common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

La malattia

2 years ago

12 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

Per l'imprenditore innovativo ci sono diverse opportunità in questo tipo di acquacoltura riciclata. L'esempio della combinazione di diversi sistemi di allevamento può essere ulteriormente sviluppato in attività ricreative, dove la pesca sportiva alla carpa o la pesca alla trota può essere parte di una più grande attrazione turistica, tra cui alberghi, ristoranti di pesce e altre strutture.

Ci sono molti esempi di sistemi di ricircolo che funzionano senza problemi di malattia. Infatti, è possibile isolare completamente un allevamento ittico a ricircolo da agenti patogeni indesiderati del pesce. La cosa più importante è assicurarsi che le uova o i pesci immagazzinati nella struttura siano assolutamente privi di malattie e preferibilmente provenienti da un ceppo certificato privo di malattie. Assicurarsi che l'acqua utilizzata sia priva di malattie o sterilizzata prima di entrare nel sistema; è molto meglio usare l'acqua proveniente da un pozzo, da un pozzo o da una fonte simile piuttosto che usare l'acqua proveniente direttamente dal mare, dal fiume o dal lago. Inoltre, assicurati che nessuno entri nella fattoria porti malattie, che si tratti di visitatori o personale.

Quando possibile, deve essere eseguita un'accurata disinfezione del sistema. Ciò include qualsiasi nuovo impianto pronto per il primo avvio e per qualsiasi sistema esistente che sia stato svuotato del pesce ed è pronto per un nuovo ciclo produttivo. Va ricordato, che una malattia in un serbatoio di un sistema di ricircolo si diffonderà sicuramente a tutti gli altri serbatoi del sistema, motivo per cui le misure preventive sono così importanti.

!

_Figura 7.1 Pediluvio con soluzione di iodio al 2% per prevenire la diffusione della malattia. _

Nei sistemi di ricircolo che utilizzano uova di pesci selvatici, ad esempio per il ripopolamento, non è possibile ottenere uova da ceppi certificati indenni da malattie. In questi casi, ci sarà sempre il rischio di introdurre malattie che vivono all'interno dell'uovo, come IPN (Infective Pancreas Necrosis), BKD (Batteric Renal Disease) e, eventualmente, virus dell'herpes, che non possono essere eliminati disinfettando le uova. Un esempio di schema di prevenzione è mostrato nella figura 7.2.

Un buon modo per prevenire la contaminazione da agenti patogeni all'interno del sistema consiste nel separare fisicamente le diverse fasi della produzione. L'incubatoio dovrebbe quindi funzionare come un sistema chiuso isolato, così come l'unità di frittura e l'unità di coltivazione. Se viene conservato qualche covata, anche questo dovrebbe essere isolato in una propria unità. In questo modo, l'eliminazione di una malattia diventa più facile da eseguire nella pratica.

Alcune aziende agricole sono state costruite secondo il principio «all in all out», il che significa che ogni unità viene svuotata completamente e disinfettata prima di rifornirsi di nuove uova o pesce. Per le uova e i pesci più piccoli, che vengono coltivati per un periodo di tempo più breve prima di essere trasferiti, questa è certamente una buona gestione e deve essere sempre effettuata nella pratica. Anche per i pesci più grandi questa è una buona pratica, tuttavia questo tipo di gestione diventa facilmente inefficiente. Estrarre tutti i pesci da un'unità di coltivazione prima di stoccare un nuovo lotto, è logisticamente difficile quando si tratta di grandi volumi di pesce. Diventa facilmente antieconomico, a causa dell'utilizzo inefficiente della capacità del sistema.

| Cosa ricordare | *Come si fa? * | | — | — | | Pulire la fonte di acqua nuova | Preferibilmente utilizzare le acque sotterranee. Disinfettare con raggi UV. In alcuni casi utilizzare filtro a sabbia e ozono. | | Disinfezione del sistema | Riempire il sistema con acqua e portare il pH fino a 11-12 mediante l'uso di idrossido di sodio NaOH. Circa 1 kg per m^3^ volume d'acqua a seconda della capacità tampone. | | Disinfezione di attrezzature e superfici | Immergere o spruzzare con una soluzione di iodio dell'1,5% o secondo le istruzioni. Lasciare agire per 20 minuti prima di lavare in acqua pulita. | | Disinfezione delle uova | Lasciare il lotto di uova (uova di trota arcobaleno dagli occhi) in soluzione di 3 dl di iodio per 50 litri di acqua per 10 minuti. Cambiare la soluzione per ogni 50 kg di uova disinfettate. | | Personale | Cambiare abbigliamento e usura del piede quando si entra nella struttura. Lavare o disinfettare le mani. | | Visitatori | Cambio di usura del piede o uso pediluvio per le scarpe da immersione (soluzione di iodio al 2%). Lavare o disinfettare le mani. Politica «Non toccare» per i visitatori all'interno della struttura. |

_Figura 7.2 Esempio di schema di prevenzione. _

!

_Figura 7.3 Dissezione della trota arcobaleno che soffre di vescica gonfiata. Un sintomo probabilmente dovuto alla super saturazione dei gas nell'acqua. _

Trattare le malattie dei pesci in un sistema di ricircolo è diverso dal trattarle in un allevamento ittico tradizionale. In una tradizionale azienda ittica, l'acqua viene utilizzata una sola volta prima di lasciare la fattoria. In un sistema di ricircolo, l'uso di biofiltri e il continuo riciclo dell'acqua richiede un approccio diverso. Il versamento di farmaci influenzerà l'intero sistema, compresi i pesci e i biofiltri, e una grande attenzione deve essere presa quando viene effettuato il trattamento. È molto difficile dare prescrizioni esatte sulla dose necessaria per curare una malattia in un sistema di ricircolo, perché l'effetto del farmaco dipende da molti parametri diversi come la durezza dell'acqua, il contenuto di materia organica, la temperatura dell'acqua e la portata. Una grande esperienza pratica è quindi l'unica via da percorrere. Le concentrazioni devono essere aumentate attentamente da ogni trattamento a quello successivo per evitare di uccidere il pesce o il biofiltro. Ricordate sempre il termine «meglio sicuro che dispiaciuto». In ogni caso di epidemia di malattia, un veterinario locale o un patologo del pesce deve prescrivere il farmaco e spiegare come usarlo. Inoltre, le istruzioni di sicurezza devono essere lette attentamente in quanto alcuni farmaci possono causare gravi lesioni alle persone se usati in modo improprio.

Il trattamento contro gli ecto-parassiti, che sono parassiti seduti all'esterno del pesce sulla pelle e nelle branchie, può essere effettuato aggiungendo sostanze chimiche all'acqua. Eventuali infezioni fungine dovranno essere trattate allo stesso modo delle infestazioni da ectoparassiti. Nei sistemi d'acqua dolce l'uso del sale ordinario (NaCl) è un modo efficace per uccidere la maggior parte dei parassiti, tra cui la malattia batterica branchiale. Se una cura con sale non funziona, l'uso di formalina (HCHO) o perossido di idrogeno (H2O2) sarà solitamente sufficiente per curare eventuali infezioni parassitarie rimanenti. Anche i pesci da bagno in una soluzione di praziquantel e flubendazol hanno dimostrato di essere molto efficaci contro gli ectoparassiti.

La filtrazione meccanica ha anche dimostrato di essere abbastanza efficace contro la diffusione di ecto-parassiti. Utilizzando un panno filtrante di 70 micron rimuoverà alcune fasi di Gyrodactylus, e un panno da 40 micron può rimuovere diversi tipi di uova di parassiti.

Il modo più sicuro di eseguire un trattamento è immergere il pesce in un bagno con una soluzione della sostanza chimica. Tuttavia, in pratica, questo non è un metodo fattibile in quanto il volume di pesce che deve essere manipolato è spesso troppo grande. Invece i pesci vengono tenuti nel serbatoio quando l'acqua di ingresso viene spenta, e l'ossigenazione o l'aerazione del serbatoio viene effettuata mediante l'uso di diffusori. Una soluzione della sostanza chimica viene aggiunta al serbatoio e i pesci sono autorizzati a nuotare nella miscela per un periodo di tempo. Successivamente, l'acqua di ingresso viene aperta e la miscela lentamente diluita man mano che l'acqua nel serbatoio viene scambiata. L'acqua che fuoriesce dal serbatoio sarà diluita dal resto del sistema di ricircolo in modo che la concentrazione nel biofiltro sia significativamente inferiore rispetto al serbatoio trattato. In questo modo una concentrazione relativamente elevata della sostanza chimica può essere ottenuta in un singolo serbatoio con lo scopo di uccidere il parassita, riducendo tuttavia l'effetto della sostanza chimica sul sistema biofiltrante. Sia i pesci che i biofiltri possono adattarsi al trattamento con sale, formalina e perossido di idrogeno aumentando lentamente le concentrazioni da un trattamento all'altro. Quando un serbatoio pieno di pesce è stato trattato, quest'acqua può anche essere pompata fuori dal sistema in un vano separato per la degradazione invece di essere ricircolata nel sistema.

!

_Figura 7.4 Uova di trota iridea. Si consiglia di disinfettare le uova di pesce prima di portarle nel sistema di ricircolo per prevenire le malattie. Fonte: Torben Nielsen, AquaSearch Ova. _

L'uso della tecnica di immersione per le uova è un modo semplice per trattare milioni di individui in breve tempo, ad esempio quando si disinfettano le uova di trota nello iodio (figura 7.2). Questo metodo può essere utilizzato anche per trattare le uova che sono state infettate da funghi (Saprolegnia) semplicemente immergendo le uova in una soluzione di sale (7 ‰) per 20 minuti.

Negli incubatoi, dove i pesci vengono rimossi non appena sono pronti a nutrirsi, l'efficienza del biofiltro è meno importante in quanto il livello di ammoniaca escreta dalle uova e dalla frittura è pochissimo. Il trattamento è quindi più facile da effettuare, perché bisogna concentrarsi solo sulla sopravvivenza delle uova e dei pesci. Inoltre, vale la pena notare che il volume totale di acqua in un incubatoio è piccolo e uno scambio d'acqua completo con acqua nuova può essere effettuato rapidamente. Pertanto, un trattamento di successo in un incubatoio trattando l'intero sistema in una sola volta, può essere fatto in modo sicuro.

Il trattamento di un sistema completo in impianti di ricircolo più grandi è un'operazione più sensibile. La regola di base è quella di mantenere basse le concentrazioni e di effettuare il trattamento per un periodo di tempo più lungo. Ciò richiede cura ed esperienza. La concentrazione deve essere aumentata lentamente da ciascun trattamento a quello successivo, lasciando diversi giorni senza trattamento, al fine di monitorare attentamente gli effetti sulla mortalità dei pesci, sul comportamento e sulla qualità dell'acqua. Tipicamente, un adattamento avrà luogo sia per i pesci che per il biofiltro, quindi la concentrazione può essere aumentata senza effetti negativi e la probabilità di uccidere il parassita è aumentata. Il sale è eccellente per periodi di trattamento più lunghi, ma anche la formalina è stata utilizzata con successo per intervalli di 4-6 ore. Il biofiltro si adatta semplicemente alla formalina e digerisce la sostanza come qualsiasi altro carbonio proveniente dai composti organici presenti nel sistema.

Come sottolineato in precedenza, non è possibile fornire concentrazioni esatte e raccomandazioni sull'uso di sostanze chimiche in un sistema di ricircolo. Le specie ittiche, le dimensioni del pesce, la temperatura dell'acqua, la durezza dell'acqua, la quantità di sostanze organiche, il tasso di cambio dell'acqua, l'adattamento, ecc. devono essere prese in considerazione. Le linee guida riportate di seguito sono quindi molto approssimative.

Sale (NaCl) : Il sale è relativamente sicuro da usare e può essere usato in acqua dolce per il trattamento di Ich (Ichthyophthirius multifilis o malattia delle macchie bianche) e della comune saprolegnia fungina. Ich nella fase pelagica può essere ucciso a 10 ‰ e nuovi risultati suggeriscono l'uccisione delle fasi di vita inferiori a 15 ‰. Il pesce contiene circa 8 ‰ di sale nei loro fluidi corporei, e la maggior parte dei pesci d'acqua dolce tollererà salinità nell'acqua intorno a questo livello per diverse settimane. Negli incubatoi una concentrazione di 3-5 ‰ preverrà infezioni da funghi.

Formalina (HCHO) : Basse concentrazioni di formalina (15 mg/L) per lunghi periodi di tempo (4-6 ore) hanno mostrato buoni risultati nel trattamento di Ichthyobodo necator (Costia), Trichodina sp., Gyrodactylus sp., ciliati sessili e Ich. La formalina viene degradata relativamente velocemente nel biofiltro a circa 8 mg/h/m2 di area del biofiltro a 15°C. La formalina può tuttavia ridurre i tassi di conversione dell'azoto batterico nel biofiltro.

Perossido di idrogeno (H2O 2) : Non ampiamente usato, ma gli esperimenti hanno mostrato risultati promettenti come sostituto della formalina a concentrazioni comprese tra 8-15 mg/L per 4-6 ore. Le prestazioni del biofiltro possono essere inibite per almeno 24 ore dopo il trattamento, ma l'efficienza tornerà alla normalità entro pochi giorni.

L'uso di altre sostanze chimiche come solfato di rame o clorammina-t non è raccomandato. Questi sono molto efficaci per il trattamento, ad esempio, della malattia batterica branchiale, ma molto probabilmente il biofiltro soffrirà gravemente e l'intero processo di ricircolo e la produzione possono essere gravemente danneggiati.

Per il trattamento contro le infezioni batteriche, come foruncolosi, vibriosi o BKD, l'uso di antibiotici è l'unico modo per curare il pesce. In alcuni casi i pesci possono essere infettati da parassiti che vivono all'interno del pesce, e il modo per rimuoverli è anche con antibiotici.

Gli antibiotici vengono mescolati nel mangime per pesci e somministrati al pesce più volte al giorno, ad esempio 7 o 10 giorni. La concentrazione di antibiotici deve essere sufficiente per uccidere i batteri, e la concentrazione prescritta del farmaco e la durata del trattamento devono essere seguite attentamente, anche se il pesce smette di morire durante il trattamento. Se il trattamento viene interrotto prima del periodo di trattamento prescritto, c'è un alto rischio che l'infezione ricominci da capo.

Il trattamento con antibiotici in un sistema di ricircolo avrà un piccolo effetto sui batteri nel biofiltro. Tuttavia, la concentrazione di antibiotici nell'acqua, rispetto a quella all'interno del pesce trattato con mangimi medicati, è relativamente bassa e l'effetto sui batteri nel biofiltro sarà molto più basso. In ogni caso, si dovrebbero monitorare attentamente i parametri di qualità dell'acqua per eventuali modifiche perché possono indicare un effetto sul biofiltro. Potrebbe essere necessario regolare la velocità di alimentazione, l'uso di più acqua nuova o la modifica del flusso d'acqua nel sistema.

Diversi antibiotici possono essere utilizzati, come sulfadiazina, trimetoprim o acido ossolinico secondo la prescrizione del veterinario locale.

Il trattamento contro IPN, VHS (Viral Emorragic Setticemia) o qualsiasi altro virus non è possibile. L'unico modo per sbarazzarsi dei virus è svuotare l'intera azienda ittica, disinfettare il sistema e ricominciare tutto da capo.

*Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, 2015, Jacob Bregnballe, Guida all'acquacoltura di ricircolo, http://www.fao.org/3/a-i4626e.pdf. Riprodotto con permesso. *


Food and Agriculture Organization of the United Nations

http://www.fao.org/
Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.