common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Le pressioni socio-biofisiche of e su il nostro sistema alimentare convergono nell'Anthropocene verso quello che diventa visto come un compito senza precedenti per la comunità globale, che richiede «nient'altro che una rivoluzione alimentare planetaria» (Rockström et al. 2017). L'Anthropocene richiede innovazioni di produzione alimentare che superino i paradigmi tradizionali, pur sapendo riconoscere la complessità derivante dalle problematiche legate alla sostenibilità e alla sicurezza alimentare che caratterizzano i nostri tempi. Aquaponics è un'innovazione tecnologica che promette di contribuire molto a questi imperativi. Ma questo settore emergente si trova in una fase iniziale caratterizzata da risorse limitate, incertezza del mercato, resistenza istituzionale e alti rischi di fallimento: un ambiente di innovazione in cui l'hype prevale sui risultati dimostrati. La comunità di ricerca acquaponica occupa potenzialmente un posto importante nel percorso di sviluppo di questa tecnologia. Come comunità di ricerca acquaponica, dobbiamo creare visioni vitali per il futuro.

Proponiamo una visione di questo tipo quando chiediamo un programma di ricerca «per la sostenibilità». La nostra visione segue Rockström et al. s (2017) che il cambiamento di paradigma richiede che l'etica della ricerca si allontani dai tradizionali viali produttivisti, in modo che la sostenibilità diventi il luogo centrale del processo di innovazione. Questo compito è enorme perché la natura multidimensionale e legata al contesto delle questioni legate alla sostenibilità e alla sicurezza alimentare è tale che non possono essere risolte esclusivamente con mezzi tecnici. Le dimensioni etiche e di valore della sostenibilità richiedono un impegno per affrontare le complessità, l'incertezza, l'ignoranza e la contestazione che ne derivano. Tutto ciò pone grandi esigenze alla conoscenza che produciamo; non solo come la distribuiamo e lo scambiamo, ma anche alla sua stessa natura.

Proponiamo che il settore acquaponico debba perseguire una «conoscenza critica della sostenibilità». Quando König et al. (2018) chiedono quali impostazioni di sperimentazione sulla sostenibilità sarebbero necessarie per consentire a scienza, imprese, politiche e consumatori di «rispondere alle domande sulla sostenibilità senza ripetere il percorso di sviluppo di [RAS o idroponica]», il punto è chiaro: dobbiamo imparare dai fallimenti del passato . L'attuale clima neoliberale apre costantemente la discussione sulla «sostenibilità» fino alla (mis) appropriazione, poiché «l'agroindustria mobilita le proprie risorse nel tentativo di dominare il discorso e di rendere il suo significato di «agricoltura alternativa» il significato universale» (Kloppenburg 1991). Dobbiamo costruire una conoscenza critica di sostenibilità che sia saggio ai limiti delle vie tecnocratiche verso la sostenibilità, sensibile al potenziale politico delle nostre tecnologie e alle forme strutturali di resistenza che ne limitano lo sviluppo.

Una conoscenza critica della sostenibilità costruisce la consapevolezza dei limiti dei propri percorsi di conoscenza e si apre a quegli altri flussi di conoscenza che spesso vengono messi da parte nel tentativo di espandere la comprensione scientifica e la capacità tecnologica. Si tratta di un appello all'interdisciplinarietà e alla profondità che essa porta, ma va oltre. I risultati della sostenibilità e della sicurezza alimentare hanno scarso impatto se possono essere generati solo in laboratorio. La ricerca deve essere contestualizzata: occorre «produrre e integrare le conoscenze scientifiche nei sistemi di innovazione locali» (51) (Caron et al. 2014). Costruire legami coproduttivi con le comunità acquaponiche già esistenti nella società significa forgiare strutture sociali e istituzionali che consentano alle nostre comunità di apprendere e adattarsi continuamente a nuove conoscenze, valori, tecnologie e cambiamenti ambientali. Insieme, dobbiamo deliberare sulle visioni e sui valori delle nostre comunità ed esplorare i potenziali percorsi sociotecnici che potrebbero realizzare tali visioni. Al centro di questo, abbiamo bisogno di sistemi che organizzino e testino le affermazioni di sostenibilità e sicurezza alimentare che derivano da questa tecnologia (Pearson et al. 2010; Nugent 1999), in modo che una maggiore trasparenza e legittimazione possa essere portata in tutto il campo: imprenditori, imprese, ricercatori e attivisti .

Se tutto questo sembra un ordine alto, è perché lo è. L'Antropocene chiede un enorme ripensamento del modo in cui viene organizzata la società, e il nostro sistema alimentare è al centro di questo. C'è una possibilità, crediamo, che l'acquaponica abbia un ruolo da svolgere in questo. Ma se le nostre speranze non sono di perdersi nella bolla pubblicitaria di chiacchiere di sostenibilità vuote che segna i nostri tempi neoliberali, dobbiamo dimostrare che l'acquaponica offre qualcosa di diverso. Come ultima osservazione, rivisitiamo il punto di de la Bellacasa (2015) che: «l'intensificazione dell'agricoltura non è solo un orientamento quantitativo (aumento dei rendimenti), ma comporta un «modo di vivere»». Se questo è il caso, il perseguimento di un'intensificazione sostenibile richiede di trovare un nuovo modo di vivere. Abbiamo bisogno di soluzioni di sostenibilità che riconoscano questo fatto e di comunità di ricerca che rispondano ad esso.

  1. Ad esempio, si consideri la seguente dichiarazione rilasciata dalla Monsanto: «Gli usi principali delle colture geneticamente modificate sono quelli di renderle tolleranti agli insetticidi e agli erbicidi. Non aumentano intrinsecamente la resa. Proteggono la resa». Citato in E. Ritch, 'Monsanto Strikes Back at Germany, UCS', CleanTech.com (17 aprile 2009). Accesso al 18 luglio 2009.

  2. Particolarmente importanti sono gli effetti del cambiamento climatico, così come il fenomeno «superweed» di parassiti sempre più resistenti che diminuiscono significativamente le rese.

  3. Il discorso productivista ignora invariabilmente di Amartya Sen (1981, 154; Roberts 2008, 263; WFP 2009, 17) punto classico che il volume e la disponibilità di cibo da solo non è una spiegazione sufficiente per la persistenza della fame nel mondo. È ben noto che esiste abbastanza cibo per nutrirsi in eccesso rispetto all'attuale popolazione mondiale (OCSE 2009, 21)

  4. Sebbene i calcoli siano complessi e contestati, una stima comune è che l'agricoltura industriale richiede una media di 10 calorie di combustibili fossili per produrre una singola caloria di cibo (Manning 2004), che potrebbe salire a 40 calorie nella carne bovina (Pimentel 1997).

  5. Le esternalità del nostro attuale sistema alimentare sono spesso ignorate o fortemente sovvenzionate. Moore (2015:187) descrive la situazione come 'una sorta di «servizi ecosistemici» in senso inverso: 'Oggi, un miliardo di sterline di pesticidi ed erbicidi vengono utilizzati ogni anno nell'agricoltura americana. Gli impatti sulla salute riconosciuti a lungo sono stati ampiamente studiati. Sebbene la traduzione di tali «esternalità» nel registro dell'accumulazione sia imprecisa, la loro portata è impressionante, per un totale di quasi 17 miliardi di dollari in costi non pagati per l'agricoltura americana all'inizio del XXI secolo». Sulle esternalità cfr.: Tegtmeier e Duffy (2004).


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.