Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Raymond Kwojori Ayilu Facoltà di scienze artistiche e sociali, University of Technology, Sydney, Australia ** Sarah Appia Dipartimento di Economia, Università del Ghana, Accra

Dal 2014 al 2018, il Fish Trade Project (un progetto congiunto del WorldFish Center, dell'African Union Interafrican Bureau for Animal Resourau and the New Partnership for Africa Development) ha attuato iniziative commerciali e orientate al mercato per sostenere la pesca su piccola scala nella sottoregione della Pesca Comitato per il Golfo centro-occidentale della Guinea (FCWC). Un'iniziativa è stata la creazione della FCWC Fish Traders and Processors Network (FCWC FishNet), una piattaforma composta da piccoli trader e trasformatori, con l'obiettivo di informare le lacune politiche e di progettare incentivi orientati al mercato per sfruttare il potere collettivo dei suoi membri per facilitare le regioni commercio. Questo caso di studio esamina le attività di FCWC FishNet per riflettere sul ruolo delle reti commerciali socioeconomiche nella pesca su piccola scala, in linea con le raccomandazioni specifiche del capitolo 7 degli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà. Sono stati utilizzati dati secondari integrati dall'indagine primaria. Lo studio sottolinea le attività di FCWC FishNet nella promozione di prodotti ittici affumicati di qualità, riducendo le perdite post-raccolta e divulgando la tecnica di lavorazione FAO-Thiaroye per eliminare le minacce per la salute poste dal forno Chorkor. Si è discusso anche dell'uso degli scambi di apprendimento della pesca per promuovere migliori tecniche di manipolazione, trasformazione e confezionamento del pesce come mezzo per aggiungere valore e diversificare i canali commerciali per i prodotti ittici. Lo studio rileva che FCWC FishNet ha generato una maggiore fiducia tra i membri della rete, consentendo ai trader di condurre affari tra loro su base creditizia e migliorando la comunicazione complessiva e l'esperienza aziendale. Allo stesso modo, ha facilitato le iniziative volte a ridurre le perdite post-raccolta migliorando i sistemi di trasformazione e di scambio. Infine, il caso di studio sottolinea il ruolo convincente della creazione di reti commerciali nel discorso sulla pesca su piccola scala, fornendo al contempo lezioni ai professionisti e ai responsabili politici nel settore della pesca.

*Parole chiave: * Commercio del pesce, accesso al mercato, rete commerciale, pesca su piccola scala, sottoregione FCWC.

La sottoregione del Comitato per la pesca del Golfo centro-occidentale della Guinea (FCWC) 1 si estende dalla Liberia alla Nigeria per un totale di 2.633 km e una zona economica esclusiva di 923 916 km (figura 4.1). Nella maggior parte delle comunità costiere della sottoregione, le attività di pesca sono per lo più su piccola scala. Le specie pelagiche di basso valore vengono raccolte principalmente utilizzando canoe. I prodotti ittici costituiscono un importante prodotto alimentare e sono commercializzati e distribuiti ampiamente in tutta la sottoregione FCWC. Il settore della pesca impiega oltre 3 milioni di persone sia direttamente che indirettamente nell'Africa occidentale (WARFP, 2017); il pescato annuo è stimato a circa 3,5 miliardi di dollari (Belhabib, Sumaila e Pauly, 2015), con 6,7 milioni di persone che derivano dal settore. La percentuale di pesce come parte dell'apporto totale di proteine animali e il consumo medio annuo di pesce nei paesi membri della FCWC varia rispettivamente tra il 40 e il 60 per cento e i 18-20 kg (FAO, 2016). L'attività di pesca su piccola scala è dominata dagli uomini, mentre le attività di trasformazione, commercializzazione e commercio sono per lo più controllate dalle donne. Nonostante il ruolo predominante della pesca su piccola scala nella sottoregione FCWC, il settore sta attualmente vivendo un eccessivo sfruttamento e un calo degli stock ittici, esponendo le comunità costiere a vulnerabilità di sussistenza.

! image-20210521191359210

Le rotte commerciali per la pesca su piccola scala rimangono informali e intrecciate all'interno della sottoregione FCWC. Attualmente esistono due tipi principali di canali di commercializzazione del pesce per la pesca su piccola scala: i mercati interni e quelli intraregionali. I mercati interni rispondono alle esigenze locali della domanda e dell'offerta, mentre i mercati intraregionali attraggono commercianti di pesce e trasformatori provenienti dai paesi limitrofi. I prodotti ittici provenienti dal Ghana vengono esportati e importati informalmente nei vicini Benin, Costa d'Avorio, Nigeria e Togo. Le stime di Ayilu et al. (2016) per alcuni mercati (martedì, Denu e Dambai) in Ghana hanno rivelato che circa 6 000 tonnellate di prodotti ittici per un valore di 18,6 milioni di USD sono esportate annualmente attraverso rotte informali verso il Togo e il Benin. Inoltre, i paesi della sottoregione FCWC importano quantitativi significativi di prodotti ittici dal Senegal, sempre attraverso rotte informali. Il commercio formale della pesca su piccola scala, d'altra parte, non è predominante nella sottoregione; pochissimi pesci catturati dalla piccola pesca vengono esportati. Viceversa, i paesi FCWC esportano annualmente un quantitativo significativo di prodotti della pesca attraverso canali formali verso l'Europa, gli Stati Uniti d'America e l'Asia. Tali esportazioni provengono principalmente dalla pesca industriale e comprendono specie come tonno congelato, tonno in scatola (tonno, pezzi di tonno e poltiglia di tonno), pesce essiccato o affumicato, e altri pesci demersali assortiti come seppie, granchi e aragoste, oltre ad altri piccoli pelagici. In Ghana, ad esempio, nel 2013 sono state esportate un totale di 57 000 tonnellate (210 milioni di dollari) (Failler, Beyens e Asiedu, 2014).

! image-20210521191430973

La promozione del commercio intraregionale delle materie prime è diventata importante nell'agenda africana per l'integrazione regionale. Tra le altre cose, questi sforzi mirano ad affrontare questioni di scarsa qualità dei prodotti e a migliorare le infrastrutture commerciali nel continente. A questo proposito, l'Unione africana (UA), le Comunità economiche regionali e il nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa (NEPAD) hanno dato priorità agli sforzi per rafforzare gli scambi regionali. Tra i principali prodotti identificati per gli investimenti e il sostegno alle politiche figurano il pesce e i prodotti della pesca. Pertanto, il progetto Fish Trade Project (FTP) è stato creato per sostenere iniziative commerciali e di mercato nel settore della pesca su piccola scala. L'FTP è stato progettato dal WorldFish Center, dall'UA Interafricano Bureau for Animal Resourau (AU-IBAR) e dal NEPAD, e finanziato dall'Unione Europea. Il progetto si è svolto dal 2014 al 2018, lavorando in quattro diversi corridoi commerciali in Africa: occidentale, meridionale, orientale e centrale (Figura 4.2). L'obiettivo centrale dell'FTP era quello di migliorare l'alimentazione e ridurre la povertà nell'Africa subsahariana, raccogliendo informazioni sulla struttura, sui prodotti e sul valore del commercio intraregionale del pesce per quanto riguarda la sicurezza alimentare nell'Africa subsahariana e rendendola disponibile alle parti interessate; ii) formulando una serie di raccomandazioni sulle politiche, le procedure di certificazione, le norme e i regolamenti, e l'integrazione nelle attività di pesca nazionali e regionali, nonché nei quadri di politica agricola, commerciale e di sicurezza alimentare; iii) potenziare la capacità commerciale tra le associazioni del settore privato, in particolare quella delle donne trasformatrici e commercianti di prodotti ittici e i produttori di acquacoltura, per sfruttare meglio le opportunità commerciali in espansione attraverso piccole e medie imprese competitive; e (iv) facilitare l'adozione e l'attuazione di politiche, procedure di certificazione, norme e regolamenti appropriati in Africa da parte dei principali soggetti interessati che partecipano all'attività intraregionale. commercio. È importante sottolineare che l'FTP si è allineato con gli obiettivi internazionali più ampi della politica della pesca su piccola scala. In primo luogo, a livello globale, l'FTP ha contribuito all'attuazione delle Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà (Linee guida sugli SSF) (FAO, 2015) attraverso una migliore integrazione del commercio della pesca su piccola scala nella sicurezza alimentare nazionale strategie e agende. In secondo luogo, a livello continentale, ha contribuito al quadro politico dell'UA e alla strategia di riforma per la pesca e l'acquacoltura in Africa (PFRS), che mira a promuovere il commercio e la commercializzazione del pesce responsabili ed equi sfruttando in modo significativo i benefici delle dotazioni africane in materia di pesca e acquacoltura.

Le sfide che devono affrontare gli scambi nazionali e transfrontalieri della pesca su piccola scala nella sottoregione FCWC sono diverse (UNCTAD, 2017; ICSF, 2002). Questi includono infrastrutture di mercato inadeguate, scarsa qualità e breve durata di conservazione dei prodotti ittici trasformati, norme e norme alle frontiere sfavorevoli e restrittive e mancanza di sostegno al credito a causa della natura informale della pesca su piccola scala (Ayilu et al., 2016). I mercati del pesce e i sistemi commerciali funzionano, anche se in circostanze difficili; la maggior parte dei mercati sono antigienici, mancano di infrastrutture adeguate e offrono poco o nessun sistema di stoccaggio. Allo stesso modo, i siti di lavorazione non dispongono di strutture di base come acqua corrente, elettricità, ghiaccio e impianti di stoccaggio o refrigerazione. Inoltre, i piccoli lavoratori della pesca hanno una conoscenza insufficiente di una corretta manipolazione, conservazione, trasformazione e imballaggio dei pesci. A livello di politica, la mancanza di politiche e normative commerciali armoniose tra i paesi comporta complessi processi commerciali transfrontalieri, con molestie ai punti di controllo e confisca dei prodotti. Infine, i finanziamenti formali sono difficili da garantire, poiché le attività di pesca su piccola scala non soddisfano le condizioni di rimborso richieste.

Per affrontare queste sfide, l'FTP ha istituito la FCWC Fish Traders and Processors Network (FCWC FishNet), una piattaforma composta da trader e processori su piccola scala. Il suo obiettivo è: a) contribuire a informare le lacune politiche e a progettare incentivi orientati al mercato, e b) sfruttare il potere collettivo dei suoi membri per facilitare gli scambi regionali. Questo caso di studio offre approfondimenti sul ruolo che le reti socioeconomiche e commerciali possono svolgere nel promuovere le iniziative della catena del valore nella pesca su piccola scala.

Le attività di FCWC FishNet si allineano strettamente con le disposizioni di cui al capitolo 7 degli orientamenti sull'FSS, in particolare i paragrafi 7.3, 7.6 e 7.10. In relazione a 7.3, questo studio evidenzia le attività di FCWC FishNet nella promozione di prodotti ittici affumicati di qualità, riducendo le perdite post-raccolta e riducendo le minacce per la salute poste ai trasformatori di pesce sostenendo la tecnica di lavorazione FAO-Thiaroye (FTT) sul forno Chorkor. Tali orientamenti sono conformi al paragrafo 7.3 degli orientamenti sugli SSF per sostenere il sottosettore delle piccole filiere post-raccolta nella produzione di prodotti ittici sicuri e di buona qualità, sia per i mercati di esportazione che per i mercati nazionali. Lo studio discute anche l'uso degli scambi di apprendimento della pesca (FLE) per promuovere migliori tecniche di manipolazione, trasformazione e confezionamento del pesce come mezzo per aggiungere valore e diversificare i canali commerciali per i prodotti ittici. Oltre a FLEs, la sua presenza come piattaforma comunitaria ha aiutato FCWC FishNet a generare fiducia, consentendo ai trader di condurre attività transfrontaliere tra loro su base creditizia, migliorando così la comunicazione e l'esperienza aziendale. Questo fa eco alla raccomandazione 7.10, che sostiene di consentire alla pesca su piccola scala di adeguarsi alle mutevoli condizioni e tendenze dei mercati globali e locali. Infine, in relazione al paragrafo 7.6, FCWC FishNet sostiene gli sforzi regionali volti ad armonizzare e facilitare gli scambi transfrontalieri, rendendo più accessibili i mercati.

Il resto dello studio è organizzato come segue. Prima presentiamo i metodi, evidenziando i processi di raccolta dei dati. Successivamente presentiamo i risultati, con discussione e analisi. Ciò comporta una panoramica di FCWC FishNet, seguita dalle iniziative intraprese per potenziare gli scambi di pesca su piccola scala. Infine, concludiamo lo studio con una conclusione che evidenzia le buone pratiche rivelate durante il caso di studio.

Il caso studio ha ricavato informazioni e dati principalmente da fonti secondarie, completati da un'indagine primaria nel corso dello studio.

Le fasi preliminari hanno riguardato una revisione delle attività FTP condotte nella sottoregione FCWC (Chimatiro, 2018; Abbey et al., 2018; FCWC, 2018; Ayilu et al., 2016; Chimatiro, Banda e Tall, 2015). Questi rapporti hanno fornito un pool di informazioni e dati sull'FTP e approfondimenti su FCWC FishNet. L'approccio di revisione secondaria ha permesso di sintetizzare le diverse relazioni pur garantendo una più ampia comprensione dell'obiettivo centrale dello studio.

Sono stati presentati questionari semi-strutturati a 20 trasformatori e commercianti che si occupano di pesca su piccola scala; questi sono stati selezionati dal Martedi' Market, un importante mercato ittico transfrontaliero in Ghana. È stata inoltre condotta una discussione con l'hub Manhean Fish Processors and Traders (situato nella città di Tema) che comprende otto partecipanti. Due consulenti del team di implementazione FTP nella regione e del segretariato FCWC sono stati selezionati appositamente per le interviste. Questo approccio ha aiutato a illustrare i risultati e le sfide di FCWC FishNet e le lezioni generali apprese. Le molteplici interviste con diversi stakeholder hanno ampliato la comprensione delle politiche e dei processi istituzionali e il collegamento con le attività di FCWC FishNet.

FCWC FishNet è stata costituita nell'ambito dell'FTP con l'obiettivo di incrementare le opportunità economiche attraverso iniziative commerciali e incentrate sul mercato. Essa mira a creare una piattaforma unificata per la pesca su piccola scala, con membri composti principalmente da commercianti e trasformatori a livello nazionale e regionale. È stato sviluppato attraverso la cooperazione tra la FCWC e i rappresentanti dei commercianti ittici e delle associazioni di trasformatori. FCWC FishNet alimenta gli sforzi dell'Unione africana volti a mobilitare vari attori della pesca non statali per sostenere l'attuazione degli orientamenti sugli SSF e del PFRS. Si allinea con l'obiettivo strategico della pesca su piccola scala del PFRS di «migliorare e rafforzare il contributo della pesca su piccola scala alla riduzione della povertà, alla sicurezza alimentare e nutrizionale e ai benefici socioeconomici delle comunità di pescatori» (NEPAD, 2014, pag. 17).

Nelle piccole comunità di pescatori dell'Africa occidentale, i forni da fumo Chorkor sono popolari tra i processori. Tuttavia, questi forni producono una concentrazione dannosa di idrocarburi policiclici aromatici (IPA), alcuni dei quali sono cancerogeni e possono portare a complicazioni polmonari, tegumentari e oculari (Stolyhwo e Sikorski, 2005). Gli IPA vengono depositati come residuo sul pesce durante l'affumicatura, riducendo così la qualità del pesce e successivamente il suo valore per i mercati europei. L'utilizzo di questo metodo per elaborare il pesce richiede una media di 12 ore al giorno. Si tratta spesso di una delle uniche forme di occupazione disponibili per le donne costiere e, a causa dei rischi per la salute, spesso costringe i trasformatori al pensionamento anticipato. Un ulteriore svantaggio associato ai forni Chorkor è l'inefficiente tasso di combustione, che porta a livelli insostenibili di deforestazione.

La situazione precaria dei commercianti e dei trasformatori che si affidano ai forni Chorkor ha portato FCWC FishNet a sostenere lo sviluppo e l'adozione della tecnica di lavorazione FAO-Thiaroye (FTT) nella sottoregione FCWC. Il forno FTT è una tecnologia migliorata per l'affumicatura dei pesci introdotta nell'ultimo decennio dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO). Inizialmente destinato alle medie imprese, dal 2014 è stato promosso anche per le piccole imprese di trasformazione. I vantaggi del forno FTT includono una combustione più efficiente, che porta ad una riduzione della deforestazione, migliori condizioni di lavoro per i trasformatori, con conseguente riduzione dei rischi per la salute e del tempo impiegato per il funzionamento dei forni, e un prodotto migliorato con un gusto migliore (tabella 4.1).

TABELLA 4.1 Analisi comparativa dei diversi sistemi di affumicatura dei pesci

Tipo di sistema CRITERITECNICItamburo metallicoChorkorFTTTipo di costruzioneRudimentaleMigliorato Basato su modelli di forno esistenti, affrontando le loro carenzeTempo di fumoFino a 3 giorni1 giorno3—6 oreControllo del fuoco e del fumoMoltolimitato LimitatoMolto alto Fumo Tecnicasimultanea Fumo ed essiccazioneSeparato Fumo ed essiccazioneSeparato Fumareed essiccazioneDispositivo di raccolta del grasso di pesceNessunoIncluso NessunoinclusoCRITERI ECONOMICICosto del forno (USD)263451 600Capacitàfumatori(kg di pesce al giorno)150—200200— 3003 000Quantità di legname utilizzato (kg) per 1 kg di pesce3—5> 0,80,8Durata2 anni3—15 anni> 15 anniGuadagnomedio Postidilavoro ausiliarimediElevatiCRITERI SOCIALIElevatiEsposizione al calore/fumoFrequentiMolto bassi Sicurezza e qualità del pesce affumicatoQualità inferioreQualità minoreQualitàpiù sicura e più alta qualità

*Fonte: * Mindjimba, 2019.

Dopo il primo pilotaggio dell'FTT ad Abidjan, Costa d'Avorio, la FAO ha iniziato a lavorare con FCWC FishNet e altre reti socioeconomiche per diffondere il forno in tutta la sottoregione FCWC. La FAO ha sostenuto l'introduzione del forno FTT, che costa tra 800 e 1 600 USD. L'alto costo del forno FTT è una delle principali preoccupazioni per commercianti e trasformatori (Mindjimba, 2019). Inoltre, alcuni consumatori indicano ancora una preferenza per il pesce affumicato dal forno Chorkor, nonostante i rischi per la salute ad esso associati. Le previsioni prevedono che questa forza di mercato cambierà con l'aumentare della domanda di pesce affumicato FTT tra le classi medie emergenti dell'Africa.

Al fine di catalizzare questo processo, FCWC FishNet utilizza la sua leva come piattaforma per incoraggiare le piccole comunità di pescatori ad adottare l'FTT come metodo preferito per il fumo. I canali di advocacy per divulgare l'FTT includono la formazione di «agenti del cambiamento», l'apprendimento peer-to-peer e dimostrazioni pratiche sul campo. Il ruolo di un agente del cambiamento è quello di incoraggiare le persone a riconoscere e ad interessarsi a risolvere i problemi locali e a guidarli, se necessario, in modo da realizzare un piano d'azione sostenibile (FAO, 2011). Nel contesto del forno FTT, gli agenti di cambiamento addestrano commercianti e trasformatori di pesce selezionati che fungono da ambasciatori per la nuova tecnica. Questi ambasciatori, a loro volta, formano altri commercianti e trasformatori nelle piccole comunità di pescatori. Queste sessioni di formazione confrontano il forno Chorkor con il forno FTT sui temi dell'efficienza dei consumi, della salute e delle opportunità nei mercati nazionali e di esportazione. Ad oggi, almeno 45 individui in Ghana hanno beneficiato di questa formazione, compresi i giovani delle comunità costiere. L'apprendimento peer-to-peer e le dimostrazioni pratiche sul campo sono una strategia efficace per la diffusione delle TT. Ad esempio, con il sostegno della FCWC, cinque commercianti e trasformatori della Liberia sono stati formati in Ghana per la costruzione, l'uso e la manutenzione del forno FTT. Questa traiettoria di apprendimento sta migliorando la qualità dei prodotti a base di pesce affumicato e dovrebbe sostenere gli sforzi per armonizzare gli standard di affumicatura, migliorare il commercio e aggiungere valore alla catena del valore del pesce affumicato.

Vi sono già indicazioni che l'FTT si sta affermando sul mercato. Grazie alla qualità migliorata, i prodotti a base di pesce affumicato vengono commercializzati nei principali supermercati e punti vendita di Abidjan e Accra. Nel complesso, non vi è dubbio che la promozione e la divulgazione orchestrata da FCWC FishNet ha e continuerà a ridurre le perdite post-raccolta e a creare valore aggiunto attraverso prodotti a base di pesce affumicato di buona qualità sia per i mercati di esportazione che nazionali.

La FAO (2019) stima che i rigetti annuali derivanti dalla pesca mondiale di cattura marina tra il 2010 e il 2014 siano stati di 9,1 milioni di tonnellate. Questi rigetti sono spesso il risultato di scarse pratiche di stoccaggio, manipolazione e lavorazione post-raccolta. Queste pratiche possono essere migliorate con l'aiuto di Fisheries Learning Exchange (FLES), che riuniscono rappresentanti di diverse comunità per condividere conoscenze e competenze nella gestione della pesca, comprendendo argomenti come le tecniche di manipolazione (Rocliffe, 2018).

Le FLE contribuiscono a migliorare la capacità dei commercianti e dei trasformatori di pesce condividendo buone pratiche all'interno della FCWC. Ad oggi, i membri di FCWC FishNet sono stati coinvolti nell'organizzazione di FLE sulle tecniche di affumicatura, igiene e lavorazione, confezionamento e tecniche di trading. Queste FLE hanno incluso visite sul campo, dimostrazioni in loco, dialogo individuale e workshop.

Esempi particolari includono un FLE per migliorare la movimentazione, la lavorazione e l'imballaggio del pesce presso il centro di sbarco e trasformazione del pesce King Mohammed IV di Abidjan per commercianti e trasformatori di FCWC. Un altro FLE, ospitato presso la Felix Houphouet- Boigny University, si è concentrato su diverse forme di imballaggio disponibili per la pesca su piccola scala. L'argomento chiave era la contaminazione associata alle carte in plastica e cemento, soprattutto se confrontata con imballaggi tradizionali e verdi come atieke 2 foglie e cestini intrecciati. Come estensione della FLE dell'Università Felix Houphouet-Boigny, FCWC FishNet ha organizzato ulteriori discussioni orientate sulle nuove ed emergenti catene del valore nell'Africa occidentale e su come le piccole e medie imprese possano accedervi. Le discussioni hanno riguardato catene del valore che forniscono la crescente industria alberghiera e la comunità espatriata in Africa occidentale.

Le FLE si stanno rivelando un canale altamente efficace attraverso il quale comunicare informazioni rilevanti sul mercato e sul commercio e condividere buone pratiche post-raccolta relative alla trasformazione, all'igiene e all'imballaggio, rispondendo in tal modo ai criteri di cui al paragrafo 7.10 degli orientamenti sugli SSF.

L'accesso al credito e ai costi di trasporto costituiscono vincoli importanti per la pesca su piccola scala nella regione. L'accesso al credito in particolare è più limitativo e burocratico per i piccoli commercianti e i trasformatori della pesca. Di conseguenza, essi evitano completamente o vengono rifiutati l'accesso alle opzioni di credito formali. Le ragioni di ciò includono l'incapacità dei commercianti e dei trasformatori di offrire pratiche contabili collaterali, inappropriate e carenti, e/o non sono in grado di esplorare le complessità e le procedure burocratiche associate alla valutazione del credito formale. Precedenti esperienze negative con i sistemi Ponzi 3 hanno ulteriormente scoraggiato i commercianti e i trasformatori di pesce dal trattare con istituti finanziari. Ancora più importante, le banche e gli istituti di credito considerano il commercio e l'elaborazione del pesce come un'attività informale, che è associata a un alto inadempimento dei prestiti. Pertanto, i tassi di interesse offerti alla pesca su piccola scala sono più elevati di quelli offerti ai settori formali, limitando così la loro flessibilità finanziaria. A ciò si aggiunge che il costo del trasporto delle partite di pesce ha notevolmente ostacolato le attività commerciali nazionali e transfrontaliere nel settore della pesca su piccola scala. Secondo Ayilu et al. (2016), il costo del trasporto costituisce circa un terzo dei costi totali di commercializzazione per commercianti e trasformatori di pesce nella FCWC.

! image-20210521191542191

Le istituzioni finanziarie hanno iniziato a esplorare la possibilità di concedere piccoli prestiti ai commercianti attraverso associazioni di categoria e reti, anche se questa innovazione è ancora nascente. Un istituto di microfinanza in Ghana sta attualmente pilotando questa opzione utilizzando una piccola rete di commercianti e trasformatori di pesce a Tema. I meccanismi dell'associazione di risparmio e prestiti del villaggio sono stati anche pilotati come canale per sostenere i trasformatori di pesce e i commercianti. Queste associazioni riuniscono commercianti e trasformatori per mettere in comune i loro risparmi per obiettivi concordati di comune accordo, come l'espansione delle loro attività. Nei paesi FCWC, le relazioni extracontrattuali sono una caratteristica importante delle transazioni economiche informali. Di conseguenza, le transazioni economiche informali e i partenariati commerciali dipendono dalla fiducia sociale e dalla conoscenza storica. La fiducia sociale prevalente nella sottoregione di FCWC deve la sua esistenza alle reti commerciali che FCWC FishNet ha promosso attraverso consessi nazionali e subregionali, attivazioni commerciali ed esposizioni. Questa fiducia consente ai commercianti di pesce e ai dettaglianti di trattare l'uno con l'altro senza pagamenti immediati in contanti, di solito su base creditizia. I dettaglianti di vari mercati ittici sono in grado di ottenere pesce da commercianti e grossisti a credito e rimborsare in un secondo momento per poter beneficiare di nuove partite e forniture. La fiducia sociale garantisce che i trader e i trasformatori con capitale minimo possono gradualmente espandere le loro attività di trading una volta instaurati buoni rapporti con i loro creditori. Poiché le relazioni comunitarie, la parentela e la fiducia sono parte integrante del commercio della pesca su piccola scala, questi partenariati sono molto resistenti. Ad esempio, i trasformatori del pesce ghanese forniscono prodotti ittici a credito alle loro controparti togolesi a seguito della loro storia.

Per quanto riguarda i trasporti, i commercianti e i trasformatori del pesce sfruttano le loro reti commerciali per ridurre i costi. Ad esempio, utilizzando le loro reti consolidate, gli importatori togolesi di pesce in Ghana hanno ottenuto camion merci alla rinfusa per le loro spedizioni di pesce. Il trasporto alla rinfusa presenta diversi vantaggi: consente agli importatori di negoziare tariffe di trasporto ridotte e contribuisce a garantire che le spedizioni arrivino con meno danni e meno difetti. Inoltre, le formalità dei posti d'ispezione frontalieri sono semplificate dalle ispezioni alla rinfusa delle partite di pesce, accelerando così la consegna tempestiva e sicura dei prodotti ittici. Inoltre, i commercianti notano che queste partnership consentono loro di affidarsi agli agenti per ordinare partite di pesce specifiche da grossisti e commercianti, eliminando la necessità per i commercianti di viaggiare da soli. Tutte queste strategie riducono al minimo i costi di trasporto e promuovono gli scambi di pesca su piccola scala. Di conseguenza, i commercianti di pesce sono in grado di aumentare il volume di pesce importato, garantendo così un'abbondante offerta di pesce alle comunità rurali a prezzi più bassi, svolgendo nel contempo un ruolo cruciale nel migliorare la sicurezza del reddito e del sostentamento e nel facilitare il commercio del pesce nei mercati nazionali e regionali.

Lo sviluppo di questi partenariati commerciali e di questi collegamenti attraverso la rete si è dimostrato solido di fronte ai vincoli del credito e dei trasporti. Tali azioni contribuiscono a migliorare l'accesso ai mercati e a facilitare gli scambi transfrontalieri, come raccomandato al paragrafo 7.6 degli orientamenti sull'FSE.

La crescita dei mercati urbani e il consumo di pesce hanno fornito un incentivo al commercio ittico nell'Africa occidentale. Tuttavia, le strozzature dell'informazione rimangono un ostacolo al regolare funzionamento delle piccole imprese ittiche e di altri prodotti alimentari come cereali, tuberi e bestiame. L'accesso alla tecnologia e alle informazioni consente ai commercianti del pesce di rispondere in modo appropriato alle dinamiche dei prezzi, della domanda e dell'offerta, nonché ad altre condizioni di mercato (Ayilu et al., 2016). In una certa misura, la rete commerciale ha facilitato il flusso di informazioni sui prezzi e sul mercato tra le piccole attività di pesca nella regione, in particolare attraverso il miglioramento delle interazioni tra imprese e clienti nei mercati del pesce. Le cosiddette «regine di mercato» (leader di gruppo) provenienti da vari mercati condividono informazioni sulle variazioni dei prezzi e sulla volatilità della domanda e dell'offerta tramite WhatsApp, SMS e Direct Calling. I commercianti e i trasformatori di pesce utilizzano quindi queste informazioni per evitare «viaggi vuoti», vale a dire intraprendere una gita di mercato solo per far fronte alla carenza di prodotti. Le informazioni sulle variazioni di prezzo consentono inoltre ai commercianti e ai trasformatori di pesce di comunicare qualsiasi volatilità delle catture ai pescatori sponsorizzati a terra, in modo che possano preparare la logistica necessaria per evitare perdite. Inoltre, le regine di mercato raggiungono un certo «potere cooperativo», consentendo loro di influenzare i prezzi e di gestire i volumi di approvvigionamento nel mercato del pesce. I membri di FCWC FishNet collaborano anche con l'Organizzazione intergovernativa per i servizi di informazione e cooperazione per i prodotti della pesca in Africa (Infopeche) ^6^ per verificare se il monitoraggio dei prezzi attraverso una piattaforma online potrebbe migliorare le loro attività commerciali. A questo proposito, le regine di mercato in mercati selezionati sono state addestrate a comunicare informazioni settimanali sui prezzi del pesce.

Facilitare il flusso di informazioni sui prezzi e sul mercato può avere effetti anche sugli scambi transfrontalieri. Si osserva infatti che i commercianti di pesce coinvolti in attività di rete commerciale hanno maggiori probabilità di partecipare al commercio transfrontaliero del pesce, grazie alle informazioni di prima mano sulle dinamiche di mercato transfrontaliere offerte dai loro colleghi, in particolare per quanto riguarda le fluttuazioni dei prezzi e le volatilità dei tassi di cambio.

Le attività summenzionate si allineano alla raccomandazione 7.10 degli orientamenti sugli SSF, in base alla quale la pesca su piccola scala dovrebbe essere in grado di accedere tempestivamente e accurate informazioni di mercato per aiutarle ad adeguarsi alle mutevoli condizioni di mercato.

Secondo Ayilu et al. (2016, p. 13), «Molti paesi dell'Africa occidentale hanno adottato l'accordo dell'OMC sull'applicazione delle misure sanitarie e fitosanitarie, che stabilisce le regole di base per la sicurezza alimentare, gli standard sanitari e vegetali». Per quanto riguarda il pesce e i prodotti della pesca, ciò richiede miglioramenti infrastrutturali a bordo delle navi, nei siti di sbarco e di trasformazione e negli stabilimenti commerciali, poiché molti commercianti e trasformatori del pesce non sono attualmente in grado di soddisfare tali norme. Tra le sfide principali figurano le cattive condizioni igieniche nei centri di lavorazione e la manipolazione e l'imballaggio inappropriati dei pesci. I sistemi di movimentazione e confezionamento del pesce post-raccolta sono necessari per garantire la qualità del pesce e garantire un periodo di conservazione più lungo per i prodotti ittici.

Per far fronte a queste limitazioni, FCWC FishNet ha rinnovato un centro transfrontaliero per il commercio e la lavorazione del pesce (il Manhean Fish Processors and Traders hub) a Tema (Ghana), lavorando attraverso l'FTP e con il supporto di WorldFish. Il centro di trasformazione attira commercianti e trasformatori di pesce dai paesi vicini e distribuisce una notevole quantità di prodotti della pesca trasformati su piccola scala ai mercati ittici in Benin, Burkina Faso, Costa d'Avorio, Ghana e Togo. La ristrutturazione di FCWC FishNet comprendeva l'aggiunta di un sistema di approvvigionamento idrico e servizi igienici. Commercianti e trasformatori riferiscono che l'impianto aggiornato può ora garantire prodotti ittici trasformati puliti e sicuri per il commercio. I miglioramenti consentono inoltre di lavorare più a lungo ed in modo più efficiente durante i raccolti dei paraurti. Durante questi periodi di paraurti, sono necessari orari di lavoro supplementari per elaborare volumi più elevati di pesce provenienti da vari siti di sbarco lungo la costa. I nuovi servizi offerti dal centro risparmiano ai commercianti e ai trasformatori la necessità di spostarsi in luoghi alternativi per fare il bagno, utilizzare servizi igienici e cambiare abbigliamento da lavoro e pannolini per neonati. Aneddoticamente, i commercianti sostengono inoltre che gli elevati volumi di perdite post-raccolta solitamente associati ai raccolti paraurti sono stati significativamente ridotti presso l'impianto di lavorazione. Ciò ha aumentato il volume di pesce trasformato disponibile sia per i mercati nazionali che regionali.

È importante sottolineare che il potenziamento delle attività dei commercianti e dei trasformatori di pesce attraverso una migliore infrastruttura connessa al mercato nelle comunità di pescatori supporta il sottosettore delle piccole filiere post-raccolta nella produzione di prodotti ittici sicuri e di buona qualità, sia per i mercati di esportazione che per i mercati nazionali, in un modo responsabile e sostenibile. Queste iniziative si inseriscono direttamente nella raccomandazione 7.3 degli orientamenti sugli SSF, contribuendo a migliorare il reddito e la sicurezza alimentare attraverso la riduzione delle perdite post-raccolta e degli sprechi e il miglioramento della qualità e della nutrizione dei pesci.

I responsabili politici a diversi livelli di governance della pesca richiedono dati e dati di ricerca sintetici per gestire adeguatamente le attività di pesca post-raccolta e prendere decisioni informate in materia di commercio, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca. Tuttavia, la ricerca nel settore della pesca su piccola scala nell'Africa occidentale è inadeguata a causa della mancanza di dati. Non esistono dati ufficiali e la raccolta di dati primari resta scoraggiante a causa della mancanza di collaborazione da parte dei piccoli operatori della pesca, che sono per lo più informali. I commercianti e i trasformatori di pesce sono riluttanti a divulgare informazioni sul loro commercio perché considerano i ricercatori come un mezzo di riscossione delle imposte governative. Una soluzione è stata trovata per far sì che i ricercatori FTP utilizzino le reti commerciali FCWC FishNet per raccogliere dati completi sulle diverse dimensioni della pesca su piccola scala provenienti dai paesi membri. Ciò sottolinea l'importanza di FCWC FishNet come canale per determinare i dati qualitativi e quantitativi rilevanti; infatti, i membri di FCWC FishNet sono stati i principali attori che convalidano i risultati e i risultati della ricerca FTP.

Questi risultati e prove di ricerca hanno costituito la base per il dialogo politico della nona conferenza dei ministri della pesca del segretariato FCWC. A seguito di questo dialogo, il segretariato FCWC ha poi dichiarato il 2018 l'anno per la promozione del commercio della pesca su piccola scala sui mercati locali, nazionali e regionali. In considerazione dell'importante ruolo del commercio nel settore della pesca su piccola scala, nonché delle sfide e dei vincoli connessi, la Conferenza ha inoltre raccomandato politiche per assistere e facilitare il commercio del pesce tra i paesi membri della FCWC. Questa direzione politica ha rappresentato un importante cambiamento nella governance e nella strategia della pesca su piccola scala. Inoltre, il concetto di posti frontalieri unici ha cominciato ad essere esplorato anche nella giurisdizione FCWC per semplificare gli scambi transfrontalieri. Nell'ambito di questi sforzi, WorldFish ha condotto una carovana per il commercio ittico da Dakar, Senegal a Bamako, Mali, con operatori selezionati che interagivano con piccoli operatori della pesca per accertare in prima persona i vincoli al commercio transfrontaliero.

Questo studio ha fornito approfondimenti sul ruolo della rete commerciale nel potenziare il commercio nella pesca su piccola scala, mettendo in evidenza le attività svolte da FCWC FishNet come primo esempio. Lo studio ha esaminato le attività commerciali e incentrate sul mercato connesse alle raccomandazioni specifiche del capitolo 7 degli orientamenti sull'FSS. Ciò include la divulgazione del forno FTT all'interno delle piccole comunità di pescatori, lo sviluppo di scambi di apprendimento nel settore della pesca e la promozione di partenariati commerciali e il sostegno di misure commerciali transfrontaliere semplificate.

I governi e le parti interessate dei paesi in via di sviluppo devono riconoscere l'importanza economica, sociale e culturale della trasformazione e del commercio del pesce per la pesca su piccola scala. Tenendo presente questo aspetto, evidenziamo di seguito alcune buone pratiche di questo caso di studio per i governi e i partner di sviluppo da perseguire.

  1. La condivisione delle conoscenze ha facilitato l'adozione di nuove innovazioni nella pesca su piccola scala, come il forno FTT. La promozione continua dell'ITF e l'aggiornamento delle infrastrutture (ad esempio, i sistemi sanitari e di approvvigionamento idrico di base) nei centri di trasformazione e di commercio contribuirebbe in modo significativo al commercio delle piccole attività di pesca attraverso la riduzione delle perdite e dei rifiuti post-raccolta e il miglioramento della sicurezza e della qualità dei pesci. Per implementare efficacemente l'innovazione FTT nella sottoregione FCWC, sono altamente raccomandati i sussidi per la costruzione a favore della pesca su piccola scala. La diminuzione degli stock ittici marini abbinata a perdite post-raccolta minacciano il consumo umano disponibile. Questo fenomeno solleva problemi legati alla sicurezza alimentare e alla vulnerabilità dei mezzi di sussistenza per la pesca su piccola scala. Si raccomanda pertanto che gli attori governativi e non governativi forniscano il sostegno tecnico e finanziario necessario per promuovere efficacemente l'uso delle ITF e consentire investimenti in adeguamenti infrastrutturali per la pesca su piccola scala. Tali iniziative si inseriscono nel paragrafo 7.3 degli orientamenti sugli SSF, che sostiene misure volte a migliorare la qualità dei prodotti ittici e della filiera sicuri, sia per i mercati di esportazione che per i mercati nazionali. Inoltre, gli agenti del cambiamento governativo dovrebbero istruire i trasformatori di pesce e i commercianti sulle tecniche di lavorazione e manipolazione del pesce adeguate per garantire che i loro prodotti mantengano una buona qualità quando raggiungono i loro mercati.

  2. Le FLE promuovono la cooperazione e la fiducia e forniscono una piattaforma comune per i partenariati commerciali e i collegamenti nelle catene del valore della pesca su piccola scala. Le attività FLE sono efficaci per lo scambio di conoscenze rilevanti sulle innovazioni orientate al mercato, come le nuove tecniche di lavorazione, manipolazione e confezionamento. Tuttavia, le attività dei piccoli trasformatori e dei commercianti della pesca sono limitate dall'accesso al capitale per l'espansione delle loro imprese. I canali di credito formali sono ingombranti e non personalizzati in base alle loro esigenze. Pertanto, la creazione di reti commerciali è fondamentale per facilitare partenariati commerciali efficaci e più forti. Attraverso piattaforme di networking commerciale, trader e processori sono in grado di sfruttare le loro reti di parentela per stipulare accordi di credito informali basati sulla reciproca fiducia «sociale». La promozione delle FLE e delle reti commerciali più forti e delle iniziative di partenariato consentirà l'accesso a tutte le informazioni rilevanti sul mercato e sul commercio per la catena del valore delle piccole filiere, consentendo ai commercianti e ai trasformatori di beneficiare delle opportunità di mercato della pesca, riducendo al minimo i potenziali impatti di sostentamento.

  3. FCWC FishNet ha svolto un ruolo fondamentale nella raccolta di dati, nonostante la mancanza di fiducia, da parte delle piccole comunità e degli attori della pesca, mostrati nei confronti dei ricercatori. I gruppi di reti commerciali della pesca come FCWC FishNet costituiscono un nodo importante per raccogliere dati e informazioni pertinenti e di qualità sulle catene di valore dei piccoli pescatori. Questo approccio incoraggia la partecipazione attiva dei piccoli pescatori alla raccolta dei dati, all'individuazione delle lacune e al dialogo politico. L'integrazione delle reti commerciali della pesca nei processi di raccolta e convalida dei dati facilita risultati di ricerca solidi. Ciò è particolarmente importante nei contesti dei paesi in via di sviluppo in cui la pesca su piccola scala è per lo più informale e diversificata. L'esperienza di FCWC FishNet dimostra l'importanza di rafforzare le relazioni intersettoriali e di migliorare la comunicazione tra pescatori, ricercatori e responsabili politici. Pertanto, gli Stati e i partner di sviluppo dovrebbero riconoscere l'importanza delle reti commerciali e delle cooperative e promuovere il loro sviluppo organizzativo e di capacità in tutte le fasi della catena del valore.

In conclusione, la governance della pesca su piccola scala richiede una considerazione olistica e integrata della catena del valore post-raccolta per identificare le diverse sfide e requisiti in gioco. In una certa misura, promuovere il concetto di rete commerciale e di cooperative è un modo innovativo ed efficace per garantire l'inclusione nella pesca su piccola scala nei paesi in via di sviluppo. Sebbene le reti commerciali o le cooperative commerciali a livello locale, nazionale e subregionale costituiscano un onere economico e richiedano un notevole periodo di tempo per evolversi e prosperare, il concetto rimane essenziale per consentire l'accesso alle pertinenti informazioni commerciali e commerciali sulla pesca su piccola scala. Si raccomanda pertanto che gli organismi nazionali e subregionali per la pesca con mandato per lo sviluppo e la cooperazione della pesca conducano alla creazione di reti commerciali di piccole dimensioni e cooperative per garantirne il successo e la sostenibilità.

Riconosciamo il WorldFish Centre, l'AU-IBAR e la FCWC per il loro contributo al miglioramento della pesca su piccola scala nell'Africa occidentale. Un ringraziamento alle donne trasformatrici e commercianti del pesce Tema Manhean Fish Processors and Traders Association e Martedi' Market di Accra per la loro numerosa assistenza durante il sondaggio. Infine, siamo grati alla FAO per aver fornito i finanziamenti per questo studio.

Abbazia, E., Appiah, S., Antwi-Asare, T.O. & Chimatiro, S. 2018. Il ruolo degli attori statali e non statali nel facilitare le opportunità commerciali nel pesce. Edizione speciale, 2018. Commercio e commercializzazione di prodotti del pesce e della pesca, AU-IBAR, Bollettino di salute e produzione animale in Africa, pagg. 9-17.

Ayilu, R.K., Antwi-Asare, T.O., Anoh, P., Alto, A., Aboya, N., Chimatiro, S. & Dedi, S. 2016. Commercio informale artigianale del pesce nell'Africa occidentale: miglioramento degli scambi transfrontalieri Policy Brief n. 37. Penang, Malesia, WorldFish Center.

Belhabib, D., Sumaila, U.R. & Pauly, D. 2015. Nutrire i poveri: contributo della pesca dell'Africa occidentale all'occupazione e alla sicurezza alimentare. *Gestione oceanica e costiera, 111:72—81.

Chimatiro, S. 2018. Workshop per lo scambio di esperienze sul commercio e le pratiche di fumo nelle comunità della pesca in Africa occidentale, aprile 2018, Grand-Bassam, Costa d'Avorio.

Chimatiro, S., Banda, A & Tall, A. 2015. Metodologie sul campo per studi analitici sui corridoi del commercio ittico e potenziamento della capacità. Atti di un negozio di scrittori, aprile 2005, Lilongwe, Malawi.

Du Preez, M.L. 2018. Pesca di genere e piccola scala in Africa. Policy Brief n. 173. Istituto degli Affari Internazionali dell'Africa australe (SAIIA).

Failler, P., Beyens, Y. & Asiedu, B. 2014. *Analisi della catena del valore del settore della pesca in Ghana Mission Report, Progetto di Sviluppo delle Capacità Commerciali per il Ghana. Accra, Progetto UNIDO/MOTI TCB. 106 pp.

FAO. 2011. Strategia di cambiamento culturale e piano d'azione per la FAO. Roma

FAO. 2015. Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eliminazione della povertà. Roma. 34 pp. (disponibile all'indirizzo www.fao.org/3/a-i4356en.pdf).

FAO. 2016. Stato mondiale della pesca e dell'acquacoltura 2016. Contribuire alla sicurezza alimentare e alla nutrizione per tutti. Roma. 200 pp.

FAO. 2019. Una terza valutazione dei rigetti globali della pesca marina. Roma.

FCWC. 2018. Workshop per lo scambio di esperienze sul commercio e sulle pratiche di fumo nelle comunità di pesca in Africa Occidentale. Relazione del workshop, 17—18 aprile 2018.

Gordon, A., Pulis, A. & Owusu-Adjei, E. 2011. Pesci marini affumicati dalla Regione Occidentale, Ghana: una valutazione della catena del valore. USAID Iniziativa integrata per la governance delle coste e della pesca per la regione occidentale, Ghana. WorldFish Center. 46 pp.

ICSF. 2002. Relazione dello studio sui problemi e le prospettive del commercio artigianale del pesce in Africa. Chennai, India. 86 pp.

Mindjimba, K. 2019. Studio sulla redditività dell'affumicatura di pesce con i forni FTT-Thiaroye in Costa d'Avorire. Roma, FAO.

NEPAD (2014). Quadro politico e strategia di riforma per la pesca e l'acquacoltura in Africa. Midrand: NEPAD.

Rocliffe. S.** 2018. *Scambi di apprendimento nel settore della pesca: una breve guida alle migliori pratiche. Roma, FAO e Blue Ventures.

Stołyhwo, A. e Sikorski, Z. (2005). Idrocarburi policiclici aromatici nel pesce affumicato — una revisione critica. Chimica alimentare, 91 (2), pp.303-311.

Tettey, E.O. & Klousseh, K. 1992. Trasporto di pesce stagionato da Mamprobi (Ghana) a Cotonou (Benin): formalità e vincoli commerciali, Programma regionale dell'Africa occidentale «Miglioramento dell'utilizzo post-raccolto delle catture artigianali di pesce in Africa occidentale». Bonga Reportage, 1 (21).

UNCTAD. 2017. Sfide e opportunità per i piccoli pescatori nel commercio del pesce. Note di presentazione, Forum pubblico dell'OMC, 26—28 settembre 2017.

Wenner, M. & Mooney, T.** 1995. Costi di commercio e commercializzazione del bestiame nel corridoio Burkina Faso — Ghana. Relazione finale, settembre 1995. Preparato per il Sahel West Africa Office, Africa Bureau, USAID.

Pesca regionale dell'Africa Occidentale. 2017. Programma regionale di pesca dell'Africa occidentale Fase 2 a Cabo Verde, Gambia, Guinea Bissau e Senegal. Documento di informazioni sul progetto.

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


  1. La FCWC è un organismo intergovernativo di pesca che comprende sei paesi del Golfo di Guinea: Benin, Costa d'Avorio, Ghana, Liberia, Nigeria e Togo. 

  2. L'impianto di Atieke si trova nell'Africa occidentale. 

  3. Un regime Ponzi è un regime finanziario fraudolento che si presenta come un istituto finanziario credibile nelle fasi iniziali dell'operazione e successivamente truffa i clienti dei loro investimenti. 


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.