common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

La ricerca precoce sull'acquaponica commerciale si è concentrata sulla valutazione e sullo sviluppo di casi specifici, principalmente guidati da istituti di ricerca. Questi primi risultati sono stati molto positivi e ottimisti sul futuro dell'acquaponica commerciale. Bailey et al. (1997) ha concluso che, almeno nel caso delle Isole Vergini, le aziende acquaponiche possono essere redditizie. Savidov e Brooks (2004) hanno riferito che i rendimenti di cetrioli e pomodori calcolati su base annua superavano i valori medi per la produzione di serra commerciale basata sulla tecnologia idroponica convenzionale in Alberta. Adler et al. (2000) ha effettuato un'analisi economica di uno scenario atteso di 20 anni per la produzione di lattuga e trota iridea e ha sostenuto che l'integrazione dei sistemi di produzione ittica e vegetale produce risparmi sui costi economici rispetto a entrambi i sistemi. Hanno concluso che un investimento di circa\ $300.000 avrebbe un periodo di recupero di 7,5 anni.

I modelli di ottimizzazione dinamica basati su tecnologia sono comunemente utilizzati per rappresentare le relazioni di ingegneria di produzione nei sistemi acquaponica (Karimanzira et al. 2016; Körner et al. 2017). È evidente che finora non vengono prese in considerazione scale diverse, e studi precedenti come Tokunaga et al. (2015) e Bosma et al. (2017) sono limitati all'acquaponica su piccola scala per la produzione locale di cibo o sono eseguiti su dati provenienti da strutture di ricerca, come l'Università delle Isole Vergini sistemi acquaponici (Bailey e Ferrarezi 2017). Inoltre, come sottolinea Engle (2015), la letteratura sull'economia dell'acquaponica è scarsa, con gran parte della letteratura iniziale basata principalmente sull'aquaponica modello. Senza dati realistici sulle aziende agricole, tali proiezioni sono spesso eccessivamente ottimistiche perché mancano di dettagli sulle spese oltre a quelle ovvie di filatura, mangimi e servizi pubblici e non comprendono i rischi quotidiani connessi all'agricoltura. In questa ricerca sull'economia dell'acquaponica, le funzioni di produzione sono riprodotte solo parzialmente e le questioni di ottimizzazione basata sui processi affrontate solo in una certa misura. Leyer e Hüttel (2017) hanno dimostrato il potenziale per la contabilità degli investimenti nell'ambito di un'analisi iniziale per acquisire vari parametri di un impianto acquaponico. Inoltre, Engle (2015) sottolinea le difficoltà di stimare i costi annuali per operare nelle aziende acquaponiche, poiché molti di questi sistemi sono piuttosto nuovi. Sottolinea inoltre che la modellazione si basa su situazioni ipotetiche e che sono necessari dati agricoli più realistici, in cui le spese impreviste sono sostenute quotidianamente, «da schermi che si intasano, pompe che falliscono o tempeste che causano danni».

Man mano che l'acquaponica ha iniziato a crescere sia come attività fai-da-te (Love et al. 2014) che come industria (Love et al. 2015), è emersa una ricerca su casi di studio di aziende agricole commerciali reali. Specifici casi di produzione acquaponica sono stati effettuati su tentativi commerciali, ad esempio a Porto Rico (Bunyaviroch 2013) e Hawaii (Tokunaga et al. 2015), compreso anche il caso studio di una piccola impresa sociale acquaponica (Laidlaw 2013) (cfr. cap. 24).

Con il continuo aumento del numero di coltivatori di acquaponica, sono emerse le prime analisi approfondite dello stato dell'arte del settore, incentrate principalmente sugli Stati Uniti. Questi studi hanno mostrato un quadro meno ottimistico dell'industria emergente. Love et al. (2015) ha condotto un sondaggio internazionale tra 257 partecipanti, che negli ultimi 12 mesi hanno venduto prodotti e servizi correlati all'acquaponica o non alimentari. Solo il 37% di questi partecipanti poteva essere designato come produttori esclusivamente commerciali che hanno guadagnato il loro reddito vendendo solo pesce o piante. Il trentasei per cento degli intervistati ha combinato le vendite di prodotti con materiali o servizi connessi all'acquaponica: vendita di forniture e attrezzature, spese di consulenza per la progettazione o la costruzione di strutture acquaponiche e tasse associate a laboratori, lezioni, parlanti in pubblico o agroturismo. Infine, circa un terzo (27%) erano organizzazioni che vendevano solo materiali o servizi connessi all'acquaponica e non producevano prodotti. Il sito di produzione acquaponica medio di 143 produttori statunitensi era di 0,01 ettari. Confrontando questo aspetto con la produzione idroponica complessiva in Florida (29,8 ettari), Love et al. (2015) ha concluso che le dimensioni dei produttori di acquaponica sono significativamente inferiori alla produzione idroponica ed è in larga misura ancora più un'attività hobby rispetto alle imprese commerciali di successo. In termini di volume d'acqua, le aziende acquaponiche hanno riferito dimensioni comparabili come le tipiche aziende di acquacoltura RAS negli Stati Uniti. Tuttavia, quasi un quarto degli intervistati (24%) non ha raccolto alcun pesce negli ultimi 12 mesi, e la dimensione complessiva stimata della produzione ittica è stata di 86t di pesce, che è inferiore all'1% dell'industria agricola della Tilapia negli Stati Uniti.

Secondo lo stesso studio, l'acquaponica era la principale fonte di reddito per solo il 30% degli intervistati, e solo il 31% degli intervistati ha riferito che la loro attività era redditizia negli ultimi 12 mesi. Ad esempio, il rispondente mediano ha ricevuto solo da\ $1000 a\ $4999 negli ultimi 12 mesi e solo il 10% degli intervistati ha ricevuto più di\ $50.000 negli ultimi 12 mesi. Questo ha portato Love et al. (2015) a concludere che le fattorie acquaponiche erano fattorie su piccola scala, che è paragonabile all'agricoltura in generale, dal momento che le aziende con ricavi lordi inferiori a\ $50.000 costituivano circa il 75% di tutte le aziende agricole negli Stati Uniti e le aziende con meno di\ $50.000 solitamente vendute solo circa\ $7800 in vendite locali di prodotti alimentari — rendendo quindi necessario combinare il reddito agricolo con altre fonti di reddito. Non sorprende quindi che l'acquaponica, come l'agricoltura su piccola scala, si basi fortemente sul lavoro volontario. In genere, c'erano un gran numero di lavoratori non retribuiti, familiari e volontari che lavoravano su queste piccole unità, con una media di sei lavoratori non retribuiti per struttura.

Analogamente, Engle (2015) affronta il censimento del 2012 in cui sono state segnalate 71 aziende acquaponiche negli Stati Uniti, che rappresentavano il 2% di tutte le aziende di acquacoltura. Di questi, solo l'11% aveva vendite di $50.000 o più, rispetto al 60% delle operazioni di acquacoltura basate su stagni che avevano vendite di $50.000 o più. Inoltre, Engle (2015) sottolinea le difficoltà di ottenere dati da queste aziende, ad esempio per stimare i costi annuali di funzionamento nelle aziende acquaponiche, poiché molti di questi sistemi sono piuttosto nuovi.

In sintesi, dal punto di vista economico, vi è una lacuna di ricerca in quanto non sono disponibili registrazioni e analisi che includano dichiarazioni su sistemi economicamente validi. Sono necessarie ulteriori ricerche che tengano conto (a) delle curve di possibilità di produzione (normative), (b) dell'analisi combinata di pesci e piante, compreso il feedback tra entrambi, (c) dell'efficienza economica in combinazione con l'ottimizzazione dei processi aziendali e del feedback (ottimizzazione simultanea processo di produzione e di efficienza economica) e d) la considerazione di diverse scale (efficienza di scala) sullo sfondo della sostenibilità ambientale di questo sistema agricolo. Inoltre, non esistono dati completi e affidabili che combinino fattori chiave come volumi di produzione, diritti di fattore e strutture di costo, scaling e strategie di vendita derivanti da investimenti reali esistenti. Ulteriori analisi della redditività dovrebbero prendere in considerazione aspetti temporali e rischi, formulando nel contempo parametri normativi che a loro volta possono servire da base per le decisioni di investimento.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.