common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Una serie di fattori — la disposizione urbana esistente, le percezioni e gli atteggiamenti nei confronti dell'uso dello spazio urbano e il clima politico prevalente — operano tutti a livello specifico della città per influenzare lo sviluppo dell'agricoltura urbana. Nella maggior parte dei paesi del Nord Globale non esiste una categoria indipendente per l'agricoltura urbana nei piani di zonizzazione comunale, poiché l'agricoltura è stata storicamente considerata un'attività rurale dai progettisti urbani. L'agricoltura urbana in Europa sembra rientrare tra diversi settori politici, nonostante le assicurazioni della Commissione europea che i programmi di sviluppo rurale degli Stati membri possono essere utilizzati a beneficio dell'agricoltura urbana. Per alcuni, potrebbe non essere di natura agricola sufficiente a garantire un sostegno nell'ambito del primo pilastro della politica agricola comune (come è caratterizzato da un'agricoltura più convenzionale). Per altri, non è considerato sufficientemente rurale da garantire un sostegno nell'ambito dei suddetti programmi di sviluppo rurale. Guardando al futuro, la sfida per l'agricoltura urbana è come realizzare la necessaria integrazione in tutti i settori politici dell'UE nel prossimo periodo di programmazione, post-2020 (McElDowney 2017). Il settore agricolo urbano in Europa è quindi caratterizzato da iniziative dal basso verso l'alto, informali e non istituzionalizzate. Sebbene l'agricoltura urbana cominci ad essere riconosciuta a livello istituzionale in alcuni paesi, mancano ancora le politiche pubbliche che si concentrano direttamente su di essa. L'agricoltura urbana è generalmente considerata una responsabilità dei governi locali, ma poiché spesso manca un quadro formale, il sostegno a livello di governo locale tende ad essere informale e frammentato. Ad esempio, il London Plan, che è la strategia di sviluppo spaziale per l'area della Greater London, afferma semplicemente che i distretti dovrebbero identificare potenziali siti che potrebbero essere utilizzati per la produzione alimentare commerciale nei loro piani di sviluppo. Con un quadro politico adeguato, le iniziative potrebbero diventare più fondate e garantite. L'inclusione dell'agricoltura integrata negli edifici nelle politiche di sviluppo urbano o nei piani quadro di pianificazione urbana ne accrescerebbe l'importanza per lo sviluppo urbano. Ad esempio, modificando i codici di zonizzazione — consentendo attività di coltivazione alimentare in determinate categorie o adottando una zona formale per l'agricoltura urbana —, riconoscendo l'agricoltura urbana come una strategia di sviluppo economico, facilitando l'accesso ai terreni ed eliminando le restrizioni derivanti da altri settori politici, tutti potrebbero avere un impatto positivo sullo sviluppo dell'agricoltura urbana (Prové et al. 2016).

Alcune città hanno compiuto i primi passi per adattare i codici locali per promuovere l'agricoltura urbana. Parigi ha adottato un approccio molto strutturato e proattivo, che ha iniziato con la verifica di tutti gli edifici pubblici sottosfruttati o vuoti che potrebbero potenzialmente ospitare fattorie urbane. Nel 2016 le regole urbanistiche sono state modificate per consentire la costruzione di 7 metri al di sopra dei limiti massimi di altezza se si vuole costruire una serra agricola, e il sindaco di Parigi ha lanciato l'iniziativa Parisculteurs che mira a coprire 100 ettari di tetti e muri a Parigi con vegetazione entro il 2020, di cui un terzo sarà destinato specificamente all'agricoltura urbana. I proprietari pubblici e privati di immobili sono stati invitati a presentare spazi adeguati che potrebbero essere utilizzati per questa iniziativa, e architetti e designer hanno poi presentato proposte site-specific. Uno dei vincitori del primo round del concorso è stato il progetto Green'elle, che ha proposto la prima fattoria acquaponica sul tetto della città. Il permesso di pianificazione è stato assegnato nel 2018, e quando operativo la serra 3000 m2 avrà una capacità produttiva annua di 30 tonnellate di frutta e verdura e 3 tonnellate di trote. I prodotti saranno venduti ai residenti locali attraverso un sistema comunitario di scatole di ortaggi per l'agricoltura sostenuta dalla Comunità, nonché ai mercati, ai ristoranti e ai grossisti. Un altro vincitore è stato La Caverne, una fattoria verticale che coltiva funghi, indivia e microverdi in un parcheggio sotterraneo. HRVST dans le Métro è stato uno dei vincitori del secondo turno. Situato in un circuito sotterraneo in disuso sotto il Parc Monceau, l'azienda agricola verticale di 5000 m2 coltiverà prodotti destinati a ristoranti di fascia alta. Un terzo round della competizione è in corso nel 2019. Un'altra iniziativa lanciata dal sindaco di Parigi è Reinventir Paris, un invito a progetti innovativi di sviluppo urbano per rivelare tutto il potenziale degli spazi sotterranei di Parigi. Pur essendo più ampia nell'ambito dell'iniziativa Parisculteurs, con team invitati a proporre progetti che siano contemporaneamente architettonici, economici, culturali e sociali, uno dei vincitori del primo round è stato FlabFarm, un 450 m2 microfattoria insetti e ristorante situato in un seminterrato a due piani che è prevista per l'apertura nel 2021.

Negli ultimi anni, New York City è diventata un epicentro per l'agricoltura urbana. Prima del 2012 le leggi sulla suddivisione in zone di New York consideravano le serre sul tetto come spazio occupato aggiuntivo che contava verso il rapporto FAR (Floor Area Ratio) calcolabile di un edificio, e quindi non erano consentite su edifici già in corrispondenza o in prossimità del limite massimo FAR. Ciò è cambiato nel 2012, quando il Dipartimento di Urbanistica ha approvato un Zone Green Text Emendment che ha incoraggiato la costruzione di nuovi edifici e l'ammodernamento di quelli esistenti per renderli più efficienti dal punto di vista energetico e sostenibile, comprese le ristrutturazioni che incoraggiano l'agricoltura urbana. Tra le disposizioni contenute nell'emendamento a favore dell'agricoltura a ambiente controllato, l'agricoltura prevedeva che una serra sul tetto fosse considerata un «ostacolo consentito», esentandola dalle FAR di un distretto di zonizzazione fintanto che si trovava su un edificio senza residenze, utilizzato principalmente per la coltivazione di piante, meno di 7,6 metri di altezza, per lo più trasparente, e arretrato dal muro perimetrale di 1,8 metri se superava l'altezza dell'edificio del distretto (Goodman & Minner 2019).

Un certo numero di funzionari pubblici hanno anche sostenuto proattivamente lo sviluppo dell'agricoltura urbana Ad esempio, nel 2015 il sindaco di New York ha introdotto una legge locale per modificare la Carta di New York per creare un consiglio consultivo per l'agricoltura urbana, e nel 2017 il presidente del Borough di Brooklyn ha introdotto che chiede al Dipartimento di Pianificazione della Città di New York di creare un piano agricolo urbano completo per capitalizzare il movimento agricolo urbano e utilizzarlo per affrontare l'empowerment della comunità e dei giovani, lo sviluppo economico e l'assistenza sanitaria. Anche se il piano non è avanzato, una legge locale provvisoria ha portato alla creazione di un funzionario New York City urban agriculture website che funge da landing page per gli agricoltori interessati. Tuttavia, in termini di agricoltura controllata, l'attenzione delle autorità locali si è concentrata sul finanziamento dell'agricoltura idroponica nelle scuole, piuttosto che sullo sviluppo dell'agricoltura commerciale. Da un recente studio è emerso che, rispetto a 131 strutture nelle scuole pubbliche, ci sono solo 8 aziende commerciali CEA in città: sei serre sul tetto (cinque idroponiche e una acquaponica), una fabbrica di piante e una fattoria di contenitori (Goodman & Minner 2019).

Sebbene la CEA commerciale abbia portato alla creazione di un numero limitato di posti di lavoro verdi urbani, essa potrebbe non fornire benefici sufficienti per giustificare il sostegno del settore pubblico. I prodotti coltivati dalle fattorie commerciali CEA a New York City contribuiscono in misura minima ai 1.848.500 chili di frutta e verdura consumati annualmente dai residenti. Ci sono anche poche prove che i prodotti CEA coltivati a New York City stanno affrontando problemi di insicurezza alimentare e di accesso che interessano quasi tre milioni di nuovi

Yorkers, specialmente quelli delle comunità a basso reddito. Questo può essere dovuto al fatto che i prodotti CEA coltivati localmente sono troppo costosi, o non sono disponibili in un numero sufficiente di negozi alimentari vicini, o per motivi non ancora identificati. Anche i prodotti coltivati nelle fattorie commerciali CEA a New York City tendono ad avere solo un valore nutrizionale moderato: gli elevati costi di avviamento fanno sì che gli agricoltori urbani debbano recuperare questi costi coltivando colture di alto valore per i consumatori ricchi, come lattuga e basilico, piuttosto che prodotti nutrizionali a prezzi di prezzo per residenti a basso reddito, come spinaci e cavoli. Il prodotto contribuisce quindi solo in misura minima all'obiettivo dei funzionari eletti che sostengono l'agricoltura urbana di aumentare il consumo di frutta e verdura sana dei newyorkesi, in particolare quelli a rischio di obesità, diabete e malattie croniche correlate alla salute (Goodman & Minner 2019).

Sebbene i risultati di questo studio siano specifici per New York City, essi hanno implicazioni per l'adozione della CEA in altri centri urbani. Il sostegno comunale a tali iniziative sarà ottenuto solo se saranno dimostrati i presunti benefici — il potenziale ambientale, economico e sociale — di progetti situati su tetti e terreni pubblici.

*Copyright © Partner del progetto Aqu @teach. Aqu @teach è un partenariato strategico Erasmus+ per l'istruzione superiore (2017-2020) guidato dall'Università di Greenwich, in collaborazione con l'Università di Scienze Applicate di Zurigo (Svizzera), l'Università Tecnica di Madrid (Spagna), l'Università di Lubiana e il Centro Biotecnico Naklo (Slovenia) . *

Consultare il sommario per ulteriori argomenti.


[email protected]

https://aquateach.wordpress.com/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.