Aquaponics System Designer è appena stato rilasciato! Inizia subito a progettare.
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Zbigniew Kasprzyk Consulente indipendente nel settore della pesca Antananarivo, Madagascar

Adrian Levrel Blue Ventures Londra, Regno Unito

Il Madagascar, uno dei paesi più poveri del mondo, ha grandi comunità costiere che si affidano pesantemente a varie piccole attività di pesca, come il granchio di mangrovie (Scilla serrata), per reddito. C'è stato un forte aumento della pesca del granchio di mangrovie a causa dell'elevata domanda internazionale, ed è ora la terza esportazione di pesce più preziosa del paese. Ciò ha comportato un eccesso di pesca, con una diminuzione documentata della quantità e della dimensione media delle catture. Inoltre, le perdite post-raccolta lungo la catena del valore portano alla perdita di valore, a causa della scarsa movimentazione, trasporto e stoccaggio. Questo valore perso riduce ulteriormente i guadagni e la sicurezza alimentare delle comunità costiere che dipendono da questa pesca. Il programma Smartfish, attuato congiuntamente dalla Commissione per l'Oceano Indiano e dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura e l'Agricoltura e finanziato dall'Unione Europea, ha collaborato con il ministero del Madagascar responsabile delle risorse alieutiche e delle ONG locali, tra cui Blue Ventures e WWF, per valutare i metodi per ridurre lo sfruttamento della pesca e aumentare i benefici per i pescatori e per la più ampia catena di approvvigionamento. Questo caso di studio esamina gli approcci pratici per recuperare il valore perso nella pesca del granchio di mangrovie, evidenziando interventi a basso costo che possono aumentare i rendimenti anche di fronte alla caduta delle catture. Il valore delle catture è stato aumentato ottenendo prezzi più elevati per i granchi da esportazione (circa la metà del raccolto annuo) e riducendo le perdite post-raccolta, fornendo un esempio pratico di come i cambiamenti a basso costo nel comportamento, nella logistica e nella tecnica possano ridurre le perdite post-raccolta, aiutando i pescatori a guadagnare di più mentre Catturando meno.

*Parole chiave: * Granchio di fango, Scilla serrata, Madagascar, mangrovie, pesca di mangrovie, miglioramento della catena del valore, perdite post-cattura, pesca su piccola scala, pesca tradizionale.

Circa 30 000 pescatori tradizionali lavorano nella pesca del granchio di mangrovie del Madagascar, soprattutto nelle zone della costa occidentale che espone foreste di mangrovie in prossimità degli acquirenti di frutti di mare. I pescatori pescano a piedi o da piroghe in legno non motorizzate (canoe a vela o a pagaia) utilizzando semplici attrezzature. La domanda del mercato è aumentata in modo significativo dalla fine degli anni 2000, in particolare per i granchi vivi, provocando un eccessivo sfruttamento in tutte le regioni tranne quelle più remote, con una marcata tendenza alla riduzione delle rese da pesca e alla dimensione media dei granchi raccolti. Allo stesso tempo, la crescita della popolazione e la migrazione economica verso la costa hanno portato a un maggior numero di persone che sfruttano le mangrovie, in particolare per la produzione di carbone e legname da costruzione, nonché la raccolta di pesce e crostacei per i mercati locali ed esteri. I piccoli pescatori che vivono nelle mangrovie in genere non hanno terreni agricoli e si affidano pesantemente alla pesca del granchio di fango per i loro mezzi di sussistenza.

Nei primi anni 2000, è diventato chiaro che le foreste di mangrovie e gli stock di granchi venivano sfruttati eccessivamente. Successivamente, il ministero governativo del Madagascar responsabile delle risorse alieutiche (Ministère des Ressources Halieutiques et de la Pêche - MRHP, fuso nel Ministère de l'Agriculture de l'Elevage et de la Pêche nel 2019) ha deciso di sviluppare una nuova politica per il settore. Il programma SmartFish 1, attuato congiuntamente dalla FAO e dalla Commissione per l'Oceano Indiano, ha iniziato a collaborare con MRHP nel 2011 con l'obiettivo di rendere la pesca del granchio di fango più sostenibile:

  • valorizzare il settore del granchio riorientando le esportazioni verso granchi vivi, più redditizi dei granchi congelati e venduti per il doppio del prezzo;
  • Ridurre la mortalità post-raccolta a meno del 20 per cento entro la fine del 2015, rispetto al 32 per cento del 2013 (con perdite di picco del 50 per cento nella stagione delle piogge).

La sfida per i pescatori potrebbe essere riassunta come: «Puoi guadagnare di più mentre prendi meno?» Sono state sviluppate dieci pratiche migliorate per la cattura e la manipolazione dei granchi allo scopo di migliorare la qualità dei granchi vivi trattati in tutti i collegamenti della catena del valore. Queste buone pratiche sono state testate e diffuse direttamente ai pescatori, grossisti e collezionisti. Il risultato è stato che i granchi sono ora più sani e robusti, con una migliore resa di carne, e sono più in grado di sopravvivere sia al trasporto nazionale che all'esportazione.

Queste buone pratiche sono in linea con gli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradicazione della povertà (Linee guida dell'SSF; FAO, 2015), in particolare: ridurre le perdite post-raccolto in tutto il settore (paragrafo 7.5), facilitare l'accesso alle istituzioni internazionali il mercato attraverso l'esportazione di granchi vivi (paragrafo 7.6), aumentando la quantità di granchi venduti sul mercato locale e contribuendo in tal modo alla sicurezza alimentare (paragrafo 7.7). Individuare le semplici innovazioni insieme ai pescatori e ai collezionisti e coinvolgerle nello sviluppo, nella sperimentazione e nel trasferimento di competenze per diffondere le buone pratiche, è stato al centro della strategia d'intervento (paragrafo 12.3).

L'MRHP ha ottenuto l'adozione diffusa delle pratiche di manipolazione post-raccolta utilizzando un processo partecipativo che collega dipartimenti decentralizzati, attori del settore ed esperti della pesca. Questo caso di studio illustra in dettaglio il processo seguito dal programma SmartFish per identificare, testare e diffondere le buone pratiche sul terreno in tutte e cinque le regioni costiere del Madagascar occidentale che contengono mangrovie. Esso fornisce anche raccomandazioni su come replicare questa esperienza positiva in altre aree di mangrovie del Madagascar, così come in altri paesi africani con mangrovie e pesca di granchi di mangrovie.

Il granchio di mangrovia, Scilla serrata (Forskal, 1755), noto anche come granchio di fango, è una delle specie di granchio più grandi e ricercate nella famiglia dei Portunidae. Si trova nelle zone intertidali di estuari e mangrovie nell'Oceano Indiano e Pacifico. Si adatta alle zone subtidali (costantemente sommerse) e può tollerare variazioni significative nella salinità — dall'1 al 30 per cento (Ali et al., 2004).

Secondo il telerilevamento effettuato nel 2010, il Madagascar ha circa 2 000 km² di mangrovie (Jones et al., 2016). Nel 1997, questo rappresentava rispettivamente il 20 per cento e il 2 per cento del totale in Africa e nel mondo (ONE e ANGAP, 1997). La stragrande maggioranza delle mangrovie del Madagascar si trova sulla costa occidentale del paese (Figura 7.1).

! image-20210521192811463

! image-20210521192823076

I dati ufficiali di MRHP indicano che il rendimento massimo sostenibile nazionale (MSY) per il granchio di mangrovie è di 7 500 tonnellate all'anno (Ralison, 1987). Questa stima si basa su un ipotetico livello di produzione di 2,5 tonnellate/km² per 3 000 km² di mangrovie.

Lo sfruttamento sostenibile della pesca delle mangrovie e delle foreste è diventato critico, e non solo per la pesca del granchio. Le foreste di mangrovie offrono un habitat per molti altri crostacei e pesci, oltre a una serie di altri preziosi benefici dell'ecosistema, come la protezione contro i picchi di tempesta e il sequestro dell'anidride carbonica.

! image-20210521192840077

La pesca del granchio di mangrovia in Madagascar è esclusivamente tradizionale: viene effettuata in aree di mangrovie inaccessibili a piedi o in piccole piroghe non motorizzate, utilizzando tecniche di pesca molto semplici e poco costose (ad esempio ami, reti per granchi, retini e lenze). Un sondaggio nazionale condotto nel 2013 ha mostrato che in Madagascar ci sono circa 30 000 pescatori di granchi di mangrovie, di cui il 21 per cento sono donne (MRHP e PASP, 2014). Le donne trasformatrici generalmente gestiscono lo stoccaggio e la vendita, spesso assistite dai loro figli.

I granchi sono generalmente maneggiati vivi, coperti di fango. Collezionisti, grossisti e venditori del mercato locale hanno permessi di raccolta e carte grossista o fornitore. La percentuale di attori informali del settore si sta riducendo e gli operatori formali e informali utilizzano pochi dipendenti e poco capitale. Con quasi nessun accesso al credito, hanno pochi fondi propri da investire in risorse di raccolta. In netto contrasto, le aziende di esportazione dispongono di impianti di trasformazione che in genere soddisfano gli standard internazionali (Kasprzyk, 2014).

In precedenza, la pesca del granchio era ritenuta dai pescatori, dai collezionisti e dalle autorità di pesca di minore importanza rispetto alla pesca di gamberetti e pesci. In effetti, le catture tra il 1985 e il 2008 sono risultate nettamente inferiori al MSY ipotizzato di 7 500 tonnellate. Tuttavia, nel 2009, la pesca del granchio è aumentata notevolmente quando le aziende di gamberetti hanno adattato alcune delle loro infrastrutture di lavorazione al granchio per compensare il calo della produzione di gamberetti. La produzione tradizionale della pesca è passata da 4 052 tonnellate nel 2012 a 6 018 tonnellate nel 2017 (grafico 7.2), con un aumento del valore in parallelo.

! image-20210521192909868

Questa parte dello studio è direttamente collegata al paragrafo 7.5 degli orientamenti sull'FSE.

Il programma SmartFish ha attuato il «progetto granchio», che ha coinvolto attivamente attori di ogni fase della catena di approvvigionamento con l'obiettivo di affrontare la mortalità post-raccolta e individuare buone pratiche per ridurre le perdite post-raccolta (Tabella 7.1). Il progetto è iniziato mobilitando attori dinamici e innovativi della supply chain locale e identificando con loro una serie di soluzioni tecniche. Questi sono stati poi testati, ottimizzati e presentati ad attori e partner per la loro approvazione. Questi stessi attori e partner sono stati coinvolti anche nelle fasi di sensibilizzazione e diffusione.

TABELLA 7.1

Processo di identificazione delle buone pratiche post-raccolta

FaseMobilitazione attori e risorseOutput1. Introduzione sul terreno, analisi di base e analisi preliminareStudio approfondito e analisi della situazione sul terrenoImpegno e sensibilizzazione dei servizi tecnici e degli enti localiAssunzione di agenti locali che conoscono bene il terreno per agire come facilitatori attoriStima delle perdite post-raccolta e cause ad ogni anello della catena Identificazione di pratiche locali innovative che potrebbero essere ottimizzate o ImproVeda gamma di soluzioni tecniche proposte per ogni anello della catena settoriale2. Testare una serie di soluzioni tecnicheIstituzione di un meccanismo di collaudo delle soluzioni tecniche con gli attori identificatiFormazione degli operatori con seguito da parte dei facilitatoriAmpia copertura geografica e durata sufficiente per osservare risultati chiariValutazione delle soluzioni tecniche mediante dati e pareri raccolti in WorkshopsElenco delle buone pratiche per l'approvazione3. Approvazione delle buone praticheTutti gli attori del settore identificati impegnati ad approvare le buone pratiche selezionateElenco delle buone pratiche approvate da divulgare Elenco degli attori e dei facilitatori da mobilitare per la dimostrazione e la formazione sul campo4. Diffusione delle buone praticheProdurre un kit di strumenti didattici per la formazione e la comunicazioneOrganizzare campagne di sensibilizzazione e divulgazioneValutazione follow-up dell'adozione di buone pratiche e dell'impatto sulle perdite post-raccolta

Per ridurre gli investimenti nella catena del freddo, i granchi di mangrovie vengono gestiti in diretta ad ogni collegamento della catena di approvvigionamento. I tassi di mortalità sono significativi tra il momento della cattura e l'arrivo alla destinazione finale (cioè fabbrica/mercato).

Il progetto SmartFish granchio ha condotto numerose indagini sul campo nel 2012 e nel 2013 per valutare la mortalità a ciascun anello della catena di approvvigionamento (tabella 7.2).

TABELLA 7.2

Mortalità post-raccolta nel settore del granchio in Madagascar

CollegamentoTasso di mortalità*Pesca e stoccaggio nei villaggi (con pescatori)7%Stoccaggio nei villaggi e trasporto ai collezionisti (con grossisti)7%Conservazione in punti di raccolta compreso trasporto e consegna alla fabbrica/mercato situato sulla costa (con collezionisti)16%Trasporto tra villaggi costieri e Antananarivo per granchi esportati vivi per via aerea o venduti nella capitale (con collezionisti)5%Vendita al mercato locale/bazar (con venditori) 6%

*Al di fuori della stagione ciclone.

*Fonte: * Indagini condotti dal progetto Granchio SmartFish Programme in 11 dei 17 distretti amministrativi del paese che contengono mangrovie. FANOITRA ONG & Kasprzyk, 2016

Il tasso di mortalità varia in modo significativo a seconda della lontananza e dell'accessibilità dei villaggi di pescatori o dei campi, del modo in cui viene organizzata la raccolta e della destinazione finale dei granchi. Anche la mortalità aumenta significativamente nella stagione dei cicloni (i valori presentati nella tabella 7.2 si riferiscono solo al di fuori della stagione dei cicloni).

Le perdite annuali nel 2013 sono state stimate a 1 300 tonnellate, una perdita commerciale di 4,5 milioni di dollari (Kasprzyk, 2016). Si tratta di perdite totali, poiché i granchi morti non sono adatti al consumo umano o all'uso nell'alimentazione animale, a causa di tossine che si sviluppano rapidamente dopo la morte.

Le cause principali di questa elevata mortalità, alcune delle quali sono illustrate nella Figura 7.3, sono:

a) Il modo in cui viene organizzata la raccolta e il lungo periodo di tempo durante il quale vengono manipolati i granchi, dal momento in cui vengono catturati fino alla consegna finale (fino a una settimana o più per i villaggi remoti);

b) Utilizzo di stoccaggio e trasporto inadeguati, con conseguente frantumazione dei granchi;

c) Soffocamento del granchio a causa dell'insufficiente quantità e qualità del fango e della mancanza di irrigazione;

d) Legatura tardiva degli artigli dei granchi, che incoraggia gli infortuni (in quanto carnivori e cannibalistici);

e) Vendita di granchi senza artigli in alcune regioni del Madagascar (se gli artigli vengono rimossi, i granchi sono feriti e quindi più vulnerabili).

Una volta quantificate le perdite, il MRHP ha fissato l'obiettivo di ridurre la mortalità stimata del 32 per cento di un terzo. Con il sostegno di SmartFish, ha attuato un programma con le parti interessate del settore basato su due principi:

  • Identificare soluzioni tecniche semplici e a basso costo utilizzando competenze e materiali disponibili a livello locale e promuovere le buone pratiche locali;

  • Raggiungere un'ampia copertura geografica, con numerosi siti pilota a scopo dimostrativo.

Tra novembre 2012 e gennaio 2014 le pratiche sono state identificate, testate e approvate. I consulenti hanno effettuato diverse visite ai villaggi, permettendo loro di identificare gli attori (pescatori, grossisti e collezionisti) che hanno riportato una mortalità inferiore rispetto ad altri. Dopo aver analizzato le tecniche, questi metodi sono stati testati individualmente per diversi mesi dai leader di altri villaggi.

! image-20210521193056234

In collaborazione con il World Wildlife Fund, SmartFish ha effettuato 716 test e dimostrazioni in 33 villaggi in quattro delle sei regioni di mangrovie del Madagascar. Ciò ha comportato la fornitura di materiale per la pesca e la formazione a 205 pescatori, mentre circa 2 500 pescatori hanno avuto accesso alle manifestazioni nei loro villaggi.

In ciascun sito di dimostrazione, il progetto ha monitorato e valutato le perdite post-raccolta rispetto alla base stabilita durante le indagini iniziali. Ciò ha permesso di quantificare la riduzione della mortalità e di analizzare anche l'adattabilità delle innovazioni e la loro redditività (vale a dire entrate supplementari e periodo di ammortamento). È importante sottolineare che un esperto di pesca ha sostenuto regolarmente i consulenti locali, trascorrendo più di 75 giorni di lavoro nei villaggi costieri e nelle città tra novembre 2011 e settembre 2015.

Questo lavoro è stato infine utilizzato per produrre SmartFish Manual n. 35, intitolato «Migliorare il valore del granchio di mangrovia attraverso la riduzione delle perdite post-raccolta», pubblicato in francese e malgascio da SmartFish, Unione Europea e FAO nel 2014, dettagliato nella prossima sezione - diffusione.

TABELLA 7.3

Breve descrizione delle dieci buone pratiche pubblicate da SmartFish

Punto nel settore della catena del valorePrincipidibuone pratichePesca1. Granchio cerchio reteCattura campioni più grandi, in acqua più profondaStoccaggio (pescatore) 2. Capanna portaoggetti 3. Live-granchio gabbia di stoccaggioRifugio granchi in attesa di collezioneMantenere i granchi nel loro ambiente naturale (senza perdite)Stoccaggio (collettore)4. Hangar5. Live-granchio contenitoreLimitazione delle perdite attraverso lo stoccaggio appropriatoMantenere i granchi nel loro ambiente naturale (nessuna perdita)Trasporto (collettore) 6. Carrelli adattati (ripiani)Riducendo granchio frantumazione, proteggendoli contro il sole e la pioggiaTrasporto (collezione/grossista)7. Scatola di legno peril trasporto Riduzione della frantumazione del granchio, mantenendo condizioni di trasporto favorevoliTrasporto (collettore/grossista)8. Ripiani migliorati per il trasporto con pirogaRidurre la frantumazione del granchio, mantenendo condizioni di trasporto favorevoliTrasporto (collettore/grossista)9. Ripiani migliorati per il trasporto con camionRidurre la frantumazione del granchio, mantenendo condizioni di trasporto favorevoliTrasporto (collettore/grossista)10. Motore di bordo per il trasporto in pirogaRiduzione dei tempi di trasporto

La seconda fase del progetto prevedeva attività di sensibilizzazione e diffusione più ampie, costituite dai seguenti elementi:

  • Produzione di un manuale tecnico dettagliato in francese e malgascio per tutti gli attori del settore;

  • Produrre un toolkit di sensibilizzazione/divulgazione (sempre in francese e malgascio) basato sul manuale, presentando i vari strumenti a diversi destinatari;

  • Trasmissione su stazioni radio locali in dialetti locali, in modo da raggiungere un pubblico più ampio possibile;

  • organizzazione di workshop regionali e interregionali per la formazione e la dimostrazione;

  • Creazione di tre unità dimostrative mobili nei villaggi per mostrare video di formazione, fare dimostrazioni pratiche e distribuire i diversi strumenti o kit di diffusione.

Il programma si è rivolto specificamente a ciascuno degli attori del settore (pescatori, grossisti e collezionisti) e a coloro che li circondano, cioè ai loro coniugi e figli (che partecipano alla manipolazione del granchio) e al pubblico più ampio che utilizza risorse di mangrovie. I bambini che frequentano la scuola sono spesso gli unici membri alfabetizzati della famiglia e sono quindi più inclini degli adulti ad assumere le buone pratiche e innovare. In ogni fase sono stati coinvolti servizi tecnici, autorità locali e partner di sviluppo nelle zone costiere.

TABELLA 7.4

Descrizione del kit di strumenti per la sensibilizzazione

StrumentiContentTarget pubblico e usoManualetecnico,formato 17x25 cm (80 pagine)Codice di condotta per gli operatori e descrizione dettagliata (foto, disegni) di dieci buone pratiche per rafforzare i granchi e ridurre le perdite post-raccoltaAttori del settore (imprese di raccolta, collezionisti individuali), autorità della pesca e dell'ambiente costiero, organizzazioni non governative (ONG) e progettiManifesti informativi (cinque) in formato A2, rivestitoIstruzioni per il montaggio e l'utilizzo degli strumenti per la pesca, il trasporto e la conservazione dei granchi consigliati nel manuale tecnicoTutti gli attori del settore. Esposizione: cartelloni pubblicitari, mercati, scuole di villaggio e comunità, uffici amministrativi, uffici locali di ONG e progetti. Schede informative (dieci) in formato A4, fronte/retro e laminatiSchede sintetiche sulle dieci buone pratiche descritte nel manuale tecnicoTutti gli attori del settore. Distribuito da unità dimostrative mobili a persone interessate a una particolare tecnica. Programmi radiofonici (tre)Codice di condotta e buone pratiche, sotto forma di schizzo o di breve opera in diversi dialetti costieriPubblico generale (la radio è l'unico mezzo di comunicazione accessibile per la maggior parte dei villaggi remoti)Video di formazione (43 verbale)Fabbricazione e uso degli strumenti raccomandati nelle buone praticheTutti gli attori del settore e il pubblico in generale. Diffusione nei villaggi da unità dimostrative mobili. Fumetto, formato 21x30 cm (15 pagine), bilingue, in malgascio e franceseSensibilizzazione tra i giovani circa i benefici delle mangrovie, l'importanza di proteggerle, e l'esistenza di buone pratiche post-raccolta. Bambini di età compresa tra 10 e 14 anni e le loro famiglie nelle aree di mangrovie. Distribuito nelle scuole del villaggio. Tessuto illustrato (lambahoany), formato 170x112 cm, tessuto conserigrafia quadricromiaIllustrazioni che mostrano le buone pratiche e ricordano alle persone la taglia minima di catturaDonna. Distribuito dalle unità dimostrative mobili e durante workshop regionali. Tappetini illustrati in formato A3, illustrazioni fronte/retro e laminatoche mostrano le buone pratiche e ricordano alla gente la taglia minima di catturaRistoranti locali (gargotes), famiglie di pescatori. Distribuito dalle unità dimostrative mobili e durante workshop regionali.

I workshop regionali e interregionali nelle città costiere del Madagascar occidentale sono stati fondamentali per il successo del progetto. Dal 2014, questi hanno riunito un totale di 270 persone, di cui 52 erano pescatori e 140 attori altrove nella catena del valore. Durante i workshop:

  • I servizi MRHP hanno dimostrato il loro impegno e hanno sensibilizzato la nuova legislazione in fase di preparazione.

  • Gli operatori e i partner hanno avuto l'opportunità di approvare le buone pratiche selezionate per la diffusione e quindi sono stati pienamente coinvolti nella diffusione.

  • I partecipanti hanno avuto l'opportunità di dibattere e scambiare opinioni sull'uso sostenibile di granchi e mangrovie, guadagnando al tempo stesso formazione tecnica e competenza.

  • È stato lanciato un concorso per l'innovazione per individuare nuove pratiche o miglioramenti a quelle già diffuse.

Ciò che ha contraddistinto questi workshop è stata la formazione pratica e le dimostrazioni, oltre alle presentazioni e ai dibattiti. Ciò è stato importante in quanto ha permesso agli operatori di partecipare e dimostrare la propria esperienza. I pescatori e i grossisti, che erano generalmente abbastanza passivi durante le presentazioni e i dibattiti, sono stati molto attivi durante le sessioni di assemblaggio e ottimizzazione degli attrezzi migliori, come le reti da granchio, le gabbie di granchio vivo o altre scatole di legno.

La sfida principale per la campagna di diffusione è stata la lontananza delle aree di mangrovie. Raggiungere i villaggi di pescatori è difficile e richiede molto tempo, in quanto sono accessibili solo via mare. Per questo motivo, SmartFish ha organizzato tre campagne dimostrative mobili in aprile e maggio 2015, ciascuna della durata di sei settimane e viaggia in barca a motore. Ogni unità mobile era composta da tre o quattro persone, tra cui almeno un operatore in grado di dimostrare come realizzare e utilizzare le diverse innovazioni. L'unità mobile era attrezzata per mostrare video di formazione e aveva un kit di diffusione. Si è adattato alla vita e al programma di lavoro dei pescatori e delle loro famiglie al fine di raggiungere il maggior numero di persone possibile.

È importante sottolineare che le persone che dimostravano le buone pratiche nei villaggi erano i migliori pescatori, intermediari e collezionisti. Dopo essere stati addestrati, le loro nuove conoscenze e la loro evidente professionalità hanno permesso loro di formare altri attori del villaggio (riquadro 7.1 e figura 7.4).

CASELLA 7.1 Una giornata tipica per un'unità dimostrativa mobile Al mattino, mentre i pescatori erano in mare, l'unità dimostrativa incontrò gli alunni più giovani (10-14 anni) a scuola e diede loro il fumetto con spiegazioni e discussioni. Allo stesso tempo, un membro dell'unità ha fatto una breve indagine con gli operatori locali sulle perdite di pesca e post-raccolta, per comprendere il contesto locale prima della sessione pomeridiana. Nel pomeriggio si è tenuto un incontro con i pescatori e altri attori della filiera. I pescatori hanno avuto la parola per esprimere le loro opinioni. Poi la discussione si è allargata alle cause della mortalità dei granchi e come gli stessi abitanti del villaggio potrebbero ridurre le loro perdite. Successivamente, l'unità ha mostrato il video di formazione sulle buone pratiche (43 minuti), e poi ha dimostrato buone pratiche specifiche (reti da granchio, gabbie di granchio vivo, ecc.). I pescatori, i grossisti e i collezionisti sono stati invitati a partecipare e le persone più attive e interessate hanno ricevuto schede plastificate, il manuale tecnico e altri articoli dal kit di diffusione. A fine giornata, l'unità ha allestito espositori in luoghi pubblici (uffici, mercati e scuole) e nella sede di gruppi locali, ONG e progetti attivi sul campo.

I risultati delle unità dimostrative mobili sono stati i seguenti:

  • 46 fokontany* (unità amministrativa a livello di villaggio) visitata con circa 9 800 pescatori, di cui 4 000 specializzati nella pesca del granchio;

  • 2 060 pescatori addestrati, 1 090 bambini hanno ricevuto un fumetto;

  • 140 manuali tecnici, 1 430 fogli laminati, 225 poster, 90 tovagliette e involucri illustrati;

  • Partecipazione dei sindaci, dei capi dei villaggi, degli anziani esperti, dei presidenti delle organizzazioni comunitarie di base, degli insegnanti e degli insegnanti.

Le trasmissioni radio sono state tradotte in malgascio ufficiale e nei due dialetti costieri, e trasmesse 74 volte da otto stazioni radio locali in cinque grandi città costiere. La radio è stata utilizzata anche per informare il pubblico sugli obiettivi delle unità di dimostrazione mobili. La radiodiffusione era un modo a basso costo per diffondere i messaggi chiave ai pescatori, grossisti e collezionisti che non avevano avuto contatti diretti con il governo o i responsabili del progetto. Anche dove i collezionisti avevano più facile accesso alle autorità o al progetto, la radio serviva ancora a consigliarli e aggiornarli.

! image-20210521193141364

TABELLA 7.5

Tassi di mortalità: progressione tra il 2013 e il 2015

Fase della catena del valore (attore)Tasso di mortalità (%)20132015Pesca e stoccaggio nei villaggi (pescatori)7.02.5 Stoccaggio nei villaggi e trasporto ai collezionisti (grossisti)7.02.5Deposito presso i punti di raccolta compresa la consegna alla fabbrica/mercato situato sulla costa (collezionisti)16.06.5Trasporto tra città costiere e Antananarivo (collezionisti) 5.05.5Vendita al mercato locale/bazar (fornitori)6.06.5Mortalità cumulativa: Consegna cittàcostiera23.0—36.011.5-18.0Antananarivo consegna28.0—41.017.0—23. 5

*Fonte: * Fanoitra e Kasprzyk, 2016.

Per tutta la durata del progetto, i risultati ottenuti sono stati soddisfacenti:

  • In due anni, il tasso di mortalità è sceso dal 32 al 17,5 percento.

  • Ciò rappresenta un guadagno di 600 tonnellate di granchi con un valore di mercato di 2,1 milioni di dollari.

  • L'obiettivo di ridurre il tasso di mortalità di un terzo è stato superato.

  • Ogni kg di granchio «salvato» si traduce in un ulteriore USD 1 per il pescatore.

La mortalità è stata ridotta con successo nella catena di approvvigionamento soprattutto dove i pescatori, gli intermediari dei villaggi e i collezionisti erano attivi. Ciò è stato raggiunto grazie al miglioramento delle pratiche ampiamente diffuse e al forte coinvolgimento degli attori locali della catena di approvvigionamento. Collezionisti e commercianti che lavoravano insieme nelle zone di pesca sono stati in grado di ridurre il tempo di conservazione dei granchi. Nel 2012, la raccolta è avvenuta una volta alla settimana o meno; nel 2015, lo stoccaggio non è durato più di tre giorni e la raccolta ha avuto luogo due o tre volte alla settimana.

Tuttavia, la mortalità non è scesa tra i collezionisti che trasportano granchi vivi ad Antananarivo. Ciò si spiega con l'aumento della distanza tra le città costiere dove avviene la raccolta e la capitale: nel 2013, i granchi inviati ad Antananarivo provenivano da Mahajanga e Morombe (una distanza di 570-700 km), ma ora un numero crescente proviene da Antsohihy, Ambanja e persino Toliara (una distanza di 750—1 000 km). Le vie più lunghe causano una maggiore mortalità dei granchi.

Questa parte dello studio si riferisce al paragrafo 7.6 degli orientamenti sull'FSS.

Riorientamento e crescita delle esportazioni

TABELLA 7.6

Produzione ed esportazioni di granchi tra il 2012 e il 2017

Descrizione20122013201420152016* 2017QVQVQVQVQV QVCatture4 052-6 014-6 946-7 306-6300-6 018-Esportazioni (in peso vivo)2 454-3 221 -4 465-3 594-3 156-3 008-Esportazioni (nei prodotti finiti)1 1004.921 96612.193 40120.802 83616.612 34511.852 317 10.73Live290.168818.072 47617.172 20514.491 6689.271 7158.13Congelato1 0403.821 0844.069253.63632 2.126772.586022.60Semi-conservate310.941.40.06--------

Q — quantità (tonnellate); V — valore (milioni di USD);\ *2016: nuova stima da parte del consulente; 

Coefficiente di conversione in peso vivo: granchio vivo (1.0), granchio intero congelato (1.1), granchio congelato in pezzi (2.2), carne di granchio cruda (6.1), granchio pastorizzato (10.0).

*Fonte: * Servizio statistiche MRHP.

Fino al 2012, i granchi congelati in pezzi costituivano il 93 per cento del tonnellaggio e il 73 per cento del valore delle esportazioni; piccole quantità di granchio vivo sono state vendute alle vicine Mauritius e Riunione. Il granchio congelato è stato venduto principalmente in Europa, in particolare in Francia (Kasprzyk, 2014). Poi, nel 2013, l'MRHP ha iniziato a concedere vari permessi per la raccolta e l'esportazione di granchi vivi, che si è rapidamente riflessa nelle esportazioni (tabella 7.6). Nel 2017 si è registrato un aumento del 49 per cento della produzione totale di granchi rispetto al 2012 (Figura 7.2); nello stesso periodo, il tonnellaggio delle esportazioni di peso vivo è aumentato solo del 23 per cento, mentre il valore delle esportazioni è aumentato di un multiplo di 2,2.

Questo forte aumento del valore delle esportazioni è dovuto essenzialmente al significativo aumento della proporzione di granchi vivi esportati (3 per cento nel 2012, oltre 70 per cento dal 2014 in poi) e al loro valore più elevato: il prezzo medio in peso vivo per chilogrammo è 1,7 volte superiore a quello dei granchi congelati. L'Europa, i principali importatori di granchio congelato prima del 2012, è ora stata superata dall'Asia (in particolare dalla Cina).

Impatto sul prezzo di vendita e sul reddito dei pesci Sono state effettuate indagini per quantificare la riduzione delle perdite e il miglioramento dei redditi ottenuti dal progetto granchio, 191 persone - pescatori, intermediari e collezionisti sono stati intervistati in settembre e ottobre 2015 in 38 villaggi e 8 città costiere occidentali (Ambanja, Antsohihy, Mahajanga, Namakia, Soalala, Belo- Sur-Tsiribihina, Morondava e Morombe) in 11 distretti. I risultati hanno mostrato che il prezzo è passato da una media nazionale inferiore a 0,5 USD per kg all'inizio del 2012 a oltre 1,1 USD per kg alla fine del 2015. Per i pescatori della piroga nella regione di Boeny, il loro reddito è aumentato del 26 per cento tra il 2011 e il 2015, nonostante il calo delle catture del 33 per cento nello stesso periodo (tabella 7.7). Ciò è dovuto principalmente all'aumento del prezzo di vendita. Anche la riduzione delle perdite post-raccolta ha contribuito, ma in misura minore.

La media nazionale ha tuttavia nascosto notevoli disparità di prezzo tra le regioni: 1,88 USD per kg per le regioni di Sofia e Diana, 0,74 USD per kg per Boeny e Menabe e appena 0,38 USD per kg per Atsimo-Andrefana. Queste disparità sono spiegate dalle differenze di qualità dei granchi raccolti e dai maggiori costi di trasporto nelle regioni più remote. Inoltre, l'aumento medio dei prezzi in tutte queste regioni ha incentivato tutti gli attori del settore ad adottare le nuove pratiche.

TABELLA 7.7 Media delle catture e dei guadagni dei pescatori della piroga nel 2011 e nel 2015 — regione di Boeny

Descrizione20112015Cattura mensile (kg)261196Prezzo di vendita (USD/kg)0,470,74 Reddito mensile lordo (USD)114144

Fonte: Kasprzyk, 2012; Fanoitra et al., 2016.

Il reddito supplementare ottenuto riducendo le perdite è considerevole tra i collezionisti e i grossisti (tabella 7.8). La concorrenza feroce ha spinto questi attori a riprendere le tecniche diffuse dal progetto. Il reddito generato allora a volte aiuta a finanziare i materiali necessari per apportare ulteriori miglioramenti nelle attrezzature per la pesca e lo stoccaggio. I collezionisti e i grossisti stanno attualmente continuando il lavoro del progetto applicando e diffondendo le buone pratiche, e stanno per guadagnare di più facendo così.

TABELLA 7.8

*Reddito mensile aggiuntivo guadagnato grazie alla riduzione della mortalità (media nazionale) *

AttoreProduzione mensile (kg)Prezzo unitario di vendita(USD/kg)Riduzione delle perditeReddito mensile aggiuntivo dovuto a la riduzione delle perdite (USD%kgFisher1941,004,5(7,0-2,5 = 4,5) 99,54Intermediario2221 1,404,5(7,0-2,5 = 4,5) 100 140Collettore3 9392,209,5 (16,0-6,5 = 9,5)374823

Fonte: * Fanoitra *et al., 2016.

Impatto sul mercato locale

L'apertura del mercato delle esportazioni di granchi vivi ha suscitato il timore di poter diminuire la quantità disponibile per il consumo locale. In effetti, è stato osservato il contrario: i consumi e le vendite locali sono più che triplicati, passando da 628 tonnellate nel 2012 a 1 964 tonnellate nel 2017 (tabella 7.9).

TABELLA 7.9

*Distribuzione delle catture di granchio nel 2012 e nel 2017 (in tonnellate) *

Descrizione20122017Totale catture4 0526 018Perdite didistribuzionepost-raccolta9701 050esportazioni 2 4543 008consumi locali6281 964

*Fonte: * Kasprzyk e Levrel, 2018a.

La crescita relativamente debole delle esportazioni di granchio può essere dovuta al notevole tonnellaggio respinto dai collezionisti/esportatori di granchi vivi, dato che i granchi sono deboli, feriti, scarse rese di carne e, soprattutto, al di sotto della taglia standard. In media, gli esportatori rifiutano tra il 40 e il 45 per cento dei granchi loro forniti. Queste vengono vendute immediatamente ai commercianti locali e, in misura minore, agli esportatori di granchi congelati. Alcuni dei granchi che non vengono venduti vengono mangiati dai pescatori stessi. La quantità stimata di catture consumate dai pescatori è aumentata dal 5 per cento al 9 per cento nella baia di Mahajamba (Kasprzyk, 2012; Kasprzyk e Levrel, 2018b).

Misure di gestione

Nel 2006 un primo tentativo di mettere in atto un piano di gestione è stato incontrato con resistenza tra gli attori del settore. Le uniche regole accettate erano una dimensione minima del carapace di 100 mm, che proteggeva solo il 10 per cento delle femmine mature (Rafalimanana, 2006), e il divieto di catturare femmine portatrici di uova e granchi a guscio morbido.

Successivamente, l'aumento del reddito dei pescatori ha reso più fattibile l'introduzione di nuove misure di gestione nel settore. Inoltre, le catture sono aumentate in modo significativo, superando il 90% del MSY nel 2014-2015. Dal 2015 in poi, l'MRHP ha preso diverse importanti decisioni per regolamentare meglio la raccolta del granchio:

  • limitazione delle catture annuali a 5 000 tonnellate;

  • fissare il contingente totale di esportazione autorizzato a 4 250 tonnellate l'anno (nel 2015 il contingente di esportazione era stato fissato a 3 600 tonnellate ed è stato distribuito tra nove operatori situati in cinque regioni);

  • Aumento della dimensione minima del carapace per i granchi catturati da 100 a 110 mm;

  • Chiusura della pesca per quattro mesi ogni anno (la legge sulla chiusura vietava anche la raccolta, la vendita, l'acquisto, il trasporto, la conservazione ed esportazione di granchi vivi e trasformati). Poiché la maggior parte dei pescatori si rivolge a più specie, essi sono in grado di continuare a guadagnare da pesci, gamberetti o altre catture durante la chiusura;

  • vietare la raccolta di granchi morbidi o femmine portatrici di uova, e di pescatori e grossisti che maneggiano granchi senza zampe o artigli prima della vendita;

  • Vietare il taglio, la raccolta, il trasporto e la vendita del legno di mangrovia.

I pescatori della costa occidentale del Madagascar sono già tra le persone più povere e più emarginate del paese. La rapida crescita della popolazione e la migrazione costiera stanno causando pressioni sulle attività di pesca e mangrovie in prossimità della costa. In questo contesto, il lavoro per ridurre le perdite post-cattura e quindi aumentare il valore dei raccolti di granchio riduce la povertà e facilita una migliore gestione delle risorse naturali.

L'esperienza del Madagascar dimostra che anche quando si cattura meno granchio, i pescatori, grossisti e singoli collezionisti sono stati in grado di mantenere o addirittura aumentare il loro reddito. Ciò è diventato possibile grazie a a) il prezzo più elevato del granchio di alta qualità (sano, con una maggiore resa di carne) adatto all'esportazione dal vivo, e b) la riduzione delle perdite post-raccolta attraverso un ampio assorbimento di buone pratiche. L'incentivo ai prezzi, insieme al coinvolgimento di tutti gli attori del settore nella co-progettazione dei miglioramenti e nella promozione della loro adozione, ha aiutato il MRHP a valorizzare il settore del granchio e a incoraggiare la gestione sostenibile.

Accanto allo sviluppo e all'attuazione delle misure di gestione della pesca o degli ecosistemi, il mantenimento o il miglioramento del reddito dei pescatori dovrebbe avere un impatto positivo sulle risorse alieutiche e anche sulla protezione delle foreste di mangrovie. Quando i pescatori guadagnano una vita migliore grazie alle mangrovie, ci aspettiamo che siano meno inclini a tagliare e vendere il legno di mangrovie, e mostrano anche maggiore interesse nella lotta contro il traffico di legname e nel taglio delle mangrovie per il carbone.

Il successo di questo progetto è stato possibile grazie a determinate condizioni:

  • La forte domanda internazionale di granchi selvatici, a un prezzo più elevato, ha facilitato miglioramenti nelle pratiche di pesca e post-raccolta.

  • Il MRHP è stato disposto a collaborare attivamente con il programma SmartFish e a mettere in atto rapidamente le raccomandazioni di workshop nazionali e regionali inclusivi.

  • Gli attori del settore hanno co-progettato miglioramenti e li hanno testati in operazioni reali. Ciò significava che le buone pratiche utilizzavano innovazioni tecniche che erano poco costose e potevano essere facilmente realizzate con materiali locali.

  • Questi stessi attori hanno promosso l'uso di buone pratiche e hanno contribuito alla loro diffusione diffusa. Soprattutto, l'azione sul campo è stata la chiave per il successo del progetto.

Le sfide della gestione congiunta

Il workshop nazionale tenutosi il 21 marzo 2006 ha raccomandato un approccio partecipativo alle possibili modifiche del piano di gestione della pesca del granchio e alla sua effettiva applicazione sul terreno (MAEP, JICA e Océan Consultant, 2006). Per motivi amministrativi e politici, il prossimo workshop si è svolto solo nel marzo 2012. Questo workshop nazionale ha avviato lo spostamento delle esportazioni verso il mercato del granchio vivo e si è impegnato a ridurre di un terzo la mortalità post-raccolta. In seguito, l'MRHP ha utilizzato cinque workshop regionali tra novembre e dicembre 2014 per pubblicizzare le misure di gestione proposte che sarebbero state introdotte nel 2015. Durante queste officine è stato diffuso il manuale tecnico SmartFish per migliorare il valore del granchio di mangrovia riducendo le perdite post-raccolta.

Nel novembre 2015, il workshop nazionale sui risultati del progetto SmartFish granchio ha concluso che l'obiettivo 2012 di ridurre le perdite stimate del 32 per cento di un terzo era stato raggiunto (perdite scese al 17,5 per cento delle catture). Le raccomandazioni del workshop comprendevano:

  • Ridurre ulteriormente la mortalità post-raccolta al 12,5 per cento;

  • estendere la sensibilizzazione e le dimostrazioni a nuove aree, tra cui la regione di Melaky e il delta del Mangoky;

  • Mobilitare le risorse necessarie per un'efficace attuazione delle misure di gestione specificate nella normativa.

Tuttavia, quando il progetto si è concluso nel giugno 2016, è emersa la questione della continuità, in particolare di come riunire in modo inclusivo tutti gli attori della pesca per mantenere il dialogo e migliorare la pesca. A seguito di ciò, nel 2017, l'MRHP ha annullato la chiusura stagionale per la pesca del granchio, che ha suscitato preoccupazione tra molte parti interessate che ciò avrebbe messo in pericolo la risorsa, visti i rischi reali di pesca eccessiva. Le stagioni chiuse sono spesso applicate in altri paesi; sono facili da controllare ed efficaci nel ristabilire le scorte (Razafindrainibe, 2006).

Sfide di applicazione del regolamento

In uno studio condotto da Blue Ventures dal titolo «Sintesi degli eventi recenti che hanno influenzato il settore del granchio e la sua gestione», è stato dimostrato che pescatori, grossisti e venditori sui mercati locali spesso non rispettano la taglia minima di cattura o la protezione delle femmine portatrici di uova e dei granchi a guscio morbido. Il numero limitato di ispettori del servizio nazionale di controllo della pesca, il Centre de Surveillance des Pêches, rende difficile il controllo sul terreno. Anche il contingente annuale di cattura è stato superato. Inoltre, il divieto di tagliare il legno di mangrovia ha incontrato molte sfide dovute alla sovrapposizione di giurisdizioni; l'uso del legno di mangrovia è governato dal ministero responsabile dell'ambiente e delle foreste.

Sulla base di questi eventi e di osservazione sul campo, la rete MIHARI (una piattaforma nazionale per la pesca su piccola scala) ha preparato e organizzato due workshop interregionali, nonché un workshop nazionale di feedback dal titolo «Valorizzazione della produzione e gestione responsabile del granchio di mangrovie» (Meilleure valorisation de la production et gestion responsable du crabe de mangrove) nella seconda metà del 2018. Durante il workshop, i partecipanti hanno dato priorità alle seguenti azioni:

  • Ripristino di una stagione nazionale chiusa della durata di tre mesi (da settembre a novembre) a partire dal 2019;

  • modifica della quantità massima autorizzata di granchi esportati in modo che corrisponda alla quota di produzione corrente;

  • Rafforzare la comunicazione di tutte le normative del settore del granchio con approcci innovativi e adattabili;

  • Formazione dei pescatori e distribuzione della guida alle buone pratiche a tutti gli altri attori della catena del valore del granchio.

In presenza di funzionari MRHP, i partecipanti hanno formulato e approvato 15 raccomandazioni per il 2019/2020. Esse riguardavano la rivalutazione degli stock di granchio, la conservazione e il ripristino delle mangrovie, l'aumento del valore della produzione di granchio e il miglioramento e la promozione di sistemi (in particolare basati sulla comunità) di follow-up, controllo e monitoraggio. Queste raccomandazioni saranno attuate dalle autorità della pesca e da vari progetti, dalle ONG e dalle organizzazioni dei pescatori.

Garantire la continuità del processo di innovazione tecnica

È fondamentale che l'MRHP mantenga il processo di collaborazione con il settore del granchio per identificare, co-progettare e diffondere nuove buone pratiche che migliorino il valore delle catture di granchio. Tale approccio è stato al centro del successo del progetto fino ad oggi. La rete MIHARI potrebbe svolgere un ruolo chiave per coinvolgere le comunità di pescatori e facilitare il dialogo. Nel 2018 Blue Ventures ha pubblicato una nuova guida per le buone pratiche nel settore del granchio. Le 16 soluzioni proposte, unitamente alle 10 proposte del Manuale Tecnico n. 35 pubblicate da SmartFish nel 2014, dovrebbero consentire agli operatori di imparare a guadagnare di più mentre catturano meno (Figura 7.5).

La guida Blue Ventures 2018 illustra modi innovativi per mantenere vivi i granchi e supportare la gestione della pesca. È stato prodotto nell'ambito di un concorso lanciato da SmartFish nel 2015. Due anni dopo, a dicembre 2017 e gennaio 2018, gli esperti si sono incontrati con 35 partecipanti al concorso per osservare e testare in loco la fattibilità delle soluzioni tecniche proposte. In definitiva, 16 innovazioni sono state giudicate efficaci e degne di essere incluse nella guida. La guida di 50 pagine, in francese e in due dialetti locali malgasci, è stata consegnata al personale MRHP, esportatori, collezionisti, grossisti e pescatori nel 2018 durante i workshop organizzati da MRHP con MIHARI e Blue Ventures.

L'esperienza del Madagascar potrebbe essere condivisa con molti paesi dell'Oceano Indiano Occidentale che hanno mangrovie. In questi paesi si è sviluppata un'esperienza specifica nella gestione della pesca del granchio e delle sue catene di approvvigionamento, rendendo potenzialmente molto fruttuosi gli scambi di esperienze.

La collaborazione regionale potrebbe essere accelerata organizzando un forum internazionale in Madagascar per lo scambio di esperienze, coinvolgendo gli operatori economici e le autorità di pesca dei paesi interessati. Indipendentemente dalle soluzioni tecniche che vengono applicate in ultima analisi, l'esperienza del Madagascar ci dice che il loro successo dipende da determinate condizioni preliminari, tra cui: i) una ferma volontà da parte del governo nazionale di sviluppare il settore del granchio nell'interesse dei piccoli operatori (pescatori, grossisti, collezionisti); e ii) l'esistenza già di una pesca del granchio relativamente ben sviluppata, con collezionisti ed esportatori esperti, in particolare di frutti di mare vivi.

! immagine-20210521193738245

Ali, M.Y. et al. 2004. Studi biologici del granchio di fango Scylla serrata (Forskal) dell'ecosistema di mangrovie Sundarbans nella regione di Khulna, in Bangladesh. * Pakistan Journal of Biological Sciences*, 7 (11): 1981-1987.

Jones, T., Glass, L., Gandhi, S., Ravaoarinorotsihoarana, L., Carro, A., Benson, L., Ratsimba, H., Giri, C., Randriamanatena, D. e Cripps, G. 2016. Mangrovie del Madagascar: quantificazione delle dinamiche specifiche a livello nazionale e dell'ecosistema e mappatura contemporanea dettagliata di ecosistemi distinti. Rilevamento remoto 8 (2).

FANOITRA (ONG) & Kasprzyk, Z. 2016. Sensibilisation et vulgarisation des actions pilotes permettant de réduire les pertes post capture et d'améliorer le revenu des opérateurs de la filière du crabe Scilla serrata à Madagascar. Rapporto finale. Antananarivo, SmartFish, UE e FAO.

FANOITRA (ONG), Kasprzyk, Z., Randriamahaleo, B. & Rasolonjatovo, A. 2016. La réduction des pertes après capture dans la chaîne de valeur du crabe Scilla serrata et son impact sur les revenus des opérateurs à Madagascar. Rapport d'atelier nazionale. Antananarivo.

FAO. 2015. Linee guida volontarie per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell'eradication. Roma.

Kasprzyk, Z. 2012. Une analizzare global de la chaîne d'approvisionnement de la pêcherie du crabe de mangrove à Madagascar. Antananarivo, SmartFish, UE e FAO.

Kasprzyk, Z. 2014. Meilleure valorisation des crabes de mangrove à travers la réduction des pertes après captures. Manuale tecnico n. 35. Antananarivo, SmartFish, UE e FAO.

Kasprzyk, Z. & Levrel, A. 2018a. La filière du crabe de mangrove à Madagascar: Guide de bonnes pratiques. Antananarivo, MIHARI & Blue Ventures.

Kasprzyk, Z. & Levrel, A. 2018b. La chaîne de valeur et les opportunités de meilleure valorisation des principaux produits halieutiques de la baie de Mahajamba. Antananarivo, Blue Ventures.

Le Reste, L. 1976. Etat de nos connaissances sur le crabe de vase Scilla serrata (Forskal) à Madagascar. Parigi, Orstom.

MAEP, JICA & Consulente Océan. 2006. Évaluation du stock de crabes de mangrovie Scilla serrata exploité par la pêche traditionnelle de Madagascar. Déroulement des ateliers et plan de gestion et d'aménagement de la pêcherie aux crabes de mangrove Scilla serrata à Madagascar. Relazione tecnica. Antananarivo.

MRHP & PASP. 2014. Enquête cadre nationale. Antananarivo.

ONE & ANGAP. 1997. Monographie nationale sur la biodiversité. Antananarivo, UNDP, ONE & ANGAP.

** Rafalimanana, T.** 2006. Filière crabe à Madagascar. In Z. Kasprzyk, T. Razalimanana, E. Ranaivoson, H. Randriamiarana & H. Razafindrainbe, eds. Évaluation de stock de crabe de mangrove Scylla serrata exploité par la pêche traditionnelle de Madagascar et Plan de gestion et d'aménagement de la pêcherie aux crabes de mangrove à Madagascar. Antananarivo, MAEP & JICA.

Ralison, A. 1987. *Les ressources halieutiques. Nosy Be, Madagascar, Centre National des Recherches Océanographique.

*Fonte: Zelasney, J., Ford, A., Westlund, L., Ward, A. e Riego Peñarubia, O. eds. 2020. Garantire una pesca sostenibile su piccola scala: presentazione delle pratiche applicate nelle catene del valore, nelle operazioni post-raccolta e nel commercio. Documento tecnico della FAO per la pesca e l'acquacoltura n. 652. Roma, FAO. https://doi.org/10.4060/ca8402en *


  1. Il programma SmartFish è un'iniziativa finanziata dalla Commissione europea per sviluppare e sostenere l'attuazione della strategia di pesca dell'Africa orientale e australe e dell'Oceano Indiano (ESA-IO) per una gestione sostenibile del settore della pesca. 


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.