common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

17.4.1 Malattie e Prevenzione dei pesci

Mentre le malattie dei pesci causate da batteri, virus, parassiti o funghi possono avere un impatto negativo significativo sull'acquacoltura (Kabata 1985), la comparsa di una malattia nei sistemi aquaponici può essere ancora più devastante. Il mantenimento della salute dei pesci nei sistemi acquaponici è più difficile che nel RAS e, di fatto, il controllo delle malattie dei pesci è una delle principali sfide per l'acquaponica di successo (Sirakov et al. 2016). Le malattie che colpiscono i pesci possono essere suddivise in due categorie: malattie infettive e non infettive dei pesci. Le malattie infettive sono causate da diversi agenti patogeni microbici trasmessi dall'ambiente o da altri pesci. Gli agenti patogeni possono essere trasmessi tra i pesci (trasmissione orizzontale) o verticalmente, mediante (esternamente o internamente) uova infette o milt infetto. Più della metà dei focolai di malattie infettive in acquacoltura (54,9%) sono causati da batteri, seguiti da virus, parassiti e funghi (McLoughlin e Graham 2007). Spesso, sebbene non siano presenti segni clinici o lesioni, i pesci possono trasportare agenti patogeni in uno stato subclinico o portatore (Winton 2002). Le malattie dei pesci possono essere causate da batteri onnipresenti, presenti in qualsiasi acqua contenente arricchimento organico. In determinate condizioni, i batteri diventano rapidamente patogeni opportunistici. La presenza di un basso numero di parassiti sulle branchie o sulla pelle di solito non porta a significativi problemi di salute. La capacità di un agente patogeno di provocare malattie cliniche dipende dall'interrelazione di sei componenti principali legati al pesce e all'ambiente in cui vivono (stato fisiologico, ospite, allevamento, ambiente, nutrizione e patogeno). Se uno qualsiasi dei componenti è debole, influenzerà lo stato di salute del pesce (Plumb e Hanson 2011). Le malattie non infettive sono solitamente correlate a fattori ambientali, nutrizione inadeguata o difetti genetici (Parker 2012). Una gestione efficace della salute dei pesci avviene attraverso la prevenzione delle malattie, la riduzione dell'incidenza delle malattie infettive e la riduzione della gravità della malattia quando si verifica. Evitare il contatto tra il pesce suscettibile e un agente patogeno dovrebbe essere un obiettivo critico, al fine di prevenire lo scoppio di malattie infettive.

Tre misure principali per raggiungere questo obiettivo sono:

  • Uso di approvvigionamento idrico privo di agenti patogeni.

  • Utilizzo di scorte certificate prive di agenti patogeni.

  • Rigorosa attenzione ai servizi igienico-sanitari (Winton 2002).

L'attuazione di queste misure ridurrà l'esposizione dei pesci ad agenti patogeni. Tuttavia, è praticamente impossibile definire tutti gli agenti che potrebbero causare malattie nell'ambiente acquatico e prevenire completamente l'esposizione degli ospiti agli agenti patogeni. Alcuni fattori, come il sovraffollamento, aumentano la suscettibilità dei pesci alle infezioni e alla trasmissione degli agenti patogeni. Per questo motivo, molti agenti patogeni che non causano malattie nei pesci selvatici possono causare focolai di malattia con alti tassi di mortalità nei sistemi di produzione ittica ad alta densità. Per evitare ciò, il livello di infezione dei pesci in acquaponica deve essere costantemente monitorato. Mantenere la biosicurezza in acquaponica è importante non solo dal punto di vista economico, ma anche per il benessere dei pesci. La comparsa di qualsiasi agente patogeno dei pesci in spazi ristretti e ad alta densità di popolazione rappresenterà inevitabilmente una minaccia per la salute dei pesci, sia per gli individui colpiti dall'agente patogeno che per quelli ancora inalterati.

L'obiettivo della biosicurezza è l'attuazione di pratiche e procedure che ridurranno i rischi di:

  • Introduzione di agenti patogeni nella struttura.

  • Diffusione di agenti patogeni in tutta la struttura.

  • Presenza di condizioni che possono aumentare la suscettibilità alle infezioni e alle malattie (Bebak-Williams et al. 2007).

Il raggiungimento di questo obiettivo comporta protocolli di gestione per impedire l'ingresso di agenti patogeni specifici nel sistema di produzione. La quarantena è un importante componente di biosicurezza per la prevenzione del contatto con agenti infettivi e viene utilizzata quando i pesci vengono spostati da una zona all'altra. Tutti i pesci appena acquisiti vengono messi in quarantena prima di essere introdotti in popolazioni stabilite. I pesci in quarantena sono isolati per un determinato periodo di tempo prima dell'immissione in contatto con una popolazione residente, preferibilmente in un'area separata con attrezzature dedicate (Plumb e Hanson 2011). I nuovi pesci rimangono in quarantena fino a quando non sono stati dimostrati indenni da malattie. In alcuni casi è consigliabile mettere in quarantena nuovi pesci in un serbatoio di isolamento per 45 giorni prima di aggiungerli al sistema principale (Somerville et al. 2014). Durante la quarantena, i pesci sono monitorati per rilevare segni di malattia e campionati per la presenza di agenti infettivi. Durante il periodo di quarantena possono essere avviati trattamenti profilattici al fine di eliminare i carichi iniziali di parassiti esterni.

Per la prevenzione delle malattie, si raccomandano alcune misure per ridurre i fattori di rischio:

  • Somministrare vaccini commerciali contro vari agenti patogeni virali e batterici dei pesci. Le vie di applicazione più comuni sono per iniezione, immersione o cibo.

  • ceppi di pesci di razza più resistenti ad alcuni agenti patogeni del pesce. Sebbene Evenhuis et al. (2015) riportino che sono disponibili ceppi di pesce con maggiore resistenza simultanea a due malattie batteriche (columnaris e malattia batterica dell'acqua fredda), vi è evidenza che può verificarsi una maggiore suscettibilità ad altri agenti patogeni (Das e Sahoo 2014; Henryon et al. 2005).

  • Adottare misure preventive e correttive per prevenire lo stress nei pesci. Poiché molteplici fattori di stress sono presenti in ogni fase della produzione acquaponica, evitare e gestire lo stress attraverso il monitoraggio e la prevenzione minimizzano la sua influenza sulla salute dei pesci.

  • Evitare un'elevata densità di stoccaggio, che causa stress e può aumentare l'incidenza della malattia anche se altri fattori ambientali sono accettabili. Inoltre, l'alta densità di stoccaggio aumenta la possibilità di lesioni cutanee, che sono siti di varie voci di agenti patogeni nell'organismo.

  • Rimuovere regolarmente i contaminanti dall'acqua (cibo non consumato, feci e altre sostanze organiche del particolato). I pesci morti o morenti devono essere rimossi prontamente in quanto possono servire come potenziali fonti di malattia per il rimanente stock e un terreno fertile per gli altri, oltre a incrociare l'acqua durante la decomposizione (Sitjà-Bobadilla e Oidtmann 2017).

  • Disinfettare tutte le attrezzature utilizzate per la pulizia dei serbatoi e la manipolazione dei pesci. Dopo un'adeguata disinfezione, tutte le apparecchiature devono essere risciacquate con acqua limpida. Si consiglia l'uso di pediluvi e lavaggio delle mani con sapone disinfettante all'ingresso e all'interno degli edifici. Questi passaggi riducono direttamente il potenziale di diffusione di agenti patogeni (Sitjà-Bobadilla e Oidtmann 2017). Alcune sostanze chimiche utilizzate come disinfettanti (come benzalconio cloruro, cloramina B e T, iodoforo) sono efficaci per la prevenzione delle malattie.

  • Somministrare additivi dietetici e immunostimolanti per migliorare la salute e ridurre gli impatti delle malattie. Tali diete contengono vari ingredienti importanti per il miglioramento della salute e della resistenza alle malattie (Anderson 1992; Tacchi et al. 2011). Esiste una vasta gamma di prodotti e molecole, tra cui prodotti vegetali naturali, immunostimolanti, vitamine, microrganismi, acidi organici, oli essenziali, prebiotici, probiotici, sinbiotici, nucleotidi, vitamine, ecc. (Austin e Austin 2016; Koshio 2016; Martin e Król 2017).

  • Segregare i pesci in base all'età e alle specie per la prevenzione delle malattie, poiché la suscettibilità a determinati agenti patogeni varia con l'età e alcuni agenti patogeni sono specifici di alcune specie ittiche. Generalmente, i pesci giovani sono più suscettibili agli agenti patogeni rispetto ai pesci più vecchi (Plumb e Hanson 2011).

Il mantenimento della salute dei pesci in acquaponica richiede un'adeguata gestione della salute e un'attenzione continua. La salute ottimale dei pesci si ottiene al meglio attraverso misure di biosicurezza, tecnologie di produzione adeguate e pratiche di gestione della zootecnia che consentono condizioni ottimali. Come già detto, evitare condizioni ottimali di allevamento e procedure di biosicurezza sono il modo migliore per evitare le malattie dei pesci. Invariabilmente, tuttavia, un agente patogeno può apparire nel sistema. La prima e più importante azione è identificare correttamente l'agente patogeno.

17.4.2 Diagnosi della Malattia (Identificazione dei Pesci Malati)

Il riconoscimento precoce dei pesci malati è importante per mantenere la salute dell'unità di acquacoltura nel sistema acquaponico. Una diagnosi accurata e una risposta tempestiva fermeranno la diffusione della malattia ad altri pesci, riducendo così al minimo le perdite.

L'esame dei pesci vivi inizia osservando il loro comportamento. L'osservazione quotidiana costante e attenta consente il riconoscimento precoce dei pesci malati. Di norma, i pesci devono essere osservati per i cambiamenti comportamentali prima, durante e dopo l'alimentazione.

I pesci sani mostrano movimenti di nuoto veloci ed energici e un forte appetito. Nuotano in normali modelli specifici della specie e hanno la pelle intatta senza scolorimenti (Somerville et al. 2014). I pesci malati presentano vari cambiamenti comportamentali con o senza cambiamenti visibili nell'aspetto fisico. L'indicatore più evidente del deterioramento della salute dei pesci è la riduzione (cessazione) dell'attività alimentare, di solito a causa di stress ambientale e/o di una malattia infettiva/parassitaria. Il segno più evidente della malattia è la presenza di animali morti o morenti (Parker 2012; Plumb e Hanson 2011).

I cambiamenti comportamentali nei pesci malati possono includere nuoto anormale (nuoto vicino alla superficie, lungo i lati del serbatoio, affollamento all'ingresso dell'acqua, turbinio, torsione, freccette, nuoto a testa in giù), lampeggiante, graffi sul fondo o sui lati del serbatoio, movimento insolitamente lento, perdita di equilibrio, debolezza, appeso svogliato sotto la superficie, sdraiato sul fondo e ansioso alla superficie dell'acqua (segno di basso livello di ossigeno) o non reagire a stimoli esterni. Oltre ai cambiamenti comportamentali, i pesci malati presentano segni fisici che possono essere visti a occhio nudo. Questi segni grossolani possono essere esterni, interni o entrambi e possono includere perdita di massa corporea; addome dilatato o idropisia; deformazione spinale; oscuramento o alleggerimento della pelle; aumento della produzione di muco; aree scolorite del corpo; erosioni cutanee, ulcere o piaghe; danni alle pinne; perdita di incrostazioni; cisti; tumori; gonfiore sul corpo o sulle branchie; emorragie, specialmente sulla testa e sull'istmo, negli occhi e alla base delle pinne; e occhi sporgenti (pop-eye, esoftalmia) o endoftalmia (occhi infossati). I segni interni sono variazioni di dimensioni, colore e struttura degli organi o dei tessuti, accumulo di liquidi nelle cavità corporee e presenza di formazioni patologiche quali tumori, cisti, ematomi e lesioni necrotiche (Noga 2010; Parker 2012; Plumb and Hanson 2011; Winton 2002).

In caso di sospetto di deterioramento della salute dei pesci, il primo passo è quello di controllare la qualità dell'acqua (temperatura dell'acqua, ossigeno disciolto, pH, livelli di ammoniaca, nitriti e nitrati) e rispondere tempestivamente a qualsiasi deviazione dall'intervallo ottimale. Se la maggior parte dei pesci presenti nella vasca presenta un comportamento anomalo e presenta segni non specifici di malattia, è probabile che si verifichino cambiamenti nelle condizioni ambientali (Parker 2012; Somerville et al. 2014). Basso ossigeno (ipossia) è una causa frequente di mortalità dei pesci. I pesci in acqua con basso ossigeno sono letargici, si riuniscono vicino alla superficie dell'acqua, respirano per l'aria e hanno una pigmentazione più luminosa. Pesce morente espone una respirazione agonale, con bocca aperta e opercula svasata. Questi segni sono evidenti anche nelle carcasse di pesce. Alti livelli di ammoniaca causano ipereccitabilità con spasmi muscolari, cessazione dell'alimentazione e morte. La deviazione cronica dai livelli ottimali provoca anemia e diminuzione della crescita e della resistenza alle malattie. I pesci avvelenati da nitriti hanno cambiamenti comportamentali caratteristici dell'ipossia con branchie abbronzate pallide o brune e sangue bruno (Noga 2010).

Quando solo pochi pesci mostrano segni di malattia, è indispensabile rimuoverli immediatamente per fermare e prevenire la diffusione dell'agente patogeno agli altri pesci. Nelle prime fasi di un focolaio di malattia, generalmente solo pochi pesci mostreranno segni e muoiono. Nei giorni successivi, ci sarà un graduale aumento del tasso di mortalità giornaliera. Il pesce malato deve essere attentamente esaminato per determinare la causa. Solo poche malattie dei pesci producono segni comportamentali e fisici patognomonici (specifici di una determinata malattia). Tuttavia, un'attenta osservazione consente spesso all'esaminatore di restringere la causa alle condizioni ambientali o agli agenti della malattia. In caso di grave epidemia, un veterinario di pesce o specialista sanitario deve essere contattato immediatamente per una diagnosi professionale e le opzioni di gestione delle malattie. Al fine di risolvere il problema della malattia, il diagnostico avrà bisogno di una descrizione dettagliata dei segni comportamentali e fisici esposti dai pesci malati, dei registri giornalieri dei parametri di qualità dell'acqua, dell'origine del pesce, della data e delle dimensioni del pesce al magazzinaggio, del tasso di alimentazione, del tasso di crescita e della mortalità giornaliera ( Parker 2012; Plumb e Hanson 2011; Somerville et al. 2014).


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.