common:navbar-cta
Scarica l'appBlogCaratteristichePrezziSupportoAccedi

16.3 Superare la Rivoluzione Verde

2 years ago

12 min read
EnglishEspañolعربىFrançaisPortuguêsItalianoहिन्दीKiswahili中文русский

L'Antropocene segna un cambiamento graduale nella relazione tra gli esseri umani e il nostro pianeta. Richiede un ripensamento delle attuali modalità di produzione che attualmente ci spingono su traiettorie insostenibili. Finora, tali impegni riflessivi non sono stati richiesti per la ricerca e lo sviluppo dell'agroscienza. Vale la pena ricordare che la Rivoluzione Verde, sia nelle sue ambizioni che nei suoi metodi, è stata per qualche tempo incontroversa; l'agricoltura doveva essere intensificata e la produttività per unità di terra o di manodopera aumentava (Struik 2006). Senza dubbio, questo progetto, le cui innovazioni tecnologiche sono state vigorosamente promosse da governi, aziende e fondazioni di tutto il mondo (Evenson e Gollin 2003), ha avuto un enorme successo su vasta scala. Più calorie prodotte con meno tempo medio di lavoro nel sistema delle materie prime è stata l'equazione che ha permesso di produrre il cibo più economico nella storia del mondo (Moore 2015). Per semplificare, standardizzare e meccanizzare l'agricoltura verso un aumento della produttività per lavoratore, pianta e animale, è stato necessario superare una serie di barriere biofisiche. La Rivoluzione Verde ha raggiunto questo obiettivo in gran parte attraverso input non rinnovabili.

Nell'Antropocene, questo paradigma agricolo che ha segnato la Rivoluzione Verde corre contro la storia (geologica). Crescente consapevolezza è che questo modello agricolo «artificializzato», che sostituisce ogni volta più processi ecologici con input chimici finiti, irrigazione e combustibili fossili (Caron et al. 2014), mina letteralmente le basi del futuro approvvigionamento alimentare. Le contraddizioni biofisiche dell'agricoltura industriale tardo-capitalista sono diventate sempre più evidenti (Weis 2010). Inoltre, le drammatiche conseguenze ambientali, economiche e sociali dei modelli contemporanei di agricoltura artificializzata ad alta intensità sono diventate una crescente preoccupazione per un sistema alimentare globalizzato che manifesta contraddizioni acceleranti (Kearney 2010; Parfitt et al. 2010).

Durante il dopoguerra (metà degli anni '40 e '70), la crescita economica sicura è stata fondata sull'estrazione accelerata di combustibili fossili e, come nota Cota (Cota 2011), lo sviluppo agroscientifico in questo periodo ha progredito più in sintonia con le scienze geochimiche che con le scienze della vita. La produzione agricola progettata intorno alle rese massime più economiche era stata semplificata e unificata in monocrops, che dipendono dalla meccanizzazione e dai prodotti agrochimici. Sebbene sia altamente efficace quando viene implementato per la prima volta, l'efficienza di questi input commerciali ha assistito a rendimenti in diminuzione (Moore 2015). In seguito alle crisi petrolifere degli anni '70, gli ideali produttivisti della Rivoluzione Verde sono più ricaduti sulle scienze della vita, in particolare sotto le sembianze dell'agri-biotech, che è cresciuta fino a diventare un'industria multimiliardaria.

Nutrire la popolazione esplosiva del globo è stata la preoccupazione chiave di una narrazione produttivista decennale che è servita a garantire la posizione di primo piano della biotecnologia agricola nel nostro attuale sistema alimentare (Hunter et al. 2017). Il grande shock è che questo settore altamente avanzato ha fatto poco per migliorare i rendimenti intrinseci. La crescita della produttività agricola mondiale è rallentata dal 3% all'anno negli anni '60 all'1,1% negli anni '90 (Dobbs et al. 2011). Recentemente, le rese delle colture chiave si sono avvicinate in alcuni luoghi agli altipiani di produzione (Grassini et al. 2013). Gli agroscienziati mainstream hanno espresso preoccupazione per il fatto che il potenziale massimo di rendimento delle varietà attuali si avvicini rapidamente (Gurian-Sherman 2009). Inoltre, si stima che il cambiamento climatico abbia già ridotto le rese globali di mais e frumento rispettivamente del 3,8% e del 5,5% (Lobell et al. 2011), e alcuni avvisano di forti riduzioni della produttività delle colture quando le temperature superano le soglie fisiologiche critiche (Battisti e Naylor 2009).

Il calo dei guadagni di efficienza degli input artificiali aggiunti ai limiti biologici delle varietà tradizionali è una situazione che, per alcuni, sottolinea ulteriormente la necessità di accelerare lo sviluppo delle varietà geneticamente modificate (Prado et al. 2014). Anche allora, i più grandi sostenitori della GM-le stesse aziende biotecnologiche - sono consapevoli del fatto che gli interventi GM raramente lavorano per aumentare la resa, ma piuttosto per mantenerla attraverso la resistenza ai pesticidi e agli erbicidi (Gurian-Sherman 2009). Pertanto, la produzione agricola si è bloccata in un ciclo che richiede la sostituzione costante di nuove varietà e confezioni di prodotti per superare i crescenti impingings ambientali e biologici sulla resa [2]. L'analisi influente dell'agro-biotecnologia di Melinda Cooper (2008:19) ha tracciato come i modi di produzione neoliberali si trasferiscono sempre più all'interno dei livelli genetici, molecolari e cellulari. Come tale, la commercializzazione dei sistemi agrari si estende sempre più verso la cattura del germoplasma e del DNA, verso la «vita stessa» (Rose 2009). La diagnosi di Cooper (2008) è che viviamo in un'era di delirio capitalista caratterizzata dal suo tentativo di superare i limiti biofisici della nostra terra attraverso la speculativa reinvenzione biotecnologica del futuro. A questo proposito, alcuni hanno sostenuto che, anziché superare le debolezze del paradigma convenzionale, la stretta attenzione degli interventi geneticamente modificati sembra solo intensificarne le caratteristiche centrali (Altieri 2007).

Tra la decelerazione degli aumenti di rendimento, gli obiettivi stimati del 60 -100% di aumento della produzione necessari entro il 2050 (Tilman et al. 2011; Alexandratos e Bruinsma 2012) appaiono sempre più scoraggianti. Per quanto convincenti e chiari possano essere questi obiettivi, sono state sollevate preoccupazioni che le narrazioni produttiviste abbiano eclissato altre preoccupazioni pressanti, vale a dire la sostenibilità ambientale della produzione (Hunter et al. 2017) e la sicurezza alimentare (Lawrence et al. 2013). L'attuale paradigma agricolo ha tenuto la produzione al primo posto e la sostenibilità come compito secondario di mitigazione (Struik et al. 2014).

Trent'anni di discussioni frustrate sulla sostenibilità all'interno del paradigma productivista testimoniano le gravi difficoltà per ricercatori e responsabili politici di colmare il divario tra teoria e pratica della sostenibilità (Krueger e Gibbs 2007). «Sostenibilità» come concetto aveva inizialmente un potenziale rivoluzionario. Testi chiave come il Club of Rome The Limits of Growth (Meadows et al. 1972), per esempio, contenevano una critica imminente alle narrazioni di sviluppo globale. Ma i ricercatori hanno sottolineato il modo in cui la 'sostenibilità' negli anni '80 e '90 è diventata assimilata nel discorso di crescita neoliberale (Keil 2007). Ora abbiamo una situazione in cui, da un lato, la sostenibilità globale è intesa quasi all'unanimità come un prerequisito per raggiungere lo sviluppo umano su tutte le dimensioni, dal locale, alla città, alla nazione e al mondo (Folke et al. 2005), dall'altro, nonostante gli sforzi sostanziali in molti livelli della società verso la creazione di un futuro sostenibile, gli indicatori chiave su scala globale mostrano che l'umanità si sta effettivamente allontanando dalla sostenibilità piuttosto che verso di essa (Fischer et al. 2007). Ciò nonostante la crescente regolarità delle relazioni di alto profilo che sottolineano sempre di più i gravi rischi delle tendenze esistenti per la redditività a lungo termine dei sistemi ecologici, sociali ed economici (Steffen et al. 2006; Stocker 2014; Assessment 2003; Stern 2008). Questa situazione — il divario crescente tra la nostra attuale traiettoria e tutti gli obiettivi di sostenibilità significativi — è stata discussa come il cosiddetto «paradosso della sostenibilità» (Krueger e Gibbs 2007). Il discorso prevalente sulla sicurezza alimentare e la sostenibilità continua a stimolare gli imperativi dello sviluppo orientati alla crescita (Hunter et al. 2017).

La ricerca e lo sviluppo dell'agroscienza sono proliferate in accordo con le strutture politico-economiche dominanti che hanno definito lo sviluppo planetario negli ultimi 30 anni (Marzec 2014). Sebbene gli effetti negativi della cosiddetta «Chicago School» dello sviluppo siano ormai ben documentati (Harvey 2007), l'innovazione biotecnologica rimane radicata nel discorso neoliberale (Cooper 2008). Queste narrazioni presentano costantemente mercati globali, innovazione biotecnologica e iniziative multinazionali aziendali come precondizioni strutturali per la sicurezza alimentare e la sostenibilità. La credibilità empirica di tali affermazioni è stata a lungo contestata (Sen 2001), ma sembra particolarmente rilevante in mezzo alla storia accumulata di fallimenti distributivi cronici e crisi alimentari che segnano i nostri tempi. Vale la pena ripetere il punto di Nally's (2011; 49): «Lo spettro della fame in un mondo di abbondanza sembra destinato a continuare nel XXI secolo... questo non è il fallimento del regime alimentare moderno, ma l'espressione logica dei suoi paradossi centrali». La situazione è quella in cui la malnutrizione non è più vista come un fallimento di un sistema altrimenti efficiente, ma piuttosto come una caratteristica endemica all'interno della produzione sistemica di scarsità (Nally 2011). Di fronte a tali incongruenze persistenti, i commentatori notano che gli appelli neoliberali alla prosperità umana, alla sicurezza alimentare e alla crescita verde appaiono fuori contatto e spesso guidati ideologicamente (Krueger e Gibbs 2007).

L'Antropocene è un periodo in cui il disastro ecologico, economico e sociale cammina di pari passo con le economie e le istituzioni moderne orientate verso un crollo di crescita illimitata contro i sistemi biofisici finiti della terra (Altvater et al. 2016; Moore 2015). Cohen (2013) descrive l'Anthropocene come un disastro «eco-eco», prestando attenzione al rapporto marcio in cui il debito economico si comprime con il debito ecologico dell'estinzione delle specie. Ora più che mai, la fede nei poteri di modernizzazione degli interventi alimentari neoliberali che proclamano un futuro giusto e sostenibile è sottile (Stengers 2018), eppure la somiglianza rilevata da alcuni commentatori (Gibson-Graham 2014), tra il nostro sistema alimentare e i sistemi finanziari sfrenati delle nostre economie neoliberali segna una tendenza allarmante. Vale la pena notare che questa somiglianza è più profonda della mera produzione di debito (uno è calorifico e genetico, l'altro economico). La verità è che il nostro sistema alimentare si basa su un nesso monetario che collega le tariffe commerciali, le sovvenzioni agricole, l'applicazione dei diritti di proprietà intellettuale e la privatizzazione dei sistemi di approvvigionamento pubblico. Viste dall'alto, queste procedure costituiscono una gestione pseudo-aziendale del sistema alimentare, che secondo Nally (2011:37) dovrebbe essere vista come un processo propriamente _biopolitico progettato per gestire la vita, «comprese le vite dei poveri affamati che sono 'lasciare' come interessi commerciali soppiantano l'uomo esigenze». Petrolchimici e micronutrienti, a quanto pare, non sono le uniche cose consumate nell'Anthropocene; i futuri sono (Collings 2014; Cardinale et al. 2012).

Quelli che un tempo avrebbero potuto essere considerati necessari effetti collaterali dell'imperativo modernizzante della Rivoluzione Verde, le cosiddette «esternalità» del nostro attuale sistema alimentare, sono sempre più esposti come una sorta di «efficienza ingannevole» orientata verso una produzione e un profitto rapidi e ben poco altro (Weis 2010). L'inquietante consapevolezza è che il sistema alimentare che ereditiamo dalla Rivoluzione Verde crea valore solo quando si lascia trascurare un gran numero di costi (fisici, biologici, umani, morali) (Tegtmeier e Duffy 2004). Un numero crescente di voci ci ricorda che i costi di produzione vanno oltre l'ambiente in questioni quali l'esclusione degli agricoltori indigenti, la promozione di diete distruttive (Pelletier e Tyedmers 2010) e più in generale l'evacuazione della giustizia sociale e della stabilità politica dalle questioni alimentari fornitura (Power 1999). Il rapporto tra intervento tecnologico agrario, sicurezza alimentare e sostenibilità emerge una questione molto più ampia e complessa di quella che potrebbe essere riconosciuta dalle narrazioni della Rivoluzione Verde.

Posizionando il sistema alimentare contemporaneo all'interno di processi storici recenti dominanti, la discussione di cui sopra ha prestato particolare attenzione ai legami distruttivi tra l'agricoltura moderna e le logiche economiche del capitalismo tardo. È importante, tuttavia, ricordare che numerosi commentatori hanno messo in guardia contro resoconti eccessivamente semplificati o deterministici riguardanti il rapporto tra i rapporti capitalistici di produzione e le problematiche antropocene (Stengers 2015; Haraway 2015; Altvater et al. 2016). Tale discussione è resa possibile da quasi quattro decenni di indagini critiche da parte di femministe, studiosi della scienza e della tecnologia, storici, geografi, antropologi e attivisti, che si sono sforzati di tracciare i legami tra le forme egemoniche della scienza e la distruzione sociale/ambientale causata dal capitalismo industriale (Kloppenburg 1991). Questa etica di ricerca «decostruttiva» ha sviluppato importanti interpreti del modo in cui l'agroscienza moderna ha progredito verso le traiettorie che comportano l'abbandono di particolari contesti e storie fisiche, biologiche, politiche e sociali (Kloppenburg 1991). In molti casi, le storie di modernizzazione dello «sviluppo» come quelle messe in atto nella Rivoluzione Verde sono diventate viste - da antropologi, storici e comunità indigene - come una sorta di successore modificato del discorso coloniale prima della guerra (Scott 2008; Martinez-Torres e Rosset 2010). In termini antropologici, ciò che questi studi ci hanno insegnato è che, sebbene l'agricoltura moderna fosse radicata in narrazioni di sviluppo di prosperità universale, in realtà il «progresso» è stato raggiunto attraverso lo spostamento o addirittura la distruzione di una grande diversità di prospettive agricole, pratiche, ecologie e paesaggi. Per questo Cota (2011:6) ci ricorda l'importanza del lavoro critico che ha esplicitamente posizionato il paradigma biopolitico dell'agricoltura industriale «non prima di tutto come imperialismo economico, ma più profondamente come imperialismo epistemico e culturalmente specifico».

Questo è un punto chiave. La Rivoluzione Verde non era solo un intervento tecnico, né economico, ma comportava la diffusione di una riconfigurazione più profonda dei registri epistemologici della fornitura alimentare stessa. È stato un processo che ha influenzato profondamente il modo in cui la conoscenza agricola veniva prodotta, propagata e implementata. Come spiega Cota (2011:6): «l'uso del discorso fisico e probabilistico, una concezione puramente strumentale della natura e del lavoro, l'attuazione di calcoli statistici disconnessi dalle condizioni locali, [così come] la dipendenza da modelli senza riconoscere le specificità storiche» erano tutti modi di emanare l'agenda biopolitica della Rivoluzione Verde. Questo elenco di impegni descrive i fondamentali alla fine della Rivoluzione Verde, ma come abbiamo visto, tali impegni da soli si sono dimostrati insufficienti per creare un sistema alimentare giusto e sostenibile. Diventa evidente che qualsiasi agenda di ricerca adatta all'Antropocene deve imparare ad andare oltre il moderno paradigma alimentare forgiando un'etica di ricerca diversa con impegni diversi.


Aquaponics Food Production Systems

Loading...

Rimani aggiornato sulle ultime tecnologie Aquaponic

Azienda

  • Il nostro team
  • Comunità
  • Stampa
  • Blog
  • Programma referral
  • Informativa sulla privacy
  • Termini di servizio

Copyright © 2019 Aquaponics AI. Tutti i diritti riservati.