common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Le politiche nazionali possono essere analizzate solo per ogni singolo paese. Ci concentriamo quindi sulle politiche comunitarie pertinenti.

20.3.1 Panoramica delle politiche UE pertinenti

La politica comune della pesca (PCP) e la politica agricola comune (PAC) si applicano rispettivamente alle componenti dell'acquacoltura e dell'idroponica dell'acquaponica (Commissione europea 2012, Commissione europea 2013). Si applicano anche le politiche in materia di sicurezza alimentare, salute e benessere degli animali, salute delle piante e ambiente (rifiuti e acque).

20.3.1.1 Politica agricola comune

La politica di sviluppo rurale, definita anche secondo pilastro della PAC, si concentra sull'aumento della competitività e sulla promozione dell'innovazione (Ragonnaud 2017). Ogni Stato membro ha almeno un programma di sviluppo rurale. La maggior parte dei paesi ha fissato obiettivi per fornire formazione, ristrutturare e modernizzare le aziende agricole esistenti, creare nuove aziende agricole e ridurre le emissioni. Le misure contro l'uso eccessivo di fertilizzanti inorganici sono state introdotte nella PAC e nelle politiche ambientali e sono disciplinate dalla direttiva UE sui nitrati (direttiva 91/676/CEE 1991) e dalla direttiva quadro sulle acque (WFD).

20.3.1.2 Politica comune della pesca

La riforma della PCP e gli orientamenti strategici per lo sviluppo sostenibile dell'acquacoltura dell'UE sono stati elaborati dalla Commissione per assistere i paesi dell'UE e le parti interessate nelle sfide che il settore sta affrontando. L'accento è posto sull'agevolazione dell'attuazione della direttiva quadro sulle acque per quanto riguarda l'acquacoltura (Commissione europea 2013).

La PCP richiede lo sviluppo di un piano strategico nazionale pluriennale in ciascuno Stato membro con strategie per promuovere e sviluppare il settore dell'acquacoltura (Commissione europea 2016). Tenendo conto delle diverse storie e delle specie coltivate, ogni Stato membro può sostenere le proprie tecnologie di acquacoltura esistenti, ma anche svilupparne di nuove, come l'acquaponica. Tale strategia dovrebbe portare ad un aumento della produzione e a una riduzione della dipendenza dalle importazioni. Le principali azioni previste dagli Stati membri sono la semplificazione delle procedure amministrative, la pianificazione territoriale coordinata, il rafforzamento della competitività e la promozione della ricerca e dello sviluppo.

Nel quadro della PCP è stato istituito un Consiglio consultivo per l'acquacoltura (AAC). L'obiettivo principale dell'AAC è quello di fornire consulenza e raccomandazioni alle istituzioni europee e agli Stati membri sulle questioni relative allo sviluppo sostenibile del settore dell'acquacoltura (Sheil 2013).

L'obiettivo della PCP e della PAC è aumentare rispettivamente la competitività e la sostenibilità dell'acquacoltura e dell'agricoltura (Massot 2017). Uno degli obiettivi della PCP è sfruttare il vantaggio competitivo ottenendo standard qualitativi, sanitari e ambientali di produzione.

20.3.1.3 Politica della sicurezza alimentare dell'UE

L'obiettivo della politica di sicurezza alimentare dell'UE è garantire alimenti sicuri e nutrienti provenienti da animali e piante sani, sostenendo nel contempo l'industria alimentare (Commissione europea 2014). La politica integrata di sicurezza alimentare comprende anche il benessere degli animali e la salute delle piante. Nella strategia per il benessere degli animali esiste un'azione sul benessere dei pesci d'allevamento; tuttavia, non esistono norme specifiche (Commissione europea 2012).

20.3.1.4 Politiche ambientali

Gli impatti ambientali dell'acquacoltura sono regolamentati in base a una serie di requisiti giuridici dell'UE, tra cui la qualità delle acque, la biodiversità e l'inquinamento. Le politiche ambientali rilevanti per gli operatori acquaponici sono la strategia per la prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti (Commissione europea 2011) e il settimo Ambiente

Programma d'azione (PAA) nell'ambito della politica ambientale dell'UE (Unione europea 2014).

20.3.2 Come l'acquaponica può contribuire agli obiettivi delle politiche e delle strategie dell'UE

L'acquaponica può contribuire agli obiettivi di sviluppo menzionati in queste politiche, con i principali fattori che sono la riduzione dell'uso di acqua e dei rifiuti derivanti dalla produzione di pesce attraverso il riciclaggio dei nutrienti. L'acqua scaricata viene convertita in una risorsa e i rifiuti solidi possono essere aggiornati come fertilizzanti vegetali. Poiché l'acquaponica moderna si basa su sistemi di acquacoltura a ricircolo, queste operazioni sono relativamente indipendenti dalla loro ubicazione e possono contribuire alla produzione alimentare regionale e alle catene di valore anche nelle aree urbane. I sistemi di acquacoltura aperti hanno vincoli: uso delle risorse idriche, inquinamento, riduzione localizzata della biodiversità bentonica, dragaggio significativo dei corpi idrici, modifica fisica del suolo, cambiamenti nel flusso idrico e introduzione di specie esotiche (Unione europea 2016). Tuttavia, nei sistemi aquaponici è possibile attenuare la maggior parte dei vincoli. Rispetto ai sistemi idroponici, l'acquaponica riduce l'uso di fertilizzanti minerali, spesso estratti in modo insostenibile.

Una delle priorità degli orientamenti strategici in materia di acquacoltura è migliorare l'accesso allo spazio e all'acqua (Commissione europea 2013). La concorrenza tra le diverse parti interessate e spesso rigorose norme ambientali limitano l'ulteriore sviluppo di sistemi di acquacoltura aperti all'interno dell'UE. Tuttavia, i sistemi aquaponici possono essere posizionati quasi ovunque, compresi deserti e terreni degradati e isole sabbiose salate, poiché un circuito chiuso utilizza un minimo di acqua. Pertanto, può utilizzare spazi che non sono adatti ad altri sistemi di produzione alimentare, come tetti, siti industriali abbandonati e terreni generalmente non coltivabili o contaminati. Poiché l'acquaponica riutilizza il 90 -95% dell'acqua, si basa molto meno sulla disponibilità di acqua rispetto ad altri sistemi come l'acquacoltura aperta, l'idroponica e l'agricoltura di irrigazione.

Come nei sistemi di acquacoltura a ricircolo, un vantaggio dei sistemi acquaponici commerciali più grandi è la possibilità di ottenere un elevato livello di biosicurezza, in cui le condizioni ambientali possono essere pienamente controllate garantendo un ambiente sano per il pesce (Badiola et al. 2012), riducendo così al minimo il rischio di malattie e focolai di parassiti (Yanong ed Erlacher-Reid 2012). A causa del maggiore controllo sulla produzione, il rischio di perdite è inferiore (Yanong ed Erlacher-Reid 2012), che può fornire agli agricoltori acquaponici un vantaggio competitivo rispetto agli agricoltori tradizionali. D'altra parte, l'utilizzo di una fonte di azoto per coltivare due prodotti (Somerville et al. 2014) aumenta il rischio di investimento in quanto la produzione ittica e vegetale deve essere massimizzata per realizzare un profitto. Tuttavia, se questo viene fatto con successo, combinato con le percezioni positive nei mercati occidentali di prodotti più rispettosi dell'ambiente, è possibile ottenere ricavi elevati (Somerville et al. 2014).

Un obiettivo della strategia per la prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti (Commissione europea 2011) comprende l'introduzione di una riflessione sul ciclo di vita che tenga conto di una serie di impatti ambientali. Essa menziona che la prevenzione dei rifiuti è la priorità, seguita dal riutilizzo, dal riciclaggio, dal recupero e dall'ultimo smaltimento. Inoltre, uno dei settori prioritari del settimo PAA mira a trasformare l'UE in un'economia efficiente sotto il profilo delle risorse e a basse emissioni di carbonio, con particolare attenzione all'utilizzo dei rifiuti come risorsa (Unione europea 2014). I sistemi Aquaponics riducono al minimo la produzione di rifiuti (Goddek et al. 2015). L'acqua nei sistemi acquaponici viene ricircolata, quindi le acque reflue sono ridotte al minimo. Utilizzando l'acqua di processo del pesce per la nutrizione vegetale, i rifiuti organici provenienti dall'acquacoltura vengono riutilizzati nella componente idroponica del sistema acquaponico. I rifiuti solidi prodotti in un sistema acquaponico possono essere mineralizzati e restituiti al sistema o utilizzati come compost per l'agricoltura a base di suolo. Aquaponics promuove inoltre la produzione alimentare locale, riducendo al minimo i costi di trasporto. Infine, collocando le aziende acquaponiche in contesti urbani, può fornire valore ecologico nelle città e svolgere un ruolo nell'adattamento ai cambiamenti climatici.

20.3.3 Sostegno finanziario dell'UE

Il settimo programma quadro (nell'ambito del quadro finanziario pluriennale della Commissione europea) ha finanziato un paio di progetti relativi all'acquaponica. Il programma quadro dell'UE Orizzonte 2020 (sfida 2 «Sicurezza alimentare, agricoltura e silvicoltura sostenibili, ricerca marina e marittima e nelle acque interne e bioeconomia» e sfida 5 «Azione per il clima, ambiente, efficienza delle risorse e materie prime») fornisce finanziamenti a diverse iniziative acquaponica compresa l'azione COST (Cooperazione europea per la scienza e la tecnologia) FA1305 «The EU Aquaponics Hub: Realizzare sostenibile Integrated Fish and Vegetable Production for the EU» per promuovere l'innovazione e lo sviluppo di capacità da parte di una rete di ricercatori e società commerciali acquaponica.

Altre possibili possibilità di finanziamento per progetti di sviluppo acquaponico nell'ambito del quadro finanziario pluriennale della Commissione europea includono il partenariato europeo per l'innovazione Produttività agricola e sostenibilità (EIP-AGRI), un partenariato a lungo termine UE-Africa per la ricerca e l'innovazione in materia di prodotti alimentari e sicurezza nutrizionale e agricoltura sostenibile (LEAP-AGRI), il pilota del Consiglio europeo dell'innovazione Strumento per le piccole e medie imprese (strumento PMI), l'iniziativa ERANET MED _Partenariato per la ricerca e l'innovazione nella zona mediterranea (PRIMA) e il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca ( EMFF). Il FEAMP può sostenere gli istituti di ricerca, le università e le imprese; tuttavia, richiede tassi di cofinanziamento diversi.

20.3.4 Conclusioni sul panorama generale delle politiche dell'UE

Nessuna delle politiche e degli orientamenti dell'UE finora menziona esplicitamente l'acquaponica. Secondo la DG MARE, i regolamenti in materia di acquaponica devono essere risolti all'interno dei singoli Stati membri (Azione COST FA1305 2017), ad esempio, comportando azioni derivanti dai rispettivi piani strategici nazionali. Anche se non esiste un quadro comunitario esplicito per l'acquaponica, si tratta di un sistema agricolo innovativo che può contribuire a molte priorità fissate attraverso le politiche e le strategie dell'UE. Il sostegno dell'UE attraverso misure finanziarie contribuisce all'ulteriore sviluppo della tecnologia. Tuttavia, si tratta principalmente di progetti di ricerca, mentre il settore ha bisogno anche di assistenza per lo sviluppo commerciale attraverso il sostegno di progetti di prova. In effetti, finora esistono pochissimi sistemi acquaponici commerciali di successo che operano nell'Unione europea, per cui attualmente potrebbe non essere necessaria una politica acquaponica. Tuttavia, riconoscere e coprire in ultima analisi la tecnologia nelle politiche esistenti sarà vantaggioso per lo sviluppo del settore.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.