common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

In acquaponica, la porzione di acquacoltura dell'equazione di integrazione è ampiamente applicata in un contesto basato su serbatoi, in cui i pesci sono tenuti in vasche, l'acqua viene filtrata tramite meccanismi meccanici (rimozione dei solidi) e biologici (trasformazione dell'ammoniaca in nitrato) e l'ossigeno disciolto viene mantenuto, sia tramite aerazione o iniezione diretta di ossigeno (Rakocy et al. 2006; Lennard 2017).

Come è stato affermato nella Sez. 5.0 (Introduzione) di questo capitolo, esempi storici di chinampa (Somerville et al. 2014) e risaie asiatiche (Halwart e Gupta 2004) come prime iterazioni dell'acquaponica sono esempi infondati e inappropriati di principi acquaponici , perché l'acquaponica moderna si basa su aggiunte progettate di pesci e mangimi per pesci per fornire un determinato livello di nutrizione alle piante, e quindi, questi esempi storici non possono essere considerati in alcun modo simili (Lennard 2017).

Gli esempi storici di cui sopra, che si basano su sistemi di coltura vegetale basati sul suolo, portano alla questione di quali tecnologie di acquacoltura siano idonee per l'integrazione acquaponica. L'acquacoltura di pesci a pinna a base di suolo e di acqua dolce è il più grande metodo di coltura applicato alla produzione di pesci d'acqua dolce destinati al consumo umano (Boyd e Tucker 2012). Un approccio allo stagno si basa sulla base di terra dello stagno, e sulla microflora associata presente in quel suolo, per trattare e correggere i rifiuti prodotti dalla coltura ittica in modo che i pesci non vivano in acqua che ha un potenziale per essere tossici per loro (Boyd e Tucker 2012). Poiché questo sistema si basa sulla capacità di trattamento intrinseca dello stagno di terra, le densità dei pesci sono relativamente basse rispetto ad altri metodi di acquacoltura. Poiché le densità dei pesci sono basse (e quindi le percentuali di alimentazione associate sono basse) e lo stagno stesso tratta e assorbe i nutrienti di scarto prodotti dai pesci, le acque del laghetto presentano concentrazioni di nutrienti dell'acqua estremamente basse. Queste concentrazioni di nutrienti acquatici del sistema di stagni sono così basse che spesso sono inappropriate come fonti nutritive per metodi sostanziali di produzione di piante acquatiche commerciali (Lennard 2017). Pertanto, gli stagni non costituiscono un metodo di acquacoltura adeguato da integrare con l'idroponica in termini di tassi di produzione vegetali accettabili.

Allo stesso modo, i metodi di coltura della pinna di pista (come regolarmente applicati per la produzione di salmonidi d'acqua dolce), che forniscono volumi molto grandi di acqua ad alti tassi di fatturato, o tempi di permanenza bassi, attraverso vasche di coltura controllata della pista, non sono adatti per l'integrazione acquaponica perché l'acqua alta i tassi di fatturato non consentono un adeguato accumulo di nutrienti per soddisfare il fabbisogno di nutrienti vegetali (Rakocy e Hargreaves 1993).

Le tecnologie di coltura ittica più appropriate da applicare all'interno di un contesto di integrazione acquaponica sono quelle che coltivano pesci in vasche e consentono un livello di accumulo di rifiuti ittici (accumulo di nutrienti vegetali) che ha il potenziale di portare a concentrazioni di nutrienti in acqua applicabili per produzione di impianti idroponici (Rakocy et al. 2006). I principi del sistema di acquacultura a ricircolo (RAS) sono ampiamente applicati all'acquaponica perché forniscono le metodologie per mantenere e coltivare con successo il pesce, in volumi controllati di acqua, con bassi tassi di sostituzione giornaliera dell'acqua, che consentono di accumulare rifiuti di pesce (nutrienti vegetali) che si avvicinano a quelli necessari per la coltura idroponica efficiente delle piante (Rakocy e Hargreaves 1993; Lennard 2017). Le complessità e i requisiti di progettazione della RAS sono discussi in cap. 3 di questo libro. Basti dire che la coltura ittica RAS è l'unico vero metodo appropriato da applicare per le componenti di coltura ittica in un contesto acquaponico e, come discusso sopra, i sistemi di acquacoltura basati sul suolo, come i sistemi estesi di stagni e i sistemi di coltura delle piste, non possono fornire i requisiti nutritivi delle piante e pertanto non dovrebbe essere preso in considerazione.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.