Appena lanciatoAquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
BlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

3.1 Fonti d'acqua

3 months ago

4 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

L'approvvigionamento idrico è una considerazione importante, in quanto influisce direttamente sulla gestione e sulle prestazioni del sistema. Tipicamente, 1 -3% dell'acqua totale del sistema viene sostituita al giorno a seconda del clima, del periodo dell'anno e delle colture prodotte (Somerville et al. 2014). L'acqua viene persa nel sistema attraverso l'evaporazione, la traspirazione nella pianta e attraverso normali processi di spruzzi, pulizia e raccolta.

L'acqua con una salinità superiore a 0,8 parti per mille (ppt) in genere non è adatta alla produzione acquaponica in quanto la maggior parte delle piante coltivate non tollera nemmeno un piccolo grado di sale (Shannon e Grieve 1998). Le colture acquaponiche comuni con tolleranza alla salinità includono lattuga (0,83 — 2,8 ppt), cavoli (fino a 7,4 ppt), bietole svizzere (1,5 — 3,5 ppt) e pomodori (fino a 5,8 ppt) (Maggio et al. 2007, Shannon e Grieve 1998, Shannon et al. 2000). Anche se alcune colture mostrano una capacità di tollerare il sale, la crescita è compromessa ad un certo punto durante la produzione.

La maggior parte dei produttori acquaponici utilizza acqua piovana, acqua di pozzo, acqua comunale o una combinazione per i loro sistemi.

_Acqua piovana: _ L'acqua piovana ha tipicamente un pH neutro o leggermente acido, una leggera durezza di calcio e magnesio e nessuna salinità (Somerville et al. 2014). Nei sistemi di grandi dimensioni, l'acqua piovana è generalmente utilizzata al meglio in combinazione con altre fonti per ridurre i costi generali e migliorare la sostenibilità.

Il deflusso dell'acqua piovana può essere facilmente catturato da tetti o grondaie e conservato per un uso successivo. L'acqua raccolta dai tetti deve essere trattata prima dell'uso, in quanto possono contenere batteri e agenti patogeni da escrementi di uccelli o roditori. Le considerazioni comprendono le aree che possono ricevere piogge acide, le leggi che vietano la raccolta, il materiale del tetto e l'età. Alcune ricerche hanno suggerito che i tetti nuovi e invecchiati non sono adatti per la raccolta (Clark et al. 2008), in quanto materiali come tegole, cedro e alluminio zincato non rivestito possono contaminare l'acqua con sostanze chimiche, metalli pesanti e sostanze inquinanti.

_Acqua di pozzi: _ L'acqua di pozzo è un'opzione praticabile per alcuni produttori. Tra le considerazioni figurano i potenziali contaminanti e la composizione delle rocce. Le sostanze chimiche particolarmente dannose includono metalli pesanti, ferro e zolfo. Le falde acquifere con fondale composto da calcare hanno un'elevata durezza dell'acqua e concentrazioni di alcalinità. L'alcalinità (basi nell'acqua come carbonati, bicarbonati e idrossidi) impedisce oscillazioni di pH, che viene naturalmente abbassato in acquaponica dalla nitrificazione. In alternativa, i produttori con una produzione di pesce molto bassa possono richiedere il trattamento delle acque per diminuire la durezza e/o l'alcalinità prima dell'uso (Somerville et al. 2014). La mancanza di pesce e il successivo apporto di mangime possono far sì che il pH rimanga troppo alto, rendendo alcuni nutrienti inaccessibili alla pianta. Anche la velocità di pompaggio della falda acquifera dovrà essere determinata se sarà l'unica fonte d'acqua per un sistema acquaponico. Ciò è particolarmente importante nei sistemi che richiedono grandi aggiunte o sostituzioni di acqua.

Acqua comunale: L'acqua comunale è ideale per l'uso in sistemi acquaponici. Il cloro nell'acqua del rubinetto elimina batteri, agenti patogeni e alghe, rendendolo una fonte di acqua sicura e affidabile. Il cloro e le clorammine, tuttavia, devono essere rimossi prima dell'uso in quanto sono tossici per i pesci e uccidono i batteri nitrificanti.

La cloramina è fondamentalmente una molecola molto stabile di cloro legata all'ammoniaca. A differenza del cloro da solo, le clorammine non possono evaporare dall'acqua. Ciò fornisce alle famiglie rurali un approvvigionamento sicuro di acqua potabile, ma rende il suo uso difficile per i produttori acquaponici. Il cloro libero nell'acqua può essere gassato in 48-72 ore con aerazione. Le clorammine richiedono dissipazione chimica (es. tiosolfato di sodio) o filtrazione a carbone. Dato il piccolo volume di scambio d'acqua, le clorammine in genere non hanno un impatto negativo su un sistema acquaponico. In genere, è possibile sostituire circa il 10% del volume di acqua del sistema senza trattare o testare la presenza di cloro o clorammine.

Acqua superficiale: Le acque superficiali includono stagni, laghi, fiumi e corsi d'acqua. L'acqua di superficie può introdurre agenti patogeni, alghe, lumache e altri organismi. Inoltre, molte acque superficiali sono contaminate da inquinanti o deflusso agricolo che rappresentano una minaccia per la sicurezza alimentare per gli organismi presenti nel sistema e per i consumatori.

  • Fonte: Janelle Hager, Leigh Ann Bright, Josh Dusci, James Tidwell. 2021. Universita' statale del Kentucky. Manuale di produzione Aquaponics: un manuale pratico per i coltivatori. *

Kentucky State University

https://www.kysu.edu/academics/college-acs/school-of-aas/index.php

Rimani aggiornato sulle ultime novità Aquaponic Tech

Azienda

  • Il nostro Team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma di referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.