Appena lanciatoAquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
BlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

1.4 Tipi di sistema

3 months ago

2 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Esistono due tipi principali di sistemi AP, accoppiati e disaccoppiati. L'approccio accoppiato è ampiamente utilizzato e si basa sull'alimentazione del sistema conosciute quantità/valori in ingresso di nutrienti. Il sostegno alla crescita delle piante e al consumo di batteri (nel biofiltro) proviene tipicamente da alimenti per pesci commerciali e deve essere tenuto conto dei requisiti di input del sistema. Questi rapporti sono utilizzati per garantire che i prodotti di scarto tossici degli effluenti di pesce non si accumulino (a causa di un biofiltro insufficiente), non si verifichino nitrati in eccesso (da piante non sufficienti) e non si sviluppino carenze di nitrati (da un eccesso di piante). I rapporti operativi consigliati per i sistemi aquaponici saranno trattati nella sezione Struttura e Progettazione.

Data l'ampia gamma di condizioni di crescita tra pesci, piante e batteri, i sistemi accoppiati non funzionano ai valori ottimali né per pesci né piante. L'ambiente nutritivo ideale per i pesci sarebbe di solito inadeguato dal punto di vista nutrizionale per la maggior parte delle piante, e un livello di nutrienti ideale per le piante sarebbe tossico per la maggior parte dei pesci. Per questo motivo vengono esplorati sistemi disaccoppiati, anche se il loro utilizzo non è diffuso. In un sistema acquaponico disaccoppiato, i componenti RAS e idroponici sono uniti ma operano come sistemi separati che possono essere controllati in modo indipendente (Goddek et al. 2016, Pantanella 2013). In genere, l'acqua che alimenta il sistema idroponico non rientra nelle vasche di coltura ittica dopo essere stata filtrata dalle piante. Invece, l'acqua persa attraverso la traspirazione e l'evaporazione nell'unità idroponica viene sostituita con l'acqua del RAS, che a sua volta viene sostituita con acqua nuova (Kloas et al. 2015). Questa configurazione offre un maggiore controllo sul singolo sistema e consente ad ognuno di essere azionato nel proprio raggio d'azione ottimale. Anche il trattamento delle malattie e le carenze di nutrienti (o tossicità) sono più facilmente gestibili. I sistemi disaccoppiati non sono così studiati come i sistemi accoppiati e richiedono ai produttori di disporre di un livello più elevato di competenze in materia di idroponica, gestione dei nutrienti vegetali e progettazione dei sistemi di acquacoltura.

  • Fonte: Janelle Hager, Leigh Ann Bright, Josh Dusci, James Tidwell. 2021. Università statale del Kentucky. Manuale di produzione acquaponica: un manuale pratico per i coltivatori. *

Kentucky State University

https://www.kysu.edu/academics/college-acs/school-of-aas/index.php

Rimani aggiornato sulle ultime novità Aquaponic Tech

Azienda

  • Il nostro Team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma di referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.