common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

Fonti di acqua acquaponica

2 years ago

6 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

In media, un sistema acquaponico utilizza 1-3 per cento del volume totale di acqua al giorno, a seconda del tipo di piante coltivate e della posizione. L'acqua viene utilizzata dalle piante attraverso l'evapotraspirazione naturale e viene trattenuta all'interno dei tessuti vegetali. L'acqua aggiuntiva viene persa dall'evaporazione diretta e dagli spruzzi. Come tale, l'unità dovrà essere reintegrata periodicamente. La fonte d'acqua utilizzata avrà un impatto sulla chimica dell'acqua dell'unità. Di seguito è riportata una descrizione di alcune fonti d'acqua comuni e della composizione chimica comune di tale acqua. Le nuove fonti d'acqua devono essere sempre testate per rilevare pH, durezza, salinità, cloro e per eventuali sostanze inquinanti, al fine di garantire che l'acqua sia sicura da usare.

Qui è importante considerare un ulteriore parametro di qualità dell'acqua: salinità. La salinità indica la concentrazione di sali nell'acqua, che includono sale da cucina (cloruro di sodio - NaCl), così come nutrienti vegetali, che sono in realtà sali. I livelli di salinità avranno un grande impatto nel decidere quale acqua usare perché l'alta salinità può influire negativamente sulla produzione vegetale, soprattutto se è di origine cloruro di sodio, poiché il sodio è tossico per le piante. La salinità dell'acqua può essere misurata con un misuratore di conducibilità elettrica (EC), un misuratore di solidi disciolti totali (TDS), un rifrattometro o un idrometro o gli operatori possono fare riferimento ai rapporti governativi locali sulla qualità dell'acqua. La salinità è misurata come conducibilità, o quanta elettricità passerà attraverso l'acqua, come unità di microSiemens per centimetro (µS/cm), o in TDS come parti per mille (ppt) o parti per milione (ppm o mg/litro). Per riferimento, l'acqua di mare ha una conduttività di 50 000 µS/ cm e TDS di 35 ppt (35 000 ppm). Anche se l'impatto della salinità sulla crescita delle piante varia notevolmente da una pianta all'altra (punto 9.4.2, appendice 1), si raccomanda di utilizzare fonti di acqua a bassa salinità. La salinità, generalmente, è troppo alta se l'acqua di approvvigionamento ha una conducibilità superiore a 1 500 µS/cm o una concentrazione di TDS superiore a 800 ppm. Sebbene i contatori EC e TDS siano comunemente usati per l'idroponica per misurare la quantità totale di sali nutritivi nell'acqua, questi contatori non forniscono una lettura precisa dei livelli di nitrati, che possono essere meglio monitorati con kit di test di azoto.

Acqua piovana

L'acqua piovana raccolta è un'eccellente fonte di acqua per l'acquaponica. L'acqua di solito avrà un pH neutro e concentrazioni molto basse di entrambi i tipi di durezza (KH e GH) e quasi zero salinità, che è ottimale per ricostituire il sistema ed evitare accumuli di salinità a lungo termine. Tuttavia, in alcune zone colpite da piogge acide, come registrato in diverse località dell'Europa orientale, degli Stati Uniti orientali e delle aree del sud-est asiatico, l'acqua piovana avrà un pH acido. In generale, è buona norma tamponare l'acqua piovana e aumentare il KH come indicato al punto 3.5.2. Inoltre, la raccolta dell'acqua piovana ridurrà i costi generali di gestione dell'unità ed è più sostenibile.

Acqua della cisterna o della falda acquifera

La qualità dell'acqua prelevata da pozzi o cisterne dipenderà in gran parte dal materiale della cisterna e dalla roccia della falda acquifera. Se la roccia è calcarea, allora l'acqua avrà probabilmente concentrazioni piuttosto elevate di durezza, che possono avere un impatto sul pH dell'acqua. La durezza dell'acqua non è un problema importante in acquaponica, perché l'alcalinità è naturalmente consumata dall'acido nitrico prodotto dai batteri nitrificanti. Tuttavia, se i livelli di durezza sono molto elevati e la nitrificazione è minima a causa della piccola biomassa ittica, allora l'acqua può rimanere leggermente basica (pH 7-8) e resistere alla naturale tendenza dei sistemi aquaponici a diventare acida attraverso il ciclo di nitrificazione e la respirazione dei pesci. In questo caso, potrebbe essere necessario utilizzare piccolissime quantità di acido per ridurre l'alcalinità prima di aggiungere l'acqua al sistema per evitare oscillazioni di pH all'interno del sistema. Le falde acquifere sulle isole coralline spesso hanno intrusioni di acqua salata nella lente d'acqua dolce e possono avere livelli di salinità troppo elevati per l'acquaponica, quindi è necessario monitorare e la raccolta dell'acqua piovana o la filtrazione ad osmosi inversa possono essere opzioni migliori.

Rubinetto o acqua comunale

L'acqua proveniente dalle forniture comunali viene spesso trattata con sostanze chimiche diverse per rimuovere gli agenti patogeni. Le sostanze chimiche più comuni utilizzate per il trattamento delle acque sono il cloro e le clorammine. Queste sostanze chimiche sono tossiche per pesci, piante e batteri; queste sostanze chimiche sono utilizzate per uccidere i batteri nell'acqua e come tali sono dannose per la salute dell'ecosistema acquaponico generale. Sono disponibili kit per il test del cloro e, se vengono rilevati livelli elevati di cloro, l'acqua deve essere trattata prima di essere utilizzata. Il metodo più semplice è conservare l'acqua prima dell'uso, consentendo così a tutto il cloro di disperdersi nell'atmosfera. Questo può richiedere fino a 48 ore, ma può verificarsi più velocemente se l'acqua è pesantemente aerata con pietre d'aria. Le clorammine sono più stabili e non scaricano il gas così facilmente. Se il comune utilizza clorammine, può essere necessario utilizzare tecniche di trattamento chimico come la filtrazione del carbone o altre sostanze chimiche di declorazione. Anche così, lo scarico di gas è di solito sufficiente nelle unità su piccola scala che utilizzano acqua comunale. Una buona linea guida è quella di non sostituire mai più del 10% dell'acqua senza prima testare e rimuovere il cloro. Inoltre, la qualità dell'acqua dipenderà dalla roccia in cui l'acqua iniziale viene ottenuta. Controllare sempre nuove fonti di acqua per rilevare livelli di durezza e pH, e utilizzare acido se necessario e necessario per mantenere il pH entro i livelli ottimali sopra indicati.

Acqua filtrata

A seconda del tipo di filtrazione (ad es. osmosi inversa o filtraggio a carbone), l'acqua filtrata avrà la maggior parte dei metalli e degli ioni rimossi, rendendo l'acqua molto sicura da usare e relativamente facile da manipolare. Tuttavia, come l'acqua piovana, l'acqua deionizzata da osmosi inversa avrà bassi livelli di durezza e dovrebbe essere tamponata.

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2014, Christopher Somerville, Moti Cohen, Edoardo Pantanella, Austin Stankus e Alessandro Lovatelli, piccola produzione alimentare acquaponica, http://www.fao.org/3/a-i4021e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.