Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

** Alexander Ford** ** Joseph Zelasney** Sezione Politica, Economia e Istituzioni Dipartimento FAO per la pesca e l'acquacoltura *Roma, Italia

I progetti di miglioramento della pesca (Fishery Improvement Projects) sono partenariati multistakeholder progettati per incoraggiare gli attori della catena del valore a migliorare la sostenibilità della pesca utilizzando incentivi di mercato. Inizialmente applicato alla pesca su larga scala, negli ultimi dieci anni il modello FIP è stato applicato anche in altri contesti, compresa la pesca su piccola scala. I PIP facilitano il coordinamento tra gli attori pertinenti della catena del valore e promuovono il dialogo tra le parti interessate. Tuttavia, i FIP sono stati criticati per non aver coinvolto governi e attori della pesca su piccola scala o per aver assicurato un'equa distribuzione dei benefici per le comunità di pescatori. Questo caso di studio fornisce una panoramica storica dei FIP e considera i loro punti di forza e di debolezza come un meccanismo per rendere operative le raccomandazioni di cui al capitolo 7 degli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà, in particolare i paragrafi 7.1 e 7.8, che mirano a garantire che gli attori successivi al raccolto siano inclusi nei processi decisionali e ad assicurare che siano attuati sistemi efficaci di gestione della pesca per prevenire, rispettivamente, lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali e di quelle che ne dipendono. I PIP hanno il potenziale per guidare la gestione collaborativa nella pesca su piccola scala, ma per farlo in modo efficace è necessaria una maggiore inclusione delle comunità di pescatori e delle autorità governative.

*Parole chiave: * Progetto di miglioramento della pesca, coinvolgimento multistakeholder, governance privata, certificazione e sistemi di etichettatura ecologica.

Migliorare la sostenibilità ambientale della produzione di pesce utilizzando approcci basati sul mercato è stato al centro del movimento ittico sostenibile sin dagli anni '90. L'effetto è stato un aumento dell'applicazione dei sistemi di certificazione e di etichettatura ecologica. Un modello del kit di strumenti di approccio basato sul mercato è il Fishery Improvement Project (FIP), definito dalla Conservation Alliance for Seafood Solutions (CASS) 1 come «uno sforzo multistakeholder per affrontare le sfide ambientali in una pesca che utilizza [ing] il potere del settore privato di incentivare cambiamenti positivi verso la sostenibilità nella pesca e cercare [ing] di far subire questi cambiamenti attraverso il cambiamento delle politiche» (CASS, 2012), e anche dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) come «una collaborazione tra le parti interessate per influenzare le politiche e le pratiche di gestione e migliorare la sostenibilità dei operazioni di pesca» (GEF, 2019).

I primi FIP sono stati istituiti nei primi anni 2000 per coinvolgere attori della filiera industriale come partner nella gestione delle attività di pesca da cui provengono (Cannon et al., 2018). I FIP sono stati avviati in attività di pesca di alto valore commerciale a livello globale, come il merluzzo del Mar Baltico e il merluzzo giallo russo, con grandi volumi scambiati attraverso catene del valore internazionali, al fine di garantire l'approvvigionamento a lungo termine migliorando la gestione della pesca e le prestazioni ambientali (tabella 9.1).

TABELLA 9.1 Quantità di frutti di mare nei FIP 2015/2019, per tonnellaggio e percentuale del totale delle catture marine registrate

20152019Sbarchidi materie prime(in migliaia di tonnellate)%degli sbarchi globali ( in migliaia di tonnellate)%degli sbarchi globali Granchio, aragosta, crostacei 1576,22017,9Molluschi0261.1 Specie principali tonni*111522.9155033.5Pesci vari290.11270.3Salmone e pesci diadromici101141.6 Gamberetti2075.937810.6Pelagici piccoli339717.3423521.3Snapper/Cernia0040calamari/polpo 2274.93718Altri tonni, bonitos, billfish1013.82588.8Whegfish8468.63323.4Totale6089 7.7749610.4

* Le specie principali includono albacore, occhio grosso, rosso, piccolo tonno, skipjack e pinna gialla.

Nota: Gli sbarchi escludono quelli associati ai FIP dello stadio 0, della fase 1 e della fase 6 (vedere l'appendice 1 per gli stadi FIP). Nei casi in cui vi era una sovrapposizione tra gli sbarchi FIP segnalati e gli sbarchi certificati del Marine Stewardship Council (MSC) (nel caso dei FIP della fase 6), il tonnellaggio sbarcato è stato conteggiato per gli sbarchi MSC (CEA, 2020).

La domanda di frutti di mare sostenibili è cresciuta notevolmente negli ultimi 20 anni. Questa domanda è stata spinta in gran parte dai principali attori globali della catena del valore dei prodotti ittici, che hanno integrato l'approvvigionamento di prodotti ittici sostenibili certificati nelle loro politiche di approvvigionamento. Sebbene i frutti di mare provenienti da FIP non siano certificati, la maggior parte dei FIP utilizzano lo standard MSC (Box 9.1) come loro framework per il miglioramento. Successivamente, i FIP sono giunti ad essere visti come una valida opzione di approvvigionamento per frutti di mare sostenibili tra i principali acquirenti.

Negli ultimi dieci anni, l'approccio FIP è stato applicato anche alla pesca su piccola scala. A livello globale, dei 155 FIP attivi e completati (Figura 9.1), 31 sono su piccola scala; 2 di questi, 4 sono in paesi altamente sviluppati, 15 sono in paesi altamente sviluppati, 11 sono in paesi a medio sviluppo e 1 è in un paese a basso sviluppo, secondo l'indice di sviluppo umano dell'UNDP (Sustainable Development Index) Pesca UW, 2019; UNDP, 2018; Fishery Progress, 2019). Asia e America Latina hanno la più grande concentrazione di FIP, seguita dal Nord America.

CASELLA 9.1 The Marine Stewardship Council (MSC) e FIPS Dalla fondazione della MSC nel 1996, l'organizzazione è riuscita a creare e mantenere un mercato per il «pesce sostenibile» proveniente dalle principali attività di pesca in tutto il mondo. Tuttavia, ha lottato per trovare successo commerciale con la pesca su piccola scala (Ponte, 2012). Tuttavia, la MSC è stata determinante nella costruzione del concetto FIP lavorando in collaborazione con altri membri del CASS per utilizzare i FIP come veicolo per ottenere la certificazione MSC, anche nella pesca su piccola scala. L'obiettivo del MSC è quello di garantire la sostenibilità delle risorse ittiche in tutto il mondo. La MSC «Theory of Change» prevede la certificazione della pesca e delle catene di approvvigionamento a beneficio dei consumatori che desiderano acquistare frutti di mare ecosostenibili. Per essere certificata, la pesca deve rispettare gli standard MSC (MSC, 2019): 1. Scorte ittiche sostenibili: la pesca deve essere effettuata a un livello tale da garantire che possa continuare a tempo indeterminato, garantendo al contempo che la popolazione ittica possa rimanere produttiva e sana. 2. Minimizzare gli impatti ambientali: l'attività di pesca deve essere gestita con attenzione in modo che altre specie e habitat all'interno dell'ecosistema rimangano sani. 3. Gestione efficace della pesca: le attività di pesca certificate MSC devono essere conformi alle leggi pertinenti ed essere in grado di adattarsi alle mutevoli circostanze ambientali.

I FIP sono stati criticati per non aver fornito una governance strategica della pesca a lungo termine, aggravata da incidenti di «greenwashing» 3, e per non aver previsto un maggiore impegno di governo, pescatori e pescatori nella loro pianificazione e gestione, compromettendo di conseguenza gli impatti positivi che potrebbero avere sul valore sviluppo della catena (Sampson et al., 2015; Crona, Käll e Van Holt, 2019). Tuttavia, i FIP in generale si sono dimostrati efficaci nel fornire una piattaforma per il dialogo e la direzione strategica che coinvolge vari stakeholder (Cannon et al., 2018; Crona, Käll e Van Holt, 2019; Travaille et al., 2019).

Dopo un attento esame del modello FIP, il caso di studio esamina le modalità di gestione dei FIP ed esplora il loro allineamento con i paragrafi 7.1 e 7.8 degli orientamenti sugli SSF.

Questo caso di studio fornisce un quadro del concetto FIP, esplorando come e dove il modello FIP è stato applicato finora. La prima fase della ricerca ha riguardato una revisione sistematica della letteratura pubblica, comprese pubblicazioni accademiche, governative e non governative. Ciò ha servito una duplice funzione che permetteva di comprendere il concetto FIP, identificando allo stesso tempo i principali stakeholder da intervistare nella seconda fase dello studio. Questo processo ha anche contribuito a far emergere le aree di interesse per lo studio, informando nuovamente le interviste nella seconda fase. Una ricerca per il termine «Fishery Improvement Projects» utilizzando il database della biblioteca dell'University College London mostra 33 documenti di ricerca accademici, il più antico risalente al 2014, e cinque articoli accademici pubblicati nel 2019. Ci sono molte pubblicazioni provenienti da ONG, con organizzazioni aderenti al CASS che offrono una notevole letteratura grigia che copre le loro esperienze nell'implementazione e gestione della FIP.

La seconda fase della ricerca ha riguardato lo svolgimento di 11 interviste semi-strutturate sul concetto FIP con esperti che sono stati coinvolti direttamente nei FIP. Le interviste sono state condotte utilizzando una guida interviste, che è stata spesso adattata in funzione dell'identità degli intervistati e della loro competenza professionale (appendice 2 per una copia della guida). La gamma di persone selezionate comprendeva rappresentanti dell'industria, delle agenzie governative e intergovernative, della ricerca/del mondo accademico e dei rappresentanti delle ONG. I potenziali intervistati sono stati ricavati dalla rassegna della letteratura e dalle organizzazioni identificate sul sito web della CASS. Inoltre, un approccio a palle di neve è stato applicato attingendo a reti professionali, con molti degli intervistati che hanno raccomandato altri individui per il colloquio. Ancora una volta, questo ha servito una duplice funzione in quanto ha rafforzato o corretto la nostra comprensione acquisita dalla revisione della letteratura, fornendo allo stesso tempo informazioni sulla direzione futura dei FIP.

Infine, l'autore principale ha partecipato a un workshop FIP Community of Practice in Indonesia, che ha fornito informazioni critiche sulle discussioni in corso tra i sostenitori della FIP nel sud-est asiatico. I partecipanti includevano pescatori, trasformatori, ONG, rappresentanti dell'UNDP e della FAO, rappresentanti di quattro governi del sud-est asiatico, società di consulenza e diversi altri sostenitori della FIP. L'evento si è rivelato importante per chiarire i dettagli e acquisire ulteriori conoscenze riguardanti la distribuzione ineguale di costi e benefici, la necessità di un maggiore coinvolgimento dei rappresentanti del governo e della comunità e la necessità di configurare il modello FIP per ottenere una sostenibilità a lungo termine.

Questa sezione fornisce una panoramica del concetto FIP, compresi i diversi tipi, stili di gestione e metodo di reporting utilizzati, seguita da una discussione sull'inclusione e la sostenibilità degli stakeholder FIP; FIP e il mercato globale per il pesce sostenibile; e infine, FIP e il ruolo del governo.

Tipi FIP

I FIP variano nel loro tipo, dettati dalla progettazione e dagli obiettivi, ma esistono criteri condizionali stabiliti dal CASS che supportano il modello FIP. In primo luogo, gli attori della catena del valore, che potrebbero includere fornitori, dettaglianti, servizi alimentari e lavoratori della pesca, devono partecipare attivamente alla FIP. La partecipazione può assumere la forma di contributi finanziari o in natura al progetto. In secondo luogo, le parti interessate della FIP devono impegnarsi a migliorare la pesca (attraverso un memorandum d'intesa firmato, elenco dei partecipanti pubblicato, ecc.). In terzo luogo, la FIP deve definire la portata a breve termine del progetto con una serie di obiettivi temporali. In quarto luogo, un piano di lavoro deve essere reso pubblico. Infine, la direzione FIP deve monitorare e segnalare regolarmente i progressi, tra cui: 1) segnalare pubblicamente i progressi delle azioni e dei loro risultati, con documentazione di supporto ogni sei mesi; e 2) aggiornare i punteggi degli indicatori e fornire prove a sostegno delle variazioni di punteggio ogni 12 mesi (CASS, 2019).

Queste qualità delineano gli elementi fondamentali di un FIP. Tuttavia, a causa del ruolo prevalente di MSC nella direzione strategica dei FIP, un ulteriore livello di complessità distingue i FIP guidati dalla MSC dai FIP non-MSC, che sono definiti dal CASS come FIP completi e di base, rispettivamente.

  • Una FIP completa deve sottoporsi a un audit indipendente ogni tre anni rispetto agli standard MSC, e deve ricevere un pass incondizionato per ottenere la certificazione MSC. 4 La logica qui è che dimostrando il valore di mercato del passaggio alla certificazione MSC, altri stakeholder locali si impegnerà in riforme della sostenibilità al fine di perseguire la certificazione e i relativi benefici (Roheim e Zhang, 2018).

  • Una FIP di base ha un ambito più ristretto, concentrandosi sul miglioramento delle specifiche sfide ambientali all'interno della pesca rispetto all'intera gamma di indicatori di prestazione MSC, e quindi non cerca la certificazione MSC. I FIP di base tendono anche ad affrontare le questioni socioeconomiche in modo più ampio, anche se il punteggio rispetto agli standard MSC rimane di fatto la forma di valutazione. Mentre la promessa di futuri benefici del mercato potrebbe non essere l'unico incentivo o centrale, i FIP di base richiedono ancora un forte impegno da parte delle parti interessate al fine di realizzare un cambiamento a lungo termine.

Struttura di gestione FIP

Secondo la California Environmental Associates (CEA), 5 accertare la struttura di gestione di una FIP, ossia se si tratta di «top-down» o «bottom-up», è fondamentale per la sua analisi. Nei PIP dall'alto verso il basso, gli attori della catena del valore dei frutti di mare identificano una pesca insostenibile, di solito da cui stanno già acquistando, a cui verrà applicata una FIP. Questo crea una pressione al ribasso attraverso la catena del valore, incentivando le parti interessate a impegnarsi in una gestione sostenibile. Uno dei limiti di questo approccio è che effettivamente «spinge giù» la responsabilità, con gli stakeholder più potenti nella catena del valore che passano responsabilità di sostenibilità a coloro che sono meno potenti (comunicazione personale con Blue Ventures, 27/03/19). Il vantaggio di un approccio top-down è che, partendo da una serie di attività di pesca, vi è un incentivo competitivo per la pesca a seguire i protocolli di sostenibilità. Attualmente, le aziende ittiche ora gestiscono più FIP rispetto a qualsiasi altro implementatore di terze parti (CEA, 2020).

I FIP dal basso verso l'alto sono solitamente intiaiti da una ONG e mirano a facilitare il cambiamento laddove la capacità di gestione, applicazione e riforme governative sono deboli. Essi tendono a dare più spazio rispetto ai PIP top-down ai pescatori, ai pescatori e ai rappresentanti della comunità nella loro gestione. Tali PIP si basano sulla capacità delle parti interessate di guidare il cambiamento attraverso le pratiche di pesca, spesso in assenza di regimi efficaci di gestione della pesca. Il rischio è che tutti i guadagni realizzati dai partecipanti siano sottoquotati dai non partecipanti e, di conseguenza, possano bloccarsi e non apportare miglioramenti significativi (CEA, 2015).

***Segnalazione dei progressi

Il web based Fishery Progress, gestito dalla ONG americana FishChoice, è la piattaforma progettata per consentire ai rivenditori di prendere decisioni di sourcing sulla base di report FIP. 6 Con il supporto dei corrispondenti comitati tecnici e consultivi, 7 questa piattaforma fornisce una valutazione di tutti i retailer esaminati e successivamente ha approvato i FIP, descrivendo fino a che punto ogni FIP ha raggiunto i propri obiettivi, nonché il suo allineamento con gli standard MSC. Sulla base di ciò, ai FIP viene assegnato un grado da A a D, A è il migliore (e disponibile solo per i FIP completi). Un problema significativo — e forse uno di contesa per i FIP di base — è che, nonostante non persegue la certificazione MSC, Fishery Progress misura ancora il progresso dei FIP di base rispetto agli standard MSC, quindi mancano o interpretano male molte delle sfumature catturate dall'attenzione di questi FIP sul problemi. Come rimedio, i FIP di base inviano rapporti che includono resoconti approfonditi dei loro obiettivi e dei loro progressi nel conseguirli, contribuendo così a «riempire gli spazi vuoti» che il rating Fishery Progress manca. Questo è esaminato più da vicino nella sezione seguente.

! image-20210521194255399

L'inclusione delle parti interessate dopo il raccolto nei processi decisionali è il principio centrale del paragrafo 7.1 delle linee guida dell'SSF 8 «Post-raccolto» si riferisce a tutte le parti interessate e ai nodi della catena di approvvigionamento che attraversa il prodotto dal momento in cui viene prelevato dal suo ambiente naturale. Il paragrafo 7.1 afferma inoltre che tutte le parti dovrebbero mettere in guardia contro l'esclusione sociale, riconoscendo «che a volte esistono rapporti di potere ineguali tra gli attori della catena del valore», che riguarda un più ampio appello a pratiche socialmente sostenibili da attuare durante la pesca su piccola scala (FAO, 2015). La sostenibilità sociale è definita come «la capacità di una catena del valore alimentare di sopportare facilitando un'equa distribuzione del valore creato (profitti, salari, benefici per i consumatori, impatto fiscale) e più ampi impatti sociali. Ciò richiede attenzione alla distribuzione dei margini di marketing, alle preoccupazioni di genere, ai giovani, alla povertà, ai gruppi vulnerabili, allo sviluppo della comunità, alla salute e alla nutrizione, agli elementi socioculturali, al benessere del lavoro» (FAO, 2015). Questa sezione esamina la misura in cui la «sostenibilità sociale» viene integrata nel modello FIP.

La discussione su se, come e in che misura i FIP dovrebbero incorporare obiettivi sociali è uno che sta guadagnando trazione tra i sostenitori della FIP. La discussione comprende la portata delle questioni sociali che un FIP può prendere in considerazione, l'ambito appropriato della catena del valore da valutare e se la definizione e l'obiettivo dei FIP debbano cambiare. Attualmente, la partecipazione attiva di tutte le parti interessate dopo il raccolto è chiaramente enunciata negli orientamenti FIP della CASS e, secondo il CEA (2020), il 19 per cento dei FIP si identificherebbe come affrontare la dimensione sociale della pesca. Tuttavia, Crona, Käll e Van Holt (2019) notano che «solo il 7% dei FIP nel [loro] studio includeva i pescatori come uno dei protagonisti della FIP». Essi suggeriscono inoltre che i lavoratori della pesca sono esclusi dalla raccolta e dall'analisi dei dati, il che indica una mancanza di inclusione nei processi decisionali. Si è constatato che, in linea con le tendenze e le attuali motivazioni politiche (Barr, Bruner ed Edwards, 2019; Teh et al., 2019), i FIP dovrebbero garantire che la pesca non è associata alle più gravi violazioni dei diritti umani come il lavoro minorile e forzato (Kittinger et al., 2017). Al di là di questo, tuttavia, va riconosciuto che i principali attori della catena del valore globale tradizionalmente provenienti da FIP sono stati reticenti ad attuare miglioramenti sociali oltre gli audit sociali per le questioni più gravi (comunicazione personale con CEA, 13/03/19). Analogamente, la creazione di ulteriori requisiti rispetto ai quali la pesca deve essere valutata può gravare indebitamente sulla pesca aumentando il costo e la complessità dei PIP. Ciò potrebbe essere particolarmente oneroso per i pescatori e i pescatori, che spesso sopportano la maggior parte dei costi a causa della suddetta «spinta verso il basso» della responsabilità. Questioni analoghe vengono sollevate nel contesto della catena del valore, con la deliberazione se i criteri di responsabilità sociale debbano concentrarsi sul livello dei pescherecci o estendersi alle parti interessate in ciascun nodo della catena del valore. Tuttavia, se l'onere della responsabilità diventa troppo oneroso, ciò potrebbe minacciare l'efficienza o addirittura l'esistenza del concetto FIP (comunicazione personale con Ocean Outcomes, 04/03/19).

Ci sono alcuni sforzi da sottolineare per ampliare la portata dei FIP per includere pratiche socialmente sostenibili. In primo luogo, il «Framework for Social Responsibility in the Seafood Sector» sviluppato nel 2018, è una scorecard di valutazione rapida basata sulle linee guida SSF (Opal, 2017) e attualmente pilotata da vari membri del CASS. Progettato per produrre una narrazione e un punteggio relativi a ciascuno dei capitoli tematici, e strutturato in termini di indicatori di performance in modo molto simile alle valutazioni MSC, l'obiettivo a lungo termine della scorecard è quello di pubblicare i risultati insieme ai rating attualmente pubblicati sulla Fishery Progress sito. Tuttavia, i partecipanti alla Comunità di pratiche FIP in Indonesia hanno ritenuto che la scorecard presentasse un altro ostacolo tecnico e dispendioso in termini di tempo, senza vantaggi immediati per i pescatori e i pescatori o il riconoscimento esplicito del loro coinvolgimento nell'esecuzione della valutazione. Inoltre, gli stessi partecipanti hanno ritenuto che l'interpretazione della scorecard delle questioni di pesca su piccola scala oggetto di valutazione non corrispondesse alle sfide reali delle comunità di pescatori di piccole dimensioni in molte parti del mondo e che la scorecard interpreta erroneamente o oscura i problemi, quindi travisando il vero stato della pesca.

In secondo luogo, un approccio politico potenziale consiste nel richiedere ai dettaglianti di pubblicare informazioni sui criteri sociali come condizione per aderire a una FIP. A questo proposito, c'è una crescente pressione affinché il settore privato adotti il Global Compact delle Nazioni Unite [^ 9], con quasi 10 000 imprese a livello mondiale che lo hanno già fatto. Tradizionalmente, la maggior parte dei rivenditori (di solito situati in mercati di alto valore) ha ceduto la responsabilità ai propri fornitori; pertanto, partecipare a una FIP che richiede dati sociali priverebbe essenzialmente il rivenditore della negabilità plausibile. In effetti, Teh et al. (2019) sostengono che questo potrebbe diventare un mezzo efficace per eliminare le violazioni più salienti dei diritti umani nelle catene di approvvigionamento. Tale argomentazione è inoltre in linea con il riconoscimento da parte di CEA della necessità di audit sociali sulle questioni più gravi. Tuttavia, il Global Compact richiede solo alle aziende di affrontare «ciò che [loro] possono ragionevolmente fare per affrontare» gli abusi dei diritti umani, limitando la responsabilità (ONU, 2014). Teh et al. (2019) suggeriscono che fare affidamento su quadri in materia di diritti umani per proteggere il benessere socioeconomico dei pescatori e dei pescatori può rivelarsi uno strumento piuttosto contundente se le leggi nazionali non attuano percorsi per garantire l'intera gamma dei diritti sociali.

Infine, un approccio volto a garantire una maggiore autonomia sociale consisterebbe nell'esaminare il modo in cui le informazioni vengono raccolte e distribuite. La raccolta partecipativa delle informazioni potrebbe sostenere l'equità sociale nell'ambito delle attività di pesca su piccola scala impegnate nei PIP, sia in termini di chi raccoglie le informazioni sia in termini di tipo di informazioni raccolte. Come ricordano Crona, Käll e Van Holt (2019), «raramente si dice che i pescatori siano coinvolti nella raccolta dei dati... il che suggerisce di non essere direttamente coinvolti in conversazioni in merito alle nuove normative». Tuttavia, per quanto riguarda la sostenibilità sociale nei FIP, è importante raccogliere informazioni sufficienti sul «comportamento dei pescatori (o di altri attori del mercato), che [informerebbero e sosterranno] più decisioni di gestione basate sull'ecosistema».

Il paragrafo 7.1 degli orientamenti sugli SSF evidenzia l'importanza di essere consapevoli degli squilibri di potenza nelle catene di valore. Sebbene sia discutibile se le iniziative basate sul mercato siano il meccanismo più appropriato per affrontare le grandi sfide relative alle dimensioni sociali, il coinvolgimento dei pescatori e dei pescatori riguarda l'equità e, se fatto correttamente, costituirebbe un passo avanti nel migliorare la sostenibilità sociale all'interno di FIP e mitigare gli squilibri di potenza. In effetti, coinvolgere e identificare il ruolo delle parti interessate è importante per garantire che i FIP non escludano involontariamente le parti interessate o creino squilibri di potere (Deighan e Jenkins, 2015).

***La distribuzione equa dei benefici

Uno degli ostacoli all'aumento degli impatti positivi dei FIP a livello mondiale consiste nel garantire che i benefici finanziari dei FIP siano equamente distribuiti in tutta la catena del valore, come indicato nel paragrafo 7.8 degli orientamenti sugli SSF 9 Questa sezione si concentra sull'equa distribuzione dei costi e dei benefici della FIP. e le barriere prevalenti alla loro realizzazione. Ad oggi c'è una letteratura limitata che esamina i costi e i benefici di partecipare a una FIP dal punto di vista dei pescatori e dei pescatori, tuttavia lo studio di Tolentino-Zondervan et al. (2016) confronta in modo completo i fattori che i piccoli pescatori possono prendere in considerazione per quanto riguarda un tonno FIP top-down, guidato dal settore industriale e un bottom-up, tonno FIP guidato dalle ONG, entrambi situati nelle Filippine. Attraverso interviste con i pescatori che lavorano in ogni FIP, sono stati segnalati benefici tra cui un aumento del reddito, ma in entrambi i tipi di FIP la dipendenza dei pescatori dalle loro reti di sostegno — un'azienda di pescatori o di famiglia — ha svolto un ruolo definitivo nell'incoraggiarli a partecipare alla FIP.

Nella FIP guidata dall'industria, benché i pescatori abbiano maggiori probabilità di ottenere prezzi soddisfacenti e di essere pagati tempestivamente, i costi di ammodernamento delle attrezzature e di addestramento alla movimentazione sono stati lasciati ai pescatori. Tale requisito era giustificato dalla presenza di reti familiari estese sulle quali i singoli pescatori potevano contare. Inoltre, i risultati hanno dimostrato che i pescatori che partecipano alla FIP guidata dall'industria erano a tempo parziale o si concentravano su altre specie oltre al tonno, e la decisione di sottoporsi a procedure rigorose e costose per la FIP guidata dall'industria era motivata dall'alta probabilità che sarebbero stati premiati costantemente per il breve periodo di tempo trascorso per la pesca del tonno.

Contrariamente a questi pescatori multispecie a tempo parziale, i pescatori della FIP guidata dalle ONG avevano trascorso la loro carriera specializzandosi nella pesca del tonno e avevano acquisito la loro abilità per la cattura e la manipolazione del tonno nel tempo. Ciò ha permesso loro di soddisfare più facilmente i requisiti di prodotto della FIP guidata dalle ONG, aumentando così le loro possibilità di guadagnare un buon reddito. A differenza della formazione FIP guidata dal settore, le sessioni di formazione tenute dalla FIP guidata dalle ONG sono state organizzate e finanziate completamente dalla ONG e dal governo. Inoltre, i pescatori di quest'ultima categoria si sono affidati alle associazioni di pescatori come loro rete di sostegno, che ha aiutato i pescatori ad ottenere finanziamenti e sovvenzioni dal governo, migliorando così le loro attività di pesca. Tolentino-Zondervan et al. (2016) scoprono che entrambi i tipi di FIP possono beneficiare finanziariamente i pescatori partecipanti, ma ci sono una serie di fattori specifici e localizzati che influenzano questo risultato, gran parte dei quali dipende dalle reti di sostegno (imprese familiari o associazioni di pescatori, e talvolta entrambi). Per capire se questo è caratteristico di tutti i FIP, sono necessari ulteriori studi altrove.

Gli impatti del commercio internazionale

Un fattore importante che informa il paragrafo 7.8 è il riconoscimento e la contabilizzazione degli impatti che il commercio internazionale può avere sulla pesca e su coloro che ne dipendono direttamente. I FIP completi, e la loro gestione correlata, spesso presumono che il perseguimento della certificazione MSC garantirà l'accesso ai mercati di alto valore, mantenendo intatta la pesca. Tuttavia, questa rotta è rischiosa soprattutto per la pesca su piccola scala, poiché la pesca non è in grado di ottenere la certificazione a causa degli elevati costi associati o dell'elevato grado di gestione richiesto. Alla luce di queste sfide, è importante apprezzare i risultati di Cannon et al. (2018), che ritengono che «i FIP hanno mostrato una probabilità significativamente più elevata di migliorare la 'gestione' e ridurre il 'sovrasfruttamento' rispetto a quelle di pesca prive di FIP». Questo risultato ci suggerisce che il modello FIP fornisce una struttura in grado di soddisfare la domanda internazionale di frutti di mare sostenibili, senza la necessità di certificazioni per salvaguardare le risorse naturali. Se le pratiche attuate durante la FIP vengono mantenute e la risorsa naturale non viene compromessa, è concepibile che le parti interessate coinvolte nella FIP avranno l'opportunità di beneficiare del commercio internazionale.

Creare l'impressione di sostenibilità

Una preoccupazione significativa circa la corretta gestione dei FIP sono le accuse di «greenwashing» come un modo per approvvigionare frutti di mare nel modo più economico possibile, pur rivendicando sostenibilità (Sampson et al., 2015; CEA, 2015, CEA, 2020). I FIP sono diventati inavvertitamente una forma di moneta per le aziende ittiche che cercano di procurarsi frutti di mare sostenibili, l'ipotesi errata è che, finché la pesca è parte di una FIP, il pesce prodotto è sostenibile. Pertanto, i FIP vengono utilizzati per soddisfare i requisiti di sostenibilità degli acquirenti di pesce in alcuni mercati, il che può compromettere i tentativi di migliorare la sostenibilità e l'integrità del mercato. Sembra che la nozione di sostenibilità come questione precompetitiva stia perdendo terreno contro la necessità di acquisire quote di mercato e soddisfare le richieste degli acquirenti. Ciò mina l'intera ragione per cui i FIP sono stati concepiti in primo luogo: come approccio graduale per migliorare la sostenibilità dei mercati della pesca e dell'approvvigionamento con prodotti ittici sostenibili. Invece, la domanda di frutti di mare certificati sta alimentando un mercato altamente competitivo, la cui ricaduta comporta l'indebolimento degli sforzi di sostenibilità.

L'opportunità di «greenwashing» è forse perpetuata dall'influenza che Fishery Progress esercita sulla valutazione dei FIP. Senza un sistema di audit di terze parti, le istituzioni nazionali di pesca o i piccoli attori della pesca coinvolti nella valutazione dei dati presentati sul sito, gli interessi acquisiti possono influenzare la valutazione di una FIP in modo eccessivamente ottimistico, presentando in tal modo un resoconto irrealistico della FIP e, per estensione, pesca. Tale falsa dichiarazione rischia di compromettere i diritti fondamentali dei pescatori e dei pescatori, il che rappresenta a sua volta un rischio per le strategie nazionali e internazionali di sviluppo sostenibile.

Un'altra area opaca della catena del valore che rischia di svalutare i FIP è quella in cui gli importatori provengono sia da FIP riusciti che non riusciti, sia da pesca non FIP e poi distribuiscono un prodotto aggregato sul mercato senza distinzioni, ma con il pretesto che si tratta di un prodotto proveniente dalla FIP. Esistono esempi di FIP che transitano a FIP completi per evitare ciò, tuttavia, per ripetere il punto sopra indicato, le attività di pesca su piccola scala sono raramente in grado di prendere in considerazione tale opzione.

In definitiva, i FIP hanno il potenziale di soddisfare molte delle sfumature del paragrafo 7.8 degli orientamenti sugli SSF. Tolentino-Zondervan et al. (2016) indica che l'equa distribuzione dei benefici è possibile (anche se sono necessarie ulteriori ricerche), e Cannon et al. (2018) dimostra che i FIP sono benefici per la risorsa naturale. Tuttavia, occorre affrontare la questione della creazione di false impressioni di sostenibilità.

I governi hanno il potenziale per influenzare la direzione e gli obiettivi di una FIP, incoraggiando approcci che completano o rafforzano le politiche e la legislazione nazionali e regionali (Crona, Käll e Van Holt, 2019; Foley e Havrice, 2016). Questo aspetto viene affrontato anche nel paragrafo 7.8 degli orientamenti sull'FSS.

I governi stabiliscono e attuano la politica nazionale della pesca. Mentre i governi spesso non sono coinvolti nei FIP, i FIP operano nell'ambito delle politiche e dei quadri giuridici nazionali esistenti. Le ONG e gli enti di sviluppo potrebbero essere in grado di modificare le pratiche di pesca a beneficio di una parte delle risorse naturali e delle comunità locali che ne fanno affidamento, ma le forze esterne al di là della capacità di tali regimi potrebbero compromettere gli sforzi (CEA 2015; CEA 2020). CEA (2020) e Melnychuk et al. (2017) dimostrano che la capacità di gestione della pesca di un paese è strettamente correlata al successo dei FIP attivi in un determinato paese. Gli implementatori e le parti interessate della FIP, in particolare nei paesi meno sviluppati, riconoscono sempre di più il ruolo critico che il governo ha bisogno di svolgere per raggiungere gli obiettivi FIP e l'importanza degli sforzi multi-stakeholder che coinvolgono il governo.

Un ostacolo comunemente citato ai FIP sta superando la fase 5 — Miglioramenti sull'acqua — del processo FIP (appendice 1), che vedrebbe i FIP contribuire a un cambiamento ecologico duraturo. I sostenitori della FIP concordano generalmente sul fatto che, al fine di migliorare significativamente la gestione della pesca e garantire cambiamenti nell'acqua, è necessario un dialogo politico duraturo tra il governo e le parti interessate della FIP per integrare le attività o rafforzare una particolare attività (Crona, Käll e Van Holt, 2019).

Attualmente, il dialogo politico è prevalente solo nei FIP applicati alla pesca del granchio e dell'aragosta (Crona, Käll e Van Holt, 2019). Ad esempio, nel contesto di molti FIP di granchio e aragosta del sud-est asiatico, l'industria e il governo lavorano in stretta collaborazione per evitare lo sfruttamento eccessivo man mano che la domanda globale aumenta. Tuttavia, nel contesto del tonno — una risorsa economica importante e un contributo significativo alla sicurezza alimentare in molti paesi — il dialogo politico all'interno dei PIP è minimo, dato che il tonno è gestito da organizzazioni regionali di gestione della pesca (ORGP) 10 e l'accessibilità a tali organismi è relativamente esclusivo (Crona, Käll e Van Holt, 2019). Nonostante ciò, Travaille et al. (2019) ha riscontrato che l'efficacia della FIP è in realtà più elevata nella pesca sotto la giurisdizione di un'ORGP rispetto a quelle governate esclusivamente a livello statale o locale. Ciò è dovuto ai quadri istituiti a livello regionale a sostegno delle attività di gestione e dei miglioramenti, compresi i sistemi di segnalazione dei dati, le valutazioni periodiche delle scorte e i programmi di sorveglianza.

CEA (2020) ha riferito che se i FIP contribuiranno seriamente alla gestione della pesca sfruttata a livello commerciale, il modello dovrà essere adottato per soddisfare gli sforzi a livello nazionale. Infatti, la prossima sfida per i sostenitori della FIP è capire come il modello FIP possa essere utilizzato come strumento di gestione della pesca nei paesi in via di sviluppo. Bisogna riconoscere che, mentre nei paesi in via di sviluppo si ricercano molti frutti di mare internazionali, spesso manca la capacità di una gestione efficace. La Global Marine Commodities Initiative guidata dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP) rappresenta un esempio di come potrebbe essere il coordinamento a livello nazionale per i FIP. In collaborazione con SFP, è stato lanciato un progetto finanziato dal Global Environment Facility (GEF) in Costa Rica, Ecuador, Indonesia e Filippine con l'obiettivo di creare piattaforme multi-stakeholder a livello nazionale per promuovere il miglioramento della pesca.

Un potenziale ostacolo ad agevolare un più stretto coordinamento tra i PIP e i piani di gestione della pesca a livello di sistema potrebbe essere rappresentato dai lunghi tempi associati ai PIP, stimati che impiegheranno fino a un decennio per ottenere livelli minimi di sostenibilità, e dai tempi spesso brevi associati ai cicli elettorali, in generale tra 2 e 4 anni. Se i FIP non sono favoriti o considerati preziosi alternando amministrazioni politiche, qualsiasi investimento monetario o temporale effettuato in una FIP potrebbe perdere valore (Travaille et al., 2019; Cannon et al., 2018). Questa sfida è particolarmente acuta quando si considera la longevità di una FIP; i partecipanti alla Comunità di pratiche FIP in Indonesia si sono preoccupati di come la gestione di una pesca dovrebbe continuare dopo la fine della FIP pertinente, poiché molti FIP perdono slancio in assenza di impegno perpetuo per continuare le pratiche sostenibili. Questo fenomeno potrebbe potenzialmente essere invertito se i FIP fossero considerati più comunemente uno strumento per attuare i piani nazionali di gestione della pesca.

I PIP possono aiutare i governi nazionali a garantire che i pescatori e i pescatori rispettino la legislazione e li sostengano laddove altrimenti manchi di capacità. Da un lato, essi potrebbero sostenere la legislazione rendendo la conformità un prerequisito per l'ingresso. D'altra parte, come è stato appreso al workshop FIP Community of Practice in Indonesia, molte piccole comunità di pescatori non hanno accesso a informazioni riguardanti requisiti legislativi o cambiamenti e, di conseguenza, sono penalizzate o escluse in determinate circostanze. Le ONG che operano in una FIP possono fornire assistenza in questo senso, poiché spesso dispongono delle risorse e della capacità per convogliare queste informazioni alle comunità di pescatori, contribuendo a coordinare le procedure amministrative tra le autorità locali e le comunità al fine di garantire la conformità legislativa.

I partecipanti alla FIP Community of Practice in Indonesia hanno postulato che l'elemento collaborativo dei FIP potrebbe sostenere la cooperazione e il dialogo tra le agenzie governative. La mancanza di una comunicazione efficace tra le agenzie può comportare un ritardo nel raggiungimento degli obiettivi nazionali o rispondere alle esigenze dei più abbandonati. Allo stesso modo, i FIP offrono alle agenzie governative e alle parti interessate in generale l'opportunità di incontrare e costruire fiducia con le comunità di pescatori. La Repubblica d'Irlanda Seafood Development Agency afferma quest'ultimo punto, osservando che il suo coinvolgimento in un Irish Brown Crab FIP ha permesso alle parti interessate che tradizionalmente non si impegnano nel dialogo di scambiare idee, informazioni e pianificazione (comunicazione personale con BIM, 24/04/19). Gran parte del piano di lavoro della FIP è orientata all'approfondimento del rapporto di lavoro tra scienza e industria per migliorare la gestione della pesca. Da un lato, si prevede che i pescatori forniscano dati sulle catture (quantitativi sbarcati, zone pescate, attrezzi utilizzati, acquirenti di prodotti) per contribuire a migliorare la conoscenza scientifica dello stato degli stock o per verificare i progressi verso il rendimento massimo sostenibile (MSY). Analogamente, i trasformatori membri della FIP del granchio marrone irlandese hanno accettato di fornire dati sui prodotti FIP, compresi i dettagli delle navi, i quantitativi sbarcati, i quantitativi trasformati e i luoghi in cui il prodotto è stato venduto. Allo stesso tempo, la FIP mira a migliorare la struttura di gestione della pesca aumentando l'input da parte di pescatori, trasformatori e altri operatori del settore nel processo decisionale.

I FIP sono basati su un approccio multistakeholder per migliorare la gestione sostenibile della pesca, con prodotti derivati da FIP utilizzati per soddisfare la domanda sostenibile di pesce in mercati di alto valore. I PIP vengono applicati alla pesca su piccola scala. Questo caso di studio ha considerato i punti di forza e di debolezza dei FIP come un meccanismo per rendere operativi i paragrafi 7.1 e 7.8 del capitolo 7 degli orientamenti sugli SSF. I PIP dimostrano un certo allineamento con le raccomandazioni contenute negli orientamenti dell'FSE, ma in alcuni settori si devono ancora compiere progressi.

Nel contesto del paragrafo 7.1, i FIP facilitano una certa quantità di coordinamento tra i pertinenti attori della catena del valore, promuovendo un sistema multistakeholder. Tuttavia, come citato in Crona, Käll e Van Holt (2019), solo il 7 per cento dei FIP studiati i pescatori e i pescatori svolgono un ruolo centrale nella gestione della FIP.

Per quanto riguarda la promozione di un commercio internazionale equo e vantaggioso per tutte le parti interessate, come previsto dal paragrafo 7.8, Tolentino-Zondervan et al. (2016) ha rilevato che i pescatori beneficiano di far parte dei FIP, anche se va notato che questo studio riflette i risultati di soli due FIP nelle Filippine. Per quanto riguarda la conservazione delle risorse naturali, Cannon et al. (2018), ha rilevato che la «gestione» e la «pesca eccessiva» sono affrontate in modo più adeguato nelle attività di pesca che partecipano ai PIP. Nel contesto del paragrafo 7.8, la questione più importante dei FIP sembra essere il «greenwashing», che rischia di compromettere l'incentivazione di cambiamenti positivi e di promuovere miglioramenti, portando invece a un potenziale sovrasfruttamento delle risorse naturali e a una sottovalutazione del mercato sostenibile dei prodotti ittici.

Il paragrafo 7.8 parla anche dei sistemi di gestione della pesca e si è constatato che i PIP possono contribuire a migliorare i sistemi di gestione della pesca. Travaille et al. (2019) ha rilevato che i FIP hanno ottenuto risultati migliori quando la pesca è sotto la giurisdizione di un'ORGP, suggerendo che i quadri collaborativi per la gestione di una risorsa possono essere fondamentali per garantire la sostenibilità. L'utilizzo del modello FIP per ottenere un più stretto coordinamento tra governi, comunità di pescatori e parti interessate della FIP ha il potenziale per migliorare la gestione a livello di sistema. I PIP esistenti e le loro parti interessate potrebbero incentivare una maggiore partecipazione del governo accettando di rafforzare o integrare le strategie nazionali di gestione della pesca.

Infine, una sfida non discussa qui, ma molto rilevante per i FIP progressivi è l'alto costo di gestione di una FIP. Sebbene vi sia una crescente domanda nei mercati ad alto valore di prodotti ittici sostenibili, la maggior parte dei FIP è attualmente sostenuta da aiuti filantropici e dal sostegno in natura da parte dell'industria e delle ONG (CEA, 2015). Questa non è una strategia sostenibile, ed è generalmente concordato dai fautori dei FIP che, per scalare i FIP e garantire il loro valore economico per tutti, i mercati (consumatori) devono pagare per una migliore sostenibilità. Tale dinamica di sostegno potrebbe anche significare che i pescatori e i pescatori si affidano a un sistema precario che potrebbe svanire se le attuali fonti di finanziamento venissero fermate. In definitiva, quando il finanziamento dei FIP passerà da filantropi e ONG a entità private nella catena del valore del pesce, ciò segnalerà che i costi della sostenibilità sono stati internalizzati.

Una proposta degli intervistati che potrebbe contribuire a ridurre i costi dei PIP su piccola scala sarebbe quella di ampliarne la portata e la portata. Il potere di leva economica di una singola pesca su piccola scala è minimo (comunicazione personale con SFP e Scaling Blue, 08/04/19 e 09/04/19, rispettivamente), ma se più FIP fossero raggruppati o aggregati potrebbero ottenere una maggiore efficienza economica. Inoltre, in questo modo la portata delle loro attività può essere armonizzata e monitorata più facilmente. L'aggregazione dei FIP potrebbe anche contribuire a migliorare la raccolta dei dati e la generazione della conoscenza. Tutti gli operatori della catena del valore necessitano di dati per valutare l'efficacia delle loro decisioni e degli investimenti; inoltre, i processi di raccolta dei dati offrono ai pescatori e ai pescatori l'opportunità di assumere un ruolo più attivo nella gestione della FIP (Crona, Käll e Van Holt, 2019). Tuttavia, la letteratura su questo argomento è ancora minima, quindi ulteriori lavori sono incoraggiati a comprendere le implicazioni più fini del raggruppamento di FIP.

In conclusione, i FIP hanno il potenziale per guidare la gestione collaborativa nella pesca su piccola scala. Affinché i FIP promuovano una gestione sostenibile della pesca e un commercio equo della pesca su piccola scala, è necessaria una riconsiderazione del modello attuale a partire da una maggiore inclusione delle comunità di pescatori e delle autorità governative.

Dipartimento AG, FAO. 2015. MP108. Roma.

Acott, T. & Urquhart, J. 2019. Senso del luogo e valori socio-culturali nelle comunità di pescatori lungo la Manica. In J. Urquhart, T. Acott, D. Symes & M. Zhao, eds. *Questioni sociali nella gestione sostenibile della pesca *, 1a edizione, pagg. 257-278. Londra, Springer.

Barr, R., Bruner, A. & Edwards, S. 2019. Progetti di miglioramento della pesca e pesca su piccola scala: necessità di un approccio modificato. Politica Marina, 105:109-115.

Borland, M. & Bailey, M. 2019. Analisi comparativa dei dati del Fair Trade USA Capture Fisheries Standard e del Marine Stewardship Council Fisheries Standard rispetto alle linee guida volontarie dell'Organizzazione alimentare e agricola per garantire una pesca sostenibile su piccola scala. Dati in Brief, 24:103850.

Bresnihan, P. 2016. Steward del mare: il neoliberismo e la realizzazione dell'imprenditore ambientale. A P. Bresnihan, ed. Trasformare la pesca: Neoliberalismo, natura e comuni [online], pp. 57—90. Lincoln, USA, Università del Nebraska Press. [Citato 25 agosto 2018]. (disponibile all'indirizzo https://www.jstor.org/stable/j.ctt1d4v0w4.6).

Cannon, J., Sousa, P., Katara, I., Veiga, P., Spear, B., Beveridge, D. & Van Holt, T. 2018. Progetti di miglioramento della pesca: performance negli ultimi dieci anni. * Politica Marina*, 97:179-187.

CASS (Conservation Alliance for Seafood Solutions) . 2012. Linee guida per sostenere i progetti di miglioramento della pesca [online], pag. 6. [Citato 6 settembre 2019]. http://solutionsforseafood. org/wp-content/uploads/2015/03/Alliance-Fip-guidelines-3.7.15.pdf

CEA (California Environmental Associates) . 2015. *Risultati riassunti dal Global Landscape Review of Fishery Improvement Projects (FIP) *. San Francisco, Stati Uniti d'America.

CEA. 2017. Progresso verso frutti di mare sostenibili — dai numeri. Rapporto Metriche dei frutti di mare. San Francisco, USA, Fondazione Packard.

CEA. 2020. Analisi globale del paesaggio dei progetti di miglioramento della pesca. San Francisco, Stati Uniti d'America.

Coulthard, S., Johnson, D. & McGregor, J. 2011. Povertà, sostenibilità e benessere umano: un approccio sociale alla crisi mondiale della pesca. Ambientale globale Cambiamento, 21 (2): 453-463.

Crona, B., Käll, S. & Van Holt, T. 2019. Progetti di miglioramento della pesca come strumento di governance per la sostenibilità della pesca: un'analisi comparativa globale. PLOS ONE, 14 (10): e0223054.

FAO. 2015. Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eliminazione della povertà. Roma.

Progresso della pesca. 2019. Progresso della pesca [online]. [Citato 6 settembre 2019]. https:// FisheryProgress/

GEF (Global Environment Facility) . 2019. Catene di approvvigionamento sostenibili globali per prodotti marini [online]. [C. 4 dicembre 2019]. (disponibile all'indirizzo https://www.thegef.org/ [progetto/global-sostenibile-supply chains-marine-commodities].] (https://www.thegef.org/project/global-sustainable-supply-chains-marine-commodities)

Guyader, O., Berthou, P., Koutsikopoulos, C., Alban, F., Demanèche, S., Gaspar, M., Eschbaum, R. et al. 2013. Pesca su piccola scala in Europa: un'analisi comparativa basata su una selezione di casi di studio. Ricerca sulla pesca, 140:1—13.

Irish Brown Crab FIP. 2019. Irish Brown Crab FIP [online]. [Citato 6 settembre 2019]. < http://irishbrowncrabfip.ie/ >

*Kittinger, J., Teh, L., Allison, E., Bennett, N., Crowder, L., Finkbeiner, E., Hicks, C. . *

2017. Impegnarsi a frutti di mare socialmente responsabili. Scienza, 356 (6341): 912—913.

Melnychuk, M., Peterson, E., Elliott, M., Hilborn, R. 2016. Impatto della gestione della pesca sullo stato delle specie destinatari. PNAS. 114 (1) 178-183.

MSC (Marine Stewardship Council) . 2019. La norma MSC per la pesca. In: Marine Stewardship Council [online]. [C. 4 dicembre 2019]. (disponibile all'indirizzo https://www.msc. org/standards-and-certification/fisheries-standard).

Opale, C. 2017. Quadro per la responsabilità sociale nel settore dei prodotti ittici. https:// CertificationAndratings.org/wp-content/uploads/2018/03/Framework-final-print.pdf

Ponte, S. 2012. Il Marine Stewardship Council (MSC) e la creazione di un mercato per il «pesce sostenibile». Rivista del cambiamento agrario, 12 (2-3): 300—315.

Roheim, C. & Zhang, D. 2018. Certificazione di sostenibilità e sostituibilità del prodotto: testimonianze del mercato ittico. Politica alimentare, 79:92—100.

Sampson, G., Sanchirico, J., Roheim, C., Bush, S., Taylor, J., Allison, E., Anderson, J. et al. 2015. Sicuro pesce sostenibile dai paesi in via di sviluppo. Scienza, 348 (6234): 504-506.

SFP (Partenariato per la pesca sostenibile) . 2019. Partenariato per la pesca sostenibile [online]. [Citato 6 settembre 2019]. (disponibile all'indirizzo https://www.sustainablefish.org/).

Smart Fish AC. 2019. Rapporto quinquenniale. La Paz.

Stratoudakis, Y., McConney, P., Duncan, J., Ghofar, A., Gitonga, N., Mohamed, K., Samoilys, M., Symington, K. & Bourillon, L. 2016. Certificazione di pesca nei paesi in via di sviluppo: serrature e chiavi o picchetti quadrati in fori rotondi? Ricerca sulla pesca, 182:39—49.

Pesca sostenibile UW. 2019. Database dei progetti di miglioramento della pesca. In: Pesca sostenibile UW [online]. [Citato 6 settembre 2019]. < http://sustainablefisheries-uw.org/databases/fishery-improvement-projects-database/ >

Teh, L., Caddell, R., Allison, E., Finkbeiner, E., Kittinger, J., Nakamura, K. & Ota, Y. 2019. Il ruolo dei diritti umani nell'attuazione dei prodotti ittici socialmente responsabili. PLOS ONE, 14 (1): e0210241.

** Thomas Travaille, K., Crowder, L., Kendrick, G. & Clifton, J.** 2019. Attributi chiave relativi all'efficacia del progetto Fishery Improvement Project (FIP) nel promuovere miglioramenti verso la sostenibilità. Pesce e pesca, 20 (3): 452-465.

Tolentino-Zondervan, F., Berentsen, P., Bush, S., Digal, L. & Oude Lansink, A. 2016. Decisioni a livello di pesca per partecipare ai progetti di miglioramento della pesca (FIP) per il tonno albacora nelle Filippine. PLOS ONE, 11 (10): e0163537.

ONU (Nazioni Unite) . 2014. Domande frequenti sui principi guida per le imprese e i diritti dell'uomo. New York, Stati Uniti, pag. 29.

UNDP (Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite) . 2018. Indicatori e indici di sviluppo umano: squadra di aggiornamento statistico 2018. Washington, DC.

Van Holt, T., Weisman, W., Johnson, J., Käll, S., Whalen, J., Spear, B. & Sousa, P. 2016. Uno strumento per il benessere sociale nella pesca (SWIFT) per contribuire a migliorare le prestazioni della pesca. *Sostenibilità, 8 (8): 667.

Banca Mondiale, FAO, ARD (Agricoltura e sviluppo rurale) & Pesce del mondo. 2012. Hidden Harvest: il contributo globale delle catture Fisheries. Washington, DC, Banca Mondiale.

Processo per FIPS

FaseAttività0 — Identificazione FIP Identificazionedi una pesca che può beneficiare di un progetto di miglioramento della pescaAnalisi della catena di fornitura condotta per capire chi altro è coinvolto nel settore della pesca e quale leva del mercato esiste1 — FIP DevelopmentAssessment of the environmental performanceScoping Document completato da un consulenteStakeholder mapping and engagement process 2 — Lancio FIPConferma dei partecipanti al progettoRiunionedei partecipanti Sviluppo del piano di lavoro- Obiettivi- Elenco delle attività- Delega di responsabilità- Tempi e tappe impegnate- Metriche e indicatori chiave delle prestazioni- Bilancio associatoPiano di lavoro reso pubblico3 — Implementazione FIP Attività di implementazionenel piano di lavoroMonitoraggio e reporting sullo stato di avanzamentoCorrezione del corso se necessario 4 — Miglioramento delle pratiche di pesca o della gestione Miglioramenti della politica o della gestione o modifiche delle pratiche di pescaAumento dei punteggi per gli indicatori di prestazione MSC incentrati sulla gestione o sull'informazione 5 — Miglioramenti sull'acquaAumenti dei punteggi per gli indicatori di performance MSC focalizzati sui risultatiCambiamento verificabile sull'acqua6—CertificazioneMSC ( solo per i FIP completi)Convalida dei miglioramenti della pesca attraverso l'intero processo di valutazione MSC; deve essere effettuata da un organismo di certificazione accreditato

*Fonte: * sito web CASS; per una versione più dettagliata, http://solutionsforseafood.org/wp-content/uploads/2015/03/ Alliance-Fip-guidelines-3.7.15.pdf.

Guida all'intervista per interviste FIP Qual è la sua esperienza con FIP e/o altri programmi di gestione della pesca multistakeholder?

Quali aspetti dell'approccio FIP pensi che lo distinguano dagli altri approcci di gestione?

Sareste d'accordo sul fatto che l'approccio FIP è comprensivo di tutte le parti interessate dopo il raccolto? Perché?

L'approccio FIP aiuta i piccoli pescatori e i pescatori a migliorare la loro posizione/posizione nelle catene del valore della pesca?

Pensi che continuerà a crescere in popolarità? Perché?

Quali sono le principali sfide per l'approccio FIP? L'approccio FIP ha contribuito a creare una forte organizzazione sociale? Perché?

Quali raccomandazioni vorreste formulare ai responsabili politici per aumentare i benefici promessi dall'approccio FIP?

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


  1. La Conservation Alliance for Seafood Solutions (CASS) collega i principali gruppi di conservazione provenienti da Nord America, Sud America, Europa e Giappone che lavorano con aziende in tutta la catena di fornitura, dai pescatori e dagli allevatori di pesci ai dettaglianti e ristoranti. La definizione di FIP è stata concordata dai membri e dai collaboratori della CASS, tra cui: Conservation International, la Fondazione David Suzuki, Ecology Action Centre, EDF, FishChoice, Fish Wise, Gulf of Maine Research Institute, Living Oceans, Monterey Bay Aquarium, New England Aquarium, Ocean Outcomes, Sea Web, Shedd Aquarium, Smart Fish AC, Sustainable Fisheries Partnership (SFP), Ocean Wise, World Wildlife Fund (WWF), Aquaculture Stewardship Council (ASC), Parchi canadesi e Wilderness Society (CPAWS), CEDEPesca, Client Earth, Comunidad y Biodiversidad A. C. (COBI), Ecotrust, Environmental Justice Foundation (EJF), Fair Trade USA, Future of Fish, Global Aquaculture Alliance, Global GAP, Good Fish Foundation, World Benchmarking Alliance, International Pole and Line Foundation (IPNLF), Marine Conservation Society United Kingdom (MCS UK), Marine Stewardship Council (MSC), National Aquarium, National Aquarium, National Resources Natural Resources Defense Consiglio (NRDC), Ocean Conservancy, Sea Delight Ocean Fund, Sea Pact, Seafood Legacy, la Nature Conservancy e Virginia Aquarium. 

  2. < https://docs.google.com/drawings/d/192tPood_Gv8bAv1s2YYgQmAsQhyD3Zcjhqq7lsIBfuM/edit > per una definizione di «piccola scala». 

  3. La pratica di sovrastimare gli attributi ambientali o socialmente coscienti dell'offerta di un'impresa pur sottovalutando gli attributi negativi, a vantaggio dell'impresa. Il greenwashing può essere esplicito o implicito e può essere espresso in molte forme, tra cui immagini, rivendicazioni dirette in testo, simboli, etichette, o anche partnership o relazioni. Queste affermazioni possono essere fatte in comunicati stampa, pubblicità, siti web e persino sui prodotti stessi. 

  4. Se una pesca riceve un punteggio compreso tra 80 e 100, gli viene assegnato un pass incondizionato, il che significa che non ha alcun obbligo di migliorare gli aspetti del suo funzionamento al fine di conservare il suo certificato. 

  5. CEA è una società di consulenza privata con sede a San Francisco, Stati Uniti d'America. L'organizzazione sostiene il lavoro di fondazioni ambientali e non-profit, nonché di imprese orientate alla sostenibilità, con approfondite ricerche e analisi, progettazione e valutazione dei programmi e pianificazione strategica. 

  6. un'altra entità, FishSource (a sua volta gestita da SFP), ha un database simile, ma le informazioni e i dati sono raccolti e gestiti dallo stesso gruppo di attori che forniscono le valutazioni per Fishery Progress. 

  7. Il sito web Fishery Progress è utilizzato per mostrare tutti i FIP conformi ai criteri stabiliti dai membri del CASS. I FIP sono valutati da un comitato consultivo (composto da FishChoice, WWF, MSC, New England Seafood, CEA, Fish Wise, SFP, Netuna USA, Seafood Ninja e Anova Seafood) e da un comitato tecnico (composto da MSC, ASC, MRAG Asia Pacific, Scaling Blue e MRAG Americas). 

  8. Paragrafo 7.1 Tutte le parti devono riconoscere il ruolo centrale che il sottosettore della pesca su piccola scala dopo il raccolto e i suoi attori svolgono nella catena del valore. Tutte le parti dovrebbero garantire che gli attori della catena del valore facciano parte dei processi decisionali pertinenti, riconoscendo che a volte esistono rapporti di potere ineguali tra gli attori della catena del valore e che i gruppi vulnerabili ed emarginati possono richiedere un sostegno speciale. 

  9. paragrafo 7.8 Stati, piccoli operatori della pesca e altri attori della catena del valore dovrebbero riconoscere che i benefici derivanti dal commercio internazionale dovrebbero essere equamente distribuiti. Gli Stati dovrebbero garantire l'esistenza di sistemi efficaci di gestione della pesca per prevenire lo sfruttamento eccessivo causato dalla domanda del mercato che può minacciare la sostenibilità delle risorse alieutiche, la sicurezza alimentare e la nutrizione. Tali sistemi di gestione della pesca dovrebbero includere pratiche, politiche e azioni responsabili dopo il raccolto per consentire ai piccoli pescatori e ad altri pescatori in modo equo lungo tutta la catena del valore. 

  10. le ORGP sono organismi intergovernativi che facilitano la gestione degli stock ittici in una determinata regione e, in generale, fungono da organo di gestione per le specie condivise e migratrici (come il tonno altamente migratore e il pesce rosso) e gli stock che si estendono al di là di un'unica giurisdizione nazionale. 


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.