common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Il futuro della produzione acquaponica dipende dalla percezione pubblica e dall'accettazione sociale associata in importanti gruppi di stakeholder (Pakseresht et al. 2017). Oltre ai potenziali operatori di impianti acquaponici, operatori a livello di commercio all'ingrosso e al dettaglio, gastrodistributori e catering collettivo sono attori importanti nelle catene di approvvigionamento. Inoltre, i consumatori sono attori chiave in quanto portano il denaro nella catena di approvvigionamento alla sua fine. Anche se non hanno alcuna posta in gioco economica diretta nella produzione acquaponica, l'opinione pubblica e gli organi politici e amministrativi sono aspetti importanti da considerare. La necessità di coinvolgere i suddetti stakeholder si basa su studi come Vogt et al. (2016), che dimostrano che condizioni quadro adeguate costituiscono una base importante per la creazione di processi innovativi nelle catene del valore alimentare. Gli sviluppi tecnici senza coinvolgere le parti interessate corrono il rischio di non accettazione al termine della pipeline di ricerca e sviluppo. In generale, si basano su una comprensione completa di una filosofia di marketing con un approccio multi-stakeholder.

Per l'acquaponica, non c'è ancora conoscenza delle condizioni che promuovono la diffusione di questa tecnologia. Sebbene la tecnologia utilizzata negli impianti acquaponici per l'acquacoltura di acqua dolce in vasche sia utilizzata anche in acquacoltura, fino ad ora questa è sconosciuta a gran parte della società (Miličić et al. 2017). Per quanto riguarda il consumo di piante da acquaponica, c'è scetticismo riguardo al loro contatto con l'acqua dei pesci (Miličić et al. 2017). Studi preliminari basati su un piccolo campione per quanto riguarda l'accettazione dei prodotti acquaponici da parte di potenziali consumatori indicano che i requisiti per i prodotti provenienti da impianti acquaponici vanno ben al di là di quanto suggerito dal precedente comportamento di acquisto dei prodotti ittici (Schröter et al. 2017c). Sulla base dei risultati di Schröter et al. (2017a), sono disponibili i primi suggerimenti sull'effetto delle informazioni sul processo di accettazione. Tali informazioni devono essere ulteriormente esplorate mediante analisi percettive e di impatto di varie varianti di informazioni e di presentazione (ad esempio fatti testuali, immagini, contenuti parole-immagine) e convalida sulla base di campioni rappresentativi. Inoltre, la ricerca precedente si è concentrata sui cittadini in generale e sui potenziali consumatori. Mancano completamente gli studi sull'accettazione di altri importanti stakeholder, quali potenziali operatori di impianti, dettaglianti alimentari e ristorazione pubblica, nonché attori politici e normativi e il pubblico in generale.

Le prime analisi della risposta dei consumatori sull'acquaponica indicano che i consumatori hanno mostrato un atteggiamento positivo nei confronti dell'acquaponica, mentre le questioni relative alla sicurezza alimentare sono la principale preoccupazione dei consumatori in Canada (Savidov e Brooks 2004). I primi lavori preliminari sulla disponibilità a pagare per i prodotti ittici provenienti dall'acquaponica sono stati effettuati da Mergenthaler e Lorleberg (2016) in Germania e Schröter et al. (2017a, b) sulla base di campioni non rappresentativi in Germania. Una parte di questi studi mostra una disponibilità relativamente elevata a pagare i prodotti ittici provenienti dall'acquaponica. Tuttavia, questi risultati si basano su piccoli campioni e non possono essere generalizzati perché la disponibilità a pagare è stata compilata da un gruppo target specializzato (cfr. Mergenthaler e Lorleberg 2016) o in relazione alla visita di una serra per piante tropicali e subtropicali coltivate con acquaponica (Schröter et al. 2017a, b).

Secondo Tamin et al. (2015), i prodotti acquaponici sono prodotti verdi. Un prodotto è definito verde quando include miglioramenti significativi rispetto all'ambiente rispetto a un prodotto convenzionale in termini di processo di produzione, consumo e smaltimento (Peattie 1992). Sulla base della «teoria del comportamento pianificato (TPB)», l'accettazione da parte dei consumatori dei prodotti acquaponici come prodotti innovativi green è stata esaminata da Tamin et al. (2015) con questionari chiusi in Malesia. Da una serie di diversi fattori che influenzano il comportamento (vantaggio relativo, compatibilità, norma soggettiva, conoscenza percepita, autoefficacia e fiducia), due fattori sono stati identificati come aventi un impatto significativo: vantaggio relativo e conoscenza percepita. Il vantaggio relativo descrive quanto il comportamento d'acquisto sia influenzato da qualità di prodotto superiori rispetto ai prodotti convenzionali. I prodotti acquaponici sono stati percepiti freschi e sani, e questa percezione ha portato ad un vantaggio di acquisto. La conoscenza percepita si riferisce a quanto il cliente conosce il metodo di produzione. Più i clienti avevano familiarità con il metodo, più erano disposti ad acquistare prodotti acquaponici. Non c'era correlazione nella norma soggettiva della categoria, che si riferisce a quanto la decisione di acquisto sia influenzata dall'opinione di amici e familiari. È interessante notare che non vi era alcuna correlazione per il fattore di compatibilità. Questo fattore si riferisce alla misura in cui l'esperienza di acquisto del prodotto è compatibile con lo stile di vita del cliente. Sembra che il processo di commercializzazione del prodotto in Malesia non sia molto diverso per i prodotti acquaponici e per i prodotti convenzionali. Quindi, mentre è discutibile se i risultati di questo studio possano essere trasferiti in modo sicuro sui mercati europei, un messaggio di base è che l'educazione sul metodo di produzione e la comunicazione degli effetti benefici per quanto riguarda la freschezza degli alimenti e i benefici per l'ambiente sono importanti per la commercializzazione attività (Tamin et al. 2015).

Zugravu et al. (2016) ha intervistato l'acquisto di prodotti acquaponici in Romania. I clienti sono stati influenzati da amici e familiari. Questa dimensione, norma soggettiva, non ha mostrato alcuna correlazione nell'indagine malese. L'indagine rileva che i consumatori hanno una buona immagine generale dell'acquaponica. Pensano che i prodotti siano buoni per la loro salute e che siano freschi. Il documento descrive una discrepanza tra la percezione dei pesci provenienti dall'acquacoltura e dalle catture selvatiche e la percezione dell'acquacoltura. I dettaglianti ritengono che il pesce d'allevamento possa avere un'immagine negativa, ma in realtà l'acquacoltura stessa non ha un'immagine pronunciata. La mancanza di ciò è percepita dai rivenditori come un rischio di marketing, ma è descritto nel documento come dare il potenziale di branding positivo attraverso una comunicazione mirata. Come raccomandazione, il documento conclude che i dettaglianti dovrebbero basarsi sulla fiducia che i consumatori hanno dimostrato al momento dell'acquisto di questi prodotti ittici e dovrebbero etichettare il pesce d'acquacoltura come «sano e fresco» (Zugravu et al. 2016).

È interessante notare che sia Tamin che Zugravu hanno avuto un numero significativo di rendimento del questionario più elevato da parte delle donne (Tamin et al. 2015; Zugravu et al. 2016). Ciò solleva la questione delle differenze di genere nel marketing acquaponico. Sebbene gli studi quantitativi includano il genere come variabile indipendente nelle loro analisi, non sono stati ancora individuati schemi sistematici e coerenti. Ciò richiede una maggiore ricerca che affronti esplicitamente gli aspetti di genere.

Secondo Echternacht dell'ECF in Germania, il cui principale modello di business consiste nell'istituire sistemi acquaponici, il marketing è la componente che di solito è più sottovalutata dai loro potenziali clienti. ECF Farmsystems si basa su questa esperienza e analizza i potenziali clienti in base ai loro obiettivi di marketing e distribuzione. Se hanno un'attività esistente con produzione effettiva e canali di marketing stabiliti, allora il cliente è molto interessante. I clienti idealisti che pensano che i prodotti stanno per commercializzare da soli sono trattati con cautela.

A seconda del gruppo target previsto, diverse scale di unità di produzione potrebbero essere favorevoli. Mentre alcuni segmenti di consumo preferiscono una produzione su piccola scala probabilmente legata a brevi distanze di trasporto e alla produzione locale, ci potrebbero essere altri segmenti di consumo più interessati all'efficienza delle risorse e alla produzione a basso costo che possono essere realizzati in unità di produzione su larga scala legate ai rifiuti fonti di energia e calore di scarto. I risultati di Rostock mostrano (Palm et al. 2018) che i sistemi su piccola scala con tecnologia semplice possono avere senso. I sistemi di medie dimensioni richiedono tutte le spese di manutenzione e di esercizio dei sistemi su larga scala, ma non hanno il vantaggio e la produzione di sistemi su larga scala. Le conclusioni della loro esperienza dimostrano che si dovrebbe andare in piccolo e raggiungere prezzi elevati nei mercati locali o andare a sistemi su larga scala con il rispettivo sfruttamento delle economie di scala che consenta riduzioni dei prezzi. Bioaqua dal Regno Unito è una delle rare aziende acquaponiche europee che hanno deciso di seguire il percorso della produzione su piccola scala con sistemi più semplici ed economici e di fornire il valore aggiunto attraverso la ristorazione e la ricerca di prodotti di nicchia per la distribuzione diretta ai ristoranti.

Potrebbero esserci altri segmenti di consumatori che presentano preferenze elevate per il benessere dei pesci che devono quindi essere presi di mira con pesci provenienti da unità di produzione conformi a questi ideali. Come dimostrano Miličić et al. (2017), i consumatori possono esprimere avversione inaspettata, come i vegani che esprimono atteggiamenti molto negativi nei confronti dell'acquaponica. Come sottolineato in letteratura, alcune sfaccettature dell'acquaponica possono suscitare un elevato coinvolgimento emotivo, come l'estetica del sistema acquaponico (Pollard et al. 2017), il livello di meccanizzazione (Specht et al. 2016), la produzione agricola senza suolo (Specht und Sanyé-Mengual 2017), il benessere del pesce (Korn et al. 2014), preoccupazioni sui rischi per la salute dovuti al sistema di ricircolo dell'acqua (Specht und Sanyé-Mengual 2017), o sulle emozioni negative al limite del disgusto, perché gli escrementi di pesce sono usati come fertilizzante per le verdure (Miličić et al. 2017). In questo contesto, la percezione e la valutazione dell'acquaponica e dei suoi prodotti possono basarsi su processi inconsci piuttosto che su un'attenta considerazione di argomenti logici.

Per alcuni segmenti di consumo, le piante acquaponica sono innovative e interessanti, mentre per altri il legame tra pesce e produzione vegetale potrebbe non essere accettabile. Ciò è dimostrato anche dall'ECF di Berlino: ECF ha deciso di modificare la propria strategia iniziale di produzione e commercializzazione. All'inizio, hanno cercato di produrre una vasta gamma di colture e di commerciarle direttamente sul posto. Tuttavia, secondo Christian Echternacht (Interview Feb 2018) lo sforzo di marketing è semplicemente troppo grande. Dalla loro esperienza, i clienti non vogliono visitare troppe località con solo pochi prodotti in ogni località. Pertanto, ECF ha deciso di produrre una sola coltura, il basilico, che viene commercializzata attraverso una catena di supermercati. La loro esperienza e le revisioni più complete della letteratura mostrano che, a seconda del grado di soddisfare le aspettative dei clienti, è possibile raggiungere diversi livelli di disponibilità a pagare e quindi i prezzi di mercato raggiungibili sono altamente specifici per il contesto.

Allo stesso modo, la società slovena Ponika ha tentato per la prima volta di distribuire direttamente le proprie erbe fresche ai ristoranti di Lubiana. Ma, come per i singoli clienti, anche i ristoranti erano contrari all'ordinazione diretta, anche se il prezzo era inferiore. Per i gestori del ristorante, il tempo e lo sforzo necessari per ordinare i singoli prodotti era un prezzo troppo alto da pagare, e non erano disposti a ordinare direttamente. Hanno preferito rimanere all'interno dei propri gastro-distributori, per cui potevano fare il loro acquisto complessivo in un solo ordine.

Le esperienze di ECF di Berlino e Ponika dalla Slovenia sopra descritte sono in linea con le esperienze precedenti nella commercializzazione di prodotti alimentari biologici. La vendita di questi prodotti localmente attraverso la distribuzione diretta sarà possibile solo per una piccola parte dei prodotti. Anche se molti consumatori vogliono acquistare prodotti locali e/o biologici, spesso vogliono fare i loro acquisti nel modo più conveniente possibile. Ciò significa che lo shopping deve essere efficiente al fine di adattarsi al loro programma giornaliero. Come dimostrato da Hjelmar (2011) per i prodotti biologici, la disponibilità di questi prodotti alimentari è importante per i consumatori perché la maggior parte dei consumatori è pragmatica. Non vogliono andare in diversi negozi per ottenere ciò che vogliono. Vogliono acquistare i loro prodotti comodamente in un supermercato vicino e se il supermercato non ha una vasta selezione di prodotti biologici, molti consumatori finiscono per acquistare prodotti convenzionali (Chryssohoidis e Krystallis 2005). Esperienze simili possono essere descritte per i consumatori che acquistano prodotti regionali in Germania (Schuetz et al. 2018). Lo stesso vale presumibilmente per i prodotti coltivati in acquaponica. Se questi prodotti non saranno disponibili nei supermercati, l'acquaponica rimarrà probabilmente la produzione di nicchia.

Gli acquirenti di alimenti biologici costituiscono uno speciale potenziale gruppo target di acquaponica. La produzione interna di ortaggi potrebbe richiedere meno o nessuna applicazione di pesticidi, ma la coltivazione senza suolo delle piante non è un'opzione nella legislazione odierna sull'agricoltura biologica (cfr. cap. 19 di questo libro). Pertanto, l'acquaponica nel suo senso più stretto non fornirà le caratteristiche necessarie per poter beneficiare della certificazione come produzione biologica e non sarebbe ammessa alcuna etichetta biologica sui prodotti acquaponici. Pertanto, o i responsabili delle politiche devono essere esercitati pressioni per indurre cambiamenti nella legislazione organica, o gli acquirenti biologici devono essere istruiti in questa questione piuttosto complicata. Questo aspetto è importante anche in considerazione del fatto che i prodotti biologici classificati generalmente raggiungono prezzi di mercato più elevati rispetto ai prodotti convenzionali, e tale certificazione renderebbe i sistemi acquaponici più efficienti dal punto di vista economico. Se i prodotti coltivati con acquaponica possono essere venduti agli stessi prezzi dei prodotti biologici, a determinate condizioni, il periodo di recupero dei sistemi acquaponici può essere ridotto di meno della metà (Quagrainie et al. 2018).

Oltre al marketing dei prodotti, i servizi che circondano la produzione acquaponica possono generare flussi di reddito aggiuntivi. L'alto livello di innovatività dell'acquaponica genera alti livelli di interesse, che possono essere sfruttati in diverse offerte di servizi, tra cui visite acquaponiche a pagamento, workshop e servizi di consulenza intorno alla creazione di nuovi sistemi acquaponici. Ci sono diversi esempi di strutture acquaponiche che si avventurano in questa direzione:

  • ECF fornisce consulenza aziendale per la creazione di nuovi sistemi acquaponici.

  • UrbanFarmers, Den L'Aia, ha offerto visite a pagamento alla struttura e un luogo per eventi. (Nota: il progetto è ora cessato).

Oltre ad adeguare i sistemi di produzione alle aspettative dei clienti in un concetto di marketing completo, anche le strategie di comunicazione giocano un ruolo importante. Finora, la conoscenza dell'acquaponica nella società è debole (Miličić et al. 2017; Pollard et al. 2017). Al momento dell'acquisizione di informazioni, diverse varianti di informazioni e di rappresentazione delle informazioni influenzeranno in modo significativo la percezione pubblica di questa tecnologia innovativa. Per soddisfare le richieste di informazioni degli stakeholder, è possibile utilizzare diversi canali di comunicazione e diversi materiali informativi.

Sono necessarie strategie di diversificazione che includono workshop, guide per i visitatori e altri servizi. Ci sono opportunità per idee di business nuove e alternative. Esempi di approcci innovativi di comunicazione da parte di alcuni operatori commerciali acquaponica mostrano le sfide specifiche associate all'acquaponica:

  1. ECF, Berlino: Scelta della varietà rossa di tilapia. Branding come «Rosébarsch» all'inizio delle vendite. Ispirato al branding di un cliente in un ristorante, ECF ha rinnovato il marchio «Hauptstadtbarsch» (Persico della capitale) nel frattempo (Interview Echternacht 2018). In tal modo il marchio regionale è messo in primo piano della comunicazione piuttosto che la qualità intrinseca del prodotto orientata al colore della carne di pesce.

  2. Aqua4C, Belgio: Hanno introdotto il pesce persico di giada dell'Oceania nel mercato europeo. Aqua4C ha sviluppato un marchio come «Omega Baars» adottando così un nuovo approccio alimentare. Essi commercializzano implicitamente le specie ittiche regionali sconosciute come sane, evitando con attenzione di formulare indicazioni sulla salute.

  3. Ponika, Slovenia: La commercializzazione dei prodotti dell'acquaponica è stata difficile. La situazione era complicata in quanto la fattoria acquaponica si trovava lontano dal mercato, che era troppo lontano per una visita rapida e anche nessun'altra attrazione era nelle vicinanze. Essi hanno concluso che, senza la possibilità di visite, sarebbe difficile garantire all'azienda ulteriori fonti di reddito o commercializzare direttamente ai consumatori. Nel loro approccio di marketing, hanno quindi rivolto dapprima i gastrodistributori con particolare attenzione alla qualità e alla produzione locale a un prezzo competitivo. Essi non hanno osato prendere di mira i singoli consumatori attraverso le catene di supermercati a causa di un sistema troppo piccolo e la conseguente incapacità di garantire una produzione stabile, abbastanza grande volumi di produzione. Così vendevano erbe appena tagliate direttamente ai gastro-distributori, per cui il prezzo e la produzione locale hanno avuto il ruolo più importante. La loro esperienza ha dimostrato che i gastro-distributori apprezzano la storia di una produzione alimentare innovativa e amavano aiutare i giovani nella loro start-up. Quindi sono stati di sostegno nel senso che hanno adottato il loro processo di acquisto prendendo i prodotti quando era disponibile e ordinando da venditori stranieri quando non lo era. In generale, tuttavia, non erano molto interessati al carattere di sostenibilità dell'acquaponica — in altre parole, a loro non importava come fossero prodotte le erbe appena tagliate, ma piuttosto che fossero prodotte localmente e avevano un packaging accattivante (1 kg e 1/2 kg) dove il carattere locale della produzione era enfatizzato. Così, nella loro esperienza con i rivenditori, una storia aziendale di giovani innovatori ha funzionato al meglio. Inoltre, i clienti a livello retail non hanno gradito il collegamento con l'idroponica in quanto mescolavano acquaponica e idroponica. In Slovenia, i clienti diffidano nei confronti dell'idroponica e l'azienda Ponika doveva affrontare la sfida di cambiare la percezione del consumatore dall'idroponica, che ha un'immagine negativa come «innaturale», in acquaponica e creare un'immagine positiva dell'acquaponica. Inoltre, la selezione di erbe fresche tagliate per i singoli consumatori si è rivelata problematica, dal momento che i benefici per la salute non erano abbastanza importanti nelle erbe appena tagliate, in quanto le persone semplicemente non mangiano così gran parte di quelli di cui preoccuparsi abbastanza, ad esempio, la produzione priva di pesticidi.

  4. NerBreen, Spagna: NerBreen si concentra maggiormente sull'elemento acquacolturale della loro attività, poiché il 70% del loro modello di business rappresenta le entrate derivanti dalla vendita del pesce. Eppure forniscono un'ampia commercializzazione sia del pesce che delle verdure. In entrambi i casi, essi cercano di indirizzare i singoli consumatori attraverso le catene di vendita al dettaglio, preferibilmente i rivenditori che si rivolgono ai consumatori che sono disposti a pagare il prezzo premio per una qualità locale superiore, puntando a prezzi più alti di circa il 20% rispetto alla media. Affrontano sfide nella commercializzazione di verdure e tilapia. Con le verdure si sono concentrati sull'aglio fresco e i pomodorini perché potrebbero raggiungere prezzi più elevati a causa della minore concorrenza in queste zone. I loro sforzi di marketing includono imballaggi ben progettati con foglietti illustrativi, in cui spiegano i vantaggi dell'acquaponica in termini di sostenibilità. Qui, si concentrano sia sulla garanzia di qualità premium che sull'aggiunta di una storia aggiuntiva al loro marchio. Quando vendono tilapia, affrontano una sfida più grande. I consumatori spagnoli hanno attualmente una percezione negativa di «Tilapia», in quanto lo confondono con il pangasio che è considerato un pesce a basso costo e di bassa qualità, oppure pensano che sia importato dall'acquacoltura intensiva dell'Estremo Oriente e, allo stesso modo, dovrebbe essere di qualità inferiore. Nell'ambito dei loro sforzi di marketing, NerBreen aveva quindi bisogno di cambiare questa immagine negativa e si sta concentrando sulla fornitura di informazioni sul fatto che questa _Tilapia è prodotta localmente, per cui sia la qualità dell'acqua che la qualità dei mangimi per pesci sono di massima considerazione, il che si traduce in un prodotto ittico di alta qualità.

  5. Urban Farmers, Paesi Bassi: nel tentativo di generare flussi di reddito aggiuntivi, hanno stabilito visite di impianti di produzione acquaponica. Tuttavia, è attualmente discutibile se l'attività dei visitatori è economicamente sostenibile. Le domande sorgono se il flusso di visitatori diminuirà quando l'hype intorno acquaponica si deposita o quando «tutti» l'hanno già visto. Oltre ai visitatori, altri flussi di reddito sono già sfruttati: Rooftop Farms offrono laboratori di giardinaggio. (_Va notato che gli agricoltori urbani dell'Aia hanno cessato di commerciare).

I media di stampa e i social media sono adatti per l'educazione pubblica, oltre a workshop tematici, visite guidate alle aziende agricole e degustazioni di prodotti acquaponici (Miličić et al. 2017). Tuttavia, la fornitura di informazioni avrà successo solo se soddisfa le esigenze di informazione del pubblico di destinazione. Le parti interessate, come rappresentanti dei governi nazionali, diverse associazioni (ad esempio associazioni di agricoltura biologica), operatori di piante o produttori di piante, sono probabilmente più interessate a informazioni fattuali esaurienti. Per quanto riguarda l'informazione dei cittadini e dei consumatori, concentrarsi sull'emozione e sull'intrattenimento potrebbe essere più attraente. Per quanto riguarda questo target di riferimento, le immagini combinate con messaggi di testo concisi sono particolarmente adatte per il trasferimento di informazioni. Per queste parti interessate al di là della percezione consapevole delle informazioni e dell'elaborazione delle informazioni, anche gli effetti inconsci giocano un ruolo importante. Diversi fotogrammi, che significano formati di presentazione differenti delle stesse informazioni, possono influenzare il comportamento del destinatario in modi diversi (Levin et al. 1998). Per una migliore comprensione dei processi inconsci che possono influenzare il comportamento degli stakeholder, i metodi di ricerca neuroeconomica associati ai metodi tradizionali di ricerca di mercato sono strumenti utili. Il tracciamento degli occhi consente di rispondere in modo oggettivo alle domande relative alla percezione visiva. In combinazione con altri metodi empirici di ricerca di comunicazione, in particolare indagini qualitative e quantitative, è possibile condurre complesse analisi di percezione e impatto. Come dimostra uno studio pilota di Schröter e Mergenthaler (2018a, b), gli atteggiamenti nei confronti dei diversi sistemi acquaponici sono legati al comportamento dello sguardo dei partecipanti allo studio mentre visualizzano materiale informativo sull'acquaponica.

Ciò sottolinea l'importanza di una progettazione attenta e orientata al gruppo di riferimento del materiale informativo sull'acquaponica. Le possibili soluzioni sono che sia la pianificazione della produzione deve soddisfare e aggiungere le fonti di reddito aggiuntive o il marketing diretto coltivando una grande varietà di colture diverse, complicando così ulteriormente il processo produttivo. Eppure, come dimostra l'ECF in Germania, hanno iniziato con una varietà di verdure, ma hanno deciso di concentrarsi solo sul basilico e di venderlo attraverso una grande catena di vendita al dettaglio. Un'altra possibilità è quella di costruire alleanze strategiche con altri produttori regionali al fine di realizzare strategie innovative di marketing e distribuzione. In generale, tuttavia, possiamo concludere che l'aspetto commerciale dell'acquaponica commerciale è una delle sfide più importanti e in cui le aziende acquaponica europee hanno dovuto subire una serie di cambiamenti nel tentativo di cercare di trovare il giusto mercato dei prodotti. Resta tuttavia da vedere se sia stata riscontrata questa tendenza al mercato dei prodotti e quanto rimarrà stabile.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.