Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Caroline Pomeroy * California Sea Grant, Scripps Institution of Oceanography, University of California, San Diego Institute of Marine Sciences, University of California, Santa Cruz*

*Riso Soleggiato *Programma di consulenza marina Alaska Sea Grant *College of Fisheries and Ocean Sciences, University of Alaska Fairbanks

Carolynn Culver * California Sea Grant, Scripps Institution of Oceanography, University of California, San Diego* * Marine Science Institute, Università della California, Santa Barbara*

** Victoria Baker** Programma di consulenza marina Alaska Sea Grant *College of Fisheries and Ocean Sciences, University of Alaska Fairbanks

Il marketing diretto dei frutti di mare (SDM) consente ai pescatori di vendere le loro catture direttamente ai consumatori o tramite un numero inferiore di intermediari rispetto alla catena di approvvigionamento dominante. Negli Stati Uniti d'America, i pescatori sono attratti dagli accordi SDM come mezzo per adeguarsi alle sfide normative, operative, ambientali, sociali ed economiche. Tuttavia, l'SDM non è sempre fattibile o adatto per individui, pescatori o comunità. Riconoscendo questo, i consulenti universitari affiliati a Sea Grant Extension Programs (SGEP) hanno sviluppato una buona pratica per aiutare i pescatori e le comunità su piccola scala nella valutazione e nell'utilizzo dell'SDM nel loro particolare contesto. Guidata dal modello SIEP, la pratica utilizza un approccio basato sulla scienza fondato sui principi di non advocacy, fiducia, collaborazione e comunicazione efficace. Questo caso di studio descrive lo sviluppo e l'applicazione della buona prassi da parte dei consulenti SGEP negli Stati americani dell'Alaska e della California per aiutare i pescatori e altri a prendere decisioni ben informate sull'SDM. Per implementare questa pratica raccomandano: riconoscere e lavorare con i membri della comunità di pesca come esperti e coeducatori (partner); collaborare per identificare e affrontare le esigenze condividendo e creando informazioni; astenersi dal sostenere; riconoscere che l'SDM non è una strategia «tutto o niente»; sviluppare materiali di sensibilizzazione contestualmente fondati e utilizzare più metodi di diffusione delle informazioni e canali di diffusione. L'uso delle buone pratiche coerenti con queste raccomandazioni può contribuire all'ulteriore attuazione degli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà.

*Parole chiave: * Marketing dei frutti di mare, pesca in California, pesca in Alaska, produzione di frutti di mare, ricerca collaborativa, non-advocacy, estensione, Sea Grant, comunità di pescatori, sensibilizzazione.

Il marketing diretto dei frutti di mare (SDM) è definito come «vendita di un prodotto [frutti di mare] a un utente in un punto della catena di distribuzione [oltre] il processore principale» (Johnson, 2007). Denominata anche «commercializzazione alternativa dei frutti di mare», per rispecchiare più accuratamente la gamma di opzioni, coinvolge i pescatori 1 che vendono le loro catture al consumatore finale o lavorano tramite un numero inferiore di intermediari rispetto alla catena di approvvigionamento dominante. Culver et al. (2015) hanno evidenziato otto tipi di accordi SDM, che variano in termini di competenze aziendali, tempo e risorse richieste, tipi di prodotti che possono essere facilmente venduti e altri fattori (appendice 1, figura 5.1). Gli accordi SDM possono fornire sbocchi per attività di pesca a basso volume e valore (prezzo per libbra), riducendo la vulnerabilità alla variabilità e all'incertezza dei prezzi che spesso caratterizzano catene di fornitura lunghe, in particolare quelle legate ai mercati globali. L'SDM può anche migliorare le connessioni tra pescatori e consumatori, fornendo ai pescatori un sostegno sociale, economico e politico per sostenere le loro attività, e alle comunità e ai consumatori un accesso più diretto a prodotti alimentari locali nutrienti.

SDM non è una novità per la pesca della costa occidentale degli Stati Uniti d'America. Le vendite off-the-boat, i mercati contadini/pescatori locali e le vendite dirette ai ristoranti sono stati a lungo utilizzati da una piccola percentuale di pescatori per vendere le loro catture. Tuttavia, poiché i pescatori hanno dovuto affrontare sfide per mantenere imprese economicamente e socialmente redditizie, l'interesse per l'SDM come opzione per rivendicare un maggior valore totale delle loro catture e, in alcuni casi, per migliorare il loro legame con i consumatori e le comunità è cresciuto.

Per più di 25 anni, i programmi di estensione dei sussidi marittimi (SGEP) (riquadro 5.1) negli Stati Uniti d'America hanno assistito i piccoli produttori di pesce e le comunità di pescatori nell'individuazione, valutazione e utilizzo di strategie di marketing alternative appropriate per il loro particolare contesto 2 Il SIEG è una strategia che costruisce la comprensione delle esigenze locali e facilita l'esplorazione collaborativa delle opzioni per affrontare tali esigenze attraverso la ricerca, l'istruzione e la sensibilizzazione. Sviluppa inoltre partnership per raggiungere obiettivi condivisi. I membri della Comunità possono richiedere assistenza o i consulenti SIEG possono identificare le esigenze attraverso conversazioni con loro. I consulenti SIEG spesso forniscono assistenza gratuita ai pescatori e ad altri, ma possono perseguire ulteriori finanziamenti (ad esempio sovvenzioni) per coprire i costi e/o fornire stipendi ai collaboratori (compresi i pescatori).

CASELLA 5.1

**Programma National Sea Grant College

Il National Sea Grant College Program (NSGCP) è un programma federale non regolamentare nell'ambito della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti d'America. Si tratta di una rete di 34 programmi basati presso college e università degli Stati e territori costieri americani. Ogni programma Sea Grant prevede un programma di estensione con consulenti locali (noti anche come agenti o specialisti). Questi consulenti sono tipicamente formati universitari, con esperienza in settori specifici come scienze biologiche o sociali, economia o marketing. I consulenti si impegnano in progetti di ricerca applicata, istruzione e sensibilizzazione per promuovere la missione di NSGCP di migliorare l'uso pratico e la conservazione delle risorse costiere e marine a sostegno di un'economia e di un ambiente sostenibili. Il loro lavoro comporta la collaborazione con le comunità per aiutare a identificare e soddisfare le esigenze di informazione. I SIEP sono parzialmente finanziati dal governo federale, con un sostegno corrispondente fornito dal governo statale e da enti non governativi.

! image-20210521191727294

I principi chiave del modello SIEP sono la non-advocacy, la fiducia, la comunicazione efficace e un approccio basato sulla scienza (Dewees, Sortais e Leet, 2004). Coerentemente con i principi delle Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà (linee guida sugli SSF), il modello SIEG promuove l'inclusione di individui e gruppi diversi, la partecipazione significativa e rispettosa e la considerazione di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Diversi SIEP hanno utilizzato questo modello per fornire assistenza SDM ai pescatori (vale a dire la buona prassi dell'SDM), incoraggiando e facilitando un'attenta considerazione delle opzioni commerciali basate sulle circostanze uniche dei pescatori, della loro comunità e dei consumatori.

Questo caso di studio descrive l'applicazione del modello SGEP per fornire assistenza SDM negli Stati americani dell'Alaska e della California. Dopo una breve panoramica della pesca commerciale dei due Stati (figura 5.2), descriviamo come il modello è stato utilizzato per affrontare le sfide che i pescatori e le comunità di pescatori devono affrontare in ogni contesto come una buona pratica. Successivamente, evidenziamo i risultati e gli impatti e i passi futuri per costruire i risultati raggiunti fino ad oggi. Discutiamo poi le implicazioni per i piccoli pescatori, le comunità e le politiche negli Stati Uniti d'America e altrove. Concludiamo con raccomandazioni per l'applicazione di questa buona prassi in altri contesti, coerenti con il capitolo 7 degli orientamenti sull'FSS.

! image-20210521191800861

I pescatori sono stati attratti dall'SDM come alternativa o complemento di accordi a lungo termine per la catena di approvvigionamento dei frutti di mare, nel tentativo di adeguarsi alle varie sfide. Negli anni '90 e nei primi anni 2000, cambiamenti complessi nei sistemi normativi americani, nei mercati globali e nelle condizioni socioeconomiche e ambientali hanno portato a cambiamenti fondamentali nella pesca americana, ponendo sfide e opportunità per le comunità di pescatori. In alcuni casi, l'aumento della concorrenza dei prodotti d'allevamento e dei frutti di mare pescati in natura provenienti da altri paesi ha determinato una stagnazione o una diminuzione dei prezzi franco nave, mentre i costi operativi hanno continuato ad aumentare (Sumaila et al., 2007; Pomeroy, Thomson and Stevens, 2010; Henry, Rhodes and Eades, 2008). In altri casi, nel tentativo di garantire la sostenibilità delle risorse, le autorità statali e federali di gestione della pesca hanno attuato misure volte a limitare o ridurre l'accesso, la capacità e lo sforzo della pesca. Ciò ha comportato una riduzione della produzione nazionale di molte specie e una maggiore dipendenza dai frutti di mare importati, creando sfide di marketing per i partecipanti alla pesca (Ahmed e Anderson, 1994).

L'Alaska e la California sostengono una grande varietà di pesca commerciale. Le specie comunemente catturate nei due stati includono salmone, aringa, pesce di fondo, ippoglosso, gamberetti e granchi, con i pescatori in Alaska che prendono di mira anche merluzzo bianco, capesante e vongole, e pescatori in California che prendono di mira aragoste, calamari e albacore. I tipi di attrezzi sono analogamente diversi: rete da imbrocco, da immersione, da deriva e a rete da imbrocco, ciancioli, reti da traino, palangari, troll, jig e dragaggio (specifico per l'Alaska). Ogni Stato ha una serie di operazioni di pesca commerciale. Le più piccole includono le operazioni di pesca con lenze da una sola persona, come i trollers a mano di salmone da 18 piedi (5,5 m) in Alaska e 4 m (12 piedi) in California. 3 Le operazioni di pesca più grandi includono pescherecci da traino, pescherecci con palangari e pescherecci con reti a circuizione delle specie pelagiche costiere (la maggior parte inferiore a 80 piedi [25 m] [25 m], con tre-sei equipaggio ); l'Alaska dispone anche di pescherecci da traino di grandi dimensioni, di proprietà dell'azienda (ad esempio 104 m), con un massimo di 140 membri dell'equipaggio).

La pesca commerciale è importante per entrambi gli Stati. La pesca commerciale e la lavorazione dei frutti di mare sono una parte importante dell'economia e del patrimonio culturale dell'Alaska. Insieme rappresentano la più grande fonte di occupazione non governativa nello stato, fornendo 70 000 posti di lavoro stagionali e tutto l'anno (Alaska Sea Grant College Program, 2018). In California, la pesca commerciale e la produzione di pesce hanno contribuito a lungo all'economia e al patrimonio culturale dello Stato e di molte comunità costiere (Pomeroy, Thomson e Stevens, 2010). Tuttavia, le comunità di pesca e le operazioni di trasformazione dei due Stati si differenziano in vari modi. Ad esempio, meno del 10% delle 240 comunità costiere dell'Alaska lungo 40.000 miglia di costa sono collegate da strada; la maggior parte sono accessibili solo in barca o in aereo (Alaska Sea Grant College Program, 2018). Al contrario, le comunità di pescatori costiere della California, pur variando per popolazione e distanza dai principali centri di trasporto e popolazione, hanno accesso a strade secondarie, se non autostrade. I due Stati si differenziano anche per quanto riguarda la natura e la fornitura di infrastrutture, beni e servizi sul litorale. Ad esempio, mentre il ghiaccio è disponibile pubblicamente nella maggior parte dei porti della California, in Alaska è generalmente fornito solo dai trasformatori di pesce. Inoltre, mentre i frutti di mare sbarcati in comunità remote in Alaska in genere richiedono l'elaborazione prima di essere trasportati verso mercati extrastatali, molte attività di pesca in California, con infrastrutture vicine e acquirenti, supportano i mercati ittici locali.

Alcune donne pescano anche, anche se più comunemente sono coinvolte nel sostegno litorale: fornitura di operazioni di pesca, contabilità, partecipazione a processi aziendali e di gestione della pesca e, soprattutto nel caso dell'SDM, gestione delle catture «dal molo al piatto». Molti pescatori su piccola scala provengono da famiglie con una storia multigenerazionale di lavoro nella pesca e nella produzione di frutti di mare. Molti, specialmente in Alaska e nella California settentrionale, vivono e lavorano in comunità costiere che sono sostanzialmente impegnate e dipendono dalla pesca (Norman et al., 2007; Pomeroy, Thomson e Stevens, 2010). In altri casi, soprattutto nella California centrale e meridionale, i piccoli pescatori si trovano in comunità urbane più ampie e diversificate come San Francisco e Los Angeles. Qui svolgono un ruolo minore rispetto all'insieme urbano, ma rimangono importanti per il sistema della pesca e per i luoghi particolari in cui vivono e lavorano.

Questo caso di studio presenta una revisione e una sintesi degli sforzi di ricerca SDM, istruzione e sensibilizzazione dei SGEP dell'Alaska e della California a partire dalla metà degli anni '90. Le fonti di informazione includono letteratura grigia e peer-reviewed; materiali sviluppati dai due SGEP; relazioni periodiche sull'impatto e sui risultati; osservazione; interviste e altre comunicazioni con i pescatori, quelli della più grande catena del valore dei prodotti ittici, i gestori portuali, il personale delle agenzie e l'estensione della sovvenzione marittima colleghi in tutti gli Stati Uniti d'America.

La definizione di pesca su piccola scala varia a seconda del contesto (FAO, 2015). Per questo caso di studio, definiamo la pesca su piccola scala come quelle che coinvolgono principalmente navi di piccole dimensioni gestite dai proprietari (meno di 18 metri in Alaska, meno di 11 metri in California), gestite esclusivamente da un capitano o da un capitano e da un piccolo equipaggio (4 o meno membri dell'equipaggio in Alaska, 2 o meno in California), con legami sociali ed economici con particolari comunità costiere. Mentre la maggior parte dei pescatori in entrambi gli stati vendono le loro catture ai «primi ricevitori» tradizionali e agli acquirenti a lunga catena di fornitura, altri vendono parte o tutte le loro catture direttamente a ristoranti, rivenditori e/o consumatori. A seconda della specie, delle esigenze e delle preferenze del cliente, e della logistica, i prodotti ittici risultanti possono essere venduti vivi, freschi, congelati o in varie forme lavorate.

I consulenti SIEG forniscono ai pescatori e alle comunità informazioni pratiche sulle opzioni SDM e sulle opportunità associate, sulle sfide e su altre considerazioni chiave. Se i pescatori decidono di perseguire l'SDM, i consulenti forniscono loro anche orientamenti normativi, logistici e di marketing. I consulenti SIEG utilizzano una varietà di metodi di diffusione: consultazioni individuali, conversazioni informali, workshop, presentazioni pubbliche, studi di fattibilità, pubblicazioni stampate e online e siti web dedicati. Infine, perfezionano e adattano questi sforzi e materiali in un processo iterativo basato sul feedback degli utenti. In particolare, i consulenti del SIEG non sostengono l'SDM, ma considerano altrettanto importante dissuadere coloro che non sono adatti all'SDM per aiutare coloro che hanno la capacità e il desiderio di perseguirlo. Gli esempi seguenti illustrano in che modo i SIEP in Alaska e California hanno applicato il modello SGEP per soddisfare le esigenze locali associate all'SDM.

A metà degli anni '90, le forze del mercato globale — soprattutto la concorrenza dovuta al rapido aumento della produzione mondiale di salmone d'allevamento e al consolidamento dell'industria americana di trasformazione del pesce — hanno spinto i pescatori commerciali dell'Alaska a cercare modi per guadagnare più entrate dalle loro catture. Alcuni hanno cercato di catturare di più il valore finale del loro prodotto per se stessi diventando marketing diretto di frutti di mare. Questa scelta è complessa e non senza costi aggiuntivi (Figura 5.3). Nell'ambito del loro rapporto d'affari con i pescatori, molti trasformatori di pesce in Alaska offrono servizi come prestiti per navi e attrezzi, libero accesso al deposito di ghiaccio e attrezzi, pagamenti di bonus una volta venduto il «pacchetto» o, in alcuni casi, azioni nel settore della lavorazione dei frutti di mare stesso. In alcune attività di pesca, i trasformatori offrono bonus di qualità prezzo per libbra ai pescatori che utilizzano sistemi di acqua di mare refrigerata. Nelle zone più remote, i trasformatori forniscono anche servizi di gara, in base ai quali le navi convenzionate trasportano le catture dalle zone di pesca offshore o remote agli impianti di trasformazione terrestri.

Data la piccola popolazione dell'Alaska, le grandi dimensioni e la grande distanza dai principali centri di mercato, la maggior parte dei frutti di mare deve essere lavorata e/o congelata per il trasporto ai clienti. Come tali, i commercianti diretti di pesce devono affrontare molte delle stesse sfide che i processori più grandi devono affrontare in Alaska: costi elevati per il trasporto delle catture dalle comunità costiere a causa della mancanza di reti stradali e spazio limitato per il trasporto aereo; regolamenti statali e federali che non sono sempre ben coordinati; e rischi finanziari relativi ad elevati costi iniziali e operativi della pesca e della trasformazione. Inoltre, i commercianti diretti devono far fronte a una limitata capacità di lavorazione adatta alle piccole operazioni nelle comunità costiere e alle sfide poste dalla produzione di un prodotto di alta qualità a bordo di navi di dimensioni limitate 4 Esse faticano spesso a bilanciare la necessità di pescare quando la stagione è aperta con l'imperativo SDM di marketing e consegna puntuali in riva al mare.

! image-20210521191827731

Per aiutare ad affrontare queste sfide e opportunità, il SIEG dell'Alaska ha condotto una serie di attività relative all'SDM con gli obiettivi generali di:

  • potenziare la capacità dei pescatori di operare in modo coerente con le norme di gestione, tassazione e sicurezza dei frutti di mare che disciplinano la trasformazione, il trasporto e la vendita dei prodotti ittici;

  • prevenire potenziali perdite per i piccoli pescatori rendendoli consapevoli delle sfide e delle insidie prima di iniziare l'SDM;

  • aumentare la comprensione da parte dei pescatori della corretta manipolazione dei frutti di mare e della sicurezza alimentare per garantire un'elevata qualità dei prodotti e migliorare la reputazione dei commercianti diretti e dei frutti di mare dell'Alaska in generale;

  • Facilitare le conversazioni tra i marketer diretti per consentire loro di difendere se stessi e imparare dagli errori e dai successi degli altri.

Quando i prezzi del salmone sono diminuiti notevolmente nei primi anni '90 a causa della concorrenza del salmone d'allevamento, i pescatori si sono sempre più interessati all'SDM, una pratica che è stata identificata e regolamentata per la prima volta in Alaska nel 1984. il SIEG dell'Alaska a sviluppare e pubblicare informazioni sui vantaggi e gli svantaggi dell'SDM per aiutare i pescatori a prendere decisioni giuste sull'opportunità di investire il loro tempo e le loro risorse a perseguire. Il risultato è stato il Manuale di marketing diretto dell'Alaska Fisherman (Johnson, 1997). Inizialmente orientata verso i pescatori in Alaska, questa pubblicazione è ancora considerata la risorsa di SDM per la regione, e le edizioni successive sono state ampliate per includere informazioni per i pescatori che operano a Washington e Oregon. Dal 2004, Alaska Sea Grant ha distribuito più di 5 700 copie del manuale in formato cartaceo e online. La quinta edizione del manuale (Johnson, 2018) riguarda la pianificazione aziendale, l'e-commerce, l'imballaggio e la spedizione, la lavorazione personalizzata, il sistema di distribuzione dei frutti di mare, la gestione per mantenere la qualità dei frutti di mare e altro ancora. Un'appendice, «Il marketing diretto è per me?» , descrive le sfide coinvolte e le caratteristiche e le competenze necessarie per avere successo nell'SDM e fornisce uno strumento che i pescatori possono utilizzare per valutare le proprie capacità di perseguimento. Per ulteriori strumenti e risorse SDM, vedere l'Appendice 2.

Dal 2002, il SIEG dell'Alaska offre workshop e corsi sull'SDM basati sul manuale e su altre esigenze identificate dai professionisti dell'SDM. 5 Inizialmente condotto di persona, nel 2017 il SIEG ha iniziato a condurre webinar online a pagamento. Questo formato ha permesso a più pescatori di tutto lo Stato di partecipare, facilitando la fecondazione incrociata delle idee ed eliminando i costi di viaggio per istruttori e pescatori. Il corso di cinque sessioni è offerto in autunno quando la maggior parte delle attività di pesca è inattiva, con un massimo di 20 partecipanti alla volta. I compiti a casa guidano i partecipanti attraverso lo sviluppo di un piano d'azione per il loro business SDM. Per la sessione finale, i pescatori con mercati diretti consolidati aiutano a insegnare la classe condividendo le loro esperienze e rispondendo alle domande degli studenti.

Nel 2008, il SIEG dell'Alaska ha condotto un'indagine a livello statale per valutare le esigenze di formazione dei pescatori e ha individuato un elevato livello di interesse per l'SDM. In risposta, il SIEG ha sviluppato la newsletter Fish Entrepreneur (Haight and Rice, 2008) per facilitare la comunicazione e la condivisione delle informazioni tra i marketing diretti in modo che potessero difendersi da soli. La newsletter ha affrontato argomenti tra cui strategie di prezzo, metodi per migliorare la qualità del salmone con «sanguinamento da pressione» a bordo, preparazione per ispezioni normative, eventi imminenti e interviste con gli esperti di marketing diretto esistenti.

Il SIEG dell'Alaska ha inoltre prodotto informazioni tecniche sulla qualità, la movimentazione e la sicurezza alimentare dei frutti di mare. Esempi includono Care and Handling of Salmon: The Key to Quality (Doyle, 1992) e video specifici per i pescatori di reti da posta che lavorano da piccoli skiff aperti. Inoltre, in collaborazione con il Dipartimento della Conservazione Ambientale dell'Alaska, i consulenti del SIEG hanno sviluppato e condotto workshop sulla gestione dei frutti di mare per i pescatori.

Corollario di questi sforzi, il SIEG ha lanciato nel 2006 il progetto di assistenza alle imprese per la pesca dell'Alaska, «FishBiz" 6, anche con il sostegno finanziario dell'ADCCED. L'obiettivo di questo sforzo era quello di «professionalizzare» i piccoli pescatori dell'Alaska incoraggiandoli a comprendere e analizzare le loro operazioni come imprese in buona fede e fornendo strumenti di gestione aziendale per aiutarli ad avere successo. Concentrato più in generale, il sito web FishBiz fornisce modelli di pianificazione aziendale, informazioni sulla riduzione del rischio, fonti di informazioni per i nuovi entranti nella pesca e una cartella di lavoro di Excel per aiutare i pescatori ad analizzare le spese e le entrate previste in diversi scenari di pesca, con una versione progettata specificamente per gli esperti di marketing diretto. 7

Infine, i consulenti SIEG dell'Alaska hanno partecipato alle iniziative infrastrutturali locali. In un caso, un consulente ha condotto due sondaggi comunitari per accertare l'interesse a sostenere un impianto di trasformazione certificato di proprietà della comunità per il marketing diretto dei frutti di mare. In un altro caso, il SIEG ha fornito la leadership per stabilire le politiche operative iniziali per il Cold Storage della Comunità di Petersburg, una struttura di proprietà pubblica costruita con fondi statali sovvenzionati su terreni pubblici. Sono state stabilite politiche specifiche e acquistate attrezzature per garantire che gli operatori su piccola scala abbiano accesso alla struttura e non fossero affollati da grandi processori o «inquilini di ancoraggio». 8 Poiché altre comunità hanno preso in considerazione progetti simili, il SIEP ha fornito informazioni e approfondimenti sui vantaggi e le sfide di costruire e gestire questi tipi di strutture (Knapp, 2008). La struttura di Petersburg continua a servire sia gli inquilini di ancoraggio più grandi che i venditori diretti più piccoli, con tutti i costi operativi coperti dalle tariffe degli utenti.

Gli sforzi del SIEG della California per aiutare la pesca su piccola scala con l'SDM sono iniziati seriamente nel 2005. 9 Diversi fattori hanno motivato questi sforzi, tra cui il sostanziale ridimensionamento della pesca dello Stato attraverso programmi sempre più rigorosi di accesso limitato, limiti di cattura e altre misure; disposizioni per ha ampliato le parti interessate e il più ampio coinvolgimento del pubblico nella gestione statale e federale della pesca 10; e ha ampliato la capacità della rete di estensione dei sussidi marittimi a livello nazionale, compresa l'assunzione di personale aggiuntivo per l'estensione della pesca.

A metà degli anni 2000, i consulenti del SIEG della California hanno condotto discussioni informali con i membri della comunità per valutare le esigenze locali per aiutare a informare lo sviluppo delle loro attività di ricerca, istruzione e sensibilizzazione. Essi hanno individuato le sfide che si trovano ad affrontare la pesca su piccola scala della California, tra cui ingenti e problematici equivoci sulla pesca a molti livelli. In particolare, hanno appreso che i residenti della California mancavano informazioni accurate e conoscenze sulla pesca commerciale locale. Alcuni non si sono nemmeno resi conto di esistere, mentre altri avevano equivoci circa le loro operazioni, gli impatti ambientali, la rilevanza socio-economica e la gestione. I partecipanti alla pesca della California e le comunità associate stavano lottando per mantenere le imprese economicamente redditizie in mezzo all'aumento dei costi operativi, alla stagnazione o al calo dei prezzi ex pescherecci e alla riduzione della produzione associata al ridimensionamento normativo. Questi fattori hanno reso difficile mantenere legami con mercati che richiedevano catture più consistenti e più consistenti di quelle che i pescatori potevano fornire. Allo stesso tempo, la rapida espansione del movimento alimentare locale, il crescente interesse dei consumatori per gli alimenti prodotti localmente e la proliferazione di strategie di commercializzazione alternative per i prodotti agricoli hanno accresciuto l'interesse dei pescatori per l'SDM.

Riconoscendo il potenziale dell'SDM per aiutare ad affrontare alcune delle sfide che devono affrontare la pesca su piccola scala dello Stato, i consulenti SGEP della California hanno iniziato ad espandere il loro lavoro in questo settore. Per aumentare la consapevolezza e la comprensione della pesca commerciale locale, hanno sviluppato il sito web «Discover California Commercial Fisheries*, 11, sintetizzando informazioni biologiche, oceanografiche, normative e socioeconomiche relative alla pesca dello Stato, comprese le informazioni specifiche per la regione e il porto. Hanno inoltre sviluppato una serie di manifesti regionali sui frutti di mare (Figura 5.4). 12 I manifesti non sostenevano l'acquisto di pesce pescato localmente, ma fornivano informazioni su quando e come vengono pescate le specie.

I consulenti SGEP della California hanno inoltre iniziato a esplorare modi per migliorare la redditività economica e sociale della pesca su piccola scala, conducendo due studi per indagare sulla fattibilità dell'SDM. Il primo è stato uno studio di fattibilità del 2011 per una pesca a sostegno della comunità (QCS). Il consulente SIEG si è ispirato all'esperienza dei programmi agricoli sostenuti dalla comunità, in cui i consumatori investono in un'azienda agricola pagando in anticipo una quota della produzione stagionale. Date le differenze tra i prodotti agricoli e quelli della pesca (ad esempio deperibilità, esigenze di manipolazione, modelli di consumo), non era chiaro se un simile accordo di commercializzazione avrebbe funzionato per i frutti di mare. Per rispondere a questa domanda, un consulente SIEG ha collaborato con altri per condurre uno studio di fattibilità.

Lo studio di fattibilità comprendeva due indagini. La prima indagine mirava i pescatori a individuare quali prodotti e quanti prodotti sarebbero disposti e in grado di fornire. La seconda indagine ha riguardato i consumatori per valutare la domanda e la flessibilità nell'offerta di prodotti meno noti, ossia cosa sarebbero disposti ad acquistare. Si è tenuto anche un evento di degustazione di frutti di mare per riunire i due gruppi, con dimostrazioni per educare i consumatori su come gestire e preparare vari prodotti. Sulla base dei risultati positivi dello studio di fattibilità, è stato sviluppato un QCS. Una valutazione del programma, dopo i primi due anni, ha rilevato che esso stava raggiungendo gli obiettivi di accrescere la comprensione dei consumatori, migliorare gli atteggiamenti nei confronti della pesca locale e fornire un migliore sostegno finanziario e sociale ai pescatori. Benché le esperienze dei pescatori partecipanti non siano state valutate formalmente, i primi commenti hanno indicato che stavano ottenendo un prezzo per libbra più elevato per la piccola parte delle catture che vendevano attraverso il QCS, e che hanno valutato la maggiore istruzione e il collegamento con il comunità.

! image-20210521191906598

Il secondo studio è stato avviato nel 2013 da consulenti SGEP della California in collaborazione con colleghi dell'Università della California Santa Barbara e SGEP in altri stati. L'obiettivo del progetto era quello di ampliare la comprensione della diversità degli accordi di SDM che i pescatori usavano in una serie di contesti sulle coste orientali e occidentali del paese, e di come potrebbero aiutare ad affrontare le sfide normative, economiche e sociali che i pescatori della West Coast devono affrontare. Attraverso interviste, il team del progetto ha identificato le caratteristiche chiave di ogni tipo di SDM, le condizioni necessarie per stabilire e mantenere ciascun tipo, nonché gli impatti e le implicazioni dell'SDM per le operazioni dei pescatori, nonché il benessere dei pescatori e delle comunità locali di pesca. Parte integrante del progetto stava lavorando con diversi SGEP di altri Stati per scoprire come stavano aiutando pescatori e comunità con l'SDM.

Il team del progetto ha utilizzato i risultati dello studio per sviluppare il sito web Market Your Catch, ampliando le fondamenta sostanziali fornite dal «Manuale di marketing diretto dei pescatori» dell'Alaska SGEP (Johnson 1997, 2007, 2018). Il sito web fornisce un centro di compensazione per le risorse e gli strumenti informativi sviluppati da molti SGEP e altri.^14^ Come il manuale, il sito Web Market Your Catch non collega i pescatori con i clienti, ma fornisce informazioni sui diversi tipi di mercati e clienti e considerazioni chiave per la valutazione la fattibilità e l'utilità dell'SDM data la loro situazione (vale a dire per cosa pescano, la loro base di clienti effettivi o potenziali, le loro competenze, le risorse logistiche disponibili e il loro sistema di supporto sociale ed economico). Il sito Web fornisce inoltre informazioni su come iniziare o espandere SDM. Queste informazioni sono state ulteriormente diffuse attraverso workshop in California, Oregon e Washington e attraverso una presentazione web ai consulenti SGEP in tutta la nazione. Esso continua ad essere utilizzato durante le consultazioni individuali con i pescatori.

Mentre lavorava a questi progetti, è emerso che i regolamenti relativi alla vendita delle proprie catture costituivano un ostacolo importante per i pescatori che cercavano di partecipare all'SDM. I requisiti di autorizzazione sono complessi; variano da stato a stato e persino da contea a contea. Il processo di autorizzazione è stato ulteriormente complicato perché c'è stato uno scollegamento critico tra la gestione delle risorse naturali e dei sistemi alimentari (Olsen, Clay e Pinto Da Silva, 2014), con il rapporto tra pesca e SDM non ben compreso dalle agenzie di gestione delle risorse o da quelle con trattamento alimentare e sorveglianza della distribuzione. Ad esempio, le agenzie per le risorse naturali supervisionano la pesca e lo sbarco delle catture (dalla barca al molo o alla spiaggia) e rilasciano le licenze e i permessi richiesti rispettivamente ai pescatori e agli acquirenti di pesce per vendere e ricevere le catture. Le agenzie di gestione dei sistemi alimentari (ad esempio sanità pubblica, alimentazione e agricoltura, pesi e misure) controllano il trasporto, la movimentazione, la trasformazione e lo stoccaggio dei frutti di mare una volta sbarcati sul porto. Per i pescatori interessati a vendere le loro catture «off-the-boat» — un sito non considerato di competenza delle autorità del sistema alimentare — non era chiaro con chi parlare, quali regole dovevano seguire e quali permessi avevano bisogno.

Di conseguenza, per assistere potenziali esperti di marketing diretto dei frutti di mare, il SGEP della California ha sviluppato e pubblicato informazioni generali online sui permessi potenzialmente richiesti per SDM e le agenzie locali e statali con l'autorità di rilasciarli. Non è stata fornita una guida di autorizzazione più specifica, in quanto dipende dal tipo e dalla posizione dell'SDM e dei prodotti venduti, e quindi è meglio fornita dalle agenzie di regolamentazione stesse. Tuttavia, è stato utile fornire al contatto dell'agenzia e alle relative informazioni sui permessi in una posizione centrale. Altri hanno riconosciuto le pagine dei permessi come modello per l'organizzazione di questo tipo di informazioni e consulenti SGEP della California stanno lavorando con colleghi del SIEG in tutta la rete per generare informazioni simili per altri stati costieri.

Inoltre, il SIEG californiano ha collaborato con i dipartimenti sanitari ambientali della contea attraverso seminari e discussioni individuali per istruirli sulla pesca della California e sulla gamma di tipi di SDM che potrebbero interessare i pescatori e le comunità di pescatori. Hanno sviluppato materiali di sensibilizzazione per informare il pubblico circa la manipolazione e il consumo sicuri dei frutti di mare durante le fioriture nocive di alghe. Hanno inoltre contribuito a informare e incoraggiare lo sviluppo di politiche locali e statali volte a razionalizzare i processi di autorizzazione dell'SDM, che non sono così affermati per i prodotti ittici come per i prodotti agricoli. Un successo politico è stato l'attuazione della legislazione «Pacific to Plate» (AB- 226, 2015) che facilita la creazione e il funzionamento dei mercati ittici in riva al porto. I mercati Dockside sono stati a lungo un importante sbocco per alcune piccole attività di pesca come la Newport Dory Fishing Fleet, che vende direttamente al pubblico da più di 125 anni. 13 Questa legislazione ha spianato la strada ad altri per sviluppare più facilmente tali mercati diretti dei frutti di mare, e ha portato alla creazione di un nuovo mercato (il Tuna Harbor Dockside Market 14) che coinvolge diversi pescatori a San Diego. Inoltre, ha reso più facile per i mercati portuali consolidati elaborare i prodotti in loco, mentre i pescatori in precedenza dovevano affidarsi a rivenditori di pesce nelle vicinanze dotati di strutture approvate dal governo e permessi per questa funzione.

Nel complesso, gli sforzi dei SIEP dell'Alaska e della California per promuovere l'SDM dimostrano l'attuazione pratica di diverse raccomandazioni presentate nel capitolo 7 degli orientamenti sull'SSF, come segue (appendice 2). In primo luogo, l'impegno dei consulenti del SIEG delle comunità di pescatori nella ricerca (gli studi del QCS e dell'SDM e le valutazioni delle esigenze di formazione sopra descritte) ha costruito la comprensione delle esigenze, delle opzioni e delle considerazioni per l'SDM, con materiali sviluppati da questi sforzi, a loro volta potenziando la capacità per il settore post-raccolto ( paragrafo 7.3 degli orientamenti sull'FSS). Inoltre, le informazioni fornite attraverso classi, workshop, siti web e altri sforzi di sensibilizzazione hanno aiutato gli esperti di marketing diretto dei frutti di mare a mantenere la sicurezza e la qualità dei prodotti, che è fondamentale per l'industria ittica, i consumatori e lo stato. In secondo luogo, studi di fattibilità che considerano la sostenibilità sia in termini di offerta che di domanda hanno sostenuto lo sviluppo di meccanismi di commercializzazione che hanno rafforzato il reddito e quindi la sicurezza generale della pesca su piccola scala (paragrafo 7.4). Le informazioni sui vari accordi sull'SDM e sui relativi regolamenti raccolti e forniti dai SIEP hanno aumentato la consapevolezza e la comprensione dei piccoli pescatori, delle comunità e del personale delle agenzie, consentendo loro di prendere decisioni informate sull'opportunità di investire in infrastrutture SDM. In terzo luogo, i piccoli pescatori valutano nuove opzioni (ad esempio la vendita alle istituzioni, tramite QCS e club di acquisto) e accedono a nuovi mercati a livello locale, regionale e/o nazionale (paragrafo 7.6). Alcuni di questi mercati hanno anche sostenuto le vendite di specie sottoutilizzate, poiché i pescatori hanno potuto esplorare direttamente l'interesse dei consumatori per i nuovi prodotti. Infine, gli sforzi del SIEG hanno contribuito a costruire capacità fornendo risorse, facilitando lo sviluppo delle infrastrutture e la politica di informazione, che hanno permesso ai piccoli pescatori di partecipare ai movimenti alimentari locali e ad altre opportunità di commercializzazione che si verificano su scala diversa (paragrafo 7.10).

Nonostante questi successi, i SGEP dell'Alaska e della California devono ancora affrontare diverse sfide. Ad esempio, le risorse basate sul web prodotte non sono accessibili all'intera gamma di individui e gruppi che ne trarrebbero beneficio. Molti pescatori non sono utenti frequenti e/o lettori di siti web, anche se questo sta cambiando con l'ingresso di nuovi partecipanti più giovani. E mentre la maggior parte dei pescatori parla e legge l'inglese, alcuni pescatori su piccola scala no, o parlano solo l'inglese come seconda lingua. È necessario uno sforzo maggiore per raggiungerli, sia linguisticamente che culturalmente. Inoltre, mentre la newsletter Fish Entrepreneur di Alaska Sea Grant ha svolto la sua funzione di risorsa informativa, non ha generato l'impegno previsto o la collaborazione tra i marketing diretti per perseguire bisogni e interessi comuni. Questo può derivare dalla riluttanza di marketing diretto di frutti di mare a condividere dettagli sulla loro strategia di business con potenziali concorrenti.

Allo stesso modo, mentre il cambiamento politico in California ha evidenziato la necessità di migliorare i processi di autorizzazione SDM, il suo impatto è stato limitato. Ha istituzionalizzato e snellito questo processo per un singolo tipo di SDM, già stabilito in alcuni luoghi. Ciò ha indotto molti responsabili politici e il pubblico a credere che tutte le sfide associate all'approvazione del governo per l'implementazione dell'SDM siano state affrontate, quando in realtà persistono le sfide che devono affrontare altri tipi di SDM. Adattare i processi di autorizzazione per la vendita diretta di prodotti agricoli ai prodotti della pesca contribuirebbe ad ampliare le opzioni di SDM.

Non tutti i tipi di SDM sono fattibili dal punto di vista logistico o politico, o adatti a tutti i pescatori, le comunità e i contesti. Ad esempio, mentre le vendite in riva al porto sono state a lungo consentite e ampiamente utilizzate in Alaska, non sono permesse in alcuni porti in California a causa delle preoccupazioni circa la sicurezza dei visitatori sulle banchine. In altri casi, le vendite off-the-boat sono state incoraggiate, mentre i mercati portuali non lo hanno fatto, a causa di considerazioni logistiche quali le esigenze di altri utenti portuali per l'accesso a tali zone. Per i singoli pescatori, alcuni non sono disposti o in grado di trascorrere il tempo in attesa dei clienti come richiesto per le vendite off-the-boat e i mercati portuali. E in alcune comunità, i pagamenti anticipati richiesti ai clienti del CSF non sono economicamente fattibili.

Mentre l'interesse per l'SDM è elevato, la partecipazione in entrambi gli stati sembra essere costante ma limitata. Nel 2018, degli 8 697 titolari di permesso che pescavano in Alaska, 259 hanno partecipato alla SDM e altri 380 registrati come «catcher/venditori». 15 SDM richiede competenze interpersonali e commerciali, accesso a una base di clienti affidabile e flessibile e infrastrutture adeguate per supportare la gestione delle catture dal molo al cliente. Inoltre, ognuna delle fasi della supply chain, anche quelle più piccole, richiede tempo. Per un pescatore, questo può significare rinunciare al tempo di pesca a meno che qualcun altro non soddisfi queste funzioni costiere. Infatti, una decisione di non impegnarsi in SDM dopo aver valutato le circostanze e le opzioni di uno è anche preziosa, in quanto consente di risparmiare tempo e denaro che sarebbe andato verso qualcosa che probabilmente non avrebbe funzionato.

Coloro che si impegnano in SDM tendono ad essere motivati da fattori che vanno oltre ad ottenere un prezzo più elevato per le loro catture. Questi includono l'insoddisfazione per le pratiche di qualità dei processori, l'interesse per gli aspetti di marketing dell'SDM, la connessione familiare (o altro) al mercato finale e il desiderio di migliorare le connessioni all'interno della comunità. In alcuni casi, le famiglie si impegnano in SDM per un desiderio condiviso da entrambi i coniugi di partecipare all'azienda familiare. Gli altri partecipanti al SDM sono motivati dall'impegno a garantire la tutela ambientale al fine di indirizzare con maggiore attenzione il loro sforzo di pesca (ad esempio per ridurre al minimo gli impatti delle catture accessorie e degli habitat).

Sulla base dei risultati finora ottenuti, i passi successivi per i due SGEP includono:

  • Ulteriori valutazioni e aggiornamenti delle informazioni SDM È importante continuare a valutare l'utilità e l'efficacia dei prodotti scritti e delle classi/workshop, inclusi dove, come e in quale formato sono stati forniti/diffusi. Questi probabilmente dovranno essere aggiornati alla luce dei rapidi cambiamenti dei metodi di comunicazione e dei dati demografici della pesca su piccola scala. In particolare, i giovani partecipanti al settore della pesca utilizzano in genere mezzi diversi per comunicare e condividere informazioni, in particolare i social media, rispetto ai partecipanti più anziani.

  • Sensibilizzazione più diretta con una più ampia gamma di gruppi culturali e sociali. Coerentemente con la diversità socioculturale ed etnica degli Stati, i partecipanti alla pesca su piccola scala provengono da una varietà di background e sarebbero meglio serviti se i materiali fossero tradotti in altre lingue, e classi/workshop sono stati adattati per garantire l'adeguatezza culturale.

  • Lavorare con le agenzie governative per ampliare la loro capacità di supporto SDM. Negli Stati Uniti d'America c'è una costante necessità di coordinare i processi normativi per stabilire e gestire gli accordi SDM. Adattare la politica esistente per la commercializzazione diretta agricola all'SDM può aiutare a rispondere a questa esigenza. Anche l'educazione delle risorse e delle agenzie sanitarie pubbliche sulla pesca e sulla sicurezza dei frutti di mare è essenziale per garantire che i pescatori possano vendere prontamente le loro catture e che i consumatori possano accedere ai frutti di mare locali adeguatamente trattati e sicuri.

  • *Integrazione più esplicita con considerazioni sui cambiamenti climatici. Il cambiamento delle condizioni ambientali contribuisce ai cambiamenti nella distribuzione dei pesci (ad esempio Perry *et al., 2005; Link et al., 2009; Pinsky et al., 2019). Per consentire ai piccoli pescatori e alle comunità di pescatori di adattarsi all'evoluzione della disponibilità delle risorse, potrebbero essere necessarie norme più flessibili per consentire sia la cattura che la commercializzazione delle specie disponibili. Inoltre, si prevede che il cambiamento climatico aumenti la frequenza e la gravità delle fioriture di alghe nocive con conseguenze negative per la pesca su piccola scala.

La buona pratica di assistere alla valutazione e allo sviluppo dell'SDM come descritto qui ha implicazioni per i piccoli pescatori, le comunità e le politiche degli Stati Uniti d'America e altrove. Per i pescatori che considerano l'SDM, può ridurre il rischio di fare scelte che potrebbero non essere adatte a loro, dato il loro contesto personale, la pesca e la comunità. Le informazioni fornite aumentano la loro capacità di progettare accordi SDM adattati alle loro particolari circostanze. Un più ampio coinvolgimento della comunità attraverso l'SDM può aiutare a sviluppare una comprensione condivisa di coloro che sono coinvolti nella catena di approvvigionamento ittico locale, dai pescatori ai consumatori. Tale impegno può anche facilitare l'accesso e la condivisione del capitale sociale e finanziario necessari per assistere all'istituzione e al funzionamento dell'SDM. Ciò può essere fatto in modo informale e opportunistico o attraverso accordi più formali quali cooperative, associazioni di marketing o organizzazioni comunitarie più ampie.

In molti contesti, SDM è un complemento piuttosto che un'alternativa agli accordi di marketing esistenti. Per coloro che sono coinvolti nel marketing a lunga catena di fornitura, può avere effetti negativi o positivi. La quantità di frutti di mare venduti tramite SDM in genere è piuttosto piccola e i prodotti particolari possono essere uguali o simili a quelli gestiti dagli acquirenti della catena di fornitura lunga. Come tali, i marketer diretti sono raramente in grado di competere sul prezzo; tuttavia, spesso pongono maggiore enfasi sulla qualità per ottenere un vantaggio di mercato. Questo a sua volta incoraggia altri raccoglitori e trasformatori a migliorare le proprie pratiche di manipolazione, il che può portare a un miglioramento della qualità e della sicurezza dei prodotti, influenzando positivamente la reputazione della pesca e dei suoi prodotti nel complesso.

Inoltre, SDM può trarre vantaggio dalla catena di fornitura più ampia evidenziando gli attributi positivi dei prodotti locali. Molti acquirenti e trasformatori tradizionali di pesce, anche alcuni inizialmente preoccupati per la riduzione delle consegne da parte dei pescatori che perseguono l'SDM, hanno indicato che le piccole quantità di prodotto utilizzate per gli sforzi di SDM non hanno influito negativamente sulle loro operazioni. Inoltre, hanno beneficiato della maggiore conoscenza dei consumatori dei prodotti locali derivante dall'SDM e degli sforzi di sensibilizzazione dei SIEG. Allo stesso modo, gli acquirenti di pesce su piccola scala hanno avuto la tendenza a beneficiare dell'SDM perché fornisce loro l'accesso a prodotti che altrimenti sarebbero stati acquistati da aziende di pesce più grandi e integrate verticalmente (cioè i loro concorrenti).

Poiché i requisiti di autorizzazione per l'SDM possono essere complessi, è essenziale anche l'impegno delle agenzie responsabili della gestione dei frutti di mare, della sicurezza e del commercio. La loro partecipazione assicura che siano fornite informazioni accurate per le varie opzioni che possono essere esplorate. Sia in Alaska che in California, il personale dell'agenzia ha esaminato i materiali SDM, creato in collaborazione con pubblicazioni sui requisiti per l'SDM, ha lavorato ampiamente agli sforzi di gestione della qualità e ha partecipato ai workshop SDM per rispondere alle domande dei pescatori. A coloro che cercano di aiutare i pescatori e le comunità nell'identificazione e nella valutazione delle opzioni SDM, si raccomandano anche quanto segue:

  • Collabora con gli esperti. Coinvolgi gli esperti di marketing diretti esistenti per aiutarti a scrivere, insegnare e valutare gli sforzi.

  • Rimani neutrale. Sottolineare che SDM non è per tutti. Dissuare qualcuno dall'SDM dove è poco pratico o rischioso è importante quanto assistere qualcuno nell'integrazione dell'SDM nella propria attività di pesca.

  • Riconoscere che SDM non è una strategia «tutto o niente» . L'interesse per SDM e la sua idoneità per un determinato contesto possono variare nel tempo. L'interesse per la commercializzazione diretta, e probabilmente la necessità, tende a rifluire e a fluire con l'oscillazione dei prezzi sul porto e di altre condizioni.

  • Utilizzare più metodi di consegna e regolarli in base al contesto e all'assistenza necessaria. Abbinare la fornitura di materiale informativo e workshop con consultazioni individuali in corso con esperti di marketing diretti esistenti e potenziali. Ciò è particolarmente importante quando i piccoli pescatori iniziano a esplorare e a provare mercati reali e tecniche di marketing.

  • Sviluppare materiali adatti e diffonderli attraverso canali appropriati. Nello sviluppo di materiali SDM, concentrarsi su considerazioni pratiche, presentare le informazioni in modi culturalmente appropriati e di facile utilizzo e distribuirle attraverso diversi percorsi accessibili alla gamma di potenziali utenti. I materiali devono affrontare le questioni sollevate durante l'impegno in corso (ad esempio consultazioni individuali, workshop precedenti, ricerca collaborativa) ed essere adattati al contesto politico e della comunità dei commercianti diretti del pesce. Ad esempio, lo sviluppo di brevi opuscoli di attualità e la loro distribuzione online e attraverso gruppi di comunità o strutture pubbliche può essere fatto a costi ridotti o nulli.

Sebbene SDM non sia applicabile in tutti i paesi e le comunità, le buone pratiche SDM descritte qui possono essere applicate in molti contesti. Individui o gruppi di fiducia possono aiutare i pescatori e le comunità nella valutazione delle loro esigenze e nella valutazione delle opportunità di SDM, evitando al contempo di promuovere azioni particolari. Esse dovrebbero avere una comprensione sufficiente del contesto comunitario e delle competenze necessarie per intrattenere relazioni complesse tra pescatori e altri nella catena di approvvigionamento ittico. Ciò richiede un impegno costante nel tempo. Gli sforzi in corso per estendere il modello SIEG ad altri paesi, come ad esempio in Indonesia con il programma di partenariato marittimo 16, offrono opportunità per ampliare l'uso della pratica lì e altrove.

L'uso esteso di SDM in altri paesi potrebbe essere più fattibile oggi rispetto al passato. I miglioramenti nella comunicazione, compreso l'uso diffuso dei social media, delle infrastrutture di trasporto e delle tecnologie di movimentazione dei frutti di mare, offrono nuove opportunità per collegare i pescatori con i consumatori locali e più lontani e facilitano la produzione e la distribuzione di prodotti ittici sicuri e di alta qualità. L'SDM, a sua volta, può contribuire all'eliminazione della povertà mantenendo o migliorando l'accesso a una fonte alimentare locale e nutriente per le comunità in cui viene prodotta, e consentendo ai pescatori di mantenere più del valore delle loro catture rispetto a quanto farebbe attraverso lunghe catene di approvvigionamento. Tuttavia, l'aumento delle entrate comporta il costo di ulteriori tempi, sforzi e, in alcuni casi, la possibile perdita di assistenza logistica e di altro tipo da parte degli acquirenti tradizionali. Inoltre, i venditori diretti di pesce di solito non hanno accesso a una varietà di fonti di prodotto che possono contribuire a contrastare la variabilità delle catture, e dipendono dalla disponibilità dei clienti e dalla capacità di soddisfare questa incertezza. Il turismo nazionale e internazionale può far parte di questa base di clienti, con frutti di mare commercializzati direttamente dai pescatori attraverso ristoranti, alberghi e altri luoghi. Mentre le prove suggeriscono che l'SDM negli Stati Uniti d'America ha migliorato i risultati economici per alcuni pescatori su piccola scala, molti pescatori coinvolti nell'SDM citano benefici sociali non monetari come una maggiore indipendenza, il controllo su come viene gestito il loro prodotto e le connessioni con le loro comunità e consumatori di frutti di mare come indicatori di successo e di maggiore benessere (Culver et al., 2015; Haig-Brown, 2012).

I pescatori e le comunità della costa occidentale degli Stati Uniti d'America affrontano perennemente sfide ai loro mezzi di sussistenza, siano essi normativi, operativi, ambientali o economici. Riconoscendo queste dinamiche, i consulenti SGEP dell'Alaska e della California hanno condotto ricerche, istruzione e sensibilizzazione per assistere i pescatori e le loro comunità nell'attenta considerazione e, se del caso, nell'adozione dell'SDM come modo per affrontare queste sfide. Utilizzando il modello SIEP basato sul luogo, i consulenti SGEP hanno sviluppato una buona pratica e assistito individui e comunità nello sviluppo della capacità di produrre e commercializzare prodotti ittici sicuri attraverso l'SDM.

Fino ad oggi gli sforzi hanno contribuito a sostenere un processo decisionale solido, a sviluppare la capacità di SDM e ad ampliare la comprensione, da parte dei pescatori, dei membri della comunità e dei responsabili politici, delle pratiche, delle considerazioni e dei limiti dell'SDM. Con i progressi nelle tecnologie di comunicazione, una maggiore comprensione dei benefici nutrizionali dei frutti di mare, il desiderio di prodotti di provenienza locale e la persistente incertezza nel commercio globale, le opportunità di utilizzare l'SDM probabilmente cresceranno. Tuttavia, questa crescita continuerà senza dubbio ad essere lenta, poiché stabilire e mantenere l'SDM pone le proprie sfide, e dipende dagli individui e dal contesto.

! image-20210521191957185

Individualmente e collettivamente, gli sforzi descritti in questo caso di studio illustrano in che modo la buona prassi dell'SDM può informare l'attuazione delle raccomandazioni del capitolo 7 delle linee guida dell'SSF (FAO, 2015). In particolare, essa migliora la capacità sostenendo il settore della pesca su piccola scala dopo il raccolto attraverso l'SDM (paragrafo 7.3). Questa buona prassi non solo contribuisce a garantire una maggiore sicurezza finanziaria per i piccoli pescatori fornendo accesso a mercati supplementari (paragrafo 7.6) e informazioni di mercato (paragrafo 7.10), ma contribuisce anche a impedire loro di perseguire l'SDM quando non sarebbe finanziariamente vantaggioso (paragrafo 7.4).

I SIEP dell'Alaska e della California, individualmente e in collaborazione con altri, continueranno ad applicare e a migliorare questa buona prassi per facilitare la considerazione dell'SDM da parte dei piccoli pescatori. In tal modo, essi contribuiranno ulteriormente all'attuazione delle raccomandazioni degli orientamenti del FSE relative alle catene del valore, al post-raccolto e al commercio, rafforzando nel contempo i principi del rispetto delle culture, della consultazione e della partecipazione, della fattibilità e della redditività sociale ed economica.

Riconosciamo con gratitudine gli esperti di marketing diretto del pesce e gli altri membri della comunità di pescatori in Alaska, California e altrove negli Stati Uniti per aver condiviso le loro storie, conoscenze, intuizioni e competenze; Quentin Fong, Pete Granger, Glenn Haight, Terry Johnson e Cynthia Wallesz per il loro ampio contributo e utile recensione ; Joseph Zelasney, Alexander Ford e Lena Westlund alla FAO per una revisione ponderata, una guida e un sostegno; e i nostri colleghi del più grande US Sea Extension Network. Riconosciamo anche il sostegno dei programmi Alaska e California Sea Grant e del National Sea Grant College Program, NOAA, Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

*Programma Alaska Sea Grant College 2018. *Piano strategico dell'Alaska Sea Grant College, 2018-2021. Fairbanks, AK, USA: Alaska Sea Grant College Program. (disponibile all'indirizzo https://alaskaseagrant.org/wp-content/uploads/2017/10/2018-2021-strategic-plan.pdf).

Bunting-Howarth, K. 2013. * Fondamenti di un programma di estensione della sovvenzione al mare. * Seconda edizione ed., Washington, DC: National Sea Grant College Program. (disponibile all'indirizzo http://nsglc.olemiss.edu/projects/advocacy/files/extension-fundamentals.pdf).

Culver, C., Stroud, A., Pomeroy, C., Doyle, J., Von Harten, A. & Georgilas, N. 2015. Market Your Catch. Sito web sviluppato come prodotto del progetto, *Verso la resilienza e la fornitura sostenibile di pesce: valutazione dei programmi di marketing diretto per le comunità di pescatori della West Coast *, B. Walker, C. Pomeroy, C. Culver e K. Selkoe, Co-PIS. [Online]. Disponibile: marketyourcatch.msi.ucsb.edu.

Dewees, C., Sortais, K. & Leet, W. 2004 Conservazione del pesce della California: approcci di estensione applicati a questioni controverse di gestione della pesca marittima. * California Agriculture, * 58*, * 194-199.

Doyle, J. 1992. Cura e gestione del salmone: la chiave della qualità. Fairbanks, AK, USA: Alaska Sea Grant. (disponibile all'indirizzo < https://seagrant.uaf.edu/bookstore/pubs/MAB-45.html >).

FAO. 2015. * Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eliminazione della povertà, * Roma, FAO. (disponibile a < http://www.fao.org/voluntary-guidelines-small-scale-fisheries/guidelines/en/ >)

Haig-Brown, A. 2012. Linee di sangue: famiglia Knutson meshes salmone sud-est con specialità di marketing. Pescatore nazionale. 93, 24-25.

Haight, G. & Rice, S., eds. 2008. L'imprenditore del pesce: risorse per il marketing diretto di frutti di mare dell'Alaska (Sviluppo di strategie di prezzo per marketing diretto). Fishbiz: Alaska Fisheries Assistance. 2 (disponibile all'indirizzo < https://seagrant.uaf.edu/bookstore/pubs/M-92.html >).

Henry, M., Rhodes, R. & Eades, D. 2008. *Il flusso della Carolina del Sud ha raccolto i prodotti ittici attraverso i mercati della Carolina del Sud. Rapporto di ricerca del Centro Universitario 09-2008-

03. Clemson, SC, USA: Clemson University Center for Economic Development. (disponibile all'indirizzo https://core.ac.uk/download/pdf/6253581.pdf).

*Johnson, T. (Ed.) * 1997. Manuale di marketing diretto dei pescatori dell'Alaska. * Preparato per il Dipartimento del Commercio e dello Sviluppo Economico dell'Alaska, Divisione del Commercio e dello Sviluppo (ADCEDD) e l'Alaska Seafood Marketing Institute, Juneau, AK, USA: ADCEDD.

*Johnson, T. (Ed.) * 2007. *Manuale di marketing diretto dei pescatori. Seattle, WA, USA: Washington Sea Grant. (disponibile a < https://wsg.washington.edu/wordpress/wp-content/uploads/Fishermens-Direct-Marketing-Manual.pdf >)

*Johnson, T. (ed.) * 2018. *Manuale di commercializzazione diretta dei pescatori, *5^ ed. Seattle, WA, USA: Alaska Sea Grant e Washington Sea Grant. (disponibile all'indirizzo < https://seagrant.uaf.edu/bookstore/pubs/MAB-71.html >).

Knapp, G. & Reeve, T. 2008. Un impianto di lavorazione del pesce del villaggio: sì o no? un manuale di pianificazione. Anchorage, AK, USA: Istituto di Ricerca Sociale ed Economica, Università dell'Alaska. (disponibile all'indirizzo https://seagrant.uaf.edu/map/pubs/village/villagefishplant.pdf).

Link, J., Hare, J. & Overholtz, W. 2009. Modificare la distribuzione spaziale degli stock ittici in relazione al clima e alla dimensione della popolazione nella piattaforma continentale nord-orientale dello Stato membro degli Stati Uniti. * Marine Ecology Progress Series, * 393*, * 111-129.

Norman, K., Sepez, J., Lazrus, H., Milne, N., Package, C., Russell, S., Grant, K., Lewis, R., Primo, J., Springer, E., Styles, M., Tilt, B. & Vaccaro, I. 2007. Profili comunitari per la pesca della costa occidentale e del Pacifico settentrionale: Washington, Oregon, California e altri Stati americani. Seattle, WA: NMFS Northwest Fisheries Science Center. (disponibile all'indirizzo < https://www.nwfsc.noaa.gov/assets/25/499_01082008_153910_CommunityProfilesTM85WebFinalSA.pdf >).

Olson, J., Clay, P. & Pinto Da Silva, P. 2014. Mettere i frutti di mare in sistemi alimentari sostenibili. Politica marina, * 43, * 104-111.

Perry, A.L., Low, P.J., Ellis, J.R. & Reynolds, J.D. 2005. Cambiamenti climatici e distribuzione nei pesci marini. Scienza, * 308, * 1912-1915.

Pinsky, M.L., Selden, R.L. & Kitchel, Z.J. 2020. Cambiamenti legati al clima nelle gamme di specie marine: il ridimensionamento da organismi a comunità. Annual Review of Marine Science, * 12, * 153-179.

Pomeroy, C., Thomson, C. & Stevens, M. 2010. Comunità di pescatori della costa settentrionale della California: prospettiva storica e tendenze recenti. La Jolla, CA, USA: California Sea Grant e NOAA Fisheries Southwest Fisheries Science Center. (disponibile all'indirizzo https://CaseAgrant.ucsd.edu/sites/default/files/fullrept.pdf).

Stato della California. 2015. AB-226 Sicurezza alimentare al dettaglio: mercati dei pescatori. [Disponibile a: < https://leginfo.legislature.ca.gov/faces/billNavClient.xhtml?bill_id=201520160AB226 >

Sumaila, U.R., Marsden, D., Watson, R. & Pauly, D. 2007. Banca dati globale dei prezzi del pesce ex nave: costruzione e applicazioni. Rivista di Bioeconomia, * 9, * 39-51.

Congresso degli Stati Uniti 1996. Legge sulla pesca sostenibile. Diritto pubblico 104-297. (disponibile all'indirizzo < https://www.govinfo.gov/content/pkg/STATUTE-110/pdf/STATUTE-110-Pg3559.pdf >)

Tipi di accordi di marketing diretto dei frutti di marcia

| Tipo di mercato | Descrizione | | — | — | | Vendite off-the-barca/over-the-bank | Cattura venduta direttamente dalle barche al molo, in spiaggia o in riva al fiume | | Mercati pescatori/agricoltori | Catture vendute direttamente ai consumatori nell'ambito di una comunità consolidata | | Pesca sostenuta dalla Comunità | Catture vendute direttamente ai consumatori che acquistano anticipatamente una certa quantità di frutti di mare («abbonamenti» o «azioni»), con consegne in un luogo prestabilito secondo un calendario prestabilito per un periodo di tempo prestabilito | | Club di acquisto di frutti di mare | Cattura venduta direttamente a un coordinatore di un club di acquisto di cibo | | Mercati online | Catch vendute comunicando o accettando ordini diretti da clienti utilizzando tecnologie elettroniche, quali eLists, eServices e vendite online | | Ristoranti o vendita al dettaglio | Catch vendute direttamente a ristoranti e mercati al dettaglio | | Vendite istituzionali | Catch venduto direttamente a operatori di servizi alimentari come scuole, ospedali, organizzazioni private e governative, che poi preparano e servono il prodotto ai consumatori | | «Your Own Market» o ristorante | Catture vendute direttamente ai consumatori in una struttura gestita da pescatori, come un edificio completamente attrezzato, un cavalletto o un camion alimentare |

Fonte: * Culver *et al., 2015

Alaska e California Sea sovvenzionano elementi di buone pratiche riguardanti le linee guida dell'SSF Capitolo 7 raccomandazioni relative a catene del valore, post-raccolto e commercio

7.3 Fornire infrastrutture adeguate (a),strutture organizzative (b) e sviluppo di capacità(c) per la produzione di prodotti ittici sicuri e di qualità7.4 Sostenere le associazioni e i singoli pescatori al fine di promuovere la lorocapacità di migliorare la sicurezza del reddito e dei mezzi di sussistenza (d) e i meccanismi di commercializzazione (e)7.6 Facilitare l'accesso aimercati locali (f), nazionali (g) e internazionali (h) e introdurre regolamenti e procedure commerciali a sostegnodel commercio sui mercati i)7.10 Agevolare l'accesso alleinformazioni rilevanti sul mercato esugli scambi (j)Manuale di commercializzazione diretta dei pescatori dell'AlaskaCd, ef, g Progetto comunitario di stoccaggio frigoriferoAd, ef, g, hConsultazioniindividuali: informazione e valutazione delle impreseCd, ef, g, h jPesce Imprenditore e tentativi di ottenere marketing diretto organizzatob, cd, eWorkshop: marketing diretto, gestione della qualitàC d, ef, gCaliforniaStudio di fattibilità della pesca finanziato dalla Comunitàd, efjAccordi di commercializzazione diretta dei frutti di mare studioCd, ef, gj Market YourCatch sitoCd, ef, gjWorkshop: marketing diretto, sicurezza dei frutti di mare e qualità, pesca commercialeCd, e f, gj«Pacific to Plate» legislatione/mercati portualief, i

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


  1. Usiamo il termine «pescatore (uomini)» in quanto è accettato e tipicamente preferito dagli uomini e dalle donne che pescano al largo della costa occidentale degli Stati Uniti. 

  2. Per ulteriori informazioni sull'SDM e altre attività dei singoli SGEP: https://seagrant.noaa. gov/estensione. 

  3. per la descrizione dei tipi di attrezzi descritti, < https://caseagrant.ucsd.edu/project/discover-california-commercial-fisheries

  4. In Alaska, con l'emergere di SDM, piccoli processori specializzati nel fumo, nell'inscatolamento e nella gestione di prodotti ittici di piccole dimensioni si sono espansi fino a diventare «processori personalizzati» per i commercianti diretti di pesce. Spesso accettano piccoli ordini e addebitano una tassa per libbra per la lavorazione speciale, l'etichettatura, il congelamento e/o la conservazione dei prodotti. 

  5. Per informazioni, < https://alaskaseagrant.org/event/introduction-to-starting-and-operating-a-seafood-direct-marketing-b

  6. < http://fishbiz.seagrant.uaf.edu/ >. 

  7. < http://fishbiz.seagrant.uaf.edu/and-diversify/direct-marketing.html

  8. < https://www.ci.petersburg.ak.us/index.asp?SEC=A38C27BF-CFA9-40BF-921E-CB487EE33FFF&Type=B_BASIC >. 

  9. Dal 1974 i consulenti SIEG della California forniscono assistenza alla trasformazione e alla commercializzazione dei frutti di mare, anche se non specifici per l'SDM. 

  10. California Marine Life Management Act del 1998 e Magnuson-Stevens Fishery Conservation and Management Act, US Public Law 94-265 e seguenti. 

  11. < https://caseagrant.ucsd.edu/project/discover-california-commercial-fisheries >. 

  12. < https://caseagrant.ucsd.edu/project/discover-california-commercial-fisheries/regional-seafood-posters >. 

  13. Per ulteriori informazioni: < http://www.newportbeachca.gov/PLN/General_Plan/07_Ch6_HistoricalResources_web.pdf

  14. < http://thdocksidemarket.com/new/

  15. per i dati sull'Alaska, vedere < https://www.cfec.state.ak.us/gpbycen/2018/MenuStat.htm >. Dati analoghi per la California non sono prontamente disponibili. 

  16. Per ulteriori informazioni: < https://www.slideshare.net/OregonSeaGrant/development-of-an-indonesian-sea-grant-partnership-program%2C%20accessed >. 


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.