuti nel principio guida 11. Il paragrafo 7.7 mette in guardia contro le ripercussioni negative sulla sicurezza alimentare e sulle esigenze nutrizionali delle persone che dipendono dal pesce nella loro dieta attraverso la promozione di scambi orientati all'esportazione. Gli studi di casi 7 e 8 esaminano esempi di pesca orientata all'esportazione che migliorano la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza.

Caso di studio 7: L'apertura della pesca del granchio di fango malgascio all'esportazione di granchi vivi ha suscitato il timore che la quantità di granchio disponibile per il consumo locale potesse diminuire. In effetti, è stato osservato il contrario, con un aumento dei consumi e delle vendite locali tra il 2012 e il 2017. I pescatori che vendono nel mercato del granchio congelato devono scegliere tra la vendita e il consumo delle loro catture, poiché la maggior parte dei granchi destinati a questo mercato sono accettati presso il punto vendita. Per contro, gli esportatori di granchi vivi rifiutano in media tra il 40 e il 45 per cento dei granchi loro forniti, perché i granchi sono deboli, feriti o altrimenti inadatti all'esportazione vivi. Una parte significativa di questi granchi scartati viene poi deviata nel mercato locale. Alcuni sono addirittura mangiati dai pescatori stessi: in una comunità intervistata, la quantità stimata di catture consumate dai pescatori è aumentata dal 5 per cento al 9 per cento. In questo modo, il riorientamento della pesca verso le esportazioni vive ha aumentato i guadagni (a causa dei prezzi più elevati del granchio vivo) e migliorato la sicurezza alimentare.

Caso di studio 8: I cittadini maldiviani dipendono dal tonno per l'alimentazione e l'alimentazione: consumano in media 94 kg di tonno da skipjack ogni anno, e questo consumo è in crescita. Riconoscendo tale richiesta, il governo delle Maldive ha messo in atto misure volte a garantire che il mercato interno continui a ricevere un approvvigionamento costante di prodotti a prezzi accessibili a base di tonno, salvaguardando così la sicurezza alimentare nazionale dagli impatti del commercio internazionale. Il governo ha incoraggiato lo sviluppo di una robusta industria di trasformazione nazionale, che comprende trasformatori su piccola scala che servono comunità isolane remote, garantendo che grandi volumi di tonno vengano sbarcati nelle Maldive. Inoltre, il governo ha assicurato che il settore fornisca occupazione lungo tutta la catena del valore della pesca del tonno con lenze a canna, fornendo così un reddito sostenuto per i suoi cittadini.

7.8 Stati, piccoli operatori della pesca e altri attori della catena del valore dovrebbero riconoscere che i benefici derivanti dal commercio internazionale dovrebbero essere equamente distribuiti. Gli Stati dovrebbero garantire l'esistenza di sistemi efficaci di gestione della pesca per prevenire lo sfruttamento eccessivo causato dalla domanda del mercato che può minacciare la sostenibilità delle risorse alieutiche, la sicurezza alimentare e la nutrizione. Tali sistemi di gestione della pesca dovrebbero includere pratiche, politiche e azioni responsabili dopo il raccolto per consentire ai piccoli pescatori e ad altri pescatori in modo equo lungo tutta la catena del valore. ***

Equità e uguaglianza sono il principio guida 5 degli orientamenti sugli SSF. Il paragrafo 7.8 chiede un'equa distribuzione dei benefici derivanti dal commercio internazionale e chiede di garantire sistemi efficaci di gestione della pesca per prevenire lo sfruttamento eccessivo provocato dalla domanda del mercato. Gli studi di casi 6, 8 e 9 presentano esempi di iniziative intese a rispondere a tali priorità.

Caso di studio 6: Il caso di Fair Trade USA dimostra come un'equa distribuzione dei benefici e misure volte a mitigare lo sfruttamento eccessivo possano integrare i sistemi di gestione della pesca. I prodotti Fair Trade Certified guadagnano un premio di prezzo, che assicura che i benefici del commercio internazionale siano equamente distribuiti — tra il 2014 e il 2019 i piccoli pescatori indonesiani partecipanti hanno guadagnato oltre un quarto di milione di dollari USA in premio del commercio equo e solidale, oltre al prezzo di sbarco. Con questi fondi, i pescatori sono in grado di identificare gli investimenti attraverso l'Associazione Fishers' Fair Trade, descritta sopra (paragrafo 7.4), per migliorare i loro mezzi di sussistenza e l'ambiente marino. I pescatori registrati devono adottare pratiche di pesca responsabili e lavorare per proteggere le risorse ittiche e la biodiversità. Ciò include la raccolta e il monitoraggio dei dati per fornire migliori informazioni sullo stato degli stock ittici. Per le attività di pesca che incontrano difficoltà di disponibilità e gestione dei dati, il programma contribuisce a sviluppare la capacità dei pescatori in modo che possano soddisfare nel tempo i criteri di gestione delle risorse. In particolare, sebbene la domanda di tonno con lenza a mano sia in aumento, esistono garanzie per garantire che il tonno non venga pescato eccessivamente dai pescatori registrati, ad esempio limitando l'attività di pesca tramite il «venerdì no fishing».

Caso di studio 8: Gli sforzi del governo delle Maldive per quanto riguarda la pesca del tonno con lo skipjack dimostrano come le politiche nazionali possano promuovere un'equa distribuzione dei benefici e garantire sistemi efficaci di gestione della pesca per prevenire lo sfruttamento eccessivo causato dalla domanda del mercato. La pesca del tonno con lenze a canna è una fonte fondamentale di reddito nel paese, sostenendo circa 30 000 mezzi di sussistenza, ovvero l'8 per cento della popolazione. Il governo delle Maldive ha intrapreso numerose iniziative per facilitare l'accesso preferenziale alle risorse del tonno con tonno da pesca e i benefici per i propri cittadini. Ad esempio, solo le tonniere nazionali una per una sono autorizzate a pescare nelle acque del paese, assicurando che i cittadini e l'industria nazionale siano i beneficiari delle sue risorse tonniere. Inoltre, fissando un premio di prezzo superiore al prezzo base di Bangkok per le esportazioni di tonno e un prezzo base minimo per le vendite nazionali di tonno, il governo delle Maldive ha consentito al settore della pesca di mantenere un reddito elevato e stabile. Per quanto riguarda lo sfruttamento eccessivo, il governo ha anche contribuito alla creazione di un quadro di gestione precauzionale per il tonno da pesca nell'Oceano Indiano.

Caso di studio 9: Progetti di miglioramento della pesca (FIP) mirano ad affrontare le pratiche di pesca insostenibili attraverso miglioramenti continui, graduali e temporali nell'ambito della pesca. I progetti sono partenariati multistakeholder che possono includere pescatori/produttori, ONG, responsabili della pesca, governi, ricercatori e altri membri della catena di approvvigionamento della pesca. I FIP facilitano l'accesso ai mercati internazionali. Le misure volte a migliorare la sostenibilità sono definite in un piano di lavoro concordato e i progressi sono monitorati per garantirne la continuità. I FIP sono stati criticati per non aver raggiunto risultati a lungo termine, aggravati da incidenti di «greenwashing» o di facilitazione dell'accesso al mercato, non riuscendo nel contempo a migliorare la sostenibilità della pesca e a non coinvolgere sufficientemente governi, pescatori e pescatori nella loro pianificazione e esecuzione. Tuttavia, i FIP in generale si sono dimostrati efficaci nel fornire una piattaforma per il dialogo e la direzione strategica che coinvolge varie parti interessate.

7.9 Gli Stati dovrebbero adottare politiche e procedure, comprese le valutazioni ambientali, sociali e di altro tipo, per garantire che gli impatti negativi del commercio internazionale sull'ambiente, la cultura della pesca su piccola scala, i mezzi di sussistenza e le esigenze speciali connesse alla sicurezza alimentare siano affrontati in modo equo. Le consultazioni con le parti interessate dovrebbero far parte di queste politiche e procedure. ***

La responsabilità sociale è il principio guida 12 degli orientamenti sugli SSF. Il paragrafo 7.9 suggerisce di adottare politiche e procedure, in consultazione con le parti interessate, per affrontare gli impatti negativi del commercio internazionale sulle piccole comunità di pescatori. Gli studi di casi 6 e 8 esaminano l'applicazione pratica della presente raccomandazione.

Caso di studio 6: sebbene Fair Trade USA sia un'iniziativa basata sul mercato che non definisce una politica, il suo Capture Fisheries Standard (CFS) mette in atto procedure volte a garantire che gli impatti negativi del commercio internazionale siano affrontati in modo equo. Il CFS stabilisce criteri di gestione delle risorse per raggiungere criteri di pesca sostenibili e responsabili e di responsabilità sociale per proteggere i diritti umani fondamentali dei lavoratori della pesca, compresi i salari, le condizioni di lavoro e l'accesso ai servizi. Il CFS sostiene inoltre i pescatori nello sviluppo delle competenze necessarie per negoziare efficacemente con gli attori della supply chain per quanto riguarda l'acquisto, la lavorazione e la commercializzazione dei loro prodotti. Infine, ma non meno importante, il CFS mira a migliorare la stabilità dei redditi dei pescatori garantendo un rapporto commerciale trasparente e stabile con gli acquirenti. Fair Trade USA e i suoi partner sono stati in grado di replicare i successi ottenuti in Indonesia in altre zone di pesca e paesi, in particolare in Messico, Maldive, Mozambico, Stati Uniti d'America e Isole Salomone.

Caso di studio 8: Per la pesca del tonno con lenze a canna nelle Maldive, una delle maggiori minacce è la perdita di accesso ai principali mercati internazionali non tenendo il passo con le mutevoli esigenze di sostenibilità per il tonno. A questo proposito, le Maldive si sono mantenute al passo con le maggiori esigenze di sostenibilità non solo attraverso le misure nazionali di gestione della pesca, ma anche attraverso la sua leadership in seno alla Commissione per il tonno dell'Oceano Indiano (IOTC) — e i suoi sforzi per ottenere e mantenere la certificazione MSC per la pesca del tonno con lo skipjack nel Oceano Indiano. Lo sviluppo del settore è stato fondamentale per aumentare l'equità della pesca, consentendo alle imprese delle Maldive di trarre maggiore valore dai prodotti esportati e di consentire ai pescatori di ricevere un prezzo più elevato per il pesce che sbarcano. A seguito degli sforzi del governo, la pesca del tonno con lenze a canna ha continuato a svolgere un ruolo economico importante nelle Maldive, sia in termini di entrate in valuta estera che di contributo ai redditi degli operatori del settore. I pescatori sono ben pagati rispetto ad altre professioni del paese, guadagnando il doppio del reddito mensile medio pro capite nazionale. Nel complesso, l'elevato reddito dei pescatori riflette il valore culturale attribuito alla pesca con lenze e canne, rendendola un settore sempre più attraente in cui lavorare.

7.10 Gli Stati membri dovrebbero consentire l'accesso a tutte le informazioni pertinenti sul mercato e sugli scambi per le parti interessate nella catena del valore della pesca su piccola scala. Le parti interessate della pesca su piccola scala devono essere in grado di accedere tempestivamente e accurate informazioni di mercato per aiutarle ad adeguarsi alle mutevoli condizioni di mercato. È inoltre necessario sviluppare la capacità in modo che tutte le parti interessate della pesca su piccola scala, in particolare le donne e i gruppi vulnerabili ed emarginati possano adattarsi alle opportunità offerte dalle tendenze del mercato globale e dalle situazioni locali, riducendo al minimo eventuali impatti negativi potenziali. ***

La trasparenza è il principio guida 8 degli orientamenti sugli SSF. Il paragrafo 7.10 rafforza questo principio fondamentale raccomandando che le informazioni sul mercato e sugli scambi siano messe a disposizione delle parti interessate nella catena del valore della pesca su piccola scala. Gli studi di casi 4 e 5 presentano esempi di sforzi volti a sviluppare la capacità e a consentire l'accesso alle pertinenti informazioni di mercato.

Caso di studio 4: I membri di FCWC FishNet sono stati coinvolti nell'organizzazione di Fisheries Learning Exchange (FLE) su temi quali i metodi di affumicatura, l'igiene, la lavorazione, il confezionamento e le tecniche di trading. Le FLE riuniscono rappresentanti di diverse comunità per condividere conoscenze e competenze nel settore della pesca, facilitando così la loro responsabilizzazione. Il libero e paritario flusso di informazioni tiene informati gli attori lungo la catena del valore e consente loro di trarre vantaggio dalle tendenze del mercato. È stato dimostrato che le FLE promuovono la cooperazione e la fiducia e forniscono una piattaforma comune per i partenariati commerciali e i collegamenti nelle catene del valore della pesca su piccola scala nella sottoregione FCWC.

Caso di studio 5: L'esperienza dei SIEP in materia di accordi SDM evidenzia gli sforzi per sviluppare capacità fornendo informazioni e risorse per consentire ai piccoli pescatori di partecipare ai movimenti alimentari locali e ad altre opportunità di marketing che si verificano su scale diverse. Oltre a sostenere gli studi di fattibilità del mercato, i SIEP forniscono informazioni per aiutare i pescatori a navigare in complessi requisiti di autorizzazione, manipolazione dei frutti di mare, sicurezza e commercio. Per garantire che siano fornite informazioni accurate per le varie opzioni che possono essere esplorate dai pescatori, i SIEP coinvolgono le agenzie di regolamentazione competenti nello sviluppo delle risorse. Sia in Alaska che in California, il personale di queste agenzie ha esaminato i materiali SDM, creato in collaborazione con pubblicazioni sui requisiti per l'SDM, ha lavorato ampiamente agli sforzi di gestione della qualità e ha partecipato a workshop SDM per rispondere alle domande dei pescatori. Le informazioni raccolte e fornite dai SIEP hanno aumentato la consapevolezza e la comprensione dei piccoli pescatori, delle comunità e del personale delle agenzie, consentendo loro di prendere decisioni informate sull'opportunità o meno di perseguire l'SDM.

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.